Page 23

19

dovuto svolgersi in assenza dell'ingombrante figura di Caldiroli, ma sembrava non fosse riuscito a far intuire le proprie intenzioni, perchè gli rispose: «Sì, dica pure.» Gandolfi riprese spazientito alzando un po' la voce: «Se non le dispiace le vorrei parlare da solo o devo pensare che l'avvocato qui presente sia anche il suo legale?» Osvaldo non aveva mai avuto un buon rapporto con la polizia, ma non era nè un delinquente, nè uno spacciatore nè tanto meno un teppista. Era solo un gestore di locali pubblici e legale rappresentante di una cooperativa. Sulla polizia aveva le sue idee, ma aveva imparato a non esternarle. Aveva scoperto che era più semplice dar loro ragione, magari farli entrare e farli bere a scrocco, piuttosto che irrigidirsi nei loro confronti. «No, mi scusi, l'avvocato è arrivato prima, non sapevo che anche lei, se avessi saputo, allora avrei provveduto...» Caldiroli andò a recuperare la borsa di pelle che aveva lasciato poco lontano su una sedia, tornò a salutare Osvaldo e rivolto all'ispettore disse: «Non si preoccupi, io tolgo il disturbo. E poi non si affanni troppo che il signor Osvaldo non le può dare una grossa mano. Glielo chieda, dirà anche a lei che aveva bevuto e fumato un po' troppo» pronunciando queste parole strizzò l'occhio «e che se ne stava da qualche parte qui dietro a dormire su di una seggiolina. Glielo dica che poi quando ha sentito il trambusto si è svegliato con un gran mal di schiena perchè aveva dormito per due ore in una posizione strana, al freddo e all'umidità. Secondo me qui c'è qualcosa che non quadra, ma ancora non ho capito cosa sia, intanto lunedì chiederò di acquisire i risultati dell'autopsia, così ne saprò quanto lei. Per il momento tutto quello che posso limitarmi a dire è che un paio di birre e al più uno spinello non possono aver ucciso Daniele Massari. Lo chieda, lo chieda anche lei a quel ragazzo laggiù. Lo vede quello che carica le casse di vino sul furgone? Glielo chieda come ho fatto io, scoprirà che si ricorda una per una le cinque birre che Daniele ha bevuto quella sera, perchè la morettina.... va be', glielo chieda lei, non può sbagliare è quello laggiù con i capelli rasta, si chiama Riccardo, Rock per gli amici, ma quando saprà che è un poliziotto si farà chiamare Riccardo da lei. Io adesso devo andare, la saluto Ispettore e buon lavoro.»

Il giro di basso di My Sharona  
Il giro di basso di My Sharona  

di Marco Pasquini - Narrativa

Advertisement