Issuu on Google+

SCARPATA CERAMICHE

SCARPATA CERAMICHE edilcdiscarpata@virgilio.it

Ceramiche - Pavimenti Rivestimenti - Camini Rubinetterie Tel. 0932851100

C.da Arizza - SCICLI (RG)

www.30giorninews.com Scicli

Modica

Ispica

Maltempo, crolla parte del lungomare di Cava d'Aliga

Paolo Garofalo riconfermato presidente del Consiglio Comunale

Intervista a Nino Gianì, candidato a Sindaco di Ispica del Pd

a pag 10

a pag 11

a pag 13

Arriva il finanziamento del CIPE

Finalmente! Finalmente dopo anni di annunci e polemiche su paternità e meriti il raddoppio della Ragusa-Catania è stato finanziato dal Cipe. Ed è proprio il caso di dire “finalmente”. Un momento storico per il territorio ibleo che da anni aspetta paziente. I falsi allarmi sono stati numerosi, le parole si sono sprecate. Ora si attendono i risultati. Un territorio come il nostro merita che questa infrastruttura veda la luce. Ma il dubbio permane: chissà quanti anni passeranno per vederla realizzata. Qualcuno spera che i propri figli o i propri nipoti possano usufruirne. Solo pessimismo o realismo? I politici spesso sono bravi a dire, ma tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, come ben recita un proverbio. E naturalmente non ci aspettiamo solo questo da chi predica, soprattutto in campagna elettorale, che le infrastrutture sono il volano per lo sviluppo di una provincia, che, paradossalmente anche senza, è riuscita a splendere di luce propria. Basti pensare alle bellezze artistiche, che attirano migliaia di visitatori. Tuttavia, basta quello che abbiamo da far conoscere a garantire la tolleranza di chi ci raggiunge con molta fatica? Sicuramente no, ecco perché la speranza, e questa non ce la strappa nessuno, è che la nostra provincia abbia di più. Non stiamo parlando di qualcosa di irraggiungibile, ma di strade e di collegamenti. Non ci sembra di chiedere troppo. Redazione@radiortm.it

La Provincia di Ragusa avrà la sua autostrada a pag.3

Dalla Regione arrivano i fondi per la grande infrastruttura della Provincia

40 milioni di euro per il Porto di Pozzallo a pag.3

Peppe Drago fonda il Partito della Nazione a pag. 2

Che succede all’aeroporto di Comiso? a pag. 2

Pozzallo Fiumi di polemiche per i lavori alla Villa Comunale

La Guardia di Finanza ha fatto “visita” al Comune di Comiso, alla Soaco e agli uffici dell’assessorato regionale

a pag 6

Pozzallo Istituto Tecnico Nautico: professore schiaffeggia un alunno che finisce in ospedale a pag 7

Pozzallo Presentato presso lo Spazio Cultura “Meno Assenza” “La caduta di Krune” di Michele Giannone

www.radiortm.it

Radio Trasmissioni Modica Via Carlo Papa, 76 - 97015 Modica (RG) Tel. 0932.944621 - Fax. 0932.941500

a pag 8

gruppo

cassisi

CERAMICA - ARREDOBAGNO

ESPOSIZIONI RINNOVATE

Veste l’uomo... dal 1948

POZZALLO

arreda i tuoi sogni.. TRUSSARDI C.so Vittorio Veneto, 94 Tel. 0932.953525

cassisi

Via Verdi, 19 (ang. Bixio) Tel. 0932.956625

www.gruppoinventa.it

F.lli SAPIENZA Via Puglia, 40 - Pozzallo


2

Attualità

news

30 giorni Febbraio 2010

Drago torna in pista: “Ecco il Partito della Nazione” E poi ... “L’autonomismo di Lombardo si è rivelato una mera occupazione del potere” È stato in silenzio per qualche mese, il deputato nazionale dell’Udc Peppe Drago, già presidente della Regione Sicilia. E dopo aver guardato con cautela e distanza le vicende della politica ragusana, con i suoi problemi e le sue preoccupazioni, ha deciso di riunire i suoi fedelissimi presso l’Hotel Torre del Sud, a Modica Sorda. Ha parlato di crisi di leadership, identità del territorio e poi ha iniziato a tracciare i nuovi percorsi politici in vista della trasfusione dell’Udc in un partito più grande, quello della Nazione, solidale, moderno, fuori dal manicheismo destra-sinistra, berlusconismo-antiberlusconismo. E lo ha fatto partendo da Modica: “Dobbiamo essere umili, - ha affermato Drago - ma fieri di aver servito questa città negli ultimi anni. Abbiamo commesso errori? Si, come tutti gli altri. Abbiamo ereditato una situazione finanziaria di forte indebitamento, quando arrivammo al governo della città, e abbiamo lasciato una città indebitata. Ma nessuno pensi che l’Udc debba nutrire sentimenti di inferiorità rispetto alla questione morale o al diritto di intervento nel dibattito politico. Oggi siamo fieri di aver servito Modica lungo un arco di venti anni. E rispetto a questo

chiediamo di essere giudicati. Mancano mille giorni perché l’Udc torni al governo di Modica”. Il deputato nazionale dell’Udc è passato poi a un livello di riflessione superiore, con occhio attento alla provincia: “Nessuno si offenda, neanche tra i miei colleghi parlamentari – ha affermato – ma oggi scontiamo una crisi di leadership in questa terra. Lo dico anche in riferimento alle mie vicende personali, note ai più e che ho brillantemente superato negli ultimi mesi. Ma resta un difetto di lettura e di forza politica. Abbiamo una classe dirigente con scarsa capacità di leggere i fenomeni economici, sociali, e allo stesso tempo poco incisiva, a Roma, a Palermo”. “Guardiamoci intorno: perché non decolla il porto di Pozzallo? Perché i potentati catanesi non hanno interesse che Pozzallo esca fuori dal guscio. Perché non si apre l’aeroporto di Comiso? Perché Comiso è un aeroporto privato. Non è pubblico. E’ privato. E il privato gestore sta tentando di far uscire al pubblico, ovvero allo Stato, i soldi da dare all’Enac per aprire. E sapete quando aprirà Comiso? Solo quando a Catania dovranno chiudere per ristrutturare, fra un anno. Vi siete

chiesti a chi appartengono i villaggi turistici di questa provincia? Di chi sono i capitali? Di gente che viene da fuori. Noi possiamo andare a fare solo i lavapiatti in queste strutture. Cosa voglio dire? Che è in atto una colonizzazione di questa provincia.

L’ultimo esempio c’è offerto dal Parco degli Iblei. Se passasse questo progetto ogni intervento sull’urbanistica del nostro territorio dovrebbe essere delibata prima dall’Ente Nazionale

Università

Orazio Ragusa: “Una legge per contenere la fuga di cervelli” Lo sviluppo del territorio ibleo passa anche dalla presenza di una buona università. A sostenerlo è il deputato regionale Orazio Ragusa. “In questo momento delicato per il futuro dell’università iblea, non c’è tempo per le divisioni. Serve adesso unità, tra tutte le forze politiche presenti in questa provincia, nel sostenere la necessità di realizzare il quarto polo universitario. A questo proposito sono pronto a fornire la mia piena disponibilità per tutte le iniziative che i vertici del Consorzio universitario vogliano intraprendere in questo senso”. Ragusa ritiene inoltre necessario “uno sforzo comune per fare in modo di valorizzare le professionalità che il nostro territorio esprime, in modo da limitare al massimo l’importazione di docenti dalle altre province”. “Potrebbe essere questa un’occasione per favorire il contenimento della fuga dei cervelli”. Il deputato regionale dell’Udc ha presentato all’Ars uno specifico disegno di legge per contenere proprio la “Fuga di cervelli”. Purtroppo allo stato attuale lo stesso non è ancora all’esame delle commissioni competenti.

La droga? Si spaccia per posta! Spaccio di droga, per posta. Il personale della Sezione Volanti di Ragusa ha operato un inusuale sequestro di droga perché la sostanza stupefacente era contenuta nella corrispondenza. In tal modo è stato scoperto una nuova frontiera dello spaccio di droga attraverso internet. Tutto ha avuto inizio nel primo pomeriggio dello scorso 12 gennaio, quando la responsabile di un centro che ospita disabili, chiamava il 113 per aver ricevuto corrispondenza sospetta. Gli agenti giunti immediatamente sul posto, si sono fatti consegnare le due buste sospette e all’interno hanno trovato due cartoline con su apposto del nastro adesivo di colore grigio che sembrava un ammonimento a “tenere la bocca chiusa”. Ed invece gli operatori hanno notato anzitutto che sulle due buste mancava il mittente e vi era indicato un destinatario “vago” ma soprattutto hanno constatato che le due buste presentavano un’affrancatura olandese. Considerata la tradizione olandese nel traffico di sostanze stupefacenti, ecco scattare il campanellino d’allarme. Gli agenti hanno asportato con cautela il nastro adesivo sotto il quale è stata trovata attaccata sostanza stupefacente avvolta in cellophane presso-saldato. Due i tipi di sostanza stupefacente trovati: una di colore nero, e un’altra di colore marrone, come se lo spacciatore volesse invitare l’acquirente di una sostanza stupefacente, trovata in maggiore quantità, a provarne un’altra. Inoltre all’interno di una delle buste vi era una cartolina riportante su una facciata un listino prezzi di un “coffée shop” olandese con indicate le sostanze stupefacenti in vendita e il loro prezzo al grammo. Su questa cartolina vi era apposta, sempre celata con nastro adesivo il cosiddetto “provino” cioè la quantità di sostanza stupefacente inviata dallo spacciatore per far provare l’effetto psicotropo della sostanza, in modo che poi l’acquirente, se avesse gradito, avrebbe potuto fare la sua ordinazione. Il sequestro della sostanza stupefacente, del peso complessivo di circa 7 grammi, è stato operato a carico di ignoti.

Parco degli Iblei, il che vorrebbe dire la mummificazione del territorio. Qual è la mia proposta? Istituiamo la Regione Iblea, comprendendo comuni del siracusano, muoviamoci in una nuova logica di Sistema Integrato Locale organico, consapevole della propria diversità, delle proprie risorse”. E sul tema delle risorse il deputato dell’Udc spende parecchie riflessioni: “Tutti parlano di crisi, ma nessuno di modelli di vita. E’ vero, c’è la crisi, ma qual è il modello di vita che vogliamo assumere? Quello del consumismo sfrenato, dell’eterna insoddisfazione del “vorrei ma non posso”, o possiamo introdurre nei valori della politica anche l’idea di morigeratezza?! La politica deve parlare di riuso delle acque, di risparmio energetico, di minor consumo di farmaci, che a volte fanno più male che bene, di salute del pianeta e di salute dei singoli. A Rosarno sono accadute alcune cose drammatiche. Avete visto un solo politico di questa provincia, un sindacalista che abbia posto all’ordine del giorno del dibattito politico il tema degli extracomunitari, delle condizioni di lavoro degli extracomunitari? Nessuno. Mi si

chiede perché aderire al nuovo Partito della Nazione. Vi preannuncio che ci sarà l’adesione del Movimento Popolari per la Sicilia, di cui è leader l’amico Antonio Borrometi, ed altri ancora aderiranno. Oggi c’è un bipolarismo incancrenito. Da un lato l’ottimismo senza regole di Berlusconi, dall’altro il centrosinistra, che ha garantito la grande industria, le grandi banche. Quindi, il popolo delle Partite Iva rappresentato dalla Lega, e l’autonomismo abortito, contraddittorio, rivelatosi mera occupazione di potere da parte di Raffaele Lombardo. Il Partito della Nazione rappresenta l’alternativa a queste contrapposizioni. Al centro del nostro progetto c’è la persona, il suo benessere, la valorizzazione delle identità, non in un gioco di contrapposizione fra territori, etnie, regioni, ma in un circuito virtuoso di scambio, confronto, comprensione. Il vento non è favorevole, dirà qualcuno. Rispondo: esistono tre atteggiamenti. Quello di chi resta in rada, imprecando contro il vento. Quello di chi si adegua, e cerca di seguire le folate, inseguendo la massa, e infine l’atteggiamento di chi, sfidando l’incerto, si mette in mare. Io sono fra questi ultimi, e spero anche voi”.

La Guardia di Finanza “visita” l’aeroporto di Comiso, la Soaco e l’assessorato Regionale La Procura della Repubblica di Ragusa, ha avviato una indagine sull’aeroporto di Comiso, tramite il procuratore Carmelo Petralia, coordinata dal colonnello Francesco Fallica. Le indagini sarebbero legate al “ritardo” di due anni del decollo dell’aeroporto rispetto ai tempi previsti. Occorre capire se è possibile dare un’accelerazione ai lavori che verrebbero a costare circa 30 milioni di euro. Oltre gli Uffici Comunali, i finanzieri hanno fatto visita anche alla sede della Soaco a Catania e altri ancora si sono recati presso l’assessorato regionale di Palermo. Prossimamente è previsto un controllo anche al Ministero. Si vuole far luce su quali siano le reali cause che non permettono di fare andare avanti i lavori, che potrebbero essere perseguite penalmente. Dopo la visita al Comune di Comiso, il Sindaco Alfano ha espresso soddisfazione: “Personalmente, sono lieto che simili controlli avvengano e ritengo che, anzi, sarebbe opportuno che si operassero con maggiore frequenza in tutti i casi di realizzazione di importanti opere pubbliche per certificare che i soldi pubblici sono ben spesi dalle pubbliche amministrazioni”. E i cittadini della Provincia di Ragusa possono essere davvero felici visto che le Fiamme Gialle, da quando il nuovo comandante Francesco Fallica si è insediato a

Il colonnello Francesco Fallica

Ragusa, stanno svolgendo un pregevole lavoro vigilando su tutte le grosse infrastrutture finanziate dall'Unione Europea.

Il concerto di Massimo Ranieri a Ragusa è stato un successone Grande concerto, lo scorso 19 gennaio, presso il Palaminardi di Ragusa per Massimo Ranieri. Circa 4.000 persone sono accorse anche da fuori provincia per assistere al Concerto Spettacolo organizzato dalla Sud Dimensione Servizi e patrocinato dal Comune di Ragusa, assessorato allo spettacolo di Francesco Barone. Tra gli spettatori d'eccezione, nelle prime file, c'erano i ragazzi disabili che l'assessore provinciale Piero Mandarà ha voluto nella qualità di ospiti illustri. Dopo le presentazioni iniziali toccate alla giornalista Teresa Guarnuccio, che ha ringraziato gli sponsor che hanno investito sullo spettacolo (Ente Fiera Emaia, Gruppo Inventa e Chimiclean), è iniziato lo spettacolo. In apertura di concerto, subito un grande successo per il cantante napoletano Giovanni Calone, al secolo Massimo Ranieri, che si è esibito nel brano “Se bruciasse la città”, che ha infiammato il numeroso pubblico accorso. Uno spettacolo davvero coinvolgente, con ballerine ed un corpo di ballo ed una orchestra formata da sole donne. 11 brani nella prima parte del concerto, intervallati da cabaret, tip tap e performance “ginniche” uniche nel genere. La seconda parte dello

spettacolo è stata inizialmente dedicata ai brani dei grandi cantautori italiani quali Antonello Venditti, Franco Battiato, Luigi Tenco, Mia Martini, etc… Poi il gran finale con i brani classici napoletani che hanno infiammato il pubblico di tutte le età. Da sottolineare la splendida “Rose Rosse” cantata a squarciagola da tutti e la performance di “Perdere l'amore”, che ha visto Ranieri protagonista di un duetto con il pubblico. Uno spettacolo di alto profilo, quello svoltosi a Ragusa,che, come nelle previsioni, ha lasciato un ricordo indelebile in chi ha partecipato.


Febbraio 2010

Primo Piano 3

news

30 giorni

Autostrada Ragusa-Catania: luce in fondo al tunnel Il Cipe ha dato il via libera al progetto della Ragusa-Catania. Il comitato ristretto, presieduto da Franco Antoci, che ha seguito tutto l’iter della progettazione dell’importante infrastruttura era presente a Roma nei giorni scorsi per avere contezza dell’approvazione del progetto da parte del Comitato Interministeriale della Programmazione Economica. E al termine dei lavori del Cipe, il presidente della Provincia Franco Antoci e i componenti del comitato ristretto Sebastiano Gurrieri, Salvo Ingallinera e Roberto Sica hanno espresso la loro soddisfazione per l’importante traguardo raggiunto. L’approvazione da parte del Cipe se segna una tappa storica per la realizzazione dell’autostrada RagusaCatania rappresenta un punto di partenza per una nuova azione di

impegno e monitoraggio per la posa della prima pietra. Ora toccherà all’Anas espletare le procedure per individuare il concessionario per la realizzazione dell’opera tenendo conto che il promotore coordinato dalla Mec spa e composto dalle società Silec, Maltauro Egis Projects e Tecnis ha diritto di prelazione. “L’approvazione del progetto della Ragusa-Catania – affermano i componenti del comitato ristretto – non farà cessare la nostra azione di monitoraggio e di stimolo ma il nostro prossimo impegno sarà quello di sollecitare l’Anas a bruciare le tappe per l’individuazione del concessionario. La soddisfazione di oggi è doppia perché oltre alla realizzazione del

raddoppio della Ragusa-Catania, c’è anche il finanziamento per il collegamento all’aeroporto di Comiso.

Abbiamo voluto seguire sino a Roma l’approvazione del progetto del Cipe perché abbiamo sempre utilizzato, durante la nostra azione di

monitoraggio, il linguaggio della verità e dei fatti seguendo passo dopo passo tutto l’iter istruttorio di un’opera che darà alla provincia di Ragusa i primi chilometri di autostrada. Un ringraziamento va infine espresso a quanti, sia sul piano politico che sul piano tecnico, hanno contribuito al raggiungimento di quest’importante traguardo”. Questi sono i fatti accaduti un paio di settimane fa. Ma prima, allora, cos’era successo? Quando giornali e telegiornali ci annunciavano la partenza dei lavori al più presto, a cosa si riferivano? Dal 1996 ad oggi, abbiamo assistito solo ad una serie di interviste che annunciavano il nulla. Un modo come tanti, inventato dai politici nostrani, per mettersi in mostra,

per cercare di dimostrare che stavano facendo qualcosa. Sono dovuti trascorrere ben 14 anni per avere il finanziamento dell’autostrada RagusaCatania che rappresenterà il primo tratto autostradale che interesserà la provincia di Ragusa e che toccherà anche l’aeroporto di Comiso. Ma c’è una cosa che probabilmente ai cittadini non è andata giù in tutta questa storia: le varie dichiarazioni di soddisfazione di tutti i deputati che si sono precipitati, attraverso i propri addetti stampa, ad inviare comunicati di soddisfazione per il risultato raggiunto. Forse sarebbe stato più opportuno rimanere in silenzio, o avere il coraggio di affermare: “cari cittadini elettori, dopo tante promesse durate oltre un decennio, alla fine i soldi arriveranno davvero. Prima erano solo parole, parole, parole... ”.

Porto di Pozzallo, arriva il finanziamento E intanto entra a far parte anche dei Ped Porto di Pozzallo: storie, e litigi che durano da anni. Tanti, tantissimi anni. 40 milioni di euro sono stati annunciati dal deputato regionale pozzallese Roberto Ammatuna, poco più di un mese fa, ed abbiamo assistito, subito dopo, ad una levata di scudi da parte dell’Mpa nel corso di una conferenza stampa organizzata presso il centro culturale “Meno Assenza” di Pozzallo. “Non è possibile che Roberto Ammatuna abbia annunciato un finanziamento tale – hanno detto i vertici dell’Mpa. Se c’è qualcuno che potrà annunciare un finanziamento per il Porto di Pozzallo, quelli saremo noi” – aveva affermato il commissario provinciale Mimì Arezzo. Smentiti. Si,

perchè quanto affermato da Ammatuna corrispondeva a verità. Aveva trattato direttamente con Lombardo il deputato pozzallese, si era rivolto ai massimi vertici regionali per avere quel finanziamento, e a quelli dell’Mpa, questo era andato storto. Ora che sono stati smentiti, dopo che Ammatuna, per l’ennesima volta ha teso la mano per collaborare, il Sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti sembrerebbe (e qui il condizionale è più che d’obbligo!) aver sotterrato l’ascia di guerra. Collaborazione per il bene della città e per lo sviluppo portuale. Intanto un

importante risultato è stato raggiunto, visto che il porto, dal 25 gennaio scorso, è entrato a far parte dei Punti di Entrata Designati (Ped) della Comunità

europea. Importanti sono stati i ruoli della dirigente della Sanità Marittima di Siracusa, dott.ssa Giuseppina Pignatello e degli Uffici Doganali. E importante è stato anche l’input dato alla procedura dall’Agenzia Biarma Shipping, che ha messo in campo le necessarie attrezzature tecnologiche per effettuare i campionamenti per i controlli ufficiali. Il riconoscimento Ped per il porto di Pozzallo, consente l’importazione di particolari prodotti alimentari di origine non animale, provenienti da alcuni Paesi. Arachidi dal Brasile, Argentina ed India, peperoncino da tutti i Paesi terzi,

“Un sorso di Sicilia”, l'enoteca nata a Pozzallo nel maggio 2009, è il luogo dove puoi trovare il tuo vino: quello più indicato per l'occasione, quello più affine al tuo gusto personale, quello che si adatta al meglio alla tua cucina. Il titolare dell'enoteca, Giulio Serra ci ha raccontato l'origine della sua passione per il vino e ci ha illustrato la varietà della sua cantina. Come nasce “Un sorso di Sicilia”? La mia passione per il vino è nata in tenera età, quando nei pomeriggi settembrini giocavo fra le grosse forme delle vinacce appena pressate nella cantina di mio nonno. Poi, poco più grande, seguendo le varie fasi di vinificazione con mio zio che affinava le tecniche tradizionali per raggiungere nuove vette di qualità. Non posso dimenticare le innumerevoli scampagnate fra amici, quando il mio più grande onere ed onore, unito ad un orgoglio profondo, era portare "u' vinu rò nonnu" ! Con lo stesso spirito di condivisione di un piacere quale il "giusto e buon bere", ho portato avanti e sviluppato la visione di una mia enoteca. Da qui nasce "Un sorso di Sicilia", un'enoteca di soli vini siciliani.

Parliamo del rapporto qualitàprezzo... Sono convinto che anche il prezzo faccia la sua parte. Infatti, nella mia enoteca potete trovare anche vini sfusi, che vanno dall' 1.40€ e non superano i 2.00€ al litro, pur potendo competere per livello con bottiglie dell'ordine dei 6-7 €. Per non parlare poi del fatto che a mesi alterni metto un vino in promozione a soli 1€ al litro: un invito a chi non mi conosce ed un premio fedeltà ai clienti abituali.

L'enoteca “Un Sorso di Sicilia” si trova in via G.B.Pergolesi 22, nei pressi del Porto. Se ti trovi su Largo dei Vespri siciliani, vedrai l'insegna “Vini Locali” sul lungomare, svolta alla penultima traversa prima del Castello Di Martino; se ti trovi su Viale Australia basta prendere l'incrocio per la piscina comunale e lì troverai l'insegna come indicazione. Vi aspetto numerosi.

Parlando di qualità, qual è il valore aggiunto del tuo vino? Di 'aggiunto' in realtà non c'è nulla e credo fermamente che sia questo il vero “segreto”: l'uomo deve intervenire il meno possibile sul vino. Fondamentale è la cura nel creare un ambiente che mantenga inalterato quanto porta con sé dalla terra, dalla nostra terra. Personalmente penso di avere un buon palato e sono molto selettivo e critico e quindi provvedo ad assaggiare ogni vino che metto in commercio, sia sfuso che in bottiglia. Una scelta importante, che chiunque venga può notare subito entrando nell'enoteca, è l'utilizzo di tini in legno di dimensione medio-piccola. Lo scopo è di avere un vino sempre “fresco”, direttamente dal produttore al consumatore; ne pago lo scotto dovendo operare spesso il carico in settimana, ma è un prezzo minimo se paragonato al mantenimento della qualità inalterata del prodotto, senza dover aggiungere ulteriori solfiti. Vorrei tanto che questa intervista sia letta nell'ottica di una condivisione comune di un piacere della tavola ed anche del "fuori tavola", visto non come esagerazione, ma continuità nella tradizione.

banane dalla Repubblica dominicana, verdure fresche e pere dalla Turchia e molti altri prodotti. Facile prevedere un incremento della movimentazione merci in entrata, fatta salva la qualità dei prodotti da importare sotto il vigile controllo dell’Ufficio di Sanità Marittima e del Ministero della Salute. Per Venniro, titolare della Biarma Shipping di Pozzallo, “il risultato raggiunto va ben aldilà dei nostri interessi aziendali. L’incremento delle attività portuali, considerato fra l’altro che per la Sicilia il porto di Pozzallo è l’unico Punto di entrata designato (Ped), determinerà, ovviamente, importanti ricadute occupazionali”.

Giulio Serra presenta la cantina di “Un Sorso di Sicilia” È un piacere per me poter presentare ben sette tipi diversi di vini sfusi, direttamente dalla cantina di mio zio Marco. Una varietà di colori e di odori. Si va dal bianco dal gusto fruttato quale il Grillo IGT 2009 all'aromatico deciso del Nero d'Avola Igt 2006 Barricato (3 anni in botti di rovere), passando dal Rosso Chiaro dal colore rosato al Rosso Cerasuolo dal vago sentore di frutti di bosco, per approdare ai due siculi d'eccellenza: il Nero d'Avola IGT 2009 ed il Syrah IGT 2009. Infine, e non ultimo per qualità di vitigno ed espressione nella vinificazione, il Cabernet Sauvignon IGT 2009. Il vino, oltre a fare del bene in quantità moderate per l'elevato contenuti di sostanze antiossidanti, è principalmente un piacere, e come tale deve essere di qualità superiore. Non dimentichiamoci della tradizione che permea la nostra terra. I nostri nonni pasteggiavano con “u' russu” o “u' biancu” direttamente “rò carratieddu” (recipiente di circa un litro con la forma di piccola botte, da tenere sulla tavola); poi all'imbrunire, in base alle possibilità, si concedevano dei momenti conviviali sorseggiando vini passiti e/o liquorosi, quali Zibibbo, Malvasia, Moscato, Passito di Pantelleria, Marsala di vari tipi. Tutti vini che troverete nella mia enoteca. Rinnovare tali momenti, fra amici o anche di meditazione, leggendo un buon libro, accompagnato da un buon vino dolce, ci permette di godere ciò che la frenesia del quotidiano cerca sempre di strapparci.


4

Politica

news

30 giorni Febbraio 2010

Un Consiglio Comunale improduttivo continua da oltre 3 mesi a tergiversare su temi importanti

Danno erariale al Comune di Pozzallo? Consiglio Comunale piuttosto acceso quello che si è svolto lo scorso 20 Gennaio a Palazzo La Pira. Si doveva discutere di alcune interrogazioni e di un paio di proposte (tra cui una importantissima relativa alla privatizzazione dell’acqua pubblica). Si doveva, abbiamo detto, perché, tanto per cambiare, i lavori non sono stati portati a termine a causa dell’abbandono ingiustificato dell’aula da parte dei consiglieri di maggioranza che sostengono Sulsenti. Ma torniamo all’inizio del racconto. Prima di parlare dei punti all’ordine del giorno, Sudano (Pozzallo Giovane) ha chiesto al presidente della Civica Assise Fabio Aprile se sia lecito che una seduta consiliare venga dichiarata sciolta mentre si sta svolgendo l’attività ispettiva. Il riferimento andava al consiglio comunale precedente, quando, durante la discussione dell’interrogazione del consigliere Pino Asta, il consigliere comunale Cettina Carpenzano ha chiesto pretestuosamente la verifica del numero legale (che mancava in quel momento n.d.r.) per non permettere la discussione dell’interrogazione. Un fatto grave di per sé, e assolutamente antidemocratico. Sudano chiedeva al Segretario Comunale se fosse lecito interrompere un consiglio ispettivo per mancanza del numero

legale. Asta chiedeva la sospensione di 5 minuti per permettere al Segretario di pronunciarsi su quanto chiesto da Sudano, ma la stessa richiesta del consigliere de “Il Timone” non poteva essere soddisfatta a causa della mancanza del numero legale che decretava la fine del consiglio comunale. Nel consiglio comunale seguente, Sudano chiedeva le dovute delucidazioni ricevendo dal presidente del consiglio comunale Fabio Aprile la seguente risposta: “quanto accaduto è scorretto nei confronti di chi sta proponendo l’interrogazione”. Una tirata d’orecchie diretta, quindi, al consigliere Carpenzano, non nuova a questo tipo di atteggiamenti. Poi Aprile ha affermato che l’attività ispettiva è possibile portarla avanti anche in mancanza del numero legale, che invece si rende necessario solo quando occorre deliberare. Sudano, a questo punto, ha chiesto se lo scioglimento della seduta possa aver recato un danno erariale al Comune, visto che è stato necessario riconvocare la civica assise, con la spesa di altri gettoni di presenza, oltre alla remunerazione di ulteriori straordinari per i dipendenti comunali.

Dopo il voto del 2007, continua il valzer dei consiglieri comunali Nel corso del consiglio comunale del 20 gennaio scorso, Marco Sudano ha chiesto al segretario comunale dei chiarimenti in merito all’appartenenza dei consiglieri ai partiti e alle liste civiche. La richiesta era lecita dal momento che in questi due anni e mezzo di amministrazione Sulsenti si è assistito ad un susseguirsi frenetico di passaggi politici da un partito all’altro, con capogruppo che cambiavano dalla mattina alla sera e convocazione delle sedute dei capogruppo, la cui validità sarebbe potuta essere messa in discussione. Domanda lecita, dicevamo, e il segretario, infatti, cercava di capire come stavano le cose, ma i conti non gli tornavano. Il consigliere Livia risultava infatti appartenere ancora al movimento Sulsenti Sindaco quando, già da tempo, era passato prima al ruolo di capogruppo dell’Mpa per essere poi scalzato dalla new entry Toscano proveniente dalla Margherita. Livia entrava nell’Mpa per sostituire l’allora capogruppo Barbara Sorace, che nel frattempo si dichiarava appartenente al gruppo di Idea di Centro verso il Pdl (ma per il segretario comunale al 20 gennaio era ancora nell’Mpa!). Intanto Fabio Viva leggeva in aula la dichiarazione di appartenenza dei 5 consiglieri di “Idea di Centro verso il Pdl” al Pdl Sicilia (si tratta dello stesso Fabio Viva, di Massimo La Pira (ex Pdl ed ex Udc), di Alessandra Corallo (ex Mpa ed ex Idea di Centro), di Fabrizio Floridia (ex Prospettive ed ex

Idea di Centro) e di Barbara Sorace (ex Mpa). Insomma, una gran confusione ma i dubbi di Sudano risultavano fondati, visto che quanto accadeva il 20 gennaio in aula palesava la confusione che regna sia all’interno dei partiti e movimenti politici di maggioranza che all’interno della macchina burocratica. Al segretario comunale non risultavano alcune comunicazioni fatte da alcuni consiglieri comunali e tutto ciò contribuiva ad accrescere lo stato confusionale. A questo punto, è facile chiedersi, in tutta questa vicenda, se le conferenze dei capigruppo svoltesi in questi mesi siano da considerarsi valide, dal momento che sono stati convocati consiglieri comunali che magari non avrebbero avuto diritto di voto. E poi: è normale che a Pozzallo, dopo due anni e mezzo di amministrazione, ci siano stati tutti questi passaggi di consiglieri comunali di maggioranza da un partito all’altro? Non sarebbe stato più proficuo, anziché perdere tempo a pensare di cambiare casacca, essere presenti al consiglio comunale ed occuparsi dei problemi dei pozzallesi? Comunque sia, da Palazzo La Pira continua ad essere diffuso il ritornello “maggioranza sana, maggioranza compatta”, salvo poi essere smentiti dai fatti visto che proprio nell’ultimo consiglio comunale erano presenti solo in 3 (Aprile, Asta e Sudano) su 20. Il Sindaco se lo chiede dov’era la maggioranza in questa occasione?

Il volantino finisce in Tribunale? La questione della villa comunale (articoli a pagina 6) è stata discussa anche nel corso della civica assise. Mentre Marco Sudano di Pozzallo Giovane ha commentato il volantino, dallo scadente profilo politico, distribuito in città dai sostenitori di Sulsenti, i pochi consiglieri di maggioranza dell’Mpa presenti in aula (Livia, Carpenzano, Toscano e Pitino) sono usciti tutti. Il vicesindaco Attilio Sigona interveniva per provare a mettere una pezza sull’autogol della maggioranza affermando che il volantino non conteneva alcuna offesa (ma lo ha letto???). Sudano interveniva affermando che in tal modo viene legittimato qualsiasi partito a scendere sul personale. Poi ha chiesto se potrebbe arrecare un danno erariale al Comune il fatto che dall’Ufficio di Gabinetto del comune di pozzallo sia stato

diramato un comunicato stampa di una ditta privata (la ditta che gestisce la villa n.d.r.). Per il vicesindaco non ci sarebbe nessun danno, affermando che dal Comune di Pozzallo è stato diramato il comunicato della ditta allo stesso modo di come vengono diffusi i comunicati che provengono dalla Prefettura (non è proprio la stessa cosa...!). “In tal modo - ha risposto Sudano qualsiasi ditta, è ormai legittimata ad utilizzare l’ufficio di Gabinetto del Comune di Pozzallo per inviare i propri comunicati stampa”. Infine Sudano ha annunciato che i Movimenti Politici “Pozzallo Giovane” e “Noi per Pozzallo” hanno dato mandato ai propri legali per verificare se ci siano gli estremi per una querela ai danni dei partiti politici che sostengono il Sindaco firmatari del volantino distribuito in città.

Ristorante

La maggioranza di Sulsenti è scoppiata “Un’altra pagina triste è stata scritta al Consiglio comunale di Pozzallo”. Così esordiscono in una nota stampa i consiglieri di opposizione, Pino Asta e Marco Sudano. “Solo 3 consiglieri comunali (due di opposizione, Asta e Sudano, più il presidente del consiglio comunale Fabio Aprile) – scrivono – si sono presentati lo scorso 21 gennaio alla convocazione della civica assise che si sarebbe dovuta svolgere in prosecuzione della seduta del giorno precedente, sciolta a causa dell’uscita dall’aula dei consiglieri di maggioranza, per far cadere il numero legale. Si sarebbe dovuto discutere di problemi importanti, quali la privatizzazione dell’acqua pubblica e la ricognizione del conferimento di incarichi a tecnici e professionisti (visti gli errori che hanno indotto la Giunta Sulsenti a revocare la delibera con la quale veniva affidato un incarico ad un parente del Presidente del Consiglio Comunale)”.

I consiglieri Asta e Sudano non ammettono che non si possa garantire lo svolgimento di un consiglio comunale nemmeno in seconda convoca: “Ai consiglieri comunali dell’Mpa, – spiegano – evidentemente, non importa nulla della privatizzazione dell’acqua, visto che è dal 26 novembre che si tenta di discutere questo argomento che viene di volta in volta trascinato nel tempo. La maggioranza “bulgara”, come sostiene Sulsenti, composta da ben 14 consiglieri, non riesce a garantire neppure lo svolgimento di un consiglio comunale in seconda convoca, per la cui validità sarebbe sufficiente la presenza di 8 consiglieri comunali. A tre anni dall’insediamento, l’amministrazione Sulsenti e la sua maggioranza sono letteralmente scoppiati tanto da non poter neanche approvare i verbali delle precedenti sedute”.

Viale Australia senza segnaletica orizzontale e verticale Interrogazione del consigliere Salvatore Livia riguardo lo stato di Viale Australia, oggi interessato da nuove attività commerciali che insistono nella zona. Livia ha chiesto all’amministrazione comunale di realizzare la segnaletica orizzontale e verticale che al momento risulta quasi del tutto assente. L’amministrazione comunale ha risposto che effettivamente la zona risulta ancora carente di segnaletica e che al più presto si provvederà a risolvere tale problema. È opportuno ricordare che di questo argomento si è già dibattuto in consiglio comunale circa 2 anni e mezzo fa, quando durante una discussione sul piano triennale delle opere pubbliche questi problemi erano stati sollevati dai banchi dell’opposizione. Un ritardo di tre anni circa che grava colpevolmente sull’assessorato ai lavori pubblici del comune di Pozzallo, intento più ai proclami che ai fatti. In quasi tre anni di amministrazione Sulsenti, l’unica opera realizzata (e male!) è la rotatoria del primo scivolo... di altro non c’è traccia.

Pozzallo parteciperà alla Bit 2010 Il Comune di Pozzallo, assessorato al Turismo, parteciperà alla Bit di Milano 2010. L’assessore comunale Sara Cugno ha per l’occasione incontrato i rappresentanti dell’Ascom, i gestori di B&B, alberghi, affittacamere, ed altre strutture ricettive, nonché i titolari delle Agenzie turistiche operanti in città, per concertare la partecipazione del Comune di Pozzallo, insieme alla Provincia Regionale, all’importante appuntamento turistico nazionale. “La nostra città – dice il sindaco Giuseppe Sulsenti – è conosciuta a livello europeo ed internazionale. La Bit di Milano rappresenta una straordinaria occasione per rinnovare agli operatori di tutto il mondo la qualità della nostra offerta turistica”.

Pizzeria

di Sca la Salv atore Chiuso il martedì

Tel. 0932 958555 ISPICA - MARE

Via Alfieri, 58 - 97016 - Pozzallo (RG) - Telefax 0932.953796 - cell. 3389268806 www.autofficinareno.com - e-mail: maurizioragusa@alice.it


Febbraio 2010

news

30 giorni

Musica

5

Infoline: 335.1613612 - www.ilbotteghino.it

SUD

DIMENSIONE

SERVIZI

Servizio pullman da Ispica Pozzallo e Modica - cell. 335 16 13 612 Il 26 Febbraio Loretta Goggi si esibisce per la prima volta al Teatro Tenda di Ragusa in "S.P.A. (Solo Per Amore)" un nuovo ed unico ‘One Woman Show'; un’altra “chicca” di evento voluta dall’Assessore del Comune di Ragusa Francesco Barone che, con il nuovo anno, sta puntando su spettacoli di qualità, molto apprezzati dall’esigente pubblico Ragusano. Versatile, divertente, affascinante e coinvolgente, Loretta Goggi, dopo il travolgente successo della stagione 2006-‘07 con "Se stasera sono qui", torna a calcare i palcoscenici dei più importanti Teatri Italiani con un nuovo spettacolo, ideato e creato su misura per lei da Gianni Brezza (marito della signora dello spettacolo italiano,dopo trent’anni di fidanzamento), un binomio di successo, non solo nella vita, che promette di ripetere i successi di fortunatissime e irripetibili trasmissioni e show. Musica, teatro e tanto divertimento saranno le specificità di "S.P.A. (Solo Per Amore)", spettacolo originale che spazierà da grandi emozioni musicali, con l'omaggio ai grandi cantautori della canzone italiana, a esilaranti momenti di comicità e dialogo con il pubblico. Ad accompagnare Loretta Goggi sarà un'orchestra di 12 musicisti e un corpo di ballo di 10 ballerini. Un'artista poliedrica e indimenticabile, come poche nel mondo dello spettacolo italiano: cantante delle pluripremiate "Maledetta Primavera", "L'aria del sabato sera" e "Io nascerò"; conduttrice di "Via Teulada 66", "Ieri Goggi e Domani", "Canzonissima", "Hello Goggi"; le imitazioni che l'hanno fatta diventare la ‘Alighiero Noschese' al femminile; attrice al fianco dei più grandi della televisione italiana: Alberto Lupo, Giancarlo Giannini, Giorgio Albertazzi, Gigi Proietti, Arnoldo Foà, Alighiero Noschese, Beppe Grillo, Paolo Panelli, Luciano Salce tra gli altri. "S.P.A. (Solo Per Amore)" un altro atto d'amore per chi ama "lo spettacolo di classe e la classe nello spettacolo", imperdibile per il pubblico affezionato alla grande Goggi che in tutti questi anni ha continuato a starle vicino. “Del resto”- ha dichiarato con un pizzico di emozione - “se sono ancora a teatro dopo tanti anni è per amore del pubblico che mi acclama e che dimostra di volermi ancora bene”. Oltre due ore e mezza di show di alta qualità non nuotando nel vuoto, ma in frizzanti imitazioni e dialoghi con il pubblico e in un passato famoso della canzone italiana.


6 Attualità

news

30 giorni Febbraio 2010

Lavori abusivi alla Villa Comunale? Lo chiedono i Movimenti Politici “Pozzallo Giovane” e “Noi per Pozzallo” con una lettere indirizzata al Sindaco e alla Procura della Repubblica, ma per la società che gestisce la struttura è tutto a posto La Villa Comunale di Pozzallo ritorna al centro delle attenzioni dopo le polemiche dello scorso anno riguardo al bando per la concessione ai privati. Questa volta, la polemica ruota attorno allo stato in cui lo scorso 10 gennaio, si sarebbe trovato il polmone verde pozzallese. Sono stati i movimenti politici “Pozzallo Giovane” e “Noi per Pozzallo”, con una nota inviata alla stampa ma anche al Sindaco di Pozzallo, alla Procura della Repubblica di Modica, alla Capitaneria di Porto di Pozzallo, alla Soprintendenza BB.CC. di Ragusa, al Comando dei Vigili del Fuoco di Modica, al Comando dei Carabinieri di Pozzallo, alla Polizia Municipale di Pozzallo ed alla Guardia di Finanza di Pozzallo, a denunciare “la presenza di automobili e furgoni parcheggiati all’interno dei viali della villa, di un maxi tendone utilizzato per il veglione natalizio ancora presente sulla pista da ballo (ben dieci giorni dopo la festa!) aperto e accessibile a tutti, all’interno del quale sarebbero state presenti stufe a gas incustodite. Ciliegina sulla torta la presenza di un

cantiere aperto per la costruzione di una struttura in muratura accanto alla vasca, in sostituzione della precedente struttura realizzata con materiale leggero e mobile”. La Villa è un bene pubblico. «Ci chiediamo – chiedono nella lettera i due movimenti politici – se la ditta che ha in concessione la Villa Comunale sia in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie per la realizzazione della struttura in muratura, che sta deturpando l’area verde. Ci chiediamo cosa stia f a c e n d o l’amministrazione comunale di Pozzallo, silente davanti a questo stato di degrado ed abbandono in cui versa la Villa a seguito di questa strana gestione privata, nata dalla necessità di migliorarne la fruibilità e la bellezza. I

Pozzallesi si chiedono: dove vivono il Sindaco e i suoi amministratori? Non possiamo tacere - termina la lettera – di fronte a questo scempio. Vogliamo

capire se esistono autorizzazioni per la costruzione di strutture in muratura interne alla Villa comunale o se quanto sta avvenendo sia un’operazione di

abusivismo edilizio». Questa la denuncia dei due movimenti politici. Poi, alcuni giorni dopo, è arrivata la risposta della ditta, la GDF S.R.L., sempre affidata ad un comunicato stampa diramato dall’ufficio di gabinetto del Sindaco che recitava così: “La sottoscritta Sig.ra Santocono Daniela, amministratore unico della società GDF S.r.l. che ha in concessione la Villa Comunale di Pozzallo, in merito alla denuncia fatta dai rappresentanti di “Pozzallo Giovane” e “Noi per Pozzallo”, comparsa su quasi tutti gli organi di informazione, vuole precisare che quanto denunciato è privo di alcun fondamento. Infatti, come possono facilmente riscontrare tutti i visitatori della Villa, non è vero che la stessa si trova in uno

stato di degrado e di abbandono, né, tanto meno, è vero che all’interno siano stati eseguiti lavori abusivi. Piuttosto, è vero che in questi mesi sono stati compiuti molti lavori di manutenzione per la riqualificazione della Villa Comunale ed altri ne dovranno essere effettuati, ma tutti, si precisa, sempre conformemente alle concessione ed ai permessi resi dagli organi preposti e secondo i parametri ed i termini imposti dalla stessa concessione sottoscritta col Comune di Pozzallo. In ogni caso, abbiamo già dato mandato al legale della società per tutelarne gli interessi nelle sedi opportune, qualora ve ne fossero i presupposti e tenuto conto del possibile danno all’immagine che la stessa società potrebbe aver subito dalla denuncia avanzata dai rappresentanti delle due liste di minoranza”. Dopo le tante parole spese, la villa è stata ripulita e tutto è tornato alla normalità. Ad oggi la villa è chiusa per lavori.

La polemica della Villa “tocca” anche il sodalizio pozzallese

Giù le mani dalla Società Marinara La questione legata alla Villa Comunale di Pozzallo deve avere annebbiato la vista di chi, pur di sparare verso qualcuno, lo ha fatto ad occhi chiusi senza preoccuparsi di guardare il bersaglio. Il volantino distribuito dalle forze che sostengono il sindaco di Pozzallo Peppe Sulsenti, Mpa, Pdl Sicilia, Giovani Uniti, Movimento Libero e Sulsenti sindaco, prendeva le difese della società che gestisce la villa comunale, attaccando pesantemente, soprattutto a livello personale, coloro che avevano avuto il coraggio di firmare la denuncia: Giorgio Scarso, segretario di Pozzallo Giovane e Luigi Ammatuna, segretario di Noi per Pozzallo. Nel volantino veniva tirata in ballo anche la Società Marinara condotta “da un presidente che ha difficoltà a gestire i lavori del sodalizio e che è stato costretto dai geometri di Pozzallo a fare marcia indietro su lavori da eseguire presso lo stesso sodalizio suscitando un putiferio delle categorie interessate”. Il volantino, di

difficile interpretazione perché scritto con i piedi, forse per la foga di deviare l’attenzione dal reale oggetto della discussione, si è rivelato un autentico boomerang, vista la reazione indignata della cittadinanza. E così prima il Pd, poi i partiti politici “Il Timone”, “Vivere per Pozzallo” e “Autonomisti Liberi”, hanno mostrato la loro solidarietà a Luigi Ammatuna e Giorgio Scarso, affermando che chiunque fa opposizione a Pozzallo viene ingiuriato. “E’ la prima volta nella storia politica del nostro paese - afferma il segretario del Pd Ennio Ammatuna - che delle forze di governo coinvolgano la Società Marinara, sodalizio da sempre super partes nei confronti della politica. Inaugurando questo triste precedente, fra l’altro interagendo per conto terzi, e travalicando quella che è la normale dialettica politica, passa ancora una volta il messaggio che chiunque faccia opposizione in questa città verrà severamente perseguitato ed

ingiuriato”. Ma anche la risposta di “Pozzallo Giovane” e “Noi per Pozzallo” non è tardata ad arrivare: “Il Sindaco di Pozzallo Giuseppe Sulsenti e i partiti che lo appoggiano, con il solito stile e il bon-ton che li contraddistinguono, non

smettono mai di stupire i cittadini e le istituzioni, attaccando gratuitamente e personalmente con volantini sconclusionati quanti (e sono davvero tanti, forse troppi!) non la pensano come loro. Siamo

stati sollecitati dai cittadini, e dopo aver fatto un sopralluogo con tanto di fotografie, abbiamo palesato, attraverso un comunicato stampa, lo stato di degrado in cui versava la Villa Comunale domenica 10 gennaio evidenziando che la stessa, in quel momento, sembrava un cantiere aperto, con mura in costruzione. Il Sindaco spieghi alla città: come mai, il 12 gennaio di mattina, il muro, dal materiale incerto, era sparito come per incanto? E come mai, invece di controllare e di far rispettare la legalità e dedicarsi agli interessi comuni, difenda gli interessi di una ditta privata?. L’attacco nei confronti di Luigi Ammatuna manifesta la paura del Sindaco e dei suoi pochi fedeli rimasti, incapaci di amministrare e di tessere relazioni con qualsiasi forza politica, istituzionale e con i cittadini. Il Sindaco, consapevole della sua impopolarità, ha paura e non sapendo confrontarsi sulla gestione della città, scende vergognosamente sul

personale”. Oltre le forze politiche, però, per la prima volta, è scesa in campo la Società Marinara, che attraverso un comunicato ha definito il volantino come “offensivo nei confronti del Presidente della Società Marinara, Luigi Ammatuna. Per la prima volta, in 120 anni di storia della Società Marinara, qualcuno estraneo ad essa si è permesso di tirarla in ballo e di criticare in maniera offensiva gli organi statutari democraticamente eletti. Il volantino conteneva falsità riguardo presunte marce indietro fatte dal Presidente e dal Consiglio Direttivo in merito ai futuri lavori che interesseranno la struttura della sede societaria. Tutto ciò che è stato deciso, è avvenuto, come sempre, in piena democrazia e grazie al confronto tra le parti. È stato proprio il Presidente a voler coinvolgere, oltre l’ordine degli Architetti e degli Ingegneri, anche i geometri. Se a qualcuno dispiace che la Società Marinara sia sempre disposta al confronto e al

dialogo, ce ne dogliamo, ma persevereremo su questa strada. È questa la via maestra che il Presidente Luigi Ammatuna ha tracciato, da 20 anni a questa parte, riuscendo ad attirare attorno a sé la stima di tutti i soci, guidando brillantemente il sodalizio nell’ultimo ventennio. Il Presidente Luigi Ammatuna è stimato da tutti i soci: come spiegare, altrimenti, la fiducia che gli iscritti ripongono in lui come guida da 20 anni a questa parte? Ed è opportuno chiarire che mai il Presidente della Società Marinara si è sognato di fare politica o di chiedere voti all’interno del sodalizio: mai. Non consentiamo a nessuno di giudicare il Presidente e il Direttivo al di fuori del sodalizio, in particolar modo alla politica”. Questa la risposta del Sodalizio, mentre qualcuno, deluso e frustrato dal non essere riuscito magari a prendere il posto dell’attuale presidente, si avvale di pseudo comunicati, senza avere neppure gli attributi per firmarli, per continuare a gettare fango sul presidente e sul consiglio direttivo.

Ammatuna: “Entro l’anno apriranno nuove farmacie a Pozzallo, Modica e Ragusa” Entro l’anno in corso potranno essere aperte altre 47 farmacie in Sicilia, tre delle quali interessano la provincia di Ragusa: la quarta farmacia a Pozzallo, la tredicesima a Modica e la diciassettesima a Ragusa. E’ stata già aggiudicata la gara alla società che dovrà gestire la parte logistica ed informativa delle selezioni che prevedono un test basato su 100 domande a risposta multipla. A breve si svolgerà un incontro con i presidenti ed i segretari

delle Commissioni esaminatrici. A darne notizia è l’on. Roberto Ammatuna che da tempo ha seguito la complessa problematica. L’iter è iniziato nel 2000 con la pubblicazione del bando per il conferimento dei posti nelle sedi farmaceutiche vacanti nelle nove province siciliane. I concorsi non furono espletati perché l’entrata in vigore della legge regionale 4/2003, che disponeva il diritto di opzione dei farmacisti titolari rurali

aventi sede nelle isole minori per le sedi non ancora assegnate, ne ha rallentato l’iter procedurale. Su questa previsione normativa fu presentato ricorso e la Corte Costituzionale, che si è pronunciata nel 2007, ha eccepito il vizio di incostituzionalità della norma. Solo a seguito di ciò le Commissioni hanno potuto procedere ad ultimare le selezioni per le ammissioni dei candidati. Inoltre, al momento

FI.VA. Margherita Via Rivoluzione Francese n.30 Tel. 0932797290

POZZALLO

della formalizzazione del bando non è stata prevista la copertura finanziaria, con la conseguenza che non si poteva procedere all’espletamento delle prove. Adesso, con il D.A. n. 2269 del 16 ottobre 2009 è stata stanziata la somma di 153.252,00 euro, da destinare allo svolgimento delle prove concorsuali per l’assegnazione delle sedi farmaceutiche vacanti. “Si avvia così a conclusione – afferma l’on. Ammatuna – l’iter travagliato per l’assegnazione

delle sedi farmaceutiche vacanti. A beneficiarne, in provincia di Ragusa, saranno i cittadini di Pozzallo, Modica e Ragusa, che potranno fruire di un ulteriore servizio essenziale che andrà a coprire quei quartieri che ne sono al momento sprovvisti”.


Febbraio 2010

Attualità

news

30 giorni

7

Lo schiaffo di un docente ad un alunno del Capitaneria di Porto di Pozzallo Bilancio positivo nel 2009 Nautico diventa un “caso mediatico” Lo scorso 14 gennaio, al Nautico di Pozzallo, è avvenuto un episodio deprecabile. Un ragazzo, durante la lezione, distratto, stava parlottando con un compagno di classe. Il professore, irritato, gli si avvicina e decide di mandarlo fuori. Il resto è da chiarire: gli ha mollato un ceffone? Due? Oppure lo stava accompagnando davanti alla porta e nel tentativo maldestro di farlo uscire gli ha fatto cadere gli occhiali, rompendoglieli? Fatto sta che il giovane studente, affetto da un problema congenito alla vista (gli mancherebbero ben 9 gradi di vista!) è rimasto al buio ed è stato trasferito presso l’Asl locale dove è stato giudicato guaribile in 6 giorni. Sull’argomento, in un primo momento, è intervenuto il Dirigente Scolastico dell’Istituto Tecnico Nautico, prof. Attilio Sigona, il quale ha affermato che “l’episodio non è simpatico. Un educatore non può perdere le staffe. Non compete a me prendere provvedimenti nei confronti del docente, ma ho immediatamente segnalato il fatto al Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale che si occuperà del caso. La perdita di autocontrollo del docente – continua Sigona – è ingiustificabile. Sono molto dispiaciuto di quanto accaduto dal momento che la scuola ha una funzione educativa e quando gli educatori commettono questi atti, sono solo da condannare. Solitamente ci lamentiamo coi ragazzi che si rendono attori in episodi di bullismo. Questa volta, invece, è stato uno di loro ad essere vittima all’interno della scuola”. Ma la vicenda non si è conclusa qui. Infatti, in poche ore, la notizia ha fatto il giro d’Italia destando anche

Per il personale civile e militare della Capitaneria di Porto di Pozzallo e degli uffici dipendenti, l’anno 2009 si e’ chiuso con un bilancio più che positivo rispetto non solo al 2008 ma anche agli anni precedenti. Infatti, quasi tutti i comparti di interesse hanno registrato sensibili incrementi sia per quanto riguarda le attività operative che per quelle amministrative legate alla gestione del porto di Pozzallo. Per quel che concerne la salvaguardia della vita umana in mare, nel corso del 2009 gli uomini ed i mezzi della Guardia Costiera hanno tratto in salvo ben 53 persone che versavano in condizioni di pericolo con interventi che hanno avuto anche un’eco di rilevanza nazionale (come nel caso del soccorso a n.2 malcapitati tra il 02 ed il 03 agosto 2009 a largo di Scoglitti). In tale contesto, ha assunto rilievo assoluto l’operazione “Mare Sicuro”, concretizzatasi nell’effettuazione di 556 controlli alle unità da diporto e presso gli stabilimenti balneari, con l’elevazione di ben 116 verbali d’illecito amministrativo. La vigilanza dei flussi migratori, che

nonché alla redazione di 2 notizie di reato specifiche ed al sequestro di 250 Kg di pescato. In materia di controllo e vigilanza sulla sicurezza della navigazione, le navi straniere approdate presso il porto di Pozzallo e sottoposte a controlli dal dipendente nucleo Port State Control sono state 20 di cui 3 sono state sottoposte a fermo amministrativo per gravi deficienze e per le quali è stato ritenuto necessario procedere a lavori di manutenzione per garantirne l’efficienza strutturale. In materia di vigilanza ambientale, il personale del Compartimento Marittimo di Pozzallo ha proceduto ad effettuare 2025 missioni specifiche al fine di verificare la presenza di possibili fonti di inquinamento delle acque territoriali nonché per reprimere comportamenti contra legem. In tale ambito, particolare rilievo assume la fattiva collaborazione con il Fondo Siciliano per la Natura di Comiso che ha consentito non solo di salvare 3 tartarughe marine della specie caretta-caretta rinvenute in precarie condizioni di salute ma anche di liberarne altre 33 precedentemente soccorse ed affidate alle cure del

s’inserisce a pieno titolo nel contesto dell’attività di soccorso della vita umana in mare, ha consentito, in occasione di 17 distinti episodi, il salvataggio di 2690 persone, di cui 2201 uomini, 409 donne e 80 bambini. Anche l’attività di Polizia Giudiziaria è dell’amministrazione comunale di stata particolarmente proficua, Pozzallo e perché i cittadini non posto che ha comportato la possono venirne a conoscenza? redazione di 55 notizie di reato con il conseguente deferimento a piede libero di 70 persone nonché l’elevazione di 254 processi verbali per illecito amministrativo. A seguito di tale attività sono stati effettuati 9 sequestri penali e 32 nulle. In seguito a questa votazione, consiglio direttivo risulta composto sequestri amministrativi. La Raffaele Monte è stato eletto da Rosario Pitino, Ignazio Roccaro, vigilanza demaniale si è esplicata in presidente del sodalizio mentre il Salvatore Roccasalvo, Valerio Scala, 12215 missioni sia in mare che a Vi n c e n z o Ta g l i a t a e terra, percorrendo oltre 10000 Salvatore Zaccaria. Il miglia ad opera delle motovedette e consiglio dei Probiviri sarà oltre 20000 miglia ad opera della così composto: Collegio pattuglie a terra evidenziando un dei Probiviri, Alfio Ursino imponente controllo del territorio. presidente e Francesco L’attività di vigilanza sulla filiera Campanella e Vincenzo G u r r i e r i c o m p o n e n t i . della pesca è stata sempre animata e Monte, succede all’uscente portata avanti dal personale della Capitaneria di Porto con lo scopo Giovanni Morana. GianPaolo De Simone precipuo e prevalente di tutelare il consumatore finale dalle frodi che sovente si verificano nella commercializzazione dei prodotti ittici. In tal senso è stata intensa l’attività della Strumenti musicali - Accessori Bandistici Metodi e spartiti - Accordatura pianoforti Capitaneria con 1737 Amplificazione ed effetti luce missioni specifiche che PAGAMENTI RATEALI hanno condotto all’elevazione, nella sola materia di pesca, di 61 processi verbali di Via Garibaldi, 92 - Pozzallo (RG) - Tel/Fax 0932 955946 - Mobile 338 8260294 williamgambuzza@virgilio.it illecito amministrativo

predetto centro. Nell’ottica della tutela dell’ambiente marino, di sicuro prestigio è stata la consegna ad alcuni uomini della Capitaneria del Premio Nazionale per l’Ambiente “Gianfranco Merli” ricevuto a Roma alla Camera dei Deputati, per particolari meriti nell’individuazione di responsabili di gravi reati contro l’ambiente marino. Dal punto di vista delle attività commerciali, il resoconto dei traffici marittimi ha registrato nel 2009 un totale di 1.235.221 tonnellate di merci movimentate, un numero senz’altro di gran lunga più elevato rispetto alle capacità progettuali del porto ma in calo in relazione al 2008 (-18.08%). A tale dato si contrappone il notevole incremento del traffico containers (+23,84%), dato di rilievo assoluto se posto in relazione con la crisi che ha colpito negli ultimi tempi l’economia mondiale. Il collegamento Pozzallo-Malta a mezzo del Catamarano HSC Maria Dolores ha registrato un aumento del dato relativo al traffico di autoveicoli (+2,74%) e di automezzi (+5,97%), dati accompagnati da un calo del traffico passeggeri (16,30%). In ultimo, ha riscosso grande apprezzamento nell’opinione della comunità locale la serie di concerti ospitati dal Porto di Pozzallo con artisti del calibro di Khaled, Giusy Ferreri ed Antonello Venditti. L’impegno profuso nell’occasione dai militari della Capitaneria ha contribuito alla valorizzazione del Porto come infrastruttura vicina alla gente.

l’attenzione dei media nazionali. Rai2, Rai3 e altri canali nazionali hanno “attenzionato” il problema e il giorno seguente le loro telecamere sono entrate a scuola. Hanno intervistato anche il professore Innocenzo Barrera, il quale, pur ammettendo lo sbaglio, ha provato a spiegare come il suo fosse stato un gesto fortuito, non voluto e come non avrebbe avuto intenzione alcuna di far male al ragazzo. Ad ogni modo, sarà il provveditore agli studi di Ragusa, Cataldo Di Nolfo, a prendere i provvedimenti idonei al caso. Nel frattempo, su facebook, molti studenti ed ex studenti che conoscono bene il professore Barrera, hanno preso le sue difese. Si sono riuniti in un gruppo per difendere il professore manesco, certi che si sia trattato di un episodio fortuito. Molti sono stati gli attestati di stima arrivati nei giorni seguenti al docente che, intanto, è tornato ad insegnare mentre il giovane è rimasto ancora alcuni giorni a casa per riprendersi. Il giudizio del Provveditore arriverà

quindi nei prossimi giorni, ma in molti sperano in una pena soft, dal momento che la sua professionalità e l’amore per l’insegnamento è una cosa che tutti, unanimemente, gli riconoscono. C’è però una cosa che deve far riflettere: né il preside del Nautico, né alcun docente hanno preso le difese di Innocenzo Barrera. È una situazione davvero singolare, dal momento che, da educatori, tutti si potrebbero trovare in una simile situazione. Non vogliamo giustificare l’atto dell’insegnante, ma è anche vero che la pazienza può capitare a tutti di perderla. In fondo, chiunque può avere ricevuto una sberla, ma in una società difficile come quella odierna, dove educare è un’impresa sempre più ardua, l’essere lasciato solo dai suoi stessi colleghi che quotidianamente si trovano nelle stesse condizioni ambientali di stress, può far più male di qualsiasi altra parola detta.

Mareggiate: spiagge e locali vanno ko Il maltempo che ha imperversato negli ultimi giorni di gennaio nel territorio ragusano ha provocato parecchi danni. In particolare, il forte vento di scirocco che ha soffiato nella giornata del 26 gennaio, ha causato delle forti mareggiate a Pozzallo e Marina di Modica che hanno letteralmente “mangiato” gli arenili delle località balneari. I locali che insistono sulle spiagge hanno subito parecchi danni. Molti cittadini si sono chiesti: se quel fantomatico mega-progetto di Raganzino andasse avanti, con lo smantellamento del lungomare per favorire un andamento “morbido” di un nuovo lungomare più vicino al mare, senza la protezione attuale, che fine avrebbero fatto negozi, parcheggi

sotterranei e quant’altro si sarebbe voluto realizzare? Nel corso degli anni, normalmente, non si verificano questi tipi di situazioni, ma quando avvengono precipitazioni di tal genere, ecco che scattano gli allarme. E se i locali che insistono sulla spiaggia di Pietrenere sono andati quasi tutti danneggiati, cosa ne sarebbe stato per le nuove costruzioni di Raganzino. Molti cittadini si domandano: perché il progetto viene tenuto top secret? Quali s o n o l e i n t e n z i o n i

Raffaele Monte eletto presidente della Società Operaia Domenica 17 gennaio si sono svolte le elezioni per eleggere il nuovo presidente della Società Operaia di Pozzallo da scegliere tra Raffaele Monte e Tommaso Arezzo e il nuovo direttivo del sodalizio. La lista n°1 facente capo a Monte ha riportato 266 voti, mentre la 2, facente c a p o a To m m a s o Arezzo ne ha riportati 158. 11 sono state le schede tra bianche e

WilliamDiscoCenter


8 Cultura

news

30 giorni Febbraio 2010

Dopo il successo della sua prima opera, “il segreto di Krune”... Francesco Abbondo e Giuseppe Sartori insigniti della medaglia d’onore

Michele Giannone ha presentato “La caduta di Krune”

Lo scorso 16 gennaio, presso la sala versi durante la presentazione, culturale “Meno Assenza” di Pozzallo, Giannone dipana tutti i nodi che non è stato presentato il secondo libro dello hanno trovato una risposta nel primo scrittore pozzallese Michele Giannone romanzo, dove veniva affermato il dal titolo “La caduta di Krune”. Il ruolo di supremazia delle donne sugli volume, genere fantasy, edito da uomini. La seconda opera del Flaccovio Editore, arriva due anni dopo pozzallese, invece, riafferma la il primo lavoro, “Il segreto di Krune”, supremazia dell'uomo sulla donna. che ha riscontrato grande successo in “Nel libro ci sono riuscito” ha tutta Italia. Si tratta di una scherzato Michele “anche se nella vita pubblicazione che non può far altro che di tutti i giorni capita sempre il inorgoglire la città contrario”. Ha coltivato di Pozzallo dal da sempre il piacere per momento che un la lettura e ha iniziato ad suo “figlio” si è appassionarsi alla proposto alla scrittura perché voleva ribalta nazionale e, trasmettere il suo mondo soprattutto, con ed ha sempre sperato che grande successo. Il qualcuno pubblicasse i r u o l o d i suoi scritti. “Se la moderatrice Flaccovio Editore non dell'incontro di fosse intervenuta in tal presentazione, è senso, scegliendomi tra stato affidato alla migliaia e migliaia di pozzallese Roberta scrittori emergenti e se Scala, la quale ha non mi avessero affermato di proposto un contratto apprezzare molto il serio, non mi sarei auto Michele Giannone Giannone scrittore, pubblicato” ha definendo i suoi affermato Giannone. due libri “meravigliosi”. 39 anni, “Sapere che esperti del settore, che sposato con Maria, Michele Giannone è giornalmente si occupano di scovare un divoratore di libri ed uno scrittore giovani talenti, hanno scelto di appassionato. Si sveglia alle 5 del pubblicare i miei racconti investendo mattino, ogni giorno, per coltivare tante risorse economiche è una cosa che questa sua passione. A 13 anni ha mi riempie di gioia e che mi provoca provato a raccontare, per la prima volta, grandi soddisfazioni. Il giorno in cui ho cimentandosi nelle sue prime scritture. ricevuto tramite email la notizia della Michele vive la sua magia quotidiana pubblicazione del libro, ho iniziato a cercando di apprezzare quello che di ballare sul tavolo per dieci minuti dalla straordinario c'è in ogni cosa, felicità” ha terminato Giannone. Nei cogliendone le sfumature in modo da suoi racconti lo scrittore pozzallese ha essere in grado di farle rivivere nei sui l'abilità di far dimenticare al lettore ciò racconti. “Mi piace vivere le cose belle che lo circonda facendolo immergere e magiche della vita ha affermato nel suo mondo. Nel genere fantasy si Michele come ad esempio cogliere può andare oltre gli stereotipi ed un'alba anche stando fuori di casa al inventare facendo volare la fantasia. freddo del mattino, oppure toccando il Ma Michele Giannone è uno scrittore a bimbo che scalcia nel grembo di mia tutto campo. Ha già preparato un giallo, moglie”. Nel romanzo “La caduta di un thriller che è sulla scrivania della Krune”, di cui sono stati letti alcuni Flaccovio Editore, in attesa di essere

p u b b l i c a t o . To r n a n d o a l l a presentazione del libro, occorre dire che è stata davvero bella, gradevole e soprattutto coinvolgente. Un neo? La scarsa partecipazione di pubblico: un vero peccato, vista la caratura dello scrittore. “Poche persone ma buone” ha affermato lo scrittore e così è stato

davvero, dal momento che quasi tutti i presenti, hanno posto delle domande sul libro, sulla vita di Giannone e sulle sue aspirazioni future. Domande alle quali lo scrittore pozzallese ha sempre risposto puntualmente e con eleganza. Altra nota dolente? La totale assenza degli amministratori pozzallesi. Peccato, davvero peccato, dal momento che ieri, a Pozzallo, è stata scritta davvero una bella pagina culturale. È stata persa l'occasione per rendere omaggio ad uno scrittore tanto apprezzato in tutta Italia e snobbato nella sua città. Però si sa, “nemo profeta in patria”. GianPaolo De Simone

Reduce dall’eccidio di Cefalonia

Targa commemorativa al reduce Giovanni Santaera

In occasione della celebrazione della Giornata della Memoria, è stata consegnata una targa commemorativa al pozzallese Giovanni Santaera,

reduce dell’eccidio di Cefalonia, ex deportato nei campi di concentramento nazisti. La cerimonia, commovente e partecipata, si è svolta all’ingresso dell’Istituto Nautico proprio dinanzi a quella lapide dedicata alla memoria di Giorgio La Pira, profeta di pace. Presenti il dirigente scolastico dell’Istituto Nautico, Attilio Sigona, le autorità civili e militari, il presidente del Club Unesco di Pozzallo, Carmelo Nolano, organizzatore delle manifestazioni della Giornata della Memoria, i figli di Giovanni Santaera, oltre ai numerosi studenti dell’Istituto Nautico. Marina Barrera

Cerimonia in Prefettura, il ricordo del figlio Antonello Il 27 gennaio, presso la Prefettura di Ragusa, c’è stata la cerimonia con la quale i pozzallesi Francesco Abbondo e Giuseppe Sartori sono stati insigniti della medaglia d’onore riservata ai cittadini italiani deportati e internati nei lager nazisti tra il 1943 ed il 1945. Sartori non ha potuto partecipare alla consegna perchè non era in buone condizioni di salute. A tracciare un profilo del padre è stato il figlio, Antonello, pozzallese molto conosciuto. « Mio padre è stato chiamato alle armi il 25 giugno 1940, – ha affermato Antonello – appena ventenne. Nel maggio 1941 fu destinato a Cefalonia presso Maridist Argostoli con la qualifica di sottonocchiere. Fra i suoi compiti anche quello di accompagnare con la barca il cappellano militare Don Luigi Ghirlandini presso i soldati feriti per portare loro la Comunione. Con lui strinse una grande amicizia che durò anche dopo la guerra. All’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943, passò come combattente della formazione Acqui-Cefalonia. Nei giorni che seguirono, in quell’isola, come tutti sappiamo, si compì un massacro immane. I soldati italiani vennero sottoposti ad esecuzioni di massa sommarie. Mio padre fu uno dei tanti testimoni di quell’orribile scenario e uno dei pochi che riuscì a tornare vivo a casa. Da piccolo ricordo che, seduto sulle sue ginocchia, mi raccontava la storia di quei terribili giorni e come lui riuscì a sfuggire all’eccidio grazie al buon cuore di una famiglia dell’isola che, per salvarlo dalla sicura fucilazione e senza badare

Gli alunni della classe 2°E Ist. Compr. G. Rogasi” ci hanno scritto per raccontare ai lettori la loro esperienza in seguito all’accostamento al mondo della lettura. È vero, noi ragazzi non dedichiamo molto tempo alla lettura, siamo attratti da videogiochi, televisione e computer e avere in mano un libro è qualcosa d’impensabile. Ma noi alunni di 2°E dell’ Istituto G. Rogasi, dopo aver letto, durante le vacanze natalizie, un avvincente libro, dal titolo “ A bordo delle tre caravelle”, abbiamo decisamente cambiato idea a riguardo; comprendendo che la lettura è “ cibo per la mente”. In classe abbiamo relazionato quanto letto, guidati dall’insegnante di lettere Distefano, che successivamente, insieme al prof. Bombaci, hanno organizzato un incontro presso la libreria Edicolè. Ci siamo resi conto, che quasi tutti i giorni, passavamo davanti alla vetrina di quel “negozio”, ma pochi avevano fatto ingresso. Varcare quella soglia significò entrare nel fantastico mondo della lettura! La proprietaria, gentilmente, ci ha condotto per i misteriosi sentieri: saggistica, classici,

Accessori - Tutto Satellite - Assistenza Tecnica

Lavorazione marmi, pietre e graniti

Meisterbetrieb

Lab.: C.da Gisaro,5 - 97016 Pozzallo (RG) Telefax 0932955216

Abbonamenti

SKY

Ricariche

occhi brillare di emozione, ma sono sicuro che da lassù ha partecipato alla manifestazione perché nessuna persona muore veramente fin quando resta viva nei ricordi e oggi mio padre è stato reso vivo nella memoria». GianPaolo De Simone

Gli alunni della Rogasi hanno fatto l’esperienza di “Vivere un libro…”

GENNARO – RTV di Maria Di Raimondo & C. Snc

al rischio che correva, lo nascose per giorni all’interno di un pozzo. Dopo, quando circolò voce che gli italiani non venivano più uccisi sul posto, ma deportati, uscì allo scoperto e fu portato come prigioniero di guerra nei campi lager nazisti in Germania e lì vi rimase fino al 5 dicembre 1944. Riuscì a tornare a Pozzallo solo nel 31 agosto del 1945. Ricevere questa medaglia, dalle mani del prefetto e alla presenza delle più alte autorità provinciali civili e religiose – continua Antonello Abbondo – è stato per me un onore perché vuol dire avere finalmente riconosciuto i sacrifici e gli orrori che mio padre ha vissuto in nome della Patria e che hanno segnato per sempre la sua vita. Mi spiace soltanto che oggi fisicamente non è stato presente perché purtroppo non c’è più. Non ho potuto vedere i suoi

SKY INSTALLER

tascabili, fantasy e via dicendo. Ma la nostra attenzione è stata attratta dall’intrigante genere letterario del giallo, anche perché è l’argomento che stiamo trattando in classe. Per rifocillare ulteriormente la nostra mente, abbiamo deciso, in comune accordo, omaggiando le autrici donne, di leggere uno dei più conosciuti libri

della scrittrice inglese, “signora del crimine”, Agatha Christie: “Dieci piccoli indiani”. La trama di questo libro è molto accattivante e l’assenza del detective lo rende uno delle maggiori opere di questa famosa autrice. Con questo articolo, cari lettori, ci auguriamo di avervi trasmesso tutto il nostro entusiasmo nel vivere un libro, sfogliando le sue pagine e scoprendo i suoi segreti.


Febbraio 2010

Sport

news

30 giorni

Judo

Il pozzallese Francesco Scarso ancora sul podio Ancora una volta Francesco Scarso sale sul podio. Il giovane atleta del Judo Club Ushijima di Pozzallo si è guadagnato il terzo posto al XV trofeo Alpe Adria, che si è svolto a Lignano Sabbiadoro(UD). L'edizione 2010 dell'Alpe Adria ha aperto il calendario nazionale ed il circuito Grand Prix (qualificante per i Campionati d'Europa) per Italia, Slovenia e Croazia, con la partecipazione di Azerbaijan, Austria, Bosnia e Serbia. Quattro gli incontri disputati dal judoka pozzallese, categoria 90 kg cadetti; tre i combattimenti vinti per ippon in pochi secondi. Nell'incontro di semifinale non è riuscito ad avere la meglio sul campione italiano in carica di categoria, mentre in quello finale per il terzo/quinto posto il giovane pozzallese ha battuto un atleta serbo.

“Una gara di grande livello - racconta Francesco Scarso - che ho affrontato con molta determinazione. Nonostante tutto, però, nell'incontro di semifinale un attimo di deconcentrazione mi è costato il possibile primo posto”. I

sfida per Francesco Scarso. “Ora devo pensare solo ad allenarmi ha detto l'atleta - per arrivare al meglio alla fase finale dei campionati italiani. Spero di riconfermare l'ottimo piazzamento avuto lo scorso anno e magari cercare di migliorarlo puntando anche al titolo italiano”. Francesco Scarso si era infatti classificato terzo ai campionati italiani del 2009, un anno particolarmente brillante per l'atleta. Il culmine dei successi dell'anno appena concluso è arrivato lo scorso gennaio: il judoka pozzallese è stato premiato come migliore atleta del 2009 nella sua categoria, classificandosi primo sia al Gran Prix Italia che al Gran Prix Sicilia. Marina Barrera

9

Continua con successo la stagione dell’Azzurra Basket Pozzallo Il mese di gennaio, per una società sportiva, è il periodo in cui si verifica l’andamento agonistico delle varie formazioni a partire da quelle giovanili. Anche l’Azzurra Basket Pozzallo, che si è posta l’obiettivo di raggiungere il rafforzamento del vivaio, inizia a fare i conti sull’andamento dei campionati in corso, e dei corsi Minibasket Maschile e femminile. Quest’anno, poi, l’interesse societario è puntato esclusivamente sul movimento giovanile: infatti, l’attenzione dei tecnici e del direttivo societario è rivolto alla formazione e programmazione tecnica dei giovani atleti. La

Santino Galifi e Giovanni Paternò, ha ottenuto due sconfitte con squadre di caratura ben più elevata come la Ciavorella Scicli e il Basket Club Ragusa, ed una vittoria nei confronti della Rainbow Ispica, visto soprattutto che si tratta di una squadra sperimentale che vede i giovanissimi atleti locali impegnarsi per la prima volta in un campionato provinciale federale e che la maggior parte degli atleti hanno iniziato a praticare la pallacanestro solo da qualche mese, ma che prospetta dei buoni elementi su cui puntare l’attenzione. La rosa dell’ Under 14, nati nel 1996/1997 è così costituita: Francesco

squadra Under 17, ottiene eccellenti risultati, ed al giro di boa del campionato provinciale si trova in seconda posizione alle spalle della Pol.Val d’Ippari Vittoria a soli due punti di distacco, ottenendo vittorie con squadre del calibro della Fortitudo Ragusa, Olimpia Comiso, Vigor S.Croce. Mettendo in luce un gruppo ben affiatato e cresciuto tecnicamente grazie al lavoro svolto in palestra dall’ allenatore Santino Galifi. Di sicuro interesse per il prossimo futuro i giovani che compongono la rosa nati nel 1994/1995: Carmelo La Raffa, Gaspare Avveduto, Manfredi M o d i c a , Vi n c e n z o R e n n o , Francesco Abbondo, Francesco Scarso, Salvatore Susino, Salvatore Terranova, Vincenzo Giardina, Edoardo Scala. Per il campionato Under 14, siamo solo alla terza di campionato, la squadra dell’Azzurra seguita dagli allenatori

Iaconinoto, Giuseppe Renno, Lorenzo Padova, Simone Profetto, Omar Mavilla, Giuseppe Gerratana, Patrick Armenia, Giorgio Terranova, Salvatore Sessa, Francesco Buscema. Proseguono con successo invece i corsi di Minibasket sia maschili che femminili con tre gruppi suddivisi per fasce di età tra i nati dal 1998 al 2004. Finiti i progetti “un canestro nello zaino”, svolti dall’Azzurra Basket con l’Istituto Comprensivo “A. Amore”, prossimi appuntamenti saranno i concentramenti zonali a Pozzallo, Scicli, Ispica, Noto, organizzati dal Presidente Giuseppe Paternò, tra i centri Minibasket dell’Azzurra Pozzallo, Ciavorella Scicli e Rainbow Ispica. Altro appuntamento sarà la Summerbasket organizzata tra i centri U.I.S.P., di cui l’Azzurra Basket è affiliata.

campionati italiani del prossimo 14 febbraio a Terni saranno la prossima

Calcio

Amministrazione e Modica Calcio varano piano di interventi strutturali per il Caitina L’Amministrazione Comunale e la Modica Calcio lanciano un appello alla Città (alla classe imprenditoriale e quella politica, agli sportivi, ai giovani) perché ci si stringa attorno alla squadra in questo particolare momento dove a fronte di un rendimento incoraggiante dell’undici rossoblù si registra una fase critica dal punto di vista strutturale, come le condizioni del fondo campo del Caitina, e di sostegno economico da parte del pubblico. I vertici dell’amministrazione, il Sindaco Antonello Buscema e il suo vice, Enzo Scarso, si sono incontrati a palazzo San Domenico con il presidente della Modica Calcio, Riccardo Radenza e il direttore generale della società, Luigi Galazzo. È stata una discussione ad ampio raggio che ha analizzato la situazione sia strutturale che societaria. Si sta studiando il modo di garantire, da parte dell’Ente, una manutenzione dell’impianto sulla scorta delle indicazioni della società. Nel lungo periodo la soluzione è quella

nota. Un mutuo, appena le condizioni economiche finanziarie dell’ente lo consentiranno, con il Credito Sportivo per un intervento straordinario sia al Caitina (fondo campo, tribune, servizi e impianto di illuminazione) e al “V.Barone” con il fondo campo e dove adesso sono in corso dei lavori per garantirne l’agibilità. La società, dal canto suo, lancerà una mini campagna di abbonamento per le ultime gare interne a prezzo competitivo e in questo momento in cui il rendimento della squadra è molto incoraggiante. «Intendiamo continuare a percorrere, come è giusto che sia d i c h i a r a n o congiuntamente il Sindaco, Vice Sindaco e il Presidente del sodalizio - la strada comune che superi le difficoltà di oggi e

auspichiamo quelle di domani. La squadra è un patrimonio della Città e in quanto tale va non solo tutelata ma valorizzata in coerenza con le migliori tradizioni rossoblù. Facciamogi, un appello alla Città perché le tribune possano riempirsi di pubblico che deve sostenere in modo tangibile la squadra della propria città. Da questa risposta dipenderanno i progetti futuri della società in quanto aiuterà a capire quanto stanno a cuore le sorti del sodalizio rossoblù».

Per i tuoi articoli e per la tua pubblicità chiamaci al 3397744258 oppure contattaci via mail a: 30giorninews@gmail.com

ACCADEMIA MUSICALE

Pianoforte Chitarra Canto Violino Basso elettrico Batteria Clarinetto Flauto Tromba Sassofono Teoria e solfeggio Armonia

Musica d’insieme Improvvisazione Esercitazioni teatrali Musica da camera Esercitazioni orchestrali Studio di Musicoterapia

C.so Vittorio Veneto, 95 - Pozzallo - Tel. 333.2992426 - Fax 0932.956303


10

Scicli

news

30 giorni Febbraio 2010

Maltempo, crolla parte del lungomare di Cava d'Aliga Franco Susino: «Non si può perdere altro tempo» Il maltempo che ha imperversato a metà gennaio in provincia di Ragusa ha fatto registrare molti danni soprattutto nelle località rivierasche, con in testa Cava d'Aliga e la fascia costiera di Scicli. La mareggiata del 13 gennaio ha, infatti, divelto una parte del lungomare di via Frine a Cava d'Aliga. Danni si sono registrati anche in contrada Arizza e a Sampieri.

Il sindaco di Scicli Venticinque, l'assessore Enzo Giannone, Ignazio Fiorilla, della protezione civile comunale e gli uomini dell'ufficio tecnico hanno effettuato dei sopralluoghi nelle zone colpite dall'ondata di maltempo. Queste mareggiate hanno riportato al centro dell'attenzione lo stato di erosione della fascia costiera. “Patto per Scicli” aveva già sollevato il problema con

una interrogazione sull'argomento, del 20 ottobre scorso, indirizzata al Sindaco ed all'Assessore di competenza. Nell'atto ispettivo si chiedeva all'Amministrazione Comunale - “considerato che nel Programma di interventi a tutela dell'ambiente e della difesa del suolo per la Regione Sicilia sono stati inseriti gli interventi, proposti dal Comune di Scicli, relativi alla messa in sicurezza di due aree interessate da dissesto idrogeologico: ricostruzione spiaggia c.da Arizza per un importo di 1.500.000 euro; tutela fascia costiera riserva naturale fiume Irminio per un importo di 1.200.000 euro” se erano stati predisposti gli elaborati progettuali relativi ai due interventi a tutela delle aree interessate dal dissesto idrogeologico e gli atti relativi alla gara d'appalto e all'affidamento dei suddetti lavori. Inoltre, si chiedeva se il finanziamento concesso dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare sia vincolato all'esecuzione delle suddette opere. «Quanto successo nella fascia costiera di Scicli - ha affermato il

leader di Patto per Scicli, Franco Susino - è la prova provata che l'atto ispettivo sul fenomeno erosivo non mirava a creare allarmismo, ma si voleva pungolare l'Amministrazione Comunale di Scicli affinchè affrontasse con urgenza un problema serio». «Credo non si possa perdere altro tempo - ha concluso Franco

locale Stazione che in quel momento erano impegnati proprio in un servizio di perlustrazione sul territorio volto a prevenire reati di tipo predatorio. Entrati nel parcheggio del Comune, i Carabinieri e gli Agenti della P.M. notavano un uomo intento a rovistare all'interno di una delle autovetture del Comune di Scicli e che, alla vista dei militari dell'Arma, tentava di nascondersi. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine per diverse vicende penali a suo carico, veniva subito immobilizzato e controllato. A seguito della perquisizione eseguita nell'immediatezza dei fatti veniva rinvenuto un punteruolo, manufatto questo che era servito al 28enne pachinese per forzare la serratura

Franco Susino

Susino - per realizzare le opere a difesa dell'erosione della costa, anche perché i finanziamenti sono già disponibili con decreto 005/DEC/2008/0913 del 27 novembre 2008 del Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare». Marisa Gennaro

della vettura all'interno della quale si nascondeva. Il Di Rosa veniva per questo arrestato in flagranza di reato e condotto, subito dopo le formalità di rito, presso la casa circondariale di Modica ove è stato posto a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Di fondamentale importanza si sono rivelate sia la c o l l a b o r a z i o n e o ff e r t a d a l l a cittadinanza che ha prontamente segnalato l'anomala presenza di un sospetto all'interno del parcheggio del Comune sia la sinergia tra polizia Municipale di Scicli e la locale Stazione dei Carabinieri, entrambe presenti sul territorio con idonei e mirati servizi di carattere preventivo. Marisa Gennaro

A Scicli strade più sicure per gli automobilisti Da lì transitano moltissimi mezzi pesanti e i lavori per mettere in sicurezza la strada erano ormai indispensabili. E così la prima curva dei tornanti San Marco, lungo la strada che da via Alighieri e via Gesso conduce a Sampieri, è stata risagomata. L’importo? 55 mila euro che hanno permesso di rendere più agevole il transito in un tratto di strada critico, soprattutto per i mezzi pesanti. In un epoca in cui Suv, fuoristrada e mezzi di lavoro percorrono le strade comunali con un ingombro significativo della carreggiata, una via a doppio senso di circolazione come la parte terminale di via Dante Alighieri, all’intersezione con la via Gesso troppo spesso si rivela insufficiente. Il presidente del consiglio comunale, Antonino Rivillito, nel 2003, era stato promotore di una delibera di

indirizzo per affidare l’incarico di progettazione dell’intervento. «Abbiamo sbancato un muro di contenimento in profondità, per un’ampiezza di sei metri, in modo

Si torna a parlare di nucleare in Provincia di Ragusa e il Sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque, si dichiara fortemente ostile al posizionamento di una centrale nucleare nella Provincia Iblea: «Siamo contrari alla nascita di una centrale nucleare nel ragusano”- ha dichiarato Venticinque. “Siamo zona sismica e a forte vocazione turistica. Due condizioni che impediscono anche solo l'ipotesi di una centrale a Ragusa».

Corso di educazione stradale per i bambini del Primo Circolo didattico

Corrado Di Rosa finisce in manette mentre “rovistava” tra le auto della Polizia Municipale Nella tarda notte del 17 gennaio i militari della Stazione Carabinieri di Scicli, nell'ambito di un servizio di controllo del territorio mirato alla prevenzione dei reati predatori in genere, hanno arrestato Corrado Di Rosa, disoccupato 28enne di Pachino, pregiudicato per aver già perpetrato diversi reati contro il patrimonio. Erano le 23.00 circa quando giungeva una telefonata al centralino della Polizia Municipale di Scicli che segnalava l'apertura del cancello del parcheggio ove vengono custodite le vetture del Comune di Scicli, nonché la presenza di un uomo sospetto al suo interno. Sono subito scattati i controlli incrociati da parte della Polizia Municipale e dei Carabinieri della

Venticinque: «No alla centrale nucleare nel Ragusano»

da ampliare la carreggiata e rendere più agevole e sicura l’immissione in curva» – ha detto il sindaco di Scicli, Giovanni Venticinque.

Educare le nuove generazioni al rispetto delle regole della circolazione stradale. È il senso del corso tenuto dagli agenti della polizia municipale di Scicli presso il Primo Circolo didattico, che se ne è fatto promotore, al fine di rendere consapevoli e responsabili i nuovi utenti della strada. I bambini sono pedoni ma spesso fruiscono delle strade perché ciclisti, e non è pensabile che giungano all'età dei 14 a n n i , q u e l l a dell'acquisto dello scooter, senza conoscere la segnaletica stradale. Da questo assunto è partito il progetto degli insegnanti della scuola, che, col contributo degli agenti della polizia municipale di Scicli, hanno tenuto uno specifico corso di educazione stradale. Al termine, una divertente prova pratica nel “circuito” di Villa Penna. Alcuni bambini hanno indossato a

sandwich la segnaletica, mentre altri, a bordo di bici, si sono cimentati nella guida in ossequio alle regole della strada. Fatto significativo, durante la prova pratica, i vigili urbani si sono trovati costretti a ritirare tre patenti di

guida. Chiaramente un gioco, ma altamente istruttivo. Il sindaco Giovanni Venticinque e l'assessore con delega alla pubblica istruzione, Maurizio Miceli, hanno consegnato gli attestati di partecipazione.

La trasmissione “Andalusia per il mondo” dedica una puntata a Scicli Una troupe della trasmissione spagnola “Andalusia per il mondo” ha

girato una puntata a Scicli, scoprendo gli angoli del centro barocco. La trasmissione racconta la vita degli andalusi che hanno scelto di vivere lontano dalla loro terra. L'aggancio con Scicli quello di una giovane donna andalusa che a Scicli ha trovato il proprio compagno. Una parte del servizio è stato dedicato a Italo, il cane mascotte di via Mormina Penna. La troupe ha avuto parole di apprezzamento per la pulizia e lo splendore della città.

Il centro diurno affidato alle Suore del Divino Zelo La gestione del Centro Diurno per ragazzi in difficoltà per il periodo scolastico gennaio giugno/settembre-dicembre 2010, è stata affidata all'istituto Maria SS. del Rosario di Scicli. A darne comunicazione l'assessore ai servizi sociali del Comune di Scicli, Maurizio Miceli. L'affidamento del servizio è stato confermato alle Suore del Divino Zelo dell'Istituto Maria Santissima del Rosario. «La spesa conseguente alla gestione del C e n t ro D i u r n o - c h i o s a l'assessore Miceli - per il periodo scolastico gennaiogiugno/settembre-dicembre 2 0 1 0 , a m m o n t a approssimativamente a € 88.768,00, di cui 50 mila già impegnati per il periodo gennaiomaggio 2010, con riserva di adottare successivo provvedimento confermativo della somma occorrente per il periodo scolastico giugno-dicembre

2010, successivamente all'approvazione del bilancio dell'esercizio 2010». Il Centro accoglierà 25 ragazzi in difficoltà

L’assessore Maurizio Miceli

(in passato erano 24), e vedrà coinvolti uno psicologo, un assistente sociale, due educatori, due animatori, un operatore di laboratorio, un assistente al trasporto e un ausiliario generico. Guglielmo Scimonello


Febbraio 2010

Modica

news

30 giorni

Consiglio Comunale

11

Conferenza stampa del Partito Democratico di Modica

Paolo Garofalo riconfermato presidente «Sei mesi per dare una svolta

Paolo Garofalo

Come da pronostico Paolo Garofalo è stato riconfermato presidente del Consiglio Comunale di Modica. Il consigliere del MpA, infatti, è stato riconfermato a presiedere la civica assise con 18 voti favorevoli, di cui uno proveniente dall’opposizione (Michele Colombo di “Modica in Primo Piano”). Gli altri 10 consiglieri presenti al civico consesso (2 erano, infatti, assenti) non hanno voluto ridare fiducia a Garofalo, compreso quel Nino Gerratana i cui attacchi alla persona di Garofalo ne determinarono le inaspettate dimissioni lo scorso 28 dicembre. Era scontato, dunque, che Paolo Garofalo incassasse nuovamente la fiducia da parte dei partiti che sostengono

l’Amministrazione Buscema che sin da subito avevano difeso l’operato di Garofalo e criticato alacremente l’atteggiamento di Nino Gerratana. Il riconfermato Presidente del Consiglio Comunale, rispetto alla sua prima elezione, ha ricevuto un voto in meno dall’opposizione. Opposizione che per questa seconda elezione aveva avanzato i nomi di Vito D’Antona (Sinistra Democratica) e Carmelo Scarso (MpA). Ma la maggioranza del consiglio ha voluto riconfermare Garofalo che ha ringraziato indistintamente tutto il consiglio e ha ribadito la sua volontà di essere il presidente di tutti e non solo di quell’area politica che lo sostiene.

alla città» «Vogliamo dare una iniezione di energia all’amministrazione perché si può fare di più». Questo lo scopo della conferenza stampa che il Partito democratico ha convocato subito dopo le feste natalizie. I maggiorenti del partito, con accanto gli assessori in quota ed il gruppo consiliare, hanno dettato le principali linee direttive «che – è stato detto – da qui a giugno dovranno essere affrontate per poter segnare realmente la svolta in questa città ». Lavori pubblici, raccolta differenziata, mobilità urbana, Prg, manutenzioni e potenziamento della macchina amministrativa. «Dopo il risanamento finanziario – hanno detto ancora i democratici – la città ci chiede

Lavori Pubblici

Cerruto e i problemi stradali di Modica L’assessore ai lavori pubblici del Comune di Modica, dopo il maltempo che ha provato le strade cittadine nei giorni scorsi, si è rivolto ai cittadini solidarizzando con loro per i disagi che stanno vivendo dall’avvia dei lavori di ammodernamento di Via Risorgimento avviati circa un anno e mezzo fa. «La pioggia che in quest’ultimo periodo si è abbattuta sul nostro territorio – ha spiegato Cerruto – ha divelto in via Risorgimento il manto stradale appena rifatto su mia sollecitazione per evitare ai cittadini ulteriori disagi. A breve, sarà la ditta appaltatrice, a suo carico, a rifare nuovamente il manto stradale, completando i lavori entro il mese di marzo e restituendo alla città un’arteria moderna e agevole sia per il traffico veicolare, che verrà ripristinato nel doppio senso di marcia su di un manto stradale

omogeneo e confortevole, sia per i pedoni, che fruiranno di marciapiedi». I lavori in via Risorgimento rispondono a precise richieste da parte dei residenti di un intero popoloso quartiere che presto v e r r à riqualificato g r a z i e all’ammoderna mento della sua via principale. A q u e s t i seguiranno altri importanti interventi sia nelle zone urbane che in quelle più periferiche, dove già nei giorni scorsi è stato rifatto il manto stradale.

« D o m a n i i n o l t re – i n f o r m a l’assessore – il Comune stanzierà la somma di 10 mila euro per far fronte alle necessità impellenti di risistemazione di alcune strade».

Giorgio Cerruto

di più e noi dobbiamo soddisfare queste richieste». L’obiettivo dichiarato, soprattutto dal vicepresidente del consiglio comunale Salvador Avola, è quello innanzitutto di ritrovare l’entusiasmo e ridare fiducia «perché siamo noi – ha detto Avola – gli artefici della svolta in città». Il Partito Democratico dunque detta la rotta all’amministrazione Buscema «che – è stato sostenuto dal coordinatore cittadino Giancarlo Poidomani – bene ha fatto sul risanamento finanziario, come testimonia la regolarità nei pagamenti degli stipendi, ma tanto c’è ancora da fare». Ad iniziare dai lavori pubblici. «Non si può ancora menare il can per l’aia – ha detto Salvador Avola

–. Ci sono progetti per i quali paghiamo mutui ma che ancora non sono partiti, come la rotatoria di MusebbiCalicantone o l’acquedotto di Zappulla. Attendiamo ancora la rotatoria Dente Crocicchia ed il cavalcavia della Caitina. Va garantito poi il pagamento alle imprese di manutenzioni perché altrimenti, liquidando la Multiservizi, non ci sarà nessuno che vorrà assumersi gli appalti». Altro punto riguarda la mobilità urbana «con scelte – è stato detto – che devono essere decise, anche drastiche ma concertate. Bisogna riportare la legalità nella viabilità». Altro step importante per il Pd, sarà quello legato al bando per la raccolta differenziata. «È tutto pronto ormai e dovrà esprimersi il consiglio comunale – ha detto l’assessore al ramo, Tiziana Serra -. Saremo i primi in Sicilia a dotarci di un bando del genere. Sono convinta che la città ed i cittadini sono pronti alla raccolta differenziata ed al porta a porta». Altro tassello fondamentale e «medaglia al petto di cui potrà fregiarsi il Pd sarà il Piano regolatore generale per il quale – ha assicurato l’assessore Elio Scifo – il nostro impegno è massimo». Scifo ha anche assicurato la riattivazione dei giochi d’acqua nella fontana Cellini e l’allargamento del marciapiede sotto la scalinata di San Pietro. Sguardo puntato poi alla macchina amministrativa. «Serve un potenziamento – hanno detto i democratici – ma anche ridare entusiasmo ai dipendenti e trasparenza ai cittadini. Bisogna puntare sul sito internet. La rete civica potrà avvicinare ancora di più i modicani al Palazzo». Il Pd dunque ha tracciato la strada. Appuntamento a giugno per capire se sarà stata percorsa da Buscema. Giorgio Caruso

Tutti i numeri dell’attività svolta dalla In bocca al lupo, Giorgio! Polizia Municipale nel 2009 Automobilisti indisciplinati ed irrispettosi soprattutto dei divieti di sosta, anche a causa della penuria di parcheggi. È il quadro che emerge dal consuntivo annuale dell’attività della Polizia Municipale di Modica, redatto

dal dirigente, Giuseppe Puglisi. I numeri delle infrazioni mostrano un grado di “indisciplina viaria” assai elevato. Basti pensare che nel 2009 sono state 8900 le infrazioni al codice della strada accertate dai caschi bianchi.

Nella fattispecie, ben 1618 sono state le contravvenzioni elevate per mancato rispetto del divieto di sosta. Al secondo posto in questa classifica dei “peccati” degli automobilisti modicani, vi è il contravvenire al divieto di parcheggio, accertato in ben 312 casi. Dispiace constatare come 39 volte i Vigili urbani abbiano sanzionato autovetture lasciate in sosta negli stalli d e s t i n a t i a i diversamente abili. 127 sono state poi le rimozioni forzate disposte dagli uomini della Polizia municipale modicana e 26 le disposizioni di “fermo veicolo” o sequestro. 41 poi le infrazioni per “velocità pericolosa”, 27 per la mancata precedenza, 13 per il mancato rispetto della distanza di sicurezza. I modicani, dai numeri, si scopre essere più attenti al

pagamento dell’assicurazione che alla revisione del veicolo. Nel 2009 infatti i vigili urbani hanno “pizzicato” solo 4 veicoli non coperti da polizza assicurativa, mentre sono state 9 le carte di circolazione ritirate in quanto il mezzo non era stato revisionato. Un solo automobilista è stato invece trovato alla guida senza la patente. Secondo i dati forniti dal Comando di Polizia municipale, solo 16 sono state le violazioni accertate e compiute con ciclomotori. A tutto ciò fa fronte un incasso, derivato dai complessivi 9500 verbali per violazione al Codice della Strada, di 300mila euro. 40mila di questi sono stati già spesi per la realizzazione della segnaletica orizzontale nelle principali arterie cittadine. Infine i dati più tristi. 4 sono stati gli incidenti mortali i cui rilievi sono stati a cura della Polizia municipale, 91 quelli che hanno fatto registrare feriti e 109 quelli che, invece, non hanno avuto conseguenze gravi. Giorgio Caruso

Disservizi Poste, il Sindaco Buscema invia nota al Dirigente «Rilevo da più parti, segnalazioni di cittadini singoli e associati, di consiglieri comunali, il disagio e anche la protesta in ordine al servizio di spedizione o consegna pacchi e raccomandate dell’ufficio postale di Via Resistenza Partigiana”. È quanto scrive il Sindaco, Antonello Buscema, in una nota inviata al dirigente provinciale delle Poste italiane, filiale

di Ragusa. «L’organizzazione di quel servizio – scrive ancora il primo c i t t a d i n o – c h e p re v e d e i l concentramento della gestione in un unico ufficio rispetto a quelli decentrati sta determinando notevoli disagi all’utenza costretta, attesa la vastità del territorio urbano, a spostarsi da distanze consistenti per potere usufruire di una consegna o di

un ritiro di corrispondenza con tutte le conseguenze del caso». Il Sindaco, infine, ha invitato il dirigente a rivedere tale decisione e la gestione di spedizione e consegna, al fine di eliminare difficoltà e disagi all’utenza e restituire al cittadino un servizio più efficiente.

Il giornalista modicano Giorgio qualche mese anche del nostro Caruso è diventato addetto stampa periodico. La sua penna mancherà al della Federazione italiana scherma. nostro territorio. Originale e puntuale, Un traguardo Giorgio Caruso si è raggiunto ad appena sempre distinto nel 26 anni, con alle spalle p a n o r a m a diverse collaborazioni giornalistico locale giornalistiche: p e r l a s u a r e d a t t o r e professionalità. La dell'emittente tenacia, l'umiltà e la t e l e v i s i v a Vi d e o totale dedizione a Mediterraneo, di cui è questo mestiere lo stato responsabile dei hanno premiato. La programmi sportivi, redazione di collaboratore del 30giorninews gli quotidiano "Il augura un futuro di Giornale di Sicilia", di successi! In bocca al Giorgio Caruso Ragusanews e solo per lupo Giorgio!

Mareggiate: stimati 100mila euro di danni a Maganuco e Marina di Modica Danni per complessivi cento mila euro, di cui settantamila nelle strutture pubbliche e trentamila in quelle private; e la stima necessaria per i lavori di ripristino dei siti a causa della mareggiata del 26 e 27 gennaio a Marina di Modica e Maganuco non è ancora definitiva. A segnalarlo il Sindaco, Antonello Buscema al Dipartimento Regionale della protezione Civile, servizio per la provincia di Ragusa, a motivo dei danni consistenti a carico di infrastrutture e manufatti insistenti nelle aree limitrofe le coste del modicano. I rilievi sui posti sono stati effettuati dall’UTC in cui si è riscontrata l’invasione delle acque del mare lungo l’originario arenile e

destinate a parcheggio e passeggiate nella spiaggia di Maganuco. Danneggiate, in modo irreversibile, i manufatti destinati alla fruizione della spiaggia a Marina di Modica dove risultano irrimediabilmente compromessi parte dei camminamenti esistenti, costruiti da lastre in calcare duro.


12 Modica

news

30 giorni Febbraio 2010

Nasce la fondazione Teatro Chocobarocco: nominato un comitato promotore Garibaldi dell’evento

Ha visto la luce con l’atto notarile di giovedì 28 gennaio la fondazione Teatro Garibaldi. Sei i soci privati: Giap Carburanti, la Banca della Contea, gli imprenditori edili Giuseppe Zaccaria e Giorgio Macauda, la Conad e la Galleria Solaria. Il consiglio di amministrazione è composto dal presidente della Fondazione, il Sindaco Antonello Buscema, il sovrintendente, Giorgio Pace, i componenti, Raimondo Minardo, Giuseppe Zaccaria e in rappresentanza delle associazioni, in via provvisoria in attesa di nomina, la signora Maria Cicero. «Con l’atto notarile vede finalmente la luce la Fondazione Teatro Garibaldi – ha commentato il Sindaco Buscema – un traguardo da anni

inseguito e che da adesso autonomia di azione a quanti hanno il compito di gestire l’attività nello spazio culturale per antonomasia in Città».

Un comitato promotore di otto persone in rappresentanza di enti e associazioni di categoria e una calendarizzazione degli incontri per costruire Chocobarocco 2010, fissato dal

simbolo della manifestazione e il Consorzio dei produttori, che lo ha ottenuto dal Fine Chocolate, lo mette a disposizione dell’evento. Il prossimo anno lo cederà alla

16 al 18 aprile. È quanto scaturito al termine di un incontro tenutosi nella sala “G.Spadaro” di palazzo San Domenico. Il marchio Chocobarocco sarà ancora il

costituenda Fondazione, che si occuperà della organizzazione delle manifestazioni future. Dal punto di vista pratico il Comune dovrebbe farsi carico dell’organizzazione

I consiglieri D’Urso e Migliore intervengono sulla organizzazione uffici postali Facendo seguito alle numerose proteste sollevate dai cittadini, i consiglieri Michele D’Urso e Giovanni Migliore hanno presentato una mozione di indirizzo sulla organizzazione degli uffici postali di Modica. Dallo scorso ottobre i responsabili locali di poste italiane hanno abolito la possibilità di ritiro dei pacchi e raccomandate presso i singoli uffici postali, come è sempre avvenuto, concentrando invece il servizio esclusivamente presso l’ufficio postale di via Resistenza Partigiana; ufficio, peraltro, già in gravi difficoltà a servire il popoloso quartiere “Sorda”. Quindi, i cittadini modicani ed in particolare i residenti a Modica Alta e a Modica Bassa, qualora non sono presenti nel proprio domicilio al momento della consegna, sono costretti a confluire tutti nell’unico ufficio addetto a questo servizio, incrementando le difficoltà logistiche già esistenti per non parlare dei gravi disagi degli utenti costretti a perdere ore

di lavoro in attesa del proprio turno. Considerato che il servizio postale rappresenta un servizio di rilevanza pubblica, i consiglieri D’Urso e Migliore hanno chiesto al Sindaco Buscema di intervenire presso i competenti funzionari delle poste italiane affinché venga ripristinato il servizio presso i singoli uffici dislocati in città.

Ritorna il metano in alcune scuole della città Torna il metano in alcuni plessi scolastici e uffici di proprietà comunale. La riattivazione del sistema di riscaldamento attraverso l’uso del metano è avvenuta nel plesso “G. Albo” di Via nazionale e Via Furio Camillo, nelle scuole del’infanzia di Cozzo Rotondo e Trapani Rocciola. L’Ente ha riattivato l’uso del metano dopo aver liquidato una somma pregressa alla “Conenergia” la società emiliano che gestisce il sistema di distribuzione in Città. «Un uso del metano nelle strutture pubbliche – commenta l’assessore alla Pubblica Istruzione Antonio Calabrese – interrotto nel 2003 e che ha negli anni costretto le amministrazioni a non poterne usufruire attesa la qualità del’energia e il costo dello stesso. Abbiamo in questo modo garantito un servizio importante a piccoli utenti e di cui si sentiva, naturalmente, il bisogno». Antonio Calabrese

La Provincia di Ragusa pronta all’acquisizione dell’auditorium di Modica Un passo avanti per l’acquisizione diversi mesi inagibile, rappresenta un’essenziale dell’auditorium di piazzale Baden Powell di struttura per lo svolgimento di attività sportive e Modica. Il Comune di Modica ha dichiarato la didattiche in quanto è ubicato in una zona disponibilità di cessione dell’immobile alla strategica di Modica dove insistono gran parte Provincia di Ragusa che, a sua volta, è pronta ad degli istituti scolastici della città di Modica. Il attivare tutte le procedure per vicepresidente Girolamo pervenire in tempi brevi Carpentieri esprime all’acquisizione soddisfazione per la futura dell’immobile con acquisizione dell’auditorium l’accensione di un mutuo che potrà essere restituito alla presso la Cassa Depositi e fruizione, innanzitutto delle Prestiti cui è possibile fare associazioni sportive ricorso perché si tratta di una modicane per gli allenamenti spesa inserita nel piano e l’attività agonistica, nonché triennale delle opere dei tanti giovani che aspirano pubbliche. Sta quindi per ad avere una struttura idonea concludersi l’iter burocratico alla pratica dello sport e per che porterà la Provincia ad impiegare al meglio il loro acquisire l’auditorium di tempo libero. «È chiaro – Modica. Gli ultimi passaggi aggiunge Carpentieri – che burocratici sono stati portati a l’acquisizione è un primo termine dal vicepresidente passo per il recupero di una Mommo Carpentieri della Provincia Girolamo struttura che vogliamo Carpentieri e dall’assessore mettere a disposizione della all’Edilizia Patrimoniale Giuseppe Giampiccolo città di Modica prevedendo immediatamente un che hanno avviato e seguito l’interlocuzione col progetto di ristrutturazione ed adeguamento dei comune di Modica e definito l’iter per pervenire locali allo scopo di rimuovere le cause di all’acquisizione. L’auditorium (la cui cessione è inagibilità e rendere la struttura perfettamente stata stimata un milione e350 mila euro) da funzionale all’utilizzo».

dell’evento, mentre la promozione sarà affidata ad un’agenzia specializzata scelta dal comitato promotore. Il comitato, infatti, tornerà a riunirsi lunedì 8 febbraio alle ore 11.00 a Palazzo San Domenico, per stilare un progetto, vagliando proposte e indicazioni, e quindi dare inizio alla organizzazione dell’evento, individuando il soggetto che dovrà poi gestire la sua promozione. Il comitato promotore, così come deciso, è così composto: Comune di Modica (Vice Sindaco Enzo Scarso), Camera di Commercio (dr.ssa Giovanna Licitra), Provincia Regionale di Ragusa (Assessore allo Sviluppo Economico Enzo C a v a l l o ) , A s c o m ( Vi c e Presidente Peppe Barone), Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica (Presidente Tonino Spinello), CNA (Pietro Bonomo), Coldiretti (direttore Franco Savarino), Cooperativa dei produttori (Piero Iemmolo).

Modica tra le eccellenze storico artistiche nel rapporto BITLAB Modica nella mappatura delle eccellenze storico-artistiche e culturali paesaggistiche d’Italia più elogiate dalla stampa estera. È quanto emerge dal rapporto redatto da Klaus Davi & C. Attraverso il monitoraggio di oltre cento prestigiose testate giornalistiche internazionali di 12 nazioni (Australia, Austria, Cina, Francia, Germania, Gran Bretagna, India, Medio Oriente, Russia, Spagna, Svizzera e Usa) condotto nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2009, BITLAB, il primo osservatorio p e r m a n e n t e sull’immagine del settore turistico italiano a l l ’ e s t e r o , commissionato da Expocts, società della Fiera di Milano, in vista del BIT 2010, in programma a Milano dal 18 al 21 febbraio 2010, ha evidenziato le eccellenze italiane più elogiate dai più autorevoli quotidiani mondiali. Modica è inserita nel rapporto della Klaus Davi & C nelle destinazioni del Sud con il titolo “Modica e i suoi

scenari paradisiaci”. A far guadagnare alla Città della Contea il prestigioso riconoscimento è stato un articolo apparso sul Financial Times lo scorso 13 giugno 2009, a firma di Dan Hofstadter. «Modica – scrive il giornalista sulle colonne del prestigioso

quotidiano del Regno Unito – è situata nel ricco sud-est della Sicilia e queste province raramente sono toccate da povertà endemica e crimine organizzato. E’ una città eccezionalmente bella, attraversata da un’ampia via e da un vecchio fiume interrato e ripavimentato nel 1902 dopo

un’alluvione. Fuori dal corso principale c’è un’elegante cioccolateria: Antica Dolceria Bonajuto. Aperta nel 1880, sono sei le generazioni che hanno portato avanti questo business che discende dall’antica tradizione modicana del ciucculataru, il cioccolataio ambulante». «È veramente un grande o n o re e m o t i v o d i soddisfazione per Modica e per quanti ci vivono – commentano il Sindaco Buscema e l’assessore al Turismo, Enzo Scarso, – fare parte della mappatura delle eccellenza storicoartistiche e fregiarsi di questo prestigio per volontà della stampa estera grazie al report di un quotidiano antico quanto importante come il Financial Times. Il rapporto LIBLAB farà da supporto alla BIT di Milano 2010 che si prevede più ricca e interessante che mai». Marina Barrera

Franco Battiato a Modica in visita alla Galleria Lo Magno Il musicista, cantautore e regista Franco Battiato ha visitato la mostra “Undici d’apres” di Piero Guccione allestita negli spazi della Galleria Lo Magno (Via Risorgimento, 91-93). Com’è noto, Franco Battiato è anche un affermato pittore e vanta la partecipazione a diverse mostre personali e collettive in Italia e all’estero, alcune delle quali organizzate proprio in collaborazione con Piero Guccione. L’eclettico musicista catanese, che lo

scorso 6 gennaio si era esibito con il filosofo Manlio Sgalambro in uno spettacolo al Teatro Garibaldi, ha apprezzato le opere del maestro Guccione, cui è legato da una profonda amicizia. Battiato si è anche complimentato con gli organizzatori per l’allestimento e la cura espositiva. La mostra “Undici d’apres” ha fatto registrare un

notevole successo di pubblico e di critica con centinaia di visite sin dall’inaugurazione, avvenuta lo scorso 19 dicembre.


Febbraio 2010

Ispica 13

news

30 giorni

Intervista a Nino Gianì, candidato a Sindaco di Ispica per il Partito Democratico

“Servire la città è l’espressione più nobile a cui si è chiamati” Nato ad Ispica 55 anni fa, Nino Gianì, candidato a Sindaco di Ispica per il Partito Democratico, vive da sempre in questa città dove ha affrontato gli studi, dalle elementari al liceo classico; le sue esperienze giovanili passano attraverso l'azione cattolica prima e lo scoutismo dopo dove, ancora oggi, ritrova amicizie e valori. Il suo percorso formativo di studi e professionale di lavoro è alquanto variegato e stimolante, mai conclusosi ma continuamente rinnovatesi: laurea in Medicina e chirurgia e Specializzazione in Igiene e Tecnica Ospedaliera, Igiene del Lavoro, Igiene e Sanità Pubblica, Scienza della Alimentazione e dietetica; intensi e proficui periodi di frequenza presso la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi di Milano, Corsi di perfezionamento presso l'Istituto Superiore di Sanità a Roma ed il Formez. L'attività professionale si esplicita come medico di medicina generale, medico condotto ed ufficiale sanitario nella città di Ispica, come Direttore Sanitario presso l'Ospedale Umberto I di Siracusa ed attualmente come dirigente medico presso la ASP di Ragusa. Importante è stata e continua ad essere l'attività didattica da sempre espletata “costringendolo” piacevolmente all'aggiornamento continuo, al confronto ed alla valutazione da parte di studenti, colleghi medici ed universitari ed operatori professionali: il ruolino di marcia in tal senso evidenzia infatti circa tredici anni di insegnamento presso la Scuola per infermieri professionali della nostra provincia e, dal 1998 a tutt'oggi presso l'Università

degli Sudi di Catania nella Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione di Igiene e Medicina Preventiva. Nino Gianì è sposato da 26 anni, la moglie è insegnante di lingua inglese e dei suoi due figli uno è universitario, l'altro liceale. Amante della musica, ne ascolta ancora oggi tanta e proveniente da varie sorgenti, cd, vinile del giradischi o del juke box, 78 giri da grammofoni a manovella o partecipando alla corale cittadina ed ancor più a concerti dal vivo nella espressione lirica e sinfonica o nelle moderne tendenze e sperimentazioni musicali di avanguardia. Vivere a contatto con la natura attraverso l'hobby della campagna è certamente connaturato nel cromosoma del boy scout come quello di voler conoscere il mondo viaggiando per tutta l'Europa con il camper. Non si è mai perduto un numero di Diabolik. Oggi si trova ad affrontare una grande sfida, quella di provare a diventare Sindaco di Ispica.

Gianì, candidato a Sindaco di Ispica: che tipo di sensazioni sta provando? In poche altre occasioni come quella che sto affrontando ho sentito su di me pesare tanta responsabilità e dentro di me vibrare tanta emozione. La mia accettazione ad una sfida così pesante ma altrettanto coinvolgente ha il suo sostrato su tre elementi fondamentali: la certezza del passato, l'evidenza di un presente che impone di non accettare di vivere in questa città come un “inquilino” o in una condizione di piacevole e disinteressata villeggiatura, la speranza del futuro che vedo e ritrovo in tanti giovani. Il Pd ad Ispica si è spaccato: non teme che questo possa rafforzare ulteriormente lo sfidante più pericoloso, cioè il sindaco uscente Piero Rustico? Personalmente ho difficoltà a comprendere appieno le motivazioni politiche che hanno determinato la decisione, da parte di alcuni componenti il coordinamento politico del PD appartenenti alla ex Margherita, di autosospendersi costituendosi in movimento. Il percorso comune nei due anni di costituzione del PD ispicese ci ha visto uniti in momenti importanti di confronto nella contrapposizione non al Sindaco Rustico ma alla amministrazione Rustico; pensiamo a quanto insieme è stato fatto sul PRG, sulla esternalizzazione da parte della amministrazione comunale di servizi alla città, ed ancora le iniziative politiche per il rilancio economico della nostra economia. Ritengo sia un valore fondante della democrazia accettare e rispettare posizioni e

determinazioni assunte negli organismi e nelle sedi proprie ed appropriate a validare e legittimare le decisioni scaturite dal confronto assembleare anche se spesso non perfettamente coincidenti con le proprie convinzioni ed opinioni. Sono fiducioso che il dialogo possa comunque mantenersi ancora vivo nel bene e nell'interesse della nostra città. Come giudica in questo momento l'Mpa: un avversario o un probabile alleato? L'MPA è una realtà importante, vitale e consolidata a livello locale; personalmente ripongo nei confronti della base e degli esponenti del movimento sentimenti di rispetto, stima e fiducia; nel percorso politico condiviso con molti di loro ritrovo elementi importanti ed imprescindibili per attuare anche ad Ispica quanto verificatosi nella vicina Modica e quanto di virtuoso si è innescato a livello regionale. Un sistema di alleanze con l'MPA e con altri movimenti e liste cittadine, espressioni di esigenze che devono trovare voce ed espressione organizzata, è di fondamentale importanza strategica per essere credibili e riuscire vincenti; non è scontato che ciò possa verificarsi in prima battuta ed è a questo punto che la verifica di ballottaggio configura ed assume per partiti e movimenti il significato di una scelta. Se venisse eletto Sindaco, quale sarebbe la prima azione da primo cittadino? Da sindaco, da primo tra i cittadini rimetterei innanzitutto la mia tessera di partito, del PD, datata 1977, al segretario cittadino ritenendomi

espressione non più e non solo di un partito o coalizione ma della intera comunità; sono convinto che “servire la città” sia l'espressione più alta e nobile cui si è chiamati e la vera legittimazione a governare, a “gubernare” per dirla con l'etimo proprio, è sì attribuita dai numeri, ma va conquistata e guadagnata giornalmente lavorando con la gente e per la gente investendo sulla risorsa principale e più importante: l'uomo. Operativamente e coerentemente con quanto appena detto, anche se a fine anno scolastico ma proprio per non sprecare l'opportunità dell'inizio estate, mi appellerei, incontrandoli, agli studenti per orientare e dare un significato alla loro vacanze estive. Ritengo utile attuare anche nella nostra realtà progetti, iniziative ed attività finalizzate a gestire assieme il “tempo della non scuola” coinvolgendo e valorizzando le associazioni di volontariato, aziende ed organizzazioni che si occupano di lavoro, ambiente, sport, tempo libero ed altro; esistono nella nostra città competenze, attitudini e professionalità in tutte le fasce di età che, da autoreferenziali, possono trasformarsi in volano di idee, di atti e di fatti utili per dare opportunità di crescita e di vivere diversamente il tempo della non scuola che rappresenta pur sempre un tempo della nostra unica vita. GianPaolo De Simone

Tre milioni e mezzo di euro per il ripascimento della fascia costiera

Consegnato scuolabus acquistato grazie al lascito della benefattrice Carmela Iozzia

I lavori della commissione per l'affidamento del progetto di ripascimento morbido relativo al primo stralcio funzionale delle 'Opere di tutela della fascia costiera Santa Maria del Focallo', sono ufficialmente conclusi. Dopo aver conferito l'incarico professionale al geologo Dott. Salvo Puccio per lo studio geologico a supporto della progettazione definitiva ed esecutiva delle opere di ripristino degli arenili, è stato quindi individuato il gruppo di progettazione: si tratta della ' A RT E C A s s o c i a t i ' d i Taormina. Il conferimento dell'incarico e l'affidamento della progettazione rappresentano l'ufficiale apertura del grande progetto che l'Amministrazione comunale di Ispica ha approntato per dare risoluzione all'annoso problema dell'erosione costiera tuttora in atto sul litorale ispicese, che sarà sovvenzionato tramite il finanziamento di € 3.600.000,00 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ottenuto grazie ad un'oculata azione politica ed amministrativa. Gli interventi previsti e proposti di

È stato consegnato alla Città, alla presenza del Sindaco Piero Rustico e dell'Assessore alla Pubblica Istruzione Patrizia Lorefice, il nuovo scuolabus per il trasporto degli alunni, acquistato con i proventi della farmacia comunale 'Ispicenia' ed il cospicuo lascito della benefattrice ispicese Carmela Iozzia. La signorina Iozzia, durante la sua vita, ha spesso devoluto delle somme per i bambini dell'Africa tramite Padre Donzello, un missionario di Ispica; alla sua morte, avvenuta nel 1998, eseguendo le espresse volontà della defunta, il Preside Nino Portoghese, da lei nominato esecutore testamentario, ha inviato la somma intestata solo a suo nome alla Missione africana dei Padri Comboniani a Nairobi per costruire un pozzo per l'acqua potabile di cui la Missione era sprovvista e che ancora oggi porta il suo nome; i restanti averi sono stati lasciati in eredità al Comune di Ispica per i bambini della Città. La

ripascimento morbido protetto saranno tali da assicurare sia un corretto impatto ambientale, sia la mitigazione del rischio idrogeologico, costituito dall'arretramento della costa per erosione marina, dovuto in larga parte alla mancanza di apporto solido; il rinascimento così realizzato sarà protetto mediante pennelli in roccia calcarea

permeabili e tramite la riqualificazione ambientale del sistema dunale. Il progetto, valido e risolutivo, rappresenta una soluzione definitiva, che pone il Comune di Ispica all'avanguardia nelle politiche di tutela ambientale e di valorizzazione delle coste. Grande soddisfazione è stata espressa dall'Assessore alla Fascia Costiera Paolo Mozzicato:

«Il nostro progetto prosegue spedito verso la concreta realizzazione. Di indubbio valore tecnico e con un bassissimo impatto ambientale, il ripascimento morbido protetto permetterà alle nostre spiagge di tornare ad ottimi livelli di praticabilità e di riqualificare, finalmente, una delle maggiori attrattive turistiche del nostro territorio». E anche il primo cittadino ispicese, Piero Rustico, è felice per i risultati fin qui raggiunti: «Era impresa ardua dare una soluzione concreta al grande problema dell'erosione costiera che, di fatto, affligge tutta l'isola, con gli esiti infausti che sono oggi sotto gli occhi di tutti. Questa Amministrazione è riuscita nell'intento, avvalendosi di consulenze qualificate e mettendo in atto, con una valida e mirata progettazione, una serie di iniziative che si sono rivelate decisive ai fini dell'ottenimento del finanziamento ministeriale. Si tratta di un grande traguardo che permetterà alla nostra Città, per prima in ambito provinciale, di poter mettere un freno a questo drammatico fenomeno».

Nuovo impianto di illuminazione alla “Ccianata 'o tagghiu” È stato inaugurato il nuovo impianto di illuminazione della 'Ccianata 'o tagghiu', come familiarmente gli ispicesi chiamano da sempre il tratto di SS 115 posto tra la prima e la seconda rotatoria all'ingresso della Città. Le opere sono state eseguite dalla ditta subappaltatrice 'Gama Grandi Opere s.r.l.' di Vittoria, per un importo complessivo di € 350.320,07, con la supervisione

ed il coordinamento del progettista e Direttore dei lavori Ing. Saverio Piazzese; nella fattispecie sono stati installati 21 pali in acciaio, dotati di lampada ai vapori di sodio ad alta pressione da 250 W, ed effettuati tutti gli scavi propedeutici nonché di ripristino della sede stradale a conclusione della posa in opera dei corpi illuminanti. Il nuovo impianto di pubblica

illuminazione si congiunge idealmente con gli altri impianti realizzati dall'Amministrazione comunale ed inaugurati nel 2009: zona 167, zona S. Maria Maggiore, zona centro storico, zona SS. Annunziata, zona S. A ntonio e M adonna del Carmelo nel mese di Aprile, via Ucca Marina, via della Malva e la strada comunale Ispica S. Maria del Focallo nel mese di Luglio.

somma di € 47.656,47 donata dalla Iozzia è stata integrata, per volere della Giunta municipale presieduta dal Sindaco Piero Rustico, con una restituzione in conto capitale della farmacia comunale 'Ispicenia' e destinata all'acquisto di un nuovo scuolabus per il servizio di trasporto degli alunni della scuola dell'infanzia, delle scuole primarie e secondarie di primo grado, al fine di garantire agli scolari residenti nelle zone poderali della città l'accesso e la frequenza alle attività scolastiche. Il nuovo scuolabus è stato fornito dalla ditta 'Tommassini Style s.r.l.', risultata aggiudicataria della gara tenuta dalla Società 'CONSIP' di Roma per l'approvvigionamento di automezzi per il trasporto scolastico per conto della Pubblica Amministrazione; si tratta, nello specifico di uno scuolabus Mercedes Benzdel tipo C3 da 40 posti, con rallentatore elettromagnetico e aria condizionata. Sulle fiancate

dello scuolabus è stata apposta, p e r v o l o n t à dell'Amministrazione comunale, la dicitura “In memoria di Carmela Iozzia Con il contributo di Farmacia Ispicenia”, a voler rendere giusto tributo alla generosità della signorina Iozzia. «Coloro che fra i miei concittadini ricordano la signorina Carmela Iozzia, certamente conoscono la profonda religiosità e bontà d'animo che sempre l'hanno contraddistinta e che ha dimostrato persino nelle sue estreme volontà, devolvendo una cospicua somma da destinare ai bambini ispicesi; ritengo che l'acquisto del nuovo scuolabus, che permetterà a tanti piccoli studenti residenti lontani dal centro di raggiungere agevolmente le scuole, fosse il miglior modo per onorare degnamente la sua memoria e ricordare quanto di nobile fece in vita» ha dichiarato il Sindaco Piero Rustico.

Approvato progetto per completamento centro sportivo “Brancati” È stato ufficialmente approvato il progetto dei lavori di completamento del centro sportivo 'A. Brancati', redatto dall'Arch. Salvatore Guarnieri. Le opere già realizzate al 'Brancati' saranno così integrate con la messa in opera di una staccionata in legno di castagno da collocare ai margini dell'area di gioco dei bambini, la sistemazione del prato verde, la realizzazione dell'impianto di adduzione, distribuzione ed irrigazione, la rimozione della rete danneggiata lungo il perimetro del campo di calcetto e relativa sostituzione

con rete metallica, l'integrazione dei muri di cinta, la messa a dimora di quattordici alberi, la costruzione dell'area attrezzata per la raccolta differenziata e la demolizione delle strutture in precario adiacenti l'ingresso di via Statale. Il costo delle opere sarà di € 121.747,23, somma rimasta a disposizione del Comune e già destinata al completamento ed al miglioramento delle strutture sportive cittadine; l'esecuzione dei lavori sarà affidata in seguito all'espletamento di apposita gara, in conformità a quanto previsto dalla vigente legislazione

regionale in materia di opere pubbliche. In passato erano già stati apportati alcuni importanti interventi, tra cui l'edificazione di un corpo annesso al locale palestra atto ad ospitare due spogliatoi per atleti e giudici di gara, completi di servizi igienici e locali termici, il completamento della tribuna della palestra e la messa in opera della nuova pavimentazione delle superfici di gioco, dell'impianto idrico antincendio e dell'impianto di illuminazione dei campi da tennis.


14 Tempo libero

news

30 giorni Febbraio 2010

1

Allenatore “ASD Araba Fenice” Calcio a 5

In questo numero abbiamo messo a confronto due atleti della squadra “ASD Araba Fenice” di Calcio a 5 che milita nel campionato di serie D. La rubrica ci aiuta ogni mese a conoscere il lato più “umano” e meno “professionale” dei personaggi più o meno noti della vita pubblica

Natale (ino), Dante, Giovanni

Nome

Ignazio

Arezzi

Cognome

Agosta

30 anni

Età

28 anni

23

Celibe

Stato Civile

Celibe

24

Agente di Viaggio

Professione

Lavoro in un’azienda

Capitano “ASD Araba Fenice” Calcio a 5

9 12

13

Tre aggettivi per descriverti

Disputa su dio e dintorni

Ultimo libro letto

Non capisco a volte quando è il caso di fermarsi...esagero...

Orgoglioso, sveglio, permaloso

Cosa apprezzi di più di un giocatore?

La mancanza di rispetto Rispetto per gli avversari...convinzione nei propri mezzi...essere gruppo sempre e comunque

Mmm…orgoglio!

Cosa ti fa arrabbiare?

Le persone che non ti ascoltano

Cosa pretendi dalla tua squadra?

Grinta, tenacia e concentrazione

Qual è il tuo motto?

“Chi fa da se fa per 3”!

Valeria Golino Don Chisciotte (anche se da romanzo)

Attrice Preferita

Giovanna Mezzogiorno

Quale personaggio storico saresti potuto essere?

Franklin Delano Roosevelt

Gettare le basi per la prossima stagione Il vostro obiettivo in questo campionato

Divertirsi fino alla fine!

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Musica, Calcio, Viaggi

I tuoi hobbies...

Chissà...New York? Una bella donna... ma ignorante... Una casa famiglia per bambini disagiati

La meta del tuo prossimo viaggio

“Mille giorni di te e di me” (C. Baglioni)

Canzone preferita

Pozzallo è... Che regalo faresti alla tua città?

L'attimo fuggente

Un futuro migliore! Brain Buddies su Facebook…imbattibile! Parigi ... Potrebbe essere migliore di adesso Togliere il marciume dalle strade, e non parlo soltanto di immondizia!

“Senza Parole” di Vasco Rossi A Beautiful Mind Un amico fraterno

Film preferito

Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo...Ci tengo assai assai

7

8

15 18

19

21

22

25

26

27

28

29

30

31

32

34 36

33 35

37

Juventus L’intelligenza tattica

Memento audere semper = Ricorda di osare sempre

Essere padre di una famiglia numerosa

6

11

17

Economia Bastarda di Alan Beattie

Quale squadra tifi?

Intelligenza tattica, estro,caparbietà

5

I miei cari…

Un tuo difetto

Milan

4

14

20

Qual è la cosa a cui tieni di più?

Sensibile, acuto, diretto

3

10

16

La "bellezza" ed il sorriso delle persone che amo...

2

Cosa pensi dell’altro?

Orizzontali: 1. Nocivo, dannoso - 10. Lo Stato con Lagos 12. Ente Municipale - 14. Mammella - 15. Bari - 16. Tomografia Assiale Computerizzata - 18. Andata, partita - 19. Grosso veicolo stradale - 20. La Dea della Salute - 22. Bruciati - 23. Trascinatore, ascendente - 24. Antichissima città della Campania, patria di uno Zenone - 25. Ente Nazionale Assistenza Lavoratori - 26. L’Olanda e la Spagna in automobile - 27. Parità farmaceutica - 29. Centro in provincia di Chieti - 30. Simbolo chimico del Titanio - 31. Scevola, attentatore di Porsenna - 33. Preposizione semplice - 34. Frenetica manifestazione di entusiasmo collettivo - 36. L’invenzione di Alessandro Volta - 37. Figlio maggiore di Sem Verticali: 2. Enna - 3. Lire italiane - 4. Antichissimi popoli del Mediterraneo - 5. Dionigi, Arcivescovo di Milano - 6. Salita, pendio - 7. Malvagia - 8. Istituto Agrario - 9. Mantiene un cauto riserbo - 11. La Cannuli, ex presentatrice TV - 13. Giancarlo, conduttore de “I fatti vostri” - 15. L’antico nome di Acate - 17. Pallide, sbiancate - 19. Merletto, pizzo - 21. Spiazzale colonico - 22. La Dea dell’Ingiustizia - 27. Quella “Magna” serve per le adunanze accademiche - 28. Piega, direzione - 31. Gibson, attore americano - 32. L’olio di Londra - 34. Preposizione semplice - 35. Organo Amministrativo

Costituita la sede dell’AIAS a Pozzallo Annunci lezioni private Il presidente è Rosalba Sansone

Anche a Pozzallo si è costituita l’associazione italiana Assistenza agli Spastici Onlus con lo scopo di sollecitare gli Enti competenti ad applicare le leggi

vigenti in materia di handicap. Pertanto l’associazione, perseguendo lo spirito della solidarietà, si interesserà dell’organizzazione e della gestione democratica dei servizi e delle attività destinate ai portatori d’handicap. L’assemblea, intanto, ha eletto il seguente consiglio direttivo: alla presidenza è stata nominata Rosalba

Laureata in Lettere impartisce lezioni private di Greco (fondamenti di Sansone, alla vicepresidenza Giuseppina grammatica per il biennio) e Latino. Agosta. Nella qualità di segretario Per informazioni chiamare il 328-5530710. tesoriere è stato eletto Luigi Garofalo mentre Giuseppina Mineo e Apoliana Raeli risultano consiglieri. Per quanto concerne i revisori dei conti, Piero Puglisi è stato eletto Presidente, mentre i consiglieri sono Carmela Figura, Carmela Giuca e Giovanna Armenia. GianPaolo De Simone

Pozzallo, quanti problemi! La signora Antonella Rendo, pozzallese, ha inviato una lettera aperta alla nostra redazione per evidenziare diversi problemi presenti nel comune marinaro della Provincia di Ragusa “Lavoro in ambulanza, e tutti i giorni, a Pozzallo, verso mezzogiorno mi capita davanti il camioncino della spazzatura che mi impedisce di proseguire con il mio mezzo. Se cambio strada, poi, ne trovo un altro e mi risulta davvero difficile camminare tranquillamente. Mi chiedo: mezzogiorno è un orario giusto per raccogliere la spazzatura? Per me, che sono costretta a fare avanti e indietro per tutta la giornata, anche in considerazione del fatto che molte strade sono particolarmente strette, ci manca solo il camion dell’immondizia ad impedire la

marcia di un ambulanza!!! Per non parlare poi delle macchine parcheggiate in modo disordinato che non permettono di svoltare agli incroci. Mi chiedo: dove sono i vigili urbani? E parliamo anche della condizione del manto stradale. Io trasporto pazienti in condizioni di salute non buone, e quindi lascio immaginare i lettori quanti problemi si vengono a creare quando con l’ambulanza imbocchiamo la strada per andare verso Modica, nei pressi del Continental, dove lo stato del manto stradale è in condizioni pietose. Ma come mai non se ne interessa

nessuno? Eppure sono tantissime le persone che transitano per questa importante strada! Infine voglio sottoporvi un problema relativo alla ricezione della posta. Abito in contrada Palamentano, anzi, forse non si sa dove abito perché per qualcuno è come se non avessimo più né numero né via di casa i residenti di contrada Palamentano. I postini, infatti, non sanno dove lasciare la mia corrispondenza e quindi la depositano in giro nella prima “buca” che capita. Da qui, è facile immaginare quali problemi siamo costretti ad affrontare! Antonella Rendo

Rita Iabichella parrucchiera

Via C. Cattaneo, 50 Pozzallo (RG) tel. 0932 955141

Liste Nozze Via Repubblica, 73/A Telefax 0932 958870

Laureanda in lingue e letterature straniere con esperienza all'estero, impartisce lezioni di inglese e francese a studenti di scuole medie e superiori. Chi fosse interessato può rivolgersi al seguente numero 3335276757. Massima serietà.

La soluzione, ma non sbirciatela subito..!


Febbraio 2010

15

Rubriche

news

30 giorni

Questo spazio è dedicato a tutti coloro che desiderano porgere auguri per nascite, battesimi, prime comunioni, cresime, matrimoni, compleanni, lauree, anniversari e per qualsiasi altro lieto evento. L’inserzione della fotografia ha un costo di € 15,00. Per le vostre inserzioni telefonare al 339.7744258 o inviate una e-mail all’indirizzo: 30giorninews@gmail.com entro il 27 di ogni mese. Le foto non vengono restituite.

… Maria Parisi che, lo scorso 1 febbraio, ha compiuto gli anni. Tanti auguri da parte del marito Giorgio, delle figlie Laura ed Ester e dei tanti amici

… Thomas Cuzzolino che, lo scorso 2 febbraio, è diventato maggiorenne. Tantissimi auguri ed un mondo di bene ti giungono dai tuoi genitori Rosario e Teresa

... Liliana Russo che, lo scorso 1 febbraio, ha compiuto 2 anni. Auguri da mamma Margareth e papà Michele

Grazie per il nobile gesto

... Michele Ruta che, il prossimo 22 Febbraio, compirà 34 anni. Tanti auguri dalla moglie Claudia e da tutto lo staff del Ristorante “Lo Scoglio”

Non capita tutti i giorni di sentire e leggere notizie del genere. E quando come redazione ne veniamo a conoscenza, siamo lieti di pubblicarle perché siano da esempio per tutti. La signora Giovanna Sessa ci ha raccontato di avere dimenticato per ben due volte la sua borsa con all’interno documenti e danaro presso il supermercato Pam di Viale Europa e di averla ritrovata entrambe le volte grazie all’onestà dei titolari che hanno messo da parte l’oggetto sbadatamente dimenticato. La signora Sessa, dalle pagine di questo giornale, intende ringraziare pubblicamente i gestori del supermercato per questo nobile gesto che le ha evitato un susseguirsi di grattacapi che le avrebbero fatto perdere prezioso tempo e denaro. Tonino Giardina

... Michela Russo che, il 26 febbraio, compirà 9 anni. Tanti auguri dalla mamma Margareth e dal papà Michele

Povero Jack, avvelenato con le polpette Il suo padrone, Michele Ruta, lo ha trovato agonizzante, davanti al Ristorante “Lo Scoglio” di Pozzallo. Ha provato in tutti i modi a salvarlo, fornendogli ogni cura possibile, ma alla fine Jack, cane meticcio di taglia media, considerato da tutti la mascotte del ristorante, dopo 2 giorni di agonia, è morto. Una sostanza che uccide le lumache, forse messa in qualche polpetta “assassina”, ha portato alla morte il povero Jack. Un cane considerato l’amicone di tutti. Amato dai bambini, porgeva la zampetta anche a coloro che inizialmente avevano paura di lui, ma che poi in un attimo diventavano suoi migliori amici. Una perdita, quella di Jack, che si unisce a quella di circa altri 10 cani che in quella zona sono stati trovati morti. Solo un caso fortuito oppure c’è qualcosa sotto?

La ricetta del mese Aragosta alla catalana a cura di Aldo Longhi Ingredienti

per 4 persone

osta 800 gr di arag uri 8 pomodori mat one m li 1 1 cipolla oliva iaiata d'olio di qualche cucch Sale - Pepe fferano 1 bustina di za iaio di senape qualche cucch

... Elena Amato che, il prossimo 10 Febbraio, compirà 6 anni. Tanti auguri da parte della mamma Carmen, del papà Massimo, dei nonni e degli zii

30 giorni

M E N S I L E D I AT T U A L I T À , P O L I T I C A , C U LT U R A , C H I E S A E S P O RT

R e g i s t r a t o Tr i b . d i M o d i c a 0 5 / 2 0 0 4

EDITORE

ASSOCIAZIONE CULTURALE “MUSICA E PAROLE”

DIRETTORE RESPONSABILE

Giovanni Cannizzaro REDAZIONE

Gian Paolo De Simone COLLABORATORI

Marina Barrera

Tonino Giardina

Marisa Gennaro

Roberta Scala

FOTOGRAFIE Archivio 30giorni news, GianPaolo De Simone, Tonino Giardina, Carlo Coriolani

Hanno collaborato Angela Allegria, Giorgio Caruso, Gabriele Giardina, Antonella Rendo

STAMPA KROMATOGRAFICA VIA BARRIERA, 1 - 97014 ISPICA (RG) - 0932 952278

TIRATURA: 2000 copie CHIUSO IN TIPOGRAFIA IL 02 febbraio 2010 TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI È vietata per legge la riproduzione, anche parziale, del contenuto di questo giornale

Procedimento

Lessate l'aragosta (viva se è pos sibile), in abbondante acqua bollente salata per circa 25 min. Lasciatela raffreddare nel liquido di cottura, poi prel metà nel senso della lunghez evatela e tagliatela a za. Prelevate la polpa, tagliate la a pezzetti e mettetela in un'insalatiera. Sbucciate la cipolla, affettatela finemen te e unitela al crostaceo. Lavate i pomodori, affettate li, eliminate i semini e l'acqua di vegetazione; poi unite anche questi. Esaminate la testa vedrete un liquido scur o: raccoglietelo con il cucchiaino e versatelo nella terrina; unite lo zafferano e 1 cucchiao di senape, un pò di olio extra vergine di oliva e limone lavorando di nuovo con la forchetta: otterrete un salsina giallina. Con un cucchiaino assaggiate e rego late di sale e pepe. Nella testa si trova un sacchetto trasparente: è lo stomaco, leva telo e gettatelo, levate anche l'interiora dell'aragosta che scorre sul dorso ai margini della polpa bianca. Ora tagliate in pezzi le due met à, compresa la testa. Aprite le zampe sempre con le forbici. In una ciotolina a part e, emulsionate olio, succo di limone, sale e pepe. Condite l'insalata di pesce, mes colate per bene e portate in tavo la. Buon appetito

Tutte le notizie le trovi anche sul sito internet www.30giorninews.com Punto di commercializzazione

Cliccate!


Scarpata Ceramiche Ceramiche Pavimenti Rivestimenti Camini Rubinetterie www.ceramichescarpata.com

Cartolibreria - Fotocopie - Servizio Fax - Edicola Materiale scolastico, Informatico e per Ufficio - Regalistica

edilcdiscarpata@virgilio.it

97018 - SCICLI (RG) - C.da Arizza - Tel. Tel. 0932.851100

V.le Papa Giovanni XXIII, 81 - Pozzallo - Telefax: 0932 955467

Lavorazioni marmo - Pietra - Graniti - Affini - Costruzioni cimiteriali

C.da Palamentano - 97016 Pozzallo

Seguiteci quotidianamente su News AttualitĂ  Cronaca Politica Cultura Sport Rubrica Videonews Immagini Notizie dal mondo


Febbraio 2010