Issuu on Google+

gna a L’Editore si impe riato il presente mantenere inva isto dalla testo, come prev 08 art.5. Legge n. 169/20

Ecco le ISTRUZIONI per l’USO del tuo LIBRO di ITALIANO 1. Imparerai tante lettere e suoni da scrivere e leggere: sarà anche molto divertente, perciò, per prima cosa, «mettiti comodo nel banco» per ascoltare dall’insegnante e guardare le storie di Olmo racconta! 2. Puoi completare il lavoro che ti propone il tuo libro di italiano con le schede di Io imparo: sarà facile seguire le frecce di rimando a questo fascicolo che trovi sia in questo volume sia in Olmo racconta. 3. Al fondo di questo libro, attaccato alla copertina, puoi trovare il tuo alfabetiere individuale: sarà sempre a tua disposizione, riportando tutte le parole-chiave che incontrerai nel testo e che ritroverai anche nell’alfabetiere murale di classe. 4. Come puoi osservare dall’indice che segue, il tuo libro è suddiviso in mesi e stagioni e per ogni stagione Olmo Blabla ti racconta una storia, che potrai ascoltare dall’insegnante o dal CD audio a disposizione della classe. Sul CD sono state registrate anche le canzoni che Olmo ha composto e musicato perché tutta la classe canti insieme in allegria. 5. In questo libro comincerai a «leggere davvero» tanti testi, che sono stati ridotti e adattati per esigenze didattiche.

Ecco l’INDICE del tuo LIBRO di ITALIANO 6

è SETTEMBRE... si va a scuola! Olmo racconta (p. 81 e

) io ascolto

8

La vocale O

Olmo racconta (p. 3)

12

La vocale A

Olmo racconta (p. 5)

16

La vocale E

Olmo racconta (p. 7)

20

La vocale I

Olmo racconta (p. 9)

24

La vocale U

Olmo racconta (p. 11)

28 29

So scrivere? So leggere?

30

è OT TOBRE... mele e castagne per merenda! Olmo racconta (p. 12-13 e

) io ascolto

32

La consonante M

Olmo racconta (p. 15)

36

La consonante L

Olmo racconta (p. 17)

40

La consonante N

Olmo racconta (p. 19)

44

La consonante S

Olmo racconta (p. 21)

48

La consonante R

Olmo racconta (p. 23)

52 56 57

La consonante P

Olmo racconta (p. 25)

58

So scrivere? So leggere?

è NOV EM B R E... fischia il vento!

60

La consonante V

Olmo racconta (p. 27)

64

La consonante T

Olmo racconta (p. 29)

68

La consonante B

Olmo racconta (p. 31)

72

La consonante D

Olmo racconta (p. 33)

76

La consonante F

Olmo racconta (p. 35)

80

La consonante Z

Olmo racconta (p. 37)

84

La lettera H

Olmo racconta (p. 39)

86 88 89

La lettere straniere

90

Olmo racconta (p. 41)

So scrivere? So leggere?

è DIC EM BRE... arriva il mago gelo! Olmo racconta (p. 42-43 e

) io ascolto

92 96 100 104 108

La consonante G GHE • GHI La consonante C CHE • CHI La consonante G

Olmo racconta (p. 45)

112 116 117 118

La consonante C

Olmo racconta (p. 55)

Olmo racconta (p. 47) Olmo racconta (p. 49) Olmo racconta (p. 51) Olmo racconta (p. 53)

So scrivere?

RIFLETTO sulla LINGUA I nomi è NATALE… una slitta tra le stelle

Olmo racconta (p. 56)

120

è G ENNAIO... tutti sulla scopa e sugli sci! Olmo racconta (p. 57 e

122 124 126 127 128 129

130

SCA • SCO • SCU La Befana scontrosa SCHE • SCHI Che scherzo! SCE • SCI Sci dispettosi SCE • SCI Storia di una biscia So scrivere?

RIFLETTO sulla LINGUA Gli articoli

è FE B B RAIO... alla sfilata dei conigli! Olmo racconta (pp. 58-59 e

132 133 134 135 136 138 139 140 142 143 144

146

) io ascolto

GLI Sono un pagliaccio! GLI Voglio un cespuglio GLI Guglielmo GLI La famiglia Scoiattolini GN Impegni… di gioco GN Il compagno di Luca GN Sogni stupendi L’apostrofo Insieme sotto l’albero So scrivere?

RIFLETTO sulla LINGUA Le azioni So imparare?

è MA R ZO ... acquazzoni e ombrelli! Olmo racconta (pp. 60-61 e

148 150 151 152 153 154 156 157 158 159

) io ascolto

La consonante Q CU Una casa curiosa CU Mucca Moka cuoca CQU Giochi con l’acqua CQU Nella casa dell’acqua I suoni difficili In cerca di trifoglio MB • MP Ombre nella casa MB • MP Il temporale So scrivere?

RIFLETTO sulla LINGUA Le qualità

) io ascolto

160

è A P R I L E ... sorprese nel prato! Olmo racconta (p. 62) io ascolto

162 163 164 165 166 168 169 170 171 172 159

174

Le lettere doppie La notte di Pasqua Le lettere doppie Un uovo di cioccolata La divisione in sillabe Io sono superfelice! La divisione in sillabe Il lu-po man-na-ro L’accento Cipì, il più birichino Dentro il testo La principessa rabbiosa Dentro il testo Lasciatemi essere felice Dentro il testo Non so se ci riesco Dentro il testo Il maggiolino magico So scrivere?

RIFLETTO sulla LINGUA La punteggiatura

è MAGGIO... rosso e rosa dappertutto! Olmo racconta (p. 63) io ascolto

176 178 179 180 182 183 184 186 187

E • È La strega pasticcera C’era • C’è Scherzi magici C’era • C’è Il gigante della montagna C’era • C’è Il ranocchio-principe Ho • Hai • Ha • Hanno Ho un cagnolino! Ho • Hai • Ha • Hanno Lettere di bambini Dentro il testo Un posto bellissimo! laboratorio di scrittura Io racconto laboratorio di scrittura Io descrivo

188

è G I UGN O ... si va in vacanza! Olmo racconta (pp. 64-65 e io ascolto

190 192

Dentro il testo Pedro scopre il mare Tutti in vacanza!

)

R E … B M E T T E S è LUCA

LEO A M A RT

Io canto

e

disegno Olmo racconta

• Canta con Olmo. • Ripassa le linee tratteggiate e completa il disegno con i colori adatti. 6

(p. 81 e ) io ascolto

!

si va a ..................................

INSIEME IN PRIMA

Io scrivo

• Scrivi il tuo nome nella foglia grande verde. • Colora la frase scritta in bianco. • Conosci già qualche lettera dell’alfabeto? Quali? 7

O IO SONO OLMO E TU OCA OLE O L MO

OCA

Ripassa con l’azzurro la vocale O e le linee tratteggiate. Scrivi tante O nella pancia dell’oca. 8

Olmo racconta (p. 3) io ascolto

è SETTEM B R E... Ripassa le linee tratteggiate e colora solo i disegni il cui nome inizia con O.

O o Ritaglia tante O da riviste e giornali e incollale qua.

O o

Dal fonema ai grafismi

9

O Colora i disegni il cui nome inizia con O.

Ripassa la vocale O.

Ripeti la vocale O rispettando il ritmo di colore.

OOO 10

Dal grafema alle parole

è SETTEM B R E...

OCA OLE IO SONO OCA OLE. CORRO, CADO, COCCOLO OLMO E POI VOLO!

Leggi la storia con l’insegnante. Circonda con l’azzurro tutte le O. Io e... le scienze

Le oche selvatiche migrano per trascorrere l’inverno in un paese caldo. • Dove volerà oca Ole? Colora la vignetta giusta.

Dalle parole ai testi

11

A APE ANITA MI FA PAURA A P E

A L B E RO

Ripassa con il rosso la vocale A e le linee tratteggiate. Scrivi tante A nelle ali dell’ape. 12

Olmo racconta (p. 5) io ascolto

è SETTEM B R E... Ripassa le A e aiuta ape Anita a raggiungere l’altalena.

A A A

A

A A A A A A A A

A

A

A A

A

A

A

A A A A A

A

A

A

A

A

A

A A a

Ritaglia tante A da riviste e giornali e incollale qua.

A a

Dal fonema ai grafismi

13

A Colora i disegni il cui nome inizia con A.

Ripassa la vocale A.

Ripeti la vocale A rispettando il ritmo di colore.

A A A 14

Dal grafema alle parole

è SETTEM B R E...

APE ANITA PE SI

NIT DDORMENT

SULL’ LT LEN .

L’insegnante legge le parole e tu i disegni. Ripassa con il rosso le A grigie. Ripassa il percorso di ape Anita e scopri su quale fiore si posa. Io e... le scienze

Sai come fanno le api a fare il miele? • Segna con una X il disegno giusto.

Dalle parole ai testi

15

E L’ERBA È SEMPRE VERDE

E L I CO T T E RO E R B A

Ripassa con il verde la vocale E e le linee tratteggiate. Scrivi tante E nel ciuffo d’erba. 16

Olmo racconta (p. 7) io ascolto

è SETTEM B R E... Ripassa le linee tratteggiate e le E, poi colora di giallo la strada per raggiungere l’elicottero.

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E E

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E

E e

Ritaglia tante E da riviste e giornali e incollale qua.

E e

Dal fonema ai grafismi

17

E Segna con una X i disegni il cui nome inizia con E.

Ripassa le E, poi copia le parole.

E L MO

V E RME

E L I C A

P E R E

Ripassa la vocale E rispettando il ritmo di colore.

E E E 18

Dal grafema alle parole

è SETTEM B R E...

UN ELICOTTERO TRA L’ERBA

ECCO, SONO UN ELEFANTE VOLANTE! PASSO E SPETTINO L’ERBA VERDE DEL PRATO.

Leggi il fumetto con l’insegnante. Circonda tutte le E con il verde. Copia nei quadretti, al posto giusto, le parole ERBA ed ELEFANTE: qual è la parola più lunga? Colora i suoi quadretti di verde.

Dalle parole ai testi

19

I

I S T R I C E

ISTRICE IVO PIANGE

I NS A L A T A Ripassa con l’arancione la vocale I e le linee tratteggiate. Scrivi tante I nella pancia dell’istrice. 20

Olmo racconta (p. 9) io ascolto

è SETTEM B R E... Aiuta istrice Ivo ad arrivare all’orto passando solo per le I, poi colora con l’arancione la strada giusta.

O I

I A

I

O

A E

O

I

I

O

I

I A

I

O E

I

E

O A E

A I

I

i

Ritaglia tante I da riviste e giornali e incollale qua.

I i

Dal fonema ai grafismi

21

I Cancella gli intrusi il cui nome non inizia con I.

Scrivi I e cosĂŹ completa le parole.

Conta i quadretti e ricopia le parole dalla piĂš lunga alla piĂš corta.

SO L A ND I A NO NS A L A T A Ripassa la vocale I rispettando il ritmo di colore.

I I I 22

Dal grafema alle parole

è SETTEM B R E...

ISTRICE E GLI

INSETTI

ISTRICE IVO PIANGE.

ISTRICE IVO AIUTA TUTTI.

GLI INSETTI MANGIANO L’INSALATA.

Leggi le didascalie con l’insegnante. Circonda tutte le I con l’arancione. Riordina i disegni numerando da 1 a 3, poi racconta a voce la storia. Dalle parole ai testi

23

U L’UVA È MATURA U V A

UCC E L L I NO

UOMO

Ripassa con il blu la vocale U e le linee tratteggiate. Scrivi tante U nella pancia dell’uccellino. 24

Olmo racconta (p. 11) io ascolto

è SETTEM B R E... Ripassa le linee tratteggiate e colora gli acini con la U.

U

I

U

U

A O

U U

U

U

E

U

U

U

U

U

A

O

U I

E

E

U U

A

A

U

U

U

U u

Ritaglia tante U da riviste e giornali e incollale qua.

U u

Dal fonema ai grafismi

25

U Colora gli animali il cui nome contiene la vocale U.

Scrivi U e cosĂŹ completa le parole.

O V O

M

OMO

RO

T

BO

NO Ripassa la vocale U rispettando il ritmo di colore.

UUU 26

Dal grafema alle parole

è SETTEM B R E...

L’UVA E L’ L’UVA È MATURA.

IL SUCCO D’UVA È GUSTOSO!

IL SUCCO D’UVA DIVENTA VINO.

Leggi i fumetti con l’insegnante. Circonda con il blu tutte le U, poi trova e leggi la parola UVA. Dalle parole ai testi

27

? e r so scrive Scrivi le vocali iniziali.

P E

L I C A V A P U P A

C A ND I A NO

SO L A Scrivi le vocali finali.

UN

E LM

O L I V

A N A T R

Scrivi le vocali giuste.

M

R E

L

N A

S

L E

M

R E

L

N A

S

L E

28

so l ? eggere Collega le parole ai disegni. Fai attenzione a come iniziano.

ASINO IPPOPOTAMO UCCELLINO ELEFANTE ORSO Con l’aiuto dell’insegnante collega le nuvolette ai disegni giusti, poi pronuncia a voce i suoni adatti a ciascuna vignetta.

IO PIANGO

STAI ATTENTO!

29

CHE COLPO!

… E R B O T T èO

Io canto

e

disegno Olmo racconta

• Canta con Olmo. • Scopri il rumore delle foglie secche: adagiale sul pavimento e camminaci sopra. • Completa il disegno con i colori dell’autunno. Quali sono? Osserva.

(pp. 12-13 e ) io ascolto

IO imparo (scheda 10)

30

r e p mele e ! a d n e r e m TUTTI I BAMBINI MANGIANO MELE E CASTAGNE Io scrivo

• Nella frase circonda le vocali A E I O U; poi copiala sul quaderno e fai un disegno che la illustri. 31

M MILLA MORDE LA MELA

ME R L O

ME L A

M A MM A MO R E

Olmo racconta (p. 15) io ascolto

Ripassa la M nelle parole; scrivi delle M nelle mele continua tu qui sotto.

MM

mm

MM

mm 32

è OTTOBRE... Ripassa le sillabe e collegale ai disegni.

M

A

MA

E

ME

I

MI

O

MO

U

MU

Ripeti a voce alta le parole con MA, ME, MI, MO, MU, batti le mani e scopri da quante sillabe sono formate. Ripassa e colora le sillabe MA, ME, MI, MO, MU.

ME DU SA

MU LI NO

MO TO MI CIO MA RE

M m

M m

Dal fonema alle sillabe

33

M

Ripassa e leggi i disegni.

M A

M O

M I

A M

O M

I M

Completa i fumetti con MI e MU e leggi.

U!

AO!

Completa le parole.

MU

MI LO

A 34

MO RE Dalle sillabe alle parole

è OTTOBRE...

LA MELAPRIMA IL

MERLO BECCA

LA MELA-

,

POI LA MELA-

CADE

DAL RAMO, INFINE

MILLA MANGIA

LA MELA-

.

E IL VERME MEME? Leggi con l’insegnante e concludi a voce la storia. Circonda MA, ME, MI, MO. Trova la parola nascosta e copiala nello spazio.

A A I O E I A

A M I O I

Dalle parole ai testi

A E O U O

A L U A U

A A A A E E 35

L LA LUNA ILLUMINA IL BALLO

L UN A

L I B E L L U L E

Olmo racconta

L UMA C A

(p. 17) io ascolto

Ripassa la L nelle parole; scrivi delle L nella lumaca e continua tu qui sotto.

L L

l l

L L

l l 36

è OTTOBRE... Ripassa le sillabe e collegale ai disegni.

L

A

LA

E

LE

I

LI

O

LO

U

LU

Ripeti a voce alta le parole con LA, LE, LI, LO, LU, batti le mani e scopri da quante sillabe sono formate. Qual è la parola formata da cinque sillabe? Come inizia? Collega le sillabe ai disegni giusti.

LA

LE

LI

LO

LU

L Come finisce? Copia le parole e ripeti la sillaba finale a voce alta.

ME LE

MU LO

l

L l

Dal fonema alle sillabe

37

L

Ripassa e completa le parole.

L A

L E

A L

E L

B E RO

L E E L

MO

L O E F A N T E

O L

MO

Circonda LA e LU, copia, leggi e colora il disegno.

IL ALLA

LUPO

ULULA

LUNA

Osserva i disegni e completa con la sillaba finale.

PAL

ME

MAIA

38

Dalle sillabe alle parole

è OTTOBRE...

IL

È A LETTO LA LUNA È BRONTOLONA, MA È BELLA!

L I B RO

L E T T O

Leggi il fumetto con l’insegnante e circonda LA, LE, LI, LO, LU. Copia le parole negli spazi liberi. Scrivi tante L sulla coperta del sole. Dalle parole ai testi

39

N NINA VEDE UN NIDO

NU VO L A NONN A

N I DO Olmo racconta (p. 19) io ascolto

Ripassa la N nelle parole; scrivi tante N nel nido e continua tu qui sotto.

NN

n n

N N

nn 40

è OTTOBRE... Ripassa le sillabe e collegale ai disegni.

N

A

NA

E

NE

I

NI

O

NO

U

NU

Ripeti a voce alta le parole con NA, NE, NI, NO, NU, batti le mani e scopri da quante sillabe sono formate. Cerchia NA, NE, NI, NO, NU e copia le parole.

N A N I

N E RO

NUME R I

NO T E

N n

Circonda le sillabe NA, NI, NO.

UNA NONNA CANTA UNA NINNA NANNA. Dal fonema alle sillabe

41

N n

N

Cambia di posto le lettere: quali sillabe ottieni? Ripassa.

N A

N E

N I

N O

N U

A N

E N

I N

O N

U N

Completa con AN, ON, UN.

D A

O

T E NN A

Circonda AN, EN, IN, UN, leggi e colora il disegno.

UN INDIANO ENTRA NELLA TENDA.

Riordina le sillabe e scrivi le parole.

MO LI

NI

NA LU

42

NI

MA

Dalle sillabe alle parole

è OTTOBRE...

NINA E LA NONNA NINA E LA NONNA HANNO IL NASO SEMBRANO 2 NELLA

Leggi con l’insegnante. Circonda NA, NE, NI, NO. Di che colore hanno il naso Nina e la nonna? E di che colore è la nebbia? Dalle parole ai testi

43

. NAVI NEBBIA.

S IL SOLE SALE SU!

O L E

A

O E R P E N T E Olmo racconta

Circonda la S e leggi la frase; completa le parole; scrivi tante S nelle susine e continua tu qui sotto.

S S

s s

S S

ďŹ ďŹ 44

(p. 21) io ascolto

è OTTOBRE... Completa le sillabe e cerchiale nelle parole.

S

A

S

SA LA ME

E

S

SE ME

I

S

SI RE NA

O

S

SO LE

U

S

SU SI NA

Leggi le parole con SA, SE, SI, SO, SU a voce alta e batti le mani. Quali sono le parole con due sillabe? Accoppia le forme uguali e scrivi le parole, poi collegale ai disegni.

SA

SO

...............................................................

SE

LE

...............................................................

NA

ME

...............................................................

S S

Circonda SA, SI, SO, SU e collega le parole ai disegni.

NASO

SIRENA

SALE Dal fonema alle sillabe

SUORA 45

S fi

S

Ricopia le parole che iniziano con S. Conta i quadretti: quali sono le parole lunghe uguali?

SERPE

LUNA

NANO

SASSO

SALAME

MANO

Completa e segna l’immagine giusta.

IL

LE E

LA

RENA

Trova le parole nascoste nel serpente e scrivile al posto giusto.

I S U NA S

A SI NO A L I SO

SA

LE

.......................................................

.......................................................

.......................................................

.......................................................

46

Dalle sillabe alle parole

è OTTOBRE...

IL IL

E IL

SALE

SUI

SASSI

E SIBILA: – HO TANTO FREDDO! ALLORA IL

SOLE

LO RISCALDA.

Tu leggi le parole scritte in nero e l’insegnante quelle in blu. Circonda SA, SE, SI, SO, SU. Circonda le parole SASSI e SOLE e copiale qui.

Dalle parole ai testi

47

R LA RANA USA UN REMO

AMO

A N A

Olmo racconta

E MO

(p. 23) io ascolto

Circonda la R e leggi la frase; completa le parole; scrivi tante R nei rami e continua tu qui sotto.

R R

r r

R R

rr 48

è OTTOBRE... Completa le sillabe e cerchiale nelle parole.

R

A

R

RA NA

E

R

RE MO

I

R

RI SO

O

R

RO SA

U

R

RU SPA

Leggi le parole con RA, RE, RI, RO, RU a voce alta e batti le mani. Da quante sillabe sono formate? Completa e leggi.

MO

NE

S SO MA

R r

Circonda RE, RI e copia le parole al posto giusto.

ARIA Dal fonema alle sillabe

RE 49

AEREO

R r

R

Osserva e completa con la sillaba iniziale.

R O

R E

Leggi e colora.

IO SONO UN ORSO MARRONE.

IO SONO UN ORSO NERO.

Cerca le parole nascoste nei rami e scrivile al posto giusto.

R A MONUM

R OSARUM RE O

E RI

50

Dalle sillabe alle parole

è OTTOBRE...

UNA RANA IN AULA UN

!

UN

!

UN

!

È SOLO NA !

UNA

Scrivi le sillabe iniziali accanto ai disegni e leggi i fumetti. Segui i salti della rana e scopri come si chiama.

RI MA Dalle parole ai testi

NA 51

P LA PAPERA PENSA AI PINOLI

A

E R A I NO

I NO L I Circonda la P e leggi la frase; completa le parole; scrivi tante P nelle pigne e continua tu qui sotto.

P P

p p

P P

∏∏ 52

Olmo racconta (p. 25) io ascolto

è OTTOBRE... Completa le sillabe e cerchiale nelle parole.

P

A

P

PA PE RA

E

P

PE RA

I

P

PI NO LI

O

P

PO MO DO RO

U

P

PU MA

Leggi le parole con PA, PE, PI, PO, PU a voce alta, batti le mani e indica la parola con quattro sillabe. Completa con PA, PE, PI, PO.

LA

PE

LU

A

RO NI

Colora solo PA, PE, PI, PO, PU.

RA

NO

MU LE

PE PA

PO RI

Dal fonema alle sillabe

SI

P

LI

p

NA

PU SA

PI

MI 53

P p

P

Cerchia le parole corrispondenti ai disegni. Poi copiale.

POLLO PALLA

PANE RAPE

PISELLI PILLOLA

PERE PIPE

Cerca le parole nascoste e scrivile al posto giusto.

P A P E R AM S R P UMAO N P I UMA I

Leggi e collega ogni parola al disegno corrispondente.

PIPA

PEPE

54

PANE

Dalle sillabe alle parole

è OTTOBRE...

IL COMPLEANNO DI PEPE PER IL compleanno DI PEPE IL PAPERINO MAMMA PAPERA PREPARA UNA

con I

E UN PURÈ di

!

Tu leggi le parole in stampato maiuscolo e l’insegnante quelle in stampatello minuscolo. Circonda PA, PE, PI, PU. Con che cosa prepara la torta mamma papera? Colora il disegno giusto. Scrivi le parole PERE e PINOLI al posto giusto. Dalle parole ai testi

55

? e r so scrive Collega ciascun disegno alla propria consonante iniziale.

M

L

N

R

S

P

Completa con la sillaba giusta.

PONE SA

ME

MOSA PA

RO

RA PO

Scrivi le parole accanto ai disegni.

56

SA SI OR

NA

so l ? eggere Leggi e completa i disegni.

LA PALLA ROSA È SUL MURO.

IL NANO SUONA ALLA LUNA.

LA RANA PENSA ALLE MORE.

57

è NOVEM B R E…

Io faccio musica

e

disegno

• Prova a soffiare, sbuffare, sibilare, fischiare… Ascolta le invenzioni dei tuoi compagni e poi, insieme, potrete inventare un brano IO musicale con tutti i suoni del vento. imparo (scheda 17)

• Completa il disegno con i colori adatti. 58

! o t n e v l i fischia

BRR… TIRA VENTO! ...............................................................................................................

Io scrivo

• Osserva la frase e circonda la parola VENTO. • Ricopia la frase sui puntini: quali sono le lettere che già conosci? Scrivile qui.

59

V LA VOLPE VIVĂŒ AMA IL VIOL A

VO L P E

V I O L A Olmo racconta

Circonda la V e leggi la frase; copia le parole; scrivi tante V nel vento e continua tu qui sotto.

V V

v v

V V

vv 60

(p. 27) io ascolto

è N OVEM B R E... Forma i gruppi di lettere e completa le parole.

A

V

VA

SO

E

LA

I

SO

O

L PE

U

L CA NO

Ricopia su foglietti le parole con VA, VE, VI, VO, VU, poi taglia le sillabe e ricomponi le parole sul quaderno. Completa gli incroci e colora i disegni.

PA

NA

NU

LO

LA NE

O LI

V

NO LA

SPA

v

Completa e leggi.

LA Dal fonema alle sillabe

OLA

NEL 61

SO

V v

V

Dividi le parole con un tratto verticale e scrivile al posto giusto, come nell’esempio. Poi colora VA, VE, VI, VO e leggi.

VIOLINOVINOVERME UVAVIPERAUOVO

V I NO

Collega il disegno alla frase esatta e copiala sul quaderno.

IL VASO È VIOLA.

IL VASO È VERDE.

Osserva i disegni e scrivi i nomi. Che cosa cambia?

62

Dalle sillabe alle parole

è N OVEM B R E...

IL VESTITO DI VIVÌ UN IL

ROVINA NUOVO DI VIVÌ.

I PAVONI RIDONO E VANNO VIA. LA VOLPE, ROSSA IN VISO, RIMANE SOLA NEL

VUOTO.

Prima legge l’insegnante, poi leggi tu. Circonda VA, VI, VO, VU. Collega con una freccia il disegno dei pavoni e della volpe alle corrispondenti parole. Perché la volpe diventa rossa in viso? Colora la volpe seguendo il ritmo.

Dalle parole ai testi

63

T IL TOPO E LA TALPA SONO NELLA TANA

T OPO

T A L P A Olmo racconta

Circonda la T e leggi la frase; copia le parole; scrivi tante T nel televisore e continua tu qui sotto.

T T

t t

T T

Ï Ï 64

(p. 29) io ascolto

è N OVEM B R E... Forma le sillabe e completa le parole.

T

A

NA

E

SO RO

I

MO NE

O

PO

U

BO

Ricopia su foglietti le parole con TA, TE, TI, TO, TU, poi taglia le sillabe e ricomponi le parole sul quaderno. Completa con TA, TE, TI, TO e disegna la parola evidenziata in colore.

R R E MON E R R E RO

T t

Completa e leggi.

I

PI

Dal fonema alle sillabe

TI E IL

SORO 65

T t

T

Sul tavolo ci sono tante sillabe. Riordinale e scrivi le parole al posto giusto.

TU

TA PA

LO

TA

VO TE

TA

VĂ™ TI

Collega le parole ai disegni.

TRENO TINO TETTO LETTO PONTE POLENTA Risolvi i rebus e pronuncia a voce alta le parole ottenute.

TE =

T 66

= Dalle sillabe alle parole

è N OVEM B R E...

SOTTO IL LETTO IL

TOPO E LA

TALPA

SONO SOT TO IL GIOCANO AI CON LE

LETTO. PIRATI E

MATITE.

SALTANO CON LA POI ALLE LA

,

SETTE

TALPA TORNA NELLA TANA.

L’insegnante legge le parole scritte in verde e tu quelle scritte in nero, aiutandoti con i disegni. Circonda TA, TE, TI, TO. Dove giocano il topo e la talpa? Fai una X.

Quando torna nella tana la talpa? Dalle parole ai testi

67

B IL BACO BALLA NELLA BOLLA BLU

B ACO

BO L L A

Olmo racconta

Circonda la B e leggi la frase; copia le parole; scrivi tante B nelle bolle e continua tu qui sotto.

B B

b b

B B

bb 68

(p. 31) io ascolto

è N OVEM B R E... Forma i gruppi di lettere e completa le parole.

B

A

CO

E

FA NA

I

RO

O

R SA

U

STA

Ricopia su foglietti le parole con BA, BE, BI, BO, BU, poi taglia le sillabe e ricomponi le parole sul quaderno. Riordina le sillabe e scrivi le parole.

NA

BA

LE

BI

......................................................

BI

LO

TA

BI

.....................................................

RIL

SCO BO

B ......................................................

.......................................

b

Scrivi nelle nuvolette i versi degli animali illustrati.

B b

Dal fonema alle sillabe

69

B

Osserva i disegni e circonda le parole nascoste, come nell’esempio.

BAM BI NO

TO

BA

TU BOT

NA BA

BAR

NE STA BO

BU

NA

Completa il cruciverba e leggi la parola nella colonna evidenziata. 1 1 2

2 3

3

4

T 4

5 5

70

Dalle sillabe alle parole

è N OVEM B R E...

AL BACO-BAR NEL

BOSCO, AL

BACO-BAR,

GLI ANIMALI BEVONO BIBITE AL LIMONE E BORBOTTANO: – BLA BLA BLA!

Circonda BA, BE, BI, BO e leggi il brano (l’insegnante legge la parola in rosso). Io e... le scienze

A casa di Baco c’è un intruso, che non può vivere nel bosco. • Scrivi il suo nome, che inizia con B, diviso in sillabe.

È LA Dalle parole ai testi

71

D AL DADO DUOLE UN DITO

D A DO D I T O

Olmo racconta (p. 33) io ascolto

Circonda la D e leggi la frase; copia le parole; scrivi tante D nel divano e continua tu qui sotto.

DD

d d

D D

dd 72

è N OVEM B R E... Forma le sillabe, completa e ripassa.

D

A

DO

E

SER TO deserto

I

VA NO

divano

O

NO

dono

U

NA

duna

dado

Leggi a voce alta le parole che hai appena completato, batti le mani e dividi in sillabe, come negli esempi. Circonda DA, DE, DI, DO, DU e ricopia sul quaderno.

DENTE dente

MEDUSA medusa DITO dito

D d

DAMA dama Dal fonema alle sillabe

NIDO nido 73

D d

D

Completa le parole.

TEN

NO

PIE

SOL

COR

NE

Utilizza le sillabe date per formare tre parole.

NO

DO NI

..........................................................................

..........................................................................

..........................................................................

Segui i numeri e completa il cruciverba. 5

1 2 3

1

4

2

5

3 4 74

Dalle sillabe alle parole

è N OVEM B R E...

PRIMA DI DORMIRE È SERA.

DANIELE

GIOCA A

DADI,

SENTE LA

RADIO

E POI SI ADDORMENTA SUL

DIVANO!

DORMI BENE!

Circonda DA, DI, DO e leggi (l’insegnante legge la parola in rosso). Chi è Daniele? Colora il disegno.

Dove si addormenta? Colora il disegno.

E tu che cosa fai la sera prima di dormire? Racconta a voce. Dalle parole ai testi

75

F LA FATA INDOSSA UNA FELPA

F A T A

F E L P A

Olmo racconta

Circonda la F e leggi la frase; copia le parole; scrivi tante F nella felpa e continua tu qui sotto.

F F

f f

F F

f f 76

(p. 35) io ascolto

è N OVEM B R E... Forma le sillabe, completa e ripassa.

F

A

TA

E

DE RA federa

I

LO

filo

O

TO

foto

U

MO

fumo

fata

Leggi a voce alta le parole che hai appena completato, batti le mani e dividi in sillabe, come negli esempi. Circonda FA, FE, FI, FO, FU, completa e copia sul quaderno.

FEDE de

FUNE ne

FIORE ore

FARO ro FONTE nte

F f

Completa e collega ai disegni corrispondenti.

F EL Dal fonema alle sillabe

LPA 77

f

F

Unisci le sillabe e scrivi le parole ottenute sotto ai disegni corrispondenti.

FA

TO

FO

TA

FE

MO

FU

STA

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

Completa la piramide inserendo le parole negli spazi giusti.

DELFINO

FILO

UFO

FARFALLA

Collega parole e disegni e aggiungi il disegno che manca.

FERRO

FANTASMA

78

FIORI

Dalle sillabe alle parole

è N OVEM B R E...

SOTTO IL FICO NELLA

SOTTO IL

VIVONO TANTI

FICO

ELFI,

ALTI COME UNA MELA. FILANO LA LANA E FANNO LE

FELPE

PER L’INVERNO.

Circonda FA, FE, FI e leggi. Copia sul quaderno in stampatello minuscolo le parole che hanno la F. Osserva l’immagine e colora i disegni il cui nome inizia con la sillaba FU. Dalle parole ai testi

79

Z LA ZANZARA RONZA SULLA PIZZA

Z A N Z A R A

P I Z Z A

Olmo racconta

Circonda la Z e leggi la frase; copia le parole; scrivi tante Z nella pizza e continua tu qui sotto.

Z Z

z z

Z Z

zz 80

(p. 37) io ascolto

è N OVEM B R E... Forma i gruppi di lettere, completa e ripassa.

Z

A

N ZA RA zanzara

E

BRA

zebra

I

P

zip

O

R RO

Zorro

U

FOLO

zufolo

Ripeti a voce alta le parole che hai appena completato, batti le mani e dividi in sillabe, come negli esempi. Circonda ZA, ZE, ZI, ZO, ZU e unisci le parole uguali.

RAZZO

zero

ZERO

razzo

ZIO

zucca

Z z

ZUCCA

zaino

ZAINO

zio

Z z

Dal fonema alle sillabe

81

Z

Completa le parole nella dispensa.

N

BAIONE

RO

MELAN

OR

NE

Completa, leggi e collega.

IL LUPO RUBA LA PIZ IL NONNO SUONA LO FOLO LA A Ăˆ MALATA 82

Dalle sillabe alle parole

è N OVEM B R E...

ZEZÈ È UN RAZZO ZEZÈ È UNA ZANZARA NOIOSA. DANZA A ZIG ZAG, RONZA COME UN RAZZO E ZITTA ZITTA…

Circonda ZA, ZE, ZI, ZO e leggi (l’insegnante legge la parola in blu). Segui il percorso di Zezè, scopri che cosa fa… zitta zitta, completa la frase e leggi.

L A S U L L O Dalle parole ai testi

83

H HOLLY HA SONNO E FAME E SI FERMA IN HOTEL

HO T E L Olmo racconta

Circonda la H e leggi la frase; copia la parola; scrivi tante H nell’hotel e continua tu qui sotto.

HH

h h

H H

hh 84

(p. 39) io ascolto

è N OVEM B R E... Colora la lettera H.

Io Ricordo! La lettera H è muta, non ha suono.

Completa con H, h e leggi.

OSTESS ostess

OT DOG ot dog AMBURGER amburger

Nelle esclamazioni la lettera H prolunga il suono delle vocali: leggi i fumetti.

H h

H h

85

Le lettere straniere

A

DI WALTER

Circonda le lettere straniere, leggi (l’insegnante legge la parola in blu) e copia sul quaderno.

WALTER E I SUOI FANNO UNA FESTA: SUONANO LO XILOFONO, BALLANO IL ROCK AND ROLL, MANGIANO WAFER, YOGURT E KIWI: SI DIVERTONO UN

!

Olmo racconta (p. 41) io ascolto

Copia le parole e ripassa in rosso.

JEEP

J K W X Y

KIWI

................................................

................................................

WAFER

................................................

XILOFONO YOGURT

................................................

................................................

86

jeep kiwi wafer xilofono yogurt

è N OVEM B R E... Copia e leggi.

JESSICA INDOSSA I JEANS. ........................................................................................................

IL KOALA DORME. ........................................................................................................

ARRIVA IL TAXI! ........................................................................................................

IN VACANZA SULLO YACHT! ........................................................................................................

WÜRSTEL PER PRANZO! ........................................................................................................

Conosci altre parole contenenti lettere straniere? Scrivile qui. ...........................................................................................................................................................

...........................................................................................................................................................

...........................................................................................................................................................

87

j k w x y

? e r so scrive Completa con le consonanti giuste.

IO

INO

AM

OLA

E

ORO

EL

INO

UPPA

IORE Completa con le sillabe giuste.

NA LO

RO

PO

NO

NE

Scrivi i nomi di ciò che vedi disegnato.

.....................................................

.....................................................

88

.....................................................

so l ? eggere Leggi, fai una X sul disegno giusto e racconta a voce.

TOPO METTE I SEMI NEI VASI.

TALPA ANNAFFIA LA TERRA.

SONO SPUNTATI I FIORI.

TOPO E TALPA DONANO UN VASO DI FIORI ALLA FATA FILÙ. 89

… E R B M E è DIC

Io canto

e

disegno

• Canta con Olmo. • Quando cade la neve c’è silenzio. Ma che cos’è il silenzio? Prova a chiudere gli occhi, resta immobile e ascolta… il silenzio. • Completa il pupazzo con gli elementi mancanti. 90

Olmo racconta (pp. 42-43 e ) io ascolto

! o l e g o arriva il mag

No! Il mago gela tutto! .....................................................................................................................

Io scrivo

• Ricopia in stampatello minuscolo la frase e leggila insieme all’insegnante. • Quali sono le sillabe che non conosci ancora? Pronuncia i loro suoni insieme all’insegnante. 91

G Il gatto è un mago con i gomitoli.

g u f o

g a t t o

g o m i t o l o Olmo racconta (p. 45) io ascolto

Ripassa la G e leggi; copia le parole e continua tu qui sotto.

GG

g g

G G

gg 92

è D ICEM B R E... Forma le sillabe, ripassa e completa.

G

A

ga

ga

tto

O

go

go

mitolo

U

gu

gu

fo

Collega i disegni alla sillaba giusta.

GA

GO

GU

Completa con GA, GO, GU e ga, go, gu.

CAN can

FUN fun STRE stre Dal fonema alle sillabe

FRA fra 93

RO ro LA

la

G g

G g

GA GO GU

Io Ricordo!

Copia le parole nella casa giusta.

RIGA • ANGURIA • GUFO golf • tartaruga • fango GUSTO • sugo • SEGA galleria • GOLA • guanti

GA

GO

Nei suoni GA, GO, GU la G ha un suono duro.

GU

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

Scrivi tre parole con le lettere che vedi nel fungo, aiutandoti con i disegni.

L

A O

G

M

....................................................

....................................................

....................................................

94

Dalle sillabe alle parole

è D ICEM B R E...

I GUAI DI

....................................................................

IL GAT TO GOAL combina MOLTI GUAI: FA UNA GARA CON IL GALLO, SI LEGA CON I FILI DI LANA E SI GUSTA IL ALLA FRAGOLA DI GAIA

.

ALLA FINE MIAGOLA E VA A DORMIRE TRA I GOMITOLI.

Circonda GA, GO, GU e leggi (l’insegnante legge la parola in blu). Riordina i disegni e racconta quali guai combina il gatto Goal.

Secondo te il gatto è:

simpatico

antipatico

Dai un altro nome al gatto e scrivilo in alto sui puntini. Dalle parole ai testi

95

GHE GHI

Ghiro dorme su un letto di aghi di pino e spighe di grano.

a g h i

s p i g h e

Ripassa ghe e ghi, leggi e ricopia la frase sul quaderno. Copia le parole.

Olmo racconta (p. 47) io ascolto

Forma le sillabe, ripassa e completa.

GH

E

ghe

ghe

pardo

I

ghi

ghi

ro 96

Dal fonema alle sillabe

è D ICEM B R E... Completa con GHE e GHI e ripassa il corsivo.

MAR

RITE

margherite ghiande

ANDE

tartarughe

TARTARU

Collega le sillabe con delle frecce e scrivi le parole ottenute sul quaderno.

STRE AL

DRA

GHE

MA

GHI

RI

A

Trasforma da uno a tanti e completa con ghe e ghi.

UNO (singolare)

TANTI (plurale)

fungo

fun

lago

la

spiga

spi

Dalle sillabe alle parole

97

GHE GHI

IL CINGHIALE TRISTE

NEL BOSCO IL È RIMASTO SOLO SOLO. BUSSA ALLA PORTA DEL che NON RISPONDE: È IN LETARGO. ALLORA PENSA: «BEATI I

E

LE

:

LORO DORMONO TUTTO L’INVERNO!». IL

È TRISTE

E VERSA UNA lacrima. Scrivi le parole accanto ai disegni e leggi (l’insegnante legge le parole in blu). Io e... le scienze

• Il cinghiale va in letargo?

Io pro tagonista Anche a te capita di essere triste? Perché? Racconta a voce e poi disegna quando ti senti triste.

no 98

Dalle parole ai testi

è D ICEM B R E...

SPAGHETTI AI FUNGHI ANTONIO È GHIOTTO DI SPAGHETTI AI FUNGHI, PERÒ GLI SPAGHETTI SONO LUNGHI, PIENI DI SUGHETTO E… ANTONIO SI sporca SEMPRE. ALLORA LA MAMMA MOSTRA LE UNGHIE DA STREGA E ANTONIO RIDE. Io

Ricordo!

Circonda GHE e GHI, leggi (l’insegnante legge la parola in blu) e colora le unghie della mamma. Completa le parole e copia in corsivo.

SPA

TTI

fünghi

FUN UN

spaghetti

E

Dalle parole ai testi

unghie 99

Quel trattino che vedi sulla vocale finale della parola in rosso si chiama accento. Prova a leggere la parola senza accento: però è diventato un .

C Il cane, il corvo e l’oca cantano in coro.

c o r v o c a n e o c a Olmo racconta

Ripassa la C e leggi; copia le parole e continua tu qui sotto.

CC

c c

C C

c c 100

(p. 49) io ascolto

è D ICEM B R E... Forma le sillabe, ripassa e completa.

C

A

ca

ca

ne

O

co

co

rvo

U

cu

cu

bo

Collega i disegni alla sillaba giusta.

CA

CO

CU

Completa con CA, CO, CU e ca, co, cu.

CÙ cù PE pe Dal fonema alle sillabe

FORMI formi

RA ra

LUMA luma 101

C c

C c

CA CO CU

Copia le parole nella casa giusta.

Io Ricordo!

CAROTA • CULLA • cupola COMETA • casa • cavallo CODA • CURVA • corona CA

CO

Nei suoni CA, CO, CU la C ha un suono duro.

CU

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

................................................

Leggi e disegna.

baco

fico

coltello

zucca

cocomero

arco

102

Dalle sillabe alle parole

è D ICEM B R E...

CANE, CORVO E OCA IL PRATO È COPERTO DI NEVE. CANE, CORVO E OCA SONO IN CASA. SONO CONTENTI E COLORANO, CANTANO E SI FANNO TANTE COCCOLE.

Circonda CA, CO, e leggi. Collega le parole colorate al disegno giusto, come nell’esempio. Copia le parole in corsivo sul quaderno.

cane Dalle parole ai testi

co®vø 103

o©a

CHE CHI

Le formiche chiudono a chiave il formicaio e suonano la chitarra.

f o r m i c h e

c h i t a r r a Olmo racconta

Ripassa che e chi e ricopia la frase sul quaderno. Copia le parole.

(p. 51) io ascolto

Forma le sillabe, ripassa e completa.

CH

E

che che

I

chi

chi

formi ave

104

Dal fonema alle sillabe

è D ICEM B R E... Completa con CHE e CHI e ripassa il corsivo.

bø©che

BOC OC

o©chiali

ALI

o©he

O

Traccia le frecce per formare le parole; collega le parole ottenute ai disegni segnando i numeri corrispondenti.

FO

FAL

BAR

CHE

BRU

PAN

FI

4 2

6 3 5 1 Trasforma da uno a tanti e completa con che e chi.

UNO (singolare)

TANTI (plurale)

lumaca

luma

zucca

zuc

sacco

sac

Dalle sillabe alle parole

105

CHI

CHE CHI

SENZA OCCHIALI

TALPA È SENZA E CONFONDE… IL CINGHIALE CON UN

TRI

CO,

I GUFI CON DUE E LE

CON DUE BIAN

.

POI TUTTI INSIEME RITROVANO gli OCCHIALI DI TALPA E LEI RINGRAZIA.

Io pro tagonista Colora le parole dell’amicizia.

Scrivi o completa le parole accanto ai disegni e leggi (l’insegnante legge la parola in blu).

TI AIUTO UFFA VAI VIA GRAZIE SCUSA STAI CON ME 106

Dalle parole ai testi

è D ICEM B R E...

ALLA FATTORIA LUNEDÌ CHIARA ANDRÀ A VISITARE UNA FATTORIA CON I

DI

.

– CHE BELLO! CHE BELLO! – URLA CHIARA NELLE ORECCHIE DI MICHELE. Circonda CHE e CHI e leggi. Sottolinea nel testo le parole con l’accento. Quali animali vedrà Chiara alla fattoria? Risolvi il cruciverba e scopri nella colonna colorata che cosa c’è nel formicaio.

C 1 5

2

3

3 4 5

4

I 1

2

Io faccio musica

• Imita il movimento e il verso, quando possibile, degli animali che hai scritto nel cruciverba. Dalle parole ai testi

107

G Il mago gelo gironzola e dipinge di rosso il naso della gente.

Olmo racconta (p. 53) io ascolto

Ripassa la G, leggi la frase e copiala sul quaderno; poi copia la parola gente.

GENTE

gente

gente

.......................................................

.......................................................

.......................................................

108

è D ICEM B R E... Forma le sillabe, ripassa e completa.

G

E

ge

ge

lato

I

gi

gi

randola

Completa con GE, ge, ge e GI, gi, gi, poi collega le parole ai disegni. ..............

VI

MELLI

..............

fran

LE

..............

..............

..............

pu

rini

nio

..............

le

Completa gli incroci con GE e GI.

AN

RE RA NI

RA SO LE

LO

Dal fonema alle sillabe

NA

109

GE GI

LE GEMELLE

LE MELLE GEMMA E GINEVRA SONO AL PARCO. MENTRE L A MAMMA LEG , LE GEMELLE SI DIVERTONO A CORRERE CON LE RANDOLE NELLE AIUOLE. IL VI LE LE VEDE E LE RIMPROVERA: – IL VERDE È DI TUT TI E VA RISPET TATO!

Io Ricordo!

..............

Nei suoni GE, GI, GIA, GIO, GIU la G ha un suono dolce.

..............

..............

..............

Leggi in modo silenzioso per completare le parole con GE e GI; poi leggi di nuovo ad alta voce. educazione ambientale

• Anche tu vai al parco? Conosci le regole per comportarsi bene? Leggi i cartelli e mettiti alla prova.

110

Dalle parole ai testi

è D ICEM B R E... Completa con GIA, GIO e GIU. ..............

CCA

PI

..............

STRA

FA

..............

DICE

..............

..............

MA

..............

LO

BBOTTO

Colora la parola esatta.

VALIGA VALIGIA

PIGIAMA PIGAMA

GARDINO GIARDINO

GIALLO GALLO

Leggi e copia in corsivo al posto giusto.

gio©atto¬o • fågiano • giudice • giaggio¬o

Dalle sillabe alle parole

111

C La civetta invita il cervo e i suoi amici a cena ed è felice.

Olmo racconta (p. 55) io ascolto

Ripassa la C, leggi la frase e copiala sul quaderno; poi copia la parola cena.

CENA

cena

cena

.......................................................

.......................................................

.......................................................

112

è D ICEM B R E... Forma le sillabe, ripassa e completa.

C

E

ce

ce

rvo

I

ci

ci

vetta

Completa con CE, ce e CI, ci.

LU lu

RTOLA rto¬a

AL al

..............

..............

..............

..............

PUL pul

..............

NO no

RIC ric

..............

..............

Segui le frecce e completa le parole.

CE

..............

CI

..............

STO

..............

ROTTO

Dal fonema alle sillabe

CI

113

..............

..............

RCO

..............

POLLE

..............

NEMA

CE CI

AMICI A CENA

A VETTA PIA CU NARE. PREPARA , LA MINESTRA DI CE POLLE, LA FRITTATA DI CON LE ARAN UN DOL E LE NO PER TUTTI ! I SUOI AMI ..............

Io Ricordo!

..............

Nei suoni CE, CI, CIA, CIO, CIU la C ha un suono dolce.

..............

..............

..............

..............

..............

..............

..............

Leggi in modo silenzioso per completare le parole con CE e CI; poi leggi di nuovo ad alta voce. Copia il testo sul quaderno e fai un disegno che lo illustri. Io e L’alimentazione

• Preferisci cibi salati o dolci? Quali? • Quanto sei felice quando hai amici a cena? Colora le noci da 0 a 10.

114

Dalle parole ai testi

è D ICEM B R E...

UN BACIO PER CENA Quando FACCIO I CAPRICCI VADO A LETTO SENZA CENA. PERÒ LA MAMMA MI PORTA LA CIAMBELLA AL CIOCCOLATO; POI MIO FRATELLO ARRIVA CON LA FOCACCIA; INFINE IL PAPÀ MI DÀ UN BACIO. Leggi (l’insegnante legge la parola in blu) e circonda CIA, CIO. Completa con cia, cio, ciu, poi riscrivi le parole in corsivo sul quaderno.

goc mi

..............

..............

bri

..............

..............

ac

ccio

Osserva il disegno e scrivi una frase sul quaderno che lo descriva.

Dalle parole ai testi

115

batte

..............

..............

le

ga

? e r so scrive Collega le figure ai suoni.

GE - GI

GHE - GHI

CE - CI

CHE - CHI

Scrivi i nomi dei disegni qui sopra sul quaderno. L’H cambia i suoni: osserva le sue magie e scrivi le parole in corsivo.

panche

PANCE BACI BOCCE MAGI GIRO 116

RIFLETTO sulla LINGUA

I NOMI Osserva e scrivi ciò che vedi nella casina giusta.

Io Ricordo! Tutto ha un nome: le persone, gli animali e le cose. I nomi sono le parole che indicano tutto ciò che ci circonda.

NOMI DI PERSONA

NOMI DI COSA

NOMI DI ANIMALE

.................................................

.................................................

.................................................

.................................................

.................................................

.................................................

.................................................

.................................................

.................................................

Morfologia

117

… E L A T A N è IN UN NIDO DI cicogna BABBO NATALE sogna: UN ALBERO ILLUMINATO, UN BIMBO INCANTATO, UN GIORNO PIÙ LIETO, IL MONDO PIÙ quieto.

Sogna TUTTE LE STELLE, TUTTE LE COSE PIÙ BELLE! Monique Hion

• Leggi la poesia con l’aiuto dell’insegnante, poi imparala a memoria. • Sul quaderno illustra la poesia sostituendo le parole con le immagini. 118

una

! e l l e t s e l a slit ta t r ≤ace per tutti,

................................................

.........................................................................................................

.........................................................................................................

Olmo racconta (p. 56) io ascolto

• Finisci di colorare il disegno. • Quali sono le «cose più belle» che sogna Babbo Natale? Parlane in classe e scrivile nella nuvoletta. 119

N A I O … N E G è

Olmo racconta (p. 57 e ) io ascolto

Io faccio musica

e

disegno

• C’è un mondo di suoni intorno a noi, ma tante volte non ce ne accorgiamo: prova un poco alla volta ad andare alla ricerca di suoni nuovi… • Disegna nel cielo tanti puntini di colore grigio. • Disegna altri fiocchi di neve qui sotto.

IO imparo (scheda 37)

120

a p o c s a l l u tutti s ! i c s i l g e

Oh, che bello! Arriva la

..................................................

a cavallo di una – Aprite le

..................................................

..................................................

Io scrivo

• Leggi e scrivi le parole accanto ai disegni; poi ricopia tutto sul quaderno in corsivo. 121

!

.

SCA SCO SCU

LA BEFANA SCONTROSA

NELLA NOTTE SCURA, VOLA VELOCE LA BEFANA SULLA SCOPA. SI SCONTRA CON UN ALBERO E PRECIPITA SCALZA E SENZA SCOPA. UN BOSCAIOLO RIALZA LA VECCHIETTA, MA LA BEFANA SCONTROSA URLA: – DOVE SONO LE MIE SCARPE E LA MIA SCOPA? IL BOSCAIOLO GENTILE PRENDE LA SCALA, SALE SULL’ALBERO E RECUPERA SCARPE E SCOPA. SUBITO LA BEFANA RIPARTE, MA DAL CIELO GRIDA: – SCUSA! Io rifletto sulla lingua

Circonda le parole che contengono i suoni sca, sco, scu.

• Sottolinea nel testo con colori diversi due nomi di cosa e due nomi di persona.

ho capito!

• Utilizza le parole che hai circondato per rispondere alle seguenti domande.

Quando arriva la Befana? NELLA NOTTE Com’è la Befana?

..............................................................................

...................................................................................................................................

Che cosa perde? ..................................................................................................................................... Chi aiuta la Befana?

..............................................................................................................................

Che cosa grida, alla fine, la Befana? ........................................................................................... 122

è G ENNAIO... Forma le sillabe, ripassa e scrivi le parole.

SC

A

sca

sca

O

sco

sco

U

scu

scu

..........................................

..........................................

..........................................

Segui le frecce e completa con sca e sco.

TA VA

MO

.......................

.......................

NE Scrivi in corsivo che cosa vedi nella calza della Befana.

lisca

123

LARO

SCHE SCHI

CHE SCHERZO!

IN CLASSE LA MAESTRA CHIEDE A TUT TI I BAMBINI DI SCRIVERE I DONI RICEVUTI DA BABBO NATALE E DALLA BEFANA. GIANNI, ALLORA, RACCONTA LO SCHERZO DELLA BEFANA. – LA BEFANA – DICE GIANNI – MI HA RIEMPITO LE CALZE DI MUSCHIO E DI ESCHE PER LA PESCA. POI HA ATTACCATO SULLO SCHERMO DEL TELEVISORE… IL SUO AUTORITRATTO! I BAMBINI RIDONO. HANNO CAPITO CHE LA BEFANA È… UNA VECCHIET TA DI FUORI E UNA BAMBINA DI DENTRO! Leggi e circonda le parole che contengono i suoni sche e schi. io

scrivo

• Anche a te la Befana ha fatto uno scherzo? Completa sui puntini.

Sì, perché mi ha portato

....................................................................................................................

............................................................................................................................................................................

No, perché mi ha donato

..................................................................................................................

............................................................................................................................................................................

124

è G ENNAIO... Forma le sillabe, ripassa e completa le parole.

SCH

E

sche

sche

I

schi

schi

...................

LETRO

...................

UMA

Completa le parole e ricopiale in corsivo.

ma

.......................

.......................

mu

ra

rmo

.......................

o

Trasforma da uno a tanti e scrivi le parole con SCHE e SCHI.

UNO (singolare)

TANTI (plurale)

pesca bosco mosca tasca 125

SCE SCI

SCI DISPETTOSI

A LISA PIACE TANTO SCIARE. CON I SUOI SCI SCINTILLANTI, SCENDE PER LA PISTA COME SULLO SCIVOLO DEL PARCO. A UN TRATTO, PERÒ, LISA SCIVOLA E CADE SULLA NEVE. ALLORA SI ARRABBIA CON GLI SCI E DICE: – UFFA, SIETE SCIVOLOSI COME BISCE. E IO VI LASCIO QUI! COSÌ LISA SCENDE GIÙ PER LA DISCESA A PIEDI, MUTA COME UN PESCE!

ho capito!

• Numera le vignette da 1 a 3, poi racconta la storia.

Leggi, circonda le parole con sce e sci e copiale sul quaderno. Forma le sillabe e completa le parole.

SC

E

sce sce

BI

I

sci sci

....................

126

....................

è G ENNAIO...

STORIA DI UNA BISCIA La bi li

...................

...................

stri

verde e

...................

sui

sassi.

La bi

...................

...................

un po’

cca scivola nel

ruscello.

La biscia si a con un a

...................

...................

ga

gamano.

Completa con scia, scio, sciu e copia la storia sul quaderno. Osserva e scrivi una frase che descriva il disegno.

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

Scrivi sul quaderno una frase con ciascuna delle seguenti parole.

prosciutto • sciabola • uscio • fascia 127

? e r so scrive Colora il cartellino con la parola esatta.

PESCE

LISCIA

SCIARPA

PESCHE

LISCA

SCARPA

Riordina le parole e riscrivi le frasi.

IL SCARPA PESCATORE UNA PESCA ............................................................................................................................................................................

STARNUTISCE NEL PESCE IL RUSCELLO ............................................................................................................................................................................

IL PROSCIUT TO MOLTO MI PIACE ............................................................................................................................................................................

CARNEVALE SCHELETRO DA A VESTIRÒ MI ............................................................................................................................................................................

Copia sul quaderno e fai il disegno.

~l pesce roßso nuo†a nella våschetta 128

RIFLETTO sulla LINGUA

GLI ARTICOLI Scrivi davanti ai nomi le paroline il, lo, la, i, gli, le.

SINGOLARE (uno) IL, LO, LA ...............

pesce

PLURALE (tanti) I, GLI, LE ...............

biscotti

...............

scudo

...............

mosche

...............

biscia

...............

sci

...............

scheletro

...............

camosci

...............

scopa

...............

asciugamani

...............

bosco

...............

scimmie

Scrivi un, uno, una davanti a ciascun nome singolare (uno). ...............

cuscino

...............

scoiattolo

...............

lisca

...............

cosciotto

...............

scarpa

...............

scarpone

Morfologia

129

Io Ricordo! Le paroline davanti ai nomi si chiamano articoli. Gli articoli sono il, lo, la, i, gli, le, un, uno, una.

… O I A R B B E F è

Olmo racconta

Io canto

e

(pp. 58-59 e ) io ascolto

disegno

• Canta con Olmo. • Incolla sui rami dell’albero coriandoli e stelle filanti. 130

i e d alla sfilata conigli!

A

..................................................

da

mi trav™sto

..................................................

E tu? Io scrivo

• Leggi la frase e scrivi le parole mancanti; poi rispondi a voce. 131

.

GLI

SONO UN PAGLIACCIO!

È CARNEVALE! IO MI TRAVESTO DA PAGLIACCIO. INDOSSO UNA GIACCA CON I GIGLI DELLA MAMMA, I PANTALONI CON LE BRETELLE DI PAPÀ, UNA PARRUCCA ARRUFFATA COME UN CONIGLIO, UN CAPPELLO CON I SONAGLI E UN NASONE DA PAGLIACCIO! COSÌ MASCHERATO VADO ALLA FESTA DI DUCCIO E SO… CHE MI DIVERTIRÒ TANTISSIMO!

Leggi e circonda le parole che contengono i suoni gli, glia, glio. Forma le sillabe e completa in corsivo.

GLI io

A

glia

svç

E

glie

O

glio

co§i

.......................

.......................

.......................

parlo!

• Con l’aiuto dell’insegnante inventa una breve storia con le parole che hai appena completato. 132

è F EBBRAIO...

VOGLIO UN CESPUGLIO Completa il cruciverba e scopri chi si nasconde dietro il cespuglio.

1 2

1

2

3

4 3

4

1 Si usa per cucinare

2 Si indossa d’inverno

3 Si usa per apparecchiare

4 È goloso di carote

Copia in corsivo sul quaderno sostituendo ai disegni le parole.

~l

mangia il

Le

nuo†ano v¤cino allo

≥ara raccoŸlie una

.

. 133

.

GLI

GUGLIELMO

OGGI L’ARIA È FREDDA. GUGLIELMO, IL CONIGLIO, SI NASCONDE CON LA SUA FAMIGLIA IN UN CESPUGLIO SOTTO UN TIGLIO. – RACCOGLIAMOCI STRETTI COME LE TEGOLE DI UN TETTO – DICE IL CONIGLIO. – IL FREDDO INVERNO PASSERÀ MOLTO MEGLIO! Irma Rubaudo

Io rifletto sulla lingua

• Cerchia gli articoli davanti ai nomi coniglio e tegole. Copia il testo sul quaderno e circonda gli. Segui le frecce e forma le parole.

cespu

...........................................................

ti

...........................................................

fi

GLI

...........................................................

I nomi che hai scritto sono singolari (uno) o plurali (tanti)? 134

è F EBBRAIO...

LA FAMIGLIA SCOIATTOLINI L A FAMI ...................... SCOIATTOLINI È COMPOSTA DAL PAPÀ, DALLA MO ...................... GIGLIOLA E DA SEI FI ...................... . CAROLINA, GIUSEPPINA, LE GEMELLE MARINA E VALENTINA E LE DUE PIÙ PICCOLE BENIAMINA E CLEMENTINA. IN OGNI CLASSE DELLA SCUOLA DEL BOSCO C’È UNA FI ...................... DELLA FAMI ...................... . LE SORELLE SI VOGLIONO MOLTO BENE. IL LORO MOTTO È: «TUTTE PER UNA, UNA PER TUTTE!». AA.VV., Penne, matite e astucci, Einaudi Ragazzi

Io Ricordo!

Leggi e completa le parole con i suoni glia, glie.

Le parole scritte in verde sono nomi propri e si scrivono con la lettera maiuscola.

parole nuove

Io rifletto sulla lingua

• Che cosa significa tutte per una, una per tutte? Spiegalo con parole tue.

• Disegna sul quaderno la tua famiglia e scrivi il nome proprio dei tuoi genitori, dei tuoi fratelli, se li hai, e naturalmente il tuo! 135

GN

IMPEGNI DI… GIOCO

ALLA FESTA DI CARNEVALE IL PAPÀ SI È TRAVESTITO DA GNOMO E HA ORGANIZZATO IL GIOCO DEL MIMO. AL SUO «VIA» NOI BAMBINI SIAMO DIVENTATI… AGNELLINI DI CAMPAGNA, CICOGNE SUI COMIGNOLI, CAGNOLINI PIAGNONI E RAGNI NELLA RAGNATELA! È STATO DAVVERO DIVERTENTE!

Io rifletto sulla lingua

• Ricopia sul quaderno i nomi di animali con il suono gn e fai il disegno accanto a ciascuno. Copia sul quaderno il testo e circonda i suoni gna, gne, gni, gno. Forma le sillabe e completa in corsivo.

SC GN

A

gna

pi

E

gne

casta

I

gni

ra

O

gno

U

gnu

.................

.................

.................

.................

.................

136

mo

è F EBBRAIO... Osserva i disegni, forma le coppie e completa le frasi.

~l ra

få la ra

~l ca

lino få il bå

.................

~l ci L’a

.................

.................

.................

~l fåle

.................

tela.

.................

nuo†a nello sta

.

Gn, gna, gne, gno, gnu non vogliono la i.

.................

llo si tro√å in mo§ta

.................

Io Ricordo!

me lavø®a il le

Scrivi tu le parole.

L

137

.

.................

.................

.

.

GN

IL COMPAGNO DI LUCA LUCA HA UN ............................................ COME COMPAGNO DI GIOCHI: SI CHIAMA SPID. ALLA MAMMA NON PIACE, MA UNA MATTINA LE SCIVOLA LA FEDE NEL LAVANDINO DEL ............................................ E SUBITO SPID, IL ............................................ , TESSE UN LUNGO FILO E TIRA SU L’ANELLO, LEGATO ALLA SUA ............................................ . LA MAMMA CREDE DI SOGNARE E DICE: – SEI UN ............................................ STUPENDO! Ursula Moray Williams, Spid, il ragno ballerino, Piemme junior

Leggi e scrivi le seguenti parole al posto giusto:

bagno • ragno • ragnatela io

Io rifletto sulla lingua

• Colora nel testo un nome di persona, un nome di animale e un nome di cosa. Leggili a voce alta con l’articolo davanti.

scrivo

• Presenta il tuo compagno o la tua compagna di giochi. .....................................................

di giochi si chiama

.........................................................................

,

ha ..................... anni. È ............................................................................................................................... e

........................................................................................................................................................................

Con ............. mi piace ............................................................................................................................... 138

è F EBBRAIO...

SOGNI STUPENDI – MAMMA, NON VOGLIO DORMIRE DA SOLO. – MA CI SONO I TUOI AMICI A FARTI COMPAGNIA. VUOI LA GATTINA MINNI? – NO, NON VOGLIO MINNI! – VUOI IL CONIGLIO BRUNO? – NO, NON VOGLIO NEMMENO BRUNO! – ALLORA CHI VUOI CHE TI DORMA VICINO? – VOGLIO LUI! – MA È UN RAGNO TERRIBILE! – LO SO! PERÒ SPAVENTERÀ TUTTI I MOSTRI DEL BUIO E IO POTRÒ FARE SOGNI STUPENDI! BUONA NOTTE MAMMA! Brigitte Weninger, Non voglio dormire da solo!, Nord-Sud Edizioni

Il bambino fa tanti sogni stupendi. Scrivili sul tuo quaderno.

139

Apostrofo

INSIEME SOTTO L’ALBERO

OGNI MATTINA L’UCCELLINO ARTURO SVEGLIA GIULIO CONIGLIO E GLI DICE CHE TEMPO FA. APPENA SVEGLIO, GIULIO FA UN BEL BAGNO E SI LAVA LE LUNGHE ORECCHIE CON LA SPUGNA GIALLA. POI FA COLAZIONE CON L’OCA CATERINA SOTTO L’ALBERO PIÙ ALTO DEL BOSCO, PENSANDO ALLA MERAVIGLIOSA GIORNATA CHE LI ASPETTA. Nicoletta Costa, Una giornata di Giulio coniglio, Franco Panini

Io Ricordo! Leggi il testo e cerchia con il giallo le parole con l’apostrofo. ho capito!

• Usa le parole che hai cerchiato per rispondere alle domande.

Davanti ai nomi che iniziano con a, e, i, o, u gli articoli la e lo perdono la vocale. Al suo posto rimane l’apostrofo.

Chi sveglia Giulio Coniglio la mattina? ..................................................................................... Chi fa colazione con Giulio Coniglio?

.......................................................................................

Dove? Sotto ............................................................................................................................................... Io e La salute

• Fare una colazione sana è un comportamento alimentare corretto. Fai sempre colazione al mattina? Che cosa mangi? 140

è F EBBRAIO... Scegli la parolina giusta da mettere davanti ai nomi illustrati e completa come nell’esempio.

la

lo l’ape

....................................

l’

l’

la

lo ....................................

....................................

l’

l’ Riscrivi le parole mettendo l’apostrofo.

la iso¬a

............................................

la anatra

............................................

lo alb™ro

............................................

lo indiano

............................................

la uvå

............................................

la o§da

............................................

lo aereo

............................................

lo o®co

............................................

Segna con una X chi vuole l’apostrofo.

lo anello

Sì No

il coniglio

Sì No

lo gnomo

Sì No

lo elefante

Sì No

141

? e r so scrive Osserva la tana del coniglio e scrivi in corsivo le parole illustrate.

.....................................................

.....................................................

.....................................................

Osserva la casa dello gnomo e scrivi in corsivo le parole illustrate.

.....................................................

.....................................................

.....................................................

Forma le frasi con una freccia e copiale sul quaderno.

La mamma prepara

con le biglie

La nonna raccoglie

una teglia di lasagne

Io gioco

le castagne 142

RIFLETTO sulla LINGUA

LE AZIONI Collega ogni disegno alla parola che indica che cosa fa.

vola

nuota

tesse

salta

illumina

Osserva e completa.

La bambina .......................................................

L’asino

..................................................................

Che cosa fa? Scrivilo sui puntini.

La maestra ...........................

La rana

.....................................................

.....................................................

.....................................................

.....................................................

.....................................................

.....................................................

...................................

Il sole

......................................

Io Ricordo! Osserva e scrivi sul quaderno che cosa puoi fare con‌

Morfologia

143

Le parole che hai scritto sono azioni. Le azioni indicano che cosa fanno persone, animali e cose.

? e so imparar Leggi e scrivi accanto agli amici di Olmo i nomi propri di tuoi compagni e amici il cui nome inizia con la stessa lettera… maiuscola.

A

A Anita

B

B {ub¤

C

C Co®rado

D

D dado

E

E erbå

F

F ‡ilù

G

G Goål

H

H Helen

I

I ~vø

J

J Jessica

K

K Kev¤n

L

L luna 144

so imparare?

M

M mela

N

N nido

O

O

P

P papera

Q

Q quercia

R

R rana

S

S so¬e

T

T Îeo

U

U uvå

V

V `ivì

W

W wåfçr

X

X xiloƒø§o

Y

Y yoŸurt

Z

Z Zezè 145

… O Z R A M è

Olmo racconta

Io canto

e

(pp. 60-61 e ) io ascolto

disegno

• Canta con Olmo. • Osserva l’immagine e indica che cos’è rosso, giallo e blu. Questi colori sono detti primari, perché non si possono ottenere da altri colori. Divertiti a mescolarli e a formare il verde, l’arancione, il viola… 146

e i n o z z acqua ombrel li!

{um, büm! Lampi e tuo§i risuo§ano coμe troμbø§i!

Io scrivo

• Leggi la frase e circonda di rosso mp e di blu mb. • Che cosa fa rima con tromboni? Continua tu la catena di parole. Pantaloni, scarponi… 147

Q

UN POSTO TRANQUILLO

NEL BOSCO GLI ANIMALI SONO QUASI TUTTI SVEGLI. ANCHE LA QUERCIA HA GIÀ LE FOGLIOLINE VERDI, MA HA ANCORA VOGLIA DI DORMIRE. ALL’IMPROVVISO ARRIVA UN’AQUILA CON I SUOI QUATTRO AQUILOTTI. – CHI FA QUESTO BACCANO? – BRONTOLA LA QUERCIA. – SONO L’AQUILA. POSSO COSTRUIRE Io Ricordo! IL MIO NIDO TRA I TUOI RAMI? La lettera Q è sempre – CERTO! – LE DICE LA QUERCIA. seguita dalla U e da un’altra vocale. – QUESTO È UN POSTO TRANQUILLO. Forma le sillabe, completa e ripassa le parole.

SC QU

A

...............

E

...............

I

A

O

LI

Continua tu.

QQ

q q

Q Q

qq 148

DRO quadro RCIA quercia

...............

LA aquila

...............

RE liquo®e

è MARZO...

GLI AMICI DELLA QUERCIA LA QUERCIA È UN VERO CONDOMINIO DI AMICI. DALLA CIMA ALLE RADICI ABITANO E CERCANO CIBO E RIPOSO TANTI ANIMALI. CI SONO UN GHIRO, DUE SCOIATTOLI, QUATTRO RICCI, CINQUE TALPE E, ORA CHE È PRIMAVERA, QUINDICI UCCELLINI, CHE CON I LORO CINGUET TII SVEGLIANO DEL TUTTO LA QUERCIA DORMIGLIONA. Circonda nel testo le parole che contengono qua, que, qui. Scrivi, in numero e in parole, quanti sono gli animali indicati.

I ricci

...............................................................................................................................................................

Le talpe

Q

.........................................................................................................................................................

Gli uccellini

q

.................................................................................................................................................

Completa. ....................

A

DRIFOGLIO

....................

....................

DERNO

Q q

LONE 149

CU

UNA CASA CURIOSA Io pro tagonista

SOTTO IL TAVOLO IN CUCINA CHIARA HA FATTO UNA CASINA.

Anche tu hai un posto tutto per te? Com’è? Disegnalo sul quaderno.

UN CUSCINO FA DA LETTO, COME TAVOLO HA UN CASSETTO. I SUOI PIATTI SON DI FOGLIA, COME PORTA HA LA TOVAGLIA. CON GLI OMBRELLI HA FATTO IL MURO: SE NE STA CHIUSA AL SICURO. TORNA A CASA DALLA MAMMA SOLAMENTE PER LA NANNA. Letizia Cella, Un monello sul cammello, Edizioni EL

Leggi la filastrocca e circonda le parole che contengono il suono cu. Poi osserva: dopo la u quali lettere vedi? Sottolineale. Io

Ricordo!

Completa con cu o qu. ............

aderno

s

............

scino

a

li

............

irizia

............

............

............

QU + vocale CU + consonante

alo ilone

bo

............

a 150

cina

............

ffia

ila

............

aglia

............

è MARZO...

MUCCA MOKA CUOCA Io Ricordo! MUCCA MOKA FREQUENTA LA SCUOLA DELLA CIOCCOLATA. LE LEZIONI SONO INTERESSANTI: UN CUOCO INSEGNA A TUTTI I SEGRETI PER PREPARARE UNA DELIZIOSA CIOCCOLATA CALDA E MUCCA MOKA PRENDE APPUNTI SUL SUO TACCUINO. ALLA FINE DELL’ANNO, MUCCA MOKA È PROMOSSA. SULLA SUA PAGELLA C’È SCRITTO: «BRAVISSIMA», E IL SUO CUORE BATTE FORTE FORTE.

Le parole scritte in rosso sono capricciose, perché non vogliono la Q!

Agostino Traini, La mucca Moka, Edizioni EL

Leggi e copia in corsivo le parole capricciose.

SCUOLA

CUOCO

CUOIO

.....................................................

.....................................................

.....................................................

CUORE

TACCUINO

CUOCERE

.....................................................

.....................................................

.....................................................

scuo¬a

151

CQU

GIOCHI CON L’ACQUA

QUANDO PIOVE IO E TERESA PASSIAMO LE ORE A PITTURARE CON GLI ACQUERELLI. A VOLTE GIOCHIAMO CON L’ACQUA DELLA VASCA DA BAGNO. ECCO ALLORA… SEI PAPERE CHE NUOTANO NELL’ACQUA VERDOLINA DELL’ACQUITRINO E UNA NAVE DEI PIRATI CHE CAVALCA LE ACQUE BURRASCOSE DELL’OCEANO. QUESTO GIOCO NON PIACE ALLA MAMMA, QUINDI COSTRUIAMO UN ACQUARIO CON TANTI PESCIOLINI COLORATI. IO E TERESA CI DIVERTIAMO SEMPRE, ANCHE QUANDO PIOVE.

Colora nel testo le parole con il suono CQU, come nell’esempio. Poi osserva con attenzione. Che cosa noti? Rispondi a voce.

educazione ambientale

• A che cosa serve l’acqua? Parlane con i tuoi compagni e rappresenta gli usi dell’acqua con fumetti. Ricorda che l’acqua è davvero preziosa, non dobbiamo sprecarla! 152

è MARZO...

NELLA CASA DELL’ACQUA IL SUBACQUEO NUOTA A FONDO, L’ACQUOLINA VIENE IN BOCCA, L’ACQUAZZONE BAGNA IL MONDO, L’ACQUARAGIA NON SI TOCCA. NELL’ACQUARIO NUOTA IL PESCE, L’ACQUASANTA È IN CHIESA, L’ACQUITRINO UN PO’ MARCISCE, L’ACQUERUGIOLA È LEGGERA. Roberto Piumini

Completa con cqu le parole che appartengono alla famiglia di acqua. Poi collega ciascuna parola con il proprio significato.

a a

.............

suba a

itrino

uomo che va sott’acqua

azzone

liquido per sciogliere vernici

eo

piccolo stagno d’acqua ferma

aragia

pioggia fitta che dura poco

.............

.............

.............

153

I suoni difficili

IN CERCA DI TRIFOGLIO

È PRIMAVERA. UN CONIGLIO HA MOLTA FAME E VA NEL PRATO A CERCARE UN PO’ DI TRIFOGLIO FRESCO PER LA CENA. PER ARRIVARE AL PRATO DI TRIFOGLIO, IL CONIGLIO ENTRA NEL BOSCO E SENTE UN GRAN RUMORE. SONO IL CASTORO, CHE PREPARA I LEGNI PER COSTRUIRE UNA DIGA, E IL PICCHIO, CHE FA UN BUCO NEL TRONCO DA USARE COME CASA. – BUON LAVORO! – GRIDA IL CONIGLIO E SVELTO PROSEGUE PER LA SUA STRADA. Leggi il brano e batti le mani al suono evidenziato. Collega le sillabe e scrivi le parole. Attenzione, alcuni sono suoni difficili!

ca

tron sto

ro co

pra to

da

tri

glio

stra

le

fo

pre

.....................................................

.....................................................

.....................................................

.....................................................

.....................................................

.....................................................

154

è MARZO...

ECCO IL PRATO! POI ATTRAVERSA LO STAGNO E VEDE MAMMA ANATRA CHE INSEGNA A NUOTARE AGLI ANATROCCOLI E LE RANE CHE GRACIDANO ALLEGRE. FINALMENTE RAGGIUNGE IL PRATO DI TRIFOGLIO MA… – NON HO PIÙ FAME! – DICE IL CONIGLIO. – PREFERISCO SALTARE E GIOCARE CON LE LEPRI E I GRILLI. Valeria Fiorentino, Storie piccine, Giunti

Io e... la geografia

• Completa il percorso di andata del coniglio fino al prato.

Il coniglietto esce dalla tana. Entra nel

......................................................................................................................................................

Attraversa lo

..............................................................................................................................................

Raggiunge il

..............................................................................................................................................

• Racconta a voce il percorso di ritorno del coniglio fino alla sua tana. Io e... le scienze

• Con l’aiuto dell’insegnante dividete un grande foglio in tre parti e disegnate un bosco, uno stagno e un prato. Poi ritraete gli animali nominati nella storia e incollateli ciascuno nell’ambiente adatto. 155

MB MP

OMBRE NELLA CASA

PER AMBRA LA CASA DI GIORNO NON HA SEGRETI. MA COM’È LA CASA DI NOTTE? QUANDO TUTTI DORMONO, AMBRA ACCENDE UNA PICCOLA LAMPADA E CAMMINA A PIEDI NUDI PER NON FARE RUMORE. MA ALL’IMPROVVISO… BUM! INCIAMPA NEL TAMBURO E CADE A TERRA. SUBITO SI RIALZA E CONTINUA A GIRARE PER LE STANZE BUIE. «QUANTE OMBRE!» PENSA AMBRA, «LE STANZE SEMBRANO PIÙ GRANDI». AMBRA NON HA PAURA PERCHÉ SA CHE, ANCHE DI NOTTE, QUELLA È LA SUA CASA. Giovanna Biasotti, Mago verde e fata nera, Fabbri Editori

Leggi e circonda i suoni mb e mp. ho capito!

• Completa le risposte con la parola mancante.

Chi è Ambra? Una .................................................................................................................................. Che cosa accende? Una piccola In che cosa inciampa? Nel

...................................................................................................

................................................................................................................

Che cosa vede nella casa di notte? Tante ............................................................................... 156

è MARZO...

IL TEMPORALE IL CIELO È SCURO, SI VEDONO LA .............. I E SI SENTONO TUONI. MARCO SI RIFUGIA SOTTO IL LETTO, IN CO.............. AGNIA DEL SUO GATTO FUFI. QUELLO È UN BEL POSTO PER GIOCARE! A UN TRATTO VEDONO UNA STRANA LUCE NELLA STANZA. ALLORA ESCONO DAL LORO RIFUGIO E SCOPRONO CHE NEL CIELO C’È L’ARCOBALENO. FINALMENTE IL TE.............. ORALE È PASSATO E LORO POSSONO TORNARE IN GIARDINO. Io Ricordo! Leggi e completa le parole con mp.

Davanti alla B e alla P ci vuole sempre la M!

Completa le frasi.

Il cielo è scuro e si vedono i ............................................................................................................. Marco si rifugia sotto il letto in .................................................................... del gatto Fufi. Dopo il ............................................................................... Marco e Fufi tornano in giardino. ho capito!

• Racconta con parole tue la storia e disegna sul quaderno i fatti più importanti. io parlo

• Tu hai paura dei temporali? Che cosa fai? Racconta a voce. 157

? e r so scrive Scrivi una frase per ogni disegno.

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

158

RIFLETTO sulla LINGUA

LE QUALITÀ Com’è? Scrivi la qualità adatta per ogni elemento scegliendo tra quelle proposte.

nuova

......................................

bagnato

feroce

......................................

rossa

......................................

......................................

Collega ogni disegno alla parola che indica com’è.

fredda

caldo

lenta

morbida

succosa

furba

Scrivi alcune qualità adatte per spiegare com’è e come sono.

La nonna è

............................................................................

.......................................................................................................

Io Ricordo! Le parole che hai scritto indicano le qualità del nome, cioè spiegano come sono le persone, gli animali e le cose.

Le nuvole sono ...............................................

Il serpente è

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

...................................................................................

Morfologia

159

.....................................................

è APRILE…

Io faccio musica e

disegno

• Prova a giocare con i suoni delle vocali. • Colora le uova e i fiori con…

Olmo racconta (p. 62) io ascolto

i colori caldi

IO imparo

i colori freddi

(scheda 45)

• A che cosa fanno pensare i colori caldi? E quelli freddi? Rispondi a voce. 160

! o t sorprese nel pra

La ≤asqua è… una co¬oμbå che vø¬a, ...............................................................................................

...............................................................................................

Io scrivo

• Leggi e completa la poesia. Poi recitala ai compagni. 161

Le lettere doppie

LA NOTTE DI PASQUA La notte di Pasqua un coniglietto cercava un posto per nascondere le uova di cioccolato nel giardino di due bambini, a cui voleva fare una sorpresa. – Lascerò il cestino con le uova in casa – disse il coniglietto. Mentre stava per entrare in casa spuntò il sole. Il coniglietto vide tutto il prato coperto di fiori rossi, gialli e azzurri, che sembravano tante uova colorate. Così il coniglietto nascose le sue uova in mezzo all’erba ed esse non si distinguevano dai fiori. A piccoli salti poi corse nella sua tana, mentre i bambini si svegliavano nel lieto giorno di Pasqua. Kathryn Jackson, 365 storie, Mondadori

Circonda le parole con le doppie che indicano i colori dei fiori. Che cosa sembrano i fiori colorati?

Io pro tagonista Quale sarà la faccia dei bambini quando troveranno le uova di Pasqua tra i fiori? Disegna qui. A te piacciono le sorprese? Ricordi un episodio in cui qualcuno ti ha fatto una sorpresa? Racconta a voce e disegna quel momento.

162

è APRILE...

UN UOVO DI CIOCCOLATA Senti cocca mia, se invece del mangime ti porto latte, zucchero, cacao, un nastro rosso e carta colorata, per Pasqua me lo faresti un uovo di cioccolata? Stefano Bordiglioni, Non dirlo al coccodrillo, Einaudi Ragazzi

parole nuove

• Che cosa significa la parola cocca? Fai una X.

gallina

amica

Circonda nella filastrocca le parole con le doppie. Raddoppia le lettere colorate e riscrivi la parola.

note

.......................................................

pala

.......................................................

casa

.......................................................

Completa e scrivi sul quaderno altri tre nomi di animali con le doppie.

ga......... o

mu......... a 163

ga......... o

La divisione in sillabe

IO SONO SUPERFELICE! Io sono Pietro e mi piace giocare con la mamma! Sono felice quando gioco con lei alla piscina. Lei fa la piscina e io mi tuffo. Lei sa fare anche le onde e io mi rotolo e nuoto. È forte la mia mamma! Lei fa anche il cavallo: quello che trotta trotta e poi cade nel pozzo. Ma è un pozzo morbido, perché è fatto di mamma. Poi, quando giochiamo con i cuscini, sono superfelice! Lei mi tira un cuscino e io le rispondo. I cuscini sono morbidi come lei. Lodovica Cima, Mamma Materasso, Bruno Mondadori

parole nuove

• Leggi la domanda e segna con una X la qualità giusta.

Come si sente Pietro? felice triste Com’è la mamma? dura morbida Dividi in sillabe le seguenti parole, aiutandoti con le barre colorate.

piscina

cuscino

cavallo

pozzo 164

è APRILE...

IL LU-PO MAN-NA-RO Un giorno, di notte, il bimbo Gennaro incontra in un sogno un lupo mannaro. Il lupo lo vede e comincia a ululare, Gennaro lo sente e comincia a scappare. Comincia a scappare e a urlare come un pazzo, svegliando la mamma e tutto il palazzo. Io pro tagonista Massimiliano Maiucchi, Emozioni per giocare, Sinnos editrice

Di che cosa ha paura il bambino Gennaro? E tu? Sul quaderno disegna le tue paure e completa la frase: Io ho paura…

Con l’aiuto dell’insegnante sillaba le parole colorate… altrimenti il lupo comincia di nuovo a ululare. Leggi e dividi in sillabe.

bambino

torta

sogno

sveglia

bam-bi-no

........... ...........

-

so-gno

........... ...........

notte

mamma

acqua

acquario

not-te

........... ...........

-

ac-qua

........... ........... ...........

165

-

-

-

L’accento

CIPÌ, IL PIÙ BIRICHINO

io parlo

• Racconta con parole tue la storia. Poi disegna sul quaderno la parte che ti è piaciuta di più e scrivi un titolo.

Un bel mattino di primavera mamma passero sentì: cric, cric, cric… Allora alzò le ali e vide che erano nati tre passerotti. – Come sono felice – esclamò mamma passero. E dalla felicità spiccò il volo nel cielo azzurro, si alzò sopra i comignoli, sempre più in su. Quindi si tuffò di nuovo, a tutta velocità, nell’aria e gridò: – Sono nati! Sono mamma! Sono tre bei passerotti! Tornata al nido osservò con attenzione i suoi piccoli: erano belli, senza piume, aprivano il becco, allungavano il collo, chiamavano. Però il più piccino era il più birichino: non faceva cip, cip, cip ma cipì, cipì, cipì e non smetteva mai. Mario Lodi, Cipì, Einaudi scuola

Leggi le parole qui sotto e disegna un bell’accento sulla vocale dove il suono è più forte.

felicita

piu

Cipi

velocita 166

Io Ricordo! Il segno che vedi sulla vocale finale della parola colorata si chiama accento. L’accento ci fa capire su quale vocale il suono è più forte.

è APRILE... Segna l’accento dove occorre e colora il riquadro.

pure

latte

te

albero

caffe

perche

sedia

citta

allegria

giu

Riscrivi le parole con l’accento sulla vocale in fondo. Che cosa noti?

Io Ricordo!

scivolo

................................................

pesco

................................................

pero

................................................

becco

................................................

L’accento può cambiare il significato delle parole.

Leggi e colora la parola giusta.

Il papa papà è venuto a prendermi subito a scuola perché perche ho la febbre. Ieri ho giocato a calcio, però pero non ho vinto. L’uccellino filò

filo via dal suo nido.

Da grande faro

farò il medico.

167

Dentro il testo

LA PRINCIPESSA RABBIOSA

La principessa Pralina aveva lunghi capelli scuri, gli occhi verdi e due • Come sono i capelli, gli ocorecchie minuscole da cui pendevano un chi e le orecchie di Pralina? Colora sul testo le parole paio di orecchini d’oro. Era molto che indicano le qualità. graziosa e per i suoi genitori era una Io pro tagonista bambina adorabile, ma quando si arrabbiava, di colpo, Pralina Che cosa consiglieresti di fare a Pralina quando è arrabbiata? cambiava aspetto. suonare un tamburo Cominciava a urlare e si faceva dire il motivo per cui è arrabbiata tutta rossa. I capelli le si drizzavano E tu che cosa fai quando ti arrabbi? sulla testa e diventavano color rosso fuoco. I suoi occhi verdi lanciavano saette e le orecchie cominciavano ad agitarsi insieme agli orecchini. Sembrava davvero un mostro. Ma perché si arrabbiava tanto la principessa Pralina? Io rifletto

sulla lingua

Henriette Bichonnier, La piccola principessa in collera, Emme Edizioni

168

è APRILE...

LASCIATEMI ESSERE FELICE Lasciate che io sia felice, felice con l’erba e la sabbia, felice con l’aria e la terra, felice perché respiro, felice in tutti i punti del cuore, mentre cammino, dormo e scrivo.

Io pro tagonista Completa la frase sul quaderno e disegna un momento in cui sei felice. Io sono felice con .......................... perché .......................... quando ..........................

Pablo Neruda

ho capito!

• Scrivi la risposta.

Con chi è felice il bambino della poesia? Con

....................................................................

............................................................................................................................................................................

Perché è felice? Perché

......................................................................................................................

Quando è felice? Mentre

..................................................................................................................

............................................................................................................................................................................

169

Dentro il testo

NON SO SE CI RIESCO

Io rifletto sulla lingua

• Circonda nel testo i nomi propri delle bambine.

All’intervallo Zoe va in bagno. Seduta per terra vede Roberta della prima. – Perché sei così triste? Me lo vuoi dire? – Se non lo dici a nessuno – risponde Roberta. – Ho rubato le figurine alla Franci – confessa. – E la maestra ha detto che chi le ha prese deve dirlo, altrimenti non giochiamo più in cortile per una settimana. – Dovresti andare dalla maestra e dirle che sei stata tu – dice Zoe. – Vedrai che la maestra trova il modo di aggiustare tutto. – Non so se ci riesco – dice Roberta. – Se non ci provi non lo saprai mai. Dai, alzati – dice Zoe, e si alza per prima e le tende la mano per aiutarla. Beatrice Masini, Amici vecchi e nuovi, Edizioni EL

ho capito!

• Rispondi alle seguenti domande.

Come si sente Roberta? Che cosa ha fatto? Che cosa le dice Zoe? Sei d’accordo con Zoe? 170

è APRILE...

IL MAGGIOLINO MAGICO Al parco giochi Luca gioca da solo e si annoia. Un giorno scopre nella sabbia un maggiolino. Lo prende in mano e decide di farlo vedere a una bambina. – Guarda! – dice Luca. – È un maggiolino magico. Se ne trovi uno puoi esprimere un desiderio. – Prova con: vorrei mangiare una pentola di spaghetti al pomodoro – gli suggerisce un altro bambino. – Oppure potremmo partire insieme per un viaggio nello spazio! – dicono tutti in coro. A un tratto Luca lascia volare via il maggiolino. I bambini lo guardano meravigliati mentre Luca sorride. Il suo desiderio è già stato esaudito. Finalmente Luca ha intorno a sé tanti amici. Quel maggiolino era proprio magico! Klaus Baumgart, Luca e il maggiolino magico, Fabbri Editori

ho capito!

• Leggi le domande e scrivi la risposta sui puntini.

Chi è il protagonista della storia? Dove si trova?

................................................................................................

...........................................................................................................................................

Che cosa succede un giorno? Come finisce la storia?

........................................................................................................

........................................................................................................................

171

? e r so scrive Osserva e scrivi una frase per ogni vignetta.

IL CANE FA LA NANNA ................................................................................. .................................................................................

Allora

..................................................................

.................................................................................

Infine

...................................................................

.................................................................................

Ora riscrivi le frasi di seguito sul quaderno e forma un breve testo narrativo. Attenzione, quando devi andare a capo dividi in sillabe. Cecilia ha scritto un testo senza accenti. Mettili tu.

Oggi la mamma cucina ossibuchi con pure. Che bonta! Mi viene gia l’acquolina in bocca, perche sono molto golosa. 172

RIFLETTO sulla LINGUA

LA PUNTEGGIATURA Io Ricordo! Quando scrivi metti: il punto (.) per concludere una frase; la virgola (,) per separare le parole di un elenco; il punto interrogativo (?) per fare una domanda; il punto esclamativo (!) per esprimere meraviglia.

Metti il punto . al posto giusto.

Ogni domenica vado al parco

La nonna mi regala le figurine

Metti la virgola , al posto giusto.

La mamma al supermercato compra i biscotti il latte il formaggio e le patate.

Mentre Giulia disegna Livia legge un libro Marco fa una somma.

Metti il punto interrogativo ? al posto giusto.

Vuoi giocare con me

Come ti chiami

Metti il punto esclamativo ! al posto giusto.

Evviva, evviva Morfologia

Sono proprio felice 173

… O I G G A M è

Olmo racconta

Io faccio musica

e

disegno

• Proviamo a esprimere il risveglio della natura…

(p. 63) io ascolto

• Incolla nel cestino qualche petalo di rosa. • A che cosa ti fanno pensare il rosso e il rosa? Disegnalo su un foglio, poi confronta le tue scelte con i compagni. 174

IO imparo (scheda 47)

a s o r e rosso ! o t t u t r e p p da

≤rima c’era un albçro carico di f¤o®i, o®a c’è un albçro carico di ciliegie! Io scrivo

• Leggi il testo e copialo sul quaderno. Poi circonda di rosso c’era e di blu c’è. 175

E•È

LA STREGA PASTICCERA Il sole è tramontato e Gatta è preoccupata: non vede la strega da ore. E ciò è molto strano, perché la strega non esce mai dalla sua baita. È sempre lì a impastare, a infornare, a cucinare biscotti, torte, focacce e budini e… a mangiare. Poi, finalmente, la strega sbuca dal bosco. È tutta bagnata e coperta di fango; e le sue scarpe a ogni passo fanno cic ciac perché sono piene d’acqua. Trascina un pezzo di scopa, l’altro lo tiene sotto il braccio. Io Ricordo!

Osserva e scrivi le frasi con è oppure e.

La strega è cicciottina.

La vocale e con l’accento (è) significa essere. La vocale e senza accento (e) unisce parole e frasi.

La strega e la scopa.

................................................................

..............................................................

Completa con è, e.

La strega ...... una brava pasticcera: prepara torte ...... biscotti. La strega ...... tutta bagnata ...... sporca di fango. 176

è MAGGIO...

UNA PASTICCERIA IN CITTÀ – Che cosa ti è successo? – chiede Gatta. – Ho avuto un incidente – spiega la strega. Mentre volava sopra lo stagno, la scopa si è rotta e lei è finita nell’acqua. – La scopa si può aggiustare? – domanda Gatta. – Forse sì, forse no! Ma è tutta colpa mia! – sospira la strega. – Sono troppo grassa! Gatta la guarda. In effetti la strega è cicciottina. – Ho deciso: mi metto a dieta! – esclama la strega. – E i dolci? – chiede Gatta. – Non potrai mangiarli e soprattutto non potrai cucinarli, se ti metti a dieta! – Nient’affatto! Ho deciso di aprire una pasticceria in città! Maria Vago, Torta di ragni e altre specialità, Edizioni Messaggero Padova

177

ho capito!

• Rispondi alle domande.

Perché Gatta è tanto preoccupata? Come si presenta la strega quando ritorna? Che cosa le è successo? Perché la scopa si è rotta? La strega smetterà di mangiare dolci? E di cucinarli? Perché?

C’era C’è

SCHERZI MAGICI C’era una streghetta piccola piccola che con la sua scopetta volava qua e là per fare dispetti alla gente. Per esempio quando vedeva un bambino che gustava un bel gelato, la streghetta bastava che dicesse la parola magica Bibiti-bù! e il gelato diventava una farfalla! Quando incontrava il signor Pistilli che se ne andava a spasso con il cappello nuovo in testa, bastava che dicesse Bibiti-bò! e al posto del cappello il signor Pistilli si trovava in testa un coniglio bianco! A fare questi scherzi la streghetta si divertiva un mondo e, ridendo, volava via, per andare a farli da qualche altra parte. Marco Biassoni, La streghetta dispettosa, Edizioni EL

Completa con c’era e c’è e con la parola illustrata dal disegno.

La streghetta dispettosa dice la parola magica e… prima .................... un bel gelato, ora .................... una prima .................... un cappello, ora .................... un

...................................

...................................

Io scrivo

• La streghetta è pronta per un altro scherzo: inventa un’altra storia, poi scrivila e illustrala sul quaderno. 178

è MAGGIO...

IL GIGANTE DELLA MONTAGNA C’è un gigante sulla montagna che dorme e mai si lagna ha folte ciglia e un buon sorriso e sempre al cielo rivolge il viso. In autunno il sole gli fa l’occhiolino e gioca con lui a nascondino quando d’inverno scende la neve lo copre tutto che più non si vede. La bizzarra primavera gli lascia sul capo una bianca visiera ma quando infine arriva l’estate lui con il sole fa tante risate. Giovanna Giordani

ho capito!

• Come è descritto il gigante della montagna? A quale stagione corrisponde il disegno? Rileggi la poesia e rispondi. Trasforma il gigante della montagna in un brutto orco e disegnalo sul quaderno. Completa la frase con c’era e c’è.

Prima sulla montagna ................................................ un gigante sorridente, ora ................................................ un orco cattivo. 179

C’era C’è

IL RANOCCHIO-PRINCIPE

C’era una volta una fata che, quando vedeva un ranocchio, lo faceva diventare alto e biondo e con gli occhi azzurri. Purtroppo tutti quei principi-ranocchi correvano avanti e indietro con la bocca spalancata per cibarsi di moscerini, facendo solo figuracce e rimanendo a pancia vuota. Un giorno un ranocchio capì che la fatina si sentiva sola e sperava in quel modo di trovare il suo principe azzurro. Provò a spiegare quella faccenda alla fata, ma gli venne fuori solo un cra cra e così lei lo trasformò in un bel principe.

Con quali parole inizia questa storia? Leggile e colorale. Completa con c’era e c’è e con le parole al posto dei disegni.

Prima ..................................... un ranocchio, ora ............................. un .....................................

.

Prima ..................................... una fata, ora ........................... una 180

.....................................

.

è MAGGIO...

Quel ranocchio-principe, allora, poiché non poteva parlare, le scrisse una lettera. Cara fata, piuttosto che trasformare tutti i ranocchi in principi, faresti meglio a trasformare te in ranocchia. Il tuo ranocchio-principe La fata subito sprincipò e riranocchiò tutti, poi… Guido Quarzo, Ranocchi a merenda, Piemme Junior

Io scrivo

• Che cosa farà la fata? Osserva l’immagine e scrivi tu il finale. ............................................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................................

181

Ho • Hai Ha Hanno

HO UN CAGNOLINO!

Una mattina, mentre la bambina quasi maghina andava a scuola, incontrò un cagnolino che si trascinava una zampetta ferita. «Che bello sarebbe se potesse dirmi quello che gli è successo e se potesse guarire!» pensò la bambina quasi maghina. – Sono fuggito dal canile più brutto del mondo e scappando mi sono ferito – le disse in un orecchio il cagnolino, e subito dopo, incredibile, la sua zampetta tornò come nuova. «Oh, mamma mia, ci risiamo con la magia!» pensò sbalordita la bambina, ma non ebbe il tempo di porsi tante domande: il cagnolino faceva salti di gioia così alti che dovette per forza occuparsi di lui. – Non ti lascerò mai più – lui le disse. – D’ora in poi sarò il tuo fedele compagno. Come mi chiamo? – Fortunato! – rispose la bambina quasi maghina. «Che bello sarebbe se i miei genitori mi Io pro tagonista permettessero di tenerlo» pensò la Se tu potessi avere dei poteri bambina e, appena ritornò a casa, il magici che cosa ti piacerebbe chiedere? suo desiderio si avverò subito. Completa la frase sul quaderno. Che bello sarebbe se…

Vivian Lamarque, La bambina quasi maghina, Fabbri Editori

182

è MAGGIO...

LETTERE DI BAMBINI Ciao Lorenzo, .................... un cane, si chiama Tecla. Tecla .................... tre mesi. È bellissima! .......................... il pelo biondo e lungo. Quando la porto ai giardini, tutti .................... voglia di accarezzarla. Mi piace molto giocare con lei. E tu .................... un animale? Scrivimi e a presto! Ciao, Luca

Caro Luca, io .................... una gatta, si chiama Luna; .................... il pelo nero e gli occhi gialli. Tutti i miei amici .................... paura di Luna, dicono che è la gatta delle streghe! E tu .................... paura dei gatti neri? Ciao, Lorenzo Completa le lettere dei bambini con…

ho • ha • hai • hanno 183

Dentro il testo

UN POSTO BELLISSIMO!

Era un posto bellissimo! C’era una striscia di cielo azzurro, in alto in alto, e c’era un prato verde di sotto, pieno di fiori rossi e blu. Tra il cielo e il prato l’aria era limpida e trasparente come il vetro. Nell’aria c’erano due uccelli che volavano senza fermarsi mai, una nuvola di tanti colori, un grande sole giallo e una farfalla rosa, più grande della nuvola. C’era una casa azzurra con tante finestre e le tendine bianche. La porta era piccola e arancione. Sul tetto rosso c’era un camino che fumava sempre. Vicino alla porta c’era un albero che sembrava un gelato al pistacchio. Io scrivo

• Leggi di nuovo questa pagina e disegna il paesaggio descritto. • Ora disegna un posto bellissimo per te e descrivilo sul quaderno. 184

è MAGGIO...

IL MOSTRO MOLLICCIO In questo posto bellissimo un giorno arrivò un mostro verde e molliccio, che cominciò a divorare tutto. Rimasero solo bricioline grigie che sporcavano aria e sole. Poi il mostro attaccò la casa, ma mentre stava divorando la terza finestra… sgnac! un mostro più grande, con due lunghissime file di denti, gli arrivò addosso e lo inghiottì in un boccone. Poi ziiip! chiuse la porta e si addormentò. Vedendo quel disastro Giulia gridò: – Chi ha sciupato il mio disegno? Nessuno rispose. La gomma molliccia avrebbe voluto fuggire, ma l’astuccio non si aprì. Allora Giulia tolse le bricioline grigie, prese i colori e rifece tutto più bello di prima. E il mostro molliccio? Giulia è riuscita ad addomesticarlo. Adesso divora solo quello che vuole lei! AA.VV., Nel sole, Atlas

ho capito!

• Rispondi a voce alle domande.

Chi è il mostro verde molliccio? Che cosa fa? Chi è il mostro più grande? Com’è? Che cosa fa? 185

io laborator

di scrittura

IO RACCONTO Osserva e completa il testo narrativo sul quaderno.

• Che cosa accade all’inizio?

C’era una volta, un .... cattivo. che viveva in un .... incantato.

• Che cosa accade dopo?

Un giorno l’orco ....

• Come finisce la storia?

Per fortuna la fatina del bosco sente il bambino piangere e .... Io Ricordo! Per scrivere una storia tutta tua poniti sempre queste domande: Chi sono i personaggi? Dove, in quale luogo accadono i fatti? Quando? Poi scrivi i fatti uno dopo l’altro, in successione: prima … poi … infine.

186

laboratorio

di scri ttura

IO DESCRIVO Osserva e descrivi, seguendo lo schema.

Chi è?

Questo è l’orco

................................................

........................................................................................

Com’è?

È

..................................................................................

........................................................................................

Ha ............................................................................... ........................................................................................

Cosa fa? ........................................................................................

........................................................................................

Copia le frasi che hai scritto sul quaderno e scrivi un testo descrittivo. 187

è GIUGNO…

Olmo racconta

Io canto

e

disegno

(pp. 64-65 e ) io ascolto

• Canta con Olmo.

• Pensa all’estate e disegna su un foglio quello che ti viene in mente, poi arricchisci il disegno con suoni e fumetti. 188

! a z n a c a v n i si va

È quasi estate. I rami degli so§o coπerti di e di f®utti. ~l manda i suo¤ raggi caldi. È tempo di co®rere al ...........................................

...........................................

...........................................

...........................................

Io scrivo

• Completa il testo con le parole mancanti. 189

Dentro il testo

PEDRO SCOPRE IL MARE Il pesce Pedro e Bernardo il paguro sono grandi amici. Bernardo sta chiuso nella sua conchiglia e Pedro, che una vera casa non ce l’ha, abita in una grotta stretta stretta. È così piccola che c’è spazio solo per lui. Anche nella conchiglia di Bernardo non c’è posto per nessun altro. Così i due amici non possono incontrarsi per giocare a casa dell’uno o dell’altro. Poi la vita nel mare è così difficile che può sempre arrivare un pescecane che ti mangia in un boccone.

ho capito!

• Riordina le immagini da 1 a 4 e scrivi sul quaderno una didascalia per ciascuna vignetta. 190

è GIUGNO...

Così Bernardo e Pedro non mettono mai la testa fuori della conchiglia o della tana. Allora si scrivono cartoline e qualche volta una lettera. A portarle a destinazione ci pensa il pesce postino. Ma un giorno, Pedro è proprio stanco di stare nella sua tana da solo e mette il muso fuori della sua strettissima grotta. Che meraviglia! Davanti a lui c’è un mondo pieno di colori! Allora Pedro esce dalla sua tana e va a trovare il suo amico Bernardo. Il paguro è così contento che non sta più nella conchiglia. Guido Quarzo, Amici nel mare, Piemme Junior

Io scrivo

• Ecco il mondo meraviglioso che Pedro e Bernardo esplorano insieme! Scrivi i nomi accanto ai disegni.

Ci sono… ............................................

,

............................................

,

............................................

,

............................................

,

............................................

marine e soprattutto,

............................................

di tutti i colori. 191

è GIUGNO...

TUTTI IN VACANZA! L’estate è un profumo di miele, corrono veloci sul mare le vele, sulla sabbia si fanno capriole, noi bambini giochiamo al sole. Mariolina Lucaccini e Sergio Vanni

Io pro tagonista Scrivi nel disegno a che cosa ti fa pensare il sole.

Il sole è ........................ ..............................................................

.....................................................

192


Olmo 1A Metodo