Issuu on Google+

Terra delle acque vive

COMUNICAZIONI STRADALI E AEREE

autostrade: Nova Gorica – 40 km da Tolmin, 55 km da Kobarid Udine (I) - 65 km da Tolmin, 50 km da Kobarid aeroporti: Brnik - 110 km da Tolmin, 125 km da Kobarid Venezia (I) - 175 km da Tolmin, 160 km da Kobarid Trieste / Ronchi (I) - 70 km da Tolmin, 70 km da Kobarid stazione ferroviaria: Most na Soči – da Tolmin 7 km, da Kobarid 22 km collegamenti con corriere locali: per le direzioni Ljubljana, Nova Gorica, Bovec trasporti locali speciali di carattere turistico: treno per sciatori (Kobla) durante la stagione invernale treno navetta Most na Soči – Bohinjska Bistrica durante tutto l’anno

IL TERRITORIO DEL LTO SOTOČJE (I comuni di Tolmin e Kobarid)

abitanti: 15.983 villaggi: 104 superficie: 475 km2 il punto piu basso: il lago artificiale a Most na Soči 150 m dal livello del mare il punto piu alto: Krn 2244 m

Antiche storie raccontano di sorgenti di acque vive miracolose, che guariscono dalle malattie, che scacciano la morte, che restituiscono la giovinezza. Cascate maestose, tonfani belli come in una favola, una Soča (Isonzo) eccezionale ed unico, borri nascosti, sorgenti segrete, gole e canyon, infinite configurazioni, che le gocce da millenni scavano nella roccia. In nessun altro luogo su un territorio talmente limitato possiamo trovare forme cosi varie d’un ciclo evolutivo. Numerosissimi sono

TOLMIN

gli angoli che fanno trattenere il passo ad un visitatore attento e che destano meraviglia.

2 Breginjski kot 3 Kobarid 6 I villaggi sotto Krn 8 Tolmin 14 Most na Soči 16 Baška grapa 17 Šentviška planota 18 Trebuša 19 I programmi

MOST NA SOČI

BregINjSKI Muzej

Breginjski kot

il museo di breginj

Breginj 103, SI - 5223 Breginj tel.: +386 (0) 5 384 98 03 cellulare: +386 (0) 31 748 516 Il museo di Breginj, un complesso di case di pietra a due piani intrecciate con ganki (balconi tipici di legno lungo tutta la facciata della casa), é un monumento etnologico e di architettura. črna kuhinja - hiša na robidišču

(la cucina nera – la casa a robidišče)

Robidišče 10, SI - 5223 Breginj tel.: +386 (0) 5 384 98 22, +386 (0) 5 384 98 59 cellulare: +386 (0) 41 398 085, +386 (0) 031 287 809 Črna kuhinja – hiša na Robidišču é un monumento etnologico che dimostra il modo di vivere di 150 anni fa. Gli ospiti possono accendere il fuoco sull’antico focolare della cucina nera e preparare il rbiški močnk (specie di farinata). zasebna zbirka mazora

(la collezione di museo della famiglia Mazora)

Družina Mazora Breginj 81, SI – 5223 Breginj tel.: +386 (0) 5 384 98 80

La raccolta della famiglia Mazora esposta al museo é di carattere etnologico e bellico.

muzejska zbirka stol 1915-1917 (la collezione di museo della prima guerra mondiale)

BREGINJ

Breginjski kot é la parte della valle del fiume Nadiža tra Staro selo e Breginj, situata al margine occidentale piú estremo della Slovenia.

deScrIzIONe e POSIzIONe IL PATrIMONIO cuLTurALe

Breginjski kot é parte integrante dello spazio culturale della Beneška Slovenia (parte della Venezia Giulia). Le testimonianze piú importanti della tradizione su questo territorio, sono i monumenti etnologici, in particolare i resti singolari dell’ereditá architettonica locale, che purtroppo sono stati in gran parte distrutti durante il terremoto del 1976. Parte di questa ereditá, testimonianza della straordinaria sintonia tra l’uomo e la natura, é conservata nel Museo di Breginj. Una méta molto amata dai visitatori é il ponte di Napoleone sopra il fiume Nadiža, nonché la cucina nera a Robidišče, il villaggio sloveno piu occidentale.

IL PATrIMONIO NATurALe

La perla del territorio é il fiume Nadiža, d’estate piacevolmente caldo, a parere di molti visitatori un fiume con effetti curativi.

LA CuCINA NERA

IL MuSEO DI BREGINJ

Zdravko Marcola Breginj 5 SI - 5223 Breginj tel.: +386 (0) 5 384 97 87 cellulare: +386 (0) 51 257 917

gITe ed ASceNSIONI IL PONTE DI NAPOLEON (NADIŽA)

BOrjANA hOMec Kred LOgje POdBeLA POTOKI rOBIdIŠČe SedLO STANOvIŠČe

NADIŽA

BregINj

il sentiero che cinge breginjski kot: il modo piú raccomandabile per conoscere Breginjski kot é il ciclismo; possiamo visitare sia solamente alcune parti della valle oppure recarci in gita per tutto il giorno. stol (1673 m): A causa di una strada alquanto disagevole, che conduce fino alla vetta da cui si gode una bellissima veduta, una gita alpinistica sul monte Stol é piuttosto difficile. la beneška slovenia: con l’abolizione del confine tra la Slovenia e l’Italia, i visitatori del Breginjski kot avranno la possibilitá di conoscere l’interessante Beneška Slovenia.

KOBARID

AvSA IdrSKO

Kobarid deScrIzIONe e POSIzIONe

Kobarid é una cittá piccola ed accogliente, situata all’incrocio storico del sentiero attraverso la valle dell’Isonzo e orientata verso la Furlania. Il capitolo su Kobarid del nostro prospetto include anche il centro dei kayakisti di Trnovo ob Soči e, per gli amanti delle rapide la parte piu bella della Soča, nonché le creste dei monti Kolovrat e Matajur, confinanti con l’Italia.

IL PASSATO

Numerose scoperte archeologiche – il cimitero dell’etá del ferro e i reperti antichi – testimoniano della vita ricca e del significato strategico che la regione aveva nell’antichitá. L’impronta maggiore alla cittá di Kobarid l’ha impressa la prima guerra mondiale, quando nella 12. battaglia sul fronte isontino, le truppe austriache con l’aiuto dei Tedeschi avevano varcato il fronte. Sia il racconto sulla storia della cittá che quello sul fronte d’Isonzo, sono custoditi nel Museo di Kobarid, datato come il miglior museo europeo del 1993.

IL PATrIMONIO cuLTurALe

Kobarid vanta una ricca offerta di monumenti. Tra i piú antichi é l’importante villaggio della tarda antichitá Tonovcov grad, numerosi sono i bellissimi reperti sacrali, tra quelli di data piú recente predominano invece i monumenti della prima guerra mondiale. Tra questi, i piú frequentemente visitati, sono la chiesa di Sant’Antonio, l’ossario italiano, dove riposano oltre 7.000 soldati e il Museo di Kobarid. La nuova biblioteca, la casa di cultura, la galleria Marsa e Centro informazioni dell'ente Fundazione del Sentiero della pace e spazi adibiti a conferenze e mostre sono i punti annessi, in cui si svolgono interessanti e ricchi programmi culturali.

jevŠČeK KOBArId LAdrA LIBuŠNje LIveK LIvŠKe rAvNe MLINSKO PerATI rOBIČ SMAST STArO SeLO SuŽId SvINO TrNOvO OB SOČI

SOČA

caporetto

KOBArIŠKI Muzej kobariški muzej (il Museo di Kobarid)

Gregorčičeva 10, SI - 5222 Kobarid tel.: +386 (0) 5 389 00 00 fax: +386 (0) 5 389 00 02 e-mail: info@kobariski-muzej.si http: www.kobariski-muzej.si/

fundacija poti miru v posočju (la fondazione del cammino di pace nella valle dell’Isonzo)

Gregorčičeva 8, SI – 5222 Kobarid tel: +386 (0) 5 389 01 66 fax: +386 (0) 5 389 01 68 e-mail: fundacija.potimiru@siol.net http: www.potimiruvposocju.si La Fondazione è stata creata con l'intento di salvaguardare, promuovere e far rivivere l'eredità del Fronte dell'Isonzo nella Valle dell'Isonzo, la sua missione principale è conservare la memoria delle innumerevoli vittime della Prima Guerra Mondiale e diffondere la cultura della pace. La Fondazione ha creato a Kobarid una biblioteca storica, un archivio sulla Prima Guerra Mondiale con banca dati dei soldati caduti, un Centro informativo e spazi adibiti a conferenze e mostre. Sul terreno la Fondazione ha collegato i più importanti resti risalenti all'epoca del Fronte dell'Isonzo e i luoghi di interesse naturalistico dell'Alta Valle dell'Isonzo, creando l'Itinerario della pace, lungo circa 100 km. Una parte importante dell'Itinerario è rappresentata da sei musei all'aperto (Ravelnik, Čelo, Zaprikraj, Kolovrat, Mrzli vrh, Mengore), ubicati nei luoghi originali delle linee del fronte austro-ungarico e italiano, dove i resti sono più numerosi e meglio accessibili. Presso il Centro informativo della Fondazione sono a disposizione guide specializzate per le escursioni sull'Itinerario della pace, materiale turistico e specializzato, accesso gratuito a internet e souvenir.

Kobariški muzej racconta gli avvenimenti della prima guerra mondiale al fronte d’Isonzo. Descrive due anni e mezzo di combattimenti statici, in particolare la 12. battaglia sul fronte isontino, nota come la breccia presso Kobarid. Si tratta di una delle maggiori battaglie nella regione montuosa di tutta la storia umana. Gli oggetti esposti, i grandi rilievi dei monti vicini, il ricco materiale fotografico e la proiezione multivisuale con sentimento raccontano la storia dei giorni difficili e sanguinosi, trascorsi lungo il fiume di Soča. Gli avvenimenti descritti si intrecciano con le vicende e i ricordi delle personalita famose, tra cui possiamo menzionare Ernest Hemingway ed Erwin Rommel. Kobariški muzej ha ricevuto il riconoscimento piú alto dello stato, inoltre é stato nominato per il migliore museo europeo e dal Consiglio europeo ha ricevuto il premio dei musei per l’anno 1993. posizione: nel centro storico di Kobarid l’itinerario storico di kobarid collega i piú importanti punti storici e le meraviglie naturali nei dintorni di Kobarid completando cosí il racconto iniziato al museo. La visita dura da 3 a 4 ore. Il sentiero conduce dai tempi antichi fino alla prima guerra mondiale, mostrando molte bellezze naturali, offerte dalla stretta gola del fiume di Soča e dalle cascate misteriose dei suoi afflussi.

MUZEJSKA ZBIRKA POSOČJE 1915-1917 (la collezione di museo della prima guerra mondiale )

Ivan Šavli Idrsko 29 SI - 5222 Kobarid Tel.: +386 (0) 5 388 59 53 CELLULARE: +386 (0) 41 650 449

muzejska zbirka prve svetovne vojne “alberto picco”

MUZEJSKA ZBIRKA 'KOLOVRAT 1917'

(la collezione di museo della prima guerra mondiale “Alberto Picco”)

(la collezione di museo della prima guerra mondiale )

Rustja Bojan S. Mašera 2, SI - 5222 Kobarid tel.: +386 (0) 5 389 12 54 cellulare: +386 (0) 41 693 049 e-mail: bojan.rustja@guest.arnes.si

Peter Hrast Livek 5 SI - 5222 Kobarid CELLULARE: +386 (0) 41 289 182

Visita alla collezione secondo accordo telefonico.

SV. ANTON

KOZJAK

SOČA

Il patrimonio naturale

gite ed ascensioni

TONOVCOV GRAD

gole e alvei: l’intero corso del fiume di Soča nella regione di Kobarid – la gola di Trnovo e di Kobarid che finiscono con l’attrattivo ponte di Napoleone – é un solo grande monumento naturale. Meno nota é la gola del fiume Nadiža. cascate: la cascata piú conosciuta di Kobarid é denominata Kozjak; ancora piú bella, ma di difficile accesso (consigliamo una guida), é la cascata negli alvei del torrente Ročica. l’itinerario storico di kobarid: ascensione obbligatoria per tutti i visitatori di Kobarid che unisce caratteristiche naturali (il fiume Soča, la cascata Kozjak) a quelle storiche (Il museo di Kobarid, l’ossario, le rovine del villaggio antico Tonovcov grad, i resti della prima guerra mondiale). le passeggiate lungo il fiume soča: una passeggiata piacevole lungo il fiume Soča, ci possiamo concedere sia sotto la citta di Kobarid, che seguendo i sentieri ben assestati vicino al luogo delle competizioni internazionali a Trnovo ob Soči. matajur: escursione in montagna amata da visitatori da entrambe le parti del confine. Il punto di partenza é Livek. kolovrat: un’escursione panoramica eccezionale sulla cresta – confine tra la Slovenia e l’Italia. Da una parte ci riempie di entusiasmo la vista sulle Alpi Giulie, dall’altro lato possiamo godere della veduta meravigliosa su tutta la Beneška Slovenia e la pianura del Po fino al mare Adriatico. Questa gita si puó fare anche in automobile o con la bici. IL SENTIERO della pace: la visita di tutta una serie di resti della prima guerra mondiale; consigliamo di usufruire della guida e della carta topografica del luogo.

LA FORRA DELLA SOČA

DREŽNICA

Vasi pod Krnom

I villaggi sotto il monte Krn si possono suddividere al territorio di Drežnica sotto la roccia occidentale di Krn e a quello di Vrsno sotto i pendii meridionali di questa imponente montagna.

deScrIzIONe e POSIzIONe

Anche i villaggi sotto Krn sono stati molto segnati dagli avvenimenti della prima guerra mondiale. I resti delle posizioni di difesa e delle fortificazioni, si possono scorgere ad ogni passo nel circostante terreno montuoso, soprattutto nell’ambito del museo all’aperto Zaprikraj. Oggi giorno gran parte dei sentieri alpini scorre su quelli che durante la guerra le parti belligeranti avevano tracciato fino ai fronti e tramite i quali giungevano loro i rifornimenti.

IL PASSATO BATOGNICA

dreŽNIcA dreŽNIŠKe rAvNe jezercA KOSeČÈ

I villaggi sotto Krn

La tradizione piú conosciuta di questo territorio é rappresentata dalle maschere di Drežnica, costruite in legno. Ancora oggi gli abitanti rinnovano con fedelta i costumi carnevaleschi antichissimi. Drežnica possiede anche alcune interessanti collezioni private, tra cui la piu attrattiva é quella di Mirko Kurinčič, denominata Botognice, argomentata sul tema della prima guerra mondiale. Interessante da vedere é la casa nativa dello storiografo Simon Rutar nel villaggio di Krn, a Vrsno invece la maggior parte dei visitatori é attirata dalla casa nativa del cosiddetto “usignolo goriziano” – il poeta Simon Gregorčič.

IL PATrIMONIO cuLTurALe

KrN MAgOzd vrSNO

le cascate e gli alvei: gli

alvei e le cascate del torrente Brsnik sotto il villaggio di Koseč. il primo lago – il lago a Lužnica – e situato a due ore di cammino dal villaggio di Krn, il secondo lago, il maggiore, lo possiamo trovare sul lato opposto della montagna. La particolaritá della zona é il gigantesco fungo di pietra, situato sotto il villaggio di Krn.

IL PATrIMONIO NATurALe

CARNEVALE

i laghi di montagna:

vrh nad Škrbino

muzejska zbirka “botognice” (La collezione di museo »Botognice«)

Drežnica 22a, SI – 5222 Kobarid tel.: +386 (0) 5 384 86 01 cellulare: +386 (0) 743 023

GREGORČIČEV SLAP

fungo di pietra

A »Botognice« é possibile visitare la ricca collezione storica (prima guerra mondiale) ed etnologica che in un modo specifico rappresentano Drežnica e i suoi dintorni. Tutti gli ospiti sono accolti con felicitá ed accompagnati a visitare anche la collezione di oggetti e trofei di caccia e la collezione delle radici che si trovano nelle vicinanze. servizi complementari: la gita di due giorni, di un giorno oppure di mezza giornata e passeggiate nei dintorni di Drežnica. posizione: nel centro del villaggio di Drežnica.

krn (monte nero, 2244 m): la salita sull’alta montagna in un solo giorno é un’escursione alpinistica piuttosto impegnativa; il sentiero piú bello conduce accanto al lago di Lužnica, mentre il piú difficile attraversa la »ferrata« in mezzo alla roccia meridionale. krasji vrh (1773 m): un’escursione bellissima e meno impegnativa che passa dalla montagna Zaprikraj al meraviglioso punto panoramico sopra il fiume di Soča.

rojstna hiša simona gregorČiČa (la casa nativa di Simon Gregorčič)

Vrsno 27, SI - 5222 Kobarid tel.: +386 (0) 5 389 10 92 fax: +386 (0) 5 381 13 61 (il Museo di Tolmin) e-mail: muzej@tol-muzej.si http: www.tol-muzej.si

vrsno

gite ed ascensioni

zaprikraj

una gita piacevole dal monte Kuhinja fino alla cappella italiana della prima guerra mondiale a Planica, oppure fino alla cappella ungherese su Mrzli vrh. koseška korita: un sentiero bene assestato, esposto in alcune parti, sotto il villaggio di Koseč passa accanto alle cascate e agli alvei del torrente Brsnik.

krn

planica (1376 m) oppure mrzli vrh (1359 m):

La casa del poeta Simon Gregorčič, nato nel 1844, e un monumento etnologico unico, che testimonia dell’architettura e del modo di vivere caratteristici per gli abitanti del villaggio di Vrsno nell’epoca della vita del poeta. La mostra, che espone numerosi oggetti personali, un tempo appartenenti al poeta, é dedicata alla vita e all’opera del poeta, nonché alla sua generazione e ai contemporanei. posizione: nel centro del villaggio di Vrsno.

TOLMIN

ČAdrg ČIgINj

Tolmin deScrIzIONe e POSIzIONe

Tolmin, cittá dalla quale trae il nome l’intera provincia, é il centro piú grande dell’Alto Isonzo ed anche il centro economico, culturale ed amministrativo della vallata. É un luogo soleggiato sull’amabile terrazza che sormonta la confluenza della Soča e della Tolminka, é sufficientemente discostato dalle scoscese valli montane, per avere inverni miti ed adeguatamente distante dal mare e dalla piana di Gorizia, per estati gradevoli. Il nostro capitolo comprende anche la zona delle valli e dei villaggi di montagna sopra i fiumi Tolminka e Zadlaščica e il retroterra dei villaggi Volče e Čiginj fino al confine di Stato su Kolovrat.

IL PASSATO

La Tolminska é noto nella storia come terra di tumulti. Documenti medievali testimoniano di un’intera serie di rivolte di contadini, che si concluse con la grande sommossa di Tolmin del 1713. Quest’ultima partí dalla Tolminska e si diffuse nel Goriziano, sulla Brda (Collio) ed oltre il Kras (Carso) fino all’Istria settentrionale. L’insurrezione fu soffocata dall’esercito imperiale, undici capi-rivolta furono decapitati. Durante la prima guerra mondiale, Tolmin fu il punto di partenza del vittorioso sfondamento del fronte sull’Isonzo. La storia del luogo e piú vasto territorio é rappresentata in modo pittoresco nel Museo di Tolmin.

dOLje gABrje KAMNO KOzArŠČe LjuBINj POLjuBINj POdSeLO PrAPeTNO SeLA PrI vOLČAh SeLce SeLIŠČe TOLMIN TOLMINSKe rAvNe uŠNIK vOLArje vOLČANSKI ruTI vOLČe zAdLAz - ČAdrg zAdLAz-ŽABČe

IL PATrIMONIO cuLTurALe

zATOLMIN ŽABČe

ŽABČE

Tolmin vanta un’antico nucleo cittadino, un moderno parco sportivo e le millenarie rovine del castello sul Kozlov rob. Nell’intero territorio ci sono moltissimi resti della prima guerra mondiale. Il piú bel monumento di quel periodo é sicuramente la chiesa di S. Spirito sulla Javorca, costruita dai soldati dell’Austria-Ungheria in una splendida posizione sopra il monte Polog nella valle della Tolminka in ricordo dei compagni caduti. Sia nel museo che nella biblioteca, nelle scuole e all’aperto, si svolgono numerose manifestazioni, esposizioni, esibizioni e rappresentazioni. Artisti locali e stranieri sono frequenti visitatori della Tolminska.

cascata beri

Tolminski muzej

tolminski muzej (il Museo di Tolmin)

le forre della tolminka

tolminski muzej ha sede all’interno del castello dei Coronini risalente al XVII secolo, che si trova nel centro di Tolmino stessa. Esso vanta un ricco patrimonio etnologico ed arheologico. Oltre all’attraente rappresentazione della cultura abitativa nella Tolminska sono illustrate anche la ricca storia e la vita degli abitanti, compresa la lotta per gli antichi diritti culminata con la rivolta dei Tolminotti nel 1713. I curatori del museo mettono a disposizione dei gruppi che annunciano il loro arrivo in anticipo anche delle guide per visitare i monumenti culturali nelle immediate vicinanze di Tolmin, quali l’ossario tedesco, la chiesetta del S. Spirito a Javorca, il sito archeologico a Most na Soči. All’interno del museo ci sono anche una sala per i matrimoni, una galleria, nella quale si tengono regolarmente delle mostre, ed il piccolo negozio del museo. posizione: nel centro di Tolmin

sotoČje (confluenza)

Mestni trg 4, SI - 5220 Tolmin tel.: +386 (0) 5 381 13 60 fax: +386 (0) 5 381 13 61 http: www.tol-muzej.si e-mail: muzej@tol-muzej.si

javorca

cimitero tedesco

Il patrimonio naturale

malga razor

gole e forre: le piú rinomate sono Le gole di Tolmin, le gole della Tolminka e della Zadlaščica – ingresso nel parco nazionale del Triglav ed il suo punto piú basso (180 m). La particolaritá delle forre della Tolminka é la sorgente calda in fondo al sentiero protetto. cascate: nel territorio di Tolmin si trovano alcuni primatisti (Brinta 104 m, La cascata di Gregorčič (Gregorčičev slap) 88 m) ed un’intera serie di gioielli minori, ma non per questo meno belli, nascosti nei borri di Mrzli potok, Pščak, Sopotnica. La maggior parte delle cascate e difficilmente accessibile, perció é consigliabile procurarsi una guida esperta. grotte: non ci sono grotte attrezzate per visite in massa, vi si trova peró un’intera

javorca

gite ed ascensioni

preparazione del formaggio

serie di grotte, che si possono visitare sotto la guida di speleologi esperti. kozlov rob: dopo l’ascesa lungo il sentiero istruttivo nel bosco fino alle rovine del castello alla fine della salita, proprio sopra la cittá, saremo premiati da una vista meravigliosa. il punto di confluenza: la piacevole passeggiata fino al punto di confluenza della Soča con la Tolminka puo essere prolungata da farla diventare un’escursione, proseguendo lungo la Tolminka fino alle forre della stessa. la valle della tolminka: con la macchina, con la bici o a piedi fino al monte Polog e da lí sulla Javorca o fino alle sorgenti nascoste della Tolminka. i paesi montani sulle terrazze soleggiate, sotto le alte vette (Čadrg, Tolminske Ravne) si possono visitare a piedi, in auto o in mountain bike. mengore: un antico santuario dedicato alla Madonna, luogo di pellegrinaggi, situato sulla collinetta sopra Kozaršče, intrecciata di fortificazioni della I. guerra mondiale, il museo all'aperto, Via Crucis con i mosaici di Marko Rupnik. Cascata Beri: elegante, alta 36 m sopra il paese Poljubinj, accesso attrezzato.

batognica

malga razor

LEGGENDA: gli sport acquatici la pesca le arrampicate la speleologia il parapendio la pista di decollo – la pista di atterraggio il parco sportivo musei e collezioni casinò informazioni

12

13

MOST NA SOČI

Most na Soči deScrIzIONe e POSIzIONe

POD KLJuČEM

BAČA PrI MOdreju

IL PASSATO

dOLgI LAz drOBOČNIK gOreNjI LOg grudNIcA IdrIjA PrI BAČI KANALSKI LOM KOzMerIce MOdrej MOdrejce

Most na Soči e situata su una lingua di terreno roccioso nel punto di confluenza tra la Soča e l’Idrijca, che con i letti dei loro fiumi, intagliati profondamente nelle gole rocciose, offrivano all’abitato un’eccellente protezione difensiva. Oggi, a causa della diga della centrale idroelettrica HE Doblar, i letti sono inondati, mentre sotto l’abitato si espande il lago, attrazione per pescatori e visitatori, che provano piacere nel passeggiare sui semplici sentieri ordinati dai quali si gode un bel panorama. Per gli straordinari ritrovamenti archeologici – a Most na Soči sono state scoperte oltre 7000 necropoli diverse – questa localita si inserisce, a livello europeo, tra i piú importanti insediamenti della preistoria. I ricchi ritrovamenti risalgono dalla prima etá del bronzo fino al periodo romano, ma la maggior parte appartiene alle comunitá dell’etá del ferro, da cui hanno tratto il nome, “cultura di Santa Lucia”, proprio dalla nostra localitá. I ritrovamenti sono esposti nei musei di Vienna, di Trieste, di Tolmin; anche gli archeologi del neocostituito museo di Tolmin continuano a sorprenderci con nuove ed eccezionali scoperte.

IL PATrIMONIO cuLTurALe

A Most na Soči troviamo i resti di una casa romana, restaurati e tutelati. La chiesa di s. Mauro richiama alla sua lunga storia, in quanto viene menzionata per la prima volta negli scritti risalenti gia al 1192. Interessante é il monumento dedicato ai soldati della I. guerra mondiale a Postaja. La casa natia dello scrittore Ciril Kosmač fa parte del programma europeo Genius loci, che accomuna tra loro i luoghi di nascita di artisti famosi – Giotto, Goya, Lorca, Novalis e Kosmač.

IL PATrIMONIO NATurALe

Attualmente la bellezza principale di Most na Soči e rappresentata dal lago. Benché artificiale, conserva ancora quell’esclusivo colore del misteriosa Soča, mentre apporta al luogo calma, dolcezza e molte opportunita di ricreazione. Rinomati, per quanto riguarda l’aspetto geologico, sono gli strati di calcare piatto a Pod ključem.

MOST NA SOČI POSTAjA SLAP OB IdrIjcI TOLMINSKI LOM

arheološki muzej most na soČi

http://www.tol-muzej.si

Most na Soči 18 SI - 5216 Most na Soči tel.: +386 (0) 5 381 13 60 (Tolminski muzej) fax: +386 (0) 5 381 13 61 e-mail: muzej@tol-muzej.si

lago

(Il museo archeologico Most na Soči)

L’esposizione archeologica stabile con la ricostruzione della casa di Hallstatt rapresenta la storia delle ricerche archeologiche a Most na Soči con l’accento sulla cultura dell’eta del ferro a Santa Lucia e sull’architettura nella valle dell’Isonzo. Nelle vicinanze immediate del museo si possono vedere le fondamenta conservate della villa rustica romana del 3. secolo. posizione: nei locali della scuola elementare di Dušan Munih.

mali muzej “tolminsko mostišČe” (Il piccolo museo del fronte di Isonzo »Tolminsko mostišče«)

Most na Soči 53 SI – 5216 Most na Soči tel.: +386 (0) 5 388 70 45 cellulare: +386 (0) 31 699 968 e-mail: kogoj5er@yahoo.com Nel piccolo museo sono esposti press’a poco 1000 oggetti appartenenti all’esercito italiano, austroungarico e tedesco, trovati nell’ambito d’azione della 15. armata austroungarica (da Avče a Batognica). servizi complementari: guida per i campi di battaglia del fronte d’Isonzo, organizzazione di gite. posizione: vicino al lago, accanto al ponte sopra il fiume di Soča.

DomaČija Cirila KosmaČa (Il podere di Ciril Kosmač)

Slap ob Idrijci 15, SI - 5283 Slap ob Idrijci tel.: +386 (0) 5 381 13 60 (il Museo di Tolmin) fax: +386 (0) 5 381 13 61 e-mail: muzej@tol-muzej.si http: www.tol-muzej.si La casa di Ciril Kosmač, uno dei migliori scrittori sloveni, e un monumento etnologico del 19. secolo. La cantina e il pianterreno sono destinati alla rappresentazione ambientale del modo di vivere, i locali in soffitta, invece, sono dedicati alla personalitá e alla vita letteraria del Kosmač. posizione: sul versante sinistro di Idrijca presso Slap ob Idrijci.

svetolucijska keramika

gite ed ascensioni

passeggiate: i

sentieri lungo il lago sono mantenuti in ordine e marcati; ci si puó incamminare anche per la vecchia strada fino a Postaja e ritornare oltre Stopec fino a Most na Soči.

il sentiero storico culturale di most na soči (čez most po modrost)

ci conduce attraverso tre secoli di Most na Soči. Il percorso inizia dal centro, precisamente dal centro informativo e attraversa il paese toccando 22 punti, contrassegnati da tabelloni informativi e nicchie con repliche di reperti archeologici. tolminski lom: un po’ prima di Tolminski Lom si dirama la strada verso Kal, che ci porta sulla cima della Čukla (rifugio di caccia), da cui si apre una meravigliosa vista sul lago, sulla conca di Tolmin e sulle Alpi Giulie. sentiero istruttivo di kosmač: é un sentiero marcato, che in due ore porta il visitatore da Most na Soči, passando vicino a punti importanti, fino alla casa natia dello scrittore Ciril Kosmač. Il sentiero puo essere percorso anche in bicicletta.

lago

(Ceramiche si Santa Lucia)

Alenka Gololičič Most na Soči 51 A , SI – 5216 Most na Soči tel.: +386 (0) 5 388 74 46 cellulare: +386 (0) 31 584 892 servizi complementari: visita della galleria ed acquisto degli oggetti in ceramica, ma soprattutto si apprende come vengono creati gli oggetti e gli utensili in terracotta. la maestra della ceramica

Alenka Gololičič trae le proprie idee dall’estremamente ricca storia di Santa Lucia. Utilizzando tecniche e modelli antichi, essa riporta nuovamente alla vita delle forme, che altrimenti é possibile vedere solamente dietro a delle vetrine nei musei. posizione: sopra la riva del lago, nel centro di Most na Soči.

galerija BOGATINA Dušan Gerlica Most na Soči 51, SI – 5216 Most na Soči cellulare: +386 (0) 31 829 422 e-mail: dusan@dusangerlica.com http: www.dusangerlica.com servizi complementari: visita alla galleria e acquisto di sculture artigianali. Lo scultore Dušan Gerlica si dedica alla ricerca delle forme naturali nel legno (land art). Egli definisce i propri progetti con il nome di Sculture dei colori della valle dell’Isonzo e spesso espone in un ambiente naturale. La visita alla galleria é possibile con previo accordo. posizione: galleria nel centro di Most na Soči

slike iz peska Stanka Golob Grahovo ob Bači 65a SI - 5242 Grahovo ob Bači tel.: +386 (0) 5 380 48 54 cellulare: +386 (0) 41 425 577

GRAhOVO OB BAČI

servizi: quadri di sabbia La pittrice Stanka Golob si dedica alla ricerca delle forme dei colori sabbiosi – i diversi tipi di sabbia sono il suo mezzo espressivo di base posizione: Grahovo ob Bači – di fronte alle serre al di sopra della strada principale

Baška grapa grAhOvO OB BAČI grANT hudAjuŽNA KAL KLAvŽe KNeŠKe rAvNe

IL PASSATO

L’arrivo nel 14. secolo degli immigranti tirolesi nei villaggi sotto le vette di Rodica e di Črna prst (Rut, Stržišče) ha rappresentato una storia particolare per Baška Grapa.

IL PATrIMONIO cuLTurALe

A Baška Grapa si possono trovare numerosi importanti monumenti sacrali. Un particolare monumento architettonico e culturale della valle, é la ferrovia costruita nel 1906.

IL PATrIMONIO NATurALe

Laddove l’influsso dell’Adriatico e quello delle Alpi si incontrano, il risultato si puó ammirare nella vegetazione estremamente ricca e varia. Le vette che si innalzano sopra Baška Grapa sono un vero e proprio paradiso per i botanici e per gli amanti dei fiori di montagna. Particolarmente conosciuto é il tiglio a Rut, l’albero piú grosso dello stato (col perimetro di 8 m).

KNeŽA KOrITNIcA KuK LISec LOgArŠČe LOje OBLOKe

gITe ed ASceNSIONI

PeTrOvO BrdO POdBrdO POdMeLec ruT SeLA NAd POdMeLceM STrŽIŠČe TeMLjINe TrTNIK zNOjILe

Si tratta della valle del fiume Bača, profondamente scolpita fino alla sommita del bordo alpino, lunga 30 km, tra Petrovo Brdo e il fiume Idrijca.

TIGLIO A RuT

i villaggi di montagna sopra il borro: Rut, Stržišče, Zakojca, Logaršče sono dei villaggi bellissimi, collocati sui terrazzi soleggiati sopra la valle, bellissimi punti panoramici. la cascata di sopota: un cammino ben assestato conduce alla cascata dell’altezza di 66 m, situata sopra Podmelc. il cammino lungo il vecchio confine: un sentiero circolare ben adattato, che in variazioni diverse piú o meno difficili, conduce da Podbrdo alle vette vicine per ritornare poi nuovamente al punto di partenza; una gita bellissima che offre meravigliose vedute e visite di fortificazioni sul vecchio confine.

SLATNIK

BAČA PrI POdBrdu

deScrIzIONe e POSIzIONe

RuT

ERINGIO ALPINO

PONIKVE

Šentviška planota deScrIzIONe e POSIzIONe IL PASSATO

LA ChIESA DI MARIA A PONIKVE

La Šentviška planota offre numerosi monumenti etnologici, esempi di architettura popolare e di affreschi. Il posto d’onore occupa la chiesa di Maria a Ponikve, capolavoro del famoso architetto Jože Plečnik, che ha unito gli elementi della chiesa, devastata dal fuoco durante la guerra, a soluzioni moderne in un nuovo ed entusiasmante complesso.

IL PATrIMONIO NATurALe

Ai margini di Šentviška planota ci sono alcune grotte carsiche interessanti, c’é la pittoresca gola del torrente di Kostanjevec, la particolaritá maggiore é peró il lago temporaneo posto nel mezzo del villaggio di Ponikve.

dABer gOrSKI vrh POLje PONIKve PrAPeTNO BrdO rOČe

L’accesso difficoltoso all’altipiano, rendeva possibile una vita piú tranquilla di quella agli incroci nella valle.

IL PATrIMONIO cuLTurALe

BuKOvSKI vrh

PeČINe

La Šentviška planota é un vasto altipiano che a forma di triangolo si estende tra Baška Grapa, la valle di Idrijca e Cerkljansko.

gITe ed ASceNSIONI

ŠeNT vIŠKA gOrA zAKrAj

ORA SOLARE

il sentiero circolare attraverso la šentviška planota: la scelta migliore per conoscere la Šentviška planota, é l’escursione per i sentieri marcati, che possiamo usare sia a piedi che in bicicletta da montagna. pod skalo: un sentiero marcato e ben assestato che conduce dal villaggio di Daber al mulino e alla segheria ristrutturati. črvov vrh: con i suoi 974 m é la vetta piú alta dell’altipiano da cui si puó godere una veduta meravigliosa. PERCORSO CICLABILE SuLLA ŠENTVIŠKA PLANOTA la gola di kostanjevec: una gola pittoresca che possiamo raggiungere seguendo il sentiero marcato dal villaggio di Roče oppure da quello di Pečine.

PRŠJAK

Trebuša deScrIzIONe e POSIzIONe IL PASSATO

SORGENTE SuLFuREA

dOLeNjA TreBuŠA gOreNjA TreBuŠA STOPNIK

L’intera area di Trebuša é cosparsa di casali e fattorie abbandonate, disseminate su una terra non progredita, in piú luoghi completamente disabitata. Un episodio interessante nella storia di Trebuša era la fabbricazione dei vetri – l’abbondanza del legno e della rena silicica, hanno reso possibile lo sviluppo delle glažute (vetraie), sorte e trapassate nel 18. secolo.

IL PATrIMONIO cuLTurALe

Interessante é la tradizione etnologica e il patrimonio architettonico.

IL PATrIMONIO NATurALe

L’intera Trebuša é un solo ed unico parco naturale, destinato all’esplorazione. Trebuša é una terra di boschi, borri e gole, tonfani e cascate. La particolaritá della valle é la sorgente solforosa che si puó trovare nelle vicinanze del fiume Trebuščica.

gITe ed ASceNSIONI

la valle di čepovan: da Dolenja Trebuša una strada carrozzabile macadam conduce attraverso il varco di montagna Drnulk alla valle di Čepovan, da dove si puo ritornare a Most na Soči. pršjak: il punto di partenza é Krtovše – il ristorante Makuc. L’unica strada assestata attraverso i borri di Trebuša ci porta fino alle meravigliosa cascata a Sopota. gačnik: é una vera e propria opera naturale. L’inizio – le prime tre cascate di questo borro famoso – si puó ammirare sotto la fattoria Brdar. Continuare l’esplorazione del borro é molto impegnativo e pericoloso poiché non vi sono sentieri battuti, é perció sconsigliabile avviarsi in cammino senza l’ausilio di una guida esperta.

I p r o g r am M i Gli sport acquatici La pesca Il ciclismo Le escursioni in montagna Le arrampicate La speleologia Il parapendio

mrzli potok

I corsi sportivi

soČa

Gli sport acquatici Il fiume Soča e una delle méte piú desiderate in Europa per gli amanti delle rapide vorticose. Sul nostro territorio c’é un’ampia offerta. La principale stazione terminale per il rafting é Trnovo ob Soči, il segmento del fiume tra il tonfano di Oton e Kobarid é il piú popolare tra i kayakisti, l’acqua calma del fiume sul terreno ghiaioso da Kobarid a Tolmin é adatta ai principianti, alle famiglie o alle scuole. La gola di Kobarid offre le condizioni migliori per il hydrospeed. Nel torrente di Pršjak é permesso il kanyoning, ma solamente sotto la direzione di guide originarie del paese. Il lago non é tanto popolare fra i bagnanti, nei caldi giorni estivi sono peró molto frequentate le rive dei fiumi: Podbela e Kred lungo Nadiža, invece il terreno ghiaioso da Kobarid a Tolmin lungo il fiume Soča, Slap ob Idrijci e Bača pri Modreju lungo Idrijca sono i luoghi balneari naturali piu conosciuti.

soČa

Il ciclismo La terra dell’acqua viva é situata all’incrocio dell’influsso mediterraneo, dinarico e alpino. L’eccezionale svariatezza della superficie e l’abbondanza di strade in montagna, di vie boschive e di carreggiate, offrono illimitate possibilitá ai ciclisti di montagna. I visitatori meno esigenti, invece, possono trovare la loro soddisfazione su strade piú agiate tra i villaggi nella valle. Sulla carta geografica locale sono segnate 27 tra le strade piú interessanti, molte altre invece, i ciclisti con almeno un tocco di spirito di avventura, possono trovarle da soli.

La pesca La pesca é la disciplina turistica di parata della zona. Il club della pesca locale gestisce oltre 145 km di acque. La navigazione é permessa solamente sul fiume soča, tutti gli altri fiumi: nadiža, tolminka, bača, kneža, koritnica, idrijca e trebuščica sono riservati esclusivamente alla pesca. Il carattere dei fiumi é interessante e vario, la zona molto ampia facilita i pescatori a trovare almeno un fiume, dove la pesca sia possibile, anche con il maltempo. Tra le specie di pesci predominano le trote, con a capo la famosa trota dell’isonzo, e i temoli. L’unico modo di pesca concesso é la pesca con la mosca alla lenza.

globoko

maslenik

Le escursioni in montagna L’ambiente naturale meraviglioso é adatto a tutti i visitatori. Ci sono numerose stradine da passeggio intorno al lago e lungo i fiumi, molti accessi adattati alle cascate e agli alvei. Ciascuna delle visite ai monumenti, indicati nel prospetto, puó essere combinata con qualche passeggiata oppure con un’escursione. Possiamo avviarci in cammino attraverso boschi e borri, numerosi sentieri conducono anche ai villaggi di montagna sopra le valli. Gli escursionisti piú esigenti possono fare escursioni bellissime e piú impegnative tra i monti krn e črna prst. Sulle montagne ci sono sufficienti rifugi che offrono rinfreschi e, in caso di maltempo, anche riparo. Parecchi sono i cammini tematici come ad esempio l’itinerario storico di kobarid, il sentiero storico culturale di most na soči, il sentiero boschivo istruttivo di kosmač lungo

krn

il fiume idrijca, il cammino lungo il vecchio confine sopra Podbrdo oppure sulle orme del Fronte dell’Isonzo, che fa parte del Sentiero della pace.

Le arrampicate Per adesso la zona offre sei tracciati equipaggiati per le arrampicate: da kred presso nadiža, čiginj presso tolmin, senica, a slap ob idrijci, pisano čelo sopra koritnica nella baška grapa e la parete per l’arrampicata sopra la strada verso il paese porezen.

Potremmo aggiungere anche le

Lutne skale

lutne skale nella bukovska grapa,

La speleologia

sistem mig

sebbene si trovino giá nella zona del Cerkno. Il grado di difficoltá dei percorsi va dal facile all’8a livello. Anche i percorsi sulle montagne come il tolminski migovec e perfino il novi vrh hanno piú un carattere sportivo che alpino: gli accessi moderati, le pareti calde rivolte a sud, i percorsi brevi, (fino a 150 m) offrono piacevoli esperienze, che si possono difficilmente paragonare alla severitá delle grandi pareti a nord.

Anche la scelta degli esploratori del mondo sotterraneo é molto vasta – dalle facili gite turistiche fino alle spedizioni piú impegnative: la zadlaška jama, dove Dante Alighieri, il famoso poeta del Rinascimento, avrebbe cercato l’ispirazione per le terrificanti figure del suo Inferno, la pološka jama che é un classico ed impegnativo sistema montuoso della profonditá di 700 m, con due entrate; la smoganica, una grotta acquosa lunga 1km, dove fu ritrovato l’orso delle caverne e durante la prima guerra mondiale aveva la funzione di deposito delle munizioni; il sistem mig che é estremamente difficoltoso, un sistema di gallerie ed abissi, lungo 12 km e profondo 970 m, accessibile solo agli speleologi esperti e ben preparati. Si consiglia di informarsi presso l’Associazione Speleologica locale.

Il parapendio

kobala

Per la Terra dell’acqua viva il parapendio é una novitá che peró, considerate le condizioni estremamente favorevoli, si sta sviluppando velocemente. Nella zona ci sono tre piste di decollo principali: una a stol sopra breginj (1000 m), la seconda a kuk sopra livek (1248 m) e la terza a kobala sopra tolmin (1080 m), ci sono inoltre due piste di atterraggio, una a kobarid (234 m) e l’altra a tolmin (200 m). Tutte e tre le piste di decollo sono accessibili in automobile. É ammissibile volare fino all’altezza di 2.900 m sopra il livello del mare; la termica favorevole rende possibile i sorvoli XC in direzione dell’Italia, di Bovec oppure Bohinj. La zona é rinomata - lo testimonia il grande numero di campionati statali, il campionato mondiale e la competizione per la coppa europea.

I corsi sportivi

tolmin

brajda

I corsi sportivi sono possibili sia a kobarid che a tolmin. Kobarid é piú adatto ai cestisti, mentre Tolmin con il suo parco sportivo brajda (che comprende lo stadio atletico, un campo di calcio principale e due ausiliari, i campi esterni per la pallavolo, la pallamano, per il tennis e campo di beach volley nonché una grande sala sportiva che volendo puó essere tramezzata in tre campi da gioco autonomi) corrisponde alle esigenze di tutti, specialmente dei calciatori. Un grande vantaggio del centro sportivo é rappresentato dalla vicinanza della cittá, dei ristoranti, dalla capacitá di sistemazione; dall’altra parte, lungo gli argini dei fiumi Soča e Tolminka, si trovano invece spazi aperti per una corsa nella natura. Le aree verdi e ordinate sono anche i punti preferiti per chi vuole fare una passeggiata.

LTO SOTOČJE – www.lto-sotocje.si Petra Skalarja 4, SI - 5220 Tolmin, tel.: +386 (0) 5 380 04 80, fax: +386 (0) 5 380 04 83, e-mail: info@lto-sotocje.si

TIc TOLMIN

Petra Skalarja 4 SI - 5220 Tolmin TeL.: +386 (0) 5 380 04 80 fAx: +386 (0) 5 380 04 83 e-MAIL: info@lto-sotocje.si

INfO POINT A POdBrdO

TIc KOBArId

Gregorčičeva 8 SI – 5222 Kobarid TeL.: +386 (0) 5 380 04 90 fAx: +386 (0) 5 380 04 91 e-MAIL: info.kobarid@lto-sotocje.si

Podbrdo 18 SI - 5243 Podbrdo TeL.: +386 (0) 5 380 04 85 e-MAIL: info.podbrdo@lto-sotocje.si APerTO:

maggio, giugno, settembre: fine settimana luglio e agosto: ogni giorno APerTO

INfO

Le gOLe dI TOLMIN

da aprile a ottobre: ogni giorno

TIC Tolmin

chIeSA cOMMeMOrATIvA deLLO SPIrITO SANTO SuLLA jAvOrcA

maggio, giugno, settembre: fine settimana luglio e agosto: ogni giorno

TIC Tolmin

PArcheggIO IN rIvA AL fIuMe NAdIŽA (NATISONe)

20. 6. – 15. 7. e 16. 8. – 31. 8.: fine settimana 6. 7. – 15. 8.: ogni giorno

TIC Kobarid

Ordinazione deplians: info@lto-sotocje.si

Il Sentiero della pace (SLO, ENG, DE, IT) Il Sentiero smeraldo (SLO, ENG, DE, IT, FRA) Terra delle acque vive (SLO, ENG, DE, IT, FRA)

Alpi Giulie (ENG, DE)

L'itinerario storico di Caporetto (SLO, ENG, DE, IT, FRA)

Mappa turistica e ciclistica (SLO, ENG, DE, IT, FRA)

Čez Most po modrost Sentiero storico culturale di Most na Soči (ENG, DE, IT)

Carta panoramica, Tolminka, Zadlašcica e Godica (SLO, ENG, DE, IT) Le gole di Tolmin (SLO, ENG, DE, IT, FRA)

Informazioni: lto sotočje Petra Skalarja 4 SI - 5220 Tolmin tel.: +386 (0) 5 380 04 80 fax: +386 (0) 5 380 04 83 e-mail: info@lto-sotocje.si http: www.lto-sotocje.si

pubblicato da: LTO Sotočje; idea e testo: Janko Humar; fotografie: Janko Humar, Matevž Lenarčič, Edo Kozorog, Janez Skok, Stojan Kenda, Sergej Čujec, Andrej Fratnik, Aleš Fon, Urban Golob, archivio degli offerenti; fotografie dall’archivio: del Museo di Tolmin e del Museo di Kobarid; raccolta di pietre fluviali: Stanka Golob; carta geografica: Mateja Sirk-Fili; design: Ivana Kadivec e Jaka Modic; traduzioni: EuroTranslate, Anglos; riproduzione: Gorenjski tisk, Scanart; stampa: Gorenjski tisk


Terra delle acque vive