Issuu on Google+

visioni / biagio chiarolanza

Un’immagine coerente tra negozi e advertising

17 COM

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014

Alla recentissima inaugurazione del nuovo negozio di Benetton, a Milano, in Piazza Duomo, l’amministratore delegato del gruppo ha chiarito la rinnovata impostazione, anche pubblicitaria, della società

2

Tv Light Viewers, adesso vi conosciamo

8 marketplace

eBay Classifieds, famiglia allargata

12 company / CITROEN

Effetto brand immersion

13 media

Cogeneration Channel & Shaa

       

')*./-*+*.$5$*)( )/*.$$./$)"0 . (+- + -$'-// - *).0' )5$'  0)!*-/  // )5$*) ''ȇ$))*15$*) ǝ '$55$(*.*'05$*)$# ( //*)*$)*)///*$'-)*) 0/ )/$!$ '$55/$0)ȇ $/*-$$"$/'$.0 ..*ǝ

14 link / 1

Yahoo, le trame di Marissa Mayer

16 link / 2

Controllare il pc dallo smartphone


COVER STORY Mindshare e Xaxis insieme per esplorare un target sempre più importante ed essenziale in chiave di planning COM

Tv Light Viewers, Dalle ricerche condotte dal centro media, nel corso degli ultimi mesi emerge, infatti, come un’ampia fascia di consumatori non sia raggiungibile in modo efficace con la sola tv. La popolazione attiva e dinamica ha un consumo di televisione ridotto, ma “bilancia” la propria dieta mediatica con un accesso a internet, sia da pc fisso sia in mobilità, con tablet e smartphone, superiore alla media. elemento che riposiziona il consumatore al centro del marketing digitale

2

adesso vi conosciamo di Daniele Bologna

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


       

' )*./-* +*.$5$*)( )/* .$ $./$)"0   . (+-  + - $' -// -  *).0' )5$'   0) !*-/  // )5$*)  ''ȇ$))*15$*) ǻ  '$55$(* .*'05$*)$  #  ( //*)* $) *)///* $' -) *) 0/ )/$ !$ '$55/$  0)ȇ $/*-$ $"$/'$.0 ..*ǻ


COVER STORY

U COM

na novità che negli ultimi giorni ha fortemente interessato il mercato e alimentato parecchie discussioni sul tema: la centrale Mindshare, insieme a Xaxis, ha messo a punto la prima modalità di pianificazione delle attività web concentrata sui soli Light Viewers Tv. Dalle ricerche condotte dal centro media, nel corso degli ultimi mesi emerge, infatti, come un’ampia fascia di

roberto binaghi

4

consumatori non sia raggiungibile in modo efficace con il solo mezzo televisivo. La popolazione attiva e dinamica ha un consumo di televisione ridotto, ma “bilancia” la propria dieta mediatica con un accesso a internet - sia da pc fisso sia in mobilità, con tablet e smartphone - superiore alla media. Il prodotto si posiziona, quindi, come una nuova realtà, che permetterà a Mindshare di concentrare le proprie pianificazioni online sui Light Viewers Tv senza disper-

dere contatti sui segmenti coperti in modo esaustivo attraverso il planning televisivo. Un’iniziativa alimentata da una forte propulsione al cambiamento. E Mindshare ha identificato in Xaxis - la più grande società di audience buying in Italia - il partner ideale per definire una nuova modalità di pianificazione multimediale che permetta di colpire in modo mirato, appunto, i Light Viewers Tv. «Come centro media ci siamo sempre posizionati nei confronti del mercato

come una realtà all’avanguardia, con l’obiettivo di essere best in class nel pensiero strategico. Padroneggiare i fenomeni emergenti del mercato pubblicitario ci permette di guidare i nostri clienti verso scelte innovative, aiutandoli ad anticipare i loro concorrenti». spiega dichiara Roberto Binaghi, chairman e ceo di Mindshare, il primo centro media in Italia a dare indicazioni concrete ai clienti su come orientarsi nelle scelte di planning multimediali per raggiungere in modo efficace il consumatore. Light Viewers Tv: ma chi sono? Quindi, al centro dell’attenzione ci sono i cosiddetti Light Viewers Tv. Si tratta di un segmento della popolazione che viene identificato in base al consumo ridotto del mezzo televisivo secondo i dati Auditel. Rappresentano, mediamente, il 40% della popolazione italiana: individui attivi, con un reddito medio o medio alto e alto consumanti rispetto a beni di largo consumo e servizi. Ma perché il fenomeno dei Light Viewers Tv è così rilevante per gli investitori pubblicitari? In effetti, nelle tesi di molti sarebbero “il” target per eccellenza, dato il loro profilo socio-economico. Un fenomeno, allora, che non

sarebbe da relegare solo al tavolo del media, ma che meriterebbe, a pieno titolo, l’attenzione dei reparti marketing delle aziende. Mindshare ha verificato che i piani televisivi sviluppano una percentuale preponderante dei propri contatti sugli alto consumanti del mezzo - gli Heavy Viewers Tv -, lasciando il segmento dei Light Viewers ampiamente sottoesposto. Il costo per contatto tv può, così, risultare meno competitivo, originando inefficienze economiche. In aggiunta a questo, la televisione sviluppa con estrema difficoltà la copertura sul segmento dei Light Viewers, che non può essere recuperata incrementando l’investimento pubblicitario. Anche per questa ragione si rende necessaria l’integrazione del mezzo digitale. Istruzioni per l’uso I Light Viewers Tv non rappresentano effettivamente una minaccia per la televisione. Piuttosto, permettono di amplificare il potenziale della comunicazione televisiva, riducendo la dispersione intrinseca nelle pianificazioni tradizionali. E Mindshare si è avvalsa delle competenze digitali di Xaxis che permettono di pianificare su un’ampia gamma di target socio-demografici, comportamen-

federico gai

tali e di interesse, per individuare i basso consumanti tv. Grazie a una collaborazione con Research Now, importante panel partner internazionale, Xaxis ha potuto identificare i Light Viewers Tv all’interno del proprio cookie pool di 40 milioni di cookie giorna-

lieri. Il nuovo cluster di audience Light Viewers Tv, da oggi, può essere utilizzato in tutte le pianificazioni di video strategy e rich media, aggiungendosi alle oltre 35 clusterizzazioni già disponibili sulla Data Management Platform. «La collaborazione con MinANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


COM

COVER STORY IL CONSORZIO DEL COMMERCIO ELETTRONICO ITALIANO

dshare è stata fondamentale per Xaxis nella costruzione di una risposta concreta e azionabile alla richiesta crescente del mercato di individuare i basso consumanti televisivi. Da oggi siamo in grado di indirizzare a questo specifico target le campagne dei nostri clienti, massimizzando l’efficienza della comunicazione, riducendo la dispersione», dichiara Federico Gai, head of engagement di Xaxis. I clienti di quest’ultima, dunque, avranno la possibilità di intercettare un target qualitativo e alto spendente, andando ad incrementare il Roi delle campagne dei clienti. Ancora più nel dettaglio, Xaxis offre questo nuovo prodotto, in primis, ai clienti del gruppo Wpp, ma è aperta al dialogo con realtà interessate ai basso consumanti televisivi: «Xaxis Light Viewer è un ulteriore avanzamento di Xaxis nel territorio della multicanalità, ambito che verrà esplorato

per tutto il 2014 con il rilascio di molte altre novità - prosegue Federico Gai -. L’obiettivo di questi progetti è di presidiare la sempre maggiore convergenza mediale, sfruttando i due principali asset di Xaxis: la tecnologia e la Dmp proprietaria più grande del mercato italiano». Mindshare, da parte sua, proseguirà con l’approfondimento della tematica dei Light Viewers Tv anche in futuro, implementando ricerche e strumenti ad hoc. «Abbiamo raggiunto un’ampia expertise in merito, che vogliamo ulteriormente consolidare grazie al recente progetto sviluppato insieme a Xaxis», sottolinea a proposito Roberto Binaghi. In effetti, simili operazioni non fanno altro che ribadire la necessità di avere a disposizione dati, linee tendenziali e conoscenze specifiche sempre più approfondite e da armonizzare, in un contesto di rapidissimi cambiamenti e di notevo-

le complessità. Le piattaforme di diffusione video, poi,  hanno introdotto un modello d’intrattenimento che passa sempre più per la rete ed è favorito dalla sempre maggiore diffusione di connessioni internet ad alta velocità e del mobile. Ma un modello ha potuto imporsi anche grazie all’evoluzione dei tempi e modi di fruizione dell’intrattenimento: non più download di contenuti multimediali ma streaming dei video on demand – come insegna YouTube - e live. Qui, i casi si sprecano, considerando l’enorme bacino coperto dalle esperienze di web tv, dalle esperienze di Bbc e Rai, dei grandi colossi televisivi e delle piattaforme gratuite come Ustream, Justin.tv o Livestream. Ce n’è per tutti i gusti. Insomma: la diffusione del fenomeno streaming, del video sharing e del video marketing hanno generato un mercato dei contenuti multimediali che suscita in-

i tempi e i modi di fruizione del’intrattenimento si sono evoluti: lo streaming video dei contenuti, infatti, ha sopravanzato il pressochè tramontato download

5

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


COM

COVER STORY

teresse tra gli addetti ai lavori di gran lunga superiore a quello di qualsiasi altro segmento. La dieta multimediale Tutto questo parte da un assunto ben chiaro e confermato da più ricerche: la dieta multimediale degli utenti è cambiata a tal punto che i media tradizionali vengono sempre più incalzati dalle nuove piattaforme di diffusione video online. In sintesi, cresce il popolo dei fruitori di contenuti web e crescono gli investimenti pubblicitari per gli spot video sulla rete. E una serie di ricerche sulla contaminazione tra vecchi e nuovi media condotta da Omnicom Media ha evidenziato l’esponenziale crescita proprio dei Light Viewers. Sono loro i maggiori fruitori di internet, della nuova televisione - digitale terrestre e satellite -, ma anche di radio e cinema. Per lo più internauti tra i 25 e i 54 anni, per un totale di 18,8 milioni di persone, che di fatto costituiscono un target molto interessante per l’advertising. In questo scenario, per le aziende che operano con budget pubblicitari ridotti è fondamentale tener presente che gli investimenti negli spot video web possono costare fino a dieci volte in meno rispetto alla messa in onda sul piccolo schermo

6

e sono in grado di sfruttare il cyberspazio per mettere in rete video virali o autentici spot pubblicitari che garantiscono ottimi ritorni. «Il video online è uno strumento che permette alle aziende di raggiungere con efficacia un certo tipo di target di persone - indica Erik Rollini, responsabile ricerche e strategie di Omnicom - per il semplice fatto che c’è un terzo della popolazione che sta più davanti a internet di quanto non guardi la televisione. Ecco perché, in una buona pianificazione media, l’online non può più mancare, altrimenti questo pubblico andrebbe quasi totalmente perso». Infatti, i più grandi colossi di gestione e produzione di video non si sono fatti attendere e hanno iniziato a promuovere una politica di promozione pubblicitaria effettuata su video streaming che possono essere visualizzati oltre che su internet anche su televisori domestici. Un fenomeno atteso Sono nate così le smart tv, apparecchi in grado di connettersi a internet, ai social network e ai servizi di video on demand e di condividere in questo modo film, trasmissioni e media in generale. La televisione viene trascinata all’interno del web 2.0. E’ successo da tempo, ades-

so si fa sul serio. Anche in chiave pubblicitaria. Robert Kyncl, direttore delle partnership sui contenuti di YouTube, aveva anticipato una previsione clamorosa:  entro il 2013 il 90% del traffico internet sarebbe stato rappresentato dal video. E il 75% dei canali sarebbero stati trasmessi da internet grazie a siti come YouTube. La previsione di Kyncl partiva da un assunto difficilmente confutabile: i video attirano investimenti pubblicitari. Video rubriche e viral video generano profitti, tanto che anche l’offerta di

guido mazzoccola

YouTube è diventata più televisiva con l’aggiornamento del software di Google Tv e più adatta al mercato pubblicitario con il lancio definitivo dei cento canali della Google Tv creati da società media e case produttrici. Ma anche Apple - con l’Apple iTV - mira a sfruttare la valenza comunicativa e pubblicitaria delle immagini in movimento per riuscire a strappare dalle aziende i budget pubblicitari. In conclusione: il marketing si sta focalizzando sempre di più sulla diffusione online di video grazie ai costi mino-

ri e alla maggiore interattività offerta dal supporto online. Ma anche il futuro dell’interfaccia utente è in evoluzione: secondo il ceo di YouTube, Salar Kamangar, non è molto lontana la possibilità di avere il controllo vocale e gestuale del mezzo, che saprà anche riconoscere quello che ci piace guardare. E come la maggior parte dei mercati, anche il mondo del video web non è privo di sfide e complicazioni. Certo è che potenzialmente sarà il più diffuso strumento promozionale dei prossimi anni. Sta già succedendo ora, come dimostrano tutte le indagini più approfondite. Ne è convinto Guido Mazzoccola, audience business director online di Nielsen, che ricorda i risultati di una ricerca realizzata in collaborazione con la concessionaria Smartclip per comprendere le ragioni per cui dovrebbe valer la pena investire in mobile video adv, e di conseguenza valutare la sua reale efficacia. Fra i valori misurati ci sono la Brand Awareness (che vede una crescita di due punti percentuali fra gli esposti alla “sola tv” e gli esposti a “tv + mobile”), Recall (+2% anche in questo caso), Brand Favourability (+3%) Brand Recommendation (+2%), Intention To Buy (+4%, da segnalare che il test è avve-

eric rollini

il futuro dell’interfaccia: presto il mezzo potrà essere controllato con voce e gesti

nuto su campagne di prodotti tutti in fase di lancio) e Brand Image (+2%). L’apprezzamento e la “likeability” per questa forma di advertising è dimostrata, poi, anche dal 69% del campione che la definisce “coinvolgente”.  Ulteriore punto degno di nota

evidenziato da Mazzoccola è il risultato su specifici target come quello dei 1834enni, light tv viewers, che nei periodi di silenzio della campagna tv hanno fatto registrare incrementi di recall della campagna vista sul mobile fino a dieci punti percentuali.  ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


.


COM

MARKET PLACE

Un team strutturato e guidato dal nuovo sales manager Samuele de Luca

La famiglia si allarga e nasce eBay Classifieds Advertising Pronta a svilupparsi la concessionaria interna per la vendita di spazi adv sulle properties Kijiji.it e eBayAnnunci.it sia onsite sia su apparati mobile e con le app

samuele de luca di Sebastiano Zeri

La famiglia di eBay Classifieds si allarga e nasce eBay Classifieds Advertising, la concessionaria interna per la vendita di spazi pubblicitari sulle properties Kijiji.it e eBayAnnunci.it sia onsite sia sul sito mobile oltre che sulle app. L’aggiunta di questa nuova divisione dedicata all’advertising è stata possibile grazie alla costituzione di un team strutturato guidato dal nuovo sales manager Samuele de Luca. Specialista sin dal 2000 del settore advertising online, con una conoscenza approfondita e specifica del mercato italiano, de Luca in prece-

8

denza ha ricoperto il ruolo di sales director presso la divisione Digital di Condé Nast Italia, oltre che di Business Development Manager presso Tiscali Advertising e Veesible. Per quanto riguarda l’offerta sono tante le novità rilasciate in questi giorni e che vedranno la luce durante il 2014. Da subito disponibili nuovi formati e soluzioni quali strip, masthead, wallpaper, domination, formati espandibili, video preroll e Dem a disposizione degli inserzionisti per promuovere il proprio business, che si vanno ad aggiungere a quelli tradizionali già presenti. «Storicamente, per gli inserzionisti è sta-

to sempre difficile lavorare con grandi corporation internazionali. Questo per l’assenza di referenti diretti e la complessità delle procedure di acquisto degli spazi pubblicitari. Il team di eBay Classifieds Advertising risponde alle esigenze del mercato italiano fatto di aziende e centri media di tutte le dimensioni - commenta de Luca -, fornendo un supporto rapido, puntuale e continuativo e adattandosi anche a necessità di campagne altamente customizzate e complesse. La nostra offerta premium sarà caratterizzata dalla possibilità di targettizzare ogni singolo banner per categoria, sot-

tocategoria, interesse, caratteristica, valore economico, keyword di ricerca, geolocalizzazione e così via, con la finalità di centrare esattamente il target ricercato senza dispersione e in un momento estremamente favorevole all’interazione e all’acquisto», conclude de Luca. Il team commerciale potrà contare sul supporto del dipartimento sviluppo prodotto, per ideare e costruire soluzioni e progetti speciali innovativi e performanti a beneficio del cliente finale che potrà quindi scegliere la modalità per lui più adatta a raggiungere gli 8 milioni di utenti unici totali che ogni mese visitano eBay Annunci e Kijiji, secondo la fonte Nielsen. Affiancata all’offerta premium sarà presente anche l’offerta RTB (Real Time Bidding) dove specialisti dedicati potranno creare soluzioni ad hoc per ogni singola campagna attraverso gli strumenti più tecnologicamente avanzati. Le novità in casa eBay Classifieds non si esauriscono qui. È da poco disponibile, infatti, una nuova piattaforma self-service dedicata ai clienti local di Kijiji.it ed eBay Annunci che ora potranno creare e gestire facilmente e in modo completamente autonomo pacchetti adv predefiniti.

Cotton Usa prosegue l’operazione pubblicitaria 2014 per i consumatori

Un messaggio centrato sulla qualità e sulle scelte naturali A giugno il brand è presente su una selezione di media femminili e dedicati alla casa con la campagna consumer che esalta i plus del cotone americano di Massimo Masi

Con l’inizio della primavera, Cotton Usa ha avviato la campagna pubblicitaria 2014 dedicata ai consumatori - in prevalenza donne - attenti alla qualità e orientati a scelte naturali. Da marzo a giugno  il brand  è presente su una selezione di media femminili e dedicati alla casa con la campagna consumer che esalta tutta la morbidezza, la naturalezza e la qualità dei capi d’abbigliamento e dei prodotti per la casa realizzati in cotone americano. All’evocativo claim “Embrace Nature, Choose Cotton”, che sottolinea la caratteristica principale del cotone, la naturalità, si affiancano le immagini scattate dalla nota fotografa Beate Hansen, che ha catturato la freschezza dei capi realizzati in cotone americano Cotton Usa di American Vintage, biancheria intima di Bodas e tra gli altri spugne, asciugamani e accappatoi di Christian Fischbacher Dreamflor e biancheria da letto firmata NK di Camillatex. La nuova

un soggetto della campagna stampa

campagna pubblicitaria è presente su mezzi online e offline femminili e lifestyle - come Elle, Marie Claire, Gioia e F - e periodici di riferimento per il settore arredamento come Cose di Casa e Home; e per raggiungere il più ampio target sono stati scelti anche i migliori siti web di moda e bellezza, tra cui  Alfemminile.com, Donnamoderna.com, Elle. it, Pianetadonna.it, Vanityfair.it. Per l’arredamento, il planning include Living. corriere.it e in riferimento all’area news e intrattenimento spicca Leonardo.it. Il marchio registrato Cotton Usa è stato lanciato da Cci nel 1989 e contraddistingue

prodotti di elevata qualità realizzati con almeno il 95% di cotone, di cui il 50% dev’essere americano. Numerose aziende tessili già utilizzano il marchio e abbracciano, traendone ottimi risultati, le attività di Cotton Usa e le iniziative di global sourcing a supporto del business. Cotton Council International, invece, è stata fondata nel 1956 come estensione internazionale del National Council of America per diffondere su vasta scala i prodotti realizzati con cotone americano nei mercati d’oltreoceano. Cci realizza ricerche di mercato, servizi di informazione, sales promotion e relazioni pubbliche, proprio per incrementare attivamente le attività di promozione del cotone americano in collaborazione con le organizzazioni correlate all’industria del cotone oltreoceano. Gli uffici centrali di Cci sono a Washington, le sedi oltreoceano hanno base a Londra, Hong Kong, Seoul e Shanghai.

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


Immagina di unire l’agilità di una redazione giornalistica 100% web ai contributi esclusivi dei blogger più esperti di ogni settore. Questa è la nuova ricetta di Leonardo.it, il primo portale verticale nato per soddisfare ogni giorno qualunque sete di sapere: dalle news alla moda, dalla salute allo sport e molto altro ancora. Una realtà giovane e in continua crescita, che ti invitiamo a scoprire in un solo drink. O meglio, in un solo click.

Fonte Dati Mensili: Audiweb View 2013

345 MILIONI DI PAGINE VISTE 12 MILIONI DI CONTATTI UNICI 15 VERTICAL TEMATICI


COM

MARKET PLACE

il prossimo 28 settembre Arriva la Red Bull Soapbox Race

La corsa più pazza del mondo è a Torino

percorso di cinquecento metri in discesa, che si snoda tra le vie della capitale sabauda. aperte a tutti le iscrizioni di Luca Anelli

Se il tuo sogno è sempre stato avere una due cavalli o una Topolino, a Torino c’è l’occasione giusta per te: nella capitale italiana dell’automobile arriva la Red Bull Soapbox Race. L’appuntamento è fissato per il prossimo 28 settembre, giorno in cui la corsa più spettacolare del mondo farà il suo ritorno in Italia, nella città che ha ospitato i più importanti designer italiani dell’automobile e che vivrà un’originale invasione da parte dei più creativi costruttori amatoriali di automobili senza motore. Sono aperte le iscrizioni per partecipare alla corsa più folle del mondo, durante la quale Torino vedrà i concorrenti sfidarsi con veicoli a propulsione umana, senza motore e senza carburante, progettati e realizzati da loro con i mezzi più disparati e le forme più divertenti. La città della Mole ospita, dunque, per la seconda volta la Red Bull Soapbox Race, il cui percorso di 500 metri in discesa si snoda tra le vie della capitale sabauda, con partenza

10

dal Monte dei Cappuccini e arrivo all’altezza di Corso Fiume. Quanti vorranno partecipare alla corsa dovranno registrarsi, entro il 13 giugno, sul sitoredbullsoapboxrace.it, scaricare il kit di partecipazione e inviare il proprio progetto entro la scadenza. Le iscrizioni sono aperte a tutti, ma una giuria di qualità valuterà i progetti dei prototipi e selezionerà i 65 più creativi, che saranno ammessi a partecipare alla gara. Tutti i progetti in regola con i requisiti di partecipazione e inviati all’interno del periodo di validità della prima fase del concorso saranno valutati da una giuria, composta da quattro rappresentanti Red Bull, che provvederà a selezionare i migliori 65 progetti, per la fase finale del concorso. La stessa giuria provvederà, inoltre, a selezionare ulteriori 10 progetti quali riserve che sostituiranno gli eventuali finalisti che rinunceranno alla partecipazione alla fase finale del concorso. La selezione dei 65 finalisti e delle 10 riserve, avverrà sulla base dei seguenti criteri: originalità, genialità, simpatia,

spirito d’inventiva, fantasia, assurdità, rispetto dei requisiti specificati nel regolamento. I piloti amatoriali gareggiano al volante di vetture costruite in casa, alimentate solo da coraggio allo stato puro e forza di gravità, ma gli attrezzi più importanti sono la creatività e la voglia di competere. Oltre, naturalmente, alla passione per la velocità. Questo evento, unico nel suo genere, è una vera e propria sfida per piloti esperti e dilettanti, che dovranno progettare e costruire soap box dall’aspetto temerario e originale, per poi lanciarsi in discesa in una gara di velocità. Dal 2000, anno della prima Soapbox Race a Bruxelles, Red Bull ha organizzato decine di questi eventi in tutto il mondo, dall’Australia al Sudafrica, dalla Giamaica agli Stati Uniti. Negli anni è stato presentato ogni tipo di veicolo, da repliche di oggetti esistenti ai più stravaganti frutti dell’immaginazione. I team selezionati saranno comunicati il 27 giugno e per vincere non sarà sufficiente essere i più veloci a tagliare il traguardo: la giuria dell’evento terrà conto della creatività e della spettacolarità della performance e per guadagnare punti in spettacolarità i partecipanti indosseranno indumenti bizzarri e creeranno la propria colonna sonora per la gara. L’onore di tagliare il traguardo con la bandiera a scacchi è già un bel premio. Ma Red Bull vuole premiare i team che contribuiscono a rendere la giornata memorabile, ovvero i concorrenti in grado di sbalordire i giudici con i loro straordinari veicoli e le loro performance. ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


brad pitt

Groupon ha annunciato l’avvio di una campagna internazionale a supporto di Make It Right, l’organizzazione fondata da Brad Pitt per la costruzione di case ed edifici a favore di persone in difficoltà. Groupon ha già contribuito con una donazione di 100 mila dollari a sostegno delle attività della Fondazione e a partire dagli Stati Uniti - e dal 22 aprile in 23 Paesi del mondo, Italia compresa - offre ai clienti la possibilità di partecipare a questa straordinaria raccolta fondi e incontrare il divo di Hollywood direttamente a New Orleans, durante una serata di gala. Ma sono solo dieci i posti disponibili in tutto il mondo. Il singolo pacchetto valido per due persone e del valore di 18.500 euro, prevede

11

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014

Pumped

www.canneslions.com

#15-21/0 6/2014 Business

Energised Office

15 - 21 June Creativity

Inspired Winning

Festival Lions

Awesome

re la causa anche con una donazione di 10 dollari, e tra coloro che doneranno verrà estratto un fortunato utente che potrà vincere il pacchetto-viaggio a New Orleans. Tutto il ricavato verrà donato alla Fondazione. Make It Right, fondata da Brad Pitt nel 2007, si occupa della ricostruzione di case ed edifici per persone in difficoltà. Tutti i progetti sostenuti dalla Fondazione sono certificati Leed Platinum Certified e inspirati al design Cradle to Cradle, filosofia che unisce i principi dell’edilizia ecosostenibile con gli alti standard abitativi. Make It Right crede che le abitazioni moderne dovrebbero essere accessibili a tutti. Grazie a partnership innovative e momenti di formazione, la Fondazione lavora educando le comunità al nuovo modo di costruire case. Groupon Grassroots, invece, è il canale solidarietà di Groupon, lanciato a luglio 2010 a Chicago; sostiene le comunità locali in tutto il mondo con campagne di solidarietà che permettono alle persone di aiutare il proprio territorio. In Italia prende il nome di Groupon Community e utilizza il potere del gruppo per raccogliere fondi a favore di associazioni no profit locali. Groupon è il leader mondiale del commercio locale e la piattaforma dove trovare qualsiasi cosa, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo.

Cannes

il volo di andata e ritorno per New Orleans, tre notti in suite presso il W Hotel di New Orleans, due ingressi vip per la serata di gala della Fondazione Make It Right del 17 maggio,due ingressi per l’after party con concerto di Bruno Mars e i King of Leon, transfer privato da e per l’aeroporto internazionale Louis Armstrong di New Orleans, la possibilità di partecipare a un tour presso l’area in ricostruzione di New Orleans con un noto architetto della Fondazione e, ovviamente, la possibilità di conoscere Brad Pitt di persona. «Da quando è nata Groupon abbiamo sostenuto centinaia di comunità locali in tutti i mercati in cui siamo presenti - afferma il ceo di Groupon, Eric Lefkofsky -. La partnership con Make It Right ci permette di raggiungere milioni di persone in tutto il mondo e far loro conoscere questo importante progetto che aiuta tantissime persone in difficoltà». La serata di gala della Fondazione Make It Right si terrà presso lo Sugar Mill a New Orleans ed ospiterà l’emozionante performance dell’artista Bruno Mars e dei Kings of Leon. Include, inoltre, una cena di tre portate preparata dai migliori chef della città, accompagnamento musicale dei jazzisti locali Susan Spicer e Donald Link e molte altre sorprese. Negli Stati Uniti, inoltre, si può sostene-

Success

di Daniele Bologna

Business

Il leader mondiale del commercio locale ha già contribuito con una donazione di 100 mila dollari a sostegno delle attività della fondazione Make It Right e a partire dagli Stati Uniti

Keywords

Groupon al fianco di Brad Pitt

Paper Toss

Coupon per volare a New Orleans, alla serata di gala con Bruno Mars e i Kings of Leon

By: Max Oppenheim Model: Cindy Gallop, Founder & CEO, If We Ran The World/Make Love Not Porn, New York

SC N RIO

COM


COM

COM PANY

Il gruppo automobilistico cerca operazioni impattanti e dall’elevata originalità

Citroën, effetto brand immersion La stazione ferroviaria di cadorna, a milano, e’ il mezzo perfetto per questa innovativa operazione di decor station sviluppata in collaborazione con vidion

nella foto la ds3 wrc, uno dei modelli di citroen presenti nella campagna, che ha aperto già la strada al lancio della c4 di Marianna Marcovich

Citroën Italia ha inaugurato il nuovo format di decor station con impianti back light. Un’azione originale e impattante, sviluppata da Vidion per la stazione ferroviaria di Milano Cadorna. Oltre 230 metri quadrati complessivi di esposizione pubblicitaria, in grado di generare un vero effetto brand immersion grazie ai sei nuovi impianti posizionati nell’atrio e all’entrata della stazione con una visibilità anche esterna, verso l’ingresso della metropolitana e sul flusso pedonale della piazza. La caratteristica prin-

12

cipale dei nuovi impianti è la potente illuminazione a Led che assicura una diffusione omogenea della luce con un risultato ecosostenibile in termini di risparmio energetico. Le posizioni sono realizzate interamente in alluminio, materiale che dolor donaingleggeEd mod tetueros eum zzriusto duisl rezza estetica alla struttura e si integra perfettamente con l’architettura della stazione, aumentando la luminosità dell’intero ambiente e lasciando che l’attenzione dell’osservatore sia catturata dal messaggio pubblicitario. La campagna Citroën è on air per tutto il mese di aprile con una creatività appositamente rivolta

ai viaggiatori che collegandosi al sito “librinviaggio. it” possono scaricare ogni giorno un libro diverso da leggere durante il loro tragitto in treno. La stazione di Milano Cadorna si conferma, ancora una volta, il media ideale per eventi e iniziative di comunicazione ad alto impatto, come testimoniano anche le recenti operazioni di station domination realizzate da Samsung, Nokia, Swiss Air, Ramazzotti, Volkswagen e Bmw Mini. Il contesto indoor, il passaggio esclusivamente pedonale e i tempi di permanenza in stazione garantiscono, infatti, un’elevata esposizio-

ne e attenzione alla comunicazione pubblicitaria. In virtù della sua posizione strategica e centrale per la città, e per gli importanti flussi che ogni giorno si spostano su Milano, Cadorna è la stazione principale del network Ferrovie Nord, punto di riferimento, per i viaggiatori abituali e no, di tutta la Lombardia oltre che hub di interscambio con la metropolitana cittadina e il passante ferroviario. Ogni giorno, inoltre, flussi di frequentatori di alto profilo e in costante crescita fruiscono dei collegamenti del Malpensa Express. Il treno navetta per l’aeroporto internazionale di Malpensa vede, infatti, all’interno della stazione di Cadorna il suo principale capolinea e rappresenta per le aziende un’occasione per intercettare non solo l’audience dei commuters, ma anche il target dei turisti e dei viaggiatori business nazionali e internazionali. Un’opportunità unica di comunicazione anche in previsione di Expo 2015, quando la stazione sarà la porta principale di Milano per tutti i visitatori in arrivo dall’aeroporto. L’operazione di comunicazione è stata curata da Exomedia, partner di Vidion, concessionaria esclusiva per la raccolta pubblicitaria nei network Centostazioni (Gruppo Fs

Italiane) e Ferrovie Nord (Gruppo Fnm). Da Ginevra a Parigi, il passo è breve Dunque, Citroën si è mossa in grande per supportare la fase d’avvio della produzione e della commercializzazione della C4, su cui vengono riposte parecchie speranze. E lo ha fatto rafforzando il legame con il mondo dell’arte, che è sempre stato molto intenso. A testimoniare il fil rouge che unisce il marchio del doppio chevron all’estro e alla creatività, valori che fanno parte del dna del brand, ha pensato la struttura “C_42” vetrina internazionale di Citroen affacciata sugli ChampsElysées. Un moderno padiglione che ha ospitato, ad esempio, opere di ar-

tisti emergenti mescolate ad alcuni dei suoi modelli iconici come Xsara, C4, Grand C4, C3 e Nuova C4, per una saga delle monovolume compatte firmate, appunto, “Picasso” che dalla loro apparizione hanno già oltrepassato quota tre milioni di unità vendute. In particolare, l’evento che ha riscosso un grande successo era denominato “My Creative Company” ed è stato realizzato in collaborazione con la 58ª edizione del Salone di Montrouge, dedicato ai giovani artisti contemporanei, e ha permesso a cinque giovani talenti di esporre le loro opere agli occhi dei visitatori del C_42. Ma non è stata soltanto una semplice esposizione di opere d’arte poiché l’artista che

con i suoi lavori ha ottenuto il maggiore apprezzamento è stato poi sostenuto da Citroen con un contributo economico per finanziare le sue opere future. E per l’occasione due artisti della street-art hanno dato vita a un disegno con la tecnica del trompe-l’oeil, facendo nascere dal nulla una DS3 WRC davanti agli occhi del pubblico che ha potuto così scoprire le tecniche dell’anamorfosi. I baby artisti, invece, hanno potuto esprimere la loro creatività attraverso un terminale touch screen che consentiva di personalizzare la Nuova C4 Picasso, mentre i più grandi  si sono divertiti a ricomporre il puzzle di una C3 Picasso su un terminale che riproduceva un ologramma in 3D. 

A Parigi si espone la “My Creative Company” Le installazioni milanesi presso la stazione di Cadorna non rappresentano l’unico avvenimento outdoor che Citroën he messo in atto negli ultimi tempi. Ancora ben fissato nei ricordi spicca, ad esempio, l’evento-presentazione in grande stile andato in scena a Parigi, che Citroën ha sfruttato per presentare al mondo l’atteso C4, l’innovativo e audace crossover francese che in pochi mesi è passato da concept a vettura di serie, senz’altro tra i protagonisti del momento nello scenario automobilistico internazionale. Il carico di novità, anche dal punto di vista concettuale, introdotto dalla C4 Cactus in versione prototipale sono state, dunque, confermate: il costruttore francese ha mostrato, ancora una volta, un apprezzabile coraggio nel battere strade completamente nuove, proponendo al grande pubblico un crossover economicamente appetibile e dal look unico, fortemente caratterizzato dagli speciali “Air Bump” che proteggono le fiancate e i paraurti, offrendo, dunque, una vera novità dal punto di vista stilistico. E la vettura ha saputo attirare molti sguardi e tante attenzioni da parte dei visitatori dell’ultimo Salone di Ginevra. ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


COM

ME DIA

   

 

canale web di soli video che vuole proporre cultura globale

Cogeneration Channel per fare informazione

Il progetto è stato presentato di recente durante la giornata d’apertura dell’Hannover Messe, la fiera dell’automazione di Matteo Dedè

Parte dalla Germania, con il motto Broadcasting Power Generation, la nuova sfida internazionale della comunicazione nel settore della cogenerazione, che ha come mission di favorire il dibattito globale, dando spazio e voce sul tema ai principali interpreti del mercato. Cogeneration Channel è un canale web di soli video che, affiancato a Biogas Channel, lanciato pochi mesi prima, ha l’obiettivo di fare cultura di settore a livello globale. Sono proprio i risultati di comunicazione di un progetto innovativo come quello di Biogas Channel, con la creazione di canali verticali dedicati a tematiche relative a settori industriali specifici, ad aver spinto il Gruppo AB - leader internazionale nel settore del biogas e della

13

cogenerazione - a indossare nuovamente le vesti di editore, esempio di come un’azienda possa fare informazione con canali propri e dedicati. Shaa, web company specializzata nello sviluppo, nella produzione e nell’erogazione di video interattivi, ha fornito la tecnologia che ha reso possibile decine di migliaia di visualizzazioni di contenuti video su diversi device in tutto il mondo - in particolar modo in Europa, negli Usa e in Brasile - e il download di documenti direttamente all’interno del video a un pubblico altamente qualificato con l’opzione di poter selezionare lingua e sottotitoli in un’ottica di penetrazione sui mercati esteri. Proprio in questa ottica Cogeneration Channel è stato presentato di recente durante la giornata d’apertura dell’Hannover Messe - fiera di riferimen-

 



luca sepe

to per automazione, energia, tecnologia e innovazione in Europa -, come mezzo di comunicazione che vuole porsi come spazio per la condivisione di informazioni tra i diversi attori del mercato a livello globale. «Avere tra i nostri clienti il Gruppo AB mi riempie di orgoglio - commenta Luca Sepe, amministratore delegato di Shaa -. Penso che possa rappresentare, infatti, una case history di comunicazione a livello internazionale, unica e straordinaria, un gruppo leader nel proprio settore che, attraverso soluzioni innovative e un livello di professionalità straordinario, investe nella comunicazione su temi specifici, dimostrando che, con le competenze necessarie, gli strumenti adeguati e le giuste risorse, è possibile fare informazione di elevata qualità». ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014

 





 

 

The Executive Network

   

          

 

   

  


COM

LINK mobile devices

digital marketing

Qualche newyorkese si è stupito, qualcun altro spaventato quando, alzando il naso all’insù, ha visto atterrare una Ford Mustang sulla terrazza panoramica all’86esimo piano dell’Empire State Building...

Circa un anno fa, il marchio dei marchi dell’orologeria mondiale, si pose il problema di “entrare” nell’era digitale. Fu così che Rolex decise di aprire una pagina Fb dedicata al brand. Dopo di che, le cose, si sono certamente evolute…

Una Mustang sul grattacielo

ADWEEK.COM

Rolex, cronache dall’era digitale

MASHABLE.COM

NUOVE TECNOLOGIE

scenari

La compagnia di bandiera cinese Air China ha dichiarato che presto i suoi passeggeri potranno usufruire di servizi gratuiti di navigazione internet su banda larga anche a 32.000 piedi di altitudine. Always on.. air!

Yahoo! starebbe tramando per convincere Apple a detronizzare Google come motore di ricerca di default sui dispositivi con la mela di Cupertino. L’idea è della determinata a.d. Marissa Mayer, che le sta provando proprio tutte...

Air China, ecco la broadband volante

ZDNET.COM

Yahoo!, le trame di Marissa

THEDRUM.COM

Internet laws

cultura analogica

Il Consiglio d’Europa ha deciso di pubblicare una guida che spieghi, con un linguaggio semplice e accessibile a tutti, quali diritti ha chi naviga sulla rete e come, eventualmente, farli valere o ottenere giustizia se sono lesi.

Si è conclusa dopo anni la digitalizzazione dell’intero archivio della British Pathé - la mitica agenzia video fondata a Parigi nel 1896 da Charles Pathé e i suoi fratelli. Si tratta di 85mila filmati che documentano l’intero XX secolo.

La guida ai diritti dei navigatori

CORRIERECOMUNICAZIONI.IT

14

La British Pathé è su Youtube

ANSA.IT

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


L’ 87% DEI PREMIUM PEOPLE HA UN TELEVISORE HD Premium People, la community degli abbonati Mediaset Premium, è l’audience di alto profilo che sceglie la qualità della pay-tv digitale. Per i possessori di Tv di nuova generazione ecco la magia dell’alta definizione.

Anticipi e posticipi della Serie A nello splendore dell’alta definizione

PREMIUM PEOPLE I HIGH PROFILE AUDIENCE

Questo contenuto è disponibile anche su Fonte: Gnresearch S.p.a., “Customer Satisfaction Famiglie Mediaset Premium” (CATI 1900 casi) Dato Novembre 2012


COM

LINK curiosità

applicazioni/1

Ogni click col mouse, ogni video visualizzato, ogni operazione via web, consuma energia e quindi genera emissioni. Tutte le nostre azioni quotidiane hanno un impatto, seppur minimo, sull’ambiente. In che misura?

I desktop remoti non sono certo una novità, ma Google ha appena rilasciato un’app che rende tutto più facile. Il nuovo software vi permetterà di controllare il vostro Mac o il vostro PC da qualsiasi dispositivo Android.

Quanto inquina la rete internet?

CORRIERE.IT

Controllare il pc dallo smartphone

GIZMODO.IT

nuove tecnologie

social network

Nell’unico giorno in cui sono stati messi in vendita al pubblico sono andati esauruti. Eppure, c’è qualcuno che non vede i Google Glass di buon occhio. Paura per la privacy? Un interessante contributo sul tema.

Arriva oggi ma sarà destinata a fare discutere per molto tempo, Nearby Friends, la nuova funzione in fase beta di Facebook, che permette di conoscere la posizione gps dei propri amici per sapere se sono nelle vicinanze.

Chi ha paura dei Google Glass?

LINKIESTA.IT

Arriva Facebook nearby friends

WIRED.IT

applicazioni/2

digital illness

Finalmente amici, parenti e colleghi, anche distanti fra loro, potranno condividere la spesa, acquistando “in quote” un regalo per qualsiasi occasione: Natale, compleanni, matrimoni, lauree, nascite, anniversari, viaggi...

Dopo la Whatsappite e le altre varie patologie legate alle nuoe tecnologie ecco arrivare anche la sindrome da notifica: l’impulso irrefrenabile di controllare i nostri devices per leggere i nuovi messaggi. 15 consigli per curarsi.

Ecco l’app per fare le collette

PIONIERO.IT

16

Ho la sindrome da notifica!

SEIGRADI.CORRIERE.IT

ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


SPAZIO A...

COM

conversazione iaa

COM

5 maggio - università cattolica @ milano

360com è una pubblicazione di Growing C&M Sede legale piazza G. Grandi 24, 20135 - Milano Sede oPerativa via Sardegna 32, 20146 - Milano tel.+39.02.53598301 fax +39.02.53598330 www.growingcm.com Abbonamento a 360com la testata 360com è registrata al tribunale di milano al 254 del 3 maggio 2010. growing consulting & media srl è iscritta al r.o.c. con il numero 16331. © tutti gli articoli hanno riproduzione riservata. il responsabile del trattamento dei dati personali raccolti in banche dati di uso redazionale è il direttore responsabile a cui, presso la sede di piazza giuseppe grandi 24, 20135 milano (tel.02.53598301), gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti ai sensi dell’art. 7 dlgs 196/2003

Direttore responsabile Daniele Bologna dbologna@growingcm.com Content Manager Aureliano Roio aroio@360com.it Redazione redazione@360com.it Sebastiano Zeri, Giacomo Broggi, Vera Modesto, Davide De Vecchi Progettazione grafica e realizzazione RubberDuck info@rubberducksrl.it Amministrazione amministrazione@growingcm.com Traffico Caterina D’Amico traffico@growingcm.com Diffusione e abbonamenti diffusione@360com.it Pubblicità e iniziative speciali Ivano Moro ivano.moro@growingcm.com tel. +39.02.53598207 mob. +39.3393970611

17

“Il ruolo degli editori e dei pubblicitari per il rilancio dell’economia”: brenna, carrubba e paschina gli ospiti Un’immagine dell’Università Cattolica di Milano, dove si svolge l’incontro di iaa

Biagio Chiarolanza da meno di un anno è amministratore delegato del gruppo Benetton. sta guidando il rilancio del marchio e dell’azienda. Un rilancio che passa anche da Milano, dove è stato appena presentato il negozio del Duomo, 1.500 metri completamente rinnovati secondo un concept che nelle prossime settimane verrà applicato a Verona, Firenze e Mosca. e poi a tutti gli altri flagship store delle grandi città del mondo in cui Benetton è presente. Nato a Dugenta (Benevento) nel 1962, si è laureato in Economia e Commercio all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Dopo un’esperienza quadriennale come revisore dei conti in Arthur Andersen, nel 1994 è entrato nel Gruppo Benetton, dove ha ricoperto vari incarichi: prima responsabile Coordinamento Amministrativo delle partecipate, fino al 1997, poi CEO di Benetton Ungheria e Benetton Croazia e Direttore Sviluppo e Pianificazione Industriale del Gruppo. Dal 2001 al 2004 ha diretto l’Amministrazione Pianificazione e Controllo, per poi assumere l’incarico di Direttore Operations

visioni

di

Matteo Dedè

benetton, immagine coerente

tra i negozi e l’adv Nel 2013 abbiamo seminato, nel primo semestre di quest’anno abbiamo già iniziato a raccogliere e i primi risultati sono ben oltre le più rosee aspettative. Il nostro gruppo è da sempre molto sbilanciato sull’Europa, che vale il 75% dei ricavi, il resto è diviso tra India, Americhe e Asia. Anche per questo il 2013 è stato un anno difficile, la crisi dei consumi ha colpito tutti: il fatturato è sceso del 10% a 1,6 miliardi, ma la buona notizia è che l’indebitamento si è dimezzato e ora è inferiore a 300 milioni La collezione primavera-estate 2014, messa a punto nello scorso anno dall’ufficio stile guidato da Valentina Soster, che ha avviato una piccola grande rivoluzione dell’offerta Benetton senza tradire i valori e il know how che hanno fatto il successo del brand, ha venduto il 17,7% in più rispetto al 2013. Sono i dati dei 131 più importanti negozi Benetton nel mondo e si aggiungono a quelli sull’aumento del traffico, pari al 10%. Stiamo generan-

do molta cassa e questo ci permetterà di investire 100 milioni nella rete di negozi quest’anno e altri 200 nel 2015 e 2016. Fino a poco tempo fa ciascuno dei nostri partner, italiano o straniero, aveva ampio margine sulla scelta delle collezioni da mettere in negozio. Non è più così da questa stagione: il team di 80 stilisti guidato da Valentina Soster, entrata in Benetton nel 1985 e oggi responsabile sia dell’adulto sia del bambino, propone quattro collezioni all’anno, primavera, estate, autunno e inverno, con una parte di accessori molto più importante rispetto al passato. Ogni negozio, che si trovi in Italia, in India, a New York o in Russia, deve avere un assortimento fisso, coerente con l’immagine globale che diamo con le campagne pubblicitarie. Siamo stati innovatori e siamo stati molto copiati in tutto, pubblicità compresa. Ma c’è un tempo per ogni cosa e ora è il momento di far vedere il prodotto e di raccontarlo.

L’appuntamento è fissato a Milano, il prossimo 5 maggio, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Nell’Aula N110 di Via Nirone 15 si ritroveranno a parlare di economia, sviluppo e pubblicità tre grandi nomi della industry di casa nostra: Giorgio Brenna, chairman e chief executive officer Continental Western Europe del network Leo Burnett; Salvatore Carrubba, giornalista economico e già direttore del quotidiano Il Sole 24 Ore; Fabrizio Paschina, head of advertising and web di Intesa Sanpaolo. L’occasione è fornita dall’Italy Chapter dell’Iaa, braccio italiano dell’associazione mondiale International Advertising Association, che ha organizzato - in stretta collaborazione con l’ateneo milanese - l’incontro dal titolo “Il ruolo degli editori e dei pubblicitari nel rilancio dell’economia”. Si comincia, dunque, alle 18:30 di lunedì 5 maggio, con l’introduzione di Edoardo T. Brioschi, docente della Cattolica ma anche presidente onorario dell’Iaa Italy Chapter, e Venanzio Camarra, attuale presidente dell’organismo che ha voluto realizzare la serata di discussione. Il meeting è aperto a tutti ed è disponibile un numero telefonico, 0236550091, dove si può chiamare per confermare l’eventuale partecipazione. La conversazione sarà moderata da Marco De Angeli, membro dell’attuale consiglio direttivo del capitolo italiano dell’International Advertising Agency. ANNO V | #027| MARTEDI’ 22 APRILE 2014


360com027