Issuu on Google+

Forsuperparty magazine di Jack Idloria

A cena con Sir Elton John A Londra serata di gala per raccogliere fondi a favore della fondazione benefica della rockstar. Era esclusiva, anzi esclusivissima. Ma anche qui noi c’eravamo. E vi raccontiamo persino il menu

Sir Elton John con il marito David Furnish

Grey Goose Vodka, in partnership con la Elton John AIDS Foundation, per il quinto anno consecutivo ha organizzato il Grey Goose Winter Ball per raccogliere fondi a favore della fondazione benefica di Sir Elton John; questa eccezionale serata organizzata dalla coppia Furnish-John e Grey Goose si è tenuta al Battersea Park di Londra. Il tema di quest’anno è stato The Architecture of Taste e tutti gli invitati hanno preso parte a questa spettacolare serata che ha offerto il meglio in fatto di cibo, cocktail, moda e arte grazie allo chef Paco Roncero, lo shoe-designer Christian Louboutin, lo stilista Jonathan Saunders e l’artista Marc Quinn. Per rendere al meglio questo tema, lo chef Paco Roncero e il suo staff di elBulli, rinomato ristorante stellato della Catalogna, hanno accolto gli ospiti con deliziosi canapes tra cui delle crocchette liquide di jamon iberico, olive sferificate, torta di spugna al sesamo nero e un esclusivo sorbetto a base di Grey Goose Le Citron, litchi e anice ottenuto grazie al trattamento con l’azoto liquido; il tutto chiaramente innaffiato da ottimi drink firmati dal Grey Goose UK Ambassador Joe McCanta, che in tandem con ciascuno dei personaggi coinvolti nella serata ha studiato cocktail a loro dedicati. Al termine del welcome cocktail si è aperto un sipario che ha svelato il Crazy Luxor bar, realizzato da Louboutin in egyptian-style e dal color rosso pantone 186 c proprio come le sue stiletto. Sopra al banco una sensuale modella nei panni di Cleopatra si muoveva sinuosa con un enorme ventaglio dalle piume rosse, facendo bella mostra della sua scarpe Louboutin. Il tutto mentre gli ospiti raggiungevano il proprio tavolo, invitati da Paco Roncero a prendere posto per la cena in una sala di oltre 60 tavoli avvolti nel buio e illuminati solo da faretti, in una scenografia luminosa proiettata tutto intorno, che cambiava ad ogni portata. La prima non poteva che essere un omaggio alla Spagna, terra di Roncero; per l’appetizer gli ospiti erano seduti in un’immaginaria Pla-

58 For Magazine


For magazine

Christian Louboutin Bar

A sinistra Sir Elton John con Dame Shirley Bassey. A destra Tali Lennox.

za Mayor di Madrid, avvolti dal suono di una ballata spagnola e dagli uccellini che cantavano. La cena, servita da splendidi camerieri e cameriere vestiti per l’occasione da creazioni di Jonathan Saunders, ha visto un susseguirsi di portate deliziose e riceracte, partendo da una mousse di parmigiano e dadini di mele, un carpaccio di funghi con vinaigrette di tartufo, mandorle sbriciolate e foie-gras, zuppa di aragosta con olio d’oliva e pompelmo rosa, e infine un gelato con zucchero filato aromatizzato al gusto di Grey Goose con creme alla rosa e alla violetta. Prima di iniziare l’asta, la cantante lirica russa Maria Maksakova ha intonato un’aria che ha incantato tutti gli ospiti. L’asta è stata frenetica e coinvolgente, e ha permesso di raccogliere più di 500,000 sterline donate all’associazione per costruire case in Cambogia per le famiglie con bambini affetti da virus HIV. I lotti in asta prevedevano: il banco bar di Christian Louboutin e il servizio per un party privato con un barman dedicato Grey Goose, oltre ad un magnifico paio di scarpe dello stilista; un abito da cocktail firmato Jonathan Saunders che per la serata è stato indossato dalla modella Liberty Ross, fitting privato con lo stilista e posto in prima fila con un amico alla sua prossima sfilata; una cena a Madrid ospiti di Paco Roncero con jer privato da Londra; una serata per assistere al concerto sinfonico di George Michael a Londra con pernottamento all’Hotel Park Lane e la possibilità di conoscere il cantante; pernottamento a Montecarlo per conoscere Rafael Nadal e vederlo giocare

dalla tribuna vip, per ripartire poi per New York ospiti del Plaza Hotel e vedere la finale degli US Open; la splendida collezione di opere Iris dell’artista inglese Marc Quinn. A fine asta Sir Elton John ha introdotto con entusiasmo il gruppo Plan B e sin dalla prima nota tutti li ospiti si sono alzati e si sono dati alle danze. Chi c’era? Naturalmente Sir Elton John e David Furnish. Poi Paco Roncero, Jonathan Saunders, Boris Backer e sua moglie Lilly, Tamara Eccleston con il fidanzato Omar Kyhami, Tali Lennox figlia di Annie Lennox, la modella Liberty Ross, Hofit Golan con John Carew, calciatore norvegese del West Ham, Olivia Inge, il gioielliere Theo Fennel e sua moglie Louise, Maria Maksakova, Joe Jonas, Jenni Falconer, Giles Deacon (british fashion designer), Dinos Chapman, il gruppo pop, Blue Alexandra Burke (vincitrice di X-Factor UK e ora giudice del programma), lo chef Marcus Wareing e il cantante Alfie Boe. E Shirley Bassey, famosa in tutto il mondo grazie alle interpretazioni nelle title-track di vari film della serie di James Bond tra cui Missione Goldfinger (1964), Una cascata di diamanti (1971) e Moonraker (1979). In Italia ha partecipato al Festival di Sanremo 1968 con la canzone La vita cantata in coppia con Elio Gandolfi. Insomma un parterre internazionale per un vero superparty!

59 For Magazine


A casa con Sir Elton John