Page 3

SPAZIO A... SuperSummit

Dal 4 al 29 novembre @ http://supersummit.it

ANNO IV | #34 | 24 OTT 2013

il più grande online meeting

mai realizzato

visioni

Di Richard Hughes, autore di Business Communication Revolution e direttore della divisione Social Strategy di BroadVision

360com è una pubblicazione di Growing Consulting & Media srl Sede Legale piazza G. Grandi 24, 20135 - Milano Sede Operativa via Sardegna 32, 20146 - Milano tel.+39.02.53598301 fax +39.02.53598330 www.growingcm.com Abbonamento a 360com La testata 360com settimanale è registrata al Tribunale di Milano al 254 del 3 maggio 2010. Growing Consulting & Media Srl è iscritta al R.O.C. con il numero 16331. © tutti gli articoli hanno riproduzione riservata. Il responsabile del trattamento dei dati personali raccolti in banche dati di uso redazionale è il direttore responsabile a cui, presso la sede di piazza Giuseppe Grandi 24, 20135 Milano (tel.02.53598301), gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti ai sensi dell’art. 7 DLGS 196/2003

Direttore responsabile Daniele Bologna dbologna@growingcm.com Coordinamento redazionale Simone Freddi sfreddi@360com.it Redazione redazione@360com.it Lorenzo Mosciatti, Giacomo Broggi, Roberta Simeoni Progettazione grafica e realizzazione     RubberDuck info@rubberducksrl.it Amministrazione amministrazione@growingcm.com Traffico Licia Guastelluccia traffico@360com.it - liciag@360com.it Diffusione e abbonamenti abbonamenti@360com.it Pubblicità e iniziative speciali Vania Camillozzi vcamillozzi@360com.it tel. +39.02.53598326 mob. +39.3355653522

Le buone maniere nella business communication mobile I

progressi realizzati nel campo della comunicazione mobile negli ultimi anni hanno migliorato notevolmente la capacità degli utenti aziendali di rimanere in contatto tra loro. Come per tante altre innovazioni, però, l’etichetta e le migliori pratiche di utilizzo hanno seguito l’introduzione delle tecnologie con un certo ritardo. Oggi si incontrano sempre meno ostacoli nel rimanere connessi mentre ci si trova fuori dall’ufficio. Ciononostante, la comunicazione mobile può effettivamente aumentare il rischio che importanti informazioni vadano perse. Un esempio: alla fine del 2011, nel Regno Unito, James Murdoch, a.d. di News International, è stato interrogato da una commissione parlamentare dopo aver presumibilmente causato un malinteso sul fatto che egli avesse ricevuto o meno, nel 2008, un’e-mail su certe attività illegali svolte da NI. Una volta emerso che l’uomo aveva effettivamente ricevuto tale e-mail, si è scusato dinnanzi al comitato, aggiungendo tuttavia di non aver letto il messaggio fino in fondo poiché lo aveva ricevuto sul suo Blackberry durante il fine settimana. La spiegazione fornita da Murdoch può apparire come una comoda scusa, impossibile da confutare, ma allo stesso modo del tutto

plausibile. La posta elettronica manca intrinsecamente di affidabilità, poiché non offre garanzia del fatto che il destinatario abbia effettivamente letto il messaggio, anche se il server di posta invia relativa conferma di consegna. La comunicazione mobile non fa che aggravare il problema, in quanto il lettore è in genere meno propenso a prestare totale attenzione al messaggio e a leggere interamente il testo su uno schermo di piccole dimensioni, ed è meno disposto ad agire in base alle informazioni ricevute. Ora siamo quindi in grado di leggere i messaggi di lavoro su treni e autobus, in spiaggia o nella vasca da bagno e possiamo rispondere... ma dobbiamo farlo? La sola disponibilità delle tecnologie di comunicazione in tempo reale non basta a giustificarne un utilizzo continuo. La prossima volta che leggiamo un’email sul telefono, dovremmo chiederci se non sia forse meglio attendere un momento di minore distrazione e di avere a disposizione una tastiera migliore. Il fatto che si possa rispondere subito non implica necessariamente che sia la cosa giusta da fare. Le recenti innovazioni nella comunicazione mobile costituiscono una straordinaria risorsa aziendale. Impariamo come utilizzarle in modo responsabile.

Richard Hughes Richard Hughes è Direttore della Strategia Sociale presso BroadVision. Nella sua posizione attuale, fornisce consigli strategici sull’utilizzo del social networking nel business, e aiuta le aziende a valutare l’efficacia delle loro interazioni con clienti, partner e dipendenti attraverso l’analisi dei dati relativi alle loro attività sociali. Hughes ha più di 20 anni di esperienza nel settore delle soluzioni Internet, acquisita presso BroadVision e in ruoli precedenti presso l’Università di Oxford, Fisons Instruments e Blackwell.

Il futuro della formazione è in rete: a novembre arriva il 1° Social Media, SEO & Web mktg SuperSummit

Con l’esplosione del fenomeno dei MOOC (massive open online course) anche l’Italia ha ora la sua prima piattaforma per seguire - e organizzare - corsi di formazione professionale di alto profilo esclusivamente online: si chiama SuperSummit (http://supersummit.it) e fa il suo debutto con il più grande online meeting sui temi digital mai realizzato in Italia: dal 4 al 29 novembre 2013 parte infatti la prima edizione del Social Media, SEO & Web Marketing SuperSummit, un appuntamento destinato a ripetersi annualmente, con il coinvolgimento dei 50 principali esperti italiani di comunicazione online, provenienti delle più importanti realtà del settore. Tra di loro solo per citarne alcuni, Vincenzo Cosenza, social media strategist di Blogmeter, Luca Conti, blogger e giornalista, Massimo Fubini, founder di ContactLab, Massimo Agosti, executive producer e portal director di Tiscali, Salvatore Esposito, cofounder di Populis e Andrea Santagata, ceo

di Banzai Media, Luca Lani, founder di CityNews, Davide Pozzi, owner ed editor di TagliaBlog e molti altri. Le singole sessioni in agenda, gratis in livestreaming, sono focalizzate su temi specifici per offrire lo stato dell’arte completo di ogni materia attraverso webinar o video “faccia a faccia” seguiti da un moderatore. La formula adottata è semplice ma al tempo stesso innovativa: chiunque può accedere liberamente, senza alcun costo, alle sessioni live oppure può comprare il biglietto per rivedere i video, accedere alla documentazione completa di ogni evento, preinviare domande agli speaker e altri benefit. Per un professionista oggi non è più possibile seguire master o corsi della durata di mesi o anni: i MOOC costituiscono un’opportunità che rivoluzionerà il mondo della formazione, garantendo agli utenti un valore aggiunto impareggiabile in termini di flessibilità, qualità e abbattimento di tempi e costi.

360com34 2013  

Settimanale Digitale della Comunicazione

360com34 2013  

Settimanale Digitale della Comunicazione