Issuu on Google+

Eduardo De Vulpian

L’azienda

L’amministratore delegato di Lagostina, al centro, tra Vitaliano Moroni, presidente onorario dell’azienda, e Massimo Nobili presidente della Provincia

«Una scelta necessaria in questi tempi di crisi» «È un piano ambizioso e di lunga durata: Lagostina conferma di avere le idee chiare per portare fuori dalla crisi il marchio e assicurare un futuro allo stabilimento di Omegna». Edoaurd De Vulpian, amministratore delegato di Lagostina, commenta così le linee guida del piano industriale per i prossimi tre anni messo sul tavolo per il sito produttivo di Crusinallo. Poche parole da parte dell’azienda, affidate a una breve nota al termine dell’incontro senza

voler rilasciare per ora ulteriori dichiarazioni. Al tavolo con l’amministratore delegato De Vulpian ieri all’Unione Industriale anche Giuseppe Lazzeroni direttore delle risorse umane, Maurizio Fodrini direttore ricerca e sviluppo e Fausto Milanese direttore di produzione. Sul fronte personale se i sindacati parlano di venti esuberi annunciati l’azienda in realtà non si sbilancia ancora sul numero preciso, indicando la «messa in mobilità di 20-25 dipendenti». Un inter-

vento per il quale «la società userà tutti gli strumenti possibili per ridurre l’impatto sociale» ma ribadito in quanto «necessario per contenere l’effetto negativo dovuto al calo delle vendite, che già da qualche anno produce un margine operativo consolidato negativo». Su

questo punto insomma l’azienda sembra lasciare ben pochi margini. «Ci impegneremo a finanziare anche nuove attività di ricerca e sviluppo del prodotto – conclude l’amministratore delegato De Vulpian – vogliamo valorizzare la qualità di Lagostina e dei suoi dipendenti».


Omegna, Lagostina.