Page 17

Capitolo 1.1 Frasi latine raccolta dalla Bibbia. Non c’è da stupirsi vista l’ambientazione e la caratura dei personaggi, tutti appartenenti alla sfera ecclesiale, che il romanzo sia colorito di citazioni bibliche. Si trovano quindi disseminate nell’opera citazioni dell’Antico e del Nuovo testamento: “videmus nunc per speculum (et) in aenigmate”: p. 19 voce narrante [1Cor 13,12]. Traduzione: “Ora vediamo come attraverso uno specchio, in maniera confusa”. “eris sacerdos in Aeternum”: p. 42 voce di fra Guglielmo [Sal 109 (110), 4]. Per la Chiesa, l'ordinazione sacerdotale (come il matrimonio) è un sacramento e quindi non revocabile. Traduzione: “Sarai sacerdote per sempre”. “homo nudus cum nuda iacebat...et non comminscebantur ad invicem”: p. 65, voce di Ubertino da Casale (francescano spirituale) e fra Guglielmo [Gn 2,25]. Traduzione: “L'uomo nudo giaceva con (la donna), nuda, e non si univano (in un rapporto peccaminoso) vicendevole”. “in aenigmate”: p. 84, voce narrante [1Cor 13,12]. Traduzione: “In modo enigmatico”. “Sanctus, Sanctus, Sanctus”: p. 85, voce narrante [Is 6,3], [Ap 4,8]). Traduzione: “Santo, Santo, Santo”. “per speculum et in aenigmate”: p. 88, voce di Jorge da Burgos, anziano cieco, profondo conoscitore dei segreti del monastero e in passato bibliotecario [1Cor 13,12]. Traduzione: “Come attraverso uno specchio, in modo confuso”. “Edent pauperes”: p. 101, voce di personaggio secondario [Sal 22 (21), 27]. Traduzione: “I poveri mangeranno”. “Domine labia mea aperies et os meum annuntiabit laudem tuam”: p. 109, voce di personaggio secondario [Sal 50,17]. Versetto che apriva l’ufficio vigiliare. Traduzione: “O Signore, apri le mie labbra, e la mia bocca annunzierà la tua lode”. 14

Arcaismi e citazioni latine ne "Il nome della rosa" e nella sua versione inglese  

Nonostante il romanzo abbia avuto un riscontro di pubblico anche a livello internazionale, la critica si è da subito divisa nell’esprimere...

Advertisement