Page 14

12

TOMBOLO - A NORD DI LIVORNO, SETTEMBRE1944

Improvvisamente Mike traballò, sbattendo il grande corpo nero contro un pino. «Uomo bianco perché io devo morire per te. Sei un maccaroni, Mussolini, mamma mia…» Mike barcollava e rischiava di schiacciarlo per terra. Mike aveva bevuto tutto quello che si può trangugiare su questa terra: «Uomo bianco, italiano, sei un nemico. Non voglio morire per te.» «Dura testa di negro. Tu non devi morire per me. Devi solo darmi la benzina. Ricordi? Ti ho pagato. Prima di bere ti ho pagato. Non devi morire. Non stasera. Dannato negro imboscato. Devi darmi la benzina, non me ne frega niente se sei bianco o nero. Siamo in questo buco del culo di pineta. Ci sono negri e puttane. Ci sono bianchi e puttane. A me interessa la benzina. Capisci Mike? La benzina! Per questo ti ho pagato.» «Fuck you!» Mike crollò per terra. «Stronzo americano, svegliati, alzati.» Improvvisamente il suono acuto dei fischietti e i lampi di torce elettriche frugarono il buio. Le grida dei soldati americani della MP rimbalzavano tra i pini: «Proprio ora!» imprecò Franco; dette ancora un’occhiata a Mike, ubriaco, semi svenuto nella terra marcia e profumata della pineta. Poi corse, mentre fra i cespugli altre ombre sgusciavano via cercando di sottrarsi alle lame di luce. Grida americane, bestemmie italiane.

Profile for 0111edizioni

L'oro del Gobbo  

Massimo Ghelardi, giallo. Una notizia inaspettata induce l’investigatore Ettore Bandi a gettarsi in un’indagine complessa che coinvolge i su...

L'oro del Gobbo  

Massimo Ghelardi, giallo. Una notizia inaspettata induce l’investigatore Ettore Bandi a gettarsi in un’indagine complessa che coinvolge i su...

Advertisement