Issuu on Google+

For magazine Michael Fassbender (34 anni) e Gina Carano (30 anni). L’attore tedesco è una delle star del momento: tutti i registi lo vogliono, da Quentin Tarantino a David Cronenberg fino a Ridley Scott con il quale ha girato il fanta-horror Prometheus.

Knockout Resa dei conti Steven Soderbergh ritorna con uno spettacolare action movie incentrato sulla storia di Mallory, un’agente speciale sotto copertura incastrata da qualcuno del suo stesso reparto e decisa a farsi giustizia a tutti i costi. Con l’aiuto di alcuni amici 85 For Magazine


For magazine

Antonio Banderas (51 anni) non ha avuto problemi a “imbruttire” il suo look per esigenze di copione. Il film ha avuto un budget attorno ai 25 milioni di dollari.

Michael Douglas (68 anni) e Steven Soderbergh avevano già collaborato in Traffic, pellicola del 2001 che vinse ben 4 Oscar, tra cui il premio al miglior regista.

Piccole figlie di Nikita crescono. Basta scorgere un poco la trama del nuovo film di Steven Soderbergh per capire che i riferimenti al capolavoro di Luc Besson con Anne Parillaud, datato 1990, abbondano. La donna killer di professione e spietata arma letale affascina Hollywood quanto, e forse più, di una sensuale femme fatale sui tacchi a spillo. La scelta della protagonista è già un eloquente biglietto da visita: Gina Carano è una campionessa di arti marziali miste, al suo esordio nel mondo del cinema. Mallory Kane (la Carano appunto) è una spia americana addestrata per uccidere, un super soldato delle forze speciali impegnate nelle “operazioni in nero”. Dopo essere stata ingaggiata da alcuni colleghi viene tradita da un commilitone della sua squadra ed è costretta a darsi alla fuga. Il suo obiettivo diventa un’ossessione: cercare riscatto facendosi giustizia da sola e scoprire chi l’ha incastrata, addossandole la responsabilità di un’operazione militare andata male e da cui è scaturito un omicidio. Ad aiutarla nel suo piano di vendetta ci sono: Aaron (Channing Tatum), un uomo dei “black ops” che le fa la corte e che cerca di rintracciarla, dopo la sua sparizione;

Scott (Michael Angarano), un adolescente che diventa senza volerlo il partner di Mallory dopo averla aiutata in una situazione difficile; Rodrigo (Antonio Banderas) è invece il capo di un’unità europea simile a quella di cui faceva parte la ragazza. Ma soprattutto il soldato Kane può avvalersi del sostegno di Kenneth (Ewan McGregor), il proprietario di una compagnia di mercenari, che la metterà in guardia dalle macchinazioni del subdolo Coblenz (Michael Douglas). Tra inseguimenti, sparatorie e combattimenti corpo a corpo a suon di colpi di arti marziali l’intrigo tende a risolversi, dipanando l’ingarbugliata matassa solo nel finale, quando ci sarà la vera resa dei conti. La solida sceneggiatura del lungometraggio è stata scritta da Lem Dobbs, già autore dello screenplay di Dark City (1998) e The Score (2001), che aveva collaborato precedentemente col regista di Atlanta (ma di origini svedesi), scrivendo per lui L’inglese (1999). Le musiche sono di David Holmes, in passato abile compositore delle colonne sonore dei film di Ocean’s. Come al solito il direttore della fotografia è Peter Andrews, ovvero lo pseudonimo dietro cui si cela lo stesso

86 For Magazine


For magazine

Lo scozzese Ewan McGregor (41 anni). Gran parte del film è stata girata però a Dublino, in Irlanda. Alcune riprese sono state effettuate a Blessington, nella contea di Wicklow, e a Los Alamos nel Nuovo Messico.

Gina Carano è un’esperta lottatrice di arti marziali, in particolare di muay thai. È grazie a queste doti che è stata scelta come protagonista della pellicola.

Steven Soderbergh. Il quale anche in Knockout ha radunato intorno a sé la consueta banda di amici, nomi illustri per un cast d’eccezione che va dal premio Oscar Michael Douglas (Wall Street e sequel, Traffic sempre di Soderbergh) ai nuovi talenti Michael Fassbender (Bastardi senza gloria) e Channing Tatum (Step Up, Dear John), passando per giovani veterani come Ewan McGregor (Trainspotting, Moulin Rouge!, nuova trilogia di Star Wars) e Antonio Banderas (acclamato nel recente La pelle che abito di Pedro Almodóvar). Il film scorre piacevole e avvincente, col ritmo incalzante tipico delle spy story ricche di azione e adrenalinica suspense. Il piatto forte, considerato il curriculum della protagonista, è rappresentato naturalmente dalle sequenze di lotta a mani nude. Piccola curiosità: in una di queste scene, durante una colluttazione, Ewan McGregor ha involontariamente sferrato un pugno contro Gina Carano; successivamente l’attore ha dichiarato: «Dovevo colpirla tre volte, e lei avrebbe dovuto abbassarsi, ma non l’ha fatto, e così l’ho colpita alla testa. La cosa bella è che dopo essersi rialzata è stata lei a chiedermi se fosse tutto ok! E stavo bene, alla fine, a parte la

mano». Un bizzarro episodio reale che giustifica in pieno una frase della finzione cinematografica pronunciata proprio da McGregor nel film e indirizzata al personaggio della Carano: «Se pensi a lei come a una donna ti sbagli…».

SCHEDA DEL FILM REGIA: Steven Soderbergh SCENEGGIATURA: Lem Dobbs CAST: Gina Carano, Michael Douglas, Antonio Banderas, Channing Tatum, Ewan McGregor, Michael Fassbender, Bill Paxton, Mathieu Kassovitz, Michael Angarano GENERE: Azione, Thriller DURATA: 91' DISTRIBUITO DA: Moviemax

87 For Magazine


knockout - resa dei conti