Issuu on Google+

VERBANIA. L’IMPIANTO DI FONDOTOCE E’ ATTESO DA DIECI ANNI

Movicentro, si riparte da zero La Provincia revoca l’incarico all’azienda veneta, ora il nuovo appalto LUCA ZIROTTI VERBANIA

Cantiere bloccato

Il Movicentro si ripartirà da capo. La Provincia ha deciso di rescindere il contratto con la Marinelli di Padova, l’azienda che aveva vinto l’appalto per la realizzazione della nuova struttura (investimento complessivo di 4 milioni di euro) con parcheggi e spazi al servizio della stazione ferroviaria di Fondotoce. «La decisione è presa, abbiamo avviato le procedure per la rescissione e non appe-

I lavori al parcheggio di Fondotoce erano fermi da tempo La Provincia ha quindi deciso di rescindere il contratto con la società veneta incaricata della realizzazione dell’opera

L’assessore Blardone «Tante promesse ma i lavori erano fermi Serviva una svolta» na la documentazione sarà pronta la porteremo in giunta» spiega l’assessore ai Lavori pubblici Giampaolo Blardone. Tempo scaduto quindi, questa volta definitivamente, dopo i vari solleciti e tentativi fatti dalla Provincia per far riprendere a marciare il cantiere. «La relazione del direttore dei lavori che attendiamo sull’avanzamento dell’opera e su eventuali danni o lavori da rifare non ci lascia più margini di attesa» spiega Blardone. Anche il 2012 quin-

di si chiuderà senza novità positive per un’opera attesa ormai da un decennio, per migliorare la qualità dei servizi alla stazione e riportare più posti auto per i pendolari, che saranno costretti ancora per mesi a utilizzare il parcheggio d’emergenza realizzato all’imbocco della strada per la stazione. Con lo stop al contratto in corso sfuma anche la prospettiva di vedere la conclusione dei lavori per giugno 2013. Era questa la scadenza concordata con l’azienda, negli ultimi ten-

tativi fatti nei mesi scorsi per sollecitare una ripresa rapida del cantiere. «Promessa che non è stata mantenuta, si è accelerato soltanto per qualche giorno ma poi in realtà non abbiamo più visti sviluppi significanti - sottolinea Blardone dall’ultima rilevazione fatta non ci aspettiamo passi avanti, siamo a neppure un terzo dei lavori realizzati». Difficile anche dare ora indicazioni sui tempi per il nuovo appalto. «Fino a quando saremo operativi andremo avanti,

quindi dobbiamo riassegnare l’opera - dice Blardone - tra i tempi tecnici per la rescissione e le nuove pratiche non possiamo ancora dire se riusciremo ad andare a gara entro la fine del 2012. C’è poi l’aspetto dei costi da valutare: capire se con i soldi rimasti si riuscirà a completare tutto». Confermato l’impegno per realizzare entro fine anno la nuova rotonda sulla statale di fronte alla zona della stazione, per non perdere i fondi messi a disposizione da Anas.


Movicentro, si riparte da zero