Page 1

NEWS, EVENTI, INFORMAZIONE DAL COMUNE DI CHIANCIANO TERME Periodico d’informazione del Comune di Chianciano Terme

COMUNE DI CHIANCIANO TERME

n. 14 - Anno VII - febbraio 2011

53042 Chianciano Terme (Siena) - VIa Solferino, 3 - Tel. 0578 6521 - Fax 0578 31607 www.comune.chianciano-terme.siena.it e-mail: redazioneperiodico@comune.chianciano-terme.siena.it

1


Editoriale

COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA

sindaco@comune.chianciano-terme.si.it

Care concittadine e concittadini, è da poco iniziato il 2011, un anno particolarmente difficile per tutti. I tagli nei conferimenti statali e l’imposizione di rispettare il patto di stabilità interno ci costringeranno a ridimensionare i servizi, decisione dolorosa ma purtroppo inevitabile. Stiamo lavorando con molto impegno e con risultati soddisfacenti che potrete valutare leggendo questo giornale. Spesso la determinazione nel guardare avanti con fiducia viene messa a dura prova ma ciò che rimane incrollabile è la consapevolezza della potenzialità della nostra Chianciano Terme che ci viene confermata dall’apprezzamento degli ospiti per la ricchezza e l’“unicità” del nostro patrimonio termale, per il territorio che ci fa da cornice, per il nostro patrimonio museale che ha raggiunto rilievo internazionale, per la qualità di quelle aziende che valorizzano quotidianamente l’offerta della città. Apprezzamenti ci giungono anche dai cittadini che in numero crescente collaborano all’azione dell’amministrazione con grande senso civico. A tutti loro diciamo grazie di cuore! Ma tutti sappiamo che insieme possiamo migliorare il nostro contributo. L’augurio è che tutti manteniamo viva la fiducia per costruire il futuro della nostra città con l’umiltà di chi riconosce che si può fare di più e meglio ma anche con l’orgoglio di chi sa di aver fatto ogni giorno anche soltanto una piccola azione per tutelare il patrimonio collettivo: la nostra Chianciano Terme. GABRIELLA FERRANTI Sindaco Deleghe: Affari Generali, Protezione Civile, Pari Opportunità, Polizia Municipale, Comunicazione, Termalismo

Sindaco e Giunta Comunale Sindaco Gabriella Ferranti Deleghe: Affari Generali, Protezione Civile, Pari Opportunità, Polizia Municipale, Comunicazione, Termalismo Ricevimento: Tutti i giorni su appuntamento Scrivi al Sindaco: E-mail: sindaco@comune.chianciano-terme.siena.it Giunta Comunale Vicesindaco Claudio Rossi Delega: Patrimonio, Manutenzioni, Risorse Umane Ricevimento: Su appuntamento E-mail: claudio.rossi@comune.chianciano-terme.si.it Assessore Marco Rossi Delega: Urbanistica, Politiche Comunitarie, Politiche Culturali Ricevimento: Su appuntamento E-mail: marco.rossi@comune.chianciano-terme.si.it Assessore Sergio Giani Delega: Sostegno al Sistema Produttivo, Partecipate, Pace, Diritti Umani e Cooperazione Internazionale, Attività Produttive, Ambiente Ricevimento: Su appuntamento E-mail: sergio.giani@comune.chianciano.terme.si.it Assessore Antonio Altobelli Delega: Politiche Sanitarie, Servizi Sociali, Istruzione Ricevimento: Su appuntamento, martedì dalle ore 10:30 alle ore 12:30 E-mail: antonio.altobelli@comune.chianciano-terme.si.it Assessore Paolo Piccinelli Delega: Sport ed Associazioni Sportive, Turismo, Promozione, Trasporti e Viabilità Ricevimento: Su appuntamento E-mail: paolo.piccinelli@comune.chianciano-terme.si.it Assessore esterno Fabrizio Sanchini Delega: Bilancio e Lavori Pubblici Ricevimento: Su appuntamento E-mail: fabrizio.sanchini@comune.chianciano-terme.si.it Per gli appuntamenti con Sindaco e Assessori:

Telefono: 05786521 Fax: 057831607

sindaco@comune.chianciano-terme.si.it

Negli ultimi 6 mesi il sito internet del Comune ha avuto oltre 19.000 visitatori I dati degli ultimi 6 mesi (1° giugno - 29 dicembre 2010) mostrano che il sito internet del Comune di Chianciano Terme ha avuto 19.599 contatti, per un totale di 103.367 pagine visitate. Una curiosità: molti sono i visitatori del sito del Comune che si collegano da Stati Europei (in particolare Germania, Gran Bretagna, Francia, Svizzera, Austria, Danimarca, Polonia e Olanda) e dal resto del mondo (sopratutto Stati Uniti). I paesi che hanno fatto registrare maggiori accessi al sito sono nell’ordine: Italia (95,2% del totale), Germania (1,4 % del totale) Stati Uniti (0.9), Gran Bretagna (0,8), Francia (0,5%), Svizzera (0.5%). Sul sito del Comune, recentemente rinnovato, è possibile trovare le news sull’attività dell’ente, la modulistica per le varie pratiche e dal 1° gennaio 2011 sarà attivo anche l’ALBO PRETORIO on-line. In copertina abbiamo voluto ricordare Pier Luigi Nervi, ingegnere e architetto, che negli anni Cinquanta ha disegnato le strutture del Parco Acquasanta delle Terme di Chianciano. Nel 2010 è stato celebrato il trentennale dalla sua scomparsa e per ricordare il grande progettista è stata organizzata una mostra e incontri di studio. La mostra, già presentata a Bruxelles, attualmente è in Italia ed è visitabile fino al 20 marzo 2011 a Roma al MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo (via Guido Reni, 4 A). Poi si sposterà a Parma. Per informazioni: www.pierluiginervi.org

2

In copertina: Salone “Nervi” - Parco Acqua Santa - Terme di Chianciano (foto proprietà Terme di Chianciano SpA)


Thèsan, la nostra “dea alata” sbarca al Louvre ed a Bruxelles per rappresentare la Toscana degli Etruschi www.terredeglietruschi.it Thèsan, l’Aurora, divinità etrusca esposta nel nostro museo archeologico (frontone del tempio di Fucoli) è stata scelta per rappresentare la Toscana nelle manifestazioni ed iniziative del progetto interregionale “Terre degli Etruschi” che ha preso avvio a Bruxelles con una Mostra multimediale presso il Museo del Cinquantenario (8 ottobre 2010-24 aprile 2011) e che è proseguito con l’allestimento di uno stand sugli Etruschi presso il Salon du Patrimone Culturel del Louvre, finalizzato alla promozione di proposte di turismo culturale della nostra regione. Il Museo archeologico delle Acque è centro, satellite insieme ad altri 16 importanti musei archeologici regionali del “Progetto toscana”. Ospiterà un totem multimediale con proiezione di dvd sul tema degli etruschi ed una sezione sul tema del progetto espositivo regionale “simposio etrusco”. “La scelta da parte della Regione Toscana di Thèsan come immagine per promuovere un progetto culturale di rilevanza internazionale - afferma il sindaco Gabriella Ferranti - è il La “Dea alata” esposta nel nostro riconoscimento dell’importanza del nostro museo che è il risultato Museo Archeologico è l’immagine di un impegno condiviso tra l’amministrazione comunale che crede in scelta dalla Regione Toscana questo settore di sviluppo e tutti coloro che alla sua crescita hanno per rappresentare l’Etruria contribuito. Chianciano Terme può ora essere considerata una tappa al Louvre importante del turismo culturale in Toscana”. Ricordiamo che Thésan è stata scelta dalla Microsoft come immagine opzionale per lo screen saver del sistema operativo Microsoft 7.

ARCHEOFEST Festival dell’Archeologia Dalla Primavera all’Autunno 2011 grandi eventi

Nasce Archeofest, dalla collaborazione tra la Fondazione dei Musei Senesi, di cui il Comune di Chianciano Terme è membro, e Vernice Progetti Culturali, società strumentale della Fondazione Monte dei Paschi di Siena per le attività legate alle mostre, ai beni ed agli eventi culturali. Questa prima edizione che avrà come protagonista l’ACQUA propone un programma ricchissimo di eventi: scavi simulati, ricostruzioni e rievocazioni reali e virtuali, ma anche eventi legati al cibo, alla tecnologia applicata all’archeologia, convegni e tavole rotonde con la partecipazione di importanti studiosi, giornalisti di settore, registi cinematografici e scrittori.

Primavera 2011 - Mostra “La casa delle anime” al Museo Civico Archeologico delle Acque

Dopo il grande successo della mostra “Tutte le anime della mummia” il Museo civico archeologico delle acque ospiterà un’altra importante mostra dal titolo “La casa delle anime”. Anche questa mostra come la precedente è promossa da Vernice Progetti Culturali . “La casa delle anime” è la dimora del defunto nel suo viaggio dell’oltretomba e molto spesso l’urna stessa che ne contiene le ceneri. In molti casi nei corredi votivi dei defunti si trovano altri esempi di “case”: modelli architettonici in miniatura di capanne, case, torri, palazzi. Si tratta di un fenomeno esteso nel bacino del Mediterraneo, nella Mesopotamia e nell’Estremo Oriente in un lasso di tempo che va dal VI millennio a.C. al Cinquecento.

Fondazione del Museo Civico Archeologico delle Acque: rinnovato il C.d.A.

A seguito del rinnovo del Consiglio di Amministrazione della Fondazione del Museo Civico Archeologico di Chianciano Terme, lo scorso 6 novembre, presso la Sala Consiliare del Comune di Chianciano Terme si è svolta la cerimonia di insediamento. Sono stati nominati dal Sindaco Gabriella Ferranti i seguenti nuovi membri: Daniele Barbetti, Carlo Maria Beligni, Franco Bollati, Moravio Pellegrini, Athos Poggiani e riconfermato Carlo Stolzi ed Ezio Stortini. La Presidente Silvia Reali e il Vicepresidente Roberto Betti rimangono in carica, insieme ai membri cooptati Curio Ercolani - socio fondatore dell’Associazione Geoarcheologica di Chianciano Terme - e Ambra Giorgi, Presidente dell’Associazione Musei Archeologici Toscani (A.M.A.T.). La Fondazione del Museo Civico Archeologico delle Acque gestisce il Museo Archeologico Comunale e l’attività archeologica nel territorio di Chianciano Terme in tutti i suoi aspetti: gestione della ricerca, conservazione e fruizione dei beni e dei siti archeologici, la promozione e l’organizzazione di attività finalizzate alla valorizzazione dei beni archeologici di Chianciano Terme. Il Presidente della Fondazione del Museo Civico Archeologico delle Acque, Silvia Reali, in occasione della cerimonia, ha ringraziato il Direttore del Museo Giulio Paolucci per il successo crescente del museo che ha recentemente conseguito l’“Oscar Internazionale dell’Acqua, segno di vita” e che è divenuto il terzo museo civico della Provincia di Siena per numero di ingressi.

Il museo archeologico nelle riviste

La mostra “Arte, archeologia e musica. Un percorso sonoro dall’antichità ai nostri giorni” allestita al Museo civico archeologico di Chianciano Terme è segnalata nella rivista “Artedossier”, n. 272, dicembre 2010 (Giunti), insieme ad altre rilevanti mostre presso il Victoria and Albert Museum e la National Gallery di Londra.

Nel sito del Comune sono inseriti tutti i numeri del periodico comunale - www.comune.chianciano-terme.si.it 3


Istituito tavolo di coordinamento “anti-crisi” I componenti del tavolo di coordinamento “anti-crisi”, presieduto dall’Assessore alle Attività produttive e al Sostegno al Sistema Produttivo, Sergio Giani, lavorano a pieno ritmo, dal momento della sua istituzione alcuni mesi fa. L’organismo si propone di individuare percorsi condivisi per permettere alle piccole e medie imprese, in difficile situazione economica, di definire le opportunità offerte dal territorio e dalle sue istituzioni e di verificare se vi sono i presupposti per richiedere lo “stato di crisi”. Al tavolo, oltre alle associazioni di categoria del settore alberghiero e del commercio, nell’ultimo incontro, avvenuto lo scorso mese, hanno preso parte anche le forze politiche e sindacali locali. L’obiettivo che l’Amministrazione comunale intende perseguire è quello di verificare, e condividere, con tutti i partecipanti al tavolo di coordinamento, la possibilità di un percorso finalizzato alla richiesta dello stato di crisi della stazione termale. A tale proposito è stato nominato anche un Comitato Tecnico, coordinato da Anna Lucia Morini, responsabile del servizio attività produttive del Comune

di Chianciano Terme, a cui partecipano i rappresentanti delle associazioni di categoria ed i sindacati, con il compito di verificare le normative e redigere il documento statistico che evidenzia la “gravità” della situazione economica ed occupazionale di Chianciano Terme. “La nostra Amministrazione - afferma il Sindaco Gabriella Ferranti - è pienamente consapevole che è necessario affrontare con determinazione l’emergenza economica in cui versano le aziende alberghiere e produttive operanti a Chianciano Terme. La crisi attanaglia la nostra città da decenni e ne sono consapevoli anche le istituzioni territoriali superiori: Provincia e Regione con le quali teniamo contatti costanti. Trovare le soluzioni per far ripartire l’economia del nostro centro termale, che ha contribuito negli anni al benessere economico di una vasta area territoriale, è un’ esigenza condivisa. Ma solo l’accordo tra tutti i soggetti facilita l’avvio di strategie per affrontare la crisi. Dagli incontri è emersa la volontà dei partecipanti ad operare sinergicamente al fine di attivare un percorso unitario per procedere alla richiesta

Bisogna crederci... ora più che mai!

Andrea Angeli: quali potrebbero essere le vie di uscita alla crisi attuale? La recente dichiarazione dello stato di crisi da parte di Federalberghi ha messo in luce anche agli occhi dei più distratti la drammaticità e l’insostenibilità di una condizione che si protrae ormai da anni ma che adesso è giunta forse al punto di rottura. Gli ultimi dati del resto parlano chiaro: oltre 40 aziende alberghiere hanno chiuso i battenti negli ultimi 2 anni con ovvie ricadute sull’indotto commerciale, sul reddito delle famiglie chiancianesi ma anche sullo stato delle finanze comunali. E’ chiaro, minore è la produttività economica, minori sono le entrate fiscali per l’apparato pubblico che di conseguenza sempre più difficilmente riesce a fare fronte alle spese correnti e alla domanda di servizi assistenziali. Lasciando dunque, per una volta, da parte le responsabilità, pure pesanti, di chi ci ha condotto fin qui, credo che sia opportuno che l’amministrazione

4

dello stato di crisi”. “Stiamo lavorando intensamente afferma l’Assessore Sergio Giani - nella ricerca di soluzioni condivise tra i diversi protagonisti del tavolo sia di breve che di medio termine. In particolare, il primo obiettivo deve riguardare l’individuazione di interventi possibili che rispondano alle necessità immediate delle nostre aziende; accanto a questo lavoro, che ha ormai il tono dell’emergenza economica, è necessario individuare strategie ulteriori rispetto a quelle già individuate ed in corso di definizione, siano esse indirizzate al rilancio economico delle strutture ricettive e sul piano urbanistico, alla possibilità di valorizzare quei patrimoni immobiliari di quanti invece ritengano conclusa l’esperienza imprenditoriale”. SERGIO GIANI Assessore Deleghe: Sostegno al Sistema Produttivo, Partecipate, Pace, Diritti Umani e Cooperazione Internazionale, Attività Produttive, Ambiente

sergio.giani@comune.chianciano-terme.si.it

ma anche la cittadinanza nel suo insieme si facciano carico dell’onere di adoperarsi per trovare una via di uscita alla difficile situazione. Un impegno immediato che tuttavia non può esplicitarsi semplicemente in una visione egoistica e limitata del “si salvi chi può”. La nostra cittadina può tornare a splendere come un tempo solamente se i chiancianesi in primis riusciranno a fare “sistema” abbandonando quell’attendismo che per troppi anni ha caratterizzato il nostro essere e ponendosi invece positivamente, come autentici artefici della propria rinascita attraverso la piena condivisione delle linee strategiche. Come amo ripetere da tempo, la concessione dello stato di crisi non è la “manna dal cielo” - quella esiste solo nella Bibbia - sebbene potrebbe rivelarsi uno strumento molto importante, a patto che si prenda coscienza fin da subito che inevitabilmente dovranno essere prese delle scelte decisive, sia da parte dei politici che degli imprenditori. Anche se è difficile, bisogna guardare oltre il contingente fatto di problemi quotidiani ed immaginare il futuro. Con tutta onestà, Chianciano ha bisogno di grandi investimenti (segue a pag. 5)


Termalismo Il Lavoro dell’ANCOT per i comuni termali italiani «L’Ancot (Associazione Nazionale dei Comuni Termali), di cui siamo Comune fondatore e membro del Direttivo, condivide già da molto tempo con noi, ed insieme ai Comuni membri, le azioni che si stanno portando avanti sul piano nazionale per affrontare la crisi del termalismo e conseguentemente la crisi dell’economia dei Comuni termali in atto da molti anni, indipendentemente dal “colore politico” dell’amministrazione». E’ quanto afferma il Sindaco Gabriella Ferranti che ricorda che da tempo sono state avviate le azioni dell’Associazione anche a livello governativo come l’audizione con la Commissione Finanze della Camera dei Deputati, nell’ambito dell’istruttoria relativa alla proposta di legge dell’on. Franco Ceccuzzi per l’istituzione di zone franche termali, tenutasi lo scorso maggio e di cui abbiamo informato nel precedente numero di “Chianciano Informa”. «Con Ancot - afferma Ferranti - sosteniamo convintamene la proposta di legge Ceccuzzi poiché la proposta in essa contenuta, gli incentivi fiscali alle piccole e medie imprese del territorio (vecchie e nuove), e la revisione degli studi di settore possono contribuire al rilancio delle città che hanno stabilimenti termali ex Eagat come Chianciano Terme, e venir successivamente estese ad altri comprensori termali, favorendo un nuovo impulso imprenditoriale al settore». Un ulteriore incontro si è tenuto nel luglio scorso a Palazzo Marini che ha visto il coordinamento tra Ancot e Federterme (che rappresenta la quasi totalità delle aziende termali italiane private), per tornare ad avere strutture alberghiere di qualità e competitive nel mercato turistico sempre in rapida evoluzione e fermento. Quindi, inevitabilmente, ogni albergatore nell’immediato futuro sarà chiamato a scegliere se tornare ad investire seriamente e riqualificare la propria azienda, ma in maniera adeguata con progetti di qualità certificata, oppure intraprendere altre soluzioni, fino alle estreme conseguenze. E non credo che la riconversione delle strutture in appartamenti possa essere più una via praticabile come in passato. Occorre buon senso e coraggio ma soprattutto occorre mettere da parte i tatticismi, le mezze verità, le cose dette e non dette e anteporre al contempo il senso di appartenenzaa, tanto nessuno verrà a riportare indietro le lancette dell’orologio. Ci troviamo qui, di fronte al presente, con le nostre “bellezze” poche e le nostre “brutture” molte. Siamo da soli dinnanzi al futuro che è sempre più incerto ma che dobbiamo inevitabilmente prendere di petto, iniziando subito, non domani, ad affrontare tutte le questioni più spinose con onestà e mettendo da parte i “piccoli interessi di bottega”.

cui hanno partecipato il Ministro della Salute Ferruccio Fazio ed il Sottosegretario Gabriella Carlucci e tra i rappresentanti delle aziende termali le Terme di Chianciano e le Terme di Sant’Elena. Inoltre a livello parlamentare opera da tempo anche l’Associazione di parlamentari amici del termalismo, di cui fa parte anche l’ex ministro della Sanità Maria Pia Garavaglia. Attualmente è alla firma di Ancot e Federterme un protocollo d’intesa che ha la finalità di aumentare il peso politico del settore termale italiano, che è ampiamente rappresentato dalle due associazioni, e conseguentemente delle istanze che il protocollo contiene. (ANCOT conta 38 comuni termali iscritti ed a Federterme sono iscritte la quasi totalità delle aziende termali italiane). E’ intenzione dei firmatari presentare ai ministri competenti il protocollo, pertanto ai Ministri delle Salute dell’Università, dell’Economia e dell’Università e del Turismo.

Soprattutto nei momenti di difficoltà si valuta il grado di maturazione di una comunità e la storia ci insegna che da soli non si va da nessuna parte, mentre insieme, questa volta veramente, possiamo fare molto. Ma in fondo quello che ognuno di noi si deve domandare è: ci crediamo oppure no alla rinascita?

ANDREA ANGELI Consigliere Comunale lista civica “Gruppo PDL Chianciano per la Libertà”

and.angeli@gmail.com

5


Piano strutturale

6

Continuano gli incontri tra l’Amministrazione comunale di Chianciano Terme ed i tecnici progettisti componenti il nuovo gruppo del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico. L’Amministrazione comunale di Chianciano Terme, ha chiesto al gruppo tecnico che sta lavorando al Piano Strutturale di rendersi disponibile ad incontrare anche tutte le forze politiche. Il Sindaco Gabriella Ferranti afferma “incontrare le componenti politiche della nostra

Agenda degli incontri tra tecnici e rappresentanti della comunità

città che rappresentano non singoli settori ma l’intera comunità composta dai cittadini che vivono, lavorano ed operano nella stazione termale è di grande importanza per le scelte che verranno fatte per adeguare la Chianciano Terme del futuro”.

L’Amministrazione, l’ufficio tecnico comunale e il nuovo gruppo di lavoro del Piano, hanno programmato incontri con tutti i rappresentanti della comunità locale ed hanno incontrato, oltre ai membri del Consiglio Comunale: - i rappresentanti della Associazione Albergatori; - i tecnici e i professionisti operanti sul territorio; - le associazioni di categoria (Commercianti, Artigiani, Agricoltori); - le associazioni culturali, ambientaliste, sportive e del volontariato; - le Società termali (Terme di Chianciano Spa,

Terme di Chianciano Immobiliare Spa, Terme di Sant’Elena Spa); - le organizzazioni sindacali; - le banche locali; - le associazioni turistiche presenti sul territorio (CAT-Chianciano Associazione Turistica e l’APT), - le istituzioni scolastiche. Ufficio Urbanistica, Edilizia Privata, Grandi opere, Mobilità, Energia, Tutela ambiente Telefono: 0578 652306 Fax: 0578 652306

Chianciano Terme e Città della Pieve firmano un protocollo d’intesa

Il Sindaco del Comune di Chianciano Terme Gabriella Ferranti ed il Sindaco del Comune di Città della Pieve Riccardo Manganello hanno firmato un protocollo d’intesa il 25 novembre scorso presso la Sala consiliare del Comune di Chianciano Terme. Il protocollo, voluto dalle due amministrazioni comunali, stabilisce l’impegno a lavorare in sinergia con l’obiettivo di individuare congiuntamente progetti di incentivazione allo sviluppo in più ambiti: economico, sociale e turistico. Due territori, quello di Chianciano Terme e di Città della Pieve che, pur appartenendo ad ambiti regionali differenti, gravitano in un bacino territoriale “naturale” che li unisce: quello della Valdichiana meridionale che, da sempre, ha costruito la propria storia su relazioni economiche e sociali, oltre che turistiche. Il protocollo d’intesa siglato tra le due Amministrazioni comunali vuole esprimere la volontà di interagire e promuovere politiche territoriali, indipendentemente dai “confini” regionali.


Intervista a Mauro Ciampa, coordinatore del Piano Strutturale

Architetto Ciampa, lei sta coordinando la formazione del Piano Strutturale del nostro Comune, sappiamo che è un documento complesso che impegna più figure professionali, quali sono i professionisti che lei ha impegnato per approfondire i diversi aspetti territoriali? Abbiamo impostato il lavoro del Piano Strutturale con una metodologia che presuppone la formazione di un lavoro interdisciplinare che per il Comune di Chianciano Terme è costituito da professionisti quali: il Prof. Nicola Bellini, esperto di Economia Territoriale, la Dott. Agr. Elisabetta Norci, esperta di territorio rurale e paesaggio, il Prof. Paolo Carrozza, esperto di Diritto urbanistico. Il nostro gruppo, che è stato incaricato alcuni mesi fa a seguito del concorso bandito dal Comune di Chianciano Terme, interagisce con i professionisti che già avevano svolto specifiche consulenze per la formazione del quadro conoscitivo, quali: l’Arch. Sonia Occhi, incaricata per la valutazione integrata, il Dott. Marcello Palazzi, per gli studi geologici e l’ingegner Massimo Ferrini, per le infrastrutture e la viabilità. Il gruppo si avvale inoltre del contributo di numerosi collaboratori per l’approfondimento delle diverse tematiche affrontate e da affrontare. A che punto è arrivato il processo di redazione del Piano Strutturale? Le prime fasi del lavoro sono iniziate quest’estate, con i primi incontri con l’Amministrazione e con gli uffici comunali. Durante queste prime settimane il gruppo ha avviato una ricognizione dei materiali conoscitivi forniti dall’Amministrazione, in primo luogo il Quadro Conoscitivo approvato nel 2007. Dall’analisi di questi documenti sono emersi i tematismi da aggiornare ed approfondire, che hanno impe-

gnato tutto il gruppo nei mesi di settembre e ottobre scorsi. Parallelamente a questa fase di verifica ed approfondimento del quadro conoscitivo, sono stati svolti numerosi incontri con i soggetti istituzionali e gli operatori locali (Enti, associazioni, sindacati, ecc.) al fine di acquisire un quadro complessivo della reale situazione del territorio comunale. All’inizio del mese di novembre è stata conclusa la prima fase di lavoro, con la consegna all’Amministrazione Comunale del materiale prodotto dal gruppo in aggiornamento del Quadro Conoscitivo esistente. Che cos’è il Piano Strutturale? Come sapete, da più di quindici anni la Regione Toscana ha modificato l’articolazione della strumentazione urbanistica nazionale, sostituendo il vecchio Piano Regolatore Generale ed introducendo la distinzione tra Piano Strutturale, inteso come strumento di pianificazione di carattere strategico, ed il Regolamento Urbanistico, inteso come l’atto operativo per la gestione del territorio e per le sue trasformazioni. In pratica, il Piano Strutturale detta obiettivi ed indirizzi per lo sviluppo del territorio e della sua comunità in una prospettiva di lungo periodo, assumendo un po’ il valore ed il significato di “Carta Costituzionale” del territorio stesso. Il Regolamento Urbanistico, invece, è lo strumento che disciplina nel dettaglio gli aspetti urbanistici ed edilizi, ricordando più da vicino il Piano Regolatore tradizionale. Che significato e che ruolo assume il Piano Strutturale per il futuro del Comune di Chianciano Terme? Il Piano Strutturale può svolgere un ruolo fondamentale per il futuro di Chianciano Terme in quanto traccia una prospettiva di sviluppo del territorio in accordo con l’idea di città che la comunità esprime. In questo senso, costituisce il quadro di riferimento sia per le politiche dell’Amministrazione pubblica che per i progetti e le iniziative che nascono dal tessuto economico e sociale. Sta al Piano Strutturale indicare gli obiettivi da perseguire per il bene comune e la salvaguardia dei valori identitari riconosciuti, così come le strategie da promuovere per il raggiungimento di tali obiettivi, tenendo conto del contesto territoriale di riferimento, che investe anche i comuni contermini e la realtà di area vasta. Ovviamente il Piano non è uno strumento che da solo può sopperire

ad una situazione di debolezza del territorio dovuta alla crisi economica ed ai grandi cambiamenti che hanno interessato il settore termale e turistico negli ultimi decenni. Al tempo stesso la pianificazione può fornire strumenti e occasioni per innescare processi di riqualificazione e valorizzazione delle importanti risorse di cui il territorio di Chianciano Terme dispone e ricercare opportunità di sviluppo socio-economico. Avete avuto contatti diretti con la popolazione e gli operatori locali? Quali sono le vostre impressioni? Certo, in quanto il confronto e l’ascolto della comunità locale costituisce un elemento imprescindibile del nostro metodo di lavoro: gli ultimi mesi sono stati caratterizzati, infatti, da numerosi incontri effettuati dal gruppo sia con soggetti istituzionali (Comune, Provincia, Regione) che con enti ed associazioni del territorio (sindacati, associazioni di categoria, associazioni ambientaliste e culturali, istituti di credito, ordini professionali, ecc.). Nel proseguimento del lavoro ci saranno senz’altro ulteriori incontri, tra cui fondamentali le assemblee pubbliche con la cittadinanza. Sottolineiamo la positiva e costruttiva collaborazione di tutti i soggetti coinvolti nel processo di Piano, in primo luogo delle strutture comunali. La nostra impressione, dopo questi primi incontri, è quella di una comunità, evidentemente, molto preoccupata dalla crisi che investe il principale settore economico del territorio, ovvero quello turistico-termale, ma anche caratterizzata da un forte desiderio di cambiamento e di rilancio di una realtà territoriale che ha ancora molti punti di forza al suo attivo, in primo luogo la sua storia, il paesaggio e non ultima la sua centralità rispetto ai sistemi regionali. Qual è la prossima fase del lavoro? La prossima fase del lavoro è la predisposizione di una proposta preliminare di Piano da sottoporre al confronto con l’Amministrazione Comunale e con la collettività, in modo da acquisire i contributi indispensabili per redigere il progetto definitivo di Piano Strutturale. Questa fase sarà ovviamente accompagnata dal processo di partecipazione previsto anche dalla legge regionale n. 1/2005, attraverso lo svolgimento di incontri pubblici e pubblicazione dei materiali sul sito web del Comune.

7


PIANO STRUTTURALE ED EVENTI CULTURALI A LIVELLO NAZIONALE: ECCO LE ANTICIPAZIONI PER IL 2011 MARCO ROSSI Assessore Deleghe: Urbanistica, Politiche Comunitarie, Politiche Culturali

marco.rossi@comune.chianciano-terme.si.it

Intervista all’Assessore Marco Rossi D. Il passaggio da Capogruppo consiliare ad Assessore la vede ora maggiormente impegnato. Tra le deleghe assegnate l’Urbanistica, le Politiche Comunitarie e le Politiche Culturali. Partiamo dall’Urbanistica. Un suo commento sul Piano Strutturale. R. L’elaborazione del Piano Strutturale è stata assegnata al nuovo gruppo di lavoro coordinato dall’architetto Mauro Ciampa. Ad oggi è già stato svolto un lavoro di incontro, confronto e soprattutto ascolto di Enti, Categorie economiche, associazioni finalizzato all’aggiornamento del quadro conoscitivo che già era stato predisposto dal precedente gruppo tecnico che aveva lavorato con l’amministrazione Bombagli e che è risultato essere un ottimo punto di partenza per il proseguimento del lavoro. E’ stata una fase di lavoro utile anche per raccogliere idee, suggerimenti, proposte ma anche le problematicità, che emergono dal territorio. All’inizio del mese di novembre scorso, rispettando le scadenze previste, l’aggiornamento del quadro conoscitivo è stato consegnato agli atti e da parte del mio assessorato inviato per opportuna conoscenza a tutti i Consiglieri, di maggioranza e minoranza. Ora il lavoro prosegue con frequenti incontri con il gruppo tecnico coadiuvato dagli uffici comunali, da una parte, per gestire la fase transitoria fino all’approvazione definitiva del Piano, dall’altra per lo sviluppo dei materiali che costituiranno il contenuto vero e proprio del Piano e quindi la visione della Chianciano Terme dei prossimi anni. Contiamo entro i primi mesi del 2011 di avere già del materiale pronto per una prima fase di confronto, discussione e partecipazione. D. Che importanza può avere il Piano Strutturale in un momento così delicato per Chianciano Terme?

8

R. Il Piano è giustamente molto atteso perché è uno strumento di grande importanza per darci la prospettiva e le linee di indirizzo per la Chianciano Terme che vogliamo costruire nei prossimi anni. Una Chianciano che deve risollevarsi dalla crisi che sta investendo tutto il settore termale italiano e che ormai si trascina da diversi anni. Uno strumento importante anche dal punto di vista “psicologico” per ridare impulso e fiducia al tessuto produttivo messo a dura prova in questi anni, indicando una prospettiva di sviluppo urbanistico ed anche economico. Certo, è bene dirlo chiaramente, non sarà lo strumento che da solo risolverà la crisi di Chianciano. Una volta infatti che avremo individuato e condiviso con la comunità nel suo insieme la prospettiva futura, occorrerà darle “gambe” perché possa svilupparsi. Occorrerà lo sforzo, che non potrà non essere condiviso da tutti, di trovare risorse, volontà e strumenti per trasformare le idee in realtà. Ogni singolo cittadino che vive e lavora a Chianciano Terme dovrebbe conoscere il Piano Strutturale. Per questo saranno fatte assemblee

pubbliche, alle quali invito sin da ora tutti a partecipare, e sarà predisposto tutto il materiale informativo nel sito del Comune: www.comune.chianciano-terme.siena.it D. Quali sono i progetti per la cultura per il 2011? R. I fondi per la cultura sono sempre quelli più penalizzati nei momenti di crisi, ce lo dimostrano anche i fatti a livello nazionale. Cercheremo comunque di fare il possibile con le risorse che avremo a disposizione. In cantiere ci sono alcuni progetti di grande rilievo. Di assoluta rilevanza per il 2011 la 1° edizione dell’ArcheoFestival dedicata all’acqua, che si concentra sul nostro museo archeologico come polo di attrazione. Per questo progetto i fondi di finanziamento sono prevalentemente esterni, ma ci richiederà un importante sforzo organizzativo e di promozione. Dal mese di aprile al mese di ottobre, inoltre, è in programma una importante mostra in collaborazione con il museo di Lugano, quindi di livello internazionale, sul tema della “casa dell’anima” che vedrà proprio nel nostro museo una mostra temporanea di oggetti e reperti dedicati al tema. Altro filone è quello dedicato alle iniziative del 150° anniversario dell’ Unità d’Italia. Stiamo organizzando una serie di eventi in collaborazione con l’Istituto Bonaventura Somma e la Corale Chiancianese ed è in programma una mostra di documenti risalenti agli anni pre e post Unità, ricavati dal nostro ricco archivio storico. Si tratta di documenti interessanti, ed alcuni anche curiosi e particolari, che testimoniano come anche la nostra comunità abbia vissuto questo importante periodo storico ed abbia anzi partecipato attivamente con varie iniziative. Un’anteprima della mostra è già stata presentata in occasione della Festa della Toscana, lo scorso 30 novembre, alle scuole ed alle associazioni.

Il chiancianese Marco Cencetti Campione europeo Marco Cencetti, nato nel 1983, ingegnere meccanico, ha vinto nel 2010 il Radical European Masters, il campionato europeo di vetture prototipi. “Dopo la vittoria del titolo europeo afferma Cencetti - sono stato contattato da diversi team per correre nella Le Mans Series e partecipare alla 24 ore di Le Mans. Per me affrontare questo campionato sarebbe il massimo. A breve avrò un test e spero di poter concludere l’accordo per la stagione 2011”.


Bilancio comunale in tempo di tagli CLAUDIO ROSSI Vicesindaco e Assessore

FABRIZIO SANCHINI Assessore Esterno

Deleghe: Patrimonio, Manutenzioni, Risorse Umane

Deleghe: Bilancio e Lavori Pubblici

claudio.rossi@comune.chianciano-terme.si.it

Si risaneranno i conti pubblici contraendo il costo del pubblico impiego? Claudio Rossi commenta la riforma Con l’entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 78/2010 (convertito in Legge n. 122/2010), ‘Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica’, che si pone l’obiettivo di risanare i conti pubblici, in buona parte razionalizzando le spese delle Pubbliche Amministrazioni e contraendo il costo del pubblico impiego, è mutato lo scenario di riferimento e le regole finalizzate al contenimento delle spese del personale negli Enti Locali. La manovra, infatti, contiene elementi di grandissimo rilievo innovativo per la gestione delle risorse umane negli Enti Locali, innovazioni che vanno nella direzione della previsione di maggiori vincoli e limiti alla concreta attività ed autonomia gestionale. Su questa importante riforma l’Assessore alle Risorse Umane Claudio Rossi ci illustra cosa significherà il rispetto delle norme per il nostro Comune. «Regole più rigorose e restrittive come il divieto per gli Enti Locali di procedere ad assunzioni di personale, il rafforzamento delle disposizioni che dettano limiti alla spesa per il personale (molte delle quali non potranno superare il 40% della spesa corrente del bilancio comunale) sono alcune delle indicazioni contenute nel decreto sopra citato. Oltre a questo va ricordato che con l’introduzione della Legge “Brunetta” del 4 marzo 2009 n. 15 sono state introdotte altre regole che vanno ad agire sulla programmazione, trasparenza, controllo, premialità, contrattazione collettiva, dirigenza e sanzioni disciplinari del personale degli Enti Pubblici. In sostanza, si è cercato di definire un nuovo modello organizzativo e gestionale del lavoro pubblico. Proprio in funzione di queste norme di legge anche il nostro Comune dovrà affrontare, una gestione ancora più complessa, dovuta alla politica dettata a livello centrale dal Governo. È evidente che non c’è grande chiarezza a livello legislativo, infatti, la manovra economica per il 2011, con i conseguenti tagli previsti per gli enti, rischia, ad esempio, di condizionare e compromettere gli obiettivi che erano stati fissati con la cosiddetta Riforma “Brunetta” del 2009. In questo scenario diventa difficile gestire il personale in modo razionale, flessibile e soprattutto diventa complesso garantire - come sottolinea Brunetta - la “meritocrazia” - tante “belle chiacchiere” - quando, dall’altra parte, Giulio Tremonti, attuale Ministro dell’Economia e delle Finanze, obbliga gli Enti Pubblici a non retribuire i dipendenti in misura maggiore rispetto al 2010 e “dire stop” alle loro progressioni di carriera».

fabrizio.sanchini@comune.chianciano-terme.si.it

L’Assessore Sanchini commenta il bilancio in tempo di tagli I pesanti tagli alle amministrazioni comunali, contenuti nella manovra correttiva del luglio scorso, pari ad 1 miliardo e 500 milioni per l’anno 2011 e 2 miliardi e 500 milioni per il 2012, sono stati quantificati a livello di singolo Comune, con la pubblicazione del Decreto del Ministro dell’Interno del 9 dicembre 2010. Il nostro Comune subirà una riduzione dei trasferimenti statali pari a 219.885,07, che corrispondono all’11,72% dei trasferimenti statali complessivamente assegnati nel 2010. Nella legge di stabilità, varata nel dicembre scorso, sono stati riformulati anche gli obiettivi del patto di stabilità interno per il triennio 2011-2013. Si tratta di obiettivi ancora più impegnativi, rispetto a quelli precedentemente assegnati, che renderanno sempre più problematico erogare servizi adeguati ai bisogni delle comunità amministrate. Il rischio è quello che si possa creare una crescente discrasia tra il livello quantitativo e qualitativo dei servizi erogati e le esigenze ed aspettative dei destinatari di tali servizi. Ad essere maggiormente penalizzati sono quei Comuni che, come il nostro, nel corso degli anni hanno avuto la capacità di organizzare un sistema di servizi ampio ed articolato, che ha contribuito in modo rilevante al miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini (servizi sociali, educativi, culturali, tutela ambientale e decoro urbano). Questi provvedimenti restrittivi si inseriscono all’interno di scelte in materia di finanza pubblica che, negli ultimi anni, hanno fortemente penalizzato le amministrazioni comunali. Riduzione delle risorse finanziarie, limitazione dell’autonomia finanziaria, assegnazione di obiettivi di riduzione del saldo finanziario (differenza tra le entrate e le spese di un amministrazione comunale), sempre più impegnativi, rappresentano le tre leve che rischiano di mettere in crisi il sistema delle autonomie locali. Giustificare l’applicazione di questo livello di tagli agli enti locali, come un’azione finalizzata ad eliminare gli sprechi, rappresenta una pura mistificazione della realtà. Le voci di spesa che solitamente vengono prese in considerazione per evidenziare i cosiddetti “sprechi dei Comuni” sono le spese di rappresentanza e di consulenza in materia urbanistica, che nel 2010 ammontano rispettivamente a € 597 (nel prossimo bilancio ridotte a zero) e € 15.264, ovvero lo 0,46% della spesa corrente totale del nostro Comune. I tagli, al contrario, andranno inevitabilmente ad incidere sul livello quantitativo e qualitativo dei servizi erogati. In realtà in questi ultimi anni, così come riportato nell’ultimo rapporto sul quadro finanziario dei Comuni stilato dall’IFEL (Istituto per la finanza e l’economia locale), il contributo dato dal comparto dei Comuni nel quinquennio 2004-2009 al risanamento dei conti pubblici è stato quello più performante. Infatti, mentre il saldo finanziario del comparto dei Comuni nel periodo 2004-2009 faceva registrare un miglioramento di € 3,3 miliardi, la Pubblica Amministrazione, considerata nel suo complesso, faceva registrare un peggioramento di € 32 miliardi. In attesa dell’attuazione integrale del federalismo fiscale, che ci auguriamo possa ridare piena autonomia e dignità ai Comuni italiani, così come previsto dall’art. 114 della nostra Costituzione, il presente è contrassegnato da un quadro finanziario di forte difficoltà che renderà estremamente complicata la predisposizione del prossimo Bilancio di Previsione per il 2011. Riuscire a conciliare i pesanti tagli con adeguati livelli di risorse, nei vari settori in cui si articola l’attività amministrativa comunale, ed il raggiungimento degli obiettivi assegnati dal patto di stabilità interno costituisce un obiettivo arduo da conseguire.

9


Lavori pubblici & economia Gli interventi per riqualificare la città: oltre 1 milione di euro Intervista all’Assessore Fabrizio Sanchini D. Lavori pubblici: a che punto siamo? R. Nella programmazione dell’attività dell’Assessorato ai lavori pubblici, coerentemente al programma di mandato amministrativo, la riqualificazione urbana della città rappresenta uno degli obiettivi di maggiore importanza. Il perseguimento di questo obiettivo, infatti, costituisce una delle azioni intraprese per riconciliare la città con la sua vocazione di città accogliente, in grado di ricevere i propri ospiti in un contesto urbano adeguato e decoroso. In questo primo anno e mezzo di attività amministrativa sono state create le condizioni finanziarie ed amministrative per dare corso ad un importante programma di interventi di riqualificazione urbana. D. Quali sono i lavori in corso e da fare subito? R. In continuità con il rifacimento dei marciapiedi e del fondo stradale di Via Po e del primo stralcio di via Di Vittorio (quello compreso tra via Po e Via Tevere), sono stati appaltati i lavori per la realizzazione del secondo stralcio (quello compreso tra Via Po e Via Lombardia) il cui completamento è avvenuto a fine anno. Con l’ultima variazione di bilancio (deliberata nella seduta consiliare del 30 di novembre scorso), sono state stanziate le risorse per il completamento della riqualificazione di Via Di Vittorio. Anche in questo caso è previsto il rifacimento dei marciapiedi, l’asfaltatura stradale e la piantumazione di nuove essenze arboree. E’ in fase di svolgimento la gara per appaltare i lavori di riqualificazione di tre importanti strade cittadine: Viale Umbria, Viale Baccelli e Via delle Terme (i due interventi ammontano complessivamente a 1.065.000 euro). Salvo imprevisti i lavori partiranno nel mese di febbraio 2011. D. E l’intervento previsto per Piazza Italia a che punto è? R. A seguito della decisione di circoscrivere l’area d’intervento della zona Piazza Italia alla parte pubblica

della piazza, è in corso di svolgimento l’iter progettuale cui farà seguito l’avvio del procedimento amministrativo per appaltare la realizzazione di questa importante opera pubblica. L’ampliamento dell’area pedonalizzata e la valorizzazione della piazza attraverso la realizzazione di un sistema di fontane e giochi d’acqua conferiranno a tutta quest’area una nuova immagine. D. Ma che ci dice del centro storico e del parcheggio di Via Borgo Nuovo? R. Per quanto riguarda la zona del centro storico, gli interventi programmati riguardano: il completamento dei lavori per la sistemazione del parcheggio di Via Borgo Nuovo, la riqualificazione dell’area di sosta adiacente a Via della Pace e la verifica della fattibilità di un nuovo parcheggio nell’area sottostante Porta San Giovanni. Il completamento dei lavori relativi al parcheggio di Via Borgo Nuovo, superato il progetto che prevedeva la sopraelevazione, assumerà come obiettivo principale quello della riqualificazione di tutto il comparto urbano, attraverso il rifacimento dell’area di sosta, la sistemazione della scarpata e di Borgo Manenti e la realizzazione di un impianto di risalita meccanizzato. D. In programma ci sono altre opere come nuove strutture per lo sport ed il gioco? R. Gli altri interventi programmati attengono, da un lato, alla sistemazione e valorizzazione di alcuni importanti edifici comunali, dall’altro, alla realizzazione di nuove strutture ludico-sportive. Rientrano nella prima tipologia di interventi i lavori in corso di realizzazione presso la palestra ed i cortili del plesso scolastico di Via Dante. Per quanto riguarda l’altra categoria di interventi sono state stanziate le risorse per la realizzazione di una nuova area giochi nel Parco a Valle, per la realizzazione di un nuovo campo polivalente presso lo stadio comunale e di un campo sintetico di calcio a sette nella zona sportiva del Castagnolo. Quest’ultimi due interventi, oltre a promuovere la pratica dello sport e nuove opportunità di socializzazione, consentiranno di implementare la dotazione delle infrastrutture sportive della città e di valorizzare l’offerta di questo importante segmento turistico.

Protocollo di intesa per interventi a sostegno delle piccole e medie imprese del settore alberghiero di Chianciano Terme E’ stato firmato nell’ottobre scorso dal Comune di Chianciano Terme, dalla Provincia, dalla Camera di Commercio di Siena, dalla Finanziaria Senese di Sviluppo e da Fidi Toscana. Il Protocollo di intesa per interventi a sostegno delle piccole e medie imprese del settore alberghiero di Chianciano Terme con l’intento di dare corso ad un’azione condivisa e congiunta tra i diversi livelli istituzionali, presupposto per una maggiore efficacia dell’intervento. FINALITÀ - La finalità dell’iniziativa, attraverso finanziamenti di liquidità o ristrutturazione di finanziamenti in essere, è quella di contribuire alla riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere presenti sul territorio di Chianciano Terme sostenendo gli sforzi finanziari richiesti ai titolari delle strutture per l’adeguamento di queste ultime alle normative vigenti e agli standards qualitativi sempre più elevati imposti da un mercato oltremodo concorrenziale e competitivo. Il Protocollo è rivolto alle piccole e medie imprese del settore alberghiero. Il finanziamento richiesto dovrà essere tra importo minimo di 20.000 ed un massimo di 60.000 euro. “Ad oggi - afferma il sindaco Gabriella Ferranti - sono già pervenute 14 domande a Fi.se.S. che manifestano la volontà di questi albergatori di migliorare le proprie strutture per offrire un’ospitalità più adeguata alle nuove esigenze del mercato. E’ un segnale incoraggiante di fiducia nel futuro che va sostenuto. L’economia della nostra città per la straordinarietà del suo territorio continuerà ad avere le sue basi sul turismo sia esso di tipo termale, sportivo, congressuale, culturale ecc., e conseguentemente la qualità dell’ospitalità in tutti i suoi aspetti è imprescindibile”. COME ACCEDERE AL BANDO - Per informazioni e chiarimenti sul bando rivolgersi a: Fi.se.S. (Finanziaria Senese di Sviluppo) Tel. 0577 48102 - e-mail: fidi@fises.it Il “Bando Provinciale di Siena / Fi.se.S. settore alberghiero e extra-alberghiero Chianciano Terme” è scaricabile dal sito internet: www.fises.it

10


o

t fat

o

t fat

Lavori fatti, avviati e da avviare Di seguito elenchiamo alcuni tra gli interventi riguardanti i Lavori Pubblici fatti, avviati e da avviare. FATTO √ SCUOLA COMUNALE DELL’INFANZIA il “Giardino delle catalpe” - Lavori di ristrutturazione ed adeguamento dell’edificio scolastico e sistemazione dell’area esterna (lavori eseguiti con un finanziamento della Fondazione Monte dei Paschi di Siena (Euro 500.000), della Regione Toscana (Euro 300.000), Comune di Chianciano Terme (Euro 95.000) e Provincia di Siena (Euro 20.248) √ VILLA SIMONESCHI - Lavori di rifacimento del tetto e manutenzione ordinaria di risanamento dell’edificio (lavori eseguiti con un finanziamento della Fondazione Musei Senesi di Euro 200.000) √ PALESTRA SCUOLE - Lavori di rifacimento del manto del tetto della palestra delle scuole in Viale Dante √ STRADE - Lavori di riqualificazione di Viale Di Vittorio (secondo stralcio da Via Po’ a Viale Lombardia) con il rifacimento del manto stradale e opere di abbattimento delle barriere architettoniche sui marciapiedi √ STRADE - Riprofilatura delle strade comunali non asfaltate (con manto a breccia) AVVIATO PALESTRA SCUOLE - Lavori di rifacimento del piazzale e delle fognature nell’area antistante la palestra delle scuole in Viale Dante EDIFICI COMUNALI - Lavori di rifacimento della copertura delle strutture e degli impianti ai fini della riqualificazione energetica SALA POLIVALENTE - Lavori finalizzati al rilascio del certificato di prevenzione incendi

EDIFICIO VIGILI URBANI (Viale Dante) - Adeguamento alle normative esistenti dell’intero stabile

to

fat

o

t via

av Viale G. Di Vittorio

o

t fat

Scuola Comunale dell’Infanzia il “Giardino delle catalpe”

Sede Vigili Urbani PARTIRANNO A BREVE STRADE - Viale delle Terme, Viale G. Baccelli, Viale Umbria partiranno nel mese di febbraio i lavori di riqualificazione dell’assetto viario e dell’accesso ai parchi termali (importo dei lavori Euro 500.000) PARCHEGGI Lavori di completamento del parcheggio di Via Borgo Nuovo (centro storico)

o

t via

av

Viale delle Terme

Lavori alla sede della “Croce Verde”

o

t via

av

Viale G. Baccelli

Sala Polivalente

Mantenere il decoro è un impegno civile di tutti

Strada di ingresso al parcheggio di Via Borgo Nuovo

11


Scuola Comunale dell’Infanzia Riprese le attività nella Scuola Comunale dell’Infanzia il “Giardino delle catalpe” A partire dall’anno scolastico 2010/2011 sono riprese le attività della Scuola Comunale dell’Infanzia nella struttura di Via del Condotto e lo scorso 2 ottobre si è svolta la cerimonia di inaugurazione, presenti: il Sindaco Gabriella Ferranti, il Presidente della Fondazione Monte di Paschi Gabriello Mancini, i componenti la Giunta comunale ed un pubblico numeroso. Nella provincia di Siena (36 Comuni), solo Chianciano Terme e Monteroni d’Arbia, comuni entrambi di poco superiori a 7.000 abitanti, oltre al Capoluogo ed a Poggibonsi, che conta però circa 30.000 abitanti, gestiscono direttamente una Scuola Comunale dell’Infanzia. Il costo di gestione sostenuto dal Comune è stato nel 2010 di complessivi euro 283.214, comprensivi del servizio estivo, una peculiarità del comune di Chianciano Terme.

altri campi della conoscenza come la musica, l’inglese e dal 2010 anche lo Yoga. Un nome alla scuola non era mai stato dato, le insegnanti hanno proposto all’Amministrazione di nominare la scuola il “Giardino delle catalpe”, dal nome delle piante che si trovano nel parco.

Investimento di 1 milione di euro La scuola è stata chiusa nell’anno scolastico 2007-2008. I lavori di ristrutturazione hanno avuto inizio nel mese di ottobre 2009. Grazie all’intervento della Fondazione Monte dei Paschi, che ha concesso un contributo di euro 500.000, al finanziamento di euro 300.000 concesso dalla Regione Toscana, al contributo dell’Amministrazione Provinciale di euro 20.248 e al finanziamento a carico del Comune per euro 95.000, è stato possibile realizzare l’opera.

37 anni di storia della scuola

12

La scuola fu aperta il 4 aprile 1973 (promossa dall’allora assessore all’istruzione e cultura Luigi Moni) per rispondere alle esigenze lavorative delle famiglie chiancianesi, occupate essenzialmente nel settore turistico. Il modello educativo scelto fu quello sperimentato con successo a Reggio Emilia e ispirato al pedagogista Loris Malaguzzi, a cui la scuola è rimasta legata. L’organizzazione del servizio si è adeguata negli anni alle nuove normative, ma le Amministrazioni che si sono succedute hanno sempre mantenuto l’apertura del servizio anche nel periodo estivo. Nel 2001 la scuola ha avuto il riconoscimento di scuola paritaria e questo ha permesso di avere accesso ai finanziamenti statali. Il personale docente si è sempre impegnato nella realizzazione del Piano dell’Offerta Formativa con una particolare attenzione verso la realtà locale, prevedendo progetti che trattano le tematiche del termalismo, della storia di Chianciano Terme, dell’origine etrusca e non sono stati trascurati

(nella foto Gabriella Ferranti e Gabriello Mancini)

L’intervento Oggetto dell’intervento: il consolidamento strutturale, il rifacimento degli impianti, l’isolamento termico e la realizzazione di nuovi infissi. Il procedimento è stato seguito dall’Ufficio tecnico comunale (Servizio Lavori Pubblici) con la direzione dell’ing. Danilo Volpini Saraca. La direzione dei lavori è stata affidata al tecnico esterno ing. Guido Veltri.

Da sx: Anna Lucia Morini, responsabile dell’Ufficio Istruzione e le insegnanti: Cinzia Bettolini, Maria Pia Allegro, Roberta Della Lena, Maria Teresa Pianon, Mirella Fantacci, Maresa Vagaggini e le ausiliarie Giancarla Cesaretti e Carla Della Lena

Lettera delle insegnanti “Ha l’aspetto di una crepa il momento che segna l’inizio dell’esodo, un rio nero che solca una parete bianca e si porta via un luogo di lavoro, gioco, crescita, affetti. Oggi, dopo più di tre anni, quella parete è finalmente tornata bianca, intatta e più resistente di prima e quel luogo è tornato a farsi chiamare “Scuola”, adesso con un nome tutto suo che ne segna l’identità: “Giardino delle catalpe”: Nel mezzo tre anni di difficoltà e crescita professionale e personale, ottenute grazie all’impegno di tutti i soggetti coinvolti, dai bambini ai genitori, passando per gli insegnanti, il personale e la dirigente delle strutture che ci hanno accolto e ospitato. Con tutte queste emozioni nel cuore il 2 ottobre scorso si è finalmente inaugurata la rinnovata struttura scolastica che ha visto crescere, nel corso di quarant’anni, quelle stesse persone che adesso sperano di vederci crescere i propri figli: una bellissima cerimonia, accompagnata da una ricca e nostalgica mostra fotografica che voleva simbolicamente far riabitare quegli spazi, ai tanti alunni che vi si sono susseguiti negli anni, e forse anche far risentire quel luogo - triste per i tre anni di solitudine - gioiosamente abitato. Tante le manifestazioni di affetto e soddisfazione nei discorsi dei presenti, così come nei pensieri lasciati sul libro delle dediche, insieme ad un certo rammarico da parte di quei genitori che vedranno i propri figli sfruttare un luogo, fatto finalmente a misura loro, per un solo anno, in quanto il prossimo andranno alla Scuola Primaria”. (Le insegnanti della Scuola Comunale dell’Infanzia il “Giardino delle catalpe”)


Servizi sociali & politiche giovanili ANTONIO ALTOBELLI Assessore Deleghe: Politiche Sanitarie, Servizi Sociali, Istruzione

antonio.altobelli@comune.chianciano-terme.si.it

Gli interventi nel sociale parla l’Assessore Antonio Altobelli L’impegno dell’Amministrazione in campo sociale è stato rivolto prevalentemente alla popolazione con età al di sopra dei 65 anni e non autosufficiente. Gli interventi in campo sociale sono incrementati in particolare in due settori: gli aiuti economici in favore delle persone ricoverate nelle Residenza Sanitaria Assistita e gli interventi di assistenza domiciliare. Alla data odierna non sono disponibili i dati relativi alla spesa sociale dell’Ente con riferimento all’anno 2010. Possiamo, tuttavia, indicare l’importo comunicato dal Comune all’ISTAT per l’anno 2009, in campo sociale non si registrano modifiche rilevanti nel corso dei singoli anni. La spesa del 2009 è stata di euro 470.824,00. Per spesa sociale si intende la spesa che si riferisce a: trasferimenti all’Azienda USL per servizi svolti in forma associata oltre al trasferimento per il costo dell’assistente sociale e di un’assistente domiciliare, il costo personale del Comune, gli interventi per famiglia e minori (nei minori è compreso il costo dell’asilo nido, oltre ai servizi estivi per bambini e interventi di sostegno per handicap nelle scuole), interventi a favore di disabili, anziani, povertà e disagio adulti. Per l’assistenza domiciliare oltre al servizio, attuato anche in passato, per una trentina di utenti nel corso del 2010, è stato attivato il servizio dei pasti a domicilio (costo circa 16.000 euro), con questo tipo di intervento è stato dato un importante sostegno alle persone anziane e sole. Abbiamo attivato politiche anche nei confronti delle famiglie. In particolare, aiuti alle famiglie in situazione di disagio economico. Oltre agli interventi attuati, come in passato, sulla base della relazione dell’assistente sociale, nel 2010 il Comune ha aumentato del 330% la quota di contributo concessa a integrazione del contributo regionale per i canoni di locazione. Per quanto riguarda gli interventi a carattere sociale in campo scolastico, nonostante i problemi di contenimento della spesa pubblica, il Comune ha, anche quest’anno, risposto alle richieste delle scuole e dell’Azienda USL a favore dei ragazzi diversamente abili, per i quali è stato mantenuto l’intervento dell’assistente alla comunicazione e all’educazione: è stata confermata, con incremento orario, questa figura nella Scuola Comunale dell’Infanzia il “Giardino delle catalpe” ed è stata mantenuta nella Scuola Primaria e nella Scuola Secondaria di primo grado. Dopo tanti anni nei quali il posto dell’assistente sociale è stato coperto con assunzioni a tempo determinato, dal mese di gennaio è entrata in servizio nel nostro comune, nei locali dell’ex Ospedale (Via Vesuvio), l’assistente sociale della USL vincitrice del concorso e nominata a tempo indeterminato. Ci auguriamo  di potere attuare una proficua e duratura collaborazione.

Con il progetto Upigitos 2.0 presto uno sportello per i giovani

Favorire una crescente partecipazione dei giovani nella vita sociale e civile delle loro comunità e nella programmazione delle attività rivolte ai giovani, collaborando con le istituzioni locali, a livello provinciale e regionale. E’ questo l’obiettivo primario del progetto Upigitos 2.0, sostenuto dall’Unione delle Province Toscane, che prevede la creazione di uno sportello dedicato alle politiche giovanili in ciascuna provincia toscana per fornire risposte ai problemi concreti dei giovani, individuare metodi e strumenti adeguati per favorire la loro comunicazione con le istituzioni e completare un percorso di avvicinamento, che ha portato a un coordinamento stabile tra le varie istituzioni provinciali. Il progetto Upigitos 2.0 - alla sua seconda esperienza - ha preso il via a fine 2010 con un seminario di formazione che si è svolto a Chianciano Terme - organizzato dalle Province di Siena e di Pistoia - capofila del progetto, con la collaborazione dell’Apt di Chianciano Terme, e che ha coinvolto 40 ragazzi provenienti da tutta la Toscana. Il Consigliere del Comune di Chianciano Terme Francesco Frizzi, con incarico alle Politiche Giovanili e dell’Infanzia, che ha partecipato agli incontri, afferma che: “in accordo con i giovani amministratori della provincia presenti al congresso, abbiamo deciso di fare un passo oltre creando un tavolo provinciale permanente a cui parteciperanno le associazioni giovanili, i giovani del territorio e gli amministratori con delega, il suo fine sarà quello di creare progetti condivisi ma che siano proposti proprio dagli attori finali, i giovani stessi”. FRANCESCO FRIZZI Consigliere Comunale Capogruppo lista “Impegno per ChiancianoTerme” Consigliere incaricato di particolari mansioni: Politiche Giovanili e dell’Infanzia

frizzifrancesco@alice.it

iosempredonna: mostra “Donne in salute” Presso la Sala Ottagonale delle Terme di Chianciano (dal 25 settembre al 24 ottobre scorso) è stata allestitita una mostra interattiva sulla salute della donna, promossa dall’Associazione “iosempredonna”, in collaborazione con O.N.D.A. (Osservatorio nazionale sulla salute della donna. “L’esigenza di questa esposizione - afferma Pinuccia Musumeci, presidente di “iosempredonna” - è nata per voler evidenziare, stando alle ultime conclusioni di medici e ricercatori, che le donne si ammalano in modo diverso dagli uomini. Proprio sulla base di questi elementi è allora necessario percorrere strategie diverse per ‘curare’ la salute femminile e adottare strategie idonee, oltre che informare in modo corretto sugli stili di vita salutari”. Donne in salute è la prima mostra in Europa sulla salute femminile che fornisce conoscenze aggiornate e promuove l’adozione di stili di vita salutari. iosempredonna@libero.it - www.iosempredonna.it

13


Come salvare un paese abbandonato Un piano di recupero e nuove idee per cambiare il volto al centro storico Paradossalmente, mentre molte realtà limitrofe negli ultimi anni hanno visto fiorire un rinnovato interesse ed attenzione per la valorizzazione dei borghi medioevali, il paese “storico” di Chianciano, ormai da troppo tempo, sta assistendo ad un progressivo ed inesorabile processo di spopolamento e abbandono. Certamente alcune problematiche sono comuni a molti degli antichi centri toscani ed italiani più in generale. Complici, infatti, i mutamenti intercorsi nei modelli di vita prevalenti nella società, oggi più che in passato, sempre più orientati verso scelte legate alla modernità e soprattutto più consone ad esigenze abitative e produttive che poco hanno a che fare con la tradizione e la cultura di cui i nostri centri storici sono intrisi. Tuttavia in un certo qual modo il caso Chianciano appare unico ed emblematico. A causa della crisi turistica ed economica, che del resto caratterizza l’intera realtà cittadina, quello che fino a pochi anni fa appariva come il ritratto pittoresco e suggestivo della cittadina termale,

(Addobbo natalizio in Via dei Forni realizzato dai residenti che hanno gentilmente fornito la foto)

14

caratterizzato dal pullulare di piccole botteghe artigiane e di laboratori nei quali molti artisti provenienti da fuori esponevano le loro opere durante la stagione turistica, ha lasciato spazio oggi all’immagine quasi spettrale di fondi vuoti e a un desolante

isolamento rispetto al centro termale. Per questo, a dispetto di quanto è stato fatto fino ad oggi, credo che sia fondamentale prendere coscienza delle problematiche, dinamiche e contraddizioni che animano questa importante realtà cittadina. Il “paese” vive di delicati equilibri tra gli spazi pubblici e quelli privati, tra strutture edilizie antiche ed esigenze moderne ed in tale ottica occorre immediato un confronto di idee, di soluzioni e di progetti. Recupero, rifunzionalizzazione, miglioramento della qualità della vita. Questo in estrema sintesi, potrebbero essere i concetti base di un programma di azioni mirato per rendere più vivibile, attraente, abitato e frequentato quello che è stato e deve tornare ad essere il cuore di Chianciano Terme. Prima di tutto occorre innescare un processo che punti al recupero degli spazi urbani vissuti con lo scopo di mettere a disposizione una serie di luoghi fruibili dal turista ma anche e soprattutto dal cittadino. Penso alla rivalorizzazione degli edifici storici attraverso interventi di ristrutturazione armoniosi con il quadro urbanopaesaggistico, alla riqualificazione dell’arredo urbano, all’adeguamento dell’impianto di illuminazione pubblica puntando al contempo all’introduzione di soluzioni ispirate al risparmio energetico. Ma non solo interventi strutturali. Il centro storico per sua vocazione e rappresentatività si presta ad accogliere attività importanti per la vita sociale, economica e culturale della cittadina. Bisogna pertanto incentivare la residenza favorendo da una parte il miglioramento delle dotazioni e della qualità dei servizi e dall’altra l’ampliamento dell’offerta sociale ed economica per i cittadini. Questo significa puntare a portare nell’antico borgo i giovani che vogliono avviare una qualunque attività economica, le giovani coppie che vogliano vivere in una comunità sana e moderna ma a costi contenuti con un miglioramento della qualità della vita. Malgrado la limitatezza delle finanze pubbliche, con le idee chiare e attraverso modesti sgravi fiscali e contributi a fondo perduto, è possibile promuovere il reinsediamento di attività commerciali ed artigiane legate alla

tradizione ed al folklore. Utile proposta potrebbe essere poi quella di favorire il comparto della filiera corta agroalimentare e l’enogastronomia “a Km zero”. Penso ad una piattaforma fatta di piccole botteghe e ristoranti dove vengono proposti prodotti locali di qualità certificata a prezzi competitivi. Quindi recupero della funzione economica ed abitativa ma anche altro. Far rivivere il centro storico in una realtà come la nostra vuol dire anche riempire esso di contenuti ovvero creare una serie di occasioni di visita per il turista e iniziative culturali, quali mostre e concorsi, che possano valorizzare e promuovere le stesse attività artigiane presenti. In tal senso, avere un ambiente più vissuto, frequentato, vivo ma anche percepito come luogo di riferimento per attività qualificanti deve essere certamente compito del tessuto sociale e produttivo che attraverso il Centro Commerciale Naturale è chiamato a svolgere un ruolo decisivo e che per questo necessita di un’amministrazione disponibile ed attenta. Resta da ultimo, ma non per importanza, il tema della viabilità rispetto al quale si pagano oggi le “scriteriate” scelte strategiche del passato. In luogo dei faraonici e inadeguati progetti sarebbe stato infatti più opportuno avviare già da anni la costruzione di un ampio parcheggio da dislocare nell’area delle “Carbonaie” l’unico che, grazie alla realizzazione di un adeguato sistema di scale mobili, sarebbe in grado di porre rimedio in maniera definitiva alla scarsità di posti auto nell’area. Occorre quindi dare il segno di un inversione di tendenza avviando anche in questo caso, fin da subito, un’attenta riflessione su una “pedonalizzazione flessibile” del centro storico attraverso l’utilizzo di moderni strumenti quali barriere automatiche, dissuasori a scomparsa, telecamere fisse che permettono l’accesso nelle ZTL ai soli mezzi autorizzati garantendo al contempo ai cittadini la riacquisizione del loro spazio vitale. (Andrea Angeli a nome dei Consiglieri Comunali della Lista Civica “Gruppo PDL Chianciano per la Libertà - Capogruppo Ottavio Chiezzi)


Viabilità

L’attuale organizzazione non aiuta Le dichiarazioni rilasciate recentemente dall’Assessore Provinciale Marco Macchietti nel corso di un’intervista televisiva rendono finalmente chiarezza su uno dei punti qualificanti della nuova viabilità di Piazza Italia. La rotonda, da realizzare in località le Ribussolaie, non rappresenta allo stato attuale una priorità per la Provincia. Dunque, di fatto, viene a cadere anche l’ultimo dei presupposti di valenza dell’intero progetto. Senza voler mettere il dito “nella piaga” alcune valutazioni in merito all’intera vicenda appaiono infatti doverose anche sulla base delle numerose proteste da parte di commercianti ed albergatori che continuano a pervenire, anche personalmente. Innanzitutto desta molte perplessità la gestione dell’intera vicenda. Come in altre circostanze, anche in questo caso la Giunta comunale ha scelto infatti la linea dell’autoreferenzialità ribadendo la ferma volontà di andare avanti a spron battuto sul progetto, malgrado, da più parti, siano state palesate alcune criticità. Una strada questa che nel recente passato ha indotto l’amministrazione comunale a prendere scelte clamorosamente errate e salvo poi ricredersi a distanza di anni. In questo senso “Borgo Nuovo docet”! La sensazione che emerge dunque anche in questo frangente è quella dell’assenza di una definita visione politica circa l’assetto urbanistico che il nostro centro cittadino dovrà assumere in futuro. Una debolezza di fondo che chiaramente espone il Sindaco e gli altri Assessori a numerose critiche e li induce ad adottare ogniqualvolta strategie “a tentativi” che certamente non risolvono i problemi. È opportuno o meno chiudere completamente al traffico Piazza Italia? Una parte di Viale Roma deve essere o meno pedonalizzata? Evidentemente tali questioni meritavano una discussione approfondita, contestualmente all’elaborazione del nuovo progetto. Ma anche al di là di tutto ciò rimangono gli oggettivi disagi arrecati alle attività produttive e soprattutto le criticità riscontrate in merito alla sicurezza. Nell’impossibilità di realizzare una rotonda in località le Ribussolaie, l’incrocio risulta molto pericoloso soprattutto per gli autoveicoli che provenendo dal viadotto intendono svoltare verso Piazza Italia. Ma non solo, i nuovi parcheggi a “spina di pesce” lungo il viale rischiano anch’essi di congestionare

il traffico a causa della riduzione della sede stradale. Non era dunque meglio rinunciare a qualche posteggio per realizzarli in maniera parallela allargando la carreggiata e consentendo un’intersezione in sicurezza da parte delle auto in sosta? Forse questo accorgimento potrà anche essere apportato ma poi sono comunque i chiancianesi, ogni qualvolta, a pagare il prezzo dei continui ripensamenti. Infine, alcune considerazioni in merito al conseguente aumento del traffico veicolare in Viale Di Vittorio/ Viale Lombardia. In Consiglio Comunale abbiamo fatto notare che la curva all’altezza dell’Hotel Cristallo poteva rappresentare un punto critico per la sicurezza, a causa delle auto parcheggiate che ostacolano la visuale e dei pullman turistici che spesso sono soliti sostare in quel punto. Anche in questo caso nessuna iniziativa è stata presa per porvi rimedio. Se a ciò uniamo la sconnessione della strada e la scarsa illuminazione che caratterizza tutto il percorso dei viali risulta palese come il tratto stradale in questione appaia del tutto inadeguato a sostenere il maggiore afflusso di automezzi. Appare dunque evidente come il nuovo assetto viario non abbia costituito un elemento di aiuto sia alla cittadinanza che agli ospiti in cura e per questo credo che sia quanto mai opportuno che la Giunta Comunale si assuma le proprie responsabilità e venga in Consiglio comunale a decretare il “fallimento” dell’intera sperimentazione, ripristinando al contempo la situazione antecedente. Questo è quello che chiedono a gran voce i cittadini nella speranza che la ragionevolezza possa tornare a dettare le scelte strategiche per il rilancio della nostra stazione termale.

OTTAVIO CHIEZZI Consigliere Comunale Capogruppo lista civica “Gruppo PDL Chianciano per la Libertà”

ottavio.chiezzi@alice.it

15


RIFIUTI: superato il 50% nella DIFFERENZIAMO DI PIÙ PER PAGARE DI MENO Nel Comune di Chianciano Terme, come nel resto della provincia di Siena, tutti i servizi di raccolta dei rifiuti urbani (salvo alcune stazioni ecologiche) sono gestiti dalla società Sienambiente, e organizzati su un sistema misto che si basa su contenitori stradali e, in alcune determinate zone e per alcune tipologie di utenti, su raccolta domiciliare. L’organizzazione dei sistemi di raccolta, insieme all’impegno dei cittadini, hanno consentito al territorio di Chianciano Terme di raggiungere e superare per l’anno 2009 l’obiettivo del 50% di raccolta differenziata dei rifiuti, evitando in questo modo la sovrattassa prevista per i comuni con percentuali inferiori a quelle fissate dalla normativa (i dati relativi al 2010 saranno disponibili a breve).

di rifiuti: multimateriale, carta e cartone, organico e anche indifferenziato, con frequenze variabili a seconda della stagione. I rifiuti, chiusi negli appositi sacchetti o bidoncini in dotazione, vanno lasciati fuori dagli esercizi commerciali entro le ore 9,30 nei giorni stabiliti dal calendario. Per gli alberghi il ritiro è previsto a partire dalle ore 6,00. Nella zona di Piazza Italia la raccolta porta a porta è attiva anche per le CIVILI ABITAZIONI, con il seguente orario: rifiuti urbani indifferenziati: 6.00-8.30 lunedì e giovedì carta e cartone: 6.00-8.30 mercoledì e venerdì multimateriale: 6.00-8.30 martedì e venerdì organico: 6.00-8.30 lunedì, mercoledì e sabato. È necessario rispettare l’orario per evitare che i rifiuti restino in strada fino al ritiro successivo.

La raccolta differenziata rappresenta oramai un’abitudine nel nostro vivere quotidiano e, nel sottolineare l’importanza di come “trattare” i rifiuti, ricordiamo come funziona il sistema.

Indicazioni e regole da seguire Che la raccolta avvenga con contenitore stradale o con il ritiro Porta a Porta, ci sono alcune importanti indicazioni da seguire e qualche regola da rispettare. Questo per far sì che le raccolte differenziate siano il più possibile “di qualità”, per consentire il miglior riciclo dei materiali e un risparmio importante in termini di materia ed energia.

In tutta l’area comunale il numero dei contenitori stradali è il seguente: Indifferenziato - cassonetto verde (n. 172). I cassonetti dell’indifferenziato vengono svuotati 4 volte a settimana nei periodi invernali e 6 volte a settimana durante la stagione turistica Organico - cassonetto marrone (n. 67) I cassonetti dell’organico vengono svuotati 2 volte a settimana Carta e Cartone - cassonetto giallo (n. 56) I cassonetti della carta e cartone vengono svuotati 3 volte a settimana Multimateriale - campana verde (n. 61) Le campane del multimateriale vengono svuotate settimanalmente in inverno e 2 volte alla settimana durante la stagione turistica

RITIRO GRATUITO A DOMICILIO

RIFIUTI INGOMBRANTI

PER PR ED INF ENOTAZION ORMA I SUL ZIO E QUA LE MODALIT NI À NTITÀ R IT CHIAM IRABILI A IL

Numero Verde

800-127484 VECCHIE RETI E MATERASSI FRIGORIFERI E CONDIZIONATORI STUFE, LAVATRICI E LAVASTOVIGLIE PC, VIDEO, STAMPANTI, TELEVISORI E PARABOLE

vetro plastica lattine

vetro plastica lattine

APPARECCHIATURE ELETTRICHE DAMIGIANE

Come prenotare il ritiro MU M LTI ER AT IAL

O

AN

NON ABBANDONARE I RIFIUTI. RISPETTA LA TUA CITTÀ!

E

RG

T ZIA EN ER

IO

RTA

IUT

IFF

RIF

CA

porta porta a

IND

etti casson

ICI

Ritiro PORTA A PORTA

16

Il sistema di ritiro Porta a Porta è attivo, con frequenze diverse a seconda della stagione, presso le strutture6 ricettive del comune (alberghi, pensioni, residence), secondo le seguenti modalità: ZONA FUORI PIAZZA 2 ITALIA - per tutti gli alberghi è previsto il ritiro a domicilio di rifiuti multimateriale, carta e cartone e organico con frequenze variabili a seconda della stagione. I rifiuti, chiusi negli appositi sacchetti o bidoncini in dotazione, vanno lasciati fuori dalle ore 6,00 nei giorni stabiliti dal calendario. In queste zone i rifiuti indifferenziati vanno conferiti nei contenitori stradali; ZONA DI PIAZZA ITALIA: per tutte le utenze commerciali e le strutture ricettive è previsto il ritiro a domicilio di tutte le tipologie

Il Numero Verde di Fai anche tu laètua parte! Sienambiente attivo dal In molti Comuni della provincia è attivo il servilunedì al venerdì per tutte zio di ritiro gratuito di rifiuti ingombranti a domicilio e in altri funziona comunque un servizio le informazioni al cittadino che ti permetterà di disfarti di questi materiali: chiama il numero verde 800127484 dal lunedì e per prenotare il ritiro al venerdì, dalle 9.00 alle 13.00 gratuito a domicilio, in I rifiuti ingombranti possono essere anche direttamente portati alle stazioni ecologiche: per particolare: daldel lunedì al sapere gli orari di quella tuo Comune chiama il numero verde 800127484 o consulta il sito www.sienambiente.it venerdì dalle 9,00 alle 13,00

MOBILI IN GENERE PORTE FINESTRE, PERSIANE ED AVVOLGIBILI ARTICOLI DA GIARDINO (BARBECUE, GAZEBI SMONTATI, DONDOLI, ALTALENE, OMBRELLONI, SDRAIO, PANCHINE, TAVOLINI, TOSAERBA…)

BICICLETTE E CYCLETTE GIOCATTOLI DI GROSSE DIMENSIONI (MOTO E MACCHINE ELETTRICHE, CASETTE IN PLASTICA…)

SCALE MACCHINE DA CUCIRE LAMPADARI E PIANTANE CUCCE FIORIERE IN LEGNO O PLASTICA ACQUARI

7

Come ottenere informazioni sulla BOLLETTA e TIA

3Il Numero Verde di Sienambiente è attivo il lunedì, il

mercoledì e il venerdì dalle 9,30 alle 13,00 per le informazioni sulla bolletta e per tutte le operazioni relative alla TIA (Tariffa Igiene Ambientale) Dove si trova lo sportello TIA a Chianciano Terme Via Risorgimento n°36/38 (c/o ex Albergo S.Agostino) Orario di apertura: lunedì dalle 9,00 alle 13,00 e giovedì dalle 14,00 alle 18,00


raccolta differenziata raccolta differenziata

GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA www.sienambiente.it

raccolta differenziata

CARTA E CARTONE

MULTIMATERIALE

vetro, lattine, plastica

Altri consigli su: www.io miglioro.it

Altri consigli su: www.io miglioro.it

CONTENITORI IN VETRO BOTTIGLIE E CONTENITORI IN PLASTICA CON LA SCRITTA PET, PE, PVC, PP-PS VASCHETTE IN PVC E POLISTIROLO (ES: UOVA, CARNE E VERDURE)

IM

GIORNALI E RIVISTE LIBRI QUADERNI BUSTE FOGLI SCATOLE CARTONE A PEZZI CARTONCINI DI OGNI TIPO DOCUMENTAZIONI DI ARCHIVI REGISTRI SCHEDE TABULATI SACCHETTI DI CARTA VOLANTINI PIEGHEVOLI E PUBBLICITARI FASCETTE IN CARTONCINO

NO

PIATTI E BICCHIERI DI CARTA CARTA ACCOPPIATA CON ALTRI MATERIALI

ER AT

(ES: TETRAPAK)

IAL E

CARTA FORNO CARTA CARBONE CARTA OLEATA CARTA CHIMICA DEI FAX FOTOGRAFIE

LATTINE E SCATOLETTE CELLOPHANE

(ES. SACCHETTI DI PASTA E DELLE MERENDINE)

SHOPPERS TUBETTI VUOTI RETINE PER VERDURE CONTENITORI IN TETRAPAK (ES: LATTE, SUCCHI DI FRUTTA)

BOMBOLETTE SPRAY

(ES: PANNA, DEODORANTE, LACCHE)

CONTENITORI VUOTI DI PRODOTTI PER L’IGIENE PERSONALE E DELLA CASA SACCHETTI DI PATATINE (SOLO QUELLI TRASPARENTI)

IMBALLAGGI DI PRODOTTI SURGELATI (SOLO SE NON CONTENGONO ALLUMINIO)

CONFEZIONI RIGIDE/FLESSIBILI PER ALIMENTI IN GENERE

Consiglio: la carta sporca non si ricicla

(ES: AFFETTATI, FORMAGGI, FRUTTA E VERDURA)

CONTENITORI PER YOGURT E DESSERT FILM E PELLICOLE SCATOLE E BUSTE PER IL CONFEZIONAMENTO DI CAPI DI ABBIGLIAMENTO BLISTER E CONTENITORI RIGIDI SAGOMATI (ES: CONTENITORI DI ARTICOLI DA CANCELLERIA, DI PILE, DI PRODOTTI INFORMATICI)

2

NO

PIATTI E BICCHIERI DI PLASTICA CERAMICA (ES: PIATTI, TAZZE) RIFIUTI DA MEDICAZIONE BENI DUREVOLI IN PLASTICA

(ES: ELETTRODOMESTICI, CASALINGHI, COMPLEMENTI D’ARREDO)

GIOCATTOLI VIDEOCASSETTE ARTICOLI PER L’EDILIZIA BARATTOLI PER COLLE, VERNICI E SOLVENTI GRUCCE APPENDIABITI BORSE E ZAINETTI CARTELLETTE,PORTADOCUMENTI COMPONENTISTICA ED ACCESSORI AUTO IMBALLAGGI CON EVIDENTI RESIDUI DEL CONTENUTO (RIFIUTO PERICOLOSO, NON PERICOLOSO E PUTRESCIBILE)

OGGETTI IN TERRACOTTA BARATTOLI CHE CONTENEVANO PRODOTTI TOSSICI E INFIAMMABILI POSATE LAMPADINE

Consiglio: svuota e riduci il volume delle lattine

3

4

5

6

7

Referenti per i rifiuti di Sienambiente: Responsabile tecnico di Area: Giovanni Maione - Assistente tecnico: Roberto Petrini - Tel. 0577 248011

raccolta differenziata

INDIFFERENZIATO

RIFIUTI ORGANICI

Altri consigli su: www.io miglioro.it

SCARTI ALIMENTARI ALIMENTI DETERIORATI PICCOLI OSSI GUSCI D’UOVO FONDI DI TÈ O CAFFÈ FIORI ED ERBA SECCA FOGLIAME E PICCOLE POTATURE PAGLIA SEGATURA CENERI DI LEGNA FREDDE STOVIGLIE E SHOPPERS IN MATERIALE BIODEGRADABILE TAPPI DI SUGHERO

4

5

NO

OSSI DI GRANDI DIMENSIONI OGGETTI IN TESSUTO O PELLE LETTIERE DI ANIMALI DOMESTICI PANNOLINI OLII VEGETALI INERTI

Consiglio: metti nel sacchetto dell’organico solo avanzi di cibo e piccoli sfalci

Altri consigli su: www.io miglioro.it

CERAMICA PIATTI E BICCHIERI DI PLASTICA E CARTA CARTA ACCOPPIATA CON ALTRI MATERIALI OSSI DI GRANDI DIMENSIONI LETTIERE DI ANIMALI PANNOLINI CD/DVD LAMPADINE SPECCHI PELLICOLE FOTOGRAFICHE PENNE/PENNARELLI SCHEDE MAGNETICHE IN GENERE TUTTO CIÒ CHE NON PUÒ ESSERE RICICLATO SACCHI PER ASPIRAPOLVERE SPAZZOLE E SPAZZOLINI

NO

FARMACI PILE RIFIUTI SPECIALI TOSSICI O NOCIVI ETICHETTATI CON I SIMBOLI T/F CALCINACCI PNEUMATICI

Consiglio: ceramica, terracotta e specchi non possono essere riciclati e vanno gettati nell’indifferenziato

17


Acqua & Politiche ambientali Acqua: diritto umano universale. Il Consiglio comunale approva una mozione per garantirne il diritto

L’acqua è un bene essenziale ed insostituibile per la vita e la sua disponibilità e accesso costituiscono un diritto inviolabile dell’uomo. E’ quanto è stato ribadito dal Consiglio comunale che ha approvato una mozione nella quale sono stati elencati una serie di principi che ribadiscono che l’acqua potabile è un “bene comune” dell’umanità e che pertanto la gestione delle risorse idriche non deve essere assoggettata alle norme del mercato. La stessa Unione Europea ha stabilito che alcune categorie di servizi, come quello idrico, non sono sottoposte al principio comunitario della concorrenza, pur lasciando alle autorità pubbliche competenti (Stato, Regioni, Comuni) la libera decisione su come gestire il servizio (direttamente o affidando il compito ad altro ente pubblico o privato). Tra le molte amministrazioni che in Italia hanno condiviso e condividono questi principi, il Comune di Chianciano

130 nuovi alberi nella pineta sopra Piazza Italia

18

In un clima festoso, tra le corse dei bambini sul pendio della Pineta (sopra Piazza Italia), si è celebrata a metà novembre, la Festa Nazionale dell’albero. Sono stati messi a dimora ben 85 piante (45 cipressi e 40 quercie), che la nevicata del marzo scorso aveva devastato. Con i nuovi alberi, che si sommano a quelli spontanei, il patrimonio arboreo della Pineta, la cui proprietà è diventata comunale di recente, è stato completamente ricostituito con 130 alberi. All’iniziativa ha partecipato il Consigliere Roberto Cherubini, l’Associazione Legambiente, la sezione soci Valdichiana Sud di Coop Centro Italia, il Corpo Forestale di Montepulciano, ed hanno preso parte gli alunni ed il corpo docente delle scuole elementari dell’Istituto Comprensivo “F.

Terme, con l’approvazione di questa mozione in Consiglio comunale, impegna il Sindaco e l’amministrazione a proporre alla Regione Toscana, alle amministrazioni provinciali e comunali che fanno parte dell’ATO 4, di ampliare la partecipazione alla gestione ed al controllo del “bene comune” e invita la Giunta Regionale Toscana a presentare una legge regionale che regolamenti il servizio idrico integrato, come servizio privo di rilevanza economica. La mozione del Consiglio comunale propone, inoltre, al gestore (ATO 4) che l’erogazione dell’acqua venga fatta a costi calmierati, che venga fatta la manutenzione straordinaria della rete, al fine di ridurre gli sprechi e le dispersioni e chiede che vengano attivate campagne di sensibilizzazione per incentivare l’uso dell’acqua del rubinetto anziché quella nelle bottiglie di plastica (in questo modo si riducono anche i rifiuti). Inoltre, l’Amministrazione Comunale Tozzi” di Chianciano Terme (presenti i bambini delle classi 3^, 4^ e 5^ della scuola elementare Mencarelli). Il Sindaco Gabriella Ferranti, che ha presenziato alla piantumazione, ha sottolineato il valore educativo della festa dell’albero, incoraggiando i bambini ad adottare una pianta ciascuno e a tornare periodicamente sul luogo per verificarne la crescita. “Gli alberi ci appartengono – ha detto il Sindaco Ferranti –, come ogni piccola parte del nostro territorio, rispettiamoli e tuteliamoli”. Ai bambini è stata offerta una colazione a cura dalla sezione soci Valdichiana Sud di Coop Centro Italia che hanno anche distribuito un opuscolo dal titolo “Dizionario dei rifiuti domestici”, opuscolo realizzato con il patrocinio del Comune di Chianciano Terme per sensibilizzare i giovani a salvaguardare l’ambiente in cui viviamo. L’individuazione del numero degli alberi piantati contribuisce a mantenere attivo

si impegna nel promuovere l’installazione delle “case dell’acqua”, ovvero distributori di acqua potabile della rete (naturale e gassata), sul modello di quelle installate dall’Aquedotto del Fiora. L’Amministrazione sta anche procedendo ad installare riduttori di flusso nei propri rubinetti per ridurne i consumi.

Bevi l’acqua potabile del Vivo: è gratis! Nel 2009 alla fontanella del Vivo (in Via della Foresta) sono stati prelevati 250.000 litri di acqua. Questi equivalgono a 170.000 bottiglie di plastica evitate, pari a 5000 Kg di rifiuti non prodotti. Il Comune di Chianciano Terme ha pagato l’acqua prelevata dalla fontanella 200 Euro. Le famiglie che hanno preso quest’acqua hanno risparmiato complessivamente circa 42.500 Euro. anche il progetto “Un albero per ogni nato” (iniziativa istituita con legge nazionale) che ha permesso di festeggiare i bambini nati e residenti a Chianciano Terme tra il 2005 e il 2008 mettendo a dimora un albero per ciascuno di loro. Altre 45 piante sono state messe a dimora in Località “La Foce”, dove i volontari dell’Associazione Geoarcheologica hanno rimboscato l’area interessata dalla campagna di scavo archeologico, presso la necropoli di Tolle.


Politiche di risparmio: rifiuti ed energia Sergio Giani: “Continuano le azioni finalizzate al risparmio energetico. Per la TIA si cercano soluzioni per ridurre la tariffa anche per il 2011” L’Amministrazione comunale continua ad adottare una serie di atti finalizzati al risparmio energetico nel rispetto della sostenibilità ambientale. A questo proposito l’Assessore all’Ambiente Sergio Giani afferma che il lavoro dell’assessorato si svolge in stretta collaborazione e sinergia con il Consigliere comunale Roberto Cherubini, che ha l’incarico alle Risorse Idriche e Rifiuti. «Particolare attenzione, anche per il 2011, sarà posta nei confronti del TIA (Tariffa Igiene Ambientale) - afferma Giani - con la finalità di ricercare soluzioni finalizzate alla riduzione della tariffa a carico delle aziende operanti a Chianciano Terme, così come è stato possibile per l’anno 2010». «Le nostre azioni - prosegue Giani - renderanno presto possibile l’installazione di impianti fotovoltaici in alcuni edifici di proprietà del Comune, con l’obiettivo, dopo alcune verifiche, di procedere in modo sistematico su tutte le strutture di proprietà».

Impianti fotovoltaici negli edifici comunali Il 9 dicembre scorso è stata approvata dalla Giunta Comunale una delibera che “apre la strada” all’installazione di impianti fotovoltaici negli edifici comunali. L’operazione sarà possibile grazie ad una convenzione con il Consorzio Energia Toscana (CET) che ha emesso un bando per conto dei propri soci per procedere all’installazione di impianti fotovoltaici. Il Comune non dovrà sostenere costi, né di installazione né di gestione, dovrà solo mettere a disposizione alcuni tetti ed in cambio riceverà un contributo economico in proporzione all’energia prodotta. La società che ha vinto il bando del CET, e che quindi finanzierà l’installazione, è la Tecnologie Ambientali di Rimini, che darà incarico ad imprese chiancianesi per la messa in opera. Le prime strutture destinate ad ospitare gli impianti sono la Scuola Elementare Mencarelli e la Scuola Comunale dell’Infanzia il “Giardino delle catalpe” di via del Condotto. Entrambi gli impianti saranno da 20 KWp e produrranno in un anno almeno 25.000 KWh di energia elettrica ognuno, con una riduzione di circa 40.000 Kg di CO2 emessi in atmosfera. Verrà verificata la possibilità di posizionare impianti fino a una potenza installata di 200 KWp, sui seguenti edifici: bocciodromo, plesso scolastico di via Dante, garage comunali di via delle Volpaie, asilo nido di via Vesuvio, palazzetto dello sport e cimitero. L’Amministrazione sta anche verificando, in accordo con la Regione Toscana e il CET, la possibilità di accedere a finanziamenti europei per installare impianti fotovoltaici nei terreni della ex IGA Gessi (adiacente alla zona artigianale Astrone) e nell’area dell’isola ecologica del Cavernano.

Convegno sul nucleare a Chianciano Terme

“Nucleare No Grazie…”. Questo era, circa venti anni fa, lo slogan che più di tutti indicava l’opposizione degli italiani nei confronti dell’energia nucleare a seguito del tragicamente noto incidente di Chernobyl e con il referendum del 1987 in Italia è stata presa una decisione netta e univoca: “basta con il nucleare”. Ma fu una scelta saggia? O forse si trattò di un clamoroso errore? Di questi argomenti si è parlato nel corso della conferenza sull’energia nucleare dal titolo “Nucleare: una soluzione?” che si è svolta a Chianciano Terme a fine novembre presso la Sala Fellini delle Terme di Chianciano. La conferenza è stata promossa dalle Associazioni Collettivo Fabrica, Legambiente, Voci e Progetti, patrocinata da CESVOT (Centro Servizi Volontariato Toscana) e dai Comuni di Chianciano Terme, Sarteano, Sinalunga, Montepulciano e Chiusi e dalla Provincia di Siena. Presente l’Assessore all’Ambiente di Chianciano Terme Sergio Giani. Sono intervenuti: il fisico e divulgatore scientifico Dr.ssa Claudia Castaldini, il responsabile scientifico di Legambiente Nazionale, Ing. Stefano Ciafani, il ricercatore del CNR (Centro Nazionale di Ricerca) Istituto di Biometeorologia, Dr. Francesco Meneguzzo. Ha moderato l’incontro l’Ing. Claudio Mellone. Il consigliere comunale Roberto Cherubini ha ribadito che l’incontro è stato importante per capire cosa significa usare l’atomo per produrre energia, e per far riflettere sui “pro” e “contro” nucleare. ROBERTO CHERUBINI Consigliere Comunale lista “Impegno per ChiancianoTerme” Consigliere incaricato di particolari mansioni: Partecipazione, Risorse idriche, Rifiuti

gattofori@yahoo.it

Censimento agricoltura L’Istituto Nazionale di Statistica ha avviato, dallo scorso 24 ottobre, il 6° Censimento Generale dell’Agricoltura, che rappresenta un momento fondamentale per raccogliere informazioni statistiche strutturali sulle aziende agricole e zootecniche attive. L’Unione dei Comuni Valdichiana Senese ha costituito, nell’ambito del servizio associato di statistica, l’Ufficio Comunale di Censimento. Il 28 febbraio 2011 l’Istat redigerà il Piano di diffusione dei dati definitivi. Per ulteriori informazioni: Ufficio Comunale di Censimento Unione dei Comuni Valdichiana senese www.unionecomuni.valdichiana.si.it

19


A che punto sono le piscine termali? Rendering del progetto delle piscine termali

Il presidente della società Terme Immobiliare SpA Fausto Norrito ci spiega nel dettaglio

20

La complessità e la delicatezza dei lavori oggetto di riappalto, i numerosi imprevisti incontrati durante l’esecuzione dei lavori, le difficoltà di coordinamento delle attività tra le numerose ditte esecutrici, hanno richiesto risorse e tempi superiori a quelli inizialmente stimati. E’ stato possibile solo in parte rispettare la scadenza del 15 giugno 2010. I danni causati dalla nevicata del 10 marzo scorso e i ritardi prodotti dall’appaltatore delle pareti vetrate hanno imposto modifiche sui tempi necessari per liberare il cantiere. Il completamento delle lavorazioni impreviste, i collaudi e l’emissione delle certificazioni hanno impegnato tutta l’estate e solo adesso sono in fase di conclusione. Purtroppo l’appaltatore delle pareti vetrate non ha completato i lavori e, come previsto dal codice degli appalti, l’Immobiliare ha avviato le procedure per la risoluzione in danno. Cosciente della necessità di liberare il cantiere quanto prima per poter procedere all’appalto del 2° stralcio l’Immobiliare (con l’assistenza del proprio legale) ha concluso un accordo bonario con l’appaltatore inadempiente. L’accordo ha dato corso all’immediata risoluzione del contratto con decurtazione degli importi necessari per il completamento delle opere mancanti. Sono stati, quindi, perfezionati tutti gli atti relativi ai lavori in riappalto del 1° Stralcio. Nel mese di settembre scorso si è provveduto a smontare la gru lasciata dalla C.S. Costruzioni. Il periodo estivo è stato utile per la elaborazione del progetto del 2° Stralcio. Ad agosto il Consiglio di Amministrazione dell’Immobiliare ha approvato il progetto definitivo.

(Fausto Norrito Presidente Terme di Chianciano Immobiliare S.p.A.)

Dal settembre scorso è in corso un’intensa attività di confronto con la Società di Gestione; si tratta di una nuova fase di approfondimento caratterizzata dall’intervento di un consulente, recentemente incaricato dalla stessa Società di Gestione, che ha richiesto una ulteriore valutazione delle opere da realizzare. I Progettisti hanno completato il Progetto Esecutivo ed il Responsabile Unico del Procedimento ha già validato il progetto e i conseguenti documenti di gara. Ora si sta procedendo con la gara di appalto. Durante il periodo estivo si è proceduto alla stesura e successiva approvazione del Protocollo d’Intesa con il Comune di Chianciano Terme che consentirà la realizzazione della nuova viabilità di accesso ai parcheggi e di un percorso pedonale per l’accesso alle Piscine ed allo Stabilimento Sillene. Nello stesso periodo, sempre con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale sono state avviate - e ad oggi concluse - le trattative per l’acquisizione di nuove aree da destinare a parcheggio. Al contempo l’Immobiliare ha predisposto tutti gli atti necessari, comprensivi dell’analitico e complesso frazionamento, per trasferire le strade e le piazze di

proprietà (ad uso pubblico) al Comune di Chianciano Terme (Via delle Terme, Viale Roma, Piazza Italia, Via Buozzi, Piazza Marconi, e Piazza Martiri Perugini - limitatamente al nostro stradale - nonché la zona antistante l’ingresso Zona Rinascente del Parco Acquasanta). In senso più ampio le strade, le piazze e le aree verdi di proprietà dell’Immobiliare hanno sempre assolto funzioni di valenza sociale, strettamente collegate alla vita cittadina. Il passaggio all’Amministrazione comunale, già sottoscritto, potrà così garantire sia l’uso pubblico di tali aree, sia proseguire con la salvaguardia del suolo e del sottosuolo, vicini alle sorgenti termali. Il trasferimento (già previsto dall’Accordo di Programma del 2005), è finalizzato anche alla realizzazione di lavori di riqualificazione della viabilità di accesso ai parchi termali, programmati dalla stessa Amministrazione Comunale di Chianciano Terme. L’atto di cessione è stato sottoscritto a titolo gratuito. Già nel luglio 2010 la Società Immobiliare, aveva iniziato tali operazioni cedendo al Comune di Chianciano Terme Via della Pineta e la Pineta medesima prospiciente tale strada. Attualmente i Soci della Terme di Chianciano Immobiliare S.p.A. stanno procedendo all’aumento di capitale sociale fino ad un milione di euro finalizzato sia alla realizzazione di opere di utilità pubblica che all’implementazione del Piano industriale della Terme di Chianciano S.p.A. In questo contesto è stata più che mai fondamentale la fattiva collaborazione dei Soci (Regione Toscana, Fi.se.S. S.p.A. e Comune di Chianciano Terme) sulle problematiche della cittadina termale. Il Presidente Fausto Norrito e l’Assessore alle partecipazioni Sergio Giani hanno, inoltre recentemente rinnovato l’intesa tra Comune di Chianciano Terme e Società Immobiliare.


Terme di Chianciano, tutte le novità 2011 Salone mescita - Parco Acquasanta Sirio Bussolotti, presidente delle Terme di Chianciano, delinea i progetti per il 2011 e le soluzioni da adottare per il rilancio delle Terme, strettamente connesse al rilancio della città. “Terme di Chianciano rappresentano bene il lato più dinamico del termalismo spiega Bussolotti -. Stiamo lavorando per il Centro Sillene dove sono anche stati già realizzate un’area relax e una nuova palestra, dove sono concentrate attrezzature per la riabilitazione e le macchine per la ginnastica che si effettua anche in gruppo, sotto l’occhio esperto di qualificati medici e terapisti. Nei camerini della fango balneo terapia sarà avviato un restyling e saranno dotati di nuove vasche con idromassaggio. I dati confermano che gli accessi alle fangoterapie sono aumentati rispetto al 2009 del 2 per cento,  a fronte di una discesa di circa il 10,5 per cento della cura idropinica. “I buoni risultati raggiunti con il Salone sensoriale (+2.5 per cento), la

fangoterapia, e l’attività inalatoria ci confortano. Ma dobbiamo continuare a lavorare per promuove le prestazioni delle Terme a livello locale, nazionale ed internazionale. L’offerta termale, poi, deve essere sempre più ampia: alle cure termali tradizionali, si affianca la prevenzione e la riabilitazione e si arriva fino alle nuove frontiere del benessere. Contemporaneamente si va avanti con la ricerca scientifica a livello universitario per la validazione dell’efficacia delle cure, in particolare della fangatura sull’artrosi del ginocchio e della cura idropinica sulle patologie epatiche. E a proposito di ricerca ed Università - continua Bussolotti - si auspica che diventi presto realtà il Centro diagnostico di alta qualificazione specialistica per le malattie epato-biliari e pancreatiche che nasce dal protocollo di intesa fra Regione Toscana, Provincia di Siena, Comune di Chianciano Terme, ASL 7 e le Università toscane di Siena,

Sirio Bussolotti, Presidente delle Terme di Chianciano SpA

Firenze e Pisa, attraverso cui le Terme di Chianciano offriranno all’ospite in cura, un vero e proprio ‛tagliando salute’ integrando le competenze cliniche specialistiche con esami ematochimici e strumentali, anche di ultima generazione per le epatopatie ed i disturbi funzionali dell’apparato digerente”.

Al Comune altre proprietà della Rinascente). Il Comune dovrà accollarsi positivo ma, come è noto, le ristrettezze società Terme di Chianciano le spese e la manutenzione ordinaria del bilancio comunale rendono sempre e straordinaria di queste aree, nonché più difficili le manutenzioni del territorio. Immobiliare Dopo Viale della Pineta e la Pineta sovrastante, ora altre proprietà ad uso pubblico, prima appartenenti alla Società Terme di Chianciano Imobiliare, sono state trasferite a titolo gratuito al Comune Altre proprietà della società Terme di Chianciano Immobiliare sono passate al Comune di Chianciano Terme. Dopo il Viale della Pineta e la Pineta sovrastante Piazza Italia (alla quale l’Amministrazione comunale darà presto un nome che la identifichi), trasferite al Comune, la scorsa estate, altre proprietà. La cessione, a titolo gratuito, avven uta il 10 dicembre scorso, riguarda: Via delle Terme, Viale Roma, Piazza Italia (esclusa l’area sovrastante la scalinata che è di proprietà privata), Via Buozzi, Piazza Marconi, Piazza Martiri Perugini (limitatamente al nastro stradale) ed, infine, la zona antistante l’ingresso del Parco Acquasanta (zona

vigilare e provvedere affinché tutte le attività che si svolgono sul suolo e nel sottosuolo garantiscano la salvaguardia, l’igiene e la tutela dagli agenti inquinanti. Queste aree ricadono all’interno delle concessioni minerarie “Compendio termale” e “Bagni di Chianciano” delle quali la società Terme Immobiliare SpA è titolare. A quest’ultima restano tutti i diritti connessi alla titolarità delle predette concessioni ed allo sfruttamento delle risorse esistenti o che dovessero essere scoperte. Con l’acquisizione di queste aree stradali, si è concluso un percorso avviato già da anni. “Abbiamo concluso la fase di acquisizione di queste aree ad uso pubblico che è conseguente al processo di privatizzazione iniziato nel 2005 - afferma il Sindaco Gabriella Ferranti -. Adesso è finalmente chiara l’appartenenza, e conseguentemente anche l’identificazione del soggetto che dovrà mantenere queste aree stradali. Arricchire il patrimonio comunale è

Invito pertanto la cittadinanza a collaborare per la tutela del patrimonio collettivo. E’ il momento di dimostrare che insieme si possono ottenere risultati anche con riguardo alla prevenzione ed alla repressione di atti di vandalismo che fanno sprecare denaro pubblico”. Il Presidente Fausto Norrito sottolinea la positività di tale passaggio, in quanto, in più occasioni, erano emerse contraddizioni e difficoltà nella gestione di tali aree, nominalmente della Terme di Chianciano Immobiliare SpA, ma nella quasi totalità dei casi, già gestite operativamente dal Comune di Chianciano Terme. “Ora che il passaggio è ufficiale afferma Norrito - non ci saranno motivi di contrasto né difficoltà nella gestione di tali aree, ferma restando la volontà reciproca di lavorare insieme per ogni situazione che richieda collaborazione e partecipazione. L’ufficialità di tale passaggio mette finalmente un punto fermo su tutta la questione”.

21


Curarsi alle Terme (nelle foto: Centro inalatorio presso la Direzione Sanitaria ed una sala del Salone Sensoriale - foto di proprietà Terme di Chianciano SpA)

Terme di Chianciano… curarsi e rigenerarsi attraverso le acque. Un mondo di cure in convenzione con il Servizio Sanitario Alle Terme di Chianciano, sgorgano le acque benefiche per la salute ed il benessere;  si effettuano in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale la cura  idropinica per il fegato e l’apparato gastroenterico,  bagni e fanghi epatici,  bagni e fanghi artroreumatici, cure inalatorie e bagni termali per le vasculopatie. Recatevi dunque dal vostro medico di base per la ricetta che prescriva le cure alle Terme di Chianciano che sono tutte convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale.

Centro inalatorio rinnovato ed ampliato e convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale Il Centro inalatorio presso la Direzione sanitaria è stato ampliato e rinnovato.  Le apparecchiature termali sono state sostituite con macchine di ultima generazione a controllo elettronico e dallo stesso posto cura possono essere  erogate tutte le terapie. Per ogni posto cura, un personal computer connesso alla rete, controlla il tipo di terapia da eseguire, la durata della terapia, la prenotazione della postazione e la sanificazione del posto cura al termine della terapia. All’interno del Centro inalatorio si trova l’ambulatorio otorinolaringoiatrico-audiologico per la valutazione delle patologie respiratorie e da quest’anno la diagnosi e terapia delle vertigini con esecuzione della ginnastica vestibolare, efficace come terapia fisica anche del disequilibrio. L’Acqua Santissima esercita un’azione antinfiammatoria, mucolitica e sedativa sulla mucosa delle prime vie respiratorie e sull’albero bronchiale. Le cure inalatorie con l’Acqua Santissima sono le uniche che hanno indicazione per patologie respiratorie allergiche per la presenza degli ioni calcio e bicarbonato sia per adulti che per bambini.

Medicina estetica, preziosa alleata per la bellezza

22

Nel reparto di Medicina estetica e termale, i prodotti ed i trattamenti all’avanguardia insieme alle acque, sono al servizio della bellezza.Tra i trattamenti medici, in aggiunta ai tradizionali peeling chimici, l’elettropeeling del viso determina il rinnovamento cellulare, attivando  fattori di crescita endogeni. Le rughe d’espressione vengono eliminate con le iniezioni di tossina botulinica, mentre le iniezioni di fillers a base di acido ialuronico ristabiliscono i volumi delle labbra e depressioni cutanee.  Attraverso la rivitalizzazione si ringiovaniscono viso, collo,

decolleté e dorso mani. La mesoterapia omeopatica e la carbossiterapia sono in grado di offrire una soluzione al diffuso inestetismo della cellulite. Con la tecnica LPG (endermologia) che viene praticata in tutto il mondo, senza interventi invasivi, la silhouette si rimodella e l’intralipoterapia agisce sulle adiposità di addome e fianchi. In caso di antiestetici capillari, la soluzione è rappresentata dalla fleboterapia.

I nuovi cosmetici GTS in vendita alle Terme Thermae SPA: le virtù naturali delle acque termali per rinascere in bellezza e benessere. L’obiettivo della nuovissima linea Thermae SPA a base di Acqua di Chianciano Terme, è di ricreare all’interno dell’Istituto e del Salone un vero percorso termale. L’origine è l’Acqua che scaturisce dalla Fonte Acquasanta di Chianciano Terme. I laboratori GTS l’hanno selezionata perché la sua naturale azione remineralizzante e dermo-purificante svolge un effetto equilibrante, che aiuta a ripristinare lo stato ottimale della pelle e dei capelli. Una linea di prodotti completa ma essenziale, che permette di apportare alla pelle e alla capigliatura i benefici dell’acqua termale e degli oligoelementi in essa contenuti. Una serie di trattamenti che unisce l’efficacia delle formule al piacere di un benessere più completo. Ai prodotti cosmetici, si associa la potenza delle nuove tecnologie a marchio Dibi, quali la radiofrequenza con effetto antiage, e la nuova pressoterapia. Ecco anche ultrasuoni viso corpo e la novità della fotoepilazione.

Imparare a dimagrire alle Terme Per dimagrire e mantenere il giusto peso, la semplice elaborazione della dieta non basta. Il problema è ben più complesso. Il conflitto cibo-peso, che si rinnova quotidianamente e spinge ad una confusione disordinata di tentativi falliti. Per risolvere per sempre il problema del sovrappeso e dell’obesità, è necessario superare il concetto delle diete prescrittive; l’alternativa consiste in un addestramento metabolico-nutrizionalecomportamentale. Il metodo del dottor Trinca si articola in 3 sezioni, corrispondenti ai reali problemi che incontra chiunque desideri dimagrire in modo efficace e duraturo. Partendo dallo studio del ciclo metabolico delle 24 ore, il metodo Trinca insegna semplici principi nutrizionali da auto gestire con flessibilità e consapevolezza per ottenere un  dimagrimento rapido, l’assenza di fame o debolezza; la diminuzione dei raptus alimentari e nessuna caduta del tono dei tessuti. Call Center Per informazioni:

848 800 243


Scuola & Associazioni Stage formativo all’Istituto “Pellegrino Artusi”

Nuova sede per Voci e Progetti

Un anno di successi per Collettivo Fabrica

Già Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione di Chianciano Terme, la scuola ha festeggiato nel corso del 2010 cinquant’anni di attività formativa. Tra le tante attività che ha proposto ha attivato anche stage formativi d’eccellenza, selezionando gli studenti più meritevoli per uno scambio con un istituto di Edmonton, in Canada, che forma giovani nello stesso settore, quello alberghiero, dell’ospitalità e della ristorazione. L’Istituto “Artusi” si è così “gemellato” con la NAIT School of Hospitality and Culinary Arts. Al progetto rivolto a rilevare le eccellenze, di durata biennale (anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010), hanno partecipato enti e strutture esterne alla scuola. Due i momenti significativi del progetto. Il primo, ha permesso a sei studenti Canadesi un’attività di stage presso tre strutture alberghiere di Chianciano Terme. Successivamente sei studenti dell’Artusi tra i più meritevoli (Luca Baldi, Lorenzo Binozzi, Simone Chianucci, Gaia Tigli, Gabriele Magini, Emiliano Coppetti), hanno svolto uno stage ad Edmonton, accompagnati da tre docenti dell’Artusi. Le borse di studio sono state messe a disposizione dalla Fondazione Monte dei Paschi di Siena e dalla Banca CRAS Credito Cooperativo Chianciano TermeCosta Etrusca-Sovicille. Partners dell’Artusi sono stati il Comune di Chianciano Terme, l’APT Valdichiana, l’Associazione Albergatori e le Terme di Chianciano, oltre numerose aziende locali. Il progetto si è concluso con una cerimonia che si è svolta il 10 novembre scorso.

L’Associazione Culturale Voci e Progetti ha aperto la propria sede in Viale della Libertà, 442 a Chianciano Terme (nella foto sopra). Dopo un lungo percorso, partito nel 1994, l’associazione è riuscita a trovare uno spazio idoneo e fruibile. «Tutto questo è potuto accadere grazie alla volontà, al contributo e al sacrificio di ogni associato che con il proprio impegno e sostegno ha fatto in modo che si creassero le condizioni per poter aprire uno spazio didattico e formativo – afferma il presidente Renato Preziuso -, un luogo aperto a chi voglia usufruire di tutte le attività offerte, un ambiente allestito con strumenti multimediali che può accogliere nuove possibilità, idee e occasioni d’incontro». L’associazione si è specializzata nel tempo nella formazione e nella didattica teatrale, in particolar modo nell’improvvisazione teatrale (l’associazione è socia fondatrice della Scuola Nazionale d’Improvvisazione Teatrale e dell’As-sociazione Nazionale Improteatro), proponendo percorsi creativi ed educativi rivolti ad utenti di tutte le età. «L’apertura di questo nuovo locale - prosegue Preziuso - nasce dalla necessità di trovare spazi utilizzabili per iniziative culturali di varia natura. La sede dunque consentirà finalmente di accogliere tali iniziative, permettendo all’associazione di continuare con il proprio lavoro di formazione e didattica e migliorando ulteriormente la capacità di elargire il proprio contributo alla comunità mettendo a disposizione lo spazio. Infatti, è importante sottolineare che il luogo allestito è stato pensato come uno spazio “aperto”, che può accogliere progetti e corsi di varia tipologia e che può essere richiesto da chi fosse interessato a creare nuove attività formative e di approfondimento».

Nata nel 2006, Collettivo Fabrica (Associazione Culturale senza scopo di lucro), grazie all’impegno di molti giovani, spinti a favorire la socializzazione e l’integrazione delle varie realtà giovanili, continua a proporre attività culturali di livello. Nel 2010 l’attività è stata intensa con la XI Festa della Musica, che si è svolta a Chianciano Terme a luglio (in quattro serate, registrate 3.000 presenze), con le istituzioni: con il Comune di Chianciano Terme e la Regione Toscana (per attivare il Punto di Accesso ai Servizi Internet); con l’Agenzia per il Turismo (per promuovere pacchetti turistici); con la Provincia di Siena (per proporre l’iniziativa Video Box). Non sono mancate le occasioni di collaborazione con altre associazioni della Provincia (con il concorso nazionale 3D contest rivolto a musicisti emergenti). La sua attività ha avuto di recente un importante riconoscimento con la partecipazione alla quinta edizione del Festival della Creatività di Firenze. Il Festival ha coinvolto tutte le Province della nostra regione e, attraverso una selezione, che doveva individuare una sola associazione per provincia, Collettivo Fabrica è stata scelta per rappresentare Siena che ha proposto al Festival, che si è svolto in Piazza Santa Croce a Firenze, “le idee che ci cambiano la vita”: la Silent disco, un progetto legato alla comunicazione wireless e all’utilizzo dell’innovazione tecnologica nel campo dell’entertainment (già presente all’interno dell’ultima edizione della Festa della Musica e, grazie alla collaborazione con l’Assessorato alle Attività Produttive della Provincia di Siena, all’interno del Festival). Gli impegni per l’associazione si sono conclusi con la Festa dello Sport (a dicembre scorso), tre giornate di sport, musica e divertimento per tutte le età.

www.alberghierochianciano.it www.nait.ca/schoolofhospitality

info@vocieprogetti.it www.vocieprogetti.it

info@collettivofabrica.org www.collettivofabrica.org

23


Turismo, viabilità, sport e trasporti Non sembra essere dello stesso avviso il presidente di Federalberghi, che ha recentemente dichiarato che il parco giochi non sarebbe una soluzione per Deleghe: Sport e Associazioni Sportive, uscire dalla crisi. Turismo, Promozione, Evidentemente la tendenza è quella di far Trasporti e Viabilità pari alle presenze che abbiamo, cercando paolo.piccinelli@comune.chianciano-terme.si.it di portarle almeno alla cifra tonda di 1 milione all’anno e di pensare ad una riduzione delle strutture alberghiere. Parla l’Assessore Paolo Piccinelli Se così fosse, il Piano Strutturale ci dovrà aiutare a pensare a cosa o come utilizzare i volumi turistici che rimarranno TURISMO Le attuali presenze del nostro sistema in disuso e come poter effettuare la scelta turistico, sono tali da indurre ad un di quelli che invece resteranno dedicati pragmatico ragionamento. I flussi all’ospitalità. Spero solo che dopo tanti turistici sono ormai tutti abbastanza anni di analisi, si arrivi davvero ad una equilibrati. Il termalismo rimane il settore sintesi in grado da subito di stabilire un che ci rappresenta, ma è ormai, per elemento fondamentale: il numero di le presenze che attrae, un turismo di posti letto. nicchia: salgono le presenze legate al benessere, al congressuale, allo sportivo, VIABILITÀ al culturale ecc. Tuttavia, sebbene in Diversamente da quanto affermato in ognuno di questi settori ci siano margini queste pagine, da chi si nasconde dietro di miglioramento in termini di presenze, a concetti politici preconfezionati (da difficilmente potremmo pensare di arrivare altri) sperando di aumentare il proprio al numero di pernottamenti che il paese, consenso e astenendosi al contempo potenzialmente, potrebbe ospitare. dall’apportare un qualsiasi contributo Tenuto conto che un albergo per personale finalizzato all’individuazione sostenersi, deve puntare ad un 60% di delle soluzioni, la sperimentazione del occupazione annuale, le attuali presenze senso unico ha dato i suoi frutti. Questo potrebbero bastare per 50/60 alberghi. A non vuol dire che tutto ciò che é stato fatto ragionare in modo matematico la soluzione ha dato solo esiti favorevoli. Del resto le sembrerebbe quella di una riduzione sperimentazioni vengono fatte proprio drastica delle strutture, soluzione però quando non si hanno solo elementi positivi che da Assessore al turismo, ma anche rispetto ad un’idea o ad un progetto, da cittadino, faccio fatica ad accettare. diversamente si passerebbe subito alla Anche perché riducendo i posti letto fase attuativa. Questa sperimentazione verrebbero fisiologicamente ridotti i flussi tuttavia ha aiutato i tecnici del Piano economici di tutto l’indotto che il comparto Strutturale, in modo particolare il tecnico alberghiero genera. alla viabilità, che è chiamato a formulare La soluzione più idonea è senza dubbio un progetto definitivo che tenga conto del quella di affacciarsi a nuovi mercati nuovo progetto di Piazza Italia e di una turistici per attrarre nuovi flussi. possibile pedonalizzazione nella zona E’ vero, Chianciano al momento non è centrale del paese. A febbraio verrà “di moda”, non ha un evento in grado da consegnata una prima bozza alla viabilità, solo di caratterizzarlo, (miss Italia, festival da sottoporre all’attenzione di tutte le della canzone, ecc.) come è altrettanto associazioni e categorie del paese, che ci vero che tutti i segmenti turistici, indicherà se il futuro di quella strada, sarà seppur migliorati, non possono arrivare il ritorno ai due sensi di marcia, un senso ad esprimere incrementi sostanziali. unico o una chiusura totale. Una nota Rimane però il paese al centro di una positiva è rappresentata dalla mancanza zona paesaggisticamente tra le più belle di incidenti sia al bivio del ponte delle d’Italia, comoda da raggiungere, vicina Ribussolaie, punto abbastanza sensibile, alle città più importanti. Ci manca un che all’interno del senso unico. motivo forte, predominante che riesca Rispetto ai parcheggi, invece, dopo ad avere un appeal sulle famiglie italiane aver ultimato la gestione della sosta a e non solo. Nonostante la crisi, infatti in pagamento tramite i parcometri, la scelta ogni famiglia c’è la tendenza a pensare dell’amministrazione si é concentrata in modo inderogabile alla soddisfazione sulla durata del periodo a pagamento. dei propri figli, tendenza che si manifesta Il parcheggio di Piazza Gramsci anche nella scelta della destinazione ad esempio, si é rivelato un ottimo turistica. È questo il motivo che ci ha parcheggio di scambio per chi desidera convinto a far analizzare la possibilità visitare il centro storico. Da qui la scelta della realizzazione di un parco giochi di lasciarlo a pagamento per tutto l’anno, (Gardaland/Mirabilandia). insieme al parcheggio di Piazza Italia (di Da una prima analisi fatta, insieme a fronte all’ex cinema Garden) e alla sosta chi per venti anni ha fatto il presidente nel senso unico di viale della Libertà. di Gardaland e dall’architetto che lo ha In tutti i paesi in cui si cerca di realizzato, è emerso che in un paese incrementare l’afflusso di utenza presso come Chianciano, porterebbe un afflusso le strutture commerciali si tende ad che oscilla tra 800 mila a 1,2 milioni di allontanare, per il tramite di parcheggi ingressi annui, con un investimento che si a pagamento e sosta breve, i titolari ripagherebbe in meno di 10 anni. degli esercizi commerciali lasciando ai PAOLO PICCINELLI Assessore

24

potenziali clienti, il parcheggio libero ed abbastanza vicino ai negozi stessi. Un modo di competere con gli outlet e i centri commerciali (artificiali) che fanno della comodità della sosta, un’arma spesso vincente. A Chianciano il presidente dei Centri Commerciali Naturali mi scrive (lettera del 9 dicembre 2010) di “riservare delle tariffe convenzionate per i proprietari e gestori di attività commerciali” cosicchè possano avere la possibilità di sostare di fronte ai propri negozi. Un concetto da rivedere? SPORT Durante tutto il 2010 il settore sportivo ha avuto una serie di eventi importanti, il Giro d’Italia, le finali nazionali FIGC, le finali nazionali under 16 e il quadrangolare di serie A femminile di pallavolo e tutte le altre manifestazioni legate alla UISP, all’Etica sportiva ecc. Senza fare un elenco analitico, possiamo dire che Chianciano è stato al centro di una forte attenzione in un settore che, anno dopo anno, fa registrare numeri sempre piú importanti. Il 2011 ha già in calendario tanti appuntamenti che porteranno e speriamo incrementeranno le presenze di un settore in cui l’amministrazione crede e per il quale ha dato il via ad una serie di piccoli investimenti per il miglioramento dei servizi e delle strutture sportive esistenti nel paese. Tuttavia, molti sono gli eventi a cui dobbiamo dire di “no” per la mancanza di dotazioni infrastrutturali, elemento questo a cui il Piano Strutturale dovrà dare risposta individuando nuove aree di espansione da dedicare a questo importante settore. TRASPORTI E’ stato un inizio di anno teso per tutti i comuni della provincia, chiamati a trovare soluzioni ai forti tagli in questo settore. Chianciano inoltre si trova anche di fronte ad un cambio di tendenza, non dovuto solo al cambiamento di utenza, ma anche al cambiamento sociale che permette anche a persone ultra ottantenni di recarsi tranquillamente nella nostra stazione termale con la propria auto. Il servizio è stato quindi adeguato, rispetto anche all’uso dei servizi stessi da parte dell’utenza. Nel corso del 2011 infatti subirà alcune modifiche che riguardano le percorrenze che sono risultate pressoché inutilizzate, come le corse della domenica mattina e negli orari serali. Per quanto concerne il periodo estivo, il cambiamento riguarderà la circolazione dei mezzi che transiteranno all’interno del paese in modo circolare. Ciò consentirà di garantire un servizio molto efficiente e di più facile fruizione. Non cambierà invece la percorrenza legata alla zona Rinascente/Terme/Sillene. E, come già detto, non è stata confermata la “profezia” che vedeva sospeso dal 1 gennaio 2011 il servizio per le Piane, c’è quindi da ben sperare per la “profezia della fine del mondo” nel 2012.


Promozione & Associazioni La promozione del turismo locale anche su iPhone® e mobile L’iPhone ha ormai rivoluzionato molti settori commerciali. E fra questi, anche il turismo sta cominciando a muoversi per adeguarsi alle moderne esigenze richieste dal mercato. L’Agenzia per il Turismo Chianciano Terme Val di Chiana, ha creduto da subito in questo moderno veicolo di comunicazione e promozione e ha già reso disponibili i propri siti anche per il mobile, così da poter accedere, tramite telefonino, ai maggiorni contenuti riguardanti i pacchetti vacanze e le offerte turistiche disponibili. Con iPhone®, l’applicazione è disponibile sul sito internet www.iphon.vivichiancianoterme.it (scaricabile gratuitamente). Per

scaricarla, bastano poche semplici operazioni. Collegarsi a internet e, nella home di www.iphone. vivichiancianoterme.it, selezionare il simbolo “+” nella barra in basso, poi “aggiungi alla home” e “aggiungi”. Tre sole mosse, veloci e facili, per avere tutti i segreti di questo pezzo di incantevole provincia senese nell’iPhone®. C’è poi la versione per cellulare Il sito vivichiancianoterme.it, grazie alla versione mobile, diventa a portata di cellulare e “navigabile” anche dallo schermo del telefonino o del palmare. L’applicazione mobile riconosce automaticamente il supporto tecnologico e, invece di mostrare il sito internet nella versione originale, più adatta per le visualizzazioni dal pc, collega l’utente alla versione dedicata, studiata su misura per lo schermo del palmare o del telefono cellulare.

Il Maestro Curio Ercolani dona al Comune di Chianciano Terme un suo quadro in cui sono rappresentati aspetti del territorio. Il quadro è esposto nella stanza del Sindaco che ha affermato: “In questo dono vi è l’apprezzamento per il nostro impegno e l’amore per Chianciano Terme che sempre di più ci viene dimostrato. E’ per noi incoraggiante”.

Percorso per ciechi e ipovedenti al Museo Etrusco

In occasione del XXII Congresso Nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, che si è svolto nella stazione termale dal 26 al 29 ottobre 2010, il Museo Civico Archelologico “Delle Acque” di Chianciano Terme, uno dei pochi musei toscani ad avere questo tipo di percorso e la guida in linguaggio Braille, ha organizzato visite guidate per i partecipanti.

Campagna Nastro Rosa Dallo scorso 1° ottobre è partita la nuova campagna di prevenzione del cancro della mammella, con la presentazione al pubblico del nastro rosa lungo dodici metri fatto a maglia da donne di tutta Italia. L’Associazione “iosempredonna” onlus quest’anno, per sensibilizzare l’opinione pubblica in modo del tutto particolare, ha lanciato un’azione di lavoro a maglia collettivo, richiamando l’attenzione in modo spettacolare sulla tematica del cancro del seno. Al fine di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce del tumori al seno e informare il pubblico femminile anche sugli stili di vita da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare. Per informazioni: iosempredonna@libero.it www.iosempredonna.it

Il sangue non si fabbrica in laboratorio

Il sangue, che è un tessuto del corpo umano, serve tutti i giorni e non solo per le situazioni di emergenza, ma per curare alcune gravi malattie come tumori e leucemie e per rendere possibili i trapianti e i progressi della medicina. L’innalzamento dell’età media della popolazione ed il miglioramento del sistema sanitario toscano fanno crescere i consumi di sangue. Il sangue non si fabbrica in laboratorio: deve essere donato. Donare sangue è un grande atto di generosità che alimenta il moto della vita ed è anche un ottimo modo per verificare periodicamente il tuo stato di salute. AVIS è l’Associazione Volontari Italiani Sangue presente in Toscana con oltre 150 sedi e più di 70.000 soci donatori. La sede di Chianciano Terme conta 360 soci donatori che quest’anno, per la prima volta hanno superato la soglia delle 600 donazioni. Alle donatrici ed ai donatori chiancianesi vada il più vivo ringraziamento per la loro encomiabile opera. La forza di chi dona muove anche Te. Questa forza siamo noi avisini: dona e passaparola. Per informazioni: 0578 30663 chiancianoterme.comunale@avis.it

25


Il presidente di Banca CRAS Credito Cooperativo Chianciano Terme-Sovicille, Florio Faccendi (a dx) e il presidente di Banca Costa Etrusca Gianfranco Balestri nel giorno della fusione.

Dal 6 dicembre è iniziata l’attività di Banca Cras Credito Cooperativo Chianciano TermeCosta EtruscaSovicille Frutto della fusione di Banca Cras con la Banca Costa Etrusca Dal 6 dicembre scorso è iniziata l’attività di Banca CRAS Credito Cooperativo Chianciano TermeCosta Etrusca-Sovicille rendendo così operativa la fusione tra Banca Cras e Banca Costa Etrusca approvata dalle rispettive assemblee dei soci e firmata il 2 dicembre scorso dai due presidenti, Florio Faccendi e Gianfranco Balestri. L’unione delle due banche darà nuove opportunità ai territori di competenza che comprendono 55 Comuni e 4 Province (Siena, Grosseto, Livorno, Pisa) ed ha il sostegno di una base sociale di 5.200 soci, le cui diverse origini ed esperienze si incontrano nei comuni valori cooperativi sanciti dalla Carta dei Valori del Credito Cooperativo e ribaditi nello Statuto

della Banca. Una fusione senza sovrapposizioni territoriali, con aree economicamente diversificate e con un’importante potenzialità di sviluppo nella vigenza del piano industriale 2011/2013: un progetto sfidante che porterà valore aggiunto a tutti i territori di competenza, alle famiglie ed alle aziende. Banca Cras sarà al servizio di 28mila clienti con 23 filiali e 184 dipendenti formati secondo i principi del programma C.R.A.S (Cura, Relazione, Assistenza, Sviluppo), in base al quale la professionalità va di pari passo con il concetto di relazione. Nella nuova area di competenza saranno operative le filiali di Rosignano Solvay e Livorno nelle quali saranno implementati i servizi dedicati ai soci e ai clienti grazie alla presenza di personale della business unit Banca Cras Assicurazioni e all’attività degli uffici sviluppo retail e corporate e del servizio private. Nuovi investimenti sono previsti per lo sviluppo delle risorse umane e per la loro formazione: la centralità delle risorse è, infatti, parte fondamentale del successo della pianificazione illustrata ai soci. Forte degli iniziali 64 milioni di patrimonio, destinato ad un ulteriore incremento grazie alle strategie preventivate nel piano industriale, Banca Cras potrà sviluppare le proprie attività con il focus sulla relazione e la personalizzazione di prodotti e servizi verso soci e clienti. La banca, con

sede legale ed amministrativa a Sovicille, sede secondaria a Chianciano Terme e sede distaccata a Rosignano Marittimo, è presieduta dall’attuale presidente di Banca Cras Florio Faccendi, coadiuvato da tre vicepresidenti; il Direttore Generale sarà Umberto Giubboni e il Vice Direttore Generale Mauro Trecci. A meno di un anno dalla fusione con la Banca di Credito Cooperativo di Chianciano Terme si aprono, ancora una volta, nuove possibilità di sostegno e sviluppo per i territori di Banca CRAS. “La Bcc del futuro dovrà essere ancora di più un’istituzione capace di affiancare soci e clienti a livello di consulenza, proponendo nuovi percorsi di progettualità ed offrendo gli strumenti per svilupparli - ha detto il Presidente Faccendi -. Dobbiamo investire ancora nel migliorare la relazione con i soci ed i clienti, una specificità che ci distingue e che dobbiamo ancora più valorizzare in un contesto sociale e di mercato dove sembra che l’attenzione alla persona stia passando in secondo piano”. Anche per questo, Banca Cras ha voluto investire nel rapporto con i propri soci e clienti dando vita alla Società di Mutuo Soccorso Cras e sostenendo la nascita della Onlus “Puerto Seguro” voluta dai dipendenti per dare maggiore incisività alle azioni di solidarietà e cooperazione locale ed internazionale.

X Corto Fiction: grande successo del festival nazionale del cortometraggio Gran bella edizione questa decima di Corto Fiction Chianciano Terme. Il 3 e 4 settembre scorso il festival del cortometraggio si è svolto all’interno del Museo d’Arte di Chianciano Terme, colmo di pubblico, una novità che alla manifestazione ha aggiunto un tocco di eleganza in più. Molto belli i corti selezionati e numerosi gli applausi dei presenti. È stato proiettato il meglio della produzione audiovisiva indipendente e cinematografica. Tra gli Autori presenti a ritirare i premi: per il tema libero, vinto dal geniale “Cafè capo” di Andrea Zaccariello presente il protagonista, l’attore Gianni Cavina, premiato dal Sindaco Gabriella Ferranti. Il tema comico è stato vinto da Antonio Pegoraro con “Vita sopressa”. Il Premio Fellini-Chianciano è andato al visionario “Home” di Francesco Filippi, la targa €conomicorto è stata vinta da Riccardo Banfi con “Buonanotte”; ha ritirato il premio l’attore Giampiero Aceto. Il pubblico in sala votando i corti proiettati ha decretato il vincitore assoluto di questa decima edizione: “Il cinema in castagna” realizzato dalla 5° elementare dell’Istituto comprensivo  di Piancastagnaio. Ottima la presentazione di Paolo Cappelli e Lucia Meacci, che insieme alla ben nota professionalità di Emilio Mandarino (con le sue motivazioni ai premi), ancora una volta danno ragione al promotore Lauro Crociani e a tutto lo staff dell’Associazione Immagini e Suono che ha organizzato il festival sostenuto da: Provincia di Siena, Terre di Siena Film Commission, Comune di Chianciano Terme, Banca Cras Credito Cooperativo Chianciano Terme Sovicille e Clante Hotels.

26


Banca Cras ha presentato la sua nuova pubblicazione

Borse di studio: Banca Cras premia 78 studenti

Nel Salone Nervi delle Terme dell’Acquasanta è stato presentato, lo scorso 30 novembre, il volume La regola e il capriccio. Jacomo Franchini e il barocco senese a cura di Bruno Mussari, Felicia Rotundo e Vinicio Serino con contributi di Mario Ascheri, Milena Pagni, Riccardo Pizzinelli, Alessandro Angelini, Margherita Eichberg, Gianna Tinacci e Alberto Cornice. Con questa nuova opera letteraria Banca Cras contribuisce ancora una volta a valorizzare il patrimonio artistico, architettonico e culturale di Siena e della sua provincia, riscoprendo il lavoro di un protagonista del Seicento senese, il poliedrico Jacomo Franchini. Grazie a questo volume si percorre un itinerario alla scoperta delle architetture e del disegno urbano a Siena e in Valdichiana: un percorso attraverso strade, chiese, cappelle e altari, passando dai palazzi signorili e dalle ville delle famiglie nobili senesi, per arrivare all’architettura degli oratori di contrada e delle compagnie laicali. Questa opera colma un vuoto culturale, riunendo fonti e documenti di varia natura e origine (lettere, progetti, disegni) un in unico corpus dando il giusto risalto ad un protagonista troppo a lungo tenuto nell’ombra e ad un’epoca spesso trascurata dalla letteratura e dalla ricerca. Presentando il volume Gabriele Borghini, alto consulente per il patrimonio storico, artistico e monumentale del Comune di Siena nonché detentore del premio Mangia d’oro 2010, ha ricordato come il dibattito sul barocco senese era già iniziato negli ultimi anni Settanta al suo arrivo a Siena: “Solo oggi, evidentemente – ha commentato Borghini – si è raggiunta la maturità necessaria per dare alle stampe la prima opera su questo tema, sfruttando il percorso creato dal poliedrico Jacomo Franchini”.

Oltre 220mila euro in borse di studio consegnati a 789 studenti negli ultimi dodici anni: sono i dati essenziali di un’importante iniziativa che Banca Cras ha sostenuto con sempre maggior impegno. Insieme al sostegno alle numerose iniziative legate al mondo della scuola e dei giovani, ogni anno la Banca premia gli studenti che hanno ottenuto i migliori risultati negli esami di quinta elementare, terza media, maturità e laurea. Quest’anno gli studenti premiati sono stati 78 per un totale di € 31.750 ripartiti in modo proporzionale al corso di studi: sono stati premiati 14 alunni delle scuole elementari, 27 delle scuole medie, 28 delle scuole superiori e 9 dell’università. Come di consueto la cerimonia è stata arricchita da un momento di approfondimento: in questa edizione si è parlato di talento che si può trasformare in occasione di lavoro. L’ospite, infatti, è stato l’artista senese Alva, che con i suoi personaggi non solo ha divertito la platea gremita, ma ha anche dimostrato come una passione, se coltivata e affinata con l’esperienza e la professionalità, può davvero diventare una professione. Presenti alla cerimonia anche i 12 studenti di Chianciano Terme premiati, tra cui due laureati (Eugenio Fallarino e Alessandra Santoni premiata da Florio Faccendi nelle foto sotto), ai quali va il nostro plauso per gli ottimi risultati conseguiti.

“La regola e il capriccio. Jacomo Franchini e il barocco senese”

Nel corso di dodici edizioni sono stati erogati oltre 220mila euro

iosempredonna: concorso nazionale “Donna Sopra le Righe” Grande successo anche per la 2ª edizione del Concorso nazionale “Donna Sopra le Righe”, ideato e promosso dall’Associazione “iosempredonna”, le cui premiazioni si sono svolte lo scorso 9 ottobre nella Sala Fellini del Parco Acquasanta. “Tenendo conto del grande successo ottenuto nella 1ª Edizione del 2009 con la partecipazione di 60 concorrenti, si può affermare che anche quest’anno, la manifestazione abbia avuto un esito sorprendente”. E’ quanto sostiene la presidente dell’Associazione “iosempredonna”, Pinuccia Musumeci. Per l’edizione di quest’anno, alla presenza di un folto pubblico, sono stati premiami gli scritti di: Maria Luisa Bigai (regista delle novelle di Andrea Camilleri già presente l’anno passato), Anna Maria Ackermann (proviene dal teatro di De Filippo), Francesca Draghetti (della Premiata Ditta) e Antonella Alessandro (doppiatrice, la Samantha Jones di “Sex and the City 2”). “Alcune opere sono da considerarsi piccoli capolavori”, conclude Musumeci che ricorda che le opere pervenute al concorso letterario sono state pubblicate nel libro Donna sopra le Righe 2010, già alla seconda ristampa. Chi fosse interessato ad una copia del volume può richiederla direttamente all’Associazione “iosempredonna” (via Solferino 35, 53054 Chianciano Terme, Siena - Tel. 0578 30114).

27


1990-2010: vent’anni di attività della “Corale Chiancianese” Quando nel 1990 il Maestro Luca Morgantini è partito con il primo gruppo di ”pionieri” forse non pensava che di lì a poco avrebbe potuto contare su un bel numero di persone che via via si sarebbero unite alle prime fino a diventare un coro di oltre cinquanta elementi! In questi primi venti anni abbiamo portato avanti molte iniziative, che ci hanno permesso di conoscere in modo sempre più approfondito, e di far conoscere, la musica polifonica di ogni genere, dalla classica, alla popolare, lirica, religiosa, leggera. Nel 1993 abbiamo organizzato la nostra “1ª Rassegna Interregionale Cori”, arrivata oggi alla 19ª edizione, che ha dato la possibilità in tutti questi anni di far conoscere la nostra bella cittadina a più di 100 corali, e ha dato a noi la possibilità di ricambiare con molti di loro. Sono stati tutti cori formati da dilettanti, costituiti da persone animate da una forte passione per la musica e che, guidate da maestri professionisti (come è il nostro Maestro, Luca Morgantini), spesso raggiungono buoni, se non eccellenti, livelli di preparazione, offrendo, con i loro diversi repertori e i diversi stili, un vasto e significativo panorama della musica corale italiana. Importante è lo scambio fra realtà simili ma non uguali, il confronto fra i vari stili musicali, in quanto venire a contatto con tradizioni diverse dalle nostre, arricchisce ciascuno di noi da tutti i punti di vista, non ultimo quello umano. Abbiamo partecipato a Concorsi e Festivals sia in Italia (Val D’Aosta e Braies sulle Dolomiti) che all’estero (Portogallo, Praga, Vienna, Spagna). Un’esperienza che ha lasciato veramente un segno nel nostro cuore è stata il gemellaggio con il coro portoghese “Orfeo de Seia”, che abbiamo ospitato e del quale siamo stati ospiti. Numerosi sono i concerti che abbiamo eseguito durante importanti eventi anche religiosi: ci piace ricordare la Messa solenne a Siena in occasione della visita di Papa Wojtyla Giovanni Paolo II, la Messa in occasione dell’apertura del Giubileo nel 2000 eseguita al palazzo dello sport di Chianciano Terme accompagnati dall’Orchestra Synphonia Perusina, i vari Concerti eseguiti durante la stagione estiva per gli ospiti in cura, i Concerti eseguiti in collaborazione con la Corale Poliziana di Montepulciano accompagnati dall’orchestra da camera Poliziana e i fiati di Chianciano Terme.

Il calendario per i festeggiamenti del 20° anniversario della Corale

28

In occasione dei festeggiamenti del 20° anniversario della Corale l’agenda è stata più fitta di eventi. Ricordiamo fra i più significativi, il concerto eseguito a settembre in onore del musicista Bonaventura Somma, a 50 anni dalla sua

morte. Abbiamo voluto rendere omaggio a questo nostro illustre concittadino eseguendo brani che lui stesso ha composto per coro e orchestra. Altro appuntamento: il “Concerto della famiglia” che si è tenuto il 24 dicembre scorso nella Chiesa Collegiata di San Giovanni Battista; la realizzazione del primo CD musicale del Coro (inciso a settembre), in cui diamo un saggio del vasto repertorio messo a punto in questi venti anni di attività; la partecipazione al “Festival Internazionale Gruppi Corali” Città Pineda de Mar in Spagna, dove si sono esibiti gruppi corali diversi; la pubblicazione di un libretto, ancora in fase di realizzazione, dove saranno raccolti foto e aneddoti a testimonianza dei momenti più significativi della vita del coro dal 1990 ad oggi.

Cosa significa far parte di un Coro?

Far parte di un coro non significa solo avere la possibilità di poter coltivare la passione per la musica e per il bel canto, ma anche di poterla condividere con altri. Quale migliore occasione se non quella di fare un bel viaggio per stare tutti insieme in allegria? Ecco perché abbiamo risposto positivamente, e con entusiasmo, all’iniziativa dello 7 ottobre scorso quando siamo partiti, con il nostro maestro Luca Morgantini e il nostro Presidente Don Carlo Sensani, alla volta di Pineda De Mar, Spagna!

Il Coro aspetta altri appassionati

L’attività del Coro deve continuare ed è quindi nostro desiderio poter accogliere all’interno del nostro gruppo nuove persone con cui condividere la passione del canto. Non occorrono né doti particolari né la conoscenza della scrittura musicale ma, piuttosto, avere il desiderio e il gusto di cantare e l’entusiasmo di fare musica insieme ad altri. Per partecipare basta seguire le prove che si tengono, generalmente, una volta alla settimana, la sera dopo cena. Saranno proposti nuovi brani di ogni genere, dalla musica leggera alla classica, dal jazz ai canti popolari e religiosi. Dedicare un po’ del proprio tempo libero a un’attività che piace contribuirà anche a far crescere il nostro Gruppo nei servizi per il nostro paese e nelle esibizioni “fuori le mura” (in Italia e all’Estero), per portare il nome della nostra città termale ovunque. (a cura dei membri della Corale)


Bonaventura Somma: illustre musicista chiancianese (Un momento di un Concerto del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma - foto proprietà Accademia di Santa Cecilia - Roma)

A 50 anni dalla scomparsa (1893-1960) l’Istituto Musicale “B. Somma” ricorda il suo concittadino

(immagine del Maestro Bonaventura Somma - foto proprietà Biblioteca dell’Accademia di Santa Cecilia - Roma)

Per ricordare il Maestro Bonaventura Somma l’Istituto Musicale ha organizzato numerosi eventi: lo scorso 7 agosto nel Santuario di Sant’Antonio si è esibito il Coro polifonico “Accademia degli Unisoni” di Perugia diretto dal M° Lollini. Dal 4 settembre al 31 dicembre 2010 è stato allestito presso il Museo Civico Archeologico delle Acque uno spazio dedicato al Maestro Somma nell’ambito della mostra Arte Archeologia e Musica dall’antichità ai nostri giorni. L’allestimento è stato curato dal Museo stesso e la Mostra per la sua alta qualità è stata inserita nel calendario delle mostre della prestigiosa rivista “Artedossier”, insieme a quelle di importanti musei a livello mondiale (National Gallery e National Portrait Gallery di Londra).. Il 13 settembre e il 24 ottobre scorsi presso la Chiesa Collegiata nel centro storico di Chianciano Terme si sono tenuti concerti di due corali, il Gruppo Corale Chiancianese e Cappella Musicale di Santa Maria in Via di Roma con musiche di Bonaventura Somma; il 18 dicembre scorso la Banda ha tenuto un Concerto presso il Palamontepaschi delle Terme di Chianciano. Le celebrazioni

proseguiranno anche nel 2011: verrà proiettato un film del 1944 con la Regia del grande Vittorio De Sica La porta del cielo, per il quale il Maestro ha diretto i Cori della colonna sonora; verrà posta una targa ricordo nella casa che ha dato i natali all’illustre Musicista; sarà presentato un libro sulla vita e le opere musicali del Maestro allo scopo di far conoscere l’illustre musicista chiancianese. Le celebrazioni di questo 50° dalla sua morte, organizzate dall’Istituto Musicale - che porta il suo nome - sono state realizzate grazie al patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Chianciano Terme e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma, con il contributo della Fondazione del Monte dei Paschi di Siena, della Banca CRAS Credito Cooperativo Chianciano TermeSovicille e dell’APT Chianciano Terme Valdichiana. «Certo, sappiamo che è ben poca cosa commemorare il Maestro Somma con queste iniziative, visto il livello culturale e musicale del personaggio - afferma il presidente dell’Istituto Bonaventura Somma, Luciano Pucello - e forse si potrebbe pensare ad un qualcosa in più. Dato che il Maestro ha insegnato e diretto dal 1926 fino alla sua morte il prestigioso Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, per ricordare e coronare questo evento sarebbe auspicabile che il Coro dell’Accademia si esibisse qui a Chianciano Terme per ricordare l’illustre musicista». NOTE BIOGRAFICHE Bonaventura Somma (compositore) è nato a Chianciano Terme, nel centro storico in Borgo Vetuli al numero 4, il 30 luglio 1893 ed è morto a Roma il 23 ottobre 1960. Bonaventura Somma ha studiato al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma, diplomatosi in composizione alla scuola di Stanislao Folchi e di Ottorino Respighi. Nel 1911 è stato direttore della Cappella del Santuario di Valle di Pompei. Negli anni dal 1922 al 1923 è stato direttore d’orchestra nei “Balli russi” al Theàtre des Champs Elysèes di Parigi e dal 1925 al 1934 è stato direttore

artistico dei “Concerti Spirituali” alla Sala Borromini in Roma, e direttore per anni della Cappella Musicale di San Luigi dei Francesi in Roma. Dal 1926 al 1960 ha diretto il Coro, assumendo il ruolo di Accademico effettivo e Consigliere artistico (a partire dal 1934), dell’Accademia di Santa Cecilia in Roma. Dal 1939 è stato titolare presso la Cattedra di Composizione Polifonica Vocale (del quale insegnamento esiste in Italia soltanto un’altra cattedra presso il Conservatorio di Milano), presso il Conservatorio di Santa Cecilia in Roma. Molti i premi che ha ottenuto durante la sua carriera. Papa Pio XII lo ha insignito di Motu proprio della Commenda dell’Ordine di San Gregorio Magno. Tra gli altri incarichi ricevuti, è stato Accademico della Filarmonica di Bologna, Medaglia d’argento della Repubblica Italiana, Officier d’Académie di Francia, Cavaliere Ufficiale di Gran Croce del Belgio. Gli è stato anche conferito il titolo di Artis Templum, il Diploma solenne alla memoria di “Accademico Onorario”. Nel 1960 è stato nominato Consulente Artistico del C.O.N.I. per la XVII Olimpiade. Ha portato il Coro dell’Accademia di Santa Cecilia ad un grado di perfezione tecnica ed artistica da renderlo uno dei più ammirati complessi corali del mondo. In seno al “Grande Coro” dell’Accademia ha costituito il “Coro Polifonico” col quale ha dato numerosi concerti in Italia ed all’estero, eseguendo capolavori del secolo XVI secolo e svolgendo cicli storici di alto interesse artistico e culturale comprendenti anche le prime felici creazioni del nostro melodramma giocoso. Il 23 ottobre del 1960, fra le braccia dell’amata sorella Enrica, dopo aver ricevuto i conforti della Fede, il Maestro è spirato affidandosi alla Misericordia di Dio. (Luciano Pucello - Presidente) ISTITUTO MUSICALE “BONAVENTURA SOMMA” Per info: 0578 31001 bonaventura.somma@tiscali.it www.istitutosomma.191.it

29


Gemellaggio tra l’Auser di Chianciano Terme e l’Auser di Agliana L’Auser di Chianciano Terme e quella di Agliana in provincia di Pistoia si sono gemellate. Il presidente dell’Auser di Chianciano Terme, Iva Morviducci, ed il presidente dell’Auser di Agliana, Celio Cipolli, si sono fatti promotori dell’iniziativa. Il primo incontro è avvenuto lo scorso 7 novembre, quando la delegazione dell’Auser chiancianese si è recata a Agliana (presenti, oltre i rappresentanti delle due Auser, il Sindaco di Agliana Eleanna Ciampolini ed il Vice Sindaco di Chianciano Terme Claudio Rossi). Il secondo incontro si è svolto la domenica successiva (14 novembre) a Chianciano Terme dove erano presenti: per Chianciano Terme il Sindaco Gabriella Ferranti e per l’Auser di Chianciano Terme il Presidente Iva Morviducci, il Vice Presidente Marino Cesaretti, il segretario tesoriere Adolfo Pieri e l’economo Franco Rossi, oltre 30 soci. Per Agliana presenti l’Assessore comunale Fabrizio

Novità all’Università libera “Iris Origo” della Valdorcia e Valdichiana

30

Proseguono le lezioni dell’Università libera “Iris Origo” della Valdichiana e Valdorcia che ha sede a Chianciano Terme e che da 13 anni svolge un’intensa attività. Molte le novità che sono state introdotte con l’inizio del nuovo calendario didattico a partire dalla sede che non è più l’ex Sala Polivalente (in questo periodo non disponibile per lavori di riqualificazione della struttura), bensì le aule della Scuola Media Statale “F. Tozzi” di Chianciano Terme. Il ricco calendario prevede lezioni, con docenti di grande rilevanza, che vanno dalla musica all’arte, dal cinema alla prosa, dalla letteratura alla storia, dalla psicologia alle scienze, dalle religioni alla filosofia. Ma anche molti appuntamenti con conferenzedibattito, visite guidate, concerti e, da quest’anno, anche prove di cucina creativa.

Magazzini, e per l’Auser il Presidente Celio Cipolli, il Vice Presidente Mario Gelli, il segretario tesoriere Daniela Marcante ed i Consiglieri Otello Agrumi e Angela Nesti oltre 50 soci. Nella mattina i “gemelli” di Agliana, sono stati accolti presso la sede dell’Auser locale dove hanno celebrato il gemellaggio con scambio di doni tra le due rappresentative. A seguire, dopo la visita alla città ed il pranzo presso l’Hotel Nanda, le delegazioni hanno visitato il Museo Civico Archeologico delle Acque di Chianciano Terme. L’Auser chiancianese, istituita alla fine degli anni Novanta, conta 300 soci e da anni è attiva nel mondo del volontariato con iniziative di vario genere. Dopo aver dimostrato da tempo la volontà di realizzare gemellaggi con associazioni analoghe, questa volta ha incontra to l’Auser di Agliana, comune di 16.867 abitanti in provincia di Pistoia.

ORARIO DELLE LEZIONI Le lezioni si svolgono tutti i lunedì, mercoledì e venerdì (dalle 16.30 alle 18.30). I corsi, iniziati a novembre 2010 si concluderanno ad aprile 2011. La quota di iscrizione è di Euro 70 per l’intero anno accademico. ALTRE NOVITÀ Oltre alle lezioni del calendario didattico, chi si iscrive può accedere, con una quota aggiuntiva di Euro 30, ad altri corsi, come la ginnastica e l’acquagym (4 ore settimanali con istruttori qualificati). Sono in programma anche corsi di informatica e di lingua inglese (1° e 2° livello: per questi due corsi la quota di iscrizione è definita in proporzione agli iscritti). L’Università libera “Iris Origo” - fondata dal Prof. Giuseppe Vagaggini, che ne è stato presidente sino al 2008 ed oggi ne è presidente onorario - è presieduta dalla Prof.ssa Alfia Caltabiano, vicepresidente è Patrizia Roncucci, segretario Aldo Rondini. Per le iscrizioni rivolgersi a: Aldo Rondini, tel. 0578.31205 Patrizia Roncucci, tel. 0578.62189

Biblioteca Comunale La Biblioteca Comunale di Chianciano Terme ha cambiato sede e si è trasferita, dalla Sala Polivalente (Giardini pubblici), in Viale Dante al piano strada del Museo Civico Archeologico delle Acque. La nuova sede, una stanza piacevole e luminosa, è vicina all’Istituto Comprensivo “F. Tozzi”, quindi facilmente raggiungibile dagli studenti. Un’opportunità in più offerta dalla nuova sistemazione, è l’attigua Biblioteca del Museo Archeologico, di cui è particolarmente consistente la sezione di etruscologia, con la possibilità di consultare circa un migliaio tra libri e riviste. Un grande rammarico è quello di non aver potuto collocarvi la Sezione per i bambini e i ragazzi. Sia gli arredi che i libri (0-6 anni) e i giochi hanno trovato spazio alla Scuola Comunale dell’infanzia “Il giardino delle catalpe”. Questa sede è provvisoria. Nuova sede: Viale Dante (piano strada del Museo Archeologico delle Acque, di fronte a Villa Simoneschi) Tel. 0578.652511 Orario di apertura: martedì, giovedì e venerdì dalle 14.30 alle 18.30 mercoledì e sabato dalle 9.00 alle 13.00 biblioteca@comune.chianciano-terme.siena.it


Calendario per solidarietà

PUBBLICITÀ sul periodico Tariffe degli spazi pubblicitari a numero

Pagina intera Il calendario di “insiemepercaso” A4 (21 cm x 29,7 cm) - ultima di copertina è alla sua settima edizione. € 250,00 (€ 300,00 Iva compresa) Uno strumento prezioso, dalla doppia valenza: da una parte, Un terzo di pagina un importantissimo canale di raccolta fondi, dall’altra un modo (9 cm x 20 cm) € 100,00 (€ 120,00 Iva compresa) per raccontare i progressi dei progetti che l’associazione sta Altro formato realizzando in Zambia grazie al contributo dei suoi numerosi (9,5 cm x 5,5 cm) € 50,00 (€ 60,00 Iva compresa) sostenitori. Le immagini che compongono il calendario 2011 di “insiemepercaso” sono il tentativo di fotografare la vitalità della POSTA CERTIFICATA scuola (realizzata dall’associazione). Grazie soprattutto ai generosi finanziamenti ricevuti da enti come la Fondazione Monte dei comune.chianciano-terme@pec.consorzioterrecablate.it Paschi di Siena e la Società Autostrade, in poco più di un anno CHIANCIANO TERME INFORMA “insiemepercaso” è riuscita a completare il grande progetto del Periodico del Comune di Chianciano Terme “Toscana Skills Training College”, quella che gli abitanti dei villaggi N. 14 - Febbraio 2011 (anno VII) vicini chiamano “la scuola dei poveri”, e ad affiancarvi altre due strutture (una clinica di base e un mulino per la macinatura del mais). Autorizzazione Tribunale A breve, inoltre, grazie alla Provincia di Siena e al supporto di partner di Montepulciano n. 302/2004 come Sienambiente e la Confederazione Italiana Agricoltori, nel Direttore Responsabile terreno adiacente alla scuola sarà avviato un enorme progetto di Gabriella Ferranti riqualificazione agricola, con la realizzazione di allevamenti e colture specializzate che impiegheranno manodopera locale e che Responsabile Amministrativa garantiranno il cibo necessario per il mantenimento degli studenti Lorena Fè del College e dei 151 bambini del Centro nutrizionale. Entro la primavera di quest’anno sarà realizzato il primo viaggio in Zambia Redazione e fotografie Patrizia Mari di una delegazione di rappresentanti di istituzioni italiane e altri soggetti coinvolti nei progetti di “insiemepercaso”. Avverrà così Editore la “restituzione” di un importante regalo, primo simbolo di alleanza Comune di Chianciano Terme (Siena) e cooperazione: la presenza in Italia della delegazione zambiana, ospite per una settimana a Chianciano Terme nel maggio 2009 grazie Direzione e redazione alla mediazione di “insiemepercaso” e all’ospitalità degli enti locali. Via Solferino, 3 53042 Chianciano Terme (Siena) Maya Pellicciari, presidente “insiemepercaso” Onlus Tel. 0578 6521 Fax 0578 31607

Pet-Therapy e Zooantropologia. La Croce Verde cerca volontari per formarli nei settori

La Croce Verde di Chianciano Terme ha aperto una nuova sezione dedicata alla Pet-Therapy secondo l’approccio zooantropologico (benessere della persona attraverso attività di relazione con l’animale) e una di Zooantropologia applicata alla Didattica (disciplina che studia il rapporto tra l’essere umano e le altre specie e soprattutto i contributi migliorativi che l’essere umano può ricevere nell’incontro-confronto con l’animale). La Pet-Therapy viene utilizzata oggi in diversi casi nei soggetti che hanno patologie quali l’autismo, l’Alzheimer, il deficit dell’attenzione, la tossicodipendenza, l’anoressia-bulimia, disturbi mentali, problemi di integrazione sociale, disagio affettivo e depressione. La Zooantropologia applicata alla Didattica viene utilizzata per migliorare le relazioni tra bambini. “La nostra intenzione - afferma il presidente della Croce Verde Roberto Poggiani - è quella di riuscire a formare un gruppo di volontari che, dopo aver frequentato un corso di formazione, possano intervenire sia presso le strutture socio-sanitarie (case di riposo, ecc.), sia presso le scuole. Non è obbligatorio essere possessori di cani. Nello spirito della Croce Verde di ‘Aiutaci ad Aiutare’, aderite all’iniziativa”. Se siete interessati a partecipare ai corsi: Croce Verde - Tel. 0578/30286 - 347/5319007 - croce.verde@libero.it Questo giornale è stampato su cart a ecologic a CY CLUSOFFSET da gr . 80 100% di fibre riciclate in conformità co n RAL UZ 14 - Blu Ange l

Per lettere, osservazioni e consigli scrivere a: CHIANCIANO TERME INFORMA Comune di Chianciano Terme Via solferino, 3 - 53042 Chianciano Terme (Siena) Tel. 0578 6521 - Fax 0578 31607 e-mail: redazioneperiodico@comune.chianciano-terme.si.it La Direzione non risponde delle opinioni espresse da collaboratori ed intervistati. Qualsiasi argomento trattato in questo numero sottoforma di articoli, intervista, rettifica, ecc. che risultasse non completo potrà essere affrontato di nuovo nei numeri successivi. Impaginazione e stampa Tipografia Etruria s.a.s. Via Trasimeno, 59/63 53042 Chianciano Terme (Siena) e-mail: info@tipografiaetruria.it Chiusura del periodico in tipografia 17 Gennaio 2011 Tiratura 3.600 copie Distribuzione gratuita Sito del Comune di Chianciano Terme www.comune.chianciano-terme.si.it

TUTELA DELLA PRIVACY Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 e

successive modifiche e integrazioni, i dati personali sono utilizzati dal Comune di Chianciano Terme esclusivamente ai fini della distribuzione di questo periodico. Responsabile del trattamento dei dati è il Direttore del periodico.

31


32

Chianciano Terme Informa  

Periodico del Comune di Chianciano Terme 14 - Anno VII - febbraio 2011

Advertisement