Page 7

5 abbraccio di affetto tranquillo, di raccontare al bambino com’era stata la vita prima della guerra che, senza pietà, si era presa Dino, suo padre, e poi Carlo e Franco, i suoi fratelli. Dino era stato ucciso da un bombardamento americano. Carlo era morto a diciotto anni vestendo la camicia nera e cantando le canzoni disperate di Salò. Franco era scomparso nei giorni convulsi della fine della guerra e Loredana aveva saputo del suo destino solo qualche tempo dopo dalle parole del capitano Catarsi che le raccontò come il giovane ufficiale del servizio segreto dell’esercito italiano, fosse stato ucciso mentre combatteva una strana guerra, in una zona grigia di luoghi e sentimenti dove s’incrociavano e confondevano viltà e coraggio, speranza e disperazione, fascisti e antifascisti, banditi e partigiani e denaro, molto denaro, che fluiva dalle casse dei servizi segreti americani e inglesi. Loredana aveva vissuto giorni trascinati senza più lacrime; pochi mesi erano stati sufficienti a bruciare, come un’unica fiammata, tre vite e, insieme, ogni sogno e ogni speranza. Ma dentro di lei, in quei pochi mesi, era cresciuta una vita iniziata quando tutto era ancora da compiere. A Loredana era apparsa solo come un nuovo dolore, ma in un breve precipitare del tempo quella vita le venne appoggiata sul seno mentre urlava reclamando la sua piccola scintilla di amore. Lo chiamò Ettore perché quel nome le era sempre piaciuto. Poi il suo bambino, in un rotolare via di anni e sentimenti e nuovi sogni e nuove speranze, aveva attraversato i tempi dell’amore e degli entusiasmi e Loredana era riuscita, attraverso di lui, ad amare nuovamente la vita.

 

Profile for 0111edizioni

L'oro del Gobbo  

Massimo Ghelardi, giallo. Una notizia inaspettata induce l’investigatore Ettore Bandi a gettarsi in un’indagine complessa che coinvolge i su...

L'oro del Gobbo  

Massimo Ghelardi, giallo. Una notizia inaspettata induce l’investigatore Ettore Bandi a gettarsi in un’indagine complessa che coinvolge i su...

Advertisement