Issuu on Google+

Quadrimestre 37 - pagina 7

Ci hanno lasciato Padre Vittorino Bommarco, francescano conventuale, nato a Cherso il 19 novembre 1920, morto a Pedavena (Belluno) l’11 agosto 2011. Ines Veroni “Tintora” vedova Ariola nata a Lussinpiccolo il 21 agosto1920, deceduta a Bassano del Grappa il 12 settembre 2011. Fides Radoslovich Cucich, nata a Lussinpiccolo, deceduta il 17 settembre a El Cerrito, California a 77 anni. Bruno Premuda nato a Trieste il 9 gennaio 1927 e scomparso a Trieste il 22 settembre 2011.

Commemorazioni Solidea Florit Scopinich dalla cognata Marlen Scopinich

Cara Solidea, sono passati sette mesi da quando, l’8 aprile, ci hai lasciato e in questo triste e difficile frattempo, abbiamo continuato a vivere come tu desideravi: sono ritornata a Lussino due volte, in estate con Sergio, Manuela, Giancarlo e Andrea e in ottobre sola con Sergio. Quest’estate in Coludarz il tuo amatissimo nipote Andrea ha finalmente imparato a tuffarsi in “sagnorida”

Solidea a Coludarz

e a nuotare più sotto che sopra l’acqua, cercando naturalmente di coinvolgermi nelle sue nuove imprese, dimenticando i sessant’anni e più che ci separano. In ottobre, al solito, siamo andati a Lussinpiccolo a curare la tomba per la commemorazione dei defunti e per chiudere la casa. Sono tanti i ricordi che ci uniscono e che mi fanno desiderare di scrivere di te ai tanti amici lussignani che ti conoscevano grazie anche ai raduni di Trieste e di Peschiera. Solidea Florit nasce a Monfalcone il primo giorno di primavera del 1934 ma diventa Lussignana per amore

sposando nel 1962 mio fratello Sergio Scopinich “Vizerina”, l’anno prossimo avrebbero festeggiato le nozze d’oro. Un anno dopo nasce la figlia Manuela che nel 1998 li renderà nonni felici di Andrea. Fin da subito Solidea ha condiviso appieno l’amore che Sergio nutre per la sua terra natia, facendo suoi tanti usi e costumi di noi lussignani. Tutte le ferie estive… via subito a Lussino! Dapprima per oltre 15 anni in tenda nel campeggio di Poliana, più tardi nella casa che era stata della nonna Marietta Stuparich Scopinich che nel frattempo avevamo ristrutturato assieme alla cugina Ucci Fonda. Cucito e giardinaggio erano i passatempi preferiti di Solidea che, con l’aiuto di Sergio, ogni volta che si tornava a Lussinpiccolo, fra tutti noi del condominio “Vizerina”, si prendeva cura del giardinetto di casa, sempre pieno di erbacce. Non ultimo fra i suoi interessi era il tombolo perché Solidea da parecchi anni frequentava a Monfalcone una scuola di pizzo a tombolo e tra i tanti lavori che ci ha lasciato ci sono anche due bellissimi quadri che proprio Lussino le aveva ispirato.


Foglio Lussino 37