Page 1

For Roma

For Roma

M a g a z i n e

F l e m i n g

M a g a z i n e

SOMMARIO

16

Il tour 2012 delle Donnavventura si conclude nelle favolose isole Maldive

2 / Rubrica di Luiss Life

58 / Come una star Valentina Lodovini: la rivincita del colore

3 / Marco Pomarici Più autonomia per Roma Capitale

59 / Cara Marina di Marina Ripa di Meana

4 / L’uomo del mese Jay C Lohmann

60 / Cinema

5 / La donna del mese Carolina Crescentini 6 / La foto

Tutti i segreti di

Chiara Conti

8 / Cover Vogliamo conoscerci meglio? 16 / Reportage Chiamale se vuoi… emozioni 30 / Provocazioni Telebestiario 36 / Rotazioni 40 / Intervista La fidanzatina di Montalbano 44 / Cose di moda Tutti al mare 56 / Double feature

FLEMING PRESS EDITORE

74 / Consigli & Sconsigli di Dina D'Isa 76 / Intervista To Lina with love 80 / Una lettura per lasciar traccia… di Donatella Vilonna 81 / Storie Quei goal segnati coi libri 82 / Itinerari urbani Come in una fiaba 86 / Musica Baciami ancora!

Maggio 2012

Ritorna il duro Mel Gibson a pag. 69

102 / Teatro Ridere a tempo di rock 104 / Auto La "vipera" torna a mordere la strada 108 / Appuntamenti Quando sfilano… le ruote 110 / Yachting Navigare con eleganza 116 / Scatti di Bruno Oliviero 118 / In forma con Jill Cooper 119 / Incontri A lezione da Anna Strasberg 120 / L'angolo del benessere Il fumo è nemico della bellezza 121 / Moda & Sport La capitale del golf

90 / Tendenze Il bello delle curve

122 / Protagonisti

94 / Arte "Dietro l'angolo" del collezionismo

123 / Sport di Pina Bevilacqua

98 / In mostra Il tocco magico

139 / Roma peoples & stars & events


For magazine RUBRICA di Luiss Life

“POP CULTURE” EUROPEA L’aggettivo “pop” viene accostato al termine “cultura” in due occasioni: quando si tratta propriamente della “pop culture”, per intenderci quella nata e sviluppatasi nel Secondo Dopoguerra per opera dei mass media, o quando si tratta di “cultura popolare” nel senso di “cultura aperta al popolo”, generalmente accessibile, multidirezionale. Il primo tipo rappresenta, perlomeno secondo la concezione dei cultural studies, una pratica di rielaborazione attiva e creativa da parte delle fasce non elitarie di cittadini della cultura in generale, resa possibile dal favoloso trampolino di lancio della Tv e della radio. Da essa discendono poi le “pop art”, ovvero le “arti popolari” che trovano il proprio ossigeno nella valorizzazione degli elementi metropolitani. Il secondo tipo di “pop culture”, quella di cui invece voglio scrivere, è “popolare” non in quanto massificatrice, omogeneizzante, metropolitana o contemporanea. È “pop” semplicemente in quanto economicamente accessibile a tutti coloro i quali ne sono incuriositi. Non ha avuto e non ha alcuna connotazione geografica d’origine: è presente solitamente laddove la cultura e l’accesso ad essa viene considerato, da parte degli stati, delle società e dei cittadini, un fattore imprescindibile, quasi ovvio, dell’esistenza umana. La cultura è rivolta a tutti, e tutti possono permettersela poiché è ovvio che sia così. Mi si perdoni la tautologia, ma questo nobile genere di filosofia alberga solo in quelle nazioni letteralmente sommerse dalla propria cultura passata, presente e futura, qualunque essa sia: letteratura, arte, architettura, scultura, storiografia, filosofia, musica, fotografia, moda. La fruizione di qualsiasi tipo di cultura convenzionale (non mi riferisco infatti ad alcune presunte forme di cultura contemporanee che rappresentano perlopiù degli stili o delle tendenze) è necessaria, indispensabile, legittima. “[…]Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza”: i popoli, cui nessuna pagina scritta, interpretazione teatrale o intermezzo musicale sono preclusi, sono intimamente convinti, inconsciamente legati, indissolubilmente ancorati al concetto espresso da questi versi della Divina Commedia di Dante Alighieri: gli uomini hanno diritto alla conoscenza della cultura, seppure “alta” o cosiddetta “d’élite”, a prescindere dal proprio conto in banca. Ma a tale innata filosofia i cittadini sono abituati fin dalla nascita da “Stati mecenati” e da numerose associazioni, sensibili all’importanza della cultura, delle tradizioni elitarie, della sapienza e della ricchezza spirituale e formazione identitaria che queste possono offrire alla popolazione. Bisogna incoraggiare quest’ultima, quindi, ad accarezzarla e ammaestrarla come essi fanno con la politica, con gli sport e con gli hobby. Librerie zeppe di volumi a buon mercato (nei prezzi, non nei contenuti), disposti su improbabili bancarelle, invogliano i passanti casuali a toccarli, sfogliarli, comprarli. Posti a sedere in teatri che hanno anni addietro ospitato il gotha degli artisti: musicisti, ballerini, tenori, soprani e direttori d’orchestra dei tempi che furono impregnano questi ambienti della loro mistica aura, aperti allo studente fuori sede in cambio di pochi euro per renderlo partecipe di quelle arti divine che un tempo erano appannaggio dei soli signori in smoking e monocolo. Oppure collezioni private, o di proprietà statale, rac-

colte in sontuosi edifici visionabili spesso gratuitamente da sguardi curiosi e inesperti, ma affamati. E poi i libri: tanti, tantissimi in giro per le città, sulle panchine nei parchi, ai tavolini dei caffè, sui muretti dei lungofiumi o quelli dei lungomari, sui treni, nelle metro, sui pullman sfiorati da mani gentili di persone che li apprezzano, li amano, li adottano. I libri, in città del genere, diventano i soli veri amici delle persone, le loro ombre, i loro rituali interiori. La polvere delle loro pagine ingiallite al pari della patina morbida e profumata delle nuove edizioni è musica per le dita, è ardore umano, è come toccare la storia. Le melodie melanconiche echeggiano tra le mura grigie e gli scorci fumosi, invogliano a fermarsi, ad ascoltare, a cercare sguardi nostalgici intorno a noi. Ci piacciono, quelle musiche ancestrali, desideriamo possederle per richiamare quella bella tristezza ogniqualvolta lo desideriamo: con una moneta questo è possibile. Possiamo riempire la nostra vita di cultura e di arte con pochi spiccioli e tanta passione per l’essenza umana. Il mondo è pieno zeppo di metropoli, calamite per visitatori, lavoratori ma peggio ancora per ambizioni: sono poche, pochissime invece quelle città ancora “umane”, dove il passato rivive in ogni pagina sfogliata o in ogni stampa esposta in vetrina. Solo in Europa questo è ancora possibile.

See you Giovanni Pignatiello giovipigna@gmail.com

2 For Magazine


For magazine

Parola a Marco Pomarici Presidente Assemblea Capitolina

PIÙ AUTONOMIA PER ROMA CAPITALE Care amiche, cari amici, tratterò un argomento di cui avete sicuramente sentito tanto parlare, ma che per me, in veste di Presidente dell’Assemblea Capitolina e cittadino romano, ha un’importanza cruciale: l’approvazione da parte della Commissione bicamerale per l’attuazione al federalismo del secondo decreto attuativo per Roma Capitale. Il provvedimento è del 6 aprile scorso, ed ha portato a compimento la riforma istituzionale che garantisce più poteri e maggiore autonomia alla Capitale. Il lavoro di riforma che ha condotto a questo risultato risale al 2009, e cioè alla pubblicazione della legge 5 maggio 2009, n. 42, “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell’articolo 119 della Costituzione”. La suddetta legge si occupa di Roma all’articolo 24 in cui si definiscono i nuovi e rafforzati poteri di Roma in materia di beni artistici e ambientali, sviluppo economico e sociale, sviluppo urbano e pianificazione territoriale, edilizia pubblica e privata, mobilità e protezione civile. Nell’estate del 2010 il Consiglio dei Ministri ha approvato la delibera preliminare sul primo decreto legislativo per Roma Capitale, il mese dopo in Consiglio Comunale abbiamo approvato all’unanimità l’ordine del giorno n. 81, con il quale il Consiglio Comunale è divenuto Assemblea Capitolina. Il decreto in questione prevede la presenza del sindaco alle sedute del Consiglio dei Ministri che discutono questioni importanti su Roma Capitale e la procedura d’urgenza per l’Assemblea Capitolina quando il dibattito verte su provvedimenti decisivi per Roma. Tornando al secondo decreto attuativo, quello di cui si parla in questi ultimi giorni, il testo era già stato approvato in prima lettura dal governo il 21 novembre 2011; è di questi giorni, invece, il via libera della Commissione

bicamerale per il federalismo fiscale e il sigillo del Consiglio dei Ministri al testo, unitamente ai pareri della Regione Lazio, della Provincia di Roma, di Roma Capitale e della Conferenza unificata Stato-Regioni. A livello economico la maggiore novità consiste nel fatto che Roma potrà determinare i costi connessi al ruolo di capitale della Repubblica separatamente dal Patto di Stabilità, avendo così a disposizione più risorse da destinare agli investimenti per la città. I costi legati allo svolgimento di manifestazioni, cortei e spese di rappresentanza saranno esattamente quantificati da un organismo denominato “Commissione tecnica paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale”, e anche questi oneri potranno essere detratti dalla manovra di bilancio del Campidoglio. I due punti sopra sono molto importanti perché, qualora non fosse così, le spese di gestione per tutti i ruoli istituzionali ed internazionali che la città deve essere pronta ad affrontare graverebbero sulle tasche dei cittadini romani e non dello Stato nella sua interezza. Grazie a un rapporto diretto col Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica), inoltre, gli interventi infrastrutturali per la Capitale potranno essere realizzati con una procedura abbreviata. Più autonomia anche nella gestione delle imposte, con la possibilità di introdurre addizionali sui diritti aeroportuali e contributi di soggiorno, utili a finanziare investimenti e nuovi lavori pubblici per migliorare la vita dei cittadini romani e dei tanti turisti che vengono a visitare Roma. Alla luce di ciò la nostra città finalmente possiede gli strumenti per una gestione degna di una capitale. Questi strumenti sono importanti, ma non bisogna mai abbassare la guardia nel loro utilizzo, perché più autonomia deve tradursi in maggior senso di responsabilità da parte degli amministratori.

3 For Magazine


For magazine

UOMO DEL MESE di Ivan Rota

Jay C Lohmann È un grande artista e le sue performance fanno impazzire i fan. Ospite della boutique Moreschi, a Roma, Jay C Lohmann si è esibito in diretta scrivendo versi su uova di struzzo: scrittura “ fragile”, ma incisiva da parte di questo newyorchese che ha classe da vendere. Bello, dai penetranti occhi azzurri, si veste con un gusto del tutto personale, mischiando il classico e il casual: jeans e papillon, giacca da smoking e mocassini in camoscio. Veramente un bel vedere.

4 For Magazine


For magazine

DONNA DEL MESE

Carolina Crescentini In occasione della conferenza stampa per la presentazione della serie Tv Mai per amore, l’attrice Carolina Crescentini ha indossato un abito in seta color arancio con cintura in vita e drappeggio davanti, abbinato ad un paio di décolleté animalier. Carolina è sempre molto elegante ed è una delle poche attrici giovani italiane con un viso vissuto che sa trasmettere emozioni. La sua classe è innata: anche quando si presenta in jeans e scarpe da tennis il suo stile è inconfondibile.

5 For Magazine


For magazine

LA FOTO di Sara Donati

Sesso a tre, sex toys, pornografia, scambismo, feticismo e bondage, esibizionismo: con Elena Di Cioccio a La Mala EducaXXXion (in onda sul La7D) si parla di tutto questo. E altro. «Chi ci guarda impara a far meglio l’amore», proclama la conduttrice. Perché non crederle?

6 For Magazine


For magazine

7 For Magazine


cover di Marco Gastoldi Foto di Bruno Oliviero

Vogliamo

Chiara Conti (38 anni) debutta in Tv negli anni ’90 con Non è la Rai, mentre nel 1995 vince il concorso Bellissima. 8 For Magazine


For magazine

conoscerci meglio? Da Non è la Rai a Hollywood con Michelle Pfeiffer. Ma Chiara Conti non si è più fermata e tra poco la vedremo nella fiction Tv RIS Roma-Delitti imperfetti. Ama l’arte, i fiori, il canotaggio e le immersioni. In questo momento è divisa tra l’amore per il violino e quello per…

Eran trecento, eran giovani e forti e sono… diventate (quasi) tutte famose. Stiamo parlando delle ragazze di Non è la Rai, trasmissione cult degli anni Novanta, inventata da Gianni Boncompagni. Una per tutte (in fondo era un po’ la star del programma) Ambra Angiolini. Ma anche Chiara Conti, di lei vogliamo parlarvi, ne ha fatta di strada. Sentiamola. Ha iniziato con Gianni Boncompagni a Non è la Rai… «È stato un esordio Tv molto divertente. Eravamo circa trecento ragazze: alcune di noi prendevano già tutto sul serio. Io, invece, giocavo e scherzavo. Ero anche molto imbarazzata, poi mi sono resa conto che proprio la partecipazione a Non è la Rai mi ha portato a tutto ciò che ho realizzato oggi. Mi sono successe tante cose divertenti: in una delle interviste con Gianni Boncompagni fatte durante la trasmissione dissi che mi piacevano i cappelli. Il giorno dopo mi invitarono a controllare la posta. Non sapevo nemmeno che esistesse una posta personale e, quando andai a vedere, scoprii che i fan mi avevano inviato ben trecento cappelli!». Nel 1995 ha vinto il concorso Bellissima: un trampolino di lancio? «A quell’età non avevo ancora doti particolari e così il lavoro nella moda mi era sembrato il più semplice da ottenere. Sfilavo a Firenze, città nella quale sono nata, e vincendo il concorso mi sono guadagnata un contratto con una grande agenzia di Milano. Questo mi ha permesso di intraprendere la carriera teatrale. Mi notarono in L’assassinio di Marat, per la regia di Pietro Bartolini, e fui chiamata per un provino di una produzione americana. Fui presa e nel 1999 recitai nel film in Sogno di una notte di mezza estate. Inizialmente per me era prevista solamente una battuta! In seguito, Michelle Pfeiffer fu costretta ad abbandonare il set e le riprese e fu lei stessa ad indicarmi e scegliermi come “doppio”: a 9 For Magazine


For magazine

recitare ero io, ma attraverso l’uso del computer avevo il suo volto. Così mi ritrovai a lavorare con tutto il cast e ho il ricordo di un’esperienza bellissima. Oggi, riguardandolo, vedo in alcune scene che Michelle Pfeiffer… ha le mie mani. Solo in seguito ho iniziato a studiare seriamente teatro e recitazione a Milano, anche se non ho mai finito la scuola. Fui chiamata per uno spot in Tunisia e lì mi innamorai di un ragazzo francese. Lasciai tutto e andai a vivere a Parigi dove rimasi tre anni». Il suo periodo da innamorata nella capitale francese l’avrà riempita di emozioni e ricordi. «Sì, porto ancora nel cuore un luogo: il quartiere “Le Marais”. Ma il ricordo più emozionante resta quando, di domenica, andavamo agli spettacoli in piazza a Place des Vosges. Io e il mio fidanzato ballavamo il tango per divertimento, così un giorno abbiamo deciso di buttarci anche noi. Abbiamo preso un angolo per esibirci: da quel momento l’abbiamo fatto tutte le settimane! Abbiamo conosciuto persone che arrivavano da tutta Europa, si era creata una grande famiglia “circense”. Durante la settimana io lavoravo in un bar di giorno, lui la sera. Iniziammo a litigare sempre più spesso finché a 21 anni sono scappata e non sono più tornata. Oggi lui fa ciò che sognava di fare, il cantante e io ho realizzato il mio sogno di attrice; ma spero sempre di poter comprare una casa in quella piazza». Adesso abita a Roma: ci racconta una sua giornata tipo? «Vivo a Roma ormai da dieci anni. Quando lavoro mi sveglio verso le 5: faccio una doccia veloce e indosso i vestiti che ho già preparato la sera prima, così posso dormire fino all’ultimo minuto! Dopo il caffè… con il mio barboncino, inizio a lavorare: mi diverto moltissimo, amo il mio lavoro che considero bellissimo. La sera preferisco mangiare fuori, ma se sono troppo stanca resto a casa oppure vado al ristorante proprio qui sotto. Prima di dormire leggo un po’». Che generi e che autori preferisce? «In questo momento adoro Jonathan Carroll, che ho scoperto casualmente in libreria perché mi piaceva la copertina di un suo libro. Adoro le sue storie. Ultimamente ho letto anche il romanzo 1Q84 dello scrittore giapponese Haruki Murakami. Credo che questo libro sia una grande opera: il titolo significa “1984” e la vicenda è ambientata in un mondo alternativo. Adoro viaggiare con la mente in altre e lontane realtà». Sul grande schermo la Conti è apparsa anche in due film di Franco Battiato: Musikanten (2005) e Niente è come sembra (2007). 10 For Magazine


For magazine

Al cinema partecipa, tra gli altri, ai film Faccia di Picasso di Massimo Ceccherini, L’ora di religione di Marco Bellocchio e H2Odio di Alex Infascelli. 11 For Magazine


For magazine

Chiara ha vissuto per un lungo periodo a Parigi con l’ex compagno. Ancora oggi il suo sogno è quello di acquistare una casa a Place des Vosges.

Torniamo al tempo libero: che cosa le piace fare nelle giornate in cui hai qualche momento per sé? «Sono stata a Marrakech e in aereo ho conosciuto un’istruttrice di canottaggio. Ho cominciato a vogare e stranamente mi piace! Ho fatto anche delle gare e, visto che più in generale amo l’acqua, mi sono dedicata anche alle immersioni. Amo anche andare al cinema e stamattina sono capitata per caso a una mostra di fiori a cui non avrei mai pensato di andare. Sono stata due ore ad ammirarli e ho fatto tantissime foto con il telefono. La mia preferita è stata la “Rosa Piccolo Principe”, meravigliosa e gigantesca, quasi antica, che ho fotografato in tutti i modi. Quando posso mi dedico anche allo shopping compulsivo. Se vedo una cosa che mi piace la vorrei comprare di tutti i colori, scarpe in particolare: poi, a fine mese, con i reso-

conti arrivano certe mazzate! Credo anche che le grandi catene come Zara ed H&M abbiano una moda perfetta a prezzi accessibili, che poi si può abbinare a delle scarpe più importanti o a un gioiello. Certo, adoro Dior, Alberta Ferretti e Louis Vuitton, ma se devo pensare a qualcosa da mettere tutti giorni, allora Zara è perfetta. Amo anche l’arte e la pittura. Grazie a mia mamma a casa mia c’è tutto ciò che è arte. Il mio sogno è recitare in un film dedicato alla scultrice Camille Claudel, amante di Rodin, anche se è già stato fatto. La mia passione per lei, personaggio meraviglioso, è nata quando ero giovane, dopo la lettura di un libro intitolato Una donna chiamata Camille Claudel, che ho letto, riletto e fatto diventare il mio portafortuna in occasione del provino con il regista Marco Bellocchio per L’ora di religione».

12 For Magazine


For magazine

Non posso ancora dire di essere innamorata, ma era da tempo che non provavo un’emozione

Tra le fiction Tv a cui prende parte spiccano i buoni successi d’ascolto di Butta la luna, Il capitano 2, Le ragazze di San Frediano, Distretto di polizia 11. 13 For Magazine


For magazine

Penso che la curiosità sia la cosa più bella per mantenersi giovani

14 For Magazine


For magazine

Tra le passioni più grandi dell’attrice figurano la pittura, la lettura, la musica e… lo shopping compulsivo.

Prossimamente la troveremo nei nuovi episodi della serie RIS Roma-Delitti imperfetti. «Sì, sarò un comandante della territoriale al di sopra dei RIS che si innamorerà di uno di loro. Partecipo alle indagini su un caso con loro e poi entro anch’io all’interno della storia. Presto scoprirete tutto». Sappiamo che da poco ha scoperto un’altra passione... «Sono molto curiosa, penso che la curiosità sia la cosa più bella per mantenersi giovane. Vorrei imparare a fare tutto. Infatti mi sono messa in testa di imparare a suonare il violino, ma mi è stato detto che sono troppo grande. Ho insistito e ora sto cercando di fare anche questo: provo a fare tutto».

Parliamo d’amore. È felice in questo momento? «Sto provando un’emozione. Non posso ancora dire di essere innamorata, ma era da tanto tempo che non riuscivo nemmeno a provare un’emozione. La verità è che sto troppo bene da sola e mi ci ero abituata! Più cresci, più ci fai l’abitudine e anche ora ho bisogno ogni tanto di una stanza dove stare da sola. Se sei innamorata è possibile raggiungere un equilibrio, ma sono stata sola per sei anni. Al momento, però, non sto male nemmeno in compagnia. Intanto continuo con il mio lavoro, sono ancora troppo egocentrica per smettere di fare l’attrice, ma ho scritto qualcosa con un gruppo di attori e registi che vorremmo realizzare. Mi piace la regia. Sono appena andata a Parigi alla ricerca di un testo, un monologo bellissimo, che sto traducendo per provare a portarlo qui. Vedremo…».

15 For Magazine


For magazine

REPORTAGE di Michela Garosi

Chiamale se vuoi… Sempre isole da sogno con Donnavventura: stavolta vi portiamo alle Maldive, dove si conclude il viaggio di queste splendide ragazze. Leggete il diario della nostra inviata speciale, ma, solo per i nostri lettori, è in arrivo un’altra grande sorpresa…

16 For Magazine


For magazine

emozioni

Le pittoresche water villas bianche, abitazioni sospese sull’acqua ad Athuruga, nell’atollo di Ari, situato nel sud delle Maldive.

17 For Magazine


For magazine

La veterana Donnavventura Barbara, che è tornata in questa spedizione dopo il Grand Raid del Brasile nel 2008.

A gran sorpresa, il capo spedizione annuncia ad Alice e Stefania che l’avventura continua verso una nuova ed assolutamente inaspettata meta: dopo aver trascorso diverse settimane fra lussi estremi negli Emirati Arabi Uniti si parte per le Maldive! Ma le novità non finiscono qui. Una volta atterrate a Malé, Stefania ed Alice devono rimanere in aeroporto per aspettare… Barbara e Chiara. La prima era stata protagonista del Grand Raid del Brasile ed ora è pronta per altri strepitosi panorami, la seconda invece ha partecipato alla prima parte del Grand Raid alla scoperta dell’Oceano Indiano. La città di Malé non tradisce la sua apparenza vivace e movimentata, nelle viuzze dalle case colorate sfrecciano motorini e biciclette. È la capitale della Repubblica delle Maldive, una delle più piccole al mondo ma, al contempo, una delle più densamente popolate con i suoi 120.000 abitanti, concentrati su una superficie di circa due chilometri quadrati ed è impressionante il numero di auto, ciclomotori e motocarri che ogni giorno circolano sull’isola. La parte più caratteristica è certamente il porto, con un continuo via vai di barche, specie al mattino, che portano in città il pescato. Si va al mercato e si vedono i pesci esposti in meticoloso ordine di razza e di grandezza, compre-

so un bel pesce spada e un’infinita quantità di frutta tropicale. Quello che il team sta scoprendo oggi è certamente uno degli aspetti meno conosciuti delle Maldive, che non sono solo atolli da sogno con lussuosi resort, ma anche città e villaggi in cui vivono gli abitanti originari di questi territori. Secondo giorno, destinazione: aeroporto internazionale di Gan, nell’atollo di Addu, la parte più meridionale delle Maldive, nonché l’atollo più popolato del sud, appena al di sotto dell’Equatore. Le isole meridionali sono particolarmente verdi e lussureggianti. La fitta vegetazione è attraversata da una stretta pista in terra battuta che porta a piccole spiagge frequentate dai locali, per lo più pescatori. Anche i villaggi sono molto semplici. Di sicuro le Maldive che popolano l’immaginario collettivo sono ben diverse da queste. Dopo aver visitato l’isola in lungo e in largo, le Donnavventura salgono su una piccola imbarcazione per navigare all’interno dell’atollo, che ha una romantica forma a cuore. Il giorno seguente si abbandona la parte meno conosciuta per andare in quei luoghi così sognati ed ambiti dai viaggiatori di tutto il mondo. Si arriva a Moofushi. Il posto è davvero paradisiaco ed è impossibile resistere alla tentazione di fare un bagno: ac-

18 For Magazine


For magazine

Il team delle Donnavventura in un mercato di Malé, la capitale delle Maldive, situata nell’atollo omonimo.

qua limpida, sabbia bianca, fondale basso, un autentico sogno! Anche l’isola è molto bella, con una vegetazione che abbraccia le basse strutture del resort, che si mimetizzano perfettamente con l’ambiente circostante. Il team decide di circumnavigare l’isola per avere una visione d’insieme e, al tramonto, con il sole che ne delinea i contorni, lo spettacolo offerto da quest’isola si fa davvero mozzafiato. Cala la sera e, dopo un acquazzone notturno, la mattina seguente il cielo si è rischiarato e il sole ha cominciato a splendere nuovamente. Il gruppo si appresta ad uscire in barca per fare snorkeling nella vicina barriera corallina. Un tripudio di coralli e colori, pesci grandi e piccoli che nuotano solitari o in banchi, e addirittura una meravigliosa tartaruga marina. La seconda sessione di snorkeling è ugualmente ricca, niente tartarughe, ma tantissimi anemoni abitati da pesci pagliaccio, i “Nemo” del film a cartoni animati. La giornata dopo comincia sotto i migliori auspici, una bella colazione vista mare e una sessione di yoga. Poi si riparte. Ad attendere le Donnavventura c’è un veloce motoscafo che sta per portarle in un’altra delle oasi dell’atollo di Ari, quella di Halaveli, con un mare, se possibile, ancor più splendido. Infatti le aspettative non vengono tradite, la spiaggia Le banane rosse, tipico frutto tropicale che si trova nei mercati di Malé

19 For Magazine


For magazine

Scorcio di una spiaggia a Moofushi, nell’atollo di Ari Sud.

Visione sul mare dalla finestra di una camera a Moofushi.

20 For Magazine


For magazine

Un tuffo in acqua di una Donnavventura per una sessione di snorkeling.

Spettacolare esemplare di tartaruga marina nelle acque di Moofushi.

Razze e squaletti pinna nera che si spingono fino alla riva.

Un esemplare di pesce pagliaccio nuota in una barriera di anemoni marini.

21 For Magazine


For magazine

22 For Magazine


For magazine

23 For Magazine Panorama dell’isola Halaveli: palme, spiagge bianche e acqua trasparente.


For magazine

Il resort di Athuruga, costituito da una parte di bungalow sulla terraferma e da una parte di water villas in acqua.

è lunga e bianca e l’acqua trasparente. Un altro angolo di paradiso da scoprire. Poi è la volta di Athuruga, anch’essa parte integrante dell’atollo di Ari, uno dei più famosi per i suoi abitanti, nonché uno dei più estesi. Il resort è costituito da una parte di bungalow e strutture poste sulla terra ferma, ed da una parte di water villas, interamente dipinte di bianco, sospese sull’acqua. Qui si notano le sagome di alcune razze che si spingono fino al pelo dell’acqua e poi ci sono gli squali, piccoli esemplari pinna nera, del tutto innocui per l’uomo. Anche loro battono le coste cacciando piccoli pesci argentei che si muovono in banchi. La luce rossa del tramonto ammanta ogni cosa delle sue tinte calde, e si conclude così un’altra giornata delle Donnavventura. Svegliarsi ogni mattina con lo spettacolo di un mare cristallino e una spiaggia bianca non è certo da tutti. Il team dedica la

mattinata alle immersioni, andando a caccia di pesci pagliaccio, pappagallo, balestra, farfalla, chirurgo, napoleone e perché no, piccoli e innocui squali. La tappa di domani sarà l’isola di Thudufushi, sempre nell’atollo di Ari. Lungo il tragitto è prevista un’uscita di snorkeling in un punto particolarmente ricco della barriera corallina: si avvista una tartaruga e non mancano coralli colorati, murene, pesci pagliaccio. Il vero obiettivo però era il più grande fra i pesci, lo squalo balena, ma purtroppo oggi non è giornata! La navigazione continua fino all’isola di Thudufushi, riconoscibile anche questa per via delle bianche water villas, ed è qui che si incontrano appassionati del programma che chiedono di fare un po’ di foto con le ragazze. Appena quei cinque minuti di pausa da celebrità e poi si torna subito al lavoro. E da ultimo Vakarufalhi, col suo meraviglioso resort. A disposizione delle ragazze c’è una water villa pazzesca da utilizza-

24 For Magazine


For magazine

re come campo base. Per fare il bagno basta semplicemente scendere una scaletta. Il pomeriggio è dedicato alla scoperta dei fondali dell’isola. Ma anche alle Maldive, ogni tanto, piove e il team ne approfitta per lavorare ai computer e sistemare i vari file che dovranno essere in ordine per il rientro in Italia. Finalmente il gran giorno è arrivato, il team ha dovuto aspettare quattro mesi prima di potersi immergere in mare con le bombole, ma finalmente ci siamo! C’era stata quella pazzesca esperienza nell’acquario di Dubai, ma in mare aperto è la prima volta per questa spedizione. Tutto fila liscio, anche quando si avvista uno squalo pinna bianca. Nonostante in superficie il tempo sia pessimo, sottacqua tutto appare imperturbabile e si scorgono anche alcune murene. Trascorsa un’ora circa, il gruppo di sub risale in superficie e… sorpresa! Non c’è nessuna barca a recuperarlo! Si rimane tranquillamente a galleggiare tra le onde, che

nel frattempo si sono ingrossate, in attesa di essere avvistati. L’attesa sembra non finire più. Ma finalmente, dopo una quindicina di minuti, ecco arrivare il motoscafo. Meno male! Arriva infine l’ultimo giorno: le Donnavventura salutano quest’arcipelago sorvolandolo per l’ultima volta; sfumature di azzurro e di bianco si confondono in uno scenario da sogno. La spedizione 2012 è proprio finita. Un viaggio lungo, articolato, dalle mille sfaccettature. Si è iniziato dal Madagascar fra tante difficoltà, tre mesi fa, e sembra già trascorso un secolo, e ora si è già sulla via di casa con un bagaglio carico di ricordi di questo bel viaggio. Ma la mia avventura con voi, cari lettori, non finisce qui. Sul prossimo numero vi racconterò ancora qualcosa di me e dei miei viaggi.

25 For Magazine


For magazine

Un’immagine affascinante di Athuruga all’alba.

26 For Magazine


For magazine

27 For Magazine


For magazine

Una delle ragazze del team che scruta le water villas nell’orizzonte maldiviano.

Esempio di spiaggia paradisiaca delle Maldive con le caratteristiche acque cristalline.

28 For Magazine


For magazine

Un idrovolante in fase di atterraggio sullo sfondo di un suggestivo tramonto.

Il gruppo Donnavventura in un resort sull’isola di Vakarufalhi.

29 For Magazine


For magazine PROVOCAZIONI di Jack Idloria

TELEBESTIARIO Terry Schiavo, conduttrice, attrice, cantante e giornalista, ha scritto un libro che già dal titolo (Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io!) promette di far discutere. Ma, per fortuna, fa anche divertire, tra direttori un po’ maniaci, onorevoli fifoni, star di ieri e di oggi

Terry Schiavo, classe 1970, segno zodiacale Ariete, ascendente Sagittario, nasce a Milano dove vive in compagnia di due magnifici gattoni: “i suoi bambini pelosi”. Ha navigato nelle tempestose acque della televisione italiana tra gli anni Novanta e i primi del 2000, con qualche arrembaggio nella musica pop, nel cinema, nella fiction e nella sit-com. Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io! (SBC Edizioni, euro 15,00) è il suo primo libro. «Ma non l’ultimo», minaccia…

30 For Magazine


Ph: A. Fiumara - Art director: Giorgio Angioni - Stylist: Cristina Razzi - Gioielli: Cristina Razzi

For magazine

31 For Magazine


For magazine

Terry Schiavo al suo compleanno (festeggiato in collaborazione con MB Management&Entertainment al Just Cavalli di Milano) con la regina dei casting, Gianna Tani, e con la gigantografia della cover di Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io!.

Dal curriculum di Terry Schiavo: «A 16 anni posa per il suo primo servizio fotografico. Seguono spot televisivi e nel 1991 l’ingresso nel magico mondo della Tv, Piacere Raiuno, trasmissione itinerante che approda nei più prestigiosi teatri d’Italia. In questo programma Terry, è una Gigia, balla e canta». Per chi non ha una certa età e non è un telemaniaco, ecco la definizione di Gigia, estratta dalla personalissima Treccani della

Tv (da non confondere con l’Enciclopedia della televisione dell’esimio e inarrivabile professor Aldo Grasso): “Chiamasi Gigie le ragazze cantanti e ballerine di Gigi Sabani, da non confondersi con le acerrime rivali, le Tate, le ragazze di Toto Cutugno che si esibivano nella stessa edizione di Piacere Raiuno”. Ma già in quei primi anni di carriera Terry aveva capito tutto. In un’intervista scovata in un segretissimo (e

32 For Magazine


For magazine

Il libro di Terry Schiavo (sottotitolo: “Considerazioni semiserie di una showgirl”) è lo spaccato del carrozzone dello showbiz visto e vissuto in chiave ironica, da dietro le quinte, con i suoi personaggi, i suoi scandali, scandaletti, amori e amorazzi. 33 For Magazine


For magazine

Terry Schiavo

34 For Magazine

quasi inaccessibile) archivio, diceva (siamo nel 1995 e lei gira l’Italia con Valerio Merola per le selezioni di Bravissima): «Bisogna avere solo fiducia in se stessi e non nelle persone che ti promettono mari e monti. C’è ancora tanto inganno: ragazze, tenete gli occhi ben aperti!». Questo prologo (lungo?) per farvi capire che chi scrive, oltre a conoscere bene lo scrittore portoghese Pessoa e i suoi eponimi (e divertirsi anche con gli pseudonimi), conosce bene anche Terry e la sua carriera. E che un minimo di presentazione ci voleva per una show girl-giornalista che scrive un libro dal divertente e provocatorio titolo Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io!. Se poi il libro viene dedicato «A Colei che, quel giorno, entrando in palestra con la sua Birkin, mi folgorò ispirandomi nella stesura di questo mio memoriale. Grazie a Nicole Minetti, la mia Musa ispiratrice…», allora forse vale proprio la pena di leggerlo. Così, pagina dopo pagina, scorrono quasi vent’anni di televisione italiana e di Berlusconi: «Quel che è certo è che io, Berlusconi, l’ho sempre visto da lontano. E, comunque, il Presidente non ha inventato niente: il Bunga Bunga nello spettacolo è vecchio come lo spettacolo stesso», scrive Terry. Ma non aspettatevi polemiche, rivelazioni sconvolgenti, confessioni pruriginose. No, la disincantata “showgirl in età da pensione” (così si autodefinisce nella seconda riga del libro) racconta persone e personaggi della Tv, amori (i suoi), trasmissioni, incontri più o meno fortunati. Compreso lo scandalo che precedette di diversi anni Vallettopoli, quello che vide coinvolto e arrestato Gigi


For magazine

Tanti i personaggi che incontrerete nel libro: il super manager di un importante ente pubblico dalle tante amanti, il politico Speedy Gonzales a letto, il direttore di rete (non quello con la D maiuscola), l’adorato Marco Columbro e molti altri, noti e meno noti. L’uomo dei desideri? Silvio naturalmente…

Sabani (poi scarcerato e scagionato da qualsiasi accusa). Nella galleria di Terry via via sfilano Lele Mora, quando era potentissimo, direttori di rete, onorevoli, teledivi e teledive. Tanti innamoramenti, ma un solo grande amore: Marco Columbro (quando era il re del piccolo schermo). E poi il sogno erotico… Silvio Berlusconi! Che non vi sveliamo. Così comprate il libro. Terry oggi è “sospesa tra reality e realtà. Con qualche ruga in più, divisa tra gossip, Bunga Bunga e verità”. Ha detto no a Uomini e donne ed è felicemente (almeno così giura) single. Deve recuperare un tot di soldi (come parecchi altri giornalisti, purtroppo) dall’ultimo editore per cui ha scritto di spettacolo, ma sta preparando un disco, ha da poco festeggiato in

discoteca e con i fotografi (le care, vecchie abitudini, per fortuna non si perdono mai!) il suo compleanno e, credeteci, non molla. D’altra parte, come potrete leggere nel riscontro di copertina di Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io!, «la sua filosofia di vita è quella della “bionda dentro”: una serenità tutta buddista che è preferibile non offuscare (oltre allo yoga pratica la kick boxing… ed è meglio non farla arrabbiare) e un distacco dai beni materiali che solo ed esclusivamente Hermès e qualche altra griffe riuscirebbe a mettere seriamente in crisi».

35 For Magazine


For magazine

“La Casa dei Demoni” è l’appartamento in cui visse l’attrice Eleonora Duse: decadente e bellissima quasi quanto il dannunziano “Vittoriale”, è ora la residenza di Oliviero Leti, organizzatore di eventi che vi ospita cene per clienti, ma anche per amici. Si chiama così perché ci sono oggetti che raffigurano demoni, proprio come a Notre Dame. Di recente, nella casa si è tenuta una cena in onore del mitico Nick Mason, storico batterista dei Pink Floyd: a festeggiarlo Fabio e Candela Novembre, lo chef Davide Oldani, Umberta Gussalli Beretta, Paolo Kessisoglu, Paola Manfrin e Nino Tronchetti Provera. Riso al tartufo e champagne. Mise en place impeccabile e atmosfera rilassatissima. Nick Mason con Umberta Gussalli Beretta.

ROTAZIONI

For

di Ivan Rota

Numerosi personaggi del jet set hanno presenziato alla festa in occasione del lancio del nuovo profumo “Signorina” di Salvatore Ferragamo, tenutasi nella residenza privata del regista Julian Schnabel, a Palazzo Chupi a New York. Una serata impareggiabile per eleganza, bellezza e divertimento. Tra gli ospiti figuravano le attrici Emma Roberts (nipote di Julia), AnnaSophia Robb, Kate Mara, Piper Perabo, le modelle Bianca Balti (volto della fragranza), Theodora e Alexandra Richards (figlie del celebre Keith, chitarrista dei Rolling Stones), Stella Schnabel (figlia del padrone di casa), e poi ancora Rachel ChandlerGuinness, Lauren Remington Platt, Jessica Hart, Eugenia Silva, la principessa Elisabeth Von Thurn and Taxis. • Dispetti vari tra reduci de L’isola dei famosi. Valeria Marini ha dato delle potenti vitamine americane a Cristiano Malgioglio, malatissimo: solo che erano scadute da un anno. L’avrà fatto apposta? Arianna David, ex Miss Italia, invece, dice che durante un servizio fotografico Rossano Rubicondi le avrebbe toccato il sedere. La David non è nuova a certe affermazioni… Da sinistra, Rachel Chandler, Alexandra Richards, Bianca Balti, Lauren Remington Platt, Theodora Richards.

36 For Magazine


For magazine

Gli “infestati” è un’espressione colorita per indicare tutte quelle persone che vanno pazze per le feste. Partiamo dai “camp”: reduce dall’ultimo party molto trasversale, dai Bertinotti a Floriana Secondi del Grande Fratello, per i venticinque anni di attività del ristò romano Camponeschi e dalla festa astrologica a Palazzo Ferrajoli, la marchesa Dani del Secco d’Aragona è la nuova icona delle notti romane. La nobildonna si crede forse la principessa Sissi, anche perché si veste come lei e al suo fianco c’è sempre l’ambasciatore d’Austria Cristian Berlakovits, oltre alla figlia, la marchesina Ludovica. Al pari della mitica Cayetana, duchessa d’Alba, la Dani ha una schiera di fan, come lei amanti dell’apparire. Da Milano risponde la bionda e molto appariscente contessa Francesca Lovatelli Caetani, sulle orme dell’antesignana Pinina Garavaglia, anche lei contessa: titoli nobiliari come se piovesse. Passiamo alla categoria “evergreen”: non tramontano mai Marta Marzotto, il principe Carlo Giovannelli, Massimo Gargia, Paolo Pazzaglia e, all’estero, Joan Collins, Ivana Trump, George Hilton. Ci sono poi le “it girl” o “party girl”: tra le prime, in testa, Bianca Brandolini d’Adda, Margherita Missoni e Amber Le Bon; invece regine delle seconde sono Kate Moss, Paris Hilton, Kim Kardashian, Fergie e Tamara Ecclestone, mentre in Italia possiamo al massimo contare su reduci da reality, da Nina Moric a Aida Yespica. Categorie un po’ in disarmo, secondo Vogue America, alla ricerca disperata di nuove icone: la rivista ne ha trovata una d’eccezione in Marta Ferri. In forte ascesa invece, al posto della vecchia “intelligenthia”, c’è la “infestighentia”, ovvero i personaggi dell’imprenditoria, della cultura e del design che non si perdono un evento, celato dietro a un paravento artistico: da Nicolò Cardi a Maria Sole Brivio Sforza, con il marito Max Maggi, e Carlo Mazzoni, da Tatiana Santo Domingo a Micol Sabbadini, da Paola Maugeri a Elisa Sednaoui, ma anche chef, ormai star, come Carlo Cracco. Ci sono poi i “sinceri”, cioè persone che non nascondono il loro piacere nell’essere fotografati e pubblicati come Arturo Artom e Laura Morino Teso: tanto di cappello rispetto ai “bugiardi” che negano di voler apparire, ma poi rosicano se non vedono le loro foto sui giornali. E qui la lista sarebbe troppo lunga… Infine ci sono le “vittime” degli “infestati”, ossia mariti, mogli, compagni di vita che non ne possono più di seguirli alle feste: Candela Novembre, ad esempio, spesso si “spegne” per la stanchezza.

Da sinistra Andrea Stella, Edoardo Sylos Labini, Massimiliano Zanin, Luna Berlusconi, Giorgio Pasotti.

Un cocktail, un po’ di musica e il teatro è fatto! Ecco la serata di “Disco Teatro” in quel di Vicenza. Edoardo Sylos Labini e Massimiliano Zanin hanno portato in scena lo spettacolo Uno sbagliato. Tra drink e la consolle del dj Antonello Aprea la serata originale e innovativa ha visto uniti il monologo di Sylos Labini e il dj set del club Victory. Un evento creato dalla Think’o Film, società cinematografica veneta, e dal regista Massimiliano Zanin, che sta girando un lungometraggio su vita e opere di Tinto Brass. Alla serata sono intervenuti il volto di X-Factor Matteo Becucci, l’attore Giorgio Pasotti e l’imprenditrice Luna Berlusconi, moglie di Edoardo Sylos Labini (e figlia di Paolo). Una serata alternativa dedicata a “Spirito di Stella”, l’associazione creata dall’imprenditore disabile Andrea Stella, che, partita dalla realizzazione del primo catamarano privo di barriere architettoniche, si impegna in progetti integrati che consentono ai portatori di handicap di vivere meglio. • Al ristorante Giannino ospiti internazionali: Lorenzo Tonetti, pochi giorni fa, ha apparecchiato nientemeno che per Jean Dujardin, recente premio Oscar come migliore attore per The Artist, che è stato simpatico con tutti: non solo lui, ma anche Douglas Brian Irvin jr., star del serial Tv CSI Miami. Cena luculliana e poi musica con dj set coinvolgente. Dujardin invitava tutti a ballare al grido «Everybody come 37 For Magazine

here!». Alla serata da star erano presenti anche Gabriella Dompè e l’ex presidente del Marsiglia Calcio Jean-Claude Dassier. • Presentazione della nuova forchetta da sushi: si chiama “Dac” e grazie a un elastico permette anche a chi non sa usare le bacchette di assaporare qualsiasi cibo alla maniera orientale. Da Shiki, in via Solferini, sushi, sashimi, spiedini e tempura per i numerosi ospiti accorsi: tra questi Johathan Kashanian, Selvaggia Lucarelli, Daniela Javarone.

Incredibile la poca cultura della principessa Charlene di Monaco: ad una serata benefica, allo Sporting Club di Montecarlo, riceve gli ospiti all’entrata. Quando arriva il regista di culto Pedro Almodóvar, la regale consorte di Alberto II saluta e poi gli chiede: «Ma lei che lavoro fa?». • Non si capisce se Cesare Cremonini sia felice, oppure no, di non avere una liaison. In ogni caso, dice: «Sono ancora più single di un gay dell’Heaven di Londra, il venerdì sera!». E gli altri giorni della settimana?


For magazine

Grande successo per la serata a sostegno della Fondazione Doppia Difesa, la Onlus di Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, che ha omaggiato la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con un aperitivo calcistico-musicale, in occasione della partita di Champions League MilanBarcellona, nella bellissima location dello Spazio 90, dove amici e testimonial hanno festeggiato insieme i risultati raggiunti nella lotta a ogni forma di discriminazione, abuso e violenza. A promuovere la Fondazione anche volti noti come Malika Ayane, i Fichi d’India, Annalisa Minetti, Elio Fiorucci, Rudy Zerbi, Giorgia Palmas, Leonardo Manera, Antonio Ricci, Max Laudadio, Federica Nargi, Costanza Caracciolo e tantissimi altri. La serata è proseguita con una cena a numero chiuso, solo su invito, con spettacolo e asta benefica a sostegno delle attività di accoglienza, assistenza, consulenza legale e psicologica portate avanti da Doppia Difesa, che ha ricordato i suoi progetti sociali 2011/2012.

Rudy Zerbi, Annalisa Minetti, Michelle Hunziker, Malika Ayane.

Michelle Hunziker con il fidanzato Tomaso Trussardi.

In attesa della bella stagione, due star glamour del calibro di Simona Ventura e Sarah Jessica Parker sono state paparazzate in “winter look” nelle ultime giornate di freddo. Cappotto bianco lunghissimo e borsone in pelle per Super Simo a passeggio per le strade di Milano; mise del lunedì mattina metropolitano per la bella interprete di Sex and the City con giubbino, jeans, stivali country e tanto di berretto di lana in testa. •

Simona Ventura

38 For Magazine

Sarah Jessica Parker


For magazine

In occasione della cena per l’inaugurazione della mostra di pittura Sant’Anna - L’ultimo capolavoro di Leonardo da Vinci, tenutasi al Museo del Louvre a Parigi, molte star erano presenti in total look Salvatore Ferragamo: una serata all’insegna della cultura e del

Hilary Swank

Carole Bouquet

glamour in una location incredibile, davvero una festa per gli occhi e per la mente. Regina della serata la mitica Carole Bouquet. Ammiratissime dagli uomini le bellissime attrici Hilary Swank e Virginie Ledoyen. 39 For Magazine


For magazine INTERVISTA di Silvestro Bellobono

ŠMauro Panci

La fidanzatina di

Katia Greco (26 anni) debutta in Tv nel 2008 nel film prodotto dalla Rai Noi due, diretto dal regista Massimo Coglitore. 40 For Magazine


For magazine

Montalbano Katia Greco si è fatta conoscere dal grande pubblico interpretando Mery, il primo amore del commissario più famoso d’Italia, nel recente prequel nato dalla penna di Camilleri. La giovane attrice siciliana ci confida le sue sensazioni, i suoi progetti e… la sua abilità in cucina Si descrive come una ragazza semplice e passionale, ma allo stesso tempo pratica e determinata. Proprio come il suo personaggio nella seguitissima fiction di Raiuno Il giovane Montalbano con Michele Riondino, una sorta di prequel, voluto dallo scrittore Andrea Camilleri, delle avventure del commissario siciliano già portato sul piccolo schermo da Luca Zingaretti. Ma Katia Greco ha tanto altro da raccontarci. Cominciamo dalla fine: ci parli della sua recente esperienza sul set de Il giovane Montalbano. Quali insegnamenti ha tratto da questo lavoro? «È stata una bellissima esperienza che mi ha arricchito come attrice e mi ha permesso di interpretare, per la prima volta in Tv, un ruolo da protagonista. Mi sentivo addosso molte responsabilità, che mi sono servite come strumento per crescere sia artisticamente che umanamente». È stato emozionante per lei, messinese doc, girare una fiction così popolare nella sua Sicilia? «Per me si è trattato di un bel regalo far parte di questo progetto, lavorando nella mia terra e, nonostante ciò, scoprendo luoghi che non conoscevo. Poi, poter recitare con le inflessioni della mia lingua mi ha reso ancora più felice». Ha trovato difficile calarsi nei panni di Mery, la prima fidanzata del giovane commissario? «Devo confessare che mi sono sentita molto vicina a Mery. Anche per questo non ho avuto grosse difficoltà ad interpretare questo ruolo. Anche io sono passionale, decisa, amante della buona tavola e come lei credo nei valori della famiglia e dell’amore». 41 For Magazine


©Mauro Panci

For magazine

Ha preso parte a numerose fiction Tv, tra le quali Il capo dei capi (2007), R.I.S. 4 (2008), Distretto di Polizia 9 (2009).

Come è stato il rapporto con il protagonista Michele Riondino? «Con Michele ho trovato una bella intesa sul set. Lui è un grande professionista. Non mi ha mai fatto sentire a disagio, riuscivamo a comunicare e a scambiarci pareri sulla scena e sulle battute da dire». Nel suo curriculum figurano diverse partecipazioni a sceneggiati Tv incentrati sul crimine e sulle forze dell’ordine che lo combattono: lei crede che il genere poliziesco sia il preferito dal pubblico italiano? «Io non penso ci sia un genere preferito, magari le produzioni investono maggiormente in questo tipo di seriali perché negli ultimi anni hanno avuto ottimi successi. La struttura del poliziesco è comunque un’arma sempre vincente. Tuttavia, c’è da dire che anche le miniserie di natura religiosa o le biografie di personaggi noti hanno degli ascolti molto alti».

Secondo lei le fiction nostrane subiscono l’influenza di quelle prodotte negli Stati Uniti? «Forse qualcuno si ispira e tenta di avvicinarsi ai format americani, ma sappiamo benissimo che lì la macchina produttiva e i budget sono di altra natura. Nei serial statunitensi c’è una grande attenzione in tutti i reparti, dalla fotografia al montaggio, dalla sceneggiatura alla scelta di attori e registi». Tra le sue passioni c’è anche l’ambito teatrale: se dovesse scegliere tra Tv e teatro cosa preferirebbe? «Se devo essere sincera davanti alla macchina da presa mi trovo più a mio agio, anche perché ho avuto un numero maggiore di esperienze sul set. Però credo che il teatro sia la vera scuola che ti forma, infatti, appena ci sono le occasioni, faccio il possibile per ritornare a calcare il palcoscenico. Sentire l’energia diretta del pubblico è qualcosa di inspiegabile. A tal proposito voglio sottolineare che fino al 27 maggio sarò in scena al Teatro San

42 For Magazine


For magazine

Babila di Milano con una divertentissima commedia intitolata Ti sposo ma non troppo, di e con Gabriele Pignotta». Nel suo mirino c’è anche il cinema? «Non vedo l’ora di lavorare per un bel progetto cinematografico e spero che arrivi presto. Mi piacerebbe moltissimo collaborare con autori del calibro di Tornatore, Salvatores, Bertolucci, Muccino, ma anche con registi meno famosi e ugualmente di talento». Si ritiene una persona ambiziosa? «Sì, lo sono molto. Preferisco puntare in alto e dare il massimo in ogni cosa in cui mi cimento. Se poi non dovessi riuscire a raggiungere uno dei miei obiettivi, posso sempre dire a me stessa di aver fatto tutto il possibile e di averci comunque provato». Qual è il suo rapporto con la celebrità? «Ad essere sincera non sono alla ricerca della notorietà, anzi, un po’ mi spaventa. Ho paura di non poter vivere tranquillamente la mia vita privata, anche se so benissimo che essere un personaggio pubblico significa sacrificare un po’ la propria privacy. Se la fama dovesse arrivare la accoglierei e cercherei di viverla nel modo più sereno possibile». Fa vita mondana quando è lontana dal set? «Preferisco evitare la mondanità, non la amo particolarmente. Mi rendo conto che per il mio lavoro le pubbliche relazioni sono molto importanti e ho trovato un compromesso facendo delle selezioni. Se mi rendo conto che ci sono degli eventi fondamentali a cui non posso mancare, mi armo di voglia e ci vado». Come se la cava tra i fornelli? «Devo ammettere che sono molto brava e ho tanti testimoni che possono confermarlo. Mi piace moltissimo cucinare, ma soprattutto mangiare!». Quali caratteristiche deve avere il suo partner ideale? «Quelle del mio compagno con cui sto da nove anni. Lui è molto dolce, mi comprende, mi sa ascoltare e, soprattutto, è molto generoso d’animo. Io sono un’inguaribile romantica e non riuscirei a stare con un uomo che si risparmia nei sentimenti».

C’è una cosa importante a cui ha dovuto rinunciare a causa del suo lavoro? «I dolci siciliani, perché mi sono dovuta trasferire a Roma».

©Mauro Panci

Qual è l’elemento principale per far funzionare una relazione di coppia? «L’amore è un elemento indispensabile, ma non basta. Ci deve essere molta complicità, occorre condividere degli interessi comuni e poi credo che il dialogo sia importantissimo. Bisogna anche rispettare l’altro e capire quando è il momento di non invadere i suoi spazi. Con il passare del tempo l’amore e la passione si trasformano ed è necessario che ci siano tutti gli elementi di cui ho parlato per poter far funzionare una vita a due».

La Greco è laureata in Scienze Biologiche. Nel 2006 si trasferisce a Roma dove studia dizione, recitazione e partecipa a laboratori di teatro e cinema.

43 For Magazine


For magazine COSE DI MODA di Marco Gastoldi

Tutti al mare Con la bella stagione ormai alle porte le nuove collezioni estive degli stilisti più famosi sono un trionfo di colori accesi, motivi floreali, design allegro. Costumi da bagno, tenute da spiaggia e accessori – per lei e per lui – donano comfort e praticità senza rinunciare all’eleganza CUSTO BARCELONA

Stampe digitali a tutto colore sono le protagoniste delle opere d’arte contemporanea realizzate da Custo Barcelona per la stagione estiva. Una collezione dove gli stessi motivi e mood si possono ritrovare nel guardaroba sia femminile sia maschile: dal look casual contemporaneo in seta e lino al sintetico grigio, beige e blu, fino agli effetti olografici metallici combinati con texture sbiadite. Ispirati al caleidoscopio, ecco che i capi principali diventano i costumi da bagno e le giacche in diverse tonalità cromatiche del rosso corallo, turchese, beige e verde acido. Micro-pezzi realizzati con materiali diversi sono stati assemblati per creare un universo geometrico, ispirato allo strumento che attraverso specchi e vetri crea infinite strutture simmetriche. Ed ancora, shorts, top e costumi realizzati in lino combinato con nylon, rayon acetato e applicazioni manuali hanno reso le texture lucide oro, argento e rame straordinariamente percepibili in tre dimensioni.

44 For Magazine


For magazine

MARC BY MARC JACOBS Una delle contemporary line di maggior successo, diventata un cult metropolitano, è la linea Marc by Marc Jacobs, dallo stile innovativo, essenziale ma sempre elegante. Giovane e pratica, la collezione per la prossima estate risulta semplice nelle linee e raffinata nell’uso acceso dei colori. Arancio, cobalto, lavanda e navy sono le tinte dominanti di abiti-camicia, comodi pantaloni e top, accostati a minigonne da abbinare a sandali platform, sneakers hip-hop e borse da shopping. Interessante ed effervescente anche il corredo swimwear: costumi da bagno interi dalle tinte accese abbinati a borse da spiaggia o micro-pochette a righe coloratissime per la donna più audace ed estroversa; giacche e camicie a mezza manica dal taglio casual-chic abbinati a pantalocini sopra al ginocchio per l’uomo che sceglie la sobrietà delle forme e la luce delle fantasie fiorite e tartan dalle tinte più accese.

45 For Magazine


For magazine

moda

D&G DOLCE&GABBANA Un mix sensuale e multietnico quello scelto dagli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana per celebrare l’addio della linea giovane D&G, che dalla prossima stagione invernale sarà assorbita dalla prima linea Dolce&Gabbana. Tutta la collezione ruota intorno alla fantasia foulard, intesa come accessorio o semplicemente stampa, che si trasforma in abito, giacca e caftano. Frutta, farfalle, verdura e stemmi dalle forme asimmetriche e oversize si alternano a nodi, drappeggi e balze che rendono top e shorts giovani, frizzanti e freschi. Sandali con zeppa e seta da allacciare alla caviglia e infradito flat diventano, insieme alle micro-pochette e ai cappelli in paglia e raffia, i veri must di stagione da sfoggiare nelle più calde giornate dell’estate vacanziera. Seta e chiffon sono i veri protagonisti di un trionfo di colori che varia dal rosa intenso all’azzurro mare, dal verde bottiglia al blu elettrico e notte, dal rosso mattone al giallo limone.

46 For Magazine


For magazine

47 For Magazine


For magazine

cose di moda

48 For Magazine


For magazine

MISSONI Amante della vita e del divertimento mondano, vitale ed energica zingara della prossima estate, la donna di Angela Missoni mostra fluidità e asimmetria attraverso balze e frange che rimarcano il carattere “gipsy” dell’intera collezione. Totale libertà di mix e sovrapposizioni di diversi strati che vanno dall’abbigliamento più pesante fino alla maglia più leggera e trasparente da indossare come copri-costume abbinato a gonne over da portare su pantaloni delle stesse tonalità. Una moda interpretata con spontaneità e naturalezza dai colori evergreen abbinati alla fantasie in pizzo, seta, georgette, tulle e chiffon. Un vero e proprio patchwork di stampe amaranto, corallo, petrolio e smeraldo per tinteggiare anche il più semplice costume intero, impreziosito e complicato da balze e da strati di tessuto in eccesso. Grande importanza conferita all’accessorio: sandali in pelle con enormi fiori di plastica e tacchi di plexiglass variopinti, ventagli e occhiali da sole con montature in metallo, sciarpe e scialli con frange da abbinare a borse circolari in maglia.

49 For Magazine


For magazine

SS2012

DSQUARED2 La collezione primavera/estate firmata dagli stilisti Dean e Dan ci racconta un grande viaggio attraverso l’Europa: dai Paesi nordici fino alla calda Grecia, dall’elegante Firenze fino alla Londra alternativa. Ed è proprio una volta approdato nella festaiola Mykonos che l’uomo Dsquared si perde nella mondanità fino a notte fonda. L’esplosione di vita e colore si inserisce nei costumi da bagno e nei teli mare: dall’arancione al giallo, dal lilla al blu fino ad arrivare al verde e al bianco. Tutto è rigorosamente tinta unita, ma grazie agli accostamenti di diversi colori la briosità traspare da ogni singolo look che trova nel color blocking l’arma vincente per esprimere la luminosità di ogni figura. Ed ecco che ritorna in passerella anche il sandalo flip flop, accessorio irrinunciabile per la sua comodità e praticità, da abbinare al già coloratissimo corredo mare. Decisamente più sobri gli occhiali da sole, che regalano all’uomo vivace un tocco di classe dall’incredibile sapore vintage.

50 For Magazine


For magazine

LIBERTINE “Tax the rich more” è lo slogan stampato nero su bianco su una t-shirt firmata Libertine per l’attuale stagione estiva. Un messaggio dal contenuto esplicito che contraddistingue capi e accessori rivestiti di attualità e contemporaneità, che non rinunciano ad essere confortevoli e funzionali per ogni occasione. Cerchi, griglie, moduli, strisce e fiori si ripetono incessantemente stampati su ogni pantalone, calza, bermuda, maglia o impermeabile realizzato in pelle, cotone o fresco lana, disegnando una collazione totalmente in bianco e nero dalle ispirazioni provenienti dall’universo della design-grafica. Perfino i costumi da bagno risentono degli straordinari motivi dell’intero black&white: righe e cerchi donano il giusto e temperato equilibrio fra rigore, design e umorismo. Ai piedi troviamo invece mocassini stampati dalla suola in gomma che, insieme alle shopper in tela, completano il casual look proposto come swimwear per l’uomo rapper o rocker.

51 For Magazine


For magazine

moncler

Un’estate sportiva ed effervescente quella prevista da Moncler Gamme Bleu: il newyorkese stilista Thom Browne prende ispirazione dall’universo sportivo per la prossima calda stagione. Il mondo della scherma e del tennis risultano in primo piano, ma non mancano vela, equitazione e nuoto per la felicità dell’uomo che vuole essere alla moda anche durante l’allenamento o la gara. Pantaloni, tute, gilet e giubbetti diventano candidamente corazzati e imbottiti dove si riversano righe orizzontali, come anche sulla moltitudine di costumi da bagno proposti per il tempo libero della bella stagione. Lana cerata e nylon hanno reso tutto ciò possibile nelle varianti cromatiche del bianco, grigio, rosso, nero e argento. Impossibile resistere al fascino dell’uomo sportivo che sceglie attentamente anche l’accessorio giusto in perfetta linea con lo stile agonistico: dalle fasce di spugna alle lunghe calze fino ai mocassini neri e navy e ai calzini più corti che arrivano alla caviglia.

52 For Magazine


For magazine

gherardini

di Ivan Rota

Liz Hurley

NANCY GONZALEZ

Margherita Missoni e Marco Maccapani.

Debutto con stile di Gherardini durante il Salone del Mobile. Lorenzo Braccialini, direttore marketing e comunicazione del Gruppo Braccialini, e Damiano Biella, direttore creativo di Gherardini, hanno presentato, con un evento esclusivo presso la boutique milanese, la nuova linea Gherardini Home. Le bellissime signore della Milano bene si sono date appuntamento presso la show room di via della Spiga: dalla principessa Scilla Ruffo di Calabria, nipote della regina del Belgio, che portava al braccio il modello must have di Gherardini, l’ammiratissima “Lisa Bag”, alla splendida Margherita Maccapani Missoni, accompagnata dal padre Marco Maccapani, fino alle due giovanissime Virginia Orsi e Beatrice Camerana. Senza dimenticare, tra gli altri, Beppe Angiolini, presidente della Camera italiana dei buyer, che accompagnava Pupi Solari, signora milanese dello stile da oltre quarant’anni. Presso la style room allestita nella vetrina dello store sono stati presentati sia i mobili sia i complementi d’arredo, nati dalla collaborazione con Formitalia Luxury Group, che produrrà in licenza l’arredamento personalizzato della maison, declinando in chiave living i suoi tratti distintivi.

Liz Hurley, l’attrice inglese che interpreta il personaggio di Diana Payne, indossa una creazione Nancy Gonzalez durante l’ultimo episodio del Gossip Girl, il serial Tv diventato un vero e proprio cult in tutto il mondo. La star ha scelto una bag della collezione Fall-Winter 2011 in coccodrillo nelle tonalità del grigio, il prezioso materiale lavorato che è anche la firma di Nancy Gonzalez. La qualità, l’esclusività, l’autenticità e l’eternità sono i segni distintivi del vero lusso. Questi, insieme al rigore e alla composizione, sono i concetti sostanziali del brand. La designer colombiana, creatrice di moda e tendenze, adegua materiali rari e unici a colori audaci per accessori must have che completano il lifestyle di ogni donna che ama il lusso. Le creazioni Nancy Gonzalez sono sempre trend setting, seppur ispirate ad elementi classici. «La natura è la mia miglior complice e la fonte d’ispirazione è sicuramente la vita», ha detto. «Cerco sempre di spingermi oltre i limiti di ciò che può essere realizzato con preziose pelli». La linea è venduta in oltre quattrocento rinomati store in tutto il mondo, tra cui Harrod’s a Londra, Aizel a Mosca, Quartier 206 a Berlino, Boon Shop a Seoul, On Pedder a Giacarta, Singapore e Pechino, 10 Corso Como a Milano, Lane Crawford a Pechino, Joyce a Hong Kong e Shanghai, Holt Renfrew in Canada, 57 Montaigne Market a Parigi, insieme a Bergdorf Goodman, Neiman Marcus e Saks Fifth Avenue.

53 For Magazine


For magazine

Il divano "Dark Lady"

BLUMARINE Eleganza, ricchezza e preziosità sono le caratteristiche predominanti delle nuove proposte Blumarine Home Collection 2012, presentate durante il Salone del Mobile, in una location d’eccezione creata ad hoc per l’evento, in via Manzoni a Milano. Per i nuovi elementi di arredo si sono volute mantenere linee pulite e classiche, coniugate a materiali innovativi e moderni, il tutto in perfetto stile Blumarine. Fiore all’occhiello di queste proposte sono le stampe tipiche e distintive della maison, con particolare attenzione ai motivi floreali, declinati in diverse varianti di colore e accostati a fantasie animalier. Una collezione completa che spazia dai letti ai divani, dalle poltrone ai tavoli, dalle sedie ai complementi d’arredo, che si distingue per la versatilità degli elementi che possono essere utilizzati trasversalmente in più ambienti. Per soddisfare le esigenze più preziose, le nuove proposte si arricchiscono anche di dettagli unici creati con strass, borchie e pizzi, sottolineando l’esclusività di ogni singolo pezzo. Di particolare attenzione il divano “Dark Lady”, rivisitazione in chiave moderna del romanticismo Blumarine: la ricchezza del velluto viola si abbina alla raffinatezza del lino ed acquista

un sapore intramontabile grazie all’uso del capitonné. Segni distintivi di questi nuovi elementi sono l’artigianalità e l’attenzione al dettaglio rigorosamente Made in Italy. Da poco il brand Blumarine è sbarcato a Kiev con il primo negozio monomarca. La nuova boutique, situata all’interno del prestigioso Mandarin Plaza Shopping Center, rispecchia il concept di tutte le boutique della maison nel mondo. L’interno si sviluppa su un unico piano, per uno spazio espositivo di 130 metri quadrati, ampliato dalle grandi e luminose vetrine. Il progetto, che ha come tema centrale la luce abbinata al concetto di femminilità, utilizza marmo bianco per i pavimenti e appenderie in acciaio lucido, pannelli con finitura madreperla grigia e specchi sfaccettati che rimandano alla forma del diamante. Raffinati dettagli in cristallo rosa si snodano accanto agli elementi espositivi, mentre l’illuminazione, ottenuta con Led di ultima generazione, valorizza la cromia dell’ambiente creando brillanti e preziosi effetti di luce. Il nuovo spazio Blumarine va ad aggiungersi alla boutique monomarca Blugirl già esistente all’interno del Mandarin Plaza Shopping Center, rafforzando così la presenza di Blufin nella capitale ucraina.

54 For Magazine


For magazine

55 For Magazine


double feature di Ivan Rota

Lontani i tempi di Titanic, l’attrice Kate Winslet dice che, quando sente la canzone colonna sonora del film cantata da Céline Dion, le viene da vomitare. Morbida nelle forme, la diva, durante la cerimonia dei 37esimi César Film Awards, ha indossato un bell’abito paillettato, ma con una scollatura traditrice che ha mostrato un décolleté non proprio da Oscar. Kate dovrebbe affidarsi a stylist più esperti.

La star americana Jessica Alba è stata paparazzata per strada a Los Angeles, con indosso un paio di ballerine in suede effetto “arcobaleno”: sin qui tutto bene. Per il resto, ci risiamo: l’attrice, tra le più sexy del mondo, in questa circostanza è parecchio sciatta e provinciale. E i fuseaux rosa sono inguardabili! 56 For Magazine


For magazine

Filippa Lagerback, con Fabio Fazio a Che tempo che fa, è una persona deliziosa, gentilissima con tutti e il suo stile riflette sempre il suo animo. Strenua paladina del “green” e della natura, Filippa, in occasione di una sfilata Blumarine, si è presentata in un look molto semplice ed elegante: sembrava un’amica, una vicina di casa che ci vuole tanto bene.


Ecco, sempre durante l’evento Blumarine, una Martina Colombari in gran forma, con tanto di spolverino e abitino “allegro”. Molto rigore, sobria e solare allo stesso tempo, l’attrice, regina delle fiction, si concede solo un vezzoso dettaglio animalier nella borsa. E questo non guasta! A quando un ritorno in Tv? 57 For Magazine


For magazine COME UNA STAR di Valentina Polidori

VALENTINA LODOVINI: LA RIVINCITA DEL COLORE

Attrice intelligente e posata, la bella protagonista di Benvenuti al Sud e sequel lancia l’outfit dell’estate 2012, in cui dominano i contrasti cromatici tra l’abito e il trucco Valentina Lodovini ha sempre scelto i suoi ruoli con perizia e lungimiranza. Affascinante nel senso più rinascimentale del termine, si è tenuta sapientemente lontana dai gossip e dai paparazzi, così come dai social network e dagli avvenimenti mondani. Della sua vita privata, infatti, si sa pochissimo, ma parlano per lei le sue encomiabili prove di attrice, che le hanno fatto conquistare meritatamente un posto tra gli astri nascenti del cinema italiano. Una donna, sobria, quasi d’altri tempi, dunque, ma non immune dal fascino irresistibile della moda contemporanea. Eccola, dunque, in una mise squisitamente estiva, rigorosamente sgargiante, come vuole il trend del momento. La splendida perugina valorizza le sue forme generose con un abito in seta scivolata fucsia, con un taglio a stile impero che lascia libero dalle costrizioni il punto vita. La mostrina sul petto è decorata da raffinati ricami ton sur ton, mentre le spalline sono morbide, realizzate tramite delicate sovrapposizioni di tessuto. La lunghezza del vestito è elegante, adatta alla tipologia di abito: lascia, infatti, scoperte le ginocchia, adornandole con due deliziose doppie ruches sul fondo. I sandali sono in coccodrillo fucsia, a listelli larghi, con tacco altissimo e le unghie sono dipinte di un rosso acceso, in netto contrasto con l’abito, come vuole la moda di questa primavera/estate 2012. Essenziali, quasi assenti, gli accessori: bracciali rigidi in oro e bronzo al braccio destro, al termine del quale pende una borsa di media grandezza in pelle ruvida di colore blu notte, con manici e tracolla. Veramente di forte e gradevole impatto sia l’acconciatura che il make up: a dare un tono sensuale e, al contempo, mediterraneo all’outfit, il caschetto lungo di Valentina è ravvivato da morbidi boccoli, mentre il trucco è decisamente strong, in contrapposizione con l’aria romantica del suo look. Lo sguardo è sottolineato da un kajal nero nella rima inferiore, mentre, nella palpebra superiore, troviamo un ombretto grigio scuro a dare risalto agli occhi nocciola dell’attrice. Le sopracciglia sono scolpite e scurissime. Il rossetto è lucido e acceso, fucsia come il vestito, in antitesi con la sua carnagione eterea. Il blush, color pesca, è dosato con parsimonia sugli zigomi alti. Un outfit, quindi, replicabile con semplicità e disinvoltura, che richiede pochissimi, basilari, elementi, ma che risulta di grande effetto, specie per un’occasione estiva, all’aperto, come per la giovane attrice, che l’ha sfoggiato all’inaugurazione di una elegante boutique. Non sono, dunque, solo il teatro ed il cinema le passioni della diva umbra, ma anche la moda e le sue più attuali declinazioni. Perché impegnate e riservate lo si può essere, ma grazie a un bell’abito lo si è con maggior stile.

58 For Magazine


For magazine

CARA MARINA di Marina Ripa di Meana

scrivi a: marina@marinaripadimeana.it

Cara Marina, sono una ragazza di Terni e faccio un corso di specializzazione a Roma. Giorni fa, come mi accade speso, ho preso il treno per andare a Roma e ho incontrato un uomo sui quaranta. Era un settentrionale e, dopo qualche minuto che parlavamo, ha cominciato a insultare i romani con il linguaggio tipicamente leghista. Io li ho difesi e allora se l’è presa anche con gli umbri, pure loro un po’ troppo meridionali. Veramente insopportabile. Alla fine l’ho mandato a quel paese. Forse sono stata eccessiva? Forse dovevo essere più rispettosa delle sue opinioni?

Cara Marina, faccio il badante e non sono un extracomunitario, ma un italiano doc. Mi impegno moltissimo, ma il mio lavoro non è protetto, anche perché c’è la concorrenza delle donne straniere che prendono meno soldi pur di essere assunte. Ogni tanto vado ai sindacati, ma nessuno mi ascolta: sono tutti presi da altri argomenti, tipo i patti per lo sviluppo o la crisi del tessile, ma di me non si occupa nessuno. Inoltre, sono anche deriso perché faccio un lavoro da donna.

Francesca, Terni

Carissimo Carlo, capisco le tue preoccupazioni, sono purtroppo quelle di molti italiani che si ritrovano, anche con fiori di diplomi e lauree, a dover affrontare lavori precari. Quanto ai sindacati che non danno retta, stendiamo un velo pietoso! Non sono d’accordo, però, sulla tua insicurezza nel fare il badante perché uomo. Fai un lavoro nobile che aiuta persone in difficoltà, quindi devi esserne fiero. Reagisci, magari scegli di accudire qualche vecchietta simpatica. Dai il meglio di te, presentandoti sempre in ordine e con il sorriso sulle labbra. E chissà che non ci scappi un matrimonio o qualcos’altro. Potrà sembrarti una favola troppo bella, eppure è successo. Nella vita essere ottimisti paga. Ciao, Marina

Cara Francesca, le è andata bene perché non siete arrivati alle mani. Finché ci si insulta… c’è vita! Far recedere il prossimo dai propri pregiudizi è un’impresa disperata. Quando poi il portatore di pregiudizio ha raggiunto i quarant’anni è anche inutile. I guasti maggiori li avrà già prodotti. Saluti e auguri, Marina

Carlo, Perugia

59 For Magazine


ForCINEMA magazine di Silvestro Bellobono

Seafood Un pesce fuor d’acqua Il coraggioso mini-squalo Pup deve salvare le uova dei suoi “fratelli” rubate dai bracconieri. La missione prevede di avventurarsi fuori dall’acqua nel mondo umano, accompagnato dall’amico Julius. Divertimento assicurato con messaggio ecologista

L’idea del film prende spunto dalla volontà dello squalo Julius di cercare sulla terraferma cibo diverso. Negli Usa la pellicola ha ricevuto un “PG” (visione consentita ai minori con la presenza di un adulto) per situazioni di paura, azione e linguaggio leggero.

60 For Magazine


For magazine

Il regista Aun Hoe Goh ha studiato animazione in Giappone. Tornato in Malesia, ha lavorato come animatore 3D per aziende di postproduzione. Negli anni successivi è diventato un pioniere dell’animazione asiatica, prima di fondare nel 1999 lo studio Silver Ant. Seafood è la sua prima pellicola di animazione.

Perseveranza e tenacia sono le qualità alla base di Seafood, il cui progetto nasce nella mente del regista Aun Hoe Goh nel lontano 2000, quando le pellicole di animazione digitale a Hollywood erano già una solida fonte di successo. Goh sognava di portare anche nella sua Malesia il cinema d’intrattenimento realizzato con la computer graphic, ma sin dal principio aveva capito che la difficoltà maggiore non sarebbe stata la tecnologia, bensì trovare degli investitori interessati, e quindi i fondi necessari. Lo spunto iniziale, privo di una vera sceneggiatura, era la storia di uno squalo che, annoiato del suo cibo sottomarino, si sposta sulla terraferma per provare il sapore del pollo. Soltanto nel 2007, dopo un lungo periodo in cui il progetto si era arenato e nel suo autore era subentrata la rassegnazione, Goh riesce a mostrare un breve filmato del cartoon ad un dirigente del Children’s Channel di Al Jazeera di Dohar, in Qatar: la sua emittente televisiva era interessata a investire nell’animazione dello squalo. Dopo aver finalmente trovato i finanziamenti, il regista malese ha messo insieme una squadra di 35 animatori per realizzare l’opera nel giro di tre anni, anche grazie all’apporto decisivo dello sceneggiatore Jeffrey Chiang, che ha avuto mano libera nello sviluppo dello scarno soggetto, ampliandolo e rendendolo più avvincente. «La storia non poteva limitarsi a parlare di uno squalo e di pollame – ha dichiarato Chiang –. Doveva avere delle basi più solide, in modo che ci fossero delle motivazioni emotive. Doveva contenere dei personaggi profondi, che sentissero il bisogno di sviluppare tutto il loro arco narrativo». Il risultato finale di questo lavoro sono le vicende di Pup, un grazioso e minuscolo squalo bambù, e di Julius, temerario squalo pinna bianca perennemente affamato. Quando il primo si ritrova in mari

La simpatica gallina Heather è attratta solo dagli oggetti luminosi. Pragmatica e di buon senso tiene unito il gruppo dei suoi amici polli, aiutando lo squalo Julius.

61 For Magazine


For magazine

Lo sceneggiatore Chiang ha sottolineato: «La cosa che mi ha veramente conquistato è stata il vestito da squalo. Non mi era mai capitata una cosa del genere prima di quel momento e questa è diventata la mia ispirazione principale». I creatori del film avevano stabilito fin dall’inizio di non ritrarre gli squali come dei mostri violenti.

sconosciuti, davanti ad una sconfinata barriera corallina ricca di sacche di uova di squalo bambù, assiste al furto dei preziosi gusci da parte di alcuni pescatori di frodo. Dopo aver scoperto di essere in grado di respirare sulla terraferma, Pup si avventura nel mondo degli umani per salvare la vita dei suoi potenziali “fratelli” prima che finiscano sui tavoli di un ristorante di pesce. È a questo punto che il grande squalo Julius si lancia in soccorso dell’amico, spinto anche dal desiderio di trovare una fonte di cibo alternativa, individuata in un gruppetto di galline che vivono sulla costa. Ciò è possibile grazie all’invenzione della piovra Octo, che mette a punto una speciale muta: una sorta di corazza protettiva che permette ai pesci di spostarsi sulla terraferma mantenendoli a contatto con acqua ricca di ossigeno, un incrocio tra la tuta di un astronauta e uno space shuttle. Così Julius, in compagnia di tre pesci pilota, sale a bordo del veicolo e va in esplorazione del mondo terrestre per recuperare Pup sano e salvo. A metà strada tra Alla ricerca di Nemo (2003) e Shark Tale (2004),

il nuovo cartoon targato Moviemax conduce lo spettatore nelle profondità del mare alla scoperta dei suoi bizzarri abitanti, in un ambiente particolarmente battuto dai lungometraggi animati recenti. Non mancano le tematiche ecologiste, con un esplicito riferimento all’inquinamento marino da parte dell’uomo e al massacro di alcune creature, come gli squali, necessarie per portare in tavola la zuppa di pinna.

SCHEDA DEL FILM: REGIA: Aun Hoe Goh SCENEGGIATURA: Jeffrey Chiang GENERE: Animazione DURATA: 93' DISTRIBUITO DA: Moviemax

62 For Magazine


For magazine

KILLER ELITE Mercenari senza scrupoli, guerre segrete, ricatti e vendette in un action al cardiopalma ricco di sparatorie e combattimenti corpo a corpo. Con un cast di qualità in cui spicca l’evergreen De Niro

Nel 2006 Robert De Niro ha ricevuto ufficialmente la cittadinanza italiana e il passaporto per mano dell’ex sindaco di Roma Walter Veltroni. L’attore è anche iscritto alle liste elettorali della sua regione d’origine, il Molise.

63 For Magazine


For magazine

Jason Statham, Robert De Niro e Clive Owen in una sequenza del film, girato tra Australia, Giordania e Galles. «Sicuramente è un thriller – ha spiegato il regista Gary McKendry – ma i personaggi sono ispirati a persone realmente esistite, e ciò che eravamo interessati ad esplorare era il loro lato umano».

Sessantanove anni (il prossimo 17 agosto) e non sentirli. Non si può che partire da Robert De Niro per presentare il nuovo action-thriller dell’esordiente Gary McKendry, Killer Elite, tratto dall’omonimo romanzo del 1991 di Sir Ranulph Fiennes. Il poliedrico attore, due volte premio Oscar, Golden Globe alla carriera nel 2011, da tutti considerato un mostro sacro del cinema mondiale, non ci pensa proprio ad appendere i copioni al chiodo per dedicarsi ai nipotini. E, invece di rassegnarsi all’idea degli anni che passano, calandosi nei panni pacifici di uomini della terza età, continua a prediligere le storie criminali, in cui è chiamato ancora una volta ad impugnare una pistola o a impersonare il duro della situazione che non teme rivali o vendette. Proprio come in quei gangster movie del caro amico Martin Scorsese (da Mean Streets a Quei bravi ragazzi fino a Casinò) che lo hanno reso leggendario, esaltando il suo innato talento. Certo, non sempre le sue scelte artistiche più recenti sono apprezzabili, talvolta finisce in pellicole discutibili (Machete, Limitless) o in commedie frivole (Manuale d’amore 3, Capodanno a New York), però il vecchio leone sa ruggire ancora. Come in questa spy story dove “Big Bob” interpreta Hunter, il mentore del mercenario Danny Bryce (Jason Statham), un killer professionista che dopo aver rischiato di uccidere un bambino innocente per errore, decide di ritirarsi in un luogo privato, lontano dagli orrori del suo mestiere, alla ricerca di una tranquillità mai goduta. Ma quando viene informato che l’amico Hunter, durante

una missione, è stato fatto prigioniero dal sultano dell’Oman, torna in pista per salvarlo. Sotto ricatto Danny è costretto, se vuole salvare la vita del collega, a vendicare la morte dei figli del sultano, assassinati da alcuni soldati dei Sas (Servizi Aerei Speciali britannici) durante la Guerra dell’Oman. Tra questi uomini assetati di violenza c’è Spike Logan (Clive Owen), proprio il capo di quel team, i “Feather Men”, che deve essere eliminato. Lo scontro tra due killer infallibili è cruento e senza esclusione di colpi, poiché ognuno dei contendenti ha molto da perdere ed è pronto a battersi per quello in cui crede e per cercare una possibilità di redenzione. Killer Elite è un film d’azione classico, che rispetta i canoni e gli standard del genere crime movie, con l’aggiunta di un pizzico di fanta-politica, rappresentato da una guerra segreta in Oman che coinvolge la Gran Bretagna e porta i protagonisti a spaziare dalla Francia all’Australia. Anche se il titolo richiama con esattezza una vecchia pellicola di Sam Peckinpah del 1975, interpretata da James Caan e Robert Duvall, il primo lungometraggio di McKendry non ha nulla a che fare con quello. Il libro di Ranulph Fiennes, adattato da egli stesso per il cinema, in collaborazione con Matt Sherring, è un ritratto di uomini eccezionali ai quali viene richiesto di esserlo ancora di più. La suspense e l’intensità drammatica non mancano, grazie anche alle buone performance del muscoloso Jason Statham, del convincente Clive Owen e della giovane attrice australiana Yvonne Strahovski. L’ambientazione negli anni ’80 ha condizionato tutto il

64 For Magazine


For magazine

Robert De Niro (69 anni) e Jason Statham (45 anni) interpretano Hunter e Danny: insieme formano una squadra che nel 1980, periodo in cui è ambientata la storia, rappresenta il meglio sul mercato dello spionaggio. Statham è un esperto di arti marziali come il kickboxing.

look del film, oltre a quello dei personaggi e delle location, scelte con cura e attente ricerche. Le riprese effettuate con molte telecamere a spalla, leggere e maneggevoli, hanno permesso di conferire maggiore autenticità e realismo alle sequenze d’azione, molte delle quali girate in prima persona dagli attori senza l’ausilio di stuntman o controfigure.

SCHEDA DEL FILM

Clive Owen (48 anni) ha preteso di girare lui stesso le sequenze d’azione. Nel 2005 ha vinto il Golden Globe come miglior interprete non protagonista per Closer.

REGIA: Gary McKendry SCENEGGIATURA: Matt Sherring, Ranulph Fiennes CAST: Jason Statham, Robert De Niro, Clive Owen, Yvonne Strahovski, Dominic Purcell, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Grant Bowler GENERE: Azione, Thriller DURATA: 116' DISTRIBUITO DA: Lucky Red USCITA: 1 giugno 2012

65 For Magazine


For magazine

special forces liberate l’ostaggio Sullo sfondo della guerra in Afghanistan, un gruppo di soldati pronti a tutto dà inizio a una ricerca incessante per liberare una bella giornalista rapita dai talebani. Il regista Rybojad spiega come è nata l’idea del film e come ha scelto i protagonisti

La maggior parte del film è stata girata in Tagikistan, poiché in Afghanistan era impossibile a causa della guerra. La piccola repubblica, ex stato dell’Urss, era l’unico posto che permetteva l’accesso all’Himalaya dalla strada.

66 For Magazine


For magazine

Stéphane Rybojad ha concepito il film a seguito di un documentario sulle Forze speciali dell’esercito francese, composte da tanti giovani volontari: «Mi chiedevo cosa spingesse questi ragazzi a farlo, ciò che li motiva», ha dichiarato il regista.

Scritto e diretto da Stéphane Rybojad, Special Forces - Liberate l'ostaggio è un film di stringente attualità, poiché è incentrato su uno dei temi più caldi e drammatici delle recenti guerre in Medio Oriente: quello dei rapimenti di cittadini occidentali, molto spesso giornalisti o volontari in missioni umanitarie, da parte delle frange di terroristi più estremi che popolano questi territori. La produzione francese alla base del progetto sembra allontanare, almeno in parte, la stereotipata retorica americana che in pellicole di questo genere tende ad abbondare oltremisura. Tutta la vicenda è una storia di coraggio: quello di una donna forte, indipendente, piena di ideali, e quello di un gruppo di uomini valorosi pronti ad affrontare situazioni di grande pericolo pur di salvarla. In Afghanistan la corrispondente di guerra Elsa Casanova (Diane Kruger) viene presa in ostaggio dai talebani che minacciano di ucciderla. Per evitare la sua imminente esecuzione viene inviata un’unità delle forze speciali, guidata da un soldato con il senso del dovere e dell’onore (Djimon Hounsou), e incaricata di recarsi nelle zone più remote e ostili del Pakistan per liberarla. Della complessità di girare un film simile e di come si è giunti a realizzarlo parla il regista in prima persona. Lei è noto come regista di documentari televisivi. Che cosa l’ha spinta a dedicarti al cinema? «All’età di 13 anni ho cominciato a girare cortometraggi su Super 8, quindi mi sono spostato sui veri corti in 35 mm. Ho avuto una breve esperienza in televisione, ma non ho mai perso di vista il mio obiettivo, il grande schermo».

Quindi come è arrivato a specializzarsi nei documentari? «Undici anni fa ho fondato la società di produzione “Memento” con un amico, Thierry Marro, per fare il tipo di programmi Tv che ci interessava. E naturalmente abbiamo iniziato con i documentari. Mi piacciono gli sport estremi. Così abbiamo fatto una serie sui lavori ad alto rischio, con la quale abbiamo lavorato con il Ministero della Difesa». Ed è qui che vi siete imbattuti nelle forze speciali? «Sì. Nel 2005 ho diretto il primo documentario sulla struttura di comando delle Forze Speciali, che governano 3.000 persone dell’esercito francese. Mi sono interessato a questi giovani di circa 20 anni che si offrono volontari». In quale momento ha pensato di avere del buon materiale per una storia? «Avvenne gradualmente. C’erano tutti gli ingredienti del genere di film che amo, come Platoon, Black Hawk Down, The Hurt Locker, non politici, ma in realtà basati su eventi attuali, che è raro nel cinema francese: avventura, azione ed emozioni». Quando hai iniziato a scrivere la sceneggiatura? «Tre anni fa. Mi sono seduto e ho scritto una prima bozza. Ho ideato i personaggi abbastanza velocemente, traendo ispirazione da alcuni dei ragazzi che avevo incontrato. Poi ho riscritto il copione quando si è definito maggiormente il progetto».

67 For Magazine


For magazine

Tedesca di nascita e francese d’adozione, Diane Kruger (36 anni) ha conosciuto la fama hollywoodiana nel 2009 recitando in Bastardi senza gloria di Tarantino.

Dopo Amistad e Il gladiatore, Djimon Hounsou (48 anni) è stato nominato all’Oscar come miglior attore non protagonista per In America - Il sogno che non c’era.

Ha scritto il ruolo del capo dell’unità appositamente per Djimon Hounsou? «No, ma ho avuto l’idea subito dopo aver finito il copione. L’avevo visto in Blood diamond. Sapevo che veniva da Benin, che era arrivato a Parigi all’età di 12 anni e ha avuto un momento difficile, ma cogliendo le sue opportunità ha finito per vivere il sogno americano in tutto il suo splendore».

capacità di passare da un’emozione all’altra molto rapidamente, lo trovo affascinante».

Parliamo di Diane Kruger, cosa le ha fatto pensare a lei? «Avevo già un progetto per lei, ma era un po’ complicato perché era parecchio occupata. Conosco un sacco di corrispondenti straniere, e sono spesso belle donne, taglienti come rasoi e molto forti. Il genere di attrici che mi piace sono Tippi Hedren e Meryl Streep, Jodie Foster e Diane Kruger. Bionde con occhi azzurri, all’apparenza fredde, ma molto attraenti. Diane è un’attrice straordinaria, ha quella

SCHEDA DEL FILM REGIA: Stéphane Rybojad SCENEGGIATURA: Stéphane Rybojad CAST: Diane Kruger, Djimon Hounsou, Benoît Magimel, Denis Ménochet, Raphaël Personnaz, Alain Figlarz, Mehdi Nebbou, Marius, Raz Degan, Tchéky Karyo GENERE: Azione, Drammatico DURATA: 107' DISTRIBUITO DA: Eagle Pictures

68 For Magazine


For magazine

VIAGGIO IN PARADISO Quando il criminale Driver finisce in un carcere messicano infernale, gestito dai detenuti stessi, dovrĂ fare ricorso alle sue abilitĂ  per sopravvivere. Un ruolo sporco e cattivo, ideale per il reietto Mel Gibson 69 For Magazine


For magazine

Il film è stato girato interamente in Messico. Il penitenziario Ignacio Allende, a Veracruz, è servito da set per ricreare “El Pueblito”, un carcere realmente esistito, costituito da una baraccopoli con oltre 700 case fatiscenti e negozi costruiti intorno al cortile principale della prigione, un regno di corruzione e malavita.

Torna Mel Gibson nelle vesti di attore, un evento sempre più raro per la star australiana (soli quattro film recitati negli ultimi dieci anni) che, con ottimi successi era passato dall’altra parte della cinepresa, destando ammirazione nella critica e una considerevole dose di polemiche per le sue opere da regista La passione di Cristo (2004) e Apocalypto (2006). Del resto, ormai, dove c’è Mel ci sono problemi. Nel 2009 viene lasciato dalla moglie (da cui ha avuto sette figli) per averla tradita con la musicista russa Oksana Grigorieva, dalla quale l’attore ha avuto un’altra bambina. Anche la relazione con questa donna si chiude male, anzi finisce in tribunale per una serie di maltrattamenti, umiliazioni e insulti verso la compagna che costano a Gibson 36 mesi di libertà vigilata, un programma di riabilitazione psichica e 600 dollari di multa. Ai soprusi in famiglia si aggiungono la dipendenza dall’alcol (più volte è stato fermato dalla polizia per guida in stato di ebbrezza) e alcune circostanze spiacevoli in cui l’ex “Braveheart” si abbandona pubblicamente ad accuse a sfondo razzista e antisemita. Come se non bastasse viene licenziato dall’agenzia per attori a cui era iscritto ed è costretto a trasferirsi in Australia (accolto di nuovo dalla ex

moglie) al fine di evitare la possibilità di un arresto negli Usa per violenze domestiche. E in questi casi Hollywood non è tenera con le sue stelle. L’ultima pellicola con Gibson, Mr. Beaver, diretta dell’amica Jodie Foster, è stata boicottata nelle sale incassando davvero pochissimo. Invece il nuovo Viaggio in Paradiso è uscito in patria direttamente in formato video-on-demand, poiché l’ostracismo continua. Eppure l’attore ha fortemente voluto questo lungometraggio, non limitandosi solo a recitare ma producendolo in prima persona. La vicenda narrata è quella di Driver (Gibson, appunto), che, dopo aver appena messo a segno un colpo da milioni di dollari, viene inseguito a forte velocità dalla polizia fino alla frontiera con il Messico, dove, in seguito a una carambola violentissima con la sua auto, varca il confine e si ritrova nel paese latino. Qui viene arrestato dalle autorità locali e tradotto in carcere, in un luogo ostile e pericoloso chiamato “El Pueblito”, dove lui, in quanto gringo, rappresenta una minaccia per i reclusi messicani, spietati criminali legati al traffico della droga. Driver dovrà tirare fuori tutto il suo coraggio e la sua tenacia per riuscire a sopravvivere, anche grazie

70 For Magazine


For magazine

Diventato un divo con le serie di Mad Max e Arma letale, Mel Gibson (56 anni) ha vinto due Oscar, per miglior film e miglior regia, nel 1996 con Braveheart - Cuore impavido.

al sostegno inaspettato di un bambino di 10 anni (Kevin Hernandez), che toccherà il cuore del fuorilegge americano. Viaggio in Paradiso (titolo originale che rende meglio l’idea Get the Gringo), prodotto dalla Icon Production (azienda cinematografica fondata dallo stesso Mel Gibson insieme a Bruce Davey), è un film d’azione pura che a tratti sconfina nella commedia dark, con un pizzico di ironia che non gusta mai. Il regista Adrian Grunberg è al suo esordio, dopo aver già collaborato in passato con Gibson, in qualità di primo assistente alla regia, sia per Apocalypto sia per Fuori controllo.

SCHEDA DEL FILM REGIA: Adrian Grunberg SCENEGGIATURA: Adrian Grunberg, Perskie Stacy CAST:Mel Gibson, Peter Stormare, Bob Gunton, Dean Norris, Scott Cohen, Patrick Bauchau, Daniel Gimenez Cacho, Kevin Hernandez, Tom Schanley, Roberto Sosa GENERE: Azione DURATA: 95' DISTRIBUITO DA: Eagle Pictures

L’attore svedese Peter Stormare interpreta il losco Frank. A renderlo celebre sono stati film come Il Grande Lebowski, Armageddon e Chocolat.

71 For Magazine


For magazine

la fredda luce del giorno Suspense, azione e pericolo per il giovane Will Shaw, coinvolto in una cospirazione governativa piena di misteri e ricatti, che ha un unico obiettivo: salvare la propria famiglia dalle mani dei rapitori. Tra i protagonisti Bruce Willis e Sigourney Weaver

Dopo tanta gavetta in film minori, il britannico Henry Cavill (29 anni, qui con Verónica Echegui) avrà finalmente l’occasione per diventare popolare interpretando Superman nel reboot di Zack Snyder (in sala nel 2013).

72 For Magazine


For magazine

Sigourney Weaver (62 anni) del suo personaggio ha detto: «È un classico esempio di agente cattivo della Cia ed ero curiosa di vedere cosa potevo farci».

Bruce Willis (56 anni) aveva già lavorato con la Summit (produttrice del film) in Red (2010). Prossimamente lo vedremo ne I mercenari 2 accanto a Sylvester Stallone.

Come una tranquilla vacanza di un ragazzo comune può trasformarsi in un incubo. Potrebbe essere questo lo slogan accattivante di La fredda luce del giorno, nuova pellicola del regista francese Mabrouk El Mechri, a metà strada tra un action-thriller e una spy story. Will Shaw (Henry Cavill), è un giovane uomo d’affari di Wall Street, in vacanza in Spagna con tutta la sua famiglia. Dopo essersi allontano dallo yacht che ospita lui e i suoi cari per un’escursione, torna e non trova più nessuno. In preda al panico denuncia la scomparsa dei familiari, ma viene inspiegabilmente arrestato dalle autorità spagnole. E questo è solo il primo di tanti intrighi in cui verrà coinvolto e che lo porteranno a scoprire una serie di scomode e pericolose verità. A cominciare dal vero lavoro del padre Martin (Bruce Willis), un uomo austero con cui ha pessimi rapporti, e che si rivela essere un agente della Cia, tradito dalla sua ex collega Carrack (Sigourney Weaver), che è pronta a tutto per recuperare una preziosa valigetta. La donna, senza farsi scrupoli, scende così a patti con Will: la valigetta, che solo lui può recuperare, in cambio della vita della sua famiglia. Come se non bastasse, il ragazzo scopre di avere una sorellastra, Lucia (Verónica Echegui), che ha intenzione di aiutarlo: uniti dovranno districarsi in una fitta ragnatela di segreti e bugie, in corsa contro il tempo e con il fiato sul collo di poliziotti e killer spietati. «È un thriller su un uomo in fuga», spiegano parlando del film gli sceneggiatori John Petro e Scott Wiper, che si sono ispirati alle leggendarie pellicole del passato, da Intrigo internazionale a I tre giorni del Condor, passando per Il fuggitivo. «Will è una persona senza doti particolari, se non il suo coraggio, e deve capire di chi fidarsi e cosa fare, chi deve trovare e, cosa più importante, come salvare la sua famiglia», dichiara Trevor Macy che, insieme a Marc Evans, ha prodotto il film e scelto il regista El Mechri, dopo aver visto

il buon lavoro svolto in JCVD, l’originale biopic sulla vita dell’attore Jean-Claude Van Damme, in cui aveva saputo tramettere ritmo frenetico e intensità. Davvero azzeccata la scelta del cast: l’astro nascente Henry Cavill, che presto sarà protagonista dell’attesissimo Superman: The Man of Steel, si confronta senza sfigurare con una delle icone più luminose dell’action movie hollywoodiano, quel Bruce Willis che, nonostante l’età, possiede ancora il physique du rôle per questo genere di prodotti, con quel volto rugoso e sfatto che ricorda ancora John McClane, l’intramontabile eroe della serie Die Hard. L’alternanza tra star acclamate e giovani in rampa di lancio si ritrova anche nella controparte femminile del film: da un lato la caparbia Sigourney Weaver, nei panni della antagonista, dall’altro l’emergente interprete spagnola Verónica Echegui, nel ruolo di spalla del personaggio principale.

SCHEDA DEL FILM REGIA: Mabrouk El Mechri SCENEGGIATURA: John Petro, Scott Wiper CAST: Henry Cavill, Bruce Willis, Sigourney Weaver, Rafi Gavron, Caroline Goodall, Jim Piddock, Óscar Jaenada, Joseph Mawle, Verónica Echegui GENERE: Azione, Thriller DURATA: 93' DISTRIBUITO DA: Moviemax

73 For Magazine


For magazine CONSIGLI & SCONSIGLI di Dina D’Isa

Il Film da non perdere

HUNGER GAMES

La protagonista Jennifer Lawrence (22 anni), vincitrice a Venezia nel 2008 del Premio Marcello Mastroianni per The Burning Plain.

Al top del box office americano per settimane, un vero record, Hunger Games di Gary Ross è arrivato nelle sale italiane, distribuito dalla Warner Bros, carico di aspettative. Il film, con protagonista la star in ascesa Jennifer Lawrence, è un thriller-fantasy tratto dall’omonimo primo romanzo della trilogia di Suzanne Collins (portata in Italia da Mondadori). Ed è già stato annunciato da Lionsgate il primo sequel del film (che sarà probabilmente diretto da Francis Lawrence), mentre è in libreria il terzo capitolo della saga, dal titolo Il canto della rivolta, che sembra ormai pronta a prendere il posto nel cuore dei teenager di Harry Potter e Twilight. «Era un film molto atteso, tutti quelli che hanno letto i romanzi della saga, me compresa, non aspettavano altro che andare al cinema», ha detto con candore la bella protagonista Jennifer Lawrence, 21 anni appena, originaria del Kentucky. In Hunger Games è ipotizzato un orrido scenario per la nostra società drogata di reality show, abbagliata

dalla ricchezza decadente delle icone dell’entertainment, agghindate di lustrini ed eccessive nel look. Una società messa in riga da un regime repressivo che dà alla classe ricca dei suoi sudditi, imparruccata come nel Settecento, atonica e plagiata, il panem et circenses rappresentato, anziché dai gladiatori al Colosseo, da un atroce reality show in cui i giovani protagonisti, i Tributi, sono agnelli sacrificali e devono sottostare allo slogan “uccidi o muori”. E a tutti gli altri, i Periferici dei 13 distretti in cui è composto Panem (l’ex Nordamerica), dà povertà assoluta, terrore, fatica estrema nella produzione delle ricchezze per gli altri. Ma, in tutto lo sconsolante paesaggio c’è Katniss, un’eroina giovane, bella, coraggiosa e niente affatto rassegnata come gli altri. E poi c’è l’innamoramento per Peeta, un sentimento che forse il regime non aveva calcolato. Nel cast spiccano Lenny Kravitz, Donald Sutherland, Stanley Tucci, Liam Hemsworth, Elizabeth Banks e Woody Harrelson.

74 For Magazine


For magazine Il Film da evitare

interno giorno

Fanny Ardant (63 anni). Il film di Rossellini è stato presentato al Festival Internazionale di Roma 2011 nella sezione dei giovani cineasti italiani.

Una serata per celebrare il nuovo film della diva Maria Torricello, più esattamente una cena a casa dell’attrice stessa, in un ambiente elegante e sobrio di Palermo. La donna, passata attraverso grandi successi e dolorose vicende personali, si ritrova a cercare il senso della propria esistenza ed affermazione. Nell’arco della serata si intrecciano la sua vita privata e la sua professionalità; le due realtà si sovrappongono senza mai uscire dal perimetro di quelle mura che cercano di contenere qualsiasi evento d’interni. Il soggetto, la sceneggiatura e la regia di Tommaso Rossellini ripropongono il tormentone sul viale del tramonto di una star che accoglie i due figli, vecchi amici e nuovi colleghi per celebrare l’uscita del suo ultimo film. Ecco i troppi personaggi bizzarri: due agenti ruffiane, un regista presuntuoso, giovani attori o aspiranti tali, fidanzate improbabili e intorno a loro un’atmosfera triste e squilibrata. Il nipote del grande regista Roberto Rossellini realizza la

sua opera prima, piuttosto noiosa e, priva del patrimonio genetico sul neorealismo, riflette più un certo stile francese retrò. E non è certo un caso che la protagonista sia Fanny Ardant, circondata da tanti giovani attori, con cognomi fin troppo ingombranti (dalla Chaplin a Massimiliano Buzzanca fino a Brenno Placido) che giocano con inquadrature e movenze teatrali. Tra citazioni a non finire dei grandi del cinema (da Truffaut a Buñuel passando per Fellini) e trovate prevedibili, la dimensione della commedia umana non pare proprio congeniale alla regia di Tommaso Rossellini. “Provaci ancora Tom”!

75 For Magazine


Forintervista magazine di Silvestro Bellobono

To Lina With Love

Lina Sastri (58 anni) ha avuto l’onore di lavorare con il maestro Eduardo De Filippo, che ancora oggi l’attrice ricorda con grande affetto. 76 For Magazine


For magazine

Parafrasando il titolo dell’ultimo film di Woody Allen, dove recita in un cameo, vi raccontiamo le mille sfaccettature artistiche di Lina Sastri, tra passato e presente, tra cinema, musica e soprattutto teatro. Che questo mese la porta a Roma con lo spettacolo Per la strada

Tra le numerose soddisfazioni della sua carriera che valore dà all’onorificenza di Commendatore della Repubblica italiana, ricevuta nel 2011 dal presidente Giorgio Napolitano? «È una carica straordinaria e impegnativa, un grande onore, soprattutto perché a conferirmela è stato il nostro amato presidente Napolitano, mio concittadino e da sempre grande appassionato di teatro. Lo ringrazio anche per questo». Nel suo curriculum non manca nulla: cinema, teatro, Tv, musica. Attraverso quale di questi linguaggi artistici riesce ad esprimere meglio se stessa? «Musica, teatro e cinema sono le tre diverse espressioni della stessa anima, perché è importante comunicare emozioni con gli occhi, con la voce, con le parole». Da Squitieri a Tornatore, passando per Moretti, Loy, Bertolucci, Lizzani e tanti altri: quale regista italiano le ha lasciato il ricordo migliore? «Di sicuro Nanny Loy, compianto e mai dimenticato amico, con il quale ho praticamente debuttato al cinema con Mi manda Picone. E poi Gianfranco Mingozzi, altro regista del cuore, che seppe scegliermi quando ancora facevo solo teatro, e Giuseppe Tornatore che mi ha voluto fermamente e con affetto con lui in Baarìa. E tutti gli altri dai quali ho imparato tanto, da Lizzani a Ricky Tognazzi e Bertolucci, fino agli ultimi con cui ho lavorato, inclusa Susanna Nicchiarelli, regista di un film non ancora uscito in cui io interpreto una brigatista». Continuando a parlare di grandi registi, come è stata l’esperienza sul set di To Rome with Love, il nuovo film di Woody Allen girato nella Capitale? «Lavorare con Woody Allen è un sogno realizzato, una giornata su un set internazionale con un maestro gentile, dolce, attento. Per me è stato un omaggio doveroso, anche se per pochi secondi, a chi mi ha fatto l’onore di volermi nel suo film “italiano”». E invece a proposito di Poker Generation di Gianluca Mingotto, altra pellicola a cui ha preso parte, cosa ci racconta? «È stato divertente, con un cast giovanissimo, dal regista agli attori, e su un set sicilia77 For Magazine


For magazine

La canzone Assaje, suo maggiore successo musicale, fu scritta da Pino Daniele e inclusa nel film Mi manda Picone di Nanni Loy.

no, almeno per quel che mi ha riguardato, animato da un’atmosfera allegra e rilassata». Veniamo al teatro: dal 15 al 27 maggio sarà in scena al Teatro Eliseo con Per la strada, spettacolo di prosa, musica e danza da lei scritto e diretto: come nasce l’idea di questo progetto e che significato gli attribuisce? «Per la strada, in originale Mmiez a’via, è l’ultimo nato dei miei recital-spettacoli musicali, dove la musica si fa teatro, fra parole e danza. E questa volta la musica è quella degli autori attuali, amici di sempre, come Pino Daniele, Enzo Gragnaniello, Lino Cannavacciuolo e molti altri. Qua e là c’è qualche citazione della

tradizione, è una piccola favola, un racconto di vita, in un solo respiro musicale, che non si ferma mai e accompagna parole, canzoni e danza. In scena con me ci sono sette valenti musicisti e quattro danzatori, con la collaborazione di Bruno Garofalo alle scene e alle luci». Si emoziona sempre quando sale su un palcoscenico teatrale? «L’emozione è la paura, ogni sera, di non riuscire a superare la prova, è mettersi in gioco con corpo e cuore sul palco per arrivare a comunicare la verità che l’artista ha il privilegio e la responsabilità di rispettare».

78 For Magazine


For magazine

Secondo lei il teatro italiano dovrebbe essere più… «Il teatro è da sempre un rito che deve conoscere e rispettare le regole. Conoscenza e rigore sono le parole chiave, perché solo così si può arrivare poi alla libertà della comunicazione, a volte all’improvvisazione, insomma a vivere un pezzo di vita insieme. Almeno questo dovrebbe essere sempre, ma, come ogni cosa, ultimamente il nostro teatro è cambiato, e a volte mi ci ritrovo con fatica». C’è un grande musicista con cui le piacerebbe, o le sarebbe piaciuto, duettare? «Mi piacerebbe cantare con Pino Daniele, nella mia lingua napoletana, e con Andrea Bocelli, mescolando classico e interpretazione, oppure essere diretta dal grande Riccardo Muti, cantando canzoni classiche napoletane, dall’amico Ennio Morricone o da Nicola Piovani, e duettare con le brave interpreti di fado e di samba brasiliano, o sulle note di un flamenco o di un blues. La musica nel sud del mondo si somiglia, batte con lo stesso ritmo». Quali caratteristiche considera i suoi punti di forza, nel lavoro come nella vita? «La forza è la capacità del cuore di riconoscersi senza bugie, è la speranza di un mondo migliore, è la fede. Ma i punti di forza sono anche i sogni che guidano la vita». Ha mai avuto un modello femminile di riferimento? «Mia madre, la mia unica dea». Alle ragazze di oggi consiglia di tentare la via dello spettacolo, magari partecipando ad un talent show, oppure di iscriversi all’Università? «La tecnica e lo studio servono, ma senza il talento e la fortuna come si fa? Il pericolo dei talent in Tv è la fretta di creare e distruggere oggetti di consumo immediato, ma possono anche riservare buone sorprese. Certo la competizione è fortissima, e l’immagine di questi tempi gioca un ruolo fondamentale, tuttavia non ci sono ricette esclusive per l’arte». Che giudizio si è fatta di Luigi de Magistris, sindaco della sua Napoli, in questo primo anno del suo mandato? «Mi sembra di notare in questi ultimi tempi un miglioramento nella vita della città, anche se non vivo a Napoli, e quindi la mia è forse un’osservazione superficiale. Siamo un popolo difficile da guidare e amministrare, ci vuole tempo, determinazione e polso fermo. Questa è una città unica e meravigliosa, e a volte le nostre stesse bellezze diventano i peggiori difetti». Cosa pensa del movimento trasversale “Se non ora quando?” che si batte per difendere i diritti delle donne? «Le donne sono sempre state un pianeta magico. Anche in passato, e forse soprattutto allora, nonostante sofferenze, umiliazioni e ingiustizie, esse hanno sempre saputo dov’era la verità, da che parte stavano bene e male, giusto e sbagliato. Le donne conoscono la compassione e il sacrificio, sono madri anche dei propri uomini. Perciò è opportuno rivendicarne i diritti. Viva le donne!». C’è un progetto che le sta a cuore e che le piacerebbe realizzare al più presto? «Tutto ciò che ha a che fare con la musica, che è libertà».

La Sastri è reduce dall’ottima affermazione del monologo La casa di Ninetta, racconto autobiografico ispirato alla vita della madre, portato in tournée nei teatri di tutta Italia.

79 For Magazine


For unamagazine lettura per lasciar traccia… di Donatella Vilonna

UN SEGRETO IN UNA BUSTA “Nel corso degli anni il rifiuto della verità si era esteso a tutto il resto. Aveva aderito ai pensieri come una seconda pelle, diventando il mio modo di abitare la vita senza viverla” Fai bei sogni è l’ultimo romanzo (autobiografico) di Massimo Gramellini, giornalista (di La Stampa) e scrittore torinese. È la storia di un segreto e di una verità racchiusi e custoditi in una busta per quarant’anni. Un filo della vita, che diventa il romanzo di un bambino di nove anni, divenuto poi adulto, attraverso cui impara ad affrontare il dolore e la sofferenza più grande: la perdita della mamma. Una verità scomoda, difficile, talmente incomprensibile che viene svelata a Massimo in età adulta, quasi per sbaglio, con lo stupore di chi era convinto che sapesse. Il libro racconta un evento dinamico che percorre la vita del protagonista nella sua incessante lotta contro il senso di abbandono, solitudine e inadeguatezza. È un percorso di volontà, teso a sconfiggere il tormento di quel mostro interiore, sempre più insidioso, che il protagonista definisce Belfagor. “Mi trascinavo senza guida in uno spazio indistinto e cominciavo ad avvertire una sensazione che non mi avrebbe più risparmiato: un demone sovrappeso mi incatenava alla terra. Un mostro molle e spugnoso che si alimentava delle mie paure: sfiducia, rifiuto, abbandono”. Gli eventi si susseguono con vicende commoventi, ironiche, a tratti divertenti. Il Grande Toro, sua squadra del cuore, era diventato un fattore di svago e gioia, l’unico canale di comunicazione e di emotività da condividere con il padre. “Con il Toro vinsi addirittura lo scudetto. Successe una domenica di maggio e io ero lì, in compagnia di altri settantamila, quando il nostro Graziani scarabocchiò la palla sulle scarpe di un difensore del Cesena”. Si tratta di un romanzo dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa, un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi, proprio come il protagonista di questa vicenda. “In fondo la mia vita è la storia dei tentativi che ho fatto di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo”. Perché il cielo lo spaventava, gli faceva paura, e anche la terra. Un racconto sulla verità e sul timore di conoscerla, cercando di rimuoverla. “Nel corso degli anni il rifiuto della verità si era esteso a tutto il resto. Aveva aderito ai pensieri come una seconda pelle, diventando il mio modo di abitare la vita senza viverla. Succede a noi che ospitiamo Belfagor nello stomaco. Pur di non fare i conti con la realtà preferiamo convivere con la finzione, spacciando per autentiche le ricostruzioni ritoccate o distorte su cui basiamo la nostra visione del mondo”. Massimo aveva resistito quarant’anni prima di scoprire il segreto

nascosto in una busta, la morte della mamma. Ma il suo intuito, quella parte atrofizzata del cervello che è collegata col cuore, conosceva la verità, forse l’aveva sempre saputo. “Eppure avevo fatto finta di crederci, nonostante il mio intuito conoscesse la verità al punto di estrarmela dalle viscere durante la stesura del romanzetto”. A volte si preferisce ignorare la verità per non soffrire, per non star male. Per non guarire. L’unica maniera per riuscire a far pace con se stessi, ad evolvere e diventare adulti è il perdono. “Ho chiuso gli occhi e ho visto la mamma entrare nella stanza di un bimbo addormentato. Si è seduta sul bordo del letto e mi ha guardato a lungo in silenzio. Ha disteso la mano in una carezza, ma l’ha richiamata subito indietro per non svegliarmi. Mi ha rimboccato le coperte, si è chinata su di me e ha sussurrato qualcosa. Fai bei sogni, piccolino”.

80 For Magazine

Fai bei sogni di Massimo Gramellini Longanesi, euro 14,90


For magazine

storie di Maurizio Cabona

Quei goal segnati coi libri Qualche settimana fa si è spento Carlo Petrini. Giocò per Roma, Milan, Genoa e Torino. Una vita turbolenta la sua. Che ha cercato di riscattare raccontandoci l’altra faccia del mondo del calcio Per la morte, nel suo letto, di Carlo Petrini a 64 anni non c’è stato lutto condiviso, come c’era stato, due giorni prima, per la morte in diretta di Piermario Morosini, analoga a quella di un altro calciatore, Renato Curi nel 1977. Ma anche a quella del ciclista Tommy Simpson sul Mont Ventoux nel 1967. Petrini non è stato vittima immediata del doping, come Simpson, ma per decenni ne ha scontato le conseguenze, che gli hanno tolto ogni inibizione prima davanti all’illecito sportivo, poi all’illecito tout court: il ravvedimento derivò più dalla disperazione che dalla maturazione. Ma le divergenti storie di Petrini e Morosini pongono in prospettiva lo spettacolo calcistico. Spettacolo, perché negli stadi, più che competere, si recita la competizione. Al di là dell’ipocrisia - il calciatore non può scommettere, ma sulla maglia ha il logo di chi scommesse raccoglie -, restano i costi umani del raggiro enfatizzato dalla Tv. Una presenza in Nazionale, una Coppa dei campioni vinta col Milan, ma quasi senza che lui giocasse, Petrini è uno dei rari ad aver raccontato anche le miserie del calcio. L’ha fatto in Nel fango del dio pallone (Kaos, 2000), formidabile autobiografia all’origine del documentario di Gian Claudio Guiducci, già produttore di Novembre, l’unico film sulla rivolta anti-inglese a Trieste nel 1953. Guiducci seguì Petrini dopo la scoperta della malattia che l’avrebbe portato alla morte. Da Nel fango del dio pallone, trasse Centravanti nato, così intitolato perché in quel ruolo Petrini aveva giocato (Genoa, Lecce, Milan, Torino, Varese, Roma, Verona, Cesena, Ternana, Bologna) tra serie B (che oggi si chiama, guarda caso, Bwin) e serie A dal 1968 fino al 1980, anno del primo scandalo del calcio-scommesse. Petrini aveva trentadue anni quando la sua carriera si spezzò. Abituato a viver bene, ma a caro prezzo per il fisico (doping e medicine a gogò), si trovò uomo qualsiasi e s’improvvisò usuraio per conto terzi. Quando si mise in proprio fu uno dei rari casi di usuraio andato fallito. L’ex attaccante del Genoa fuggì dunque da Genova, dove s’era fatto una numerosa famiglia con una ragazza di buona famiglia, già legata a Marcello Lippi, difensore della Sampdoria. Si nascose in Normandia fino al dramma del 1995, quando il figlio Diego, diciannovenne, calciatore nella squadra giovanile della Sampdoria, morì senza rivedere il padre, che temeva per la sua di vita, in caso di ritorno a Genova... La vile vicenda finì sulle prime pagine. Passati altri anni, finché, confidando nell’oblio dei creditori, Petrini tornò dalla madre nella natia Monticiano (Siena). Era ormai un cinquantenne che molte donne avevano amato, ma senza essere ricambiate. Se scriveva, era perché era già poco in salute e poche desiderano un gigolo malato. Ma solo chi cade può risorgere. Ed ecco Nel fango del dio pallone, di cui la stampa s’accorse solo quando lo recensì il Giornale, dissolvendo l’ancor diffusa illusione che il calcio professionistico fosse affare di

galantuomini. Alla lunga perfino la magistratura capì, scoprendo, grazie a Petrini, una serie di piste verso falso in bilancio (allora era reato), falsificazione di documenti, spaccio di droga, truffa, aggiotaggio (certi club erano e sono quotati in Borsa). Nel 2005, in vista dei Mondiali, i farisei di Eupalla tentarono di placare i malumori dell’Uefa per una corruzione dilagata non solo in Italia. Qui si designò nel Genoa il capro espiatorio ideale, né troppo grande, né troppo piccolo. Ma già l’anno dopo l’omertà sulla spartizione dell’egemonia nei campionati crollava. Della Juventus s’è saputo. Per gli altri occorre attendere. Tutto ciò fu merito indiretto di Petrini, che nella sua ultima vita, quella da pentito, riaprì anche il caso di Donato Bergamini, del Cosenza, scrivendo Il calciatore suicidato (Kaos). Così perfino la magistratura capì che Bergamini era stato ucciso perché sapeva troppo di un traffico di droga che coinvolgeva la sua società e che non s’era gettato sotto un camion per amore.

81 For Magazine


For magazine URBANI ITINERARI di Marco Gastoldi

“Maroquinaris Zoologicae” è il bestiario realizzato da Billie Achilleos, designer inglese, presentato nello store Louis Vuitton di via Montenapoleone a Milano in occasione della Design Week e del centenario della maison francese. Presenti decine di animali fantastici elaborati a partire da piccoli accessori di pelletteria.

Come in una fiaba Una settimana nella Milano del design e del mobile può diventare un’avventura surreale, da gustare e da vivere tra animaletti griffati, camerette per bimbi e materassi da provare 82 For Magazine


For magazine

La scenografa Elena Borghi e l’archittetto Patrizia Carlini per l’azienda Sapsa Bedding hanno realizzato un allestimento ispirato alla favola della “Principessa sul Pisello” in occasione del Salone del Mobile di Rho Fiera.

Un po’ di confetti ed una manciata di spumiglie, qualche ricamo e una pioggia di cristalli, polvere di stelle (meglio se di cipria) e petali di fiore (meglio se rose ed orchidee) e…bibbidi, bobbidi, boo! Se le favole più emozionanti iniziano il racconto con “C’era una volta un regno incantato…”, l’estate che bussa alle porte del nostro reame parte da “C’era una volta… Milano!”. La Signora Dalloway (dall’omonimo romanzo di Virginia Woolf del 1925) è già uscita a comprare dei fiori e, parlando di floreale, anche la più cattiva delle regine, Miranda Priestley (Meryl Streep ne Il Diavolo veste Prada), avrà da ricredersi a proposito di “avanguardia pura”: perché il trend incantato dei primi giorni afosi profuma di fiore, e potrebbe assomigliare ad una fiaba scritta… rosa su bianco! E chi, in fondo, non ha mai desiderato essere un principe o una principessa? Soffice come una piuma, delicata come un petalo e squisita come una nuvola di panna montata, la candida collezione Louis Vuitton ci racconta di tante principesse: arrivate a bordo di un magico carosello dai cavalli bianchi, svelano la sensualità romantica attraverso un’ode gentile e vapo-

rosa intrecciata di tulle e organza fiorita di bianco e rosa pastello. Un surreale e incantevole benvenuto nel flagship store di via Montenapoleone, che per inaugurare la Milano Design Week di aprile e celebrare il 100° anniversario della maison francese, ha ospitato un’immaginaria arca popolata di curiose creature animali. “Maroquinaris Zoologicare” è la simpatica invasione di animaletti realizzati con gli accessori di piccola pelletteria dall’artista contemporaneo Billie Achilleos. Fra i più buffi e spiritosi ecco il riccio, la civetta, gli uccellini ed il topolino, e se ancora credete che attraverso un bacio possa trasformarsi in un incantevole principe, non fatevi scappare…il ranocchio! Per la gioia dei più piccoli, ecco invece romanticismo e ricercatezza che trasformano l’ambiente notte in una fiaba da vivere ad occhi aperti. L’azienda “My Doll”, che dal 1996 produce bambole realizzate a mano, ha presentato al Salone del Mobile nella Fiera di Rho una nuova linea di camerette “da favola”; una gamma completa realizzata in legno naturale dalle tonalità morbide e tenui completata da trapunte a tema e lenzuola ricamate. Del resto, non si inizia a credere

83 For Magazine


For magazine

L’azienda My Doll, produttrice delle famose bambole dal 1996, ha realizzato per i più piccoli una serie di camerette dalla filosofia romantica ed eco-friendly. Un mondo a misura di bambino completo di scrivanie, sedie, lettini ed altri complementi d’arredo.

nell’incanto delle fiabe proprio da bambini? Per le “belle addormentate” più esigenti ecco invece i nuovi ed innovativi materassi presentati da Sapsa Bedding all’interno di un allestimento simbolo del dormire sano. La scenografia, curata dalle esperte Elena Borghi e Patrizia Carlini, era ispirata alla favola de La principessa sul pisello che raccontava della delicata e sensibile protagonista che riusciva a percepire la presenza del legume sotto a venti materassi e altrettanti cuscini. E dopo una notte di sonno profondo, dove recarsi al momento del risveglio? La scelta non può che cadere su “Orticola”, la grande mostra e mercato di fiori e flora organizzata da Orticola di Lombardia con il patrocinio del Comune di Milano. Nei giorni dell’11, 12 e 13 maggio ecco 10mila metri quadri nei Giardini Pubblici Indro Montanelli di via Palestro: ci saranno le rose, simbolo di questa 17esima edizione, con la collezione delle storiche coltivate in Cote d’Azur o le meravigliose americane che compongono una raccolta di oltre 60 esemplari. È consigliabile presentarsi all’iniziativa in carrozza, o meglio, a bordo di una Fiat 500! Un modello esclusivo in 84 For Magazine


For magazine

Nello Spazio Gaussian Blur di via Tortona 37, in occasione del Fuori Salone, ecco l’installazione luminosa e turchina Bombay Twist realizzata dai creativi Moritz Waldemeyer e Florian Dussopt per l’azienda Bombay Sapphire.

perfetta linea con il flower-power è stato firmato dalla stilista Teresa Missoni in occasione del Country Club Belleuve di Ginevra: tante coloratissime orchidee per la carrozzeria esterna e velluto fucsia e turchese per i rivestimenti interni fanno invidia anche alla più pretenziosa Cenerentola. Con un mezzo di simile prestigio non si corre il rischio di ritrovarsi a bordo di una zucca allo scoccare della mezzanotte, perché il gran ballo continua fino a notte fonda. Bombay Sapphire, in occasione del Fuorisalone in Zona Tortona, ha aperto le magiche porte dello Spazio Gaussian Blur: sei metri di luci turchine per comporre l’installazione-scultura Bombay Twist realizzata da Moritz Waldemeyer e Florian Dussopt. Una lounge celebrativa diventata un luogo d’incontro per la community dell’imagination e gli innovativi del design dove creare nuove tendenze ed informazioni adatte a veri regali della creatività. E se proprio desiderate seguire passo per passo la trama della celebre favola, Max Kibarden offre la calzatura adatta per essere persa: una cascata di cristalli e pietre preziose disegnate dal visionario russo del “lusso senza tempo”

milanese d’adozione e prossimo direttore creativo dello storico brand Bruno Magli. Non temete, il futuristico sandalo rosa confetto e bianco swarovski sarà prontamente recuperato da un principe, accolto non più in sella ad un abile destriero ma al volante della vettura più funzionale, tecnologica, sportiva e sensoriale del regno. Dalla collaborazione fra Alcanatara e Porsche è nata durante il Fuorisalone di Superstudio Più la Cayenne S Hybrid, matrimonio perfetto fra la prestigiosa casa automobilistica tedesca e la qualità dei dettagli interni disegnati da Giulio Cappellini. Tutti a bordo, la fuga verso una dimora incantata si fa sempre più veloce: attraverso i complementi d’arredo firmati Lee Broom, designer inglese protagonista della personale esposizione negli spazi di Ventura-Lambrate, anche la più modesta delle abitazioni assomiglierà ad uno sfarzoso castello. Perchè, si sa, il finale rimane sempre lo stesso: “…e vissero tutti felici e contenti”.

85 For Magazine


For magazine

MUSICA di Antonio Osti

Baciami ancora!

Britney Spears sarà uno dei giudici della versione americana di X-Factor, con un cachet da 15 milioni di dollari. Intanto Madonna le lancia messaggi d’amore. Tra bad girl ci si intende!

86 For Magazine


For magazine

87 For Magazine


For magazine

Britney Spears sul palco di Toronto durante il tour Femme Fatale, uno degli show più divertenti della pop star di Kentwood, Louisiana. Il bacio con Madonna fece scandalo nel 2003 e le due cantanti se lo scambiarono agli Mtv Video Music Awards. A proposito di Madonna: ha in programma tre concerti negli stadi italiani (12 giugno a Roma, 14 giugno a Milano, 16 giugno a Firenze).

Madonna ha scritto su Twitter a Britney Spears per proporle un nuovo bacio saffico dopo la performance del 2003 delle due cantanti sul palco degli Mtv Video Music Awards. «Per favore torna sul palco e baciami di nuovo. Mi manchi!», ha detto Madonna e la Spears ha risposto con un telegrafico: «Allettante...». La conversazione sul social network tra le due star è proseguita con la domanda di Madonna:

«Mi farai lavorare per questo?» e Britney ha ribattuto con «Perché, certo!». Intanto, ha in ballo il contratto per fare la giudice della versione americana di X-Factor (in onda su Fox), voluta fortemente dal cantante Simon Cowell (che dovrebbe essere l’unico confermato dalla precedente edizione): «Sono affascinato da Britney», ha dichiarato durante un'intervista radiofonica, «È una delle star più popolari

88 For Magazine


For magazine

Britney ha venduto più di cento milioni di dischi in tutto il mondo. Le sue hits? Boys, Toxic, Hold it against me. Al momento è fidanzata con Jason Trawick che le fa anche da manager.

al mondo oggi, è sensuale, i suoi brani scalano le classifiche e riesce ancora a stupire». Il compenso per Britney si aggira intorno ai quindici milioni di dollari. Mica male, visto che Britney Spears ha appena venduto la sua favolosa villa di Beverly Hills, trovando un acquirente nonostante l’attuale crisi che incombe sul settore immobiliare mondiale. La casa, immessa inizialmente sul mercato ad un prezzo

di 3 milioni di dollari, è stata venduta per ben 4,25 milioni di dollari, visto che gli acquirenti erano più d’uno. Sembra intanto che la bella cantante americana sia andata a vivere in un appartamento preso in affitto per il prezzo di 250 mila dollari al mese situato nei pressi di Los Angeles. Finalmente un po’ di notizie buone per la rock star.

89 For Magazine


Fortendenze magazine di Tiberio Torti

Dita Von Teese, la regina del burlesque, accentua ancor di più le sue forme abbondanti con un abbigliamento sexy e retrò. È la testimonial della Perrier (eccola nello spot).

il bello delle curve

Basta modelle filiformi, per gli uomini torna di moda la donna formosa. Icone sensuali e sexy come Dita Von Teese e Monica Bellucci vengono preferite alle bellezze più esili stile Victoria Beckham e Kate Moss Addio donne troppo magre o mascoline. Oggi l’81% dei maschi italiani preferisce le donne formose, che rappresentano il giusto mix tra complicità e seduzione. Ritenute più femminili (65%) e seducenti (52%) rispetto alle “colleghe” filiformi, le donne formose sono le più apprezzate da-

gli uomini. Lo sanno bene in America, dove la “curvy revolution” domina Hollywood e la cantante Christina Aguilera si dice felicemente fidanzata e perfettamente a suo agio con qualche chiletto in più. Le più desiderate dai maschi? Seno prosperoso, fianchi generosi e pelle morbida sono

90 For Magazine


For magazine

le caratteristiche che accomunano Dita Von Teese (69%), musa di Perrier (l’acqua con le bollicine), la diva internazionale del cinema Monica Bellucci (63%) e la ballerina Rossella Brescia (59%). È quanto emerge da un’indagine condotta da Found!, la prima agenzia in Italia di mood marketing communication, realizzata mediante la metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio on line sui principali social network – Facebook, Twitter, YouTube – blog e community interattive, coinvolgendo circa 1200 utenti-uomini tra i 25 e i 55 anni per capire quali caratteristiche deve avere il loro partner ideale. «Con questa indagine abbiamo voluto scoprire qual è oggi il mood della bellezza femminile secondo gli uomini», afferma Saro Trovato, mood maker e fondatore di Found!, che continua: «Basta eccesso di mascolinità nel gentil sesso. I maschi italiani oggi vogliono le donne “burrose”, che piacciono e seducono con la loro femminilità. Lui cerca la donna giocosa e provocante, che lo faccia sentire maschio, naturale e che si faccia guardare, stile Kim Basinger nel film 9 settimane e mezzo». «Mentre le donne tendono a scegliere un modello fisico filiforme», sottolinea Chiara Simonelli, docente di Psicologia dello sviluppo sessuale presso l’Università La Sapienza di Roma, «gli uomini gradiscono invece una donna più femminile, con un po’ di fianchi ed un seno più florido, che sappia essere ironica e intelligente, senza essere aggressiva. La tipologia mediterranea risulta essere la più interessante agli occhi dell’uomo». Che le donne formose abbiano una marcia in più è dimostrato anche da un recente studio condotto dalle Università di Pittsburgh e Santa Barbara su un campione di circa 16000 donne. Secondo i ricercatori dei due atenei le donne “a clessidra”, cioè quelle che hanno la vita stretta ma i fianchi ovali, sarebbero molto più intelligenti e più desiderate dagli uomini rispetto alle colleghe filiformi. Secondo lo studio, a determinare questo primato sarebbe proprio l’accumulo di acidi grassi (Omega 3) sui fianchi e sulle cosce. Che tipo di donne cercano oggi gli uomini? Essi desiderano al loro fianco una vera “femme”, che esprima femminilità già dal proprio aspetto fisico (65%). Il maschio sogna una donna complice, che sappia sedurlo sia con la mente che con il corpo (54%), giocosa (47%), provocante ma accessibile (44%). «Cerco una ragazza che sappia conquistarmi sia a livello fisico ma soprattutto mentale» e «Voglio una compagna che non faccia troppo la diva e che esprima la propria femminilità nel modo giusto» sono alcune delle principali richieste degli uomini in rete. I maschi italiani vogliono quindi accanto a sé una “femme fatale” che non sia troppo snob, una donna bella ma possibile, conscia della propria bellezza e in grado di non mettere a disagio il proprio lui: a pensarla in questo modo è il 67%

Beyoncé è tra le donne più desiderate, secondo il sondaggio che commentiamo in queste pagine. Sul palco esibisce curve da pin up.

91 For Magazine


For magazine

Monica Bellucci ha detto: «Non ho mai voluto essere magrissima, anzi ho sempre combattuto contro questo canone di bellezza che, personalmente, non capisco. Forse è proprio la trasgressione di certi dettami a renderti più interessante… Comunque, io non sono perfetta, sono furba».

degli uomini. Cosa non piace in una donna? Il sembrare troppo timida (65%) o troppo audace (59%). Gli uomini cercano, infatti, il giusto mix tra giocosità e provocazione. Ritenere che le donne «siano troppo insicure e indecise» o che «eccedano nell’aggressività e nella provocazione» sono le maggiori accuse rivolte dagli uomini all’altra metà del cielo. L’aria mascolina (54%) o troppo da diva (44%), un carattere troppo spigoloso (51%) o aggressivo (58%) contribuiscono a rendere le donne meno desiderate agli occhi degli uomini. Altri appunti da fare al gentil sesso? La mancanza di personalità (51%), il voler eccedere con la stravaganza (47%), pensare più al lavoro e meno alla vita di coppia (37%). All’uomo, dunque, piace la donna formosa ma naturale, giocosa ma affidabile. In che modo, secondo gli italiani, il gentil sesso riesce a trasmettere la propria femminilità? L’atteggiamento da diva (16%) non funziona più. Secondo gli uomini conta molto l’aspetto fisico (64%), il carattere

dolce (56%) e l’ironia (48%). Gli uomini sul web rigettano gli standard socioculturali legati alla bellezza femminile. C’è chi afferma «l’ideale di donna che c’è in Tv non corrisponde il più delle volte alla realtà», oppure altri dichiarano che «il canone estetico di alcune top model e attrici non rappresenta i miei gusti reali». Quali sono i particolari estetici che seducono e trasmettono femminilità? Per 8 uomini su 10 (81%) sono soprattutto i fianchi generosi a risvegliare i loro sensi. Seguono il seno prosperoso (67%) e la pelle morbida (52%). Tornano quindi di moda i prototipi di bellezza del passato alla Marilyn Monroe e la donna mediterranea dalle curve generose, ben rappresentata un tempo dalla nostra Sophia Loren. Ogni uomo ha il proprio ideale di bellezza, ma alcune caratteristiche fisiche balzano subito all’occhio. Quali sono? Oltre ad un viso curato (52%) e alla pelle liscia (45%) sono le curve (68%) la vera arma di seduzione che fa perdere la testa agli italiani. Quel che è certo è che la tipica co-

92 For Magazine


For magazine

senza aver mai voluto dimagrire, ho realizzato tutti i miei sogni sia come modella che come attrice». Al terzo posto troviamo la bellezza tutta mediterranea di Rossella Brescia (59%), la famosa ballerina e presentatrice radio-televisiva, nonché volto di Nestlé Fitness. Al quarto posto troviamo la prima rappresentante delle “curvy hollywoodiane”, l’attrice Scarlett Johansson (56%) la quale ha conquistato in poco tempo registi del calibro di Woody Allen ed è diventata testimonial di importanti marchi di moda senza, parole sue, aver mai seguito diete o essere mai andata in palestra. Al quinto posto il sogno proibito di molti italiani: la showgirl e modella argentina Belen Rodriguez (51%). A concludere la ‘top 15’ sono Alena Seredova (24%), Chiara Gugole (22%), testimonial della campagna internazionale dell’azienda vinicola veronese Pasqua Vigneti e Cantine, e la modella Kate Moss (18%).

Le più desiderate

Rossella Brescia, cioè come si può essere brave ballerine con un seno importante! Anche in passerella c’è grande attenzione per le taglie forti. Che un divertente libro appena uscito (Curvy, di Daniela Fedi e Lucia Serlenga, Mondadori) esalta.

stituzione della donna mediterranea torna a rappresentare il sogno proibito. Gli uomini, dunque, si sciolgono di fronte alle donne formose, dalle curve intriganti e seducenti, in cui ritrovano qualcosa di più femminile e sensuale, spesso lontano dai canoni di bellezza del mondo della moda e dei media. Una tendenza confermata anche dalla top five dei sex symbol femminili. Al primo posto troviamo la testimonial di Perrier Dita Von Teese (69%), vera e propria paladina delle donne in carne, tanto da aver creato di recente una linea di lingerie dal nome “Von Follies”, pensata per valorizzare le forme audaci delle donne con qualche chiletto in più. Al secondo posto le curve mozzafiato di Monica Bellucci (63%), la quale ha di recente affermato «ero alta e con le curve, e

1 - Dita Von Teese

69%

2 - Monica Bellucci

63%

3 - Rossella Brescia

59%

4 - Scarlett Johansson

56%

5 - Belen Rodriguez

51%

6 - Melissa Satta

46%

7 - Kate Winslet

43%

8 - Beyoncé Knowles

39%

9 - Milly Carlucci

34%

10 - Irina Shayk

31%

11 - Violante Placido

29%

12 - Tessa Gelisio

26%

13 - Alena Seredova

24%

14 - Chiara Gugole

22%

15 – Kate Moss

18%

93 For Magazine


For magazine ARTE di Demetrio Moreni Andy Warhol, Self Portrait, 1986.

94 For Magazine


For magazine

Felix Gonzales-Torres, Untitled (Blue Cross),1990.

“Dietro l’angolo” del collezionismo Il programma del Macro dedicato alla passione per le raccolte di capolavori si apre con l’interessante mostra Going Around the Corner, che presenta opere di proprietà della nobile famiglia Berlingieri, incluso un quadro di Andy Warhol 95 For Magazine


For magazine

Vanessa Beecroft, vb26 performance, 1997.

Jake e Dinos Chapman, One Day You Will No Longer Be Loved XI, 2008.

Per tutti gli amanti dell’arte che ancora non l’avessero visitata c’è tempo fino al 10 giugno prossimo per ammirare la collezione Berlingieri, esposta nella mostra Going Around the Corner, presente all’interno della Sala Bianca del Macro, il Museo d’Arte Contemporanea di Roma. Situata nell’ala nuova del complesso museale, l’esposizione fa parte del programma “Collezionismi”, di cui rappresenta il primo appuntamento assoluto, dedicato all’indagine e alla riflessione sul valore del collezionismo pubblico e privato, ponendo un particolare accento sulla figura e sulla personalità del collezionista contemporaneo.

Iniziata verso la metà degli anni Sessanta, questa raccolta proviene da una eccezionale selezione di opere appartenenti al marchese romano Annibale Berlingieri, e successivamente alla figlia Lidia Berlingieri Leopardi, che ne ha ereditato i beni e la vocazione per l’arte. «Così come per mio padre, collezionare per me è un’autentica passione – ha dichiarato la nobildonna –, non ho mai acquistato niente pensando a un investimento». Gran parte dei pezzi della collezione Berlingieri Leopardi sono conservati nella tenuta di famiglia in Basilicata, nella casa di Roma e in quella nelle Marche, dove ha sede l’azienda vini-

96 For Magazine


For magazine

Felix Gonzales-Torres, Untitled (Rue St Denis), 1992.

Maurizio Cattelan, Spermini, 1997.

cola. «Mio padre – ha spiegato la figlia dello storico collezionista – si appassionò di Minimal Art americana verso la fine degli anni ’90 e mi diede l’incarico di cercare nuovi lavori. A New York, nella galleria Sonnabend, fui colpita da una fotografia di Hiroshi Sugimoto, che trovai straordinaria. È stata la prima opera che comprai. Non era un lavoro Minimal, ma era comunque un’immagine molto pura. Quando si cresce tra la Minimal Art è difficile discostarsene: è totalmente coinvolgente». La raccolta al Macro, infatti, si caratterizza proprio per un forte tratto minimalista e concettuale, arrivando col tempo ad includere lavori che conservano ancora oggi una marcata impronta visivo-analitica. Tema portante della mostra è il ritratto, a cui è dedicata la sezione iniziale, mentre la parte centrale del percorso espositivo è incentrata sulla “psicologia” della percezione e sui fragili meccanismi della relazione tra spettatore e opera; nell’ultima sezione, infine, si analizzano temi più rassicuranti, che hanno

come soggetto lo sguardo del pubblico. In tutto sono visibili circa trenta opere, a partire dall’installazione che dà il nome all’intera mostra, Going Around the Corner Piece With Live and Taped Monitors, realizzata nel 1970 da Bruce Nauman. Sono presenti anche due importanti lavori dell’artista cubano Felix Gonzalez-Torres: Untitled (Blue Cross) del 1990 e Untitled (Rue St. Denis) del 1992. Il percorso prosegue con le creazioni, tra le altre, di Maurizio Cattelan (Spermini, 1997), Candice Breitz (Becoming Jennifer, 2003), Joseph Kosuth (One and Three Radios, 1965), Thomas Ruff (mdpn33, 2003), Maurizio Mochetti (Palle, 1988), Vanessa Beecroft (vb11 performance, 1996, vb26 performance, 1997), Hiroshi Sugimoto (rappresentato da ben tre opere: Baltic Sea Rugen, 1996; Sea of Japan Rebun Island, 1996; Hydon Orpheum Sydney, 1997). Ciliegina sulla torta è il celebre capolavoro di Andy Warhol, Selfportrait, dipinto dal visionario artista statunitense nel 1986, un anno prima della sua scomparsa.

97 For Magazine


For magazine IN MOSTRA di Nolberto Bovosselli

Adriana Benetti (a sinistra), resa celebre dal film Quattro passi fra le nuvole (1942) con Gino Cervi. Una giovanissima Alida Valli (a destra), definita dal produttore americano David O. Selznick, (quello di Via col vento) la “Ingrid Bergman italiana�.

Il tocco magico Quello di Arturo Ghergo, maestro della fotografia italiana dagli anni Trenta agli anni Cinquanta, a cui Roma dedica una rassegna di splendidi ritratti per celebrare la bellezza e il glamour delle star nostrane

98 For Magazine


For magazine

Massimo Girotti, primo esempio di divo italiano. Indimenticabile la sua interpretazione in Ossessione (1943) di Luchino Visconti.

Giannalisa Feltrinelli (moglie del banchiere Carlo) con le figlie Ludina e Benedetta.

C’è stato un tempo, prima dei tag su Facebook e dei “cinguettii” su Twitter, ma soprattutto prima di Photoshop, in cui le donne e gli uomini che ambivano alla celebrità avevano bisogno, per essere definitivamente consacrati come “divi”, di finire immortalati dall’obiettivo di un grande fotografo. C’è stato un tempo, in un’Italia che passava da un conflitto mondiale all’altro, dalle miserie della ricostruzione alla Dolce Vita, in cui la bellezza impressa sul negativo di una pellicola fotografica poteva essere catturata da un unico grande artista: Arturo Ghergo. Trasferitosi a Roma nel 1929 per aprire uno studio in via dei Condotti, il talento marchigiano, nel volgere di poco tempo, diviene il ritrattista più in voga dell’alta società, delle stelle del cinema

e dello spettacolo, soprattutto degli attori di Cinecittà. Per circa trent’anni, Ghergo viene considerato dai suoi stessi contemporanei come il maggiore fotografo italiano, il solo in grado di trasmettere, attraverso i suoi scatti innovativi e sensuali, immagini di assoluta bellezza ed eleganza dei tanti personaggi famosi da lui immortalati. L’elenco è lunghissimo, e include esponenti di primo piano, alcuni autorevolissimi: giovani modelle dai nomi prestigiosi come Marella Caracciolo (futura signora Agnelli), Mary Colonna, José del Drago che, in qualità di testimonial d’eccezione, indossavano gli abiti delle più famose case di moda del periodo (Fontana, Gabriella Sport, Galitzine, Gattinoni); attrici bellissime e in ascesa del calibro di Sophia Loren,

99 For Magazine


For magazine

Due modelle di sangue blu fotografate da Ghergo: la contessa Consuelo Crespi (in abito Galitzine) e la principessa Domitilla Ruspoli Salviati.

Gina Lollobrigida, Silvana Mangano, Alida Valli, Silvana Pampanini, Ingrid Bergman; attori importanti quali Massimo Girotti, Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman; politici di potere come Galeazzo Ciano, Luigi Einaudi, Alcide De Gasperi e Giulio Andreotti; uomini e donne dell’aristocrazia come il duca Marco Visconti, la principessa Domitilla Ruspoli, la contessa Consuelo Crespi; personalità di spicco quali Papa Pio XII, Pietro Badoglio, Gianni Agnelli, i fratelli Bulgari. Tutti questi nomi altisonanti si trovano ritratti nelle 250 immagini che è possibile ammirare, fino all’8 luglio, al Palazzo delle Esposizioni nella mostra Arturo Ghergo. Fotografie, 1930-1959. La straordinaria rassegna, curata dalla figlia Cristina Ghergo e da Claudio Domini, ripercorre l’intera produzione dell’artista, dagli esordi alla maturità, con scatti esclusivamente in bianco e nero, fino all’avvento del colore alle soglie degli anni

Sessanta, quando la sua opera si interrompe per la prematura morte a soli 58 anni. Come ha sottolineato il professor Emmanuele F.M. Emanuele, presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo, la mostra vuole «rendere omaggio a uno dei fotografi italiani più raffinati del XX secolo e alla sua straordinaria carriera». Dopo aver appreso i rudimenti della tecnica fotografica nello studio del fratello Ermanno, Arturo Ghergo, nonostante i pochi mezzi economici di cui disponeva, riuscì ad inventare quasi dal nulla un suo stile, che lo rese rinomato e apprezzato a tal punto che fu coniata l’espressione “tocco Ghergo”, per indicare la paziente ricerca di quell’attimo di fermo immagine capace di proporre i suoi modelli come ancora più splendidi. Prima di lui, in Italia non esisteva un vero e proprio ordine fotografico volto a promuovere il fascino delle star. Infatti, la cosiddetta “glamour photography”, poi evoluta

100 For Magazine


For magazine

Rossana Martini, la prima Miss Italia (1946). Si aggiudicò lo scettro dopo una lotta ricca di polemiche con Silvana Pampanini.

Mariella Lotti, amatissima attrice di film in costume negli anni ’40.

in “fashion photography” (fotografia di moda), era nata a Hollywood negli anni Venti, allo scopo di comunicare il divismo degli attori attraverso la stampa dei rotocalchi che offrivano nuovi modelli estetici. Essa si basava su pose scultoree, gesti sensuali, espressioni plastiche, abiti eleganti, contrasti di luce che miravano ad esaltare le virtù delle celebrità. Questo modo di concepire la fotografia arrivò in Italia solo negli anni Trenta, in piena epoca fascista: Arturo Ghergo, da grande pioniere, fu il primo ad ispirarsi alla glamour photography, personalizzandola con la sua tecnica e le sue qualità che, durante il Ventennio e poi nel secondo dopoguerra, gli permisero di stare al passo con le riviste internazionali come Vogue o Harpers’s Bazaar. Lo studio Ghergo diventò il maggiore promotore di questa via nazionale al glamour e alla moda nella fotografia, contribuendo a

creare nuovi modelli femminili, più moderni ed evoluti rispetto ai cliché classici della donna madre e moglie dell’Italia conservatrice. Nell’ultima parte della sua vita, a metà degli anni Cinquanta, Arturo Ghergo decide di dedicarsi con grande passione anche alla pittura, di cui purtroppo restano pochi ma apprezzabili esempi. A tal proposito, l’esposizione di Roma, per la prima volta grazie a otto dipinti, presenta anche la produzione pittorica del maestro maceratese, influenzata principalmente dal cubismo picassiano e dall’esperienza futurista, completando così il percorso di un artista che, con il suo gusto estetico, ha saputo raccontare visivamente i protagonisti e, in generale, un’intera epoca fondamentale per la storia del nostro Paese.

101 For Magazine


For magazine teatro di Nolberto Bovosselli

Tra le numerose esperienze artistiche di Lillo e Greg c’è anche la partecipazione al Festival di Sanremo 2011 insieme a Max Pezzali, con una versione swing molto apprezzata del brano Il mio secondo tempo.

Ridere a tempo di rock Con Lillo e Greg ci si diverte e si ascolta buona musica. Accade nella commedia Chi erano i Jolly Rockers?, dove scopriamo il segreto di una misteriosa band che iniziò a suonare nel 1950. E che ancora oggi… 102 For Magazine


For magazine

Lo spettacolo teatrale, presentato dalla Ab Management, era stato inizialmente previsto per il mese di aprile, ma ha subito uno slittamento per motivi di salute di Lillo. Tra i Blues Brothers e Il ritratto di Dorian Gray. Può essere questa, in estrema sintesi, la bizzarra alchimia alla base del nuovo spettacolo teatrale di Lillo e Greg, il duo comico romano che dal 17 al 27 maggio sarà in scena al Teatro Ambra Jovinelli con la commedia musicale Chi erano i Jolly Rockers?, da loro scritta e interpretata. Lillo e Greg (al secolo Pasquale Petrolo e Claudio Gregori) fanno ormai coppia fissa dal lontano 1986, quando lavoravano come autori alla casa editrice di fumetti Acme. Da quel momento in poi, la loro ascesa nel mondo dello spettacolo italiano è stata inarrestabile: radio, musica, cinema, tanta Tv sui principali network, dalla Rai a Mediaset passando per Mtv e La7, dove al momento sono impegnati nel nuovo programma satirico di Serena Dandini The show must go off. Ma, soprattutto, nel loro curriculum ci sono numerose esperienze teatrali, alcune delle quali (Twenty Quarantino, 1997, e The Blues Brothers - Il plagio, 2005) hanno come tema portante la musica, gran-

de passione della coppia di comici. I quali, in veste di cantanti-musicisti, già nel 1991 fondarono il gruppo rock demenziale Latte & i Suoi Derivati. Anche in questa inedita rappresentazione il rock ’n’ roll la fa da padrone, a partire dal titolo che rievoca i Jolly Rockers, la band nata nel 1982 per mano di Greg, assieme al chitarrista Max Forestieri. La vicenda è ambientata in Tennessee, nel sud-est degli Stati Uniti, e prende avvio all’inizio degli anni Cinquanta, quando un gruppo di amici decide di mettere su un complesso con l’ambizione di ottenere fama e ricchezza. Purtroppo i ragazzi falliscono immediatamente il loro obiettivo, ma non si perdono d’animo, continuano a suonare e ci riprovano negli anni Sessanta, e poi nel decennio seguente, e poi ancora insistono ostinatamente nel corso del tempo sino al giorno d’oggi. Fin qui nulla di eccezionale, se non fosse per un piccolo quanto inquietante dettaglio non proprio indifferente: i membri del gruppo, nonostante il trascorrere di oltre cinquant’anni, non invecchiano mai. Il motivo di questo fenomeno sembra riconducibile ad un episodio poco chiaro avvenuto in passato, quando di notte ad un incrocio, la band aveva incontrato il misterioso Dr. Phenex, un strano uomo che, in una sorta di patto diabolico, aveva offerto loro il successo in cambio dell’anima. Ma qualcosa non torna. Agli sketch esilaranti e alle parti recitate sul palco si aggiungono degli inserti filmati, costituiti da finte interviste, che donano allo spettacolo la forma di docu-teatro, cioè sequenze da documentario infilate nella pièce teatrale, dove l’umorismo dirompente, metafisico, nonsense del duo comico regna indiscusso. Non mancano i riferimenti alle leggende del Blues, ai riti voodoo del profondo sud più esoterico, al rock duro visto a quei tempi come la musica del diavolo. Proprio perché le note hanno un ruolo cruciale nella storia, ad accompagnare Lillo e Greg nelle loro performance non poteva mancare il complesso musicale romano The Blues Willis, che da anni fa da spalla ai due. Il gruppo è guidato dai frontman Greg e Max Paiella (attore-imitatore noto per le apparizioni a Parla con me), si è formato nel 1997 con l’idea di ricreare le atmosfere dei gangster movie, ha preso parte e partecipa tuttora a diverse trasmissioni televisive. Chi erano i Jolly Rockers?, con il suo mix di umorismo sottile ed energica musica dal vivo, vuole essere un doveroso omaggio non solo al rock ‘n’ roll americano, ma anche alla capacità tutta italiana di sorridere delle proprie sventure.

103 For Magazine


For magazine AUTO di Demetrio Moreni

La “vipera” torna

La nuova Viper SRT conferma la volontà del Gruppo Fiat Chrysler, guidato da Sergio Marchionne, di presidiare il mercato americano delle supercar con un’offerta sempre più articolata.

104 For Magazine


For magazine

a mordere la strada Dopo uno stop di due anni, Chrysler (con lo zampino di Fiat e Ferrari) rilancia la sportiva Viper, ma con il nuovo brand SRT. L’aggressiva supercar è spinta da un propulsore V10 da 640 Cv Il recente New York International Auto Show 2012 è stato lo sfondo perfetto per una eccezionale presentazione, che ha visto il ritorno in grande stile del Gruppo Chrysler con uno dei suoi modelli più apprezzati negli Stati Uniti e non solo: la Viper. A differenza del modello precedente, che portava il marchio Dodge, la nuova “Vipera” torna alla luce grazie alla gestione Fiat e alla preziosa collaborazione con Ferrari e Maserati, i cui tecnici specializzati si sono recati a Detroit per seguire da vicino i lavori di restyling. Tuttavia, l’azienda americana ha subito precisato che questo nuovo modello non presenta componenti derivanti dalle due case sportive di Modena, sebbene un pizzico di tricolore si ritrovi nei freni Brembo e negli pneumatici Pirelli. Inoltre, il ritorno della Viper, uscita dalla produzione due anni fa per le difficoltà legate alla crisi economica, è stato suggellato dal lancio di un marchio creato ad hoc: SRT, ovvero Street and Racing Technology, un brand specifico riservato alle vetture di elevate prestazioni. Lo stesso Ralph Gilles, presidente e Ceo di SRT, ha dichiarato: «La nostra supercar, costruita a mano a Detroit, è ritornata ed è pronta per recitare un ruolo di spicco nel mondo delle auto ad alte prestazioni». E pensare che di questo gioiello sembravano essersi perse le tracce, dopo che per tutti gli anni Novanta e Duemila è stata la muscle car più amata dagli appassionati di fuoriserie sportive. Nata nel 1992, con un design muscoloso e aggressivo ispirato alla AC Cobra degli anni Sessanta e un propulsore dalle straordinarie dimensioni: 8 litri, dieci cilindri di derivazione Dodge Truck. Dopo vent’anni, dagli stabilimenti di Conner Avenue, riaperti per l’occasione con l’assunzione di altri 150 operai, esce la nuova supercar che non ha perso nulla della sua esuberanza, sia nelle linee esterne, robuste e graffianti, sia nelle smisurate proporzioni del motore. Infatti, dal punto di vista stilistico non cambia molto rispetto alla vecchia Dodge Viper: alcuni miglioramenti hanno riguardato il tetto con la doppia gobba, i nuovi pacchetti fari sia nella parte posteriore sia in quella anteriore dell’auto, le prese d’aria sul cofano motore. Sotto al quale romba un gigantesco V10 da 8.4 litri, in grado di erogare una potenza di 640 Cv e 814 Nm di coppia massima, che viene trasferita alla trasmissione da un cambio

105 For Magazine


For magazine Sulle prestazioni dell’auto, nonostante l’incremento di potenza si limiti a soli 40 Cv, interviene l’alleggerimento della struttura, ottenuto tramite l’uso di fibra di carbonio e alluminio.

Viper SRT In questo nuovo modello Chrysler ha esaltato l’architettura originale, con motore anteriore in linea e trazione posteriore, grazie ad una struttura molto più rigida e a una notevole riduzione del peso (- 46kg ). 106 For Magazine


For magazine

Sulla Viper l’elettronica gestisce le sospensioni e la dinamica di guida. L’abitacolo è più tecnologico, grazie all’impianto U Connect con schermo da 8,4". I possenti cerchi in lega montano di serie un’eccellenza italiana: i Pirelli PZero Corsa. Invece i freni sono Brembo 335 x 32 con pinze a quattro pistoni.

manuale Tremec TR6060 a sei marce, con rapporti più ravvicinati per offrire un maggiore piacere di guida. Una menzione speciale meritano il collettore d’aspirazione in materiali compositi, i pistoni forgiati, le valvole di scarico raffreddate al sodio e il volano in alluminio. Tanti sforzi sono poi stati compiuti per alleggerire il peso, con l’adozione di un combinato di alluminio e fibra di carbonio per la carrozzeria, con una scocca ridotta e soprattutto irrigidita del 50%, grazie anche alle travi incrociate in alluminio e magnesio per rinforzare il vano dove alloggia il propulsore. Così facendo la vettura ha un peso inferiore ai 15 quintali (con freni, gomme e componenti varie), per un rapporto peso-potenza da fare invidia alle più violente sportive del pianeta: 2,33 kg/cv. Il design esterno della SRT Viper presenta un look chiaramente ispirato alla prima versione del 1992, dal carattere elegante e battagliero allo stesso tempo. Lo stile evoluto si avvale di un muso frontale con gruppi ottici bi-xenon, mentre nel posteriore si possono notare alcuni riferimenti alla Maserati Gran Turismo, con una coda sportiva grazie al grande spoiler e ai fari full Led. Gli interni sono di maggiore qualità rispetto al modello precedente, uscito di produzione nel 2009, poiché hanno subito un netto

miglioramento, potendo disporre di materiali di fattura e tecnologia avanzate: sedili Sabelt, rivestimenti in pelle, strumentazione digitale, accenti metallizzati e un display da 8,4 pollici posto sulla consolle touchscreen, per accedere a sistemi di infotainment e applicazioni, così da rendere l’abitacolo più moderno e multimediale. La nuova Viper è disponibile in due versioni: normale e GTS, identiche nell’aspetto ma diverse dal punto di vista degli optional, in quanto il modello GTS ha sospensioni regolabili elettronicamente e altri comfort aggiuntivi. La casa automobilistica americana ha avuto una brillante idea, pubblicitaria e remunerativa: il primo esemplare della SRT Viper verrà messo all’asta anziché venduto tramite concessionario come tutti gli altri. Il ricavato di quest’asta, che si terrà ad Orange County il prossimo mese di giugno, sarà interamente donato in beneficenza all’Austin Hatcher Foundation For Pediatric Cancer, un istituto che cura i bambini malati di cancro. Quanto al prezzo ufficiale della vettura non ci sono ancora indicazioni in merito, ma di sicuro debutterà già quest’estate nelle concessionarie americane, e potrebbe essere commercializzata anche in Europa nei primi mesi del 2013.

107 For Magazine


For magazine APPUNTAMENTI di Sara Donati

Quando sfilano… le ruote Torna il Roma Motor Show: nato nel 1947 ha saputo rinnovarsi, restando al passo con i tempi. Non solo auto in una manifestazione che riesce a coniugare passione, sport ed eleganza È la vetrina romana dell’auto e del motore e ha una lunga storia alle spalle. Era, infatti, il 23 giugno del 1947 quando Michele Favìa del Core, fondatore della rivista Motor, la più vecchia pubblicazione motoristica italiana, inaugurò “Il Concorso Internazionale di Eleganza della Carrozzeria”, trampolino di lancio per firme oggi di grande successo come Pininfarina, Vi-

gnale, Touring, Bertone e tante ancora, in una cornice, quella del Pincio, che ha visto passare tra i tanti personaggi del mondo dello spettacolo Isa Barzizza, Renato Rascel, Marcello Mastroianni, Nino Manfredi, Philippe Leroy, Paolo Panelli. Col tempo la presenza delle vetture esposte dalle Case automobilistiche è diventata sempre più considerevole, così nel 1958

108 For Magazine


For magazine

Il Roma Motor Show si tiene il 25 e 26 maggio allo Stadio Paolo Rosi (ex delle Aquile, comunemente chiamato dell’Acqua Acetosa). Molte le iniziative per questa 57esima edizione. L’ingresso è gratuito.

non poté che trasformarsi in “Rassegna Internazionale dell’Automobile”. Quando poi, nel 1969, subentrò nell’organizzazione Corinna Favìa del Core, ancor oggi saldamente al timone, la mostra per stare al passo dei tempi venne rinnovata. Dal 1972 non fu più riservata solo alle automobili e il nome cambiò in “Motor Show”, in modo da ricordare anche la testata della rivista organizzatrice. Nonostante tutte queste trasformazioni, il Roma Motor Show ha saputo mantenere quel concetto di “Mostra Internazionale di Eleganza delle Automobili e dei Veicoli a Motore” che ancora oggi le appartiene. In questa edizione, la numero cinquantasette, oltre alla consueta esposizione della produzione motoristica nazionale e internazionale, sono in programma diverse altre iniziative: oltre al collaudato percorso di sicurezza stradale “Rosso, Giallo, Verde” dedicato ai bambini, da segnalare la “Green Zone”, un’area dove saranno esposte vetture elettriche o ibride che il pubblico potrà provare su un circuito all’interno dello stadio, l’Area 4x4, dove si svolgeranno esibizioni mozzafiato di veicoli off-road

e uno spazio dedicato al modellismo radiocomandato con gare drift. Molte altre le sorprese: dalla parata inaugurale dei mezzi speciali dei Corpi dello Stato, al “Concorso di eleganza della Carrozzeria” riservato alle vetture d’epoca, alla sfilata Ferrari con l’elezione di Miss Roma Motor Show, al gran finale con una tappa del campionato Elaborare/Emma. Ma il Roma Motor Show è anche moto, quad, veicoli alternativi ed elaborati: una passerella alla quale l’appassionato difficilmente sa resistere. Questi mezzi danno mostra di sé con una quantità incredibile di vetture e di professionisti. Uno degli eventi più attesi è la Sfilata di Moda abbinata alle più belle automobili della produzione internazionale. Sulla passerella del Roma Motor Show non sfilano soltanto le auto migliori del mercato automobilistico mondiale ma, binomio ormai consolidato negli anni e sempre di grande attrattiva, la moda accompagna le vetture in quella che è una delle sfilate più attese della manifestazione.

109 For Magazine


For magazine YACHTING di Demetrio Moreni

Navigare con eleganza Il piacere di solcare il mare in estremo relax e spensieratezza non ha prezzo. I modelli che proponiamo questo mese riflettono tale esigenza, senza rinunciare ad appagare il gusto e l’estetica

Ocean Pearl è ideale per le crociere extralusso nel Mediterraneo e ai Caraibi.

110 For Magazine


For magazine

111 For Magazine


For magazine

Il management della flotta Yacht Plus (equipaggio, logistica, amministrazione e charter) e tutti gli aspetti tecnici (dalle prenotazioni ai trasporti, jet privati, trasferimenti in elicottero) sono gestiti da Floating Life, in modo da assicurare una crociera priva di preoccupazioni.

OCEAN PEARL Dotato di 5 lussuose suite per ospitare fino a 12 persone, questo natante parla anche un po’ italiano per gli interni e per il cantiere dove è stato realizzato

Questo yacht nasce dopo il successo del “gemello” Ocean Emerald. Servizi e lusso offerti giustificano il suo valore di mercato: 14.800.000 euro.

Questo gioiello di 41 metri progettato da Foster+Partners offre enormi spazi fruibili a bordo con l’uso della luce come elemento d’arredo. L’imbarcazione nasce da un’idea di Yacht Plus, leader mondiale nella proprietà frazionata di superyacht, che lo ha realizzato in Italia, per l’esattezza a Porto Mirabello, La Spezia. La barca è munita di cinque suite, capaci di ospitare un massimo di 12 persone che verranno seguite da un equipaggio fisso composto da 7 membri altamente specializzati. La gestione interna degli spazi offre una flessibilità massima per appagare le più esigenti richieste di ogni armatore e dei suoi ospiti. Particolare attenzione è stata data ai dettagli che riguardano sia le zone interne sia quelle esterne, dalle ceramiche ai tessuti, dalle uniformi dell’equipaggio fino ai soffitti in corian con lavorazioni raffinatissime nelle parti pubbliche e al rovere sbiancato nelle cabine. Tutta la mobilia e gli arredi sono realizzati dal produttore italiano Cassina, mentre la cucina e la dispensa sono firmate Scholtés. «La formula della proprietà frazionata è stata intesa nel suo senso più corretto e sostanziale da tutti – ha dichiarato John Hare, Chairman di Yacht Plus –, e le richieste continue mostrano come, in tempi economicamente difficili, essa stia rapidamente diventando una soluzione logica e finanziariamente intelligente per possedere prodotti di lusso di lunga durata. I giorni in cui i superyacht erano di unica proprietà stanno rapidamente diminuendo, a causa degli alti e continui costi di funzionamento e manutenzione. Uno dei principali vantaggi della proprietà frazionata è quello di permettere agli armatori di avere la possibilità di mantenere uno stile di vita prestigioso e di lusso a un costo ridotto rispetto alla pura proprietà, offrendo all’investitore la possibilità di possedere una parte di un superyacht realmente fantastico».

112 For Magazine


For magazine

Il Grand Banks 72 viene costruito negli stabilimenti di Singapore. Oltre a questa sede produttiva, il cantiere americano dispone di un impianto in Malesia.

GRAND BANKS 72 Alte prestazioni degne del marchio per questo modello facile da manovrare, in grado di raggiungere i 29 nodi di velocità, garantendo comfort e sicurezza

Una caratteristica degli interni è quella di avere un vano porta piatti e porta bicchieri elettricamente amovibile e la dotazione di ben quattro frigoriferi.

Per una clientela che vuole disporre di un’imbarcazione facilmente gestibile, senza il bisogno di un equipaggio numeroso, Grand Banks ha progettato il 72 piedi della linea Aleutian, che rappresenta il massimo esempio delle barche sobrie e tradizionali. Un modello costruito in collaborazione con lo studio Tom Fexas che ricalca il concetto di “Raised Pilot House”: si tratta di una tipologia di imbarcazione che, grazie al piano rialzato della postazione di guida rispetto al salone e al ponte d’accesso, assicura ampi spazi laterali con camminamenti ben sollevati. Gli esterni del GB 72 sono caratterizzati da grandi superfici a prua, con la possibilità di usufruire di prendisole forniti dal cantiere come optional. Il verricello è idraulico doppio. A poppa la barca dispone di un doppio pozzetto: il primo è in comunicazione diretta con il salone, occupato da un tavolo molto ampio con sedute fino a 8 persone; l’altro ponte può essere attrezzato eventualmente per la pesca, con la possibilità di installare poltrone e vasche per il pescato. Anche gli interni sono molto accoglienti e ariosi. Dal pozzetto principale si accede al salone tramite una larga finestratura che assicura luce e ventilazione. Proseguendo verso prua si trova l’accesso alla stazione pilot house, che ospita il locale cucina con le varie attrezzature di serie (compattatore di rifiuti, lavapiatti, forno a microonde, forno tradizionale). Scendendo al ponte inferiore lo yacht presenta tre ampie cabine con letti in piano: ogni cabina è dotata di un proprio bagno. La terza cabina ospiti può essere tranquillamente convertita in un office con schermi Lcd, pc e stampanti. La cabina armatore dispone di un letto king size ed ha la possibilità di avere due bagni al posto dell’armadio. Il 72 Aleutian è spinto da due motori C130 caterpillar da 1550 cavalli, in grado di raggiungere una velocità massima di 29 nodi.

113 For Magazine


For magazine

Lunghezza fuoritutto: 13,35 mt; larghezza: 3,83 mt; capacità serbatoio carburante: 960 lt; capacità serbatoio acqua: 120 lt; dislocamento a pieno carico: 8 t circa.

STRIDER 13 Con una carena derivata dal modello Lancia, la barca può solcare anche il mare mosso a forte velocità, offrendo al contempo sportività e praticità

L’armatore può scegliere tra diversi impianti di propulsione, dai motori diesel FPT N60-480 2x480 cv o CMD 4.2 2x350 cv, ai motori a benzina Mercruiser 377 2x320 cv o Mercruiser 496 2x425 cv.

Il Sacs Strider 13, realizzato sulla scia del successo del suo predecessore, lo Strider 11, è il gommone ideale per coloro che vogliono concedersi il piacere di una vacanza in crociera sportiva e dinamica, un mezzo perfetto per la coppia, grazie anche alla cabina e agli altri servizi di cui è predisposto. Non solo. Gli spazi esterni ampi e vivibili lo rendono adatto anche alle uscite giornaliere in compagnia di tanti amici, in virtù delle dimensioni considerevoli del pozzetto, del prendisole e della spiaggetta poppiera. Come tutti i modelli Sacs, anche lo Strider 13 porta la firma dello studio Christian Grande DesignWorks e degli ingegneri del cantiere, che hanno scelto di conservare un forte feeling con i modelli più recenti della gamma. L’elemento stilistico che spicca maggiormente è senza dubbio la consolle: la postazione di pilotaggio è ergonomica per consentire al pilota di guidare nel massimo della comodità, con tutta la strumentazione di bordo disposta secondo precisi criteri, che sono il risultato di un progetto elaborato e collaudato. Il pozzetto ospita un mobile cucina attrezzato con lavello, piastre di cottura e frigorifero, mentre il tendalino è in grado di garantire ombra sia al living sia al materassino di poppa. Per gli interni sono state scelte rifiniture di alto livello, con essenze esotiche e complementi d’arredo moderni, ma allo stesso tempo eleganti. Dal punto di vista delle linee di design, lo Strider 13 eredita la forma della carena dal modello Lancia, e ciò gli consente di affrontare qualsiasi tipo di mare, anche quello più agitato, assicurando comunque comfort e sicurezza per chi è a bordo. Le motorizzazioni disponibili vanno dai propulsori entrofuoribordo a benzina o diesel di Mercruiser, sino a una coppia di turbodiesel common rail da 480 cavalli di Fiat Powertrain Technologies.

114 For Magazine


For magazine

Lunghezza f.t. 24,00 m; larghezza 6,05 m; cabine: 3; motorizzazioni 2 x Mtu 1500 hp; velocità max 40 nodi.

TOBEKA Passione per il mare e grande vivibilità a bordo fanno di questo yacht un fiore all’occhiello del cantiere svizzero Floating Life e del marchio italiano Leopard

Gli spazi e gli arredi interni del Tobeka sono rifiniti con grande cura dei dettagli, volta ad offrire luminosità, ampiezza e notevoli comodità abitative.

Floating Life, la società elvetica specializzata nel settore gestione, charter e vendita di yacht, ha realizzato un nuovo piccolo-grande capolavoro, dando vita al Leopard 24 Tobeka, prodotto dai Cantieri Navali Arno di Pisa, la storica industria nautica della famiglia Picchiotti, detentrice del marchio Leopard. Il Tobeka ha una carena in vetroresina estesa per una lunghezza di 24 metri e 6,05 m di larghezza. Il design esterno si caratterizza per la presenza di linee slanciate e aggressive, che garantiscono una forte dose di sportività al natante. Il ponte superiore, con l’immenso tetto apribile hard top, è il luogo ideale per godersi la giornata di mare in crociera. Altrettanto ampi e confortevoli sono gli interni di questa elegante imbarcazione: nella zona notte Tobeka offre alloggio per un massimo di 6 persone in 3 suite diverse, comprendenti una cabina armatoriale spaziosa e super accessoriata, e due cabine doppie a prua ugualmente comode e munite di due letti singoli e bagno privato. Inoltre, può anche ospitare fino a due membri dell’equipaggio a bordo, per dare garanzia di esperienza e sicurezza nella navigazione. Nel pozzetto centrale è collocato un grande salone che beneficia della luce del sole, grazie alle ricche finestrature sui lati. A rifinire gli interni ci pensano poi i colori e gli arredi di pregio esclusivo. Il Tobeka è in grado di raggiungere i 40 nodi di velocità massima, con una velocità di crociera di 35 nodi assicurata dai suoi 8.000 litri di capienza dei serbatoi. E questo è reso possibile grazie alla potenza del doppio propulsore Mtu da 1500 hp. Come da tradizione per tutti i prodotti Floating Life l’obiettivo principale è quello di garantire ai clienti di ottenere il massimo dal loro tempo e godere della maggiore serenità e relax possibili. Anche il Tobeka è stato pensato per rispondere a queste esigenze.

115 For Magazine


For magazine SCATTI di Bruno Oliviero

Grazie alla bellezza mediterranea e alla preparazione artistica Adriana Canzoneri è riuscita ad avere già degli spazi come attrice. È siciliana, ma vive a Roma da parecchi anni. Sin da piccola è stata attratta dal cinema e ha studiato con impegno e devozione in varie scuole di recitazione e teatro. Ha preso parte già a qualche fiction e ad alcuni film, tra cui la serie Tv Intelligence - Servizi & segreti con Raoul Bova, e l’opera di Michele Placido dal titolo Vallanzasca - Gli angeli del male, accanto a Kim Rossi Stuart. È una ragazza che senza dubbio avrà ancora tante opportunità di successo, perché ha un carattere deciso e ama il suo lavoro. 116 For Magazine


For magazine

Adriana Canzoneri 117 For Magazine


For magazine IN FORMA con Jill Cooper

STOP

ALLA “DIETA DA FAME” Non è necessario ricorrere a metodi d’urto per perdere peso in vista della prova costume. L’ossessione per il cibo e per i chili di troppo si combatte con equilibrio, tanto sport e una corretta alimentazione. A volte basta anche una camminata Fare dieta o non fare dieta: questo è il dilemma. Di recente sono stata ospite ad una puntata di Matrix su Canale 5 e il tema centrale del talk show erano le diete, o meglio, le differenze tra diete e la fissazione per esse. Non mi sorprende questa scelta, considerando che siamo in primavera e la prova costume si avvicina. Gli altri periodi caldi per quest’argomento sono alla fine dell’estate e dopo Natale, i momenti più cruciali per i sensi di colpa legati al relax e/o piacere e agli eccessi a tavola. Spesso quando frequento queste trasmissioni mi trovo affiancata dai dietologi, obesi o ex obesi, e ogni tanto qualche santone che promuove l’ultimo elisir della dieta segreta che rende magri e belli in poche settimane. Dentro di me rimango sempre un po’ basita dall’ossessione che molti hanno per il cibo, e ancora più da come il loro rapporto con se stessi si altera o si trasforma in confronto a quello che mangiano. Alcuni pensano che se mangiano un biscotto hanno rovinato la loro dieta per il resto della giornata, e allora sono cattive 3persone. Invece se riescono a resistere tutto il giorno, senza fare grandi sgarri, si sentono fieri di loro stessi. La dieta in questo senso diventa un’arma di sofferenza su ogni livello, perché se una persona vive con un costante senso di rinuncia si colpevolizza per aver mangiato qualche cosa che avrebbe dovuto darle un minimo di goduria. Con il mio nuovo libro Anti Anta, oltre ai trucchi contro l’invecchiamento, spiego i meccanismi legati alla fissazione per il cibo, il frigo e le diete, per poi aiutare le persone a liberarsi una volta per tutte da questo potere immaginario che il cibo ha su di loro, e ottenere così il corpo che hanno sempre voluto. Il mio metodo ha poco a che fare con le diete, intese come un’azione d’urto per perdere 10 kg prima dell’estate, che si rivelano quasi sempre un fallimento annunciato. Io invece parlo di equilibrio, di vera essenza del cibo e di alimentazione piuttosto che di dieta. Il primo motivo per il quale le diete d’urto non funzionano è perché non si può ingannare il proprio corpo. Per il semplice motivo che lui è più abile di noi a tenerci in vita. La sua “intelligenza” è innata, grazie a migliaia di anni di evoluzione, sicuramente più longevo dell’ultima dieta di grido. Il

corpo non vuole disperdere energia, non vuole avere troppe “spese” metaboliche e di sicuro non vede l’ora di abbassare il metabolismo di base appena ne ha l’opportunità. Per questo se il corpo non riceve un segnale di strada libera e ricchezza entro 90 minuti da quando si è svegli, automaticamente comincia a restringere i suoi consumi metabolici per risparmiarli. Lo stimolo della “dieta da fame” innesca quello stesso meccanismo di sopravvivenza, e per proteggerci il corpo abbassa i consumi per tenerci in vita, mentre noi volevamo semplicemente perdere qualche chilo. Dal punto di vista della sopravvivenza è geniale, dal punto di vista della prossima prova costume lo è un po’ meno. Allora come si fa ad evitare la “dieta da fame” (o forse, da infame) e perdere i chili che si desidera? È così semplice, e mi gira sempre nella testa quando assisto in studio a questi programmi Tv. Se si vuole che il corpo bruci più calorie, aumentando i consumi aumenterà anche la fame, ma il corpo, grazie all’allenamento, si adatterà e potenzierà i suoi sistemi per bruciare grassi. Poi è semplice migliorare, specialmente nei primi mesi. Si potrebbe cominciare anche con solo 30 minuti di camminata per ottenere dei risultati. Conosco una persona che ha perso 40 chili in 8 mesi camminando, un’attività che poi è diventata una bella corsa. Il movimento è un messaggio di ricchezza che si dà al proprio corpo, e quel segnale lascia le fornaci del metabolismo a fiamma alta, esattamente quello che si vuole per mangiare di più senza prendere chili. Diventate sportivi, e sarete più sorridenti, rilassati, in forma e potrete una volta per sempre dire “addio” alla dieta, e “hello” a un nuovo stile di vita. Buon allenamento da Jill Cooper

118 For Magazine


For magazine

INCONTRI di Paola Comin

A LEZIONE DA ANNA STRASBERG Roma ha accolto con affetto la vedova di Lee, il celebre creatore del “metodo” dell’Actor’s Studio che, dopo la morte del marito, ha continuato ad insegnare recitazione a nuove generazioni di attori. Premiati anche i nostri Giorgio Albertazzi, Remo Girone e Ricky Tognazzi

Luca Argentero, Anna Strasberg, Giorgio Albertazzi, Ricky Tognazzi, Simona Izzo e Giorgio Capitani.

Invitata da Massimiliano Cardia, presidente della Movie Machine Production, grande scuola di recitazione diretta da Rossella Izzo, è arrivata da New York Anna Strasberg, vedova del grande Lee, leggendario fondatore della Actor’s Studio di New York, mitica fucina di grandissimi talenti del livello di Paul Newman, Robert De Niro, Dustin Hoffman, Al Pacino. Non è facile persuadere la matura signora ad attraversare l’oceano, questa infatti è solo la seconda volta che viene nel nostro Paese, ma l’appassionato invito di Cardia ha convinto Anna a incontrare i ragazzi della Movie Machine e a tenere una impegnativa Master Class, che ha coinvolto ed entusiasmato non solo gli studenti dei corsi di recitazione ma anche molti giovani attori già in attività, che hanno voluto assistere agli incontri, consapevoli di poter godere di un’occasione unica e irripetibile. Il grande merito di Massimiliano Cardia e di Rossella Izzo è aver voluto offrire ai ragazzi della Movie Machine, pur seguiti da insegnanti del livello di Fioretta Mari e dalla stessa Izzo, regista e sceneggiatrice di grande impegno e successo, un’esperienza diversa, una “full immersion” di eccezionale qualità. Ed è proprio alla qualità che i tantissimi giovani che aspirano a diventare attori debbono puntare. Al termine dei tre giorni di lezioni il Teatro Quattro degli Studios di via Tiburtina di Daniele Taddei, ha accolto una platea di attori, sceneggiatori,

registi per la consegna dei Premi Actor’s Planet, istituiti dalla Movie Machine. Le bellissime statue raffiguranti Melpomane, la Musa della recitazione e realizzate dalla scultrice di fama internazionale Alba Gonzales, sono state consegnate nel corso di una frizzante serata, condotta con l’abituale professionalità e simpatia da Pino Insegno, ad artisti come Giorgio Albertazzi, Ricky Tognazzi, Fioretta Mari, Luca Argentero, oltre che alla Strasberg che ha ricevuto commossa anche l’opera “Marilyn” realizzata da Andrea Cardia, a sottolineare il profondo e indissolubile legame che ha unito la Diva a Lee Strasberg, che non fu solo il suo maestro e mentore, ma soprattutto il suo amico e confidente più ascoltato e sincero. Altri bellissimi premi realizzati da Swarovski sono stati ritirati da Remo Girone, Giorgio Capitani, Manuela Metri e dalla stessa Rossella Izzo, tra gli applausi della sorella Simona, delle figlie Giulia e Myriam Catania, di giovani attrici come Roberta Giarrusso, Sofia Bruscoli, Janet De Nardis, Elena Ossola. Presenti, tra i tanti altri artisti, il bravo Giorgio Borghetti, accompagnato dalla bella compagna Alessia Tomba, Giulio Berruti, Saverio Vallone, Nicola Canonico, Stefania Barca, Emanuela Aureli, Maria Rita Parsi, Victoria Zinny Girone e Simona Tartaglia Capitani. A chiusura una gigantesca torta “cinematografica” e un affettuoso brindisi hanno suggellato l’avventura romana di Anna Strasberg.

119 For Magazine


For magazine DEL BENESSERE L’ANGOLO di Elda Bertoli

IL FUMO È NEMICO DELLA BELLEZZA Oltre alle numerose patologie legate all’abuso di sigarette, il tabacco provoca danni alla pelle ed è responsabile dell'invecchiamento precoce. Un rimedio per smettere: tante vitamine C, A, E

Bellezza e giovinezza si conservano e si ritrovano non solo grazie ai sempre più efficaci rimedi della medicina estetica e della chirurgia plastica. La salute e il benessere psicofisico di ognuno di noi si mantengono solo se siamo in grado di osservare le regole di uno stile di vita corretto che contempli una sana e bilanciata alimentazione, un’attività fisica dolce e costante, unitamente ad una vigile attenzione nei confronti dell’uso di alcool e fumo. I danni che proprio quest’ultimo è in grado di provocare sono davvero molti, e proprio in una rubrica come questa non si poteva non dedicare un capitolo ad uno dei nemici numero uno della bellezza e della salute della pelle e non solo. I deterioramenti fisici provocati dal fumo sono tantissimi, spiega la dottoressa Giorgia Gencarelli, specialista in pneumologia presso l’Ospedale Sant’Orsola di Bologna, e non coinvolgono solo i polmoni, ma tutti gli organi interni, primo fra tutti l’apparato cardiovascolare. Sono più di ventisette le patologie riconosciute negli Stati Uniti che vengono diagnosticate a causa dell’uso e abuso da fumo di sigaretta: broncospasma, enfisema polmonare, bronchite cronica, tumore. Il fumo, inoltre, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, è spesso responsabi-

le di infertilità maschile, di menopause precoci, di aborti e crescita di neonati sottopeso. Fumare tanto e fumare poco: è spesso questo il dilemma, ma secondo la dottoressa Gencarelli non vale molto. Il fumo è dannoso comunque ed è uno dei veri e sicuri responsabili dell’invecchiamento precoce della pelle. A poco valgono creme e unguenti miracolosi se non si riduce o non si smette totalmente di fumare. L’elasticità e il turgore dell’epidermide, spiega Giorgia Gencarelli, vengono messi a dura prova perché le componenti stesse del tabacco sono assorbite per via sistemica e diminuiscono il flusso sanguigno a livello dei capillari e delle arteriole, determinando un’ischemia del derma e alterando quindi l’integrità cutanea. La pelle perde il colorito naturale e diventa grigiastra, mentre le fibre elastiche si modificano perdendo tono e turgore. È a questo punto che il viso appare più stanco ed invecchiato. Ne vale la pena? La formazione precoce di rughe, continua Gencarelli, è pertanto più che normale, soprattutto quelle che si dispongono in forma radiale intorno alla bocca, ma anche quelle intorno agli occhi, poiché il fumare provoca spesso lacrimazione ed irritazione alla zona oculare. 120 For Magazine

Smettere di fumare non è sempre così facile. Ci vuole un grande forza di volontà, unitamente alla consapevolezza e allo sforzo di comprendere che comunque fare a meno del fumo vuol dire stare meglio, vedersi più sani e più belli. La moderna medicina ha messo a punto vari rimedi per aiutare i fumatori a staccarsi da questo vizio dannoso. Oggi, spiega ancora la Gencarelli, esistono dei farmaci che si legano ai recettori della nicotina e, agendo come antagonisti della stessa, alleviano i sintomi del desiderio di fumare. Si tratta comunque di rimedi che vanno utilizzati e somministrati con cautela, e per adesso solo nei centri antifumo delle Aziende Ospedaliere. Per il resto, rimangono validissimi gli aiuti che provengono dall’uso di integratori vitaminici, soprattutto da quelli a base di vitamina C, A, E, le antiossidanti per eccellenza che, prese in dosi giuste e non eccessive, sono un vero e proprio elisir di giovinezza, in quanto combattono i radicali liberi che spesso aumentano in maniera spropositata nei soggetti fumatori. Anche lo sport e qualsiasi altra forma di attività fisica, conclude la dottoressa Gencarelli, sono benefici per contrastare i danni da fumo, oltre ad una vita serena e senza troppi stress.


For magazine

MODA & SPORT di Lucilla Quaglia

La capitale del golf Si è svolta di recente la seconda edizione della prestigiosa “Roma Classic by Laura Biagiotti Parfums” vinta da D’Orazio, Balsamà e Pagni. Il presidente della Fig Chimenti promette l’Open d’Italia al Marco Simone La Città Eterna è da sempre nei pensieri della stilista Laura Biagiotti, che non a caso ha dedicato al Natale di Roma una gara di golf all’insegna della sua fragranza più famosa: Roma. La prestigiosa “Roma Classic by Laura Biagiotti Parfums”, nel solco della grande tradizione golfistica della Capitale, è stata giocata il 21 aprile sullo splendido campo abilmente modellato dall’architetto statunitense Jim Fazio con tanti personaggi del mondo dello sport, della cultura e delle istituzioni. In competizione il giornalista Giacomo Crosa del Tg5, ma anche attori come Michael Reale e Davide Devenuto di Un posto al sole e campioni come Michael Mair. In campo anche il principe Filippo Pacelli. In club house avvistata Rosella Sensi. In premiazione il presidente del club Fabio Virgili, Laura Biagiotti, Sabatino Leonetti, vice presidente del Consiglio Provinciale di Roma, Silvana Giacobini e il presidente della Fig Franco Chimenti, che ha promesso di portare di nuovo al Marco Simone l’Open d’Italia, colpito dalla sua bellezza. «È ora che l’Open d’Italia torni nella Capitale – ha detto Chimenti – e il Marco Simone ne è davvero degno per bellezza, spazi e designo». Vincitore del premio di prima categoria è stato Stefano D’Orazio, che con 39 punti ha battuto di tre lunghezze Fabrizio Avenati. In seconda categoria vittoria di Sandro Balsamà con 39, a un punto da Adelaide Ventura. In terza vittoria di Leonardo Pagni che con 42 ha battuto di due punti proprio Michael Reale. Ladies a Carla Barattelli con 38 e seniores a Caterina De Gasperis con 38. Premio per il primo lordo con 39 a Marco Moriconi. Non solo competizione, ma anche spazio per i neofiti, che hanno potuto usufruire presso il driving range delle lezioni gratuite dei maestri del club. Grande novità poi con la prova di ballo, a cura dei personal dancer di Simone Di Pasquale, e fruibile da tutti. Tutto ciò ha rappresentato un grande appuntamento per il Gruppo Biagiotti, che ha sempre creduto e investito molto nel golf, ama e segue lo sport ed è stato tra i primi sponsor dell’ambiente. «Il crescente desiderio di verde di ognuno di noi e uno stile di vita sano e sportivo – spiega Lavinia Biagiotti Cigna, vice presidente Gruppo Biagiotti – rappresentano il nostro obiettivo principale».

Da sinistra: Giacomo Crosa, Michael Mair e Filippo Pacelli.

Lavinia Biagiotti Cigna.

Davide Devenuto.

121 For Magazine


For magazine PROTAGONISTI di Tommaso Gandino

A CACCIA DI TALENTI

Flavia Frazzi, capo casting de La Vita in Diretta e di altre trasm

issioni della Rai,

ci racconta il mondo dello spettacolo visto da dietro le quinte Nella sua carriera c’è un motivo di orgoglio? «Assolutamente sì, se guardo il mio curriculum non ho mai fatto un flop». Tutta la vita con la Rai? «Sì, sempre mamma Rai, non l’ho mai tradita, anche se ho lavorato per altre emittenti del digitale, ma in contemporanea con il lavoro a viale Mazzini». Qual è il conflitto di chi fa una Tv di intrattenimento? «Non vedo conflitti, quando fai un buon programma non ce ne sono». Lo spettatore per consolidata abitudine si riconosce nelle trasmissioni che stanno andando in onda? «Penso proprio di sì, considerando il fatto che la televisione è lo specchio della società, poiché racconta tutto: cronaca nera, rosa, attualità». Nella Tv di ieri si programmava. Oggi invece si fa controprogrammazione. È d’accordo? «Da quando è nata la Tv commerciale trovo logico che si tenga d’occhio la concorrenza, anche se si deve stare sempre molto attenti agli obiettivi che vogliamo centrare».

Quale fu la sua prima grande emozione televisiva? «Il primo programma con Renzo Arbore, ricordo le riunioni con Benigni, Marengo e le Sorelle Bandiera. Che bei ricordi. L’altra domenica lasciò un segno indelebile nella nostra televisione». Qual è il potere malato della Tv? «Distorcere la realtà». Quali sono le menti brillanti sprecate in casa Rai? «In Rai le menti brillanti non vanno mai sprecate». Nelle reti pubbliche ci sono ancora raccomandati di talento? «A volte sì, anzi sono felicissima quando mi raccomandano qualche giovane talentuoso». C’è una tendenza televisiva di oggi che la infastidisce? «La volgarità, le urla e le liti». Quali protagonisti del piccolo schermo contemporaneo ricorderemo tra vent’anni? «Di sicuro Pippo Baudo, Renzo Arbore, Raffaella Carrà e Fiorello». Nella foto, Flavia Frazzi con Pippo Baudo

PROMUOVO LE NUOVE IDEE

Nella moda ha vissuto tutte le fasi professionali, iniziando a posar

e come testimonial. Oggi Antonio Falanga è un produttore di eventi di successo. E un ottimo talent scout

Quando nasce la sua passione per la moda e quando capisce che diventerà la sua vita? «La mia avventura nel mondo della moda è iniziata a 18 anni, posando per un mio amico fotografo che doveva realizzare un servizio di moda casual. Per la campagna pubblicitaria fu un successo e per me fu l’inizio di un’avventura che mi ha permesso di lavorare come testimonial e vivere esperienze formative nel mondo della moda per i susseguenti anni». Lei organizza con successo eventi da anni. Come è riuscito ad arrivare da solo in un ambiente chiuso e difficile? «Tutto è iniziato con il mio trasferimento da Napoli a Roma nel 2002. Trovandomi in una nuova città, nella quale l’interesse per il mondo della moda veniva focalizzato principalmente nei due appuntamenti legati al Calendario dell’Alta Moda Capitolina, mi resi conto che non esisteva una vetrina per i nuovi creativi, o per tutte quelle realtà presenti nelle varie regioni d’Italia. Decisi quindi di adoperarmi e iniziai a fare ricerca e

scouting di nuovi talenti, al fine di produrre un evento che potesse dare impulso ai giovani e a tutte quelle realtà sartoriali che avevano l’esigenza di promuoversi e farsi conoscere, soprattutto dalla stampa. Nacque così la prima Edizione di RomaFashion, organizzata nella splendida cornice di Palazzo Barberini». Oggi nel mondo della moda c’è spazio per proporre idee nuove? «Guai se non ci fossero nuove idee. Personalmente sono sempre proiettato a realizzarne, e pronto ad individuare e scoprire il lavoro di tutti quei creativi che hanno il compito di far rimanere sempre grande il nostro Made in Italy». Che cosa le dà più soddisfazione in questo momento della sua vita? «Della moda sono riuscito a vivere un po’ tutte le fasi professionali, da modello a regista, da produttore di eventi a uomo di comunicazione, non posso quindi che affermare che sono fiero del risultato complessivo di quanto sono riuscito a creare sino ad oggi dal punto di vista professionale con le mie produzioni, il Premio Margutta e RomaFashion White, ma soprattutto per la mia crescita personale».

122 For Magazine

Nella foto, Antonio Falanga con Maria Grazia Cucinotta.


For magazine

sport di Pina Bevilacqua

CC Roma, over 50.

CALCETTO DI PRIMAVERA Fioccano in questo periodo parecchi tornei dello sport nato proprio nella Capitale nel 1949. Entra nel vivo la VI Coppa Veterani con le tre classi Over 40, 50 e Anche se la bella stagione fa un po’ i capricci è tempo di pallone e calzoncini corti. Grande successo per il III Trofeo Gian Marco Salvati, il torneo di calcio a 5 organizzato dal Circolo Canottieri Roma in ricordo del suo giovane atleta Gian Marco Salvati. Del resto il calcetto è nato proprio a Roma. Il primo torneo che si sia mai giocato in Italia, in Europa e, forse, nel mondo

è stato al Parioli nel 1949. Primi le Belve. Ultimi i Marpioni, con un giovanissimo Nicola Pietrangeli. Il Marco Salvati, giocato ad eliminazione diretta, ha portato in campo Circolo Canottieri Aniene, Circolo Canottieri Lazio, Circolo Canottieri Tirrenia Todaro, Circolo Tennis Eur, Tennis Club Parioli, Eur Sporting Club, Reale Circolo Canottieri Tevere Remo e, naturalmente, Cir-

123 For Magazine

60

colo Canottieri Roma. Alla fine, nell’Over 60 ha prevalso il Tevere Remo (che in finale ha sconfitto il CT Eur 1-0), nell’Over 50 il CC Roma (che ha superato il CT Eur 7-5), nell’Over 40 ancora i padroni di casa (che hanno battuto 6-5 lo Sporting Eur), nell’Under 10 il CT Eur (vittorioso sul Tevere Remo 5-4). Grande attesa per le semifinali (andata/ritorno)


For magazine Team giovanile del CT Eur.

della VI Coppa Veterani. Un classico del calcetto capitolino, che prevede tre classi, Over 40, 50, 60 e che, come vuole la tradizione, si concluderà a ridosso della finale di Champions League, in notturna, il 23 maggio, al Futbolclub. Per l’Over 40, sono rimaste in gara le formazioni di Flaminio SC, Futbolclub, Villa Flaminia Blu, CC Roma, mentre si sono perse per stra-

da quelle di Antico Tiro a Volo, Montecitorio, Aniene, Tevere Remo, Futbolclub Arancione e Nero, CT Eur, Villa Flaminia Bianco. Per l’Over 50, la lotta è tra Antico Tiro a Volo, Futbolclub, Futbolclub Blu, Villa Aurelia, mentre sono rimasti fuori CCRS BNL e Due Ponti SC. Per l’Over 60, grande sfida tra Futbolclub, Le Palme SC, Villa Aurelia e Antico Tiro a Volo; fuori dai gio-

124 For Magazine

chi il Tevere Remo. Intanto, al Circolo Canottieri Tevere Remo, è partito il Torneo Club dei Circoli Storici. Due gironi e 4 categorie (Over 40, 50, 60, Assoluti) che vedono impegnati CT Eur, TC Parioli, CC Aniene, RCC Tevere Remo, CC Tirrenia Todaro, Sporting Club Eur, CC Lazio e CC Roma.


For magazine

ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE INFERMIERISTICA AGORÀ I PROFESSIONISTI DELLA SALUTE La salute è il bene più prezioso e va affidata alle persone giuste. Per questo l’Associazione Professionale Infermieristica Agorà si è specializzata nel fornire un supporto di qualità a chi necessita delle cure più diverse, anche quotidiane. Facendo dell’affidabilità il suo punto di forza. Una buona assistenza infermieristica riesce a migliorare la qualità della vita del paziente e dei suoi cari. Perciò la nostra Associazione, dopo anni di esperienza, fa dell’eccellenza la sua cifra. La nostra equipe è composta solo da infermieri professionali e paramedici esperti, in grado di somministrare qualsiasi tipo di cura e trattamento, dalle prestazioni più richieste a quelle più specializzate, con competenza e serietà, seguendo in modo rigoroso le vigenti normative igienico-sanitarie. La nostra azienda si fonda sulla convinzione che le necessità dei clienti sono la priorità assoluta. Infatti, grazie alla nostra pluriennale esperienza nel settore, siamo in grado di offrire un ampio ventaglio di servizi altamente qualificati e specializzati, ideale per fare fronte alle reali esigenze di ciascun paziente. Fornendo, cosi, un supporto concreto a lui ed ai suoi cari. • Pratiche infermieristiche (ad esempio, iniezioni, flebo, medicazioni di vario tipo), a domicilio o presso i nostri ambulatori • Prelievi del sangue a domicilio • Pronto soccorso infermieristico • Assistenza infermieristica domiciliare e presso strutture sanitarie pubbliche e private • Assistenza, sostegno, accompagnamento di anziani e disabili, anche per contrastare la solitudine, soprattutto nei mesi estivi e in occasione di festività • NEFRO Team (specialisti della dialisi con metodiche CRRT), in nosocomi e a domicilio • WOUND CARE Team (specialisti nella cura delle lesioni cutanee chirurgiche e da decubito) • ICU Team (specialisti di terapia intensiva) • Servizi paramedici • Servizi di appalto in outsourcing per Enti pubblici e privati • Tutoraggio e formazione Operiamo con elevata professionalità e specializzazione in strutture sanitarie pubbliche e private, nei nostri ambulatori e a domicilio. Perché, purtroppo, non tutti i pazienti possono accedere alle diverse strutture sanitarie autonomamente. E perché è scientificamente provato che la cura tra le mura domestiche, senza dover abbandonare la propria dimensione familiare e sociale, gli oggetti cari e le care abitudini, è meno traumatica, addirittura meno dolorosa, e sicuramente più efficace. Ogni paziente è, soprattutto, un essere umano e noi, che facciamo della cura del prossimo la nostra mission, questo lo teniamo sempre ben presente. Occupandoci innanzitutto dell’Uomo, prima ancora che del paziente, con comprensione e rispetto, oltre che con estremo impegno e professionalità. Prestando la massima attenzione a tutte le sue esigenze, ma anche al suo benessere psicofisico generale. Cercando di trasmettere sicurezza e positività, a lui ed ai suoi cari.

Non esitate a contattarci per qualsiasi informazione. Scoprirete di potervi affidare a noi in totale serenità. ASS PROFESSIONALE INFERMIERISTICA AGORÀ V. Rio Elba 137 00138 Roma tel: 06 8810905 fax: 06 8810905 www.associazioneinfermieristica.it 125 For Magazine Riceviamo nei nostri ambulatori, su appuntamento

Siamo disponibili 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno


For magazine

Al centro il fantino Cristian Demuro e la cavalla Noble Hachy.

CAVALLI DI RAZZA

Polo Gold Cup, Premio Carlo Chiesa, Derby Italiano: per gli appassionati non c’è che l’imbarazzo della scelta L’antica tradizione equestre capitolina non smette di dare frutti. Addirittura insperati, come il prestigioso “Best press office” appena tributato, a Losanna, all’ufficio stampa capitanato dalla romana Caterina Vagnozzi, che segue da ben 23 anni il Concorso Ippico Internazionale di Piazza di Siena. Una vera istituzione per la nostra città, che quest’anno, dal 24 al 27 maggio, festeggia i suoi 80 anni. Archiviate le tappe sulla neve di Cortina e la sabbia di Forte dei Marmi, conto alla rovescia per il gran finale della Polo Audi Gold Cup, dal 19 al 23 giugno, sull’erba del Roma Polo Club, il più storico “polopitch” d’Italia. Quest’anno le tappe precedenti sono state appannaggio di due campioni capitolini, eterni rivali oppure accoppiata vincente, a seconda dei casi. In Versilia, ha trionfato la squadra portacolori del title-sponsor, capitanata da Luca

D’Orazio, polo player, allevatore, papà della bella e brava Ginevra (a 21 anni la più promettente giocatrice italiana), socio del CC Lazio. Che si era aggiudicato la Polo Gold Cup 2011, vincendo sulla neve, sulla sabbia e sull’erba di casa. Che a Forte ha praticamente sfoderato la stessa formazione vincente dell’anno scorso (gli argentini Juan José Storni e Juan Ruiz Guinazù e, al posto di Ginevra, Stefania Annunziata, unica donna del torneo). Avendo poi nettamente ragione (7-2) sul Ruinart Polo Team, che pure era uscito imbattuto dalle qualificazioni. Squadra capitanata da un altro mitico “polero” romano, Vittorio Cutinelli Rendina. Risoluta vittoria (5–1½) anche per il 3° posto, di US Polo Assn. Team su Cortina Polo Style Team, con in forza l’italo-argentino Marcos Antinori (Acquedotto Romano Polo Club). Mattatore della finale (con sette realizzazioni) Storni, pure 126 For Magazine

goleador del torneo (con 20 marcature), come l’anno precedente. Bomber italiano a Forte il milanese Paolo Santambrogio del Cortina. Miglior giocatore italiano D’Orazio e miglior cavallo la sua Tiziana, una saura di 7 anni. Premio Fair Play al capitano del Cortina, lo statunitense Marco Elser, consegnato niente meno che da Andrea Bocelli. Sulla neve aveva trionfato un altro portabandiera della grande storia polistica romana, il bel Rommy Gianni (Roma Polo Club), rientrato in campo proprio a Cortina dopo una stagione di assenza forzata, per l’incidente di un anno e mezzo fa. Sul lago ghiacciato di Misurina, Gianni, a capo del neonato Ruinart-Montecarlo Polo Team, con D’Orazio in squadra, ha battuto (6–5 ½) in finale i padroni di casa dell’Hotel de la Poste. Insomma, al momento, per i nostri leoni del polo è uno pari e palla al centro. La differenza la farà la “bella” casalinga.


ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE INFERMIERISTICA AGORÀ I PROFESSIONISTI DELLA SALUTE Le cure più diverse, anche quotidiane. Solo infermieri professionali e paramedici esperti In strutture sanitarie pubbliche e private e a domicilio. Comprensione Rispetto Impegno Professionalità Positività Un supporto concreto al paziente ed ai suoi cari. • Pratiche infermieristiche (ad esempio, iniezioni, flebo, medicazioni di vario tipo), a domicilio o presso i nostri ambulatori di Roma • Prelievi del sangue a domicilio • Pronto soccorso infermieristico • Assistenza infermieristica domiciliare e presso strutture sanitarie pubbliche e private • Assistenza, sostegno, accompagnamento di anziani e disabili, anche per contrastare la solitudine, soprattutto nei mesi estivi e in occasione di festività • NEFRO Team (specialisti della dialisi con metodiche CRRT), in nosocomi e a domicilio • WOUND CARE Team (specialisti nella cura delle lesioni cutanee chirurgiche e da decubito) • ICU Team (specialisti di terapia intensiva) • Servizi paramedici • Servizi di appalto in outsourcing per Enti pubblici e privati • Tutoraggio e formazione Intanto, all’ippodromo Capannelle è iniziata la grande stagione di vertice del galoppo italiano con il Premio Carlo Chiesa. In tutto 7 corse: 1 pattern, 2 condizionate e 4 perizie. La prova centrale, 12 sprinter femmine, sulla distanza dei 1.200 metri, se l’è aggiudicata Noble Hachy, 3 anni, portacolori della scuderia romana La Nuova Sbarra. Rimasta imbattuta nelle quattro corse disputate al rientro dall’infortunio che l’ha fermata per quasi dieci mesi. Montata da Cristian Demuro, fratello del grande Mirco, che proprio a Capannelle, nel novembre scorso, a soli 19 anni (e 3 di attività), ha tagliato il traguardo delle 200 vittorie. Noble Hachy ha battuto di una lunghezza e mezzo Malikayah, della scuderia capitolina segue ›››

La salute è il bene più prezioso Non esitate a contattarci per qualsiasi informazione. Scoprirete di potervi affidare a noi in totale serenità. ASS PROFESSIONALE INFERMIERISTICA AGORÀ V. Rio Elba 137 00138 Roma tel: 06 8810905 fax: 06 8810905 www.associazioneinfermieristica.it Siamo disponibili 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno Riceviamo nei nostri ambulatori su appuntamento


© Corrado Garofalo/Hippogroup Roma Capannelle

For magazine

Si disputa a maggio, all'ippodromo di Capannelle, il 129° Derby Italiano: oltre alla competizione ippica sono previsti premi ed eventi mondani.

Colle Papa, con il sardo Salvatore Sulas in sella. Terza moneta per Adamantina, condotta dal livornese Claudio Colombi, per la scuderia meneghina Incolinx.

Si scaldano i motori anche per il 129° Derby Italiano, di scena il 20 maggio, a Capannelle, con tutto il suo affascinante corredo di eventi, mondanità e costume.

128 For Magazine


For magazine

Samuele Ramazzotti

IL PIÙ GRANDE SPETTACOLO DEL MONDO Al Foro Italico sono di scena gli Internazionali d’Italia, che vedono in campo tutti i big del gotha tennistico. Intanto la coppia Errani-Vinci ha trionf ato a Barcellona La stagione tennistica entra nel vivo con gli Internazionali d’Italia, al Foro Italico, dal 12 al 20 maggio. In gara i migliori tennisti del mondo, dai vincitori uscenti Novak Djokovic e Maria Sharapova a Rafael Nadal e Roger Federer. In concomitanza, il Canottieri Roma organizza la 2° edizione degli Internazionali d’Italia Under 12 Nicola Pietrangeli (presidente onorario del sodalizio). Il torneo, inserito nel Tennis Europe Junior Tour (il circuito che ha lanciato star come Ivan Lendl, Steffi Graf, Roger Federer), si svolgerà dal 14 al 19 maggio e vedrà la partecipazione dei migliori 32 giocatori del ranking internazionale maschile e femminile. Quest’anno è prevista anche una fase di qualificazione, con un tabellone da 32 partecipanti, che renderà ancora più avvincente la manifestazione. Attesissimi anche gli Internazionali d’Italia Under 14, organizzati dal Tennis Parioli, già tra i più prestigiosi d’Europa, tanto da essere giunti direttamente al grado 1 di importanza. Due tabelloni singolari da 64 partecipanti, 2 di doppio da 32, 2 tabelloni di qualificazione maschile e

femminile da 48 articoleranno la gara. In campo circa 400 atleti, i migliori ragazzi e ragazze del mondo. Intanto, alla 41ª edizione del torneo Future (montepremi 15 mila dollari), organizzata sulla terra battuta del Circolo Tennis Eur, secondo pronostico è stato il marchigiano Daniele Giorgini ad imporsi (7-5 6-2) sul 28enne britannico Morgan Phillips. Che in semifinale aveva rimontato (2-6 6-4 6-4) contro Luca Vanni (CT Castellazzo di Parma). Il doppio, poi, è stato vinto dalla coppia franco-cilena Jonathan Eysseric- Hans Podlipnik-Castillo, che ha fermato (4-6 6-4 10-4) i brasiliani Daniel Dutra Da Silva-Pedro Sakamoto. A Roberto Bautista-Agut, invece, il 4° Rai Open, challenger da 30mila euro e 4 top 100 in gara. In finale, lo spagnolo ha battuto (6-7 6-4 6-3), dopo 2 ore e 45 minuti, il portoghese Rui Machado, stremato dalle 3 ore di semifinale contro il ceco Jan Hajek. Naturalmente non conoscono sosta i successi capitolini. A cominciare dalla vittoria all’Open di Barcellona (montepremi 220mila dollari) di Sa-

129 For Magazine

ra Errani (n.28 WTA) e Roberta Vinci (n.18), la tarantina del TC Parioli. Che nel tabellone singolare era stata fermata (6-1 6-3) al 2° turno dalla rumena Simona Halep, perdendo il titolo conquistato nella città catalana l’anno scorso. L’accoppiata d’oro azzurra (n.1 al mondo, che a inizio stagione è arrivata in finale agli Australian Open, prima coppia italiana a raggiungerla) ha sconfitto (6-0 6-2) in finale la blasonatissima abbinata Flavia Pennetta-Francesca Schiavone. Accaparrandosi il suo 3° titolo stagionale, dopo le vittorie di Monterrey e Acapulco, l’8° in assoluto, sommando i successi 2011 di Hobart, Pattaya City e Palermo e quelli 2010 di Marbella e Barcellona. Successivamente, Vinci ed Errani si sono arrese solo in finale all’Open di Miami (montepremi 4.828.050 dollari), superate (7-6 4-6 10-4) dalle russe Maria Kirilenko e Nadia Petrova, sfiorando il loro 1° grande successo di carriera in un WTA Premier Mandatory. Ad Acapulco, le due grandi amiche e compagne di doppio si sono scontrate in semifinale, con la romagnola ad avere la meglio (6-4 6-1). La


For magazine Errani ha quindi conquistato pure il titolo individuale del torneo brasiliano, battendo (5-7 7-6 6-0), in una finale internazionale tutta italiana (che mancava dal 2010, da quando cioè Francesca Schiavone, con un doppio 6-1, superò la Vinci a Barcellona), Flavia Pennetta (n.24), star dell’Aniene. Le due campionesse si sono in seguito ritrovate in coppia nella semifinale della Federation Cup, costrette al ritiro da un infortunio al polso destro dell’anienina. E comunque l’unica vittoria azzurra, ma a risultato acquisito (e dunque inutile), è venuta dalla Errani. Così, per il 2° anno consecutivo, l’Italia è uscita dalla Fed Cup in semifinale. Le campionesse in carica della Repubblica Ceca ci hanno infatti sconfitti, 4-1. Decisamente un buon momento per il livornese del TC Parioli Filippo Volandri, che per ben 2 volte ha sfiorato il suo 11° titolo, perdendo (6-2 6-3) solo in finale all’ATP Challenger di Rabat, in Marocco (montepremi di 30mila euro), per mano dello slovacco Martin Klizan. E al Brasil Open (montepremi 475.300 dollari): sulla terra rossa di San Paolo è stato battuto (6-3 4-6 6-4) da un terraiolo doc come lo spagnolo Nicolas Almagro (n.11 ATP). Nulla di fatto, invece, al prestigioso torneo di Montecarlo. Dove l’Italia aveva calato un bel poker maschile e ci aveva creduto. Purtroppo, Andreas Seppi (n. 46), Fabio Fognini (Aniene, n. 57), Volandri (n.62) e Potito Starace (Aniene, 76) sono stati tutti eliminati al 2° turno, rispettivamente dal n.1 del mondo Djokovic (6-1 6-4), dall’olandese Robin Haase (6-4 6-4.), dal qualificato Mikhail Kukushkin (7-6 2-6 6-2), dallo spagnolo Nicolas Almagro (7-6 6-1). Straordinaria la tournée di Thomas Fabbiano (TC Parioli, n. 280) negli Usa. In Texas, il pariolino si è aggiudicato l’ITF Futures F6 (montepremi 15mila dollari), mentre nell’F5 ha raggiunto la finale di doppio (con il cinese Di Wu) e la semifinale del singolo. Bene anche Martina di Giuseppe (TC Parioli), che all’Antalya-Kaya Belek in Turchia (montepremi 10mila dollari), pur provenendo dalle qualificazioni, è stata stoppata solo nel match per il titolo, dalla serba Ana Savic (6-2 4-6 6-2). Ancora grandi soddisfazioni dalle nuove leve del Tennis Parioli. In Portogallo, Gian Marco Moroni ha conquistato il XIX Taça Internacional Maia Jovem, suo 1° torneo Under 14 internazionale, battendo (2-6 6-0 5-1 ritirato) lo svizzero Marko Osmakcic, n.4 del ranking europeo. Il talentuoso 13enne pariolino, sicuro protagonista degli Internazionali d’Italia Under 14, con il suo tennis tecnico, aggressivo, potente, ha così scalato le classifiche, passando dalla 64° alla 20° posizione. Sul cemento di Notthingam, invece, Beatrice Lombardo, classe 1996, si è aggiudicata il titolo dell’AEGON Junior International, ITF Under 18 di grado 4. Sempre la Lombardo e Matteo Fago si sono guadagnati il torneo organizzato dal TC Garden, battendo rispettivamente Micaela Moroni (Heaven SC), 6-0 7-6, e Valerio Russo (C.lo Tennis Eur), 6-2 6-1. Bene anche Martina Biagianti, che ha espugnato il regionale Under 12 al Circolo Oasi di Pace, salendo così in vetta alla classifica del circuito regionale femminile U12, con 45 punti. E Pierdanio Lopriore, che, battendo con un doppio 6-1 Lorenzo Montegiorgi (SSD Empire di Bassano), si è aggiudicato l’Open organizzato dal Circolo del Panda. Dove Francesco Meneschincheri ha vinto il titolo di 4° categoria. A Le Magnolie, poi, gli Under 12 Amedeo Centofanti e Lavinia Lancellotti hanno conquistato il tabellone, battendo rispettivamente Valerio Novelli (Gli Ulivi SC), 6-4 3-6 6-1, e Flavia Marcaccini (ASD Junior Tennis Palocco), 6-3 3-6 6-4, mentre l’Under 10 Gianni Biagianti è stato sconfitto (26 7-6 7-6) in finale da Matteo Gigante (ASD Junior Tennis Palocco). Bene anche i pariolini Under 9 (Priscilla Ago, Brian Cudiamat, Francesco e Chiara Castellano, Carlotta Mencaglia e Matteo Santopadre), che si sono qualificati alla fase finale di Macro Area centro sud (composta da Abruzzo, Campania, Sardegna e Lazio). Intanto i vari Campionati nazionali entrano nel vivo, e noi ci siamo. Da segnalare il doppio derby nel Campionato a Squadre maschile e femminile Under 12, vinto dal Tevere Remo. I suoi ragazzi, sui campi di casa, hanno battuto sia nei singolari che nel doppio l’agguerrita compagine del Canottieri Roma. Le teverine sono invece andate a vincere, sempre 3 a 0, al Salaria Sport Village.

Basta bisturi! Basta punturine! IBL - Italian Beauty Line è un’azienda che fa del Made In Italy la sua cifra, utilizzando esclusivamente materie prime, professionalità e manodopera italiane. La nostra cosmetica è completamente naturale, non contiene parabeni o peg, non è testata su animali. Come le Fantastiche 4, creme viso donna qualitativamente al top di gamma. FILLER EFFECT – Antirughe all’Acido Jaluronico dall’effetto filler immediato. E dal progressivo effetto riparatore.

LISCINA – Rigenerante, antiossidante, purificante, al Mucopolisaccaride di Lumaca, che previene e riduce rughe, strie, smagliature, macchie cutanee e segni dell’acne.

Tutti i nostri prodotti garantiscono risultati visibili sin dalle prime applicazioni, ad ‘impatto zero’. Cioè senza bisturi, punturine, rischi, dolore.


Ora c’è IBL

la nuova frontiera della bellezza.

I nostri macchinari sono espressione della più moderna ed alta tecnologia e rimodellano il corpo proprio come un grande scultore. MICHELANGELO – Contro rughe, rilassamento cutaneo e segni dell’invecchiamento, su viso, collo, décolleté. Per smagliature, cicatrici, macchie cutanee, senili, e altri inestetismi.

I prodotti IBL nascono dall’esperienza maturata negli anni dai suoi esperti e partono là dove gli altri competitors si sono fermati. Disegnando davvero una nuova frontiera della bellezza, in cui non c’è più spazio per bisturi o punturine, ma solo per l’estremo piacere di dedicarsi attenzioni. STAMINAL V – Riparante, rigenerante, antiossidante alle cellule staminali vegetali della Gardenia Jasminoides che favoriscono il collagene, garantendo una pelle sempre giovane e tonica. VIPER VENUM – Antirughe, levigante, compattante al Siero di Vipera, efficace alternativa al discusso botulino con una forte azione anti-età ed antiossidante.

DONATELLO - Contro adiposità, cellulite, perdita di elasticità e tonicità cutanea. Per scolpire seni, labbra, glutei. OXY - Per un’ossigenoterapia ancora più efficace. EPIL - Per una depilazione davvero definitiva.

Italian Beauty Line è il nuovo modo sicuro, efficace, piacevole di curare la bellezza.

I prodotti IBL sono a Vostra disposizione direttamente sul nostro sito (le spese di spedizione sono a nostro carico) oppure negli IBL Center, in Italia e all’estero. A Roma presso: Forma Sun Club C/o C.C. Euroma 2, Viale dell’Oceano Pacifico 83 Il Bello Delle Donne, Via Sicilia 239/A DBS Center, Via Firenze 32 I.B.L. srl, V. Rio Elba 137 00138 Roma www.italianbeautyline.com @iblitalia on Twitter


For magazine

COLPI DI PRECISIONE

Sui green capitolini è tempo di grandi tornei con una lotta continua

tra Parco di Roma e Olgiata. C’è spazio anche per la beneficenza Medici e operatori del Diritto si sono sfidati nella tappa di apertura del Jaguar Golf Forense Più. Anche per beneficenza. Infatti, il prestigioso torneo ideato e organizzato dall’avvocato Nicola Colavita, con l’alta adesione del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla sua 8° edizione, sosterrà, come fa da 4 anni, l’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Al Golf Forense si gareggia in coppia, con ‘a bordo’ almeno un rappresentante delle professioni coinvolte (per le altre coppie c’è la Categoria Amici), con una formula avvincente (4 palle la migliore Stableford. Correttivo ¾ dell’hcp di gioco). E infatti è stato ancora successo al Parco di Roma, che ha visto prevalere nella 1° Cat. Netto Luca Galea e Davide Balducci, nella 1° Cat. Lordo, Giorgio Bove e Corrado Pani, nella 2° Cat. Netto, la baronessa Danielle D’Okhusyen e il presidente del Bioparco Paolo Giuntarelli, nella Categoria Amici, il presidente della Federgolf Lazio Carlo Scatena e Cinzia Pallaro. Prossime tappe il 15 Settembre all’Ac-

quasanta e il 21 Ottobre all’Olgiata. È stato un tiratissimo derby capitolino a decidere il tabellone maschile (18 formazioni, da 5 giocatori) del Campionato Italiano a squadre (in tutto 136 club), tra Parco di Roma e Olgiata (4/3). I nostri, avendo chiuso la qualificazione su 36 buche medal (4 score validi su 5 in ciascun giro) rispettivamente al 2°(570) e 4°(577) posto, avevano avuto accesso ai match play. Dove, al 1° turno hanno superato Gardagolf e Milano e in semifinale i torinesi de La Margherita (4-3), che difendevano il titolo, e de I Roveri (5-2). Sul green di Pieve Emanuele (Milano), una finale davvero entusiasmante. I doppi sono finiti in parità, con le vittorie degli olgiatini Valerio Pelliccia/Philip Geerts (2 up, su Enrico Di Nitto/Andrea Saracino), di Renato Paratore/Fabrizio Marzilli (alla 22, su Stefano Pitoni/Edoardo Torrieri) per il Parco. Nei singoli c’è stato ancora un botta e risposta, con i successi di Saracino (2 up, su Geerts) e Di Nitto (alla 20, su Pitoni) e, per l’Olgiata di Filippo Troiani (4/3, su

132 For Magazine

Marzilli) e Valerio Pelliccia (alla 19, su Paratore). Tutto si è deciso all’ultimo match e alla 20° buca (la 2° supplementare), quando, sul 3-3, Michele Cea (decisivo anche in semifinale) ha prevalso su Torrieri. L’Acquasanta, invece, che ha chiuso al 16° posto (616) le qualificazioni, frenata dai frusinati dell’Arpino (3/2), ha perso la possibilità di rientrare nei match play e, quindi, nella corsa scudetto, ma ha comunque portato a casa il diritto di ripartire nel 2013 dal Torneo di Qualifica. Il Parco di Roma Resort, infine, ha vinto il Torneo di Selezione (solo maschile, 54 buche, squadre di 4 elementi, 3 risultati su 4 per la classifica) e, dunque, la promozione al Torneo di Qualifica 2013. Nel tabellone femminile (16 formazioni, da 4 giocatrici), vinto dalle venete del Villa Condulmer, l’Olgiata, arrivata 2° (481) nella classifica medal (3 score validi su 4 in ciascun giro), dietro le campionesse uscenti de I Roveri, ha poi perso al 1° turno con le veronesi del Montecchia (3-2), archiviando le sue fondate speranze di scudetto. Mentre il Parco di


Roma, finito al 12° posto (530) nella qualificazione e, quindi fuori dalla zona titolo, si è comunque guadagnato il diritto di disputare il Campionato Assoluto 2013, vincendo (3-2) l’incontro ad eliminazione diretta contro il Modena (sceso, invece, nel Torneo di Qualifica). Sull’impegnativo percorso del Parco di Roma (par 72), i titoli nazionali Match Play (108 concorrenti, 78 ragazzi, 30 ragazze) sono andati a due 19enni torinesi: la sorpresa del torneo Paolo Ferraris (Roveri) e l’azzurra Stefania Avanzo (Villa Condulmer), che hanno entrambi vinto la finale (36 buche) 5-4, rispettivamente sull’esperto azzurro Francesco Laporta (San Domenico) e sulla compagna di circolo Ludovica Farina (Villa Condulmer). In semifinale Ferraris ha dovuto vedersela con il nostro Renato Paratore (Parco di Roma), 16 anni a dicembre, vincitore dell’Italian International Under 16 2011, sicuramente tra i candidati al titolo del Campionato Italiano Match Play 2012, anche per averne vinto, con 145 colpi (+1), la qualificazione (su 36 buche medal). E infatti, il romano, che ai quarti aveva sconfitto (4-3) l’ex compagno di circolo Edoardo Lipparelli (CG Torino) sull’erba di casa, ha ceduto al torinese solo all’ultima buca. La corsa di Andrea Saracino (Parco di Roma) e Philip Geerts (Olgiata) si è, invece, fermata ai quarti di finale, per mano di Luigi Botta (Margherita) e Filippo Campigli (Biella), rispettivamente vittoriosi per 3-2 e per sole 2 buche sui capitolini. Agli ottavi, stop per Giorgio De Filippi, sconfitto (3-2) proprio dal compagno di circolo Saracino, e per Marcello Grabau (Acquasanta), vinto (7-6) da Filippo Bergamaschi (Milano). Fermati ai sedicesimi Gianluca Bolla (Parco di Roma), da Laporta, 5-4, e Stefano Pitoni (Olgiata), da Lorenzo Guanti (Margherita), 4-3. E poi, a sorpresa, Edoardo Torrieri (Olgiata), 60° (174 punti) in qualificazione, non è neppure entrato tra i 32 ammessi ai match play. Nel tabellone femminile (16 ammesse), Maria Vittoria Cantarini (Parco di Roma), che nella qualificazione medal (36 buche) era arrivata 3° (164), è stata fermata solo ai quarti, dalla Farina (2-1). Mentre Lucrezia Colombotto Rosso (Olgiata), Barbara Borin (Olgiata) e Federica Maria Costantini (Olgiata), tra le favorite, si sono fermate prima, rispettivamente stoppate dalla Cantarini (4-3), dalla Farina (31) e da Valeria Tandini (1 up, Colli Berici). Assente Chiara Bandini (Parco di Roma), campionessa uscente. All’Acquasanta, il circolo più antico d’Italia, è andata in scena la prestigiosa Coppa d’Oro Città di Roma, uno degli appuntamenti più antichi e più attesi del calendario dilettantistico nazionale. La vittoria è andata a Francesco Laporta e Laura Lonardi (Verona). Nel tabellone maschile (72 buche, taglio alla 36°), onore e argento al nostro Valerio Pelliccia, raggiunto e superato nel giro finale dal micidiale 22enne di Castellana Grotte. In 7° posizione (301), Stefano Pitoni e Filippo Troiani, 11° (303) Enrico Di Nitto, 12° (304) sul green di casa Marcello Grabau. Quindi, 13° (305) Emanuele Senigagliesi, 21° (309) Matteo Natoli e Fabrizio Marzilli, 25° (311) Marco Pirino, 32° (315) Giorgio De Filippi, 33° (316) Fabrizio Di Loreto, tutti tesserati Parco di Roma. Nella gara femminile (54 buche, taglio al 3° giro), 4° (235) Alice Di Piero (Olgiata), 7° (239) Amber Lee Svendsen (Parco di Roma), 13° (242) Federica Maria Costantini, anche qui favorita, 16° (244) Maria Vittoria Cantarini, 19° (245) Barbara Borin, 22° (247) Eleonora Costanzo (Olgiata). Tanti i tornei che si stanno susseguendo sui fairways capitolini, per la gioia degli appassionati romani, che crescono sempre di più. All’Autostar Cup dell’Olgiata, 1° Netto nella 1° Cat. Andrea Romano (42 punti, Olgiata), davanti a Fabio Prodosmo (39, Marco Simone) e Stefano Broglia (38, Olgiata). Nel Lordo successo di Leonardo Sbarigia (32, Parco di Roma). La 2° Cat. tutta appannaggio del circolo ospitante, con Giorgio Iacobelli (45) davanti a Francesco Ferrara e Carla Merlo. Così i Premi Lady e Senior, andati a Patrizia Nuzzo (39) e Carlo Gianni (38). All’Emblema Golf Classic Tour 2012 del Parco di Roma, invece, trionfo completo del circolo ospitante. Infatti, 1° Netto nella 1° Cat. Niccolò Capacchietti (41), davanti a Stefano Moruzzi. Primo Lordo Giorgio De Filippi (38). Successo di Alessandro Rega (40), su Niccolò Saligari, nella 2° Cat. E nella 3°, di Francesco Figliuzzi (41), su Andrea Fioretti. Premio Lady e Senior a Olimpia Ciardi e Mauro Spallone.

Basta bisturi! Basta punturine! Ora c’è IBL, la nuova frontiera della bellezza. La nostra cosmetica, rigorosamente Made in Italy, è completamente naturale, non contiene parabeni o peg, non è testata su animali. FILLER EFFECT Bio-lifting immediato all’Acido Jaluronico LISCINA Rigenerante al Mucopolisaccaride di Lumaca contro rughe, strie, macchie cutanee, segni dell’acne, smagliature STAMINAL V Riparante alle cellule staminali vegetali della Gardenia Jasminoides per una pelle sempre giovane e tonica VIPER VENUM Antirughe al Siero di Vipera dalla forte azione anti-età ed antiossidante I nostri macchinari, rigorosamente Made in Italy, sono all’avanguardia e rimodellano il corpo proprio come un grande scultore MICHELANGELO Contro rughe, rilassamento cutaneo e segni dell’invecchiamento, su viso, collo, décolleté. Per smagliature, cicatrici, macchie cutanee, senili, e altri inestetismi. DONATELLO Contro adiposità, cellulite, perdita di elasticità e tonicità cutanea dovuta a gravidanze,età diete. Per scolpire seni, labbra, glutei. OXY Per un’ossigenoterapia ancora più efficace. EPIL Per una depilazione davvero definitiva.

IBL è il nuovo modo sicuro,efficace, piacevole di curare la bellezza I.B.L. srl, V. Rio Elba 137 00138 Roma www.italianbeautyline.com @iblitalia on Twitter


For magazine

Giulia Conti e Giovanna Micol

COL VENTO IN POPPA

Gli atleti capitolini continuano a mietere successi nelle gare di vela

sparse per il mondo,

in vista delle Olimpiadi di Londra. In gran forma Alessandra Sensini

Sempre grandi soddisfazioni dalla vela per i circoli capitolini. Al Trofeo Princesa Sofia, terza prova di Coppa del Mondo, successo nel 470 per le fuoriclasse dell’Aniene. La romana Giulia Conti (skipper) e la triestina Giovanna Micol (prodiera) hanno vinto, a Palma di Maiorca, chiudendo la Medal Race (con 25 nodi di vento) al 1° posto. La coppia d’oro del 470, che dal 2005 ha conquistato 2 medaglie mondiali, 3 europee e

4 nazionali, ha centrato la qualificazione ai Giochi di Londra a dicembre, facendo il 5° posto al Campionato del Mondo Classi Olimpiche. Sempre nel 470, alla seconda Regata Nazionale di Santa Marinella, oro pure per gli anienini Francesco Falcetelli e Gabriele Franciolini, che, reduci dal primato nella prima regata, hanno così consolidato la loro leadership. Al 2° posto, per un solo 134 For Magazine

punto di distacco, il romano Niccolò Bertola con il suo prodiere Danilo Alcidi (CS Aeronautica Militare). Bronzo per Andrea Barchiesi e Lorenzo Piccioni, ancora Aniene e una bella rimonta, dalla 24° piazza del primo giorno. Medaglia di legno per i capitolini e soci Aniene Edoardo Mancinelli Scotti e Pietro Iavicoli. Bronzo mondiale per Alessandra Sensini, al Campionato di Windsurf classe RSX. La


For magazine

Le regate del Trofeo Pincesa Sofia, a Palma di Maiorca, fanno parte della terza prova di Coppa del Mondo Isaf 2012, che si concluderà a giugno a Kiel.

campionessa anienina, che è alla sua 6° Olimpiade ed a caccia della 5° medaglia olimpica, ha operato una splendida rimonta in quel di Cadice (Spagna), che, se la Medal Race non fosse stata annullata per il vento forte, avrebbe potuto portarla anche più in alto. La regina del windsurf, infatti, classificatasi 18° nella prima giornata, ha vinto la sua prima regata al terzo giorno, balzando dal 17° all’11° posto. Ad un solo punto da Flavia Tartaglini, atleta romana della Guardia di Finanza. Se la gode RiDeCoSi di Alessandro Rinaldi (skipper) e Roberto De Felice (tattico), entrambi tesserati Aniene, che ha conquistato la 1° tappa del circuito nazionale della classe Este 24, a Riva di Traiano, ripartendo con il piede giusto per la stagione. Dominio capitolino pure alla Selezione Interzonale Optimist, che ha coinvolto 124 equipaggi Juniores delle Zone FIV II (Toscana, Umbria), III (Sardegna), IV (Lazio) e IX (Abruzzo Molise), alla Le-

ga Navale di Civitavecchia. Primo classificato il romano Riccardo Sepe (Circolo della Vela di Roma). Dei 42 miniskipper meglio classificati, che accedono alla Selezione Nazionale, presso il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo di Anzio, ben 23 appartengono a società laziali, molte proprio di Roma. La vela è passione, soddisfazione, ma anche nobile cultura marinaresca. Ed al Circolo Ufficiali della Marina di Roma questa è stata ancora una volta gratificata con il Premio intitolato a Carlo Marincovich, il grande giornalista di vela scomparso nel 2008. Quest’anno riconoscimenti ad Alessandro Leogrande (per il libro Il Naufragio), Ernesto Ferrero (per il libro Disegnare il vento), Giovanni Panella (per l’articolo “Incontri e scontri tra navi genovesi e statunitensi”).

135 For Magazine


For magazine

VERSO I 100 ANNI

È questo il titolo del libro che celebra il secolo di vita del Circolo Canottieri Roma. Tanti i nomi famosi nell’elenco dei soci, da Sean Connery ad Alber to di Monaco Il Circolo Canottieri Roma si appresta a spegnere le sue prime 100 candeline. Infatti, è passato quasi un secolo da quando un gruppo di patiti del remo, disciplina da sempre regina sulle rive del biondo fiume, presero in affitto una vecchia casa al Lungotevere Flaminio per farne il loro “buen retiro”. L’Italia usciva dalla Grande Guerra, Roma era tutto un cantiere, si aveva voglia di ricominciare, partendo dalle cose più semplici e genuine, come lo sport. “Trentatré lire e 60 centesimi per la stoffa e le cuciture, 14 lire e 30 centesimi per la corda”, si legge meticolosamente appuntato nel verbale di assemblea sotto la voce “bandiera”. Col tempo il circolo, Stella d’oro al merito sportivo, è cresciuto, diventando uno dei più prestigiosi luo-

ghi di incontro per gli amanti di sport, di calcio, tennis, pallavolo e, naturalmente, di canottaggio. Oltre che prezioso punto di aggregazione e di riferimento sul territorio, fonte inesauribile di campioni e di appassionati, di valori etici e di sana sportività, al pari di tutti gli altri circoli storici della Capitale. Scorrendo a caso il libro dei soci vengono un po’ i brividi a scorgere tanti nomi messi così tutti insieme. Sean Connery, Carlo Azeglio Ciampi, Walter Chiari, Nicola Pietrangeli, Fiorello, Beniamino Gigli, Gianni Letta, Paolo Mieli, Massimiliano Fuksas, Michele Placido, Renato Rascel, Dino Risi, Bud Spencer, Luca Cordero di Montezemolo, Silvana Pampanini, Walter Veltroni, Renzo Arbore, Giuliano Gemma, Lea Pericoli, Corrado, Gianni Rivera,

136 For Magazine

Ettore Scola, Armando Trovajoli, Dino De Laurentiis, Dino Verde, Adriano Panatta, il principe Alberto di Monaco, Uto Ughi, Ugo Tognazzi. «La storia del CC Roma è anche la storia della nostra città», sottolinea il presidente del circolo Andrea Tinarelli, che ha voluto festeggiare il traguardo dei 100 anni con un volume celebrativo, intitolato appunto Verso i 100 anni. Un libro di ricordi, foto, racconti, poesia, che ripercorre la storia del glorioso sodalizio giallorosso, «mettendola in parallelo con la storia di Roma», spiega ancora il presidente Tinarelli. Infatti, da Lungotevere Flaminio 39 sono passati un po’ tutti. Ma, soprattutto, è passato questo secolo di vita, bello e complicato, pieno zeppo di storie piccole e grandi.


For magazine

La squadra femminile alla Coppa Brema.

STILE… VINCENTE

Supremazia romana nella 46° Coppa Brema di nuoto, dove il Canottieri Aniene prevale nelle classifiche maschili e femminili. Poker di vittorie per Federica Pellegrini I migliori nuotatori d’Italia si sono sfidati a Novara, per la finale del Campionato Nazionale a Squadre di A1 maschile e femminile, 46° Coppa Caduti di Brema (la nazionale italiana che perì nella città tedesca a causa di un incidente aereo, nel 1966), e noi abbiamo avuto la meglio. Doppio scudetto al Canottieri Aniene, che si è imposto in entrambe le classifiche, con 120 punti (dati dalla somma dei punteggi conquistati dagli atleti nelle singole gare). Il sodalizio del presidente Malagò firma così il 4° successo consecutivo tra gli Uomini e il 3° di fila tra le Donne (con le quali ha anche trionfato nelle stagioni 2007 e 2008). Terza tra gli Uomini, con 89 punti, la Larus Nuoto, Campione in carica della A2 e Campione A1 maschile 2006 e 2007. Quarto classificato Uomini il Forum Sport Center (86 punti), quest’anno pure 2° nel Campionato A2 femminile. Ottavo, sia nella classifica Uomini (51 punti) sia Donne (44), l’Aurelia Nuoto Unicusano, Campione in carica della A2 maschile. Alla 46° Coppa Brema si è visto il solito grande spettacolo di Federica Pellegrini. La Divina, in forza all’Aniene, si è imposta nei 200 e 400 stile libero (oltre che con le staffette) senza fare troppi complimenti. Hanno contribuito alla super vittoria della squadra anienina, coordinata dal tecnico Gianni Nagni, i successi di Elena Gemo (100 dorso, + 2° nella doppia misura), di Edoardo Giorgetti (200 rana, + 2° nei 100), Piero Codia (100 farfalla), Luca Marin (400 misti) e Matteo Pelizzari (200 far-

falla), della staffetta 4x100 stile libero (Gigliola Tecchio, Elena Di Liddo, Elena Gemo, Federica Pellegrini) e di entrambe le staffette 4x100 miste (Elena Gemo, Giulia De Ascentis, Elena Di Liddo, Federica Pellegrini e Damiano Lestingi, Edoardo Giorgetti, Piero Codia, Marco Belotti). Rilevanti il 2° posto di Giulia De Ascentis (200 misti, + 3° nei 200 rana) ed Elena Di Liddo (100 farfalla), di Alex Di Giorgio (200 e 400 sl), Damiano Lestingi (100 dorso), della staffetta 4x100 sl (Marco Belotti, Lorenzo Benatti, Damiano Lestingi, Alex Di Giorgio). Il bronzo di Teresa Strickner (200 farfalla), Gigliola Tecchio (100 sl), di Mattia Aversa (200 dorso) e Lorenzo Benatti (50 sl). Notevole a Novara la Larus Nuoto, sugli scudi con il suo Filippo Magnini (200 sl) e, inoltre, argento con Flavio Bizzarri (200 rana, + 3° nei 100) e Fabio Laugeni (200 dorso), bronzo con Gabriele Cosentino (100 farfalla), Michele Santucci (100 sl), con la staffetta 4x100 stile libero (Damiano Corapi, Michele Santucci, Gabriele Cosentino, Filippo Magnini) e mista (Fabio Laugeni, Flavio Bizzarri, Gabriele Cosentino, Michele Santucci). Buona la resa novarese del Forum Sport Center, 1° con Matteo Milli (100 dorso, + 3° nei 200), 2° con Gherardo Bruni (200 farfalla) e la staffetta 4x100 mista (Matteo Milli, Mattia Pesce, Erik Regini, Vittorio Dinia), 3° con Mattia Pesce (200 rana). Podi Coppa Brema anche per l’Aurelia Nuoto Unicusano, doppio argento da Rocco Potenza (400 misti e 1500 sl, + 3° nei 400 sl) e bronzo

137 For Magazine

da Nicol Valentini (100 rana). A Novara, ma per allenamento, la campionessa romana Alessia Filippi (Fiamme Gialle), che, fuori gara, ha fatto il 2° nei 400 sl. Decisamente all’altezza delle aspettative i Campionati Italiani Giovanili in vasca corta di Riccione, a dimostrazione che i nostri vivai fanno un gran lavoro e che la Roma del nuoto fa ben sperare per il futuro. Grandi numeri per i campionati Giovanili Primaverili (1050 ragazzi, in rappresentanza di 260 società, 870 ragazze, provenienti da 234 club, per un totale di oltre 6000 presenze gara e 600 staffette, ben 31 i record, 10 al femminile e 21 al maschile), che, però, non hanno impressionato i nostri. Infatti, per il blasonatissimo Canottieri Aniene (arrivato 1° tra gli Juniores, con 110.50 punti, 2° nella classifica generale e Uomini, 3° tra i Ragazzi, 10° tra le Donne), doppio oro dalla Junior classe 1996 Miriana Durante (50 e 100 sl, + 2° nei 200), dallo Junior 1995 Luca Mencarini (100 e 200 dorso, + 2° nei 50) e dal Ragazzi 96 Alessandro Broglia (50 e 100 sl). Oro pure dallo Junior 95 Andrea Fabbroni (1500 sl, + 2° nei 400), dal Cadetto Francesco Bianchi (1500 sl,+ 3° nei 400 misti), da Carlo Troiano (100 rana Ragazzi 96). Argento da Luca Bertoli (200 dorso Juniores 95) e dalla staffetta 4x200 stile libero Juniores (Pietro Marzocchi, Daniele D’Angelo, Andrea Baioni, Andrea Fabbroni). Triplo bronzo dal Cadetto Nicola Vellucci (50, 100 e 200 dorso). Doppio dagli Juniores 95 Danie-


For magazine le D’Angelo (50 e 100 farfalla) e Andrea Baioni (100 e 200 rana). Bronzo anienino ancora da Stefania Recchia (200 rana Cadette), Simona Quadarella (800 sl Ragazze 98), Enzo Nardozza (100 farfalla Ragazzi 97), Romeo Morelli (50 rana Juniores 94), dalle staffette 4x100 miste Ragazzi (Manuel Mamazza, Carlo Troiano, Fabio Mattiuzzo, Alessandro Broglia) e Juniores (Luca Mencarini, Andrea Baioni, Daniele D’Angelo, Pietro Marzocchi). Ottimi i Giovanili Primaverili dell’Aurelia Nuoto Unicusano (3° nella classifica generale, maschile e Cadetti, 4° nella Ragazzi e 5° nella Juniores). Cominciando dal doppio oro Juniores 95 di Andrea Mitchell D’Arrigo (200 e 400 sl), che ha stabilito pure un doppio record. Nuotando i 400 in 3'44”47 e migliorando così di 3” il primato stabilito dal livornese Gabriele Detti lo scorso anno. Coprendo la sua frazione della staffetta 4x200 sl in 1'46"86, superando, così, l'1'47"42 stabilito nel 2009 dal fiorentino Matteo Fraschi, con costume in poliuretano. Per l’Aurelia, inoltre, nei 50 dorso Cadetti, doppietta oro (Daniele Di Deodato) e argento (Manuel Franco Cofrani, poi 2° nei 100 farfalla e 3° nei 50). Triplo argento Ragazzi 98 da Alessio Proietti Colonna (50 sl, 100 e 200 farfalla) e doppio argento Juniores 97 da Paola Ledderucci (200 e 400 sl, + 3° negli 800 sl). Argento anche dallo Junior 1995 Edoardo Cinti (400 misti, + 3° nei 200 misti) e da Gianfilippo Lucangeli (1500

sl Ragazzi 97). Doppio bronzo Juniores 95 da Luca Proietti Colonna (100 e 200 dorso). Doppio bronzo nei 100 rana Ragazzi da Francesco di Modica, classe 1996, e Raoul Serapiglia, del ’97. Giovanili indoor da incorniciare per la Larus Nuoto (giunta 2° tra gli Juniores, 8° in classifica generale, 41° nella femminile). Grazie al doppio successo di uno Junior 94 come Fabio Laugeni (100 e 200 dorso, + 2° nei 50 dorso), che a Riccione ha pure stabilito un doppio record. Nuotando i 100 dorso in 52"30, contro i 52"89 del bresciano Marco Fanti Rovetta, stabiliti nel 2009, con il “costumone”. Addirittura portando a 52"18 questo suo primato poche ore dopo, nella 1° frazione della staffetta mista Juniores. Per la Larus un’altra vittoria dalla staffetta 4x200 sl (Fabio Laugeni, Giorgio Gaetani, Alessandro Cecere, Damiano Corapi). Argenti Juniores 94 da Gianluca Maiorana (400 misti, + 3° nei 200 misti) e Damiano Corapi (200 sl). Dalle staffette 4x100 Juniores stile libero (Fabio Laugeni, Giorgio Gaetani, Edoardo Febbi, Damiano Corapi) e mista (Fabio Laugeni, Gianluca Maiorana, Flavio Bucci, Damiano Corapi). Infine, bronzo da Matteo Fraschi (200 rana Cadetti). Ai Campionati Giovanili bene le Fiamme Oro Roma (26° nella classifica maschile e 84° nella femminile), grazie al triplo oro Juniores 95 di Francesco Giordano (50, 100 e 200 farfalla), anche 3° nei 100 sl, e al bronzo di Natalia Foffi

(200 rana Juniores 97). Per il Forum Sport Center (17° nella classifica Uomini e 105° in quella Donne), oro dai Cadetti Andrea Vellutti (400 sl, + 2° nei 1500) e Marco Bove (200 farfalla). Per la San Paolo Ostiense Nuoto (47° tra gli Uomini), il tris di bronzi messo a segno da Daniele Falzini (50, 100 e 400 sl), argento nei 200 sl. In attesa che il nostro 49° Trofeo Sette Colli (14, 15 e 16 giugno), quest’anno pieno zeppo di star, definisca la squadra azzurra per le Olimpiadi, selezionata la Nazionale per i Campionati Europei di nuoto, dal 21 al 27 maggio a Debrecen (Ungheria). Tra i 49 convocati (30 uomini e 19 donne), tanti autorevoli paladini della grande tradizione natatoria capitolina. È in partenza per l’Ungheria, infatti,una folta rappresentanza dell’Aniene, composta da Marco Belotti, Piero Codia, Alex Di Giorgio, Luca Marin, Matteo Pelizzari, Elena Di Liddo, Silvia Di Pietro, Elena Gemo e, naturalmente, Federica Pellegrini. Agli Europei anche la campionessa romana Alessia Filippi (Fiamme Gialle), Filippo Magnini (Larus Nuoto), Flavio Bizzarri e Luca Dotto (Forestale/ Larus Nuoto), Michele Santucci (Fiamme Azzurre/Larus Nuoto), Matteo Milli (Forum SC), Mattia Pesce (Fiamme Oro/Forum SC), Erika Ferraioli (Esercito/Forum SC) e Rocco Potenza (Aurelia Nuoto Unicusano).

Durante un breve colloquio con il Dottor Barberini gli chiediamo: Con l’avvicinarsi dell’estate è ancora lecito sottoporsi ad interventi di chirurgia estetica e praticare i fillers, noti come ‘punturine’, o è meglio attendere l’autunno? “Sicuramente per interventi di grande impegno o con residui cicatriziali importanti è auspicabile evitare i periodi di caldo per motivi legati ad una maggiore vasodilatazione e sudorazione che, ovviamente, non aiutano; in ogni caso, se ci si vede costretti, con opportune cautele tutto è possibile”. Perché si considera l’esposizione al sole negativa dopo un intervento? “Perché quando una zona trattata chirurgicamente è nel periodo di guarigione significa che in essa vi è un aumento di vascolarizzazione, per consentire agli elementi di riparazione presenti nel sangue di esplicare la loro funzione. L’esposizione ai raggi ultravioletti fissa gli elementi ferrosi del sangue nel derma, con il risultato che possono residuare dopo la guarigione antiestetiche macchie cutanee, oltre ad una cicatrizzazione anomala dovuta a eccessiva stimolazione”.

 25 anni di esperienza  Oltre 10.000 interventi chirurgici eseguiti in Italia e all’estero  Prima visita gratuita Studio: via Salaria, 35 - 00197 Roma Tel. 06.80687218 Cell. 3355482974 - 3285699409 Mar-Ven: ore 15,30-21,00 e-mail: barberini1954@libero.it

Anche per le ‘punturine’ vale lo stesso? “Ovviamente il minitrauma rende tutto lieve, comunque se dovessero residuare dall’impianto stesso dei lividi, è opportuno aspettare che siano riassorbiti prima dell’esposizione diretta senza protezione. A proposito di ‘punturine’ un consiglio: evitiamo gli eccessi penalizzanti del buongusto e chiediamo sempre l’etichetta identificativa di ciò che viene iniettato”. 138 For Magazine

Dott. Claudio Barberini

www.claudiobarberini.it Chirurgo plastico romano


For magazine

roma

people & stars & e vents

139 For Magazine


Foreventi magazine

OPERE DI CARITÀ È stata presentata da poco a Cascia (Perugia) La Fondazione Santa Rita da Cascia, onlus. «Avevamo fortemente bisogno di uno strumento che fosse interamente a servizio delle opere di carità che noi, monache agostiniane di vita contemplativa, portiamo avanti sulle orme di Santa Rita». A parlare è Suor Maria Natalina Todeschini, Badessa del Monastero Santa Rita da Cascia, per annunciare questa iniziativa sociale. La visione di questa Fondazione può essere riassunta così: uno sviluppo umano e sociale fondato sul dialogo, così come Santa Rita insegna. «È ciò che desideriamo vedere nel futuro», spiega la Madre. Per riuscirci, la missione della Fondazione sarà sostenere progetti aderenti ai bisogni di chi è più debole, favorendo la riduzione delle diseguaglianze sociali con la partecipazione responsabile e costruttiva di tutti gli attori coinvolti.

Alunni di una scuola in Kenya.

UNA SOLA TERRA, UNA SOLA ACQUA Di recente si è svolta La Giornata Mondiale della Terra. Nella Capitale, in occasione dell’iniziativa sociale dell’Earth Day, l’appuntamento centrale è stato la simbolica “Cerimonia dell’Acqua” presso lo Scalo de Pinedo: le acque dei fiumi più rappresentativi di ogni regione d’Italia, dal grande Po all’Arno fino al Belice, trasportate in ampolle dai canottieri, verranno congiunte e riversate nel Tevere. La cerimonia è stata accompagnata dalla lettura del Cantico delle creature, interpretato dall’attore Gabriele Villa, seguita poi dalla celebrazione della Santa Messa. Le associazioni Marevivo, Noi X Roma, il Corpo Forestale dello Stato e Roma Natura hanno chiamano a raccolta i cittadini sul Tevere per una manifestazione dedicata all’acqua, una delle risorse più preziose del Pianeta, senza la quale la vita sarebbe impossibile.

L’ARTE A VIA MARGUTTA Nel cuore pulsante del centro storico di Roma, in via Margutta, fino al 25 maggio tutte le vetrine e gli spazi espositivi della strada saranno coinvolti in mostre di pittura e manifestazioni alla scoperta degli atelier dei più importanti degli artisti del passato, e di quelli riscoperti grazie al lungo lavoro di ricerca svolto dalla curatrice, Valentina Moncada, che qui hanno vissuto nel corso dei secoli, rendendola una delle strade più affascinanti della città e del mondo. Nel tempo non affluirono soltanto pittori e scultori, ma anche musicisti, compositori, scrittori, fotografi e attori che per la prima volta in questa occasione verranno omaggiati dal “Festival delle Arti”, una vera e propria passeggiata attraverso il tempo e il talento. Filo conduttore sarà la mostra di fotografia Atelier d’artista che coinvolgerà le vetrine con l’esposizione di una foto d’epoca degli artisti ritratti all’interno dei propri studi. Via Margutta a Roma

140 For Magazine


For magazine Pittura UN NUOVO VOLTO DELLA POP ART ITALIANA Loretta Antognozzi si afferma nel panorama internazionale come artista versatile. Nelle sue prime mostre di pittura spazia attraverso i diversi i generi nati nel Seicento, passando dai registri della pittura di paesaggio a quelli della natura morta. Ma non è solo nell’arte figurativa classica che la sua mano eccelle. L’artista successivamente si cimenta anche nella pittura astratta, come se volesse emanciparsi da quegli schemi rigidi e canonici. Attualmente la sua personalità risulta riconoscibile in un genere dai colori brillanti, dalle linee semplici. Traendo spunto dalla quotidianità riflette sull’evoluzione culturale, mutuando nei quadri stereotipi sociali e cliché di un’epoca moderna ormai alla deriva. Quei paesaggi connotati da figure amene lasciano spazio a grattacieli alienanti, privi di tracce umane. La vivacità delle tele si fa quasi inquietante. Nulla rimane dell’uomo se non una vespa, una targa, un’automobile. Daniele Radini Tedeschi I COLORI DEL NOSTRO STIVALE Osservare da nord a sud, attraverso le opere di quattro artisti contemporanei, il paesaggio che caratterizza il Belpaese fino a penetrare e assaporare, una dopo l’altra, le emozioni che esso genera. Questo l’obiettivo della mostra di pittura collettiva dal titolo Paesaggi italiani, organizzata dalla Galleria “Il Mondo dell’arte”, che si è svolta di recente a Palazzo Margutta. Sono state esposte opere di pittori italiani contemporanei (Antonio Anelli, Luigi Modesti, Sandro Negri ed Enrico Sereni) che hanno reso omaggio alla propria terra, d’origine o d’adozione, regalandoci un quadro unico del nostro Stivale. Dai casolari e i cipressi dell’alto Lazio ritratti da Luigi Modesti, dalla campagna della pianura padana di Sandro Negri, intento a celebrare la laboriosità tipica dei contadini del mantovano, fino alla Città Eterna di Enrico Sereni, i cui colori e la cui atmosfera senza tempo investono, partendo dalla tela, lo spettatore.

Sandro Negri

Antonio Anelli

MEMORIA CHE AFFONDA NEL PASSATO E VOLGE AL FUTURO La mostra collettiva di pittura, grafica e scultura Il segno delle orme - Le strade dell’arte nella memoria del futuro è stata presentata alla Casa della Memoria e della Storia, e sarà aperta al pubblico fino al 25 maggio. Un simbolico incontro tra due generazioni di artisti che dipingono il dolore, l’impegno e la Resistenza, ponendo a confronto gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma con gli artisti della generazione del secondo dopoguerra, che hanno partecipato attivamente alle vicende della Liberazione e della Resistenza. Il percorso composto da sedici opere d’arte si snoda partendo dall’intimità esistenziale suggerita dalle opere di Vespignani, fino ad arrivare alla narrazione di una dolorosa memoria collettiva ispirata da Käthe Kollwitz, unendo le arti e le storie di due generazioni, che appaiono lontane ma che sono vicine per tensioni, idealità e voglia di cambiamento.

Nuda al confine

141 For Magazine


For magazine Scultura & Cinema LA LUCE OSCURA DELLE FORME Un viaggio attraverso l’oscurità che rivela il suo splendore segreto, attraverso una materia tenebrosa che si illumina di bagliori che passano dal nero all’oro, dallo splendore notturno del legno oscurato dalla fiamma a quello del metallo che vibra di riflessi cangianti: su queste linee strutturali si muove il progetto realizzato da Roberto Almagno e Sandro Sanna per la mostra di scultura che li vede uniti all’interno dei suggestivi spazi del Museo Carlo Bilotti nell’Aranciera di Villa Borghese, fino al 28 luglio. Sanna e Almagno lavorano sulla trasmutazione di una materia che parte dall’oscurità per raggiungere lo splendore di un metaforico sole nero, dove i contrari della notte si uniscono simbolicamente e dove la pesantezza del mondo si sublima in una leggerezza fondata sul rigore del progetto e dell’esecuzione tecnica.

DIAZ - NON PULIRE QUESTO SANGUE G8, Genova, luglio 2001. Amnesty International parla della più grave sospensione dei diritti democratici dopo la Seconda Guerra mondiale. Il perché lo sappiamo più o meno tutti. Quello che è successo in quell’estate non può essere dimenticato facilmente, anche se si tende sempre a far credere che agli italiani scivola tutto addosso, che si possono risolvere le cose solo nascondendo la verità. Con il film Diaz - Non pulire questo sangue, il regista Daniele Vicari dimostra di non fa parte di questa categoria. Un’impresa ardua la sua: riportare in primissimo piano l’atrocità e la violenza spropositata dei poliziotti. Si tratta di un’impresa perché, come afferma lo stesso Vicari: «Fino a che punto posso spingermi nella rappresentazione di quella violenza? Che democrazia è quella che mi spoglia, mi violenta, mi priva di identità e di diritti?». Nel cast del film ci sono Elio Germano e Claudio Santamaria. Jessica Di Paolo

Elio Germano in una scena del film

LE EMOZIONI DEI MARI DEL MONDO La coinvolgente mostra fotografica che intende avvolgere il pubblico in una magia, Dai più piccoli ai più grandi è ospitata al Museo Civico di Zoologia dall’11 maggio al 31 luglio, per raccontare l’altra faccia del pianeta, le meraviglie sconosciute del mare e le creature che lo abitano. Catturare il mare con un dito. Alberto Muro Pelliconi è un fotografo di fama internazionale, impegnato sin dagli anni Ottanta – grazie alla sua grande passione per il mare – nell’ambito della fotografia subacquea, in un viaggio continuo alla scoperta e all’esplorazione di fondali e vita sottomarina, nei mari di tutto il mondo. Un’immersione nel blu per scoprire dalle più piccole alle più grandi straordinarie creature incontrate nei suoi viaggi attraverso le barriere coralline.

142 For Magazine


For magazine Fotografia & Libri LA PRIMA CAMPAGNA D’ITALIA La mostra di fotografia e cartografia, Carte D’Italie, ospitata al Museo Napoleonico di Roma, rimarrà esposta fino al 4 novembre. Presentate le sei carte ricomposte in un’unica parete e raffiguranti l’Italia Settentrionale e Centrale; la Carte générale du théâtre de la guerre en Italie et dans les Alpes di Louis Albert Ghislaine Bacler d’Albe è pervenuta al Museo Napoleonico nel 2005. Disegnatore, cartografo, pittore di battaglie, Bacler d’Albe lavorò al seguito di Napoleone dal 1796 al 1814, diventando nel 1804 capo del suo “bureau topographique”. La grande stima che Napoleone nutrì per il pittore è confermata da un passo del suo testamento, in cui egli raccomandò che il figlio usasse per la propria formazione proprio le carte di Bacler d’Albe. Un particolare allestimento consentirà allo spettatore di coglierne sia il carattere di testimonianza storica e geografica sia quello più specificamente artistico.

IO AMO L’ITALIA La mostra fotografica di Leonard Freed Io amo l’Italia è ospitata al Museo di Roma in Trastevere fino al 27 maggio. Presenta una straordinaria selezione: 100 fotografie in bianco e nero scattate tra Roma, Firenze, Napoli, Milano e Palermo che raccontano la vita quotidiana, i volti e i gesti del Belpaese senza l’uso di facili stereotipi. Freed amava definirsi un artista, non un fotoreporter. L’Italia fu una delle sue principali fonti di ispirazione, una terra che lo affascinò tutta la vita perché qui “il passato è sempre presente non solo nei luoghi ma nella vita quotidiana della gente”. Infatti più che su paesaggi e architetture, il suo obiettivo si focalizzò proprio sulle persone immortalandole con empatia e sensibilità nel corso dei decenni. L’esposizione è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico - Sovraintendenza ai Beni Culturali. CONVERSIONE SOFFERTA E DOLOROSA L’attore, regista e cantante Leopoldo Mastelloni, al Caffè Letterario Ostiense ha presentato di recente il libro All’improvviso la luce, che racconta la storia di una conversione, nel libro di Maximo De Marco, il pluripremiato regista del film Petali di Rosa con Claudia Koll, con cui ha ottenuto una menzione speciale dalla Cei come film d’autore e ha ricevuto in premio il Cavallo d’Argento della Rai, ispirato alla storia vera di suor Rosa Roccuzzo. Il volume, pubblicato della casa editrice romana Edizioni Galassia Arte, è un racconto intenso, veritiero e pieno di emozioni, che nasce dall’esperienza diretta di contatto con Dio dell’autore, che è anche showman, coreografo, cantante, regista e attore ben noto al grande pubblico, per la sua partecipazione a numerosi programmi televisivi e per essere stato protagonista di diversi servizi sulle principali testate nazionali. Maximo De Marco

143 For Magazine


For magazine Libri LE VOCI DELLA LETTERATURA Letterature Festival Internazionale di Roma, storico festival della Capitale, giunge quest’anno alla XI edizione dopo aver ospitato, nel corso delle passate edizioni, oltre 200 tra i più celebri autori italiani e stranieri sempre accompagnati da attori, musicisti e artisti di grande prestigio. Dal 16 maggio al 21 giugno, presso la Basilica di Massenzio al Foro Romano, nell’ambito di questa rassegna letteraria, sarà proposta la formula di successo consolidata negli anni: gli autori invitati si presteranno ad una lettura di testi inediti, scegliendo ognuno la propria cifra stilistica (fiction narrativa, poesia o saggio) e ispirati tutti al tema che il Festival propone in questa edizione, Semplice e Complesso. Nel corso delle dieci serate, di cui saranno protagonisti assoluti gli scrittori e i loro testi, si ascolteranno tante riflessioni sul rapporto e sull’intreccio tra la dimensione della complessità e quella della semplicità nel pensiero e nella scrittura.

Amos Oz

Franca Valeri NUDA COME LA VERITÀ È in libreria da poco Libertà e patate, la mia rivoluzione, il libro di Mariaceleste de Martino, la giornalista Rai punita dall’Ordine per aver posato nuda in un calendario benefico. Oggi, di fronte alla sospensione dalla professione è uscito per le Edizioni Galassia Arte, questo atteso libro-denuncia, con prefazione del ballerino Branko Tesanovic, in cui la giornalista racconta tutta la sua storia, e naturalmente la sua verità intorno alla vicenda che, da un anno a questa parte, sta facendo scalpore nell’ambiente: punita per aver posato nuda dieci anni fa per un calendario benefico in cui si denunciavano gli orrori della società. Mariaceleste de Martino ha fatto ricorso contro l’Ordine dei Giornalisti del Lazio che, invece, ha deliberato di sospenderla dalla professione per 12 mesi, il massimo della pena, prima della radiazione.

Mariaceleste de Martino UN GRANDE FALSARIO, MA NON UN IMITATORE È stato presentato di recente presso l’Archivio di Stato di Roma, nella Sala Alessandrina, il libro Angelo Caroselli 1585-1652 - Un pittore irriverente, di Daniela Semprebene. La pittura del Caroselli è incomprensibile se la si estrae dall’uomo: questi era comunque poco conosciuto (se non dagli addetti ai lavori) e male inquadrato nel XVII secolo, soprattutto poco amato dalla critica. Infatti, è stato necessario il ricorso alla verifica filologica ex novo. Con queste premesse l’autrice del primo corpus filologico caroselliano ha affrontato un mondo e una cultura che a Roma non erano più quelli tenebrosi dei primi momenti della Riforma Cattolica, illuminati dai sinistri bagliori dei roghi d’eretici e dai lampi delle lame “a Ponte” (è la voce popolare del poeta Pasquino a ricordare che “se so' tajate più teste a Ponte che meloni a Banchi”.

Archivio Storico di Roma

144 For Magazine


For magazine Musica LA PINA: “LA QUEEN DEL DRIVE-TIME” Prendere un appuntamento con Orsola Branzi, meglio conosciuta come La Pina, è facile come indovinare la combinazione vincente del Superenalotto. La incontriamo a Roma, nella splendida cornice dello Spazio 900, durante uno strepitoso party con un dj set firmato LMFAO, condotto dalla nota speaker e arricchito da uno show che porta sul palco giovani campioni della street dance italiana. «Amo questo genere di manifestazioni, mi fanno sentire viva. Sono un habitué di questi eventi. Poco tempo fa sono volata in Giappone per il contest mondiale di breakdance Red Bull Bc One ed è stato fantastico…», così inizia la nostra chiacchierata con l’emblema del panorama radiofonico per i fedelissimi di Radio Deejay. La Pina non è semplicemente la rapper italiana per antonomasia. Oggi è diventata una vera e propria icona gay, una trendsetter qualificata, una scrittrice, un’intenditrice di cucina orientale, una dottoressa “stranamore” e un’appassionata di viaggi. Insomma una tuttologa. Pina hai oltre 271.000 fan su Facebook. Che effetto fa essere così seguita? «Talvolta non ci credo neanche io. Questo seguito mi stimola ad andare avanti e mi fa divertire come una pazza. Non sono semplicemente fan o curiosi, sono ragazzi e ragazze, signore e signori che si “attovagliano”, come direbbe D’Agostino, a commentare con me L’isola dei famosi piuttosto che il Festival di Sanremo. Durante la diretta del mio programma in radio Pinocchio, su Radio Deejay, spesso mi ritrovo a leggere i loro commenti, assieme al mio compagno d’avventure Diego Passoni e ne vengono fuori di tutti i colori. Talmente tanto divertenti che abbiamo deciso di racchiuderli in un libro dal titolo Ciao che fate?». Per anni hai sempre affermato di essere molto distante dalla Tv e che la radio sarebbe stata sempre il tuo pane quotidiano. Oggi conduci più programmi televisivi. Come mai questo cambiamento? «Continuo a lavorare quotidianamente a Radio Deejay e mi diverto a sperimentare nuovi format su Deejay Tv. Prima con Nientology, un gameshow basato sul nulla, e poi con Queen Size, dove mi diverto ad intervistare, sdraiata su un letto XXL, ospiti di varia natura: da Nicoletta Orsomando al direttore Maria Latella». Come mai hai accantonato la musica? «Non ho accantonato la musica, anzi. Ho sicuramente meno tempo, ma scrivo tantissimo. Ho collaborato con Alessandra Amoroso e sto preparando il mio prossimo disco che spero possa uscire il prima possibile». Cosa nei pensi dei talent show? «Mi piacciono. Sono una fan di Amici e di XFactor. Una volta s’inviavano le musicassette alle case discografiche, oggi, invece, per essere “ascoltati” ci si rivolge direttamente a Maria De Filippi. I tempi cambiano ma non ci vedo necessariamente del marcio». Sei famosa al grande pubblico anche per i

tuoi tatuaggi. Ti sei mai pentita? «Mai. I tatuaggi sono la mia pelle. Diffido da chi li cancella». La Pina a riflettori spenti che donna è? «Una geisha del 2012. La mia immagine da tigre della Malesia non rispecchia la realtà. Sono una donna molto sensibile. La sera se posso scegliere tra una serata fuori o una serata a casa, sappiate che sceglierei tutta la vita la seconda opzione. Film, cibo cinese take away e tante coccole con la mia dolce metà (La Pina convive con il rapper napoletano Emiliano Pepe, ndr)». Non ti piace cucinare? «Scherzi. Adoro cucinare. Amo il cibo al vapore, una cucina light fatta di verdure e il riso integrale in quanto è decisamente più naturale». Sei un ambientalista convinta? «Non sono una fanatica. Ma ci tengo a rispettare il regalo che la vita ci ha offerto». Ti piace molto viaggiare. C’è stato un viaggio che ti ha cambiata? «Ho girato il mondo in lungo e in largo: da Miami alla Lapponia. Ho visto terre incontaminate e città ipercaotiche. Il Giappone però è la nazione che più amo in assoluto. Tutto va velocissimo, ma tu non te ne accorgi».

145 For Magazine

A proposito di shopping: sei un’appassionata di moda e tendenze, giusto? «La radio e la moda sono la mia vita. Gestisco un blog su internet dove parlo di tendenze e curiosità. Do consigli, dritte e suggerimenti a tutte le amiche che hanno la mia stessa passione. Attualmente ho creato con Bastard la mia prima collezione “RagazzaLadra” in vendita nel BastardStore di Milano e in vari negozi ricercati della Capitale». Consigli per l’estate? «Nude look, colori fluo, tute e tacchi assassini. Accessori vistosi e smalto rosso fuoco». Sei una nota icona gay. Come vivi questo “titolo”? «Oggi sono tutte icone gay. Dalla Carrà alla Orlando. Il tono di biondo in realtà è lo stesso. Io, scherzi a parte, partecipo sempre alle loro manifestazioni, da quelle più “scanzonate” a quelle più serie. Io sono circondata da gay, non li vado a cercare e loro non cercano la sottoscritta. Sono comunque felicissima così». Pina l’amore esiste? «Altroché se esiste. Ma la cosa più difficile è decidere di volerlo». Alessio Poeta


For magazine Musica & Eventi CHE FINE HA FATTO IL NOSTRO CUORE? Qualche giorno fa Bruce Springsteen è stato protagonista di una delle migliori interpretazioni della sua vita. E per uno che da decenni è considerato il miglior performer della musica rock di ogni tempo, vuol dire certamente qualcosa. Di fatto, quel giorno ad Austin (Texas) non ha cantato: in sostanza si è trattato di cinquanta minuti circa di discorso vero, vivo e pregnante. Viviamo in un mondo post autentico, come ha asserito lui stesso, dove ogni cosa non rispecchia più il motivo reale per cui era nata. La straordinarietà di quanto detto in quei minuti da Bruce è stata nella capacità di sollevare tutto il mistero insito nel rock, nel cuore di questa musica, che si ricollega direttamente a quello di ogni uomo: «Bob Dylan ci ha dato le parole per capire il nostro cuore», ha detto ad un certo punto. E cosa vuol dire questo? Vuol dire capire che esso rispecchia tutta l’ansia, tutto il desiderio, tutto il bisogno di felicità che è racchiuso in ogni esperienza umana. Bisogna recupera-

re quei personaggi, quei fatti, quei dischi che esprimevano un’unità del cuore, prima che tutto si frammentasse in una miriade di personalismi fini a se stessi, o creati a tavolino dal marketing imperante. Un elogio della musica, un invito a crederci per i giovani musicisti. Un momento di pura magia che non richiede altre parole se non di immergersi ancora di più in questo alone, in tale momento che resterà scolpito nel ‘cuore’ di tanti di noi, nati per correre. Agostino Madonna

Bruce Springsteen

ALESSANDRO RISTORI & PORTOFINOS Il cantante rockabilly Alessandro Ristori, un ragazzo che sembra uscito direttamente dagli anni ’50, insieme ai Portofinos ha presentato da poco il suo album musicale Ibrido, che racconta una passione che ci sentiamo di condividere: quella per il rock’n’roll, inteso come forma intramontabile. Un genere che in realtà è uno stato d’animo condiviso, oggi come ieri. Si colloca, certo, lontano da epoche chiassose e confuse come queste, in un mondo apparentemente più semplice, e contemporaneamente, essendo anche un’idea, fa parte della resistenza alle mode passeggere che è propria della musica migliore. Di recente Ristori è salito sul palco dello storico The Place di Roma per il suo showcase di Presentazione Album. Che dire di lui? Che sulla sua faccia “antica” sta benissimo il ciuffo rialzato, il foulard che non manca mai, sempre elegante dalla testa ai piedi. Alessandro Ristori e i Portofinos

LA BAMBOLA COMPIE GLI ANNI Liliana Pintilei, attrice e soubrette, ha festeggiato recentemente il suo compleanno al Boscolo Palace Hotel di via Veneto, insieme a tutti i suoi amici, tra cui gli attori dello spettacolo di Pippo Franco Bambole non c’è un euro, che ha riscosso un enorme successo al Salone Margherita di Roma. Tra i presenti alla festa sono intervenuti anche gli attori Eugenio Corsi, Mimmo Ruggeri, Mario Zanna, Nicola Vicidomini, Toni Malco, Simone Tuttobene, le cantanti Cecilia Gayle e Daniela Frega, Nadia Bengala, l’immagine counsalting Stefania Corradetti, il consigliere della Regione Lazio Antonio Paris e la presidente del premio “Le Ragioni della Nuova Politica” Sara Iannone. Il party di Liliana è proseguito tra brindisi, champagne, balli latino americani e canzoni fino a tarda notte. Sara Iannone e Christian Marazziti

146 For Magazine

Liliana Pintilei e Stefania Corradetti


For magazine

Anche questo mese si conferma grande il venerdì dell’Art Cafè. I più giovani lo identificano come il cuore di Villa Borghese, che ne determina il ritmo e la musica più scatenata. Protagonista indiscusso delle notti romane, il locale fa rivivere ogni volta quelle atmosfere che lo hanno reso famoso in tutta Italia. Le nuove tipologie dei privè sono state pensate per ospitare diversi eventi in uno stesso contesto: Prive Royal, Prive Domino, Prive Privilege, Prive La Victoire, Prive Britè (consolle). Una discoteca dove dare sfogo alle follie del sano divertimento.

Art Cafè

147 For Magazine


For magazine

Anche questo mese il Babel ha regalato al suo pubblico un’esperienza unica, un party da sogno con “Studio 54 Famous & Infamous” e la sua punta di diamante Kenny Carpenter, direttamente dalla città che non dorme mai, New York City! Studio 54 è il miglior club del mondo, che dalla fine degli anni ’70 ha animato le serate newyorkesi. Meta ambita dai personaggi dello star system statunitense, dall’intellighenzia, dal mondo dell’arte e della moda. Per essere protagonista di una notte di follie, passione e stravaganza.

Babel

148 For Magazine


For magazine

149 For Magazine


For magazine

Nonostante le fredde serate degli ultimi tempi, il giovedì della Maison è sempre frequentatissimo. L’interno del locale è stato curato nei minimi dettagli, così da renderlo sofisticato e allo stesso tempo in grado di ospitare il variegato popolo della notte. La Maison è famosa per la sua internazionalità, che la contraddistingue dagli altri locali. Nella discoteca vige la voglia di ballare dei giovani, la spensieratezza di divertirsi in un luogo sicuro e accogliente, grazie ai tanti comfort messi a disposizione dal proprietario Tony Millepanini.

Maison

150 For Magazine


For magazine

151 For Magazine


For magazine

Shari Vari Shari Vari si conferma la discoteca più trendy e la scelta più frequente dei clubber capitolini: “Il sabato al centro di Roma”, come slogan e stile di vita per affrontare il lungo weekend targato trAmp. it, Zerogradi e Misscat. Rigorosamente all’interno delle caratteristiche mura del locale, a due passi dal Pantheon: si parte dall’aperitivo, passando per la raffinata cena e concludendo con un divertente dopo cena, tutto accompagnato dalla musica di ottimi dj set e dal pubblico più elegante.

152 For Magazine


For magazine

Gilda

Deborah Bettega, sociologa e pr del locale, ha festeggiato il suo compleanno al Gilda, il salotto buono degli eventi romani. Tema della serata: relax, bellezza e benessere. Oltre ad una cena con prodotti genuini. Durante la serata c’è stata anche la possibilità di provare dei nuovi e sorprendenti macchinari per riflessologia e pressoterapia plantare, suggeriti da un esperto life trainer. Tra i personaggi presenti sono intervenuti molti attori e vip, come Francesco Benigno, Roberta Beta, il noto cuoco Alessandro Circiello, Tony Santagata e Gianni Davoli, Giancarlo Bornigia con la famiglia.

153 For Magazine


For magazine

La Cabala

154 For Magazine


For magazine

Ancora appuntamenti chic alla Cabala, con i suoi due piani addobbati da lampadari antichi, broccati, specchi, divani in pelle e tappeti che fanno da cornice all’intrattenimento, creando un’atmosfera d’altri tempi per la selezionata clientela, anche grazie alla grande qualità della musica. Non potrebbe essere altrimenti visto il luogo speciale nel quale è situata, all’ultimo piano dell’esclusiva Hostaria dell’Orso, dove il divertimento si abbina al lusso e all’eleganza.

155 For Magazine


For magazine

Spazio 900

Spazio 900 ha ospitato da poco un evento davvero sensazionale: infatti, per la prima volta a Roma, direttamente dal Pachà di Ibiza, l’unico e inimitabile “Power Pachà Ibiza”, l’originale party revival che, dal 1967, è il più ambito dell’isola e si tiene ogni mese della prestigiosa discoteca spagnola, richiamando numerosi vip. Dress code obbligatorio “hippy chic”, con stile, forme, colori e naturalmente musica tipici degli anni ’60 e ’70, per un sound in tema proposto da dj di fama internazionale.

156 For Magazine


For magazine

157 For Magazine


For magazine

Room 26

Serate per i veri intenditori di musica al Room 26, con la presenza questo mese del celebre dj statunitense Nicky Siano. Considerato uno dei pionieri della dance music, fu il primo dj resident del mitico Studio54 e fu tra i primi ad eseguire il mixaggio da due dischi. La discoteca romana è famosa per le sue location in cui trovano posto la “Global Room” e la “Purple Room”, concepite per valorizzare in modo assoluto il suono, grazie ai 26 amplificatori d’ultima generazione crown alloggiati nel cuore del locale.

158 For Magazine


For magazine

Goa

Poiché l’evento del giovedì è sempre molto speciale, ultimamente GoaUltrabeat ha presentato una serata straordinaria con Damian Lazarus. Mostro sacro della scena clubbing mondiale, Damian non si ferma un attimo. La sua missione è quella di spazzare via la mediocrità e l’obsoleto, ricercando sempre novità ed energia. Le sue performance hanno fatto il giro del mondo, arrivando al Circoloco di Ibiza, al Fabric di Londra, alla WMC di Miami. Perciò non poteva non approdare al Goa, dove l’unica cosa che conta è essere avanti coi tempi.

159 For Magazine


For magazine

Teatro Centrale

160 For Magazine

La “Parentesi Cult” di Patrizia de Santis, non poteva iniziare con un personaggio più stellare, la celebrità hollywoodiana del momento, Ivana Chubbuck. A questo serata evento presso il Teatro Central Carlsberg hanno partecipato personaggi, attori, registi e produttori. La Chubbuk, nei suoi Studios di Hollywood, insegna da sempre recitazione ad attori del calibro di Brad Pitt, Halle Berry, Charlize Theron, James Franco ed ad un’infinità di altre star. La serata è stata un successo sotto tutti i punti di vista, una magica alchimia di suoni, sapori,visioni, simpatia e tanto show.

For Roma Fleming maggio 2012  
For Roma Fleming maggio 2012  

maggio 2012 For Roma Fleming

Advertisement