Issuu on Google+

n.12 winter 2013

h

e

d

i

v

i

n

e

c

o

a

s

gruppo editoriale

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

t

h

e

d

i

v

i

n

e

c

o

a

s

t

5,00 free copy

t

special anacapri

cover story sophia loren Fashion a/w 2013-14 | Anarchicpunk Art massimo listri | sebastiano mauri diefenbACH anniversary | peter demetz interviews fabrizia sacchi | manuel de sica | guido lembo Itineraries island on the island | ceramic decoration

t

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

FIRENZE VIA CALIMALA, 27 R FORTE DEI MARMI VIA MONTAUTI, 7 A NAPOLI VIA FILANGIERI, 70 WWW.SEVENBELL.COM

Developed by

www.stefanoricci.com

NAPOLI

d’angiò comunicazione & Foolbite

Riviera di Chiaia, 287

Dal 1914, il gusto dell’eleganza.

NAPOLI

MILANO

TO K YO

LUGANO

LO N D R A

BAKU

62

148

56

12

winter in this issue

70

COVER STORY Sophia Loren Omaggio a Napoli Tribute to Naples by Giovanni Bogani

save as 30 Islands events 32 Coast events 34 Books people 18 Veronica Maya L’amore sbocciò a Capri Love in Capri by Gianluca Coda 20 Franco Aversa Nel tempio del gusto In the temple of taste 22 Giuseppe Zeno Con i piedi per terra Feet on the ground by Federico Carlucci 24 Luigi Dalcuore Eleganza fatta a mano Hand-tailored elegance by Maria Giusy Riccetti 26 Michele De Martino Passione moda Passion for fashion by Francesca Lombardi

28 Angelo

Di Costanzo

Una passeggiata nelle vigne Una passeggiata nelle vigne movie, theatre & music 74

Fabrizia Sacchi

Come un’atleta Like an athlete by Alessandra Lucarelli 78

Manuel De Sica

Di figlio in padre

From son to father by Alessandra Lucarelli 130

Guido Lembo

Intorno a mezzanotte Around midnight by Chicco Coda

Fashion

37

It object

82

Fashion

Anarchicpunk by Marta Innocenti Ciulli 102

Jewels

Come il mare Like the sea by Sabrina Bozzoni

drvranjes.it

FRAGRANZA D’AMBIENTE

114

78

134

12

winter in this issue

Must have 95 Bags 97 Shoes 99 Trends 101 Tarvel 56 62 110

art, design & culture Massimo Listri De divina proporzione by Francesca Lombardi Francesco Jodice and Olivo Barbieri Diefenbach anniversary Painting is like music... by Francesca Lombardi Curzio Malaparte Febo,cane metafisico Febo, metaphysical dog 114 History La Capri di Friedrich Krupp Friedrich Krupp’s Capri by Maria Giusy Riccetti 118 Sebastiano Mauri Promesse mancate, per fortuna! Broken promises, thankfully! by Francesca Lombardi 122 Peter Demetz Classico contemporaneo The contemporary classic by Francesca Lombardi 126 Enrico Prampolini Isola Futurista The Futurist Island

142

Life style Figaro... anzi! Barbiere Figaro..or rather, Barber by Mila Montagni 104 134 148

itineraries Book Casa ‘Capri’ Capri houses by Riccardo Esposito Ceramic decoration Racconti di smalto Enamel stories by Chicco Coda Anacapri Spirito libero Free Spirit by Teresa Favi

Boats & Cars 155 Yacht Columbus Il costruttori di sogni The Dreambuilder by Gianluca Coda

food & wine Gianfranco Vissani Armonie di gusto Harmonies of taste by Teresa Favi 146

shot on site 47

divine Guide 158 Restaurants & Hotels

t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

st

QUARTERLY fashion, art, event and lifestyle magazine publisher

FM publishing srl Gianluca Fontani, Luca Gori, Ori Kafri, Alex Vittorio Lana, Matteo Parigi Bini t

h

e

d

i

v

i

n

e

co

a

st

m

a

d

e

i

n

t

u

sc

a

n

y

m

a

d

e

i

n

ve

n

eto

editor in chief

Matteo Parigi Bini fashion director

Marta Innocenti Ciulli co-editor Guido Parigi Bini managing editor

Teresa Favi, Francesca Lombardi editor

Matteo Grazzini, Alessandra Lucarelli, Sabrina Bozzoni capri correspondent

Gianluca Coda contributors

Giovanni Bogani, Romana D’Angiola, Riccardo Esposito, Mila Montagni, Gianluca Riccio, Ausilia Veneruso, Nicky Swallow photographers

Olivo Barbieri, Foto Flash Capri, Riccardo Esposito, Armando Gallo (cover), Francesco Jodice, Massimo Listri, Luca Moggi, New Press Photo, Andrea Varani art editors

Chiara Bini, Alessandro Patrizi translations

Tessa Conticelli, Costanza Nutini, NTL advertising and marketing director

Alex Vittorio Lana advertising

Bianca Esposito, Alessandra Nardelli, Renato Ricca, Daniela Zazzeri editorial office

via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 fax +39.0574.730204 - redazione@gruppoeditoriale.com branch

N. Bayshore Dr. #1101 - FL 33137 - Miami 2000 - Usa ph +1.305.213-9397 fax +1.305.573-3020 società editrice

Gruppo Editoriale

Alex Vittorio Lana & Matteo Parigi Bini via Piero della Francesca, 2 - 59100 Prato - Italy ph +39.0574.730203 - fax +39.0574.730204 Gruppo Editoriale www.gruppoeditoriale.com Registrazione Tribunale di Prato - n° 9/2006 del 15.12.2006 Spedizione in abbonamento postale 45% art. 2, lettera b – legge 662/96 – Filiale di Firenze - Contiene IP stampa

Baroni & Gori - Prato (Symbol Freelife Gloss Premium White Paper) Questo periodico è associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

copyright © Gruppo Editoriale srl

Gianni’s Boats Fall in love with the island by the sea

contributors

Traditional and luxury boats Gozzo aprea • itama 40 baia 40 • Pershing 72

Giovanni Bogani, giornalista, scrive di cinema dai festival di Cannes, Berlino e Venezia. Ha pubblicato saggi sulla sceneggiatura – Ciak si scrive, Cult editore – e numerosi romanzi, tra cui L. e Amore a ore, sempre per Cult. Giovanni Bogani Journalist, writes about cinema and Cannes, Berlin and Venice Film Festival. He wrote essays on script-writing – Ciak si scrive, Cult Edition – and many novels, including L. and Amore a ore, published by Cult. Gianluca Coda. Amante e profondo conoscitore dell’Isola di Capri. Avvocato e pubblicista, esperto di auto e di motori, è autore e conduttore di programmi radiofonici sull’emittenti della Rai, Isoradio e Radio1. Gianluca Coda. Aficionado and deep connoisseur of Capri Island. Advocate and expert in public law, specialized in machine and motor vehicles, is author and anchorman on radio programs for stations such as Rai, Isoradio and Radio 1. Riccardo Esposito. E’ nato a Capri e ha fondato e cura, con la moglie Ausilia Veneruso, le Edizioni La Conchiglia, che comprendono più di duecento titoli di cui molti dedicati alla storia e alla letteratura isolana. Conoscitore della storia di Capri, è autore Delle Isole, dell’Isola-Manuale teorico-pratico da servire al navigante. Riccardo Esposito. Born in Capri. He has founded and runs, with his wife Ausilia Veneruso, the La Conchiglia Editions which counts more than two-hundred titles which among many are dedicated to history and literature of the island. Expert in the history of Capri, is author of Delle Isole, dell”Isola–theoretic-practical guide for the use of navigators. Marta Innocenti Ciulli, 40 anni di moda, di cui 20 passati come direttore di testate con un unico soggetto: moda e tendenze. Un lavoro-passione che le ha corrisposto profondamente. Ama i suoi figli, la casa e il lavoro, la fotografia, il cinema. Marta Innocenti Ciulli, 40 four years in the fashion business, of which twenty spent as editor in chief of magazines specialized in fashion and trends. A job and a passion just right for her. She loves her children, home, job, photography and movies.

• amazing tours around the island • excursions to Positano & amalfi coast • Full day around Capri and nerano bay • sunset tours with aperitif • Massage on board • exclusive and tailored transfers

Gianni tedesco ph. +39 338 16 22 275

www.gianniboats.com - info@capriwonderful.com

Massimo Listri, fotografo, vive a Firenze, collabora con continuità alle riviste AD e Fmr e con frequenza a molti periodici stranieri, tra cui Connaissance des Arts e L’Eœil. Ha pubblicato oltre 60 libri di arte e alta architettura. Massimo Listri, photographer, lives in Florence and collaborates with the magazines AD and FMR and frequently with many international magazines such as Connaissance des Arts and L’Eoeil. He has written over thirty art and architecture books. Ausilia Veneruso, è nata a Capri e ha realizzato, dal 1982, quattro librerie che gestisce tra Capri, Anacapri e Roma. Ha creato, insieme al marito Riccardo Esposito, le Edizioni La Conchiglia e l’omonima Associazione Culturale che organizza, ogni anno, incontri letterari e manifestazioni culturali. Ausilia Veneruso, was born in Capri and has created, from 1982, four book stores which she runs between Capri, Anacapri and Rome. She has realized, together with her husband Riccardo Esposito, the La Conchiglia Editions and the homonymous Cultural Association which organizes, each year, book presentations and cultural manifestations.

divine people

pri

a Ca ò i c c o b s e r o m L’a i

pr Love in Ca

text Gianluca Coda

Come è nata la passione per la televisione? Ho studiato per anni recitazione e danza. Ho debuttato con Mario Monicelli in Amici Miei e volevo fare la ballerina. Sognavo opera e musical. Quale programma la emoziona maggiormente? Verdetto Finale è nato con me, non aveva precedenti conduzioni e lo sento mio. L’anno prossimo saremo al sesto anno e mi emozionano certe tematiche familiari con cui sento di aiutare tanta gente che ci segue. Lo zecchino d’oro è il festival di Sanremo dei piccoli. Avere successo nel mondo dell’infanzia ed essere riconfermata per tanti anni mi gratifica e oggi, che vivo in prima persona la maternità, mi coinvolge come conduttrice e come mamma. Essere di origine campana ha segnato il suo destino? Per realizzarmi ho dovuto abbandonare la mia terra ma da essa traggo energie e risorse continue. Devo tornare periodicamente nei luoghi della memoria, del cuore, per rigenerarmi. Ne ha la possibilità? Molto spesso.Ultimamente mio marito Marco, chirurgo plastico, ha aperto una Medical Spa a Sorrento e ho un motivo in più. Capri per voi ha un significato speciale? Eravamo due vagabondi di Napoli. Marco a Londra per lavoro e io in giro per il mondo, ma ci siamo conosciuti e innamorati a Capri!

Veronica Maya, conduttrice televisiva, volto noto delle conduzioni Rai. È sposata con il chirurgo plastico Marco Moraci e ha due figli Veronica Maya, a TV host on Rai channels. She is married to plastic surgeon Marco Moraci and has two beautiful children 18 Capri | The Divine Coast

How have you developed a passion for television? I studied drama and ballet for years. I made my debut with Mario Monicelli in Amici Miei and I wanted to be a ballet dancer. I had dreams of opera and musicals. What TV show are you the most fond of? I was the first to host Verdetto Finale and I am very attached to it. Next year, the show will be in its sixth year and I am moved by the stories we tell, which I believe can be helpful for our audience. Lo zecchino d’oro is the equivalent of the Sanremo music festival for children. Being successful in the children’s world for so many years is very rewarding and now that I have experienced motherhood myself, I feel even more involved as both the host and a mother. Have your Southern-Italian origins influenced your fate in any way? I have had to leave my homeland to find professional fulfillment, but it goes on providing me with energy and resources. I periodically feel the need to go back to the place of the heart, of my dearest memories, to feel reborn. Do you have the chance? Very often. It is like going back to a simple world that restores me to balance and provides me with the energy I need to keep my job and family going. My husband Marco, a plastic surgeon, has recently opened a Medical SPA in Sorrento, so now I have one reason more to go back home. Does Capri have any special meaning for the two of you? We were like two vagabonds from Naples. Marco in London for business and I was always travelling the world, but we met and fell in love in Capri!

divine people

to s u g l e d o i p Nel tem taste ple of

In the tem

text Gianluca Coda

Quale creazione la rispecchia maggiormente? Ho lavorato tre anni a Monaco di Baviera, i tedeschi amano le patate e mi venne l’idea di proporle come gabbia di un filetto di pesce. Oggi la Pezzogna in Crosta di Patate da Aurora è il piatto forte. Se Capri si potesse mangiare che sapore avrebbe? Penso a qualcosa di croccante, pieno di odori e aromi legati alla ricchezza della vegetazione caprese, ai profumi della macchia mediterranea. Cosa non entrerà mai nella sua cucina? La nostra è una cucina che si fonda su ingredienti di primissima qualità. Non entreranno mai alimenti scadenti, pesce surgelato o non freschissimo. La prima scelta, la freschezza e la delicatezza non devono mai mancare. Lontano dai fornelli, vizi e passioni. A Capri si apre a Pasqua e si chiude a ottobre. Negli altri mesi viaggiamo, siamo curiosi e vogliamo vedere i posti più belli del mondo, cercare di imparare, provare nuove cucine. Spesso vado in grandi ristoranti per cucinare, ed è un’occasione per crescere, aprirsi a nuove visioni, per poi tornare più ricchi e pronti per ricominciare. Cosa consiglierebbe a chi sogna di intraprendere il suo mestiere? In ogni grande ristorante in cucina c’è sempre almeno un giapponese. Bisogna imparare da loro, viaggiare e apprendere dai maestri. Questa è la ricetta. Il suo pranzo ideale? Linguina con vongole veraci e prezzemolo fresco. E a seguire mozzarella con pomodorini del mio giardino e basilico appena raccolto.

Franco Aversa, chef di Aurora, ha contribuito insieme alla moglie Mia e a tutta la famiglia D’Alessio alla creazione di questo tempio del gusto a Capri Franco Aversa, the chef of Aurora, has created, alongside his wife Mia and the whole D’Alessio family, this temple of taste in Capri 20 Capri | The Divine Coast

What dish best represents you? I worked for three years in Munich, the Germans love potatoes, which gave me the idea for fish filet in a potato “cage”. Today, Aurora’s socalled Pezzogna in Crosta di Patate is the restaurant’s speciality. If Capri were something to eat, what would it taste like? It would be something crispy, filled with aromas and recalling Capri’s lush vegetation and Mediterranean scrub’s scents. What would you never allow inside your kitchen? Our cooking is based on the use of top-quality ingredients. So, I will never allow poor-quality food, frozen or non-fresh fish inside my kitchen. Top-quality, freshness and delicacy are essential to us. What are your “vices” and passions besides cooking? In Capri, we open at Eastertime and close in October. During the rest of the year, we travel throughout the world to learn about and experiment with different cuisines. I often work in top restaurants to grow professionally and open up to new visions, and then I come back to Capri “richer” and ready to start all over again. What advice would you give someone dreaming of becoming a chef? In the kitchen of any world-famous restaurant there is at least one Japanese apprentice. We should learn from them: travel the world and learn from the best in the field. This is the secret. What is your ideal meal? Linguine pasta with clams and fresh parsley, followed by mozzarella cheese with the cherry tomatoes I grow in my garden and freshly-picked basil.

VIA FUORLOVADO 23. CAPRI 80073, ITALIA, TEL 0039 081 8370992

NEW YORK

CAPRI

LONDON

WWW.FARAONEMENNELLA.COM

PORTO CERVO

divine people

terra r e p i d e i p i n Co he ground Feet on t

text Federico Carlucci

A cosa sta lavorando in questo momento? Sto per iniziare le riprese della serie Le mani dentro la città. L’ambientazione è Milano e tratta delle attività della ‘ndrangheta nel capoluogo lombardo. Sono Michele Benevento, un ispettore di polizia diverso dagli schemi, un po’ solitario e con sfumature psicologiche particolari. C’è un incontro che le ha cambiato la vita? Tra tutti quello con Giuseppe Patroni Griffi, che mi ha permesso di esordire con il primo ruolo da protagonista al Piccolo Eliseo di Roma, una vetrina che mi ha fatto conoscere al grande pubblico e ai direttori dei casting. Il suo sogno ricorrente? Mi piacerebbe lavorare con Sorrentino, Garrone o Crialese, ma al momento sono con i piedi per terra perché so che è molto difficile. Il cinema offre qualità ma le opportunità che ha un giovane attore di venire fuori da un film di un grande regista sono molto rare. La televisione? Un’industria perfetta, efficiente e organizzata. Ho la fortuna di lavorare in Taodue, che rappresenta in Italia e in Europa una realtà eccellente, senza concorrenti. Pietro Valsecchi e la moglie hanno creato un impero puntando sui giovani e dai loro lavori sono usciti volti nuovi. Il suo rapporto col capo? Pietro Valsecchi è una persona molto concentrata sul lavoro e le volte in cui ci incontrantriamo c’è sempre rispetto e gratitudine. Ha un team molto in gamba che lo supporta e lo sostiene. È un vulcano di idee in continua eruzione

Giuseppe Zeno, attore, dopo l’affermazione a teatro, si è fatto conoscere a livello nazionale con ruoli interpretati in serie televisive, molte prodotte da Taodue Italian actor, after having worked in the theatre, he made himself known on the national scene by playing leading roles in TV series mostly produced by Taodue 22 Capri | The Divine Coast

What are you currently working on? I will soon begin shooting for my role Le mani dentro la città, a TV series, setting in Milan and is about the ‘ndrangheta business in Milan. I play the role of Michele Benevento, an unconventional detective inspector, a solitary type with unusual psychological nuances. Have you ever met anyone who changed your life? I will always be grateful for having met Giuseppe Patroni Griffi, who gave me the chance to play my first leading role at Rome’s Piccolo Eliseo Theatre. What is your recurring dream? I would enjoy working with Sorrentino, Garrone and Crialese, but I have got my feet firmly on the ground, because I know it is very difficult. A young actor has very few chances to rise to success by playing a role in a film by a great director. And what about television? It is a well-run and organized industry. I have the privilege of working with Taodue, a top production house that has no competitors in Italy and Europe. Pietro Valsecchi and his wife have built an empire by working with young people and launching new faces. And your relationship with the boss? Pietro Valsecchi is a very business-focused person and I am very respectful and grateful to him whenever we meet. He has a brilliant and very supportive team. He is always bursting with energy and ideas.

divine people

no a m a a t t a f a z Elegan elegance red

Hand-tailo

text Maria Giusy Riccetti

Come è nata la sua passione per la sartoria? Dopo essere stato per qualche anno in giro per l’Europa, decisi di rientrare a Napoli dove a 18 anni iniziai a lavorare da apprendista in una nota sartoria napoletana. I miei coetanei che coltivavano la stessa passione avevano iniziato da giovanissimi ad avvicinarsi al mondo della sartoria ed io ero in ritardo sui tempi. A ventisei anni aprii la mia prima bottega in via Cervantes a Napoli. Cosa la guida nella scelta dei tessuti e nel fare il vero su misura? Mi guida l’esigenza di ricercare sempre il meglio per i miei clienti. La città di Napoli è una delle sue fonti di ispirazione? Inizialmente traevo molta ispirazione dal cinema americano degli anni Quaranta. Mi affascinava la perfezione degli abiti indossati dai divi hollywoodiani come Clark Gable, grande icona di eleganza o Humphrey Bogart, esempio indiscusso di sobrietà nel vestire. Poi lo stile napoletano, certo, ma soprattutto l’evolversi delle mode. Oltre alla passione per il suo lavoro ne coltiva di altre? Sono appassionato d’arte in generale e possiedo anche una piccola collezione di oggetti d’arte. Ma la passione per il mio lavoro viene prima di tutto, sono un vero stacanovista. Che legame ha con l’isola di Capri? Capri è la perla della Campania. Un gioiello naturale di pace in cui mi piace rilassarmi appena il lavoro me lo permette o quando i miei figli decidono di regalarmi un momento di relax prenotandomi una mini vacanza sull’Isola.

Luigi Dalcuore, proprietario dell’omonima sartoria di Napoli dove tradizione e originalità si fondono in abiti realizzati per clienti da ogni parte del mondo He is owner of a well known tailor’s shop in Naples, where tradition and originality characterize the exclusively designed garments for customers from all over the world 24 Capri | The Divine Coast

When did your passion for tailoring started? After having spent some years in Germany and around Europe, I decided to come back to Naples, and when I was 18 I started to work in a famous tailor’s shop of Naples.It hasn’t been that easy for me because I was a little bit late in comparison with boys of my age. When I was 26 I opened my first tailor’s shop in Naples, in via Cervantes. What influences you at most in the choice of fabrics and in customtailoring? The need of always looking for the best solution possible for my customers. Is Naples a source of inspiration for you? At the beginning of my career, I was really inspired by the American cinema of the 1940s. I was fascinated about the perfect men’s suits of Hollywood stars like Clark Gable, an elegant style icon, or Humphrey Bogart, a true and undisputed icon of sober fashion style. Then Neapolitan fashion, of course, and, above all, the way fashion styles change. Do you have other passions or interests, beside tailoring? All genres of art; I also have a private little art collection. But the passion I feel for my work comes first, I am a ‘workaholic’. What kind of relationship do you have with Capri? Capri is the pearl of the Campania region. A natural jewel of peace where I love to relax when my job allows me to, or when my children book for me a mini-vacation on this island.

divine people

ore u c l e n e n o i z i La trad the heart ion in

The tradit

text Gianluca Coda

Quando si parla di Paolino si pensa subito ai totani con le patate. È un piatto povero caprese. Le patate abbondavano e la notte si andava a totani perché il mare li regalava in grandi quantità. I Bagni di Tiberio erano della nonna e dall’età di 8 anni sono cresciuto con questo piatto già a colazione. Cosa altro ricorda? Mia zia cucinava piatti irripetibili. Gateau di patate, ravioli e parmigiane di un sapore mai più provato, ma cucinava di spalle e i segreti delle sue ricette restano tali. Qualche segreto deve averlo svelato visto il vostro successo. Il segreto è non cambiare. Rispettare i sapori capresi. Oggi cosa la gratifica? L’altra sera c’era uno dei piloti dell’Air Force One con il suo equipaggio e diceva che su tutti i loro aerei c’è la lista dei ristoranti migliori di ogni paese del mondo. Noi in Italia siamo al primo posto. Un evento che ricorda con affetto? Il compleanno di Paola di Liegi qui da noi e il matrimonio di Nila Caravita di Sirignano ai Bagni di Tiberio. A Marina Grande Sofia Loren girava La Baia di Napoli e mi regalò un gelato. A chi è legato sull’isola? A Peppino di Capri. Lo ascolto sempre con piacere.

Michele De Martino, per tutti è ‘Paolino’. Il suo ristorante è da sempre meta di sceicchi, nobili, capi di stato e Vip His restaurant has always been frequented by an impressive clientele of sheikhs, aristocrats, heads of state and Vips 26 Capri | The Divine Coast

When someone says “Paolino”, the first thing that comes to one’s mind is squids with potatoes. It is a traditional and simple Caprese dish. Once, the island was rich in potatoes and the waters were teeming with squids. My grandmother owned the Bagni di Tiberio beach resort and, from the age of eight, I was raised on this dish. What other memories do you have? My aunt used to prepare the most delicious dishes: the best potato cake, ravioli pasta and eggplant Parmesan I have ever tasted. But she cooked with her back turned and her secret recipes have never been uncovered. She must have shared at least a few recipes, considering how popular your restaurant is. The secret is to remain faithful to traditional Caprese flavours. What do you find the most gratifying today? The other night, one of the Air Force One pilots, with the crew, was dining at our restaurant and told me that they have a list of the world’ top restaurants on each of their airplanes . We rank at the top of the Italian restaurant list. One of your dearest memories? When Princess Paola of Liège celebrated her birthday at our restaurant and Nila Caravita di Sirignano’s wedding reception at Bagni di Tiberio. In Marina Grande, Sofia Loren shot for her role in It Started in Naples and she gave me an ice-cream cone. Whom are you fond of on the island? Peppino di Capri. A great artist, I have always admired him. I always enjoy listening to his music.

divine people

igne v e l l e n a t a i g g e s Una pas gh the vineyards hrou

A stroll t

text Francesca Lombardi

Quando ha deciso di diventare sommelier? Finita la scuola (Istituto Alberghiero ndr.) ho iniziato a lavorare in un ristorante di Pozzuoli, cucina tipica e vino sfuso. In sei anni sono diventato direttore di sala e ho creato una cantina di 4 piani con centinaia di etichette. Da lì è iniziata la mia passione per il vino… Quali sono i vini di punta della vostra cantina? E’ una cantina legata al territorio con il 40% di vini campani; il meglio dei vini italiani, tra cui baroli e tanti toscani; e una bella selezione di bollicine, con anche molti nomi francesi. Ma siamo forti anche per quanto riguarda i vini a bicchiere, proponendo al cliente una scelta di circa 40 etichette divise nelle varie tipologie. E poi aggiorniamo le nostre carte, una per ogni ristorante, ogni giorno. Il complimento più bello che ha ricevuto nel suo lavoro? Quando si rendono conto della sincronia della nostra brigata. Cosa rende speciale Anacapri? La natura che qui è rimasta cosi potente ed è lo sfondo ideale per queste bellezze. ha mai fatto una passeggiata nelle vigne di Anacapri? Un abbinamento che sa di Capri, un vino e un cibo? Spaghetti con i ricci con Pedirosa 2012 La sibilla, un rosato dei Campi Flegrei. Da sorseggiare al Tramonto sulle terrazze del Riccio, una coppa di… Un Asprinio d’Aversa, con bocconcini di mozzarella.

Veridiana Angelo Di DeCostanzo, Moraes, cuore headbrasiliano, sommelier ci dal racconta 2009 la personale deidea L’Olivo, di stile delracchiusa bistrot Ragù nel suo e del concept ristorante store “Veridiana Il Riccio Via dei delMille”, CapriaPalace Napoli Head Veridiana Sommelier de Moraes, since whose 2009 at heart L’Olivo, is Brazilian, for thetells bistro us about her personal restaurant idea ofRagù the style andembodied Capri Palace’s by her concept store “Veridiana Viarestaurant dei Mille”, In Il Riccio Naples 28 Capri | The Divine Coast

When did you decide to become a Sommelier? After the school (Hotel & Catering Institute) I began to work in a restaurant in Pozzuoli –traditional dishes and cask wine. Six years later, when I became Maitre d’, I created a cellar on four floors with hundreds of labels. It was then that my love for wine started… What are the key wines of your cellar? Our cellar is bound to the territory, with 40% of wines from Campania; some of the best Italian wines, like the Barolo wines and many Tuscan wines, as well as a wide selection of sparkling wines, including many French labels. But we also offer our customers a special selection of wines by the glass: about 40 wines divided into the various types. And we also change every single wine chart of the restaurants every day. The best compliment about your job you have ever received? Any time someone acknowledges the synchronized work of our team. What is that makes Anacapri so special? The fact that nature has preserved its powerful charm here: it is the ideal background for this beautiful place. Have you ever gone for a walk through the vineyards of Anacapri? A pairing of a dish with a wine that tastes like Capri? Sea urchin spaghetti with Pedirosa La Sibilla wine, a rose wine from the Campi Flegrei. A chalice of wine to be drunk at sunset, on the terrace of il Riccio… The Aspirinio d’Aversa wine, with bite-seized mozzarella.

save as coast events

Parnaso estivo Summer Parnassus text Teresa Favi

‘Caravaggio e i Caravaggeschi’

Gino Paoli and Danilo Rea

Thomas Bayrle

Lago dei cigni, Mariinsky

‘Dal Vaticano a Caserta’

30 Capri | The Divine Coast

Apertura multipla al Museo Madre di Napoli: dal 22 giugno sono in mostra 200 lavori di Thomas Bayrle, le altre esposizioni sono di Giulia Piscitelli e Mario Garcia Torres. Fino al 31 ottobre a Villa Ruffolo di Ravello è in corso la mostra-installazione che Mimmo Paladino, artista di punta della Transavanguardia, ha sviluppato intorno alla figura di Gesualdo da Venosa, insieme a Verdi e Wagner: due secoli di eleganza 
mostra di costumi teatrali storici. Fino al 4 novembre la Reggia di Caserta, Galleria Palatina, ospita la mostra ‘Dal Vaticano a Caserta: Vanvitelli e i suoi angeli’. Multiple exhibition openings at the Madre Museum of Naples: on show, from June 22, over 200 works by Thomas Bayrle. The other two exhibitions are by Giulia Piscitelli and Mario Garcia Torres. Showing until October 31, at Villa Ruffolo in Ravello, is the exhibition-installation by Mimmo Paladino, a leading exponent of the Transavanguard movement, revolving around the figure of Gesualdo da Venosa; and the exhibition Verdi and Wagner: two centuries of elegance, on historic theatre costumes. On show until November 4, at the Palatina Gallery of the Palace of Caserta, the exhibition From the Vatican to Caserta: Vanvitelli and his angels. JULY On July 25, at Villa Rufolo’s Belvedere, in Ravello, within the Ravello Festival, the Glen Miller Orchestra conducted by Wil Salden. From July 26 through

LUGLIO nel Novecento italiano’. Il 10 Nell’ambito del Ravello Festival, e11 agosto, Ravello, Belvedere a Ravello, il 25, Belvedere di Vil- di Villa Rufolo, ore 4.45, il trala Rufolo, Glen Miller Orchestra dizionale
Concerto all’alba di diretta da Wil Salden. Dal 26 al San Lorenzo vede coinvolta 31, Ischia, Piano Jazz festival l’Orchestra del Verdi di Salerno 2013 tra gli ospiti: Giovanni Pe- diretta da un emergente di sicutrella, Roberto Gatto, Gino Paoli ro talento, Alvise Casellati. Il 31 e Danilo Rea, Pino Daniele. Il 30, agosto, Belvedere di Villa Rufolo, Ravello, Belvedere di Villa Rufo- Ravello, 
Caravaggio e i Caravaglo,
Tributo a Rudolf Nureyev, con geschi, azione-concerto di Tablele étoile e i primi ballerini dei aux vivants con musiche eseguite più grandi teatri del mondo. dal vivo AGOSTO SETTEMBRE Il 4, Ravello, Belvedere di Villa Il 5, Ravello, Auditorium Oscar Rufolo, 
proiezione de La feb- Niemeyer,
Corni dell’Opera di bre dell’oro, sonorizzazione dal Stato di Monaco di Baviera
diretvivo del film di Charlie Chaplin, ti da Martin Steidler
. Il 6, Belvedirettore Timothy Brock. Il 9, dere di Villa Rufolo, Ravello, 
FioRavello, Belvedere di Villa Ru- rella Mannoia e 
Solis String folo, 
’Canzoni dal Quartet. Dal 17 al secolo breve’
 con 22 Teatro San Carlo Pippo Baudo e di Napoli, il Lago Christian De Sica dei Cigni, Compain occasione della gnia di Balletto del mostra ‘C.A.Bixio. Teatro Mariinsky di Musica e parole Art, ballet, San Pietroburgo. ello, at 4.45 am, the 31, the Ischia, Pi- music. The traditional Sunset ano Jazz festival best to be Concert performed 2013. Among the by the Orchestra guests are Giovan- found on of the Verdi Theni Petrella, Rober- Naples and atre of Salerno to Gatto, Gino Pa- Costiera conducted by the oli and Danilo Rea, Pino Daniele. On July 30, at young and very talented Alvise Villa Rufolo’s Belvedere, in Rav- Casellati. On August 31, at Villa ello, Tribute to Rudolf Nureyev, Rufolo’s Belvedere, in Ravello, starring principal dancers from Caravaggio e i Caravaggeschi, a Tableau vivant-concert with live the world’s major theatres. music. AUGUST On August 4, at Villa Rufolo’s SEPTEMBER Belvedere, in Ravello, the show- On September 5, at the Oscar ing of The Gold Rush, the dub- Niemeyer Auditorium in Ravelbing-in of the Charlie Chaplin lo, the Horns of Munich’s State film, directed by Timothy Brock. Opera House conducted by On August 9, at Villa Rufolo’s Martin Steidler. On September Belvedere, in Ravello, Songs 6, at Villa Rufolo’s Belvedere, in from the short century, starring Ravello, Fiorella Mannoia and Pippo Baudo and Christian the Solis String Quartet. From De Sica on the occasion of the September 17 to 22, at the San exhibition C.A.Bixio. Music and Carlo Theatre in Naples, Swan words from the Italian twentieth- Lake performed by the ballet century. On August 10 and 11, at company of the Russian MariinVilla Rufolo’s Belvedere, in Rav- sky Theatre.

Via dei Mille, 61 - Napoli - ph. 081 658 1659 - +39 338 27 31 124

save as island events

Arte & musica Art & Music

text Francesca Lombardi

La Conchiglia

Fond. Capri/ Barbieri

Enrico Prampolini

Massimo Listri

Fond. Capri/Jodice

32 Capri | The Divine Coast

Luglio Dal 24 luglio Festival dal Barocco al Jazz, al Caesar Augustus di Anacapri con mercoledì 24 luglio
 Spassiunatamente, Peppe Servillo & Solis String Quartet, giovedì 25 luglio
“Duo” Fabrizio Bosso & Marcio Ranger, venerdi 26 luglio
 Coffee Hour, ore 19.00, sabato 27 luglio
 Rotare Youth Chamber Orchestra
B.Sannino, direttoreM. Mercelli, flauto, domenica 28 luglio
 Gino Rivieccio e lunedì 29 luglio
Visioni in opera
 Riccardo Arrighini, piano, glockenspiel, effetti, live eletronics, percussioni. Apre nella seconda metà di luglio presso il Quartiere del Priore della Certosa di Capri la mostra  di JULY From the 24th of July Dal Barocco al Jazz Festival - at the Caesar Augustus in Anacapri: on Wednesday the 24th of July
 ‘Spassiunatamente, Peppe Servillo & Solis String Quartet, on Thursday the 25th of July 
the Fabrizio Bosso & Marcio Ranger”Duo”, on Friday the 26th of July 
 Coffee Hour at 7:00 p.m., on Saturday the 27th of July 
 Rotare Youth Chamber Orchestra 
 B. Sannino, music director –M. Mercelli, flute, on Sunday the 28th of July 
 Gino Rivieccio, and on Monday the 29th of July 
 Visioni in Opera 
 Riccardo Arrighini, piano, glockenspiel instrument, sound effects, live electronics, percussions. Starting from the second half of July, the Quartiere del Priore of the Capri’s Certosa is going to be the location of “De divina Proportione” exhibition by Florentine and world-famous photographer Massimo Listri. From the 6th of July, the Isole nell’Isola (Islands in the Island)

Massimo Listri, fotografo fioren- tografie di Francesco Jodice e Olivo tino ormai affermato sulla scena Barbieri. Un’edizione del Festival internazionale, che si intitola “De costruita sulla base di due diffedivina Proportione”. Dal 6 luglio renti produzioni in loco di due presso la Libreria La Conchiglia importanti autori contemporanei. in via Camerelle 18 la mostra Iso- La proposta culturale del Festival le nell’Isola, Personaggi e segreti della Fotografia si arricchisce da nelle dimore del mito a Capri quest’anno di un nuovo spazio Agosto espositivo, la Casa Rossa, sede Dal 1 al 7 
Festival Internazionale prescelta per Trasparente come del Folklore
 XIV edizione. 
Ras- l’acqua. Opere fotografiche scelte segna etnica di danza e musica, dalla Fondazione di Venezia. Fino eseguite in costumi caratteristici al 15 settembre 2013 Anacaprifada gruppi di tutti i continenti:
 musica, i concerti nel 
 Chiostro di Sabato 3 agosto
al Grand Hotel San Michele (piazza San Nicola). Dal Quisisana, Capri Cine Galà, Talk 7 al 22 agosto 2013 alla libreria La show sul cinema italiano con pro- Conchiglia Com’è profondo il mare, iezione del film “Carlo!”
Alla Cer- dipinti di Carlo Peridani. Sempre tosa di San Giacomo, Quarto del alla libreria la Conchiglia dal 24 agoPriore, dal 24 agosto al 20 ottobre sto a martedì 10 settembre Interno 2013 la Fondazione Mediterraneo, Opere di Capri organizza la V Pierluigi Isola edizione del Festival Settembre della Fotografia con Dal 6 al 9 Settembre, la mostra SuggestioCapri Rainbow, 3 giorni capresi, 100 anni ni di turismo gay a dopo Diefenbach. FoCapri exhibition, at La Exhibitions by Francesco Jodice Conchiglia bookshop and music and Olivo Barbieri. -18, via Camerelle: An edition whose characters, tales and appointments organization is secrets of the mythi- in the island based on the in loco cal land of Capri. productions of two of culture AUGUST. famous contempoFrom the 1st to the 7th of August
 rary artists. Starting from this International Folklore Festival 
 year, the cultural program of the sixteenth edition 
 Ethnic dance Capri Photography Festival is goand music festival: performances ing to include also a new exhibiin characteristic costumes by tion area, the Casa Rossa, which groups of artists from every con- has been chosen as the location tinent. In San Nicola Square. for the exhibition Transparent like On Saturday the 3rd of August 
 water. Photographic works selected Capri Cine Galà, at the Grand Ho- by the Venice Foundation. From tel Quisiana, a talk show on Ital- the 7th to the 22nd of August 2013 ian film industry with the special Com’è profondo il mare (How Deep screening of the movie “Carlo!”
 is the Sea) at La Conchiglia bookThe Capri Foundation is going to shop, paintings by Carlo Peridani. present, from the 24th of August Still at the La Conchiglia bookto the 20th of October 2013 at the shop Interno Mediterraneo, Works San Giacomo Certosa, Quarto by Pierluigi Isola, from the 24th del Priore, the fifth edition of the SEptember Capri Photography Festival , with From the 6th to the 9th of Septemthe exhibition Suggestve Capri, ber, Capri Rainbow, three days of 100 years after Diefenbach.. Photos gay tourism in Capri.

save as books

L’Esule di Capri di Roger Peyrefitte è la biografia romanzata del barone Jacques Fersen, personaggio ‘dannato’ che dopo gli scandali parigini si rifugia, da esule ed in compagnia del suo amato compagno Nino Cesarini, a Capri dove costruisce la sua bellissima dimora. Questo celebre romanzo viene riproposto in una versione aggiornata ed integrata da foto e documenti che aiutano a fornire del barone Jacques Fersen un’immagine più reale e collegata ai fenomeni della sua epoca. Prefazione di Jean Cocteau. E il fuoco si spense sul mare, romanzo, autobiografico, visionario e poetico del barone Jacques Fersen. L’isola del Dio nascosto di Ric-

un tipo d’isola, o meglio finisce per esaltare una specifica qualità dell’Isola, sia essa quella eversiva piuttosto che quella ludica o utopica; ogni isola diventa, così, strumento per un processo di ricerca e d’individuazione personale; uno strumento temporaneo, o definitivo per una conclusione, o utile per un proseguimento, per una nuova partenza. Capri pagana. Umanisti ed amazzoni tra Ottocento e Novecento di Claudio Gargano racconta Capri “la cosmopolita” che viene rappresentata, tra Ottocento e Novecento, da una folta schiera di Uranisti e

cardo Esposito è un passe-partout per introdursi a Capri, una contro-guida all’isola attraverso un approccio ‘interiore’. Questa ‘controguida’ tenta di approfondire le ragioni che hanno spinto alcune persone - non necessariamente legate al mondo della produzione culturale e artistica - a scegliere di vivere l’isola di Capri come realizzazione o completamento di una personale dimensione interiore, una dimensione ricercata non sempre in maniera consapevole, molte volte determinata anche dal contesto storico e sociale o da eventi apparentemente esterni alla stessa volontà dei “protagonisti” Ognuna di queste scelte finisce così per diventare paradigma di

di Amazzoni che eleggono l’Isola dell’Amore a Sodoma ideale, a intatta Citera dove coltivare una diversità che, altrove, è oggetto di emarginazione se non di persuasione. Donne pericolose (Extraordinary Women) è uno dei primi romanzi del Novecento dove l’omosessualità femminile è raccontata, gioiosamente, senza falsi moralismi. Le vestali del fuoco di Compton Mackenzieè il libro che meglio interpreta un mondo, oramai trascorso, carico di intrighi, pettegolezzi ed anormalità. Un piccolo capolavoro di britannica perfidia. Un testo fondamentale per comprendere la Capri di inizio Novecento, allegra babele di persone, culture e sessi. Edizioni La Conchiglia.

34 Capri | The Divine Coast

Rofer Peyrefitte’s The Exile of Capri deals with the fictionalized life of Baron Jacques Fersen, a ‘damned’ character who, after having been involved in numerous scandals in Paris, retreated as an exile –and in company of his beloved Nino Cesarini- to Capri, where he built his wonderful residence. An updated version of this famous novel, with pictures and documents that help us have a more realistic image of Baron Jacques Fersen , putting him in relation with

Amore senza confini unlimited love text Ausilia Verenuso

the historical events of his time L’isola del Dio nascosto by Riccardo Esposito is a key book to get to know Capry, a ‘diverse guide’ to this island that uses a totally personal approach. Inner world, a world they haven’t always been looking at in a conscious way, which is often linked with the historical and social context they live in, or with some events that appear not to have to do with those “protagonists”who experience them. All these choises become, in the end, the symbol of a kind of island, reflecting an aspect of the island itself: its subver-

sive, recreational or utopian side. This way, every island becomes an instrument for a process of research and personal analysis;a temporary or decisive instrument to conclude the work on ourselves, or to continue it,giving it a new start. Capri pagana. Umanisti ed amazzoni tra Ottocento e Novecento by Claudio Gargano tells about “the cosmopolitan” Capri, represented –between the 19th and the 20th Centuryby a multitude of Uranists and Amazons, who saw this Island of Love as the ideal Sodom, an untouched Citera where to nurture a diversity that would bring to

exclusion or persuasive processes in other places Extraordinary Women is one of the first novels of the 20th Century that joyfully tells, without any false moralistic judgment, about female homosexuality. Vestal Fire by Compton Mackenzie is a book about a (past) world of intrigues, gossips and ‘abnormal’ behaviors. A little masterpiece of British satire. A text of primary importance if you want to understand the way Capri was at the beginning of the 20th Century, a cheerful Babel of People, cultures and sexual habits. Published by La Conchiglia.

Geraldina Garattoni, RivalitĂ , tecnica mista, 2003, 180 x 120 cm

Associazione culturale CAPRICORNO GALLERY Arte contemporanea 80073 CAPRI - Via Padre Reginaldo Giuliani, 5 C. +39 335 6290690 / 335 338 9778939 - T. +39 081 8377219 - F. +39 081 3606200 www.capricornogallery.com - info@capricornogallery.com

Via Prov. Marina Grande, 225 - 80073 Capri(Na) ITALY Tel. +39 081 83 84 001 Fax. +39 081 83 70 438 - info@jkcapri.com www.jkcapri.com

it object

so Autenxutricy o lus True lu

centi Ciulli

text Marta Inno

La potrete trovare solo in alcune delle boutique Gucci. E la boutique di Capri sarĂ  una di queste: la Bamboo Shopper, reinterpretazione metropolitana della mitica Gucci nata nel 1947. In pelle verde acqua, o in lussuoso pitone. Basta decidersi. It can be found only in some Gucci boutiques. And the Capri boutique is among them: the Bamboo Shopper, the latest metropolitan version of the legendary Gucci bag born in 1947. In sea-green leather or in luxurious python-skin. Just make up your mind. Capri | The Divine Coast 37

Aperto tutti i giorni Open every day

Wellness Centre Via Prov. Marina Grande, 225 - 80073 Capri(Na) ITALY Tel. +39 081 83 84 001 Fax. +39 081 83 70 438 - info@jkcapri.com www.jkcapri.com

it object

Imprinotnste Footpr

centi Ciulli

text Marta Inno

In limited edition, ecco i nuovi famosi Gommini. Questa volta realizzati in morbido pitone, in colori sorprendenti pieni e solari come il giallo dei limoni di Capri e il turchese dell’isola delle sirene. Personalizzabili e disponibili nella boutique di Capri. Here are the new limited-edition Gommino loafers. This time, in soft python skin and in bright, sunny and surprising colors: as yellow as Capri’s lemons and as turquoise-blue as the Siren Island’s sea. Customizable and available in the Capri boutique. Capri | The Divine Coast 39

Aperto tutti i giorni per Lunch e Dinner Open daily for Lunch & Dinner

Via Prov. Marina Grande, 225 - 80073 Capri(Na) ITALY Tel. +39 081 83 84 001 Fax. +39 081 83 70 438 - info@jkcapri.com www.jkcapri.com

it object

Il toccmoer etosutcihvo The sum

centi Ciulli

text Marta Inno

Pulizia delle forme, unita alla presenza di colore e alla voglia di modernitĂ . Ecco i bracciali Eclisse di Vhernier in oro rosa o bianco, con crisolemon, madreperla, cristallo di rocca, siderite, diamanti e giaietto. Appariscenti e magnetici. Clean-shaped, brightly-colored and modern-looking. Here come the Eclisse bracelets by Vhernier in pink or white gold, with crisolemon, mother-of-pearl, rock crystal, siderite, diamonds and jet. Showy and magnetic. Capri | The Divine Coast 41

it object

re Energtoiadrdinak be Energy

i

tagn text Mila Mon

Vivere intensamente, sull’Isola, è di rigore. In ogni stagione, certo, ma quando la luce si fa più intensa è quasi un dovere. E allora si scelgono stile e raffinatezza, gusto delicato e frizzante, per migliorare concentrazione e prestazioni fisiche, nel segno del drink. Experiencing the Island intensively is de riguer. But when the light becomes brighter, it is nearly compulsory. And so, style and elegance, with a delicate and bubbly taste, are the only choice, to help increase concentration and physical performance, in the shape of a drink. Capri | The Divine Coast 43

shotonsite

Fabrizio Plessi, Gherardo Nardi Dei and Alessandro Nardi Dei

Matteo Parigi, Alessandra Pagano, Alex Lana

Alberto Pasinato, Michela Valentini

Federica Repetto, Luciana Boccardi

Carla Plessi, Mimma Mossetto

John and Christine Serene

Franco Grande, Gianfranco Mossetto

Bjorn Labee, Megan Jones

Elena Papetti, Manuela Pivato

A “Pic..Chic� themed evening at the Westin Europa & Regina, for the presentation of the new issue of Venezia Made in Veneto

Josette, Antonio Seguso

Barbara Berlingieri, Alessandra Pagano, Alberta Berlingieri

Vanja Dumont, Elisa Cavassoni

Micaela Scapin, Alberto Fol Capri | The Diveni Coats 47

shotonsite

Ciro Oppressore, Veridiana Moraes, Fabrizio Peluso

Carmine and Marino Cucinella, Simone Giorgi

Saverio Sodano, Renato Ricca

Guido Lembo, Cristina Ferrari

Carlotta Malatesta, Carlotta Dreoni

Cocktail party per Capri the divine coast magazine, a bordo piscina del JK Hote, ospite d’eccezione Guido Lembo. Vini Castello di Ama

Annamaria Amitrano, Ausilia Verenuso

Gianluigi Lembo, Francesca Zocchi

Oreste and Silvio Staiano

Giuliano Russo, Ginevra Tassi

Mirko Arbore, Giulia Alberti

48 Capri | The Divine Coast

Alessandro Brugi, Grazia Soresina

Guido Lembo, Costanza Gregoratti

shotonsite

Maurizio Lieto, Gianluigi Lembo, Sergio De Lizza

Astrid and Deborah Esposito Treumann, Stella Oliva, Roberta Pacifico

Nicole Triunfo, Dario Castiglio

Mariasole Janitschke, Flavio Naddeo

Nour Fayad and Cristina Fogliatto

Alex Vittorio Lana, Guido Lembo, Matteo Parigi Bini

Pierluigi Lembo, Daniela and Davide Gaudino

Cocktail party for Capri the divine coast magazine. On the magnificent terrace of the JK Hotel, Guido Lembo special guest. Castello di Ama wines

Guido Lembo

Deli Ruotolo, Sasi Ruocco

Rossella Catapano, Roy Capasso

Bianca Esposito, Chicco Coda Capri | The Diveni Coats 49

shotonsite

Roberto Faraone Mennella, Rachel Sumers, Shelley Brown, Amedeo Scognamiglio

Lindsey Love , Gabriella Migliore

Amedeo Scognamiglio, Paolo Stella

Roberto Faraone Mennella, Amedeo Scognamiglio

A beginning of Summer party, organized at La Fontanina for the friends of Roberto Faraone Mennella and Amedeo Scognamiglio

Gulnara Kerimova, Roberto Faraone Mennella

Roberto Faraone Mennella, Lindsey Love

Daniela Boroli, Amedeo Scognamiglio

Sasha Podyelskaya

Beth Buccini, George Sotelo, Alina Cho, Robert Burke, Kristin Jones, Brooke Thomas

50 Capri | The Divine Coast

Joe Muscari

via roma,73/a - Capri - ph. +39 081 8374854 www.caprinteriors.it - info@caprinteriors.it

www.lamborghini.it

Cronograph retrograde model Spyder 3020

Via Le Botteghe, 12 Galleria Gaudeamus - Capri Tel. 081.8377545

shotonsite

Nicole Triunfo, Dario Castiglio, Chicco Coda

Lorenzo Lamberti Sagliano, Edoardo Nappa, Dario Castiglio, Giuseppe Staiano

Maurizio Lieto, Cristina Verzariu

Maria Barros Paredes, Luca Rubinacci

Gianni Tedesco, Peppino Di Capri

Roy Capasso, Chicca Carbonelli, Luigi D’Esposito

Mizio Curcio, Virginia Valsecchi

Dario Castiglio, Alessandro Preziosi

Fabrizio Tortora, Marco Vlassopulo

A 1920s atmosphere and VIP parterre at the Casa Castiglio estate. Like in “The Great Gastby”, all guests have been dancing in the wonderful villa on the hills of Castiglione

Jane Balzarini, Alessandra de Tomaso

Manfredi Fiorillo, Dario Castiglio, Luisa and Paolo Fiorillo

Tazio Pintado, Nicole Morgano

Nicole Triunfo, Camilla Fiordiliso Capri | The Diveni Coats 53

divine history

Above: Chiesa di San Giuseppe delle Scalze, Pontecorvo. Below: Reggia di Caserta 56 Capri | The Divine Coast

art exhibition

Non sono stanze vuote...Risuonano di passi, dello stratificarsi dei secoli, di quel miracolo che è l’ingegno umano. Scrigni che custodiscono un tesoro tanto invisibile quanto potente. Massimo Listri con le sue immagini da voce alla cultura di un popolo, a quel patrimonio che fa parte del nostro Dna e non subisce il passaggio del tempo. E lo fa con mirabile maestria. L’occasione per goderne la offre un posto altrettanto speciale e denso di quel passato illustre che rappresenta Listri; apre infatti presso il Quartiere del Priore della Certosa di Capri a luglio, la mostra  del fotografo fiorentino, conosciuto in tutto il mondo, che si intitola “De divina Proportione”. Un titolo programmatico ed evocativo della grande conquista prospettica rinascimentale, che non a caso si riferisce al notissimo omonimo trattato di Frá Luca Pacioli edito a Venezia nel 1497 e all’opera di Leon Battista Alberti e Piero della Francesca. Un racconto di volumi e equilibri perfetti, di prospettive solenni e allo stesso tempo estremamente attraenti che si snoda attraverso 24  opere di grande formato in cui Listri narra la propria straordinaria ricerca spaziale e ci conduce attraverso la levità rocaille del piemontese castello di Aglié, la muscolare perfezione del Ricetto michelangiolesco della biblioteca Laurenziana a Firenze, il neoclassico gustaviano dell’Antikmuseum di Stoccolma, fino alla candida partitura dello scalone degli Uffizi passando per le suggestioni esotiche dello Château de Pierrefonds e la potenza della Reggia di Caserta. Le sue foto sono un omaggio alla simmetria e all’equilibrio. Nel suo pannel personale sono questi i sinonimi più prossimi di bellezza estetica ? Bello è armonia, simmetria. E questo è un codice che mi appartiene anche al di là di questa mostra. Ma gli interni di De Divina Proporzione nel loro essere assolutamente scevri di elementi che non appartengono alla stessa architettura, nella loro estrema pulizia amplificano questa equazione tra bellezza e simmetria.

De divina proportione Massimo Listri at Capri’s certosa text Francesca Lombardi photo Massimo Listri

They are not empty rooms…They resound with footsteps, with the strata of centuries, with the miracle of human intelligence. Invisible and powerful treasure troves. Massimo Listri gives voice to the culture, to the heritage that runs in our DNA and is not stained with the marks of time. And he does it with admirable skill. The place where we will be given the chance to enjoy all this is as special as the illustrious past represented by Listri; in fact, the exhibition by the world-famous Florentine photographer, titled De divina Proportione, opens at the Carthusian Monastery in Capri in July. An evocative title that refers to the well-known treatise by Brother Luca Pacioli published in Venice in 1497 and to the artwork by Leon Battista Alberti and Piero della Francesca. A story of perfect volumes and balance and of fascinating perspective, which includes 24 bigsized works through which Listri describes his extraordinary spatial research and introduces us to the lightness of the Piedmontese Castle of Aglié, the perfection of Michelangelo’s works at the Laurenziana Library in Florence, the neoclassical style of Stockholm’s Antikmuseum, the purity of the Uffizi Gallery’s staircase, the exotic charm of the Château de Pierrefonds and the power of the Palace of Caserta. Your pictures are a tribute to symmetry and balance. Are these your aesthetic canons? Beauty is harmony, symmetry. A belief I have always been receptive to and that goes well beyond the exhibition. The extremely “clean” interiors of De Divina Proportione, which are completely devoid of elements that do not belong to the same architectural style, enhance this equation between beauty and symmetry. The light, with which you are so skillful. How have you learnt to master it so well? I take advantage of it… and then use it as best serves my needs. But it requires a long courting process: I study it during the various hours of the day, I perceive the changes that take place Capri | The Divine Coast 57

divine history

Above: Château de Compiègne, France Below: Musei Vaticani,Roma 58 Capri | The Divine Coast

divine history

Reggia di Caserta The exhibitions of Massimo Listri opens at the Certosa Monastery in Capri in July 2013 Capri | The Divine Coast 59

art exhibition

La luce, con la quale lei ha una maestria unica. Come è riuscito a conoscerla così bene da renderla complice della sua volontà? Approfitto di lei… e poi la uso a mio modo! Ma questo nasconde un lungo corteggiamento: la studio nelle varie ore del giorno, ne percepisco il variare con il variare delle stagioni alla ricerca di quel momento perfetto in cui riesce a raccontare l’anima del luogo. Il suo 5 elemento è il punto di vista. Raffinato, senza tempo. Chi l’ha vista lavorare parla di un unico click, un colpo mai sbagliato. E’ istinto o tanta pratica? C’è sicuramente il contributo di un dono naturale, ma è anche tata esperienza. Quella esperienza che mi porta a pensare uno scatto in una certa maniera e poi stravolgere tutto in corso d’opera, perché guidato da suggestioni inaspettate. Li Galli, che fotografò per la nostra rivista. Un posto magico, scrigno di storie. Cosa significa poterla fotografare? Ricordo che arrivammo in barca. Quasi una vertigine che in poche ore che ci portò dall’afa di una Firenze estiva a questo luogo in mezzo al mare. Erano anni che nessuno fotografava Li Galli, e come per il vaso di Pandora la sua anima rimasta in silenzio per molto tempo esplose in un tourbillon di bianco e azzurro, maioliche e tracce di quel passato illustre. Sono abituato a fotografare luoghi con un importante background, ma qui la forza della natura che circonda la villa è stato un di più entusiasmante. E’ dello stesso periodo Napoli Segreta , il suo libro dulla Napoli barocca e illuminista. Quale anima della città preferisce da amante dell’arte? E da fotografo? Fondamentalmente sono un eclettico e come tale amo la Napoli leggera e irriverente allo stesso modo della Napoli intrisa di misticismi e credenze. Sono queste due anime che ricerco incessantemente ogni volta che guardo la città attraverso il mio obiettivo. Lo scorcio di Capri che ama di più? Non vorrei essere banale, ma i faraglioni hanno lo stesso fascino di una cattedrale gotica. Eterni. La foto che non ha ancora fatto e vorrebbe fare? Le ho tutte in scaletta, le farò entro l’autunno. over the cycle of seasons and I pursue the perfect moment during which it vividly conveys the place’s soul. Your fifth element is the point of view. Sophisticated, timeless. Those who have seen you at work, tell about one single click, about you never missing a shot. Is it a matter of instinct or of a lot of practice? Well, I certainly have a natural gift for photography, but it also requires a lot of experience. Experience is what allows me to deviate from my first intention, to venture off into new directions, guided by unexpected flashes of inspiration. Li Galli, which you took pictures of for our magazine. A magic place, a treasure-trove of stories. What has photographing it meant to you? I remember that we arrived by boat. In a few hours’ time, we passed from Florence’s suffocating heat to this place in the middle of the sea. Nobody had photographed Li Galli in years and, like Pandora’s box, its soul, which had been kept silent for such a long time, exploded into a whirlwind of whites and blues, tiles and traces of that illustrious past. I am used to photographing places with such a fascinating background, but the beauty of nature surrounding the villa is so amazingly overwhelming there. Your book Napoli Segreta, about Naples’s Baroque and Enlightenment period, was written around the same time. As art lover, which of the city’s creative souls do you prefer? And as a photographer? Basically, I have eclectic tastes. I enjoy Naples’s more frivolous and irreverent side ad well as the part of it filled with mysticism and popular beliefs. These are the two souls of the city that I strive to capture with my camera. What view of Capri are you the most fond of? As banal as it may sound, the Faraglioni are as fascinating as a Gothic-style cathedral. Eternal. What are the pictures you have not taken yet and would like to? They are all on my to-do list and I will be taking them within next fall. 60 Capri | The Divine Coast

divine history

Above: Musei Vaticani, Roma Below: Ch창teau de Pierrefonds Capri | The Divine Coast 61

art exhibition

In occasione della commemorazione dei 100 anni dalla morte dell’artista Wilhelm Diefenbach, la Fondazione Capri presenta presso il Quarto del Priore alla Certosa di San Giacomo, la V edizione del Festival della Fotografia. Olivo Barbieri e Francesco Jodice sono i fotografi prescelti per un’edizione del Festival costruita sulla base di due differenti produzioni site specific. Accanto a questa mostra, un secondo progetto, sempre curato dalla Fondazione Capri: Trasparente come l’acqua Opere fotografiche scelte dalla Fondazione di Venezia alla Casa Rossa di Anacapri. La proposta culturale del Festival della Fotografia si arricchisce da quest’anno di un nuovo spazio espositivo, la Casa Rossa appunto. In questo luogo magico si ospiteranno le mostre delle prestigiose istituzioni italiane e straniere con le quali la Fondazione Capri avvierà scambi culturali. La Fondazione di Venezia darà avvio al primo scambio espositivo, presentando una selezione di opere tratte dalla propria collezione che metterà in scena le molteplici visioni di diciassette fotografi, tutte convergenti sul tema dell’acqua. In virtù di questo scambio la mostra Suggestioni capresi, 100 anni dopo Diefenbach. Fotografie di Francesco Jodice e Olivo Barbieri, sarà inaugurata a novembre 2013, nella Casa dei Tre Oci, alla Giudecca, a Venezia. Abbiamo sentito i due fotografi. Le opere di Diefenbach sono il punto di partenza di questa mostra. Come le avete rielaborate  nel vostro percorso personale? Francesco Jodice - Della sua storia e della sua pittura, mistica, caotica, notturna, mi interessano le opposizioni a modelli borghesi che giudica reazionari, mi affascina, pur nella

Diefenbach anniversary Francesco Jodice and Olivo Barbieri text Francesca Lombardi photo Francesco Jodice and Olivo Barbieri

On the occasion of the centenary of the death of artist Wilhelm Diefenbach, the Capri Foundation presents the 5th Festival of Photography. Olivo Barbieri and Francesco Jodice are the artists chosen for a festival revolving around two different site-specific productions. Besides this exhibition, there is a second project, also curated by the Capri Foundation, entitled Trasparente come l’acqua. Opere fotografiche scelte dalla Fondazione di Venezia (“Transparent as Water. Photographic Works Chosen by the Venice Foundation”). This will be held at the Casa Rossa of Anacapri, a new exhibition space whereby the festival is enriching its cultural programme this year. A magically atmospheric venue, it will host exhibitions by prestigious Italian and foreign bodies with which the Capri Foundation will organize cultural exchanges. The inaugural exhibition exchange is with the Venice Foundation, which will present a selection of works from its collection. The focus will be the multiple visions of seventeen photographers, all relating to the theme of water. As part of this exchange, the exhibition Suggestioni capresi, 100 anni dopo Diefenbach. Fotografie di Francesco Jodice e Olivo Barbieri (“Views of Capri, 100 years after Diefenbach. Photographs by Francesco Jodice and Olivo Barbieri”) will open at the Casa dei Tre Oci, Giudecca, Venice, in November 2013. Diefanbach’s works are the point of departure for this show. How have you reworked them in your own personal artistic paths? Francesco Jodice: “Of his personal history and painting – mystic, chaotic and nocturnal – I am interested in his opposition to what he regarded as reactionary bourgeois models. Despite the naivety of certain stances, I am fascinated by his obstructive attitude towards social conventions, almost as if he perceived their evolution into the future forms of fascism and German national socialism. In an only partially conscious way, his paint62 Capri | The Divine Coast

Casa Malaparte (Olivo Barbieri, 2013) The Capri Foundation celebrates the anniversary of Diefenbach’s death through the works by Francesco Jodice and Olivo Barbieri

cover story

On this page, the Blue Grotto. On next page, the Castiglione Grotto Olivo Barbieri, 2013 64 Capri | The Divine Coast

cover story

Capri | The Divine Coast 65

art exhibition

ingenuità di alcuni atteggiamenti, il “mettersi di traverso” alle ing signals a fracture in the social fabric of nascent modern convenzioni sociali quasi ne percepisse l’evolversi nelle future Europe. When you look at it, you can sense that something forme del fascismo e del nazionalsocialismo germanico. La sua important is about to happen. I believe that we are at the pittura è, in modo solo parzialmente consapevole, una spia di same point in Europe today. Something is about to happen. una crepa del tessuto sociale della nascente Europa moderna, On the basis of this parallel, I have tried to build a dialogue quando la guardi intuisci che qualcosa di importante era sul between his works and my own intervention in Capri.” punto di accadere. Ecco credo che oggi in Europa siamo allo Olivo Barbieri: “I considered Diefenbach’s work to be a stesso punto, qualcosa sta per accadere e muovendo da questo point of reference, an archetypical imagination. His landparallelismo ho cercato di costruire il dialogo tra le sue opere scapes have contributed, perhaps definitively, to shaping ed il mio intervento a Capri. the iconography of the island of Capri. Olivo Barbieri - Ho considerato l’opera di Diefenbach come What kind of dialogue did you build up between each immaginario archetipico di riferimento, le vedute da lui other’s work? realizzate hanno contribuito forse in modo definitivo alla F.J.: “We tried to arrange to be in Capri at the same time, creazione dell’iconografia dell’isola di Capri. but didn’t succeed. But I have known Olivo a long time, and Che dialogo avete ricostruito tra le opere dell’uno e dell’altro? I think we are both non-conventional artists in a way. And F.J. - Abbiamo cercato di essere a Capri allo stesso tempo I think we are both suited to narrating an island that has senza riuscirci. Ma conosco Olivo da tanto tempo e credo often been the victim of a picture postcard vision.” che entrambi rappresentiamo una specie di artisti non In the photos powerful colours lie alongside non-colour, convenzionali, credo anche entrambi opportuni per raccontare sometimes black and white. Which spirit of Capri is expressed by one and the other? un’isola spesso vittima di una cartolina. F.J.: “The use of colour, like any other element Nelle foto si rintraccia colore potente accanto in the syntax of an image, is a narrative device. I a non colore, talvolta bianco e nero. Di quale use it as a strategy to guide the viewer towards a anima di Capri sono espressione l’uno e l’altro? lateral viewpoint. I am interested in constrainF.J. - L’uso del colore, come di qualsiasi altro Diefenbach���s elemento della grammatica di una immagine views have ing the viewer to engage with an apparently sono dei dispositivi narrativi, me ne servo come simple form of photography consisting of just contributed strategie per accompagnare lo spettatore verso a few elementary signs. But actually they are un osservatorio laterale. Mi interessa costringere to the deliberately unfinished images, stories yet to l’osservatore a confrontarsi con una fotografia creation be defined, strands to be explored, ambiguapparentemente semplice, fatta di pochi segni of Capri’s ous and only loosely sketched meanings. I am elementari, ma si tratta in realtà di immagini iconography interested in forcing the observer to think of volutamente incompiute, storie da definire, photography not as a simplified caption of vicende da indagare, significati ambigui e solo abbozzati. Mi reality but as an experience to be investigated and cominteressa così forzare lo spettatore a pensare alla fotografia pleted, a relational and shared art.” non come una didascalia semplificata della realtà ma come O.B.: “The colour is the colour of the Mediterranean. The una esperienza da indagare e completare, un’arte relazionale black and white are the shadows of the Mediterranean e partecipata. light.” O.B. - Il colore è il colore del Mediterraneo, il bianco e nero What does Capri represent for Olivo and Francesco? sono le ombre della luce del Mediterraneo. F.J.: “Capri was one of the places where I went on holiCosa rappresenta Capri per Olivo e Francesco? day as a child, a land of discoveries, a geography of deF.J. - Da bambino Capri è stata uno dei luoghi della mie vacanze, velopment and experiences, like New York for Salinger’s un territorio di scoperte, una geografia di formazione ed Holden Caulfield.” esperienze, come la New York del Giovane Holden di Salinger. O.B.: “The colour ‘blue’.” O.B. - Il colore blu. What is your favourite place, glimpse or view of the isQual è il vostro luogo, scorcio o vista preferiti dell’isola ? land? Where its spirit is strongest? Dove la sua anima è più forte? F.J.: “Matermania at 7 a.m., Mount Solaro at 1 p.m., the F.J. - Alle sette Matermania, alle tredici il monte Solaro, alle lighthouse at 7 p.m. and Tragara at 1 a.m. diciannove il faro, all’una Tragara. O.B.: “Villa Malaparte – the island becomes coherently O.B. - Villa Malaparte, l’isola si fa coerentemente moderna e modern and futuristic, almost a launch pad for astrofuturibile, quasi una rampa di lancio per astronauti. nauts.” La prima volta che avete visto l’isola The first time you saw the island. F.J. - Non ricordo, ero bambino. Ma l’emozione e la paura F.J.: “I can’t remember, I was a child. But the feelings and di fronte ai notturni di Diefenbach sono tra i primi ricordi the fear stirred by Diefenbach’s nocturnals are amongst capresi che ho. my first memories of Capri.” 66 Capri | The Divine Coast

Francesco Jodice, 2013 Two images of the exhibition Suggestioni capresi, 100 anni dopo Diefenbach

D ’ A L E S S I O

Aurora Vino Enoteca - Wineshop

Longano, 10 Capri T +39 0818374458

F A M I L Y

Aurora Champagne Fuorlovado, 7/9 Capri T +39 0818370181

Aurora Shop

Capodimonte, 60 Anacapri T +39 0818373018

e x e c u t i v e

F R A N C O

c h e f

A V E R S A

Aurora Ristorante Fuorlovado, 18 Capri T +39 0818370181 F +39 0818377134

www.auroracapri.com

aurora@capri.it mia@capri.it

cover story

Omaggio a Napoli tribute to naples

text Giovanni Bogani photo Armando Gallo Sophia Loren, leggenda del cinema mondiale, dedica il suo nuovo film a Napoli e alle donne Sophia Loren, the legend of world cinema, dedicates her latest film to Naples and women Dai balconi delle case, la gente le grida: “Sofi’! Sofi’! Si’ ‘o cor’ ‘e Napule!”. Lei, ringrazia e saluta. Come se fosse una divinità che benedice. Sophia Loren. Una delle più grandi leggende dello schermo di tutti i tempi. Ha ricevuto una proposta di matrimonio – rifiutata – da Cary Grant. Ha vinto un Oscar, un Golden Globe, un Oscar alla carriera, il premio come migliore attrice a Cannes, la coppa Volpi a Venezia, un Leone d’oro alla carriera, un Orso d’oro alla carriera, sei David di Donatello, due Nastri d’argento. Nel Guinness dei primati è l’attrice italiana più premiata nel mondo. Eppure, per lei, l’universo intero non vale uno sguardo ai vicoli della sua Napoli. E’ tornata lì, in quei vicoli, nel quartiere popolare di Santa Lucia, per girare un film diretto dal figlio, Edoardo Ponti. Tre giorni di riprese, e poi una visita, personale, commossa, ai luoghi della sua infanzia. “Sono andata a vedere la strada dove sono cresciuta, a Pozzuoli, in via Solfatara”, confessa. “Sono tornati in me tanti ricordi, e mi sono commossa”. Il film è una trascrizione della Voce umana di Jean Cocteau in dialetto napoletano. Tutti gli esterni sono stati girati a Napoli. A Palazzo Reale, nel rione Sanità, e appunto a Santa Lucia. “E’ la Napoli degli anni Cinquanta, che ho conosciuto nella mia adolescenza, prima di partire per inseguire il sogno del cinema”, dice Sofia. Signora Loren, di che cosa parla il film? Di una donna che si batte per amore. In una camera da letto, Angela è al telefono con il suo amore che l’ha lasciata, e che schiva le sue domande. E’ una storia che avevo in mente di fare da quando avevo visto il film con Anna Magnani. Lo scrittore Erri De Luca ha tradotto le parole di Cocteau in dialetto napoletano, conservandone la musicalità. Ci tenevo a recitarlo in napoletano, una lingua viscerale. Il cast tecnico è straordinario… Sì: alla fotografia c’è Rodrigo Prieto, che ha diretto la fotografia di Argo, il film che ha trionfato agli Oscar, e le scenografie sono di Maurizio Sabatini, premio David di Donatello. I costumi sono di un fuoriclasse napoletano, Mariano Tufano. Quando sarà presentato il film? 70 Capri | The Divine Coast

People greet her from the balconies and cry: “Sofi’! Sofi’! You are the heart of Naples”. She thanks and waves her hand at them, like a goddess blessing the worshippers. Sofia Loren. One of the most legendary movie stars of all times. She was proposed to by Cary Grant. She won an Academy Award for best actress, one Golden Globe, an honorary Academy Award, Best Actress Award in Cannes, the Volpi Cup in Venice, the special Gold Lion award in Venice, the honorary Golden Bear Award, six David di Donatello prizes, two Nastri d’Argento. She is the world’s most highly awarded Italian actress. And yet, to her, the whole world is worthless compared to the alleys of her hometown, Naples. She recently went back to Naples, to the working-class neighborhood of Santa Lucia, to shoot for a role in a film directed by her son Edoardo Ponti. Three days of shooting and then a private, very touching visit to the places of her childhood. “I went to see the street where I grew up, Via Solfatara , in Pozzuoli- she says-. I was flooded with memories and got very emotional”. The film is an adaptation of the Voce Umana by Jean Cocteau in Neapolitan dialect. The film was entirely shot on location in Naples. At Palazzo Reale, in the Sanità and Santa Lucia neighborhoods. “It is the Naples of the fifties, the one I experienced in my teenage years, before I left to pursue the dream of becoming an actress.” Mrs. Loren, what is the film about? About a woman who fights for love. Angela is in the bedroom talking on the phone with the man who just left her and evades her questions. It is a role I have been wishing to play ever since I watched the film starring Anna Magnani. Writer Erri De Luca translated Cocteau’s words into Neapolitan dialect while preserving the musicality of the original text. I really wanted to play the role in Neapolitan dialect, a visceral language. The technical cast is amazing… Yes, it is. The director of photography is Rodrigo Prieto, the same of Academy-awarded film Argo; the art director is Maurizio Sabatini, who was awarded the David di Donatello prize. The costume designer is a great Neapolitan man, Mariano Tufano.

Sophia Loren, born on 20 September 1934, is one of the world’s most legendary movie stars. During her long career she won two Academy Award Capri | The Divine Coast 71

cover story

1

3

5 72 Capri | The Divine Coast

2

4

6

1. La Ciociara 2. Una giornata particolare 3. 4. PrĂŞt-Ă -Porter 5. Arabesque 6. A portrait of the actress

cover story

From left: La baia di Napoli, Pane, amore e..., Matrimonio all’Italiana In autunno, al Teatro San Carlo di Napoli, e a Parigi per i cinquant’an- When will the film be premiered? ni della morte di Cocteau. Next fall, at the San Carlo Theatre in Naples, and in Paris on the occasion Aveva quattordici anni quando Anna Magnani portò sullo schermo of the 50th anniversary of Cocteau’s death. La voce umana, diretta da Rossellini. Perché ha scelto di affrontare You were fourteen years old when Anna Magnani played in the film La questo testo? voce umana, directed by Roberto Rossellini. Why have you chosen to Perché proprio quella interpretazione è stata uno dei motivi che mi bring this story to the big screen? hanno spinto a diventare attrice. Il ruolo di Angela è un sogno che Because Anna Magnani’s role in that film is one of the reasons why I coltivavo da quarant’anni. decided to be an actress. The role of Angela is a dream I have been cultiChi è il personaggio di Angela? vating for forty years. E’ una donna che soffre per amore. In quel personaggio c’è tutta Who is Angela? la mia vita. Per interpretare questo ruolo, ho studiato per più di un She is a lovesick woman. That character represents my whole life. I have mese!. been studying for over a month to play that role! Signora Loren, ma è vero che ha ancora paura ad affrontare un Mrs. Loren, is it true that you are still nervous every time you perform teatro, un pubblico? before an audience? Certo! Io sono arrivata nel mondo del cinema da un piccolo paesino Of course! I come from a small town near Naples. When I first started, I vicino a Napoli. Non conoscevo nessuno, non appartehad no idea what the motion-picture world was like, I did nevo a questo mondo. E davvero, io ho sempre paura not know anyone, I did not belong to that world. And I am di non essere all’altezza. Il colpo d’occhio di un teatro still really afraid of not being up to the task. The very sight mi fa tremare le ginocchia, ancora adesso…. of a theatre still makes me shiver… ‘I am still really Davvero è ancora timida? Are you really so shy still? afraid of not I am always telling myself: “Sofia, stop it! You have done Mi dico sempre: ‘Sofia, smettila! Hai fatto tante cose, nella vita. Non puoi agitarti sempre! E invece niente: being up to so much in your life. You cannot always get so anxious!” . sono sempre emozionata. Sembro spavalda, ma sono the task. The And instead, I just can’t help feeling nervous. I look bold, una persona molto timida. I am actually very shy. very sight of but Arriviamo alla sera dell’Oscar a Roberto Benigni. Il Let’s talk about the Oscar night and Roberto Benigni. a theatre still You shouting “Robertoooooooo” is one of the greatest suo grido, “Robertoooooooo!”, è rimasto nella storia. L’aveva preparata così? makes me Oscar moments ever. Had you rehearsed it? No, io faccio tutto d’istinto. Cerco di pensare prima I am always very spontaneous. I try to think before shiver’ No, a quello che devo fare, ma non ci riesco quasi mai. acting, but I can rarely do it. I had a moment’s hesitation L’esitazione che avevo avuto un secondo prima era dovuto al fatto before saying his name because I didn’t have my glasses. Mine was a cry of che non avevo gli occhiali. Il grido ‘Robertooooo!’ era un grido di sol- relief when I saw the name Benigni written in capital letters on the card. lievo, quando ho visto nella busta il nome Benigni scritto in grande. Over the years, there has been much talk about you and Gina LolloNegli anni si è parlato moltissimo della sua rivalità con Gina Lollo- brigida being rivals. How did things actually go? brigida. Com’è andata veramente? There has simply never been any rivalry at all, as far as I’m concerned. Semplice. Non c’è mai stata rivalità, da parte mia. When looking back over your entire career, is there something you reC’è qualche cosa, guardando tutta la sua carriera, che non rifareb- gret? be? No, I would do everything all over again. I was afraid of dropping out of No. Rifarei tutto. Lasciai la scuola, Pozzuoli, con molta paura. Mia school in Pozzuoli. My mother told me: “Don’t worry, you’ll make it, you’ll madre mi disse: dai, vedrai che ce la farai. Avrai ruoli da protagonista, play leading roles, in Rome, in the movies”. She was right in the end. a Roma, nel cinema. Alla fine, aveva ragione. Have you ever felt tempted to go back? Mai avuto voglia di tornare indietro? Thousands of times. Back to my family, my aunts, to Pozzuoli. I was Mille volte. Di ritrovare la famiglia, le zie, Pozzuoli. Paura di non far- afraid I would never make it. I summoned what strength I had. But cela. Ho insistito. E se non ci fosse stata mia madre a incoraggiarmi, without my mother there to encourage me, I am not sure I would have non so se ce l’avrei fatta. made it. Capri | The Divine Coast 73

interview movie

Come un’atleta Like an athlete

text Alessandra Lucarelli - photo Fabio Lovino Teatro, cinema, televisione. Il fascino inarrestabile di Fabrizia Sacchi Theatre, films, television. Fabrizia Sacchi’s relentless charm ‘Ho una fisicità quasi normanna: bionda, occhi azzurri, carnagione molto chiara, ma avrei voluto che le mie origini partenopee, che non rappresentano soltanto una provenienza ma un vero e proprio modo di essere, fossero più presenti nella mia carriera. Ultimamente ci sono riuscita: ho portato sul palco dei personaggi che parlano in napoletano, che non è un semplice dialetto ma una lingua teatrale profondamente spettacolare.’ Fabrizia Sacchi, versatile attrice di teatro, cinema e televisione, esordio nel grande schermo con Tracce di vita amorosa di Peter del Monte nel ‘90 e da allora un susseguirsi di grandi interpretazioni dirette, tra i più famosi, da Luca Guadagnino, Bernardo Bertolucci e Paolo Virzì, con il suo ultimo film, Viaggio Sola di Maria Sole Tognazzi - miglior commedia ai Nastri d’Argento 2013 - si è aggiudicata la nomination come miglior attrice non protagonista ai David di Donatello. Il film ruota intorno alla figura di Irene, una quarantenne single che lavora come ispettrice alberghiera. In viaggio continuo da un hotel di lusso all’altro, nessun marito né figli, una donna indipendente che basta a se stessa e che condivide i suoi affetti con la sorella Silvia, interpretata da Fabrizia Sacchi, le due nipotine e l’ex fidanzato. Soddisfatta? Sono molto felice per il successo di questo film. Maria Sole è una delle mie più care amiche da anni e abbiamo cercato di incontrarci su un set molte volte, senza mai riuscirci, fino a Viaggio Sola. Il film parla di libertà, un concetto a cui ognuno attribuisce un significato diverso e secondo me lei è riuscita ad affondare il tema svincolandolo da pregiudizi e falsi moralismi. Ha fatto un ottimo lavoro, cercando sempre di tirare fuori il meglio da noi e da se stessa. Ruolo dopo ruolo, un attore capisce sempre qualcosa di più del proprio lavoro e il personaggio di Silvia (la sorella di Margherita Buy, che a differenza della protagonista è sposata e con due bambini, ndr) è arrivato in un momento di maggior consapevolezza personale. Sono più contenta adesso di rivedermi sullo schermo, aspetto molto delicato per un attore. Il film mi sta regalando tante 74 Capri | The Divine Coast

“I have Norman-like features: fair hair, blue eyes, a very pale complexion, but I would have enjoyed being able to express more clearly my Neapolitan origins, which are not only a matter of birth but of attitude, in my professional life. Lately, I have been able to do exactly that: I have played several Neapolitanspeaking characters. The Neapolitan dialect is more than a dialect, it is a very theatrical language”. Fabrizia Sacchi, a versatile stage, film and television actress, made her debut on the big screen with Tracce di vita amorosa by Peter del Monte in 1990, followed by many other successful roles in films directed by Luca Guadagnino, Bernardo Bertolucci and Paolo Virzì. For the latest role she played in the film Viaggio Sola by Maria Sole Tognazzi – best comedy film at the Nastri d’Argento 2013 festival- she earned a David di Donatello nomination as best supporting actress. The film tells the story of Irene, a forty-year-old single woman who works as a luxury hotel inspector. She travels from one hotel to another, has no husband nor children, an independent woman who, nonetheless, relies on her sister Silvia, played by Fabrizia Sacchi, her two nieces and exboyfriend. Are you pleased with the film? Yes, I am very satisfied with the results of this film. Maria Sole is one of my dearest friends and we have tried to work together for years but in vain, until Viaggio Sola. The film is about freedom, a word that has many meanings, and she was able to tackle the subject without prejudices and false moralism. She did a very good job and got the best out of us and herself. An actor learns more and more about acting role after role and I played Silvia (Margherita’s sister who, unlike the leading character, is married and has two children) feeling much more self-confident than usual. Now I enjoy watching myself acting, a delicate issue for any actor. The film is making me very happy. Theatre, big screen, small screen. Where do you feel

Fabrizia Sacchi, nata a Napoli il 10 febbraio 1971, è un’attrice italiana di cinema, teatro e televisione. Fabrizia Sacchi, born in Naples on 10 February 1971, is an Italian film, theatre and television actress

interview movie

Fabrizia Sacchi in her latest movie, Viaggio Sola, directed by Maria Sole Tognazzi emozioni. more at ease? Teatro, cinema e televisione. Se le chiedessi dove si sente più On stage, unfortunately. As soon as I graduated from a suo agio? the Silvio D’Amico Drama School, I was lucky enough A teatro, purtroppo. Appena uscita dall’accademia naziona- to meet a great teacher, Leo De Berardinis, from whom I le d’arte drammatica Silvio D’Amico ho avuto la fortuna di learnt how to provide and enjoy a true theatrical experiincontrare un grande maestro come Leo De Berardinis e ho ence as both an actor and a viewer. Just a few days ago, respirato un modo di lavorare autentico, in grado di regala- I discussed my thesis on this subject: it is something I re una vera e propria esperienza teatrale sia come attore che feel very passionate about. I said “unfortunately” because spettatore. Mi sono laureata con una tesi proprio su questo, working in the theatre is an art which needs to be greatly pochi giorni fa: è una cosa che sento moltissimo. Dico pur- supported, by actors and by the government. troppo perché quella teatrale è un’arte che oggi ha bisogno di You once said that an actress can never sit on her hands: essere sostentata moltissimo, da noi attori e dallo stato. what is Fabrizia Sacchi doing now? Ha affermato che un attore non può stare I never stay still: besides working in the thesenza far niente: in cosa si impegna oggi Faatre or on the set, I’m a wife and mother and, brizia Sacchi? few days ago, I took my degree. Now I will ‘An actor is like aprobably Non mi fermo mai. Oltre al lavoro in teatro o start playing the clarinet again or an athlete: he take singing lessons. An actor is like an athsul set sono una moglie e mamma di una bambina, Emma, e mi sono laureata pochi giorni can never stop, lete: he can never stop, he must go on training. fa. Adesso non lo so… riprenderò il clarinetmust train his mind, but also his voice and he must go on He to o magari un corso di canto. L’attore è come body. It is something I enjoy and I am fond training. He of, I just manage to find the time to do everyun atleta: non può stare fermo, deve allenarsi continuamente. Deve allenare la cultura, l’inmust train his thing. telligenza ma anche i suoi mezzi come la voce mind, but also What has working in the theatre and on set e il corpo. Sono tutte cose che mi piacciono e you? his voice and taught mi appassionano, cerco di trovare il tempo per Two very specific yet different things. The body’ motion-picture world is based on teamwork, fare tutto. Cosa le ha insegnato il cinema, e cosa il teatro? you have to learn to pay attention to what other people Due cose precise e molto diverse tra di loro. Il cinema è un are doing: from light to sound to the camera. It is very lavoro di squadra, fondamentalmente tecnico, dove bisogna different from working in the theatre, where the actor’s imparare a tenere conto degli altri: dalle luci alla fonica alla responsibility is definitely higher, though technology is macchina da presa. E’ un lavoro diverso da quello teatrale, equally important. dove la tecnica conta tantissimo ma la responsabilità degli Where will we be seeing you next? attori è indubbiamente maggiore. I will be soon touring with a production of Mercadante Dove la vedremo prossimamente? di Napoli, Il Silenzio della Ragione, made out of Il mare non Ho fatto una produzione del Mercadante di Napoli, Il Silenzio bagna Napoli by Anna Maria Ortese. I will also perform in della Ragione, tratto da Il mare non bagna Napoli di Anna Ma- the play Servo per Due, the first theatre production by Pierria Ortese, che porteremo in tournée. Debutteremo a Caserta francesco Favino, an adaptation of Goldoni’s Il servitore di con Servo per Due, la prima produzione teatrale di Pierfran- due padroni, which will be premiering in Caserta and then cesco Favino, un adattamento de Il servitore di due padroni di will go to Salerno and, hopefully, to Naples and Milan next Goldoni, che porteremo anche a Salerno e spero a Napoli e winter. In January 2014, I will be starring in a TV series Milano il prossimo inverno. A gennaio andrà in onda su Sky on channel Sky 1992 about Mani Pulite, alongside Stefano 1992, una serie su Mani Pulite prodotta e interpretata da Ste- Accorsi who is also the producer and, on January 14, I fano Accorsi e il 14 dello stesso mese sarò al Teatro Nuovo di will be performing in a show by Neil LaBute at the Nuovo Napoli con uno spettacolo di Neil LaBute. Theatre in Naples. 76 Capri | The Divine Coast

Above, a portrait of Vittorio De Sica. Below, the actor and film director toghether with his sons Manuel and Christian

movie interview

Di figlio in padre From son to father text Alessandra Lucarelli

La musica di Manuel De Sica e il cinema del padre Vittorio The music of Manuel De Sica and the cinema of his father Vittorio

Sono tanti i film che legano il maestro del cinema italiano Vittorio de Sica a Napoli e la Costiera Amalfitana. Dalla sua interpretazione in Pane amore e…, girato a Sorrento, che lo vede protagonista a fianco di Sophia Loren e diretto da Dino Risi, o al divertente ruolo in Vacanze a Ischia di Mario Camerini, presentato durante l’inaugurazione dell’hotel Regina Isabella di Ischia. Sempre l’isola di Ischia è stata il teatro della realizzazione di Caccia alla volpe, e poi Napoli, dove il padre del Neorealismo è stato celebrato più di una volta: diretto da Amleto Palermi in Napoli d’altri tempi e Napoli che non muore o regista di film memorabili come L’oro di Napoli, Il giudizio universale o Matrimonio all’Italiana con Sophia Loren e Marcello Mastroianni. La vita sul set, il lavoro con gli attori, il rapporto con i grandi autori si alternano a ricordi di infanzia e aneddoti di vita familiare nell’autobiografia Di figlio in padre, scritta dal figlio Manuel e edito da Bompiani. Compositore, vincitore di numerosi premi come il Globo d’Oro della Stampa Estera per la colonna sonora di Ladri di saponette, Nastro d’Argento per Al lupo, al lupo di Carlo Verdone, e David di Donatello per la colonna sonora di Celluloide di Carlo Lizzani, con Il giardino dei Finzi Contini ha guadagnato una nomination all’Oscar è da venti anni è il presidente dell’Associazione Amici di Vittorio De Sica che si occupa di restaurare i suoi più grandi capolavori. Quando ha scoperto il potere della musica per un film? Da piccolo ero il dj di casa, sempre vicino ai 78 giri di mio padre. Quando avevo cinque, sei anni andai a vedere La donna che visse due volte e rimasi impressionato dall’attrice, Kim Novak, e dalla musica del compositore Bernard Herrmann: fu allora che capì come la musica potesse diventare il più grande effetto speciale per un film. Ha realizzato le colonne sonore per moltissimi film di suo padre. Come nacque tutto questo? Nel ’68, con la mia prima colonna sonora per il film Amanti. Avevo diciannove anni e mio padre, pur conoscendo le mie doti per la musica, mi riteneva troppo giovane. Fu Mastroianni che mi sug-

There are many films that tie the master of Italian cinema, Vittorio de Sica, to Naples and the Amalfi Coast. From his performance in Bread, Love and Dreams, shot in Sorrento, alongside Sophia Loren, and directed by Dino Risi, or the fun role in Mario Camerini’s Holiday Island, presented during the inauguration of the Hotel Regina Isabella on Ischia. The island of Ischia was again the theatre of creation for After the Fox, and then Naples, where the father of neo-realism was celebrated more than once, directed by Amleto Palermi in Napoli d’altri tempi and Naples that Never Dies or director of such memorable films as The Gold of Naples, The Last Judgement or Matrimonio all’Italiana with Sophia Loren and Marcello Mastroianni. Life on the set, working with the actors, the relationship with the great authors, are interspersed with childhood memories and anecdotes of family life in his autobiography, Di figlio in padre (From Son to Father), written by his son Manuel and published by Simon and Schuster. Composer, winner of numerous awards, including the Foreign Press’ Golden Globe for the soundtrack of Ladri di saponette, the Silver Ribbon for Al lupo, al lupo by Carlo Verdone, and the David di Donatello for the soundtrack of Celluloide by Carlo Lizzani, with The Garden of the Finzi Contini he earned an Academy Award nomination and for twenty years, he has been the president of the Friends of Vittorio De Sica Association where he is restoring his greatest masterpieces. When did you discover the power of music in a film? As a child I was the house DJ, always close to my father’s 78’s. When I was five or six years old I went to see Vertigo and was impressed by the actress, Kim Novak, and the music by composer Bernard Herrmann: that was when I realized how music could become the biggest special effect for a movie. You’ve done soundtracks for many of your father’s films. How did all this begin? In ‘68, with my first soundtrack for the movie Amanti. I was nineteen years old and my father, despite knowing about my Capri | The Divine Coast 79

movie interview

The book cover Di figlio in padre by Manuel De Sica and some photos of the De Sica family gerì di fare dei provini per conto mio: il mio pezzo fu mandato ad talent for music, felt I was too young. It was Mastroianni who Ella Fitzgerald, che accettò di cantarlo, e allora entrai di diritto nel suggested I try on my own: my piece was sent to Ella Fitzgerald, who agreed to sing it, and then I went straight into the cast tecnico del film. Qual è il ruolo della musica nel cinema e quanto è cambiata oggi, technical cast of the film. What is the role of music in film and how much has it dal realismo di suo padre alla simulazione elettronica di oggi? La funziona è sempre la stessa, di complemento. Il musicista deve changed today, from your father’s realism to the electronic vestire un film, come farebbe un sarto, deve tenere ben presenti simulation of today? le proporzioni della propria musica. E’ importante che la colonna The function is always the same, to complement it. The musician has sonora sia fatta anche di silenzi, di rumori, di effetti speciali e non to dress up a movie, as a tailor would, keeping in mind the proportions solo di musica come accadeva nel cinema muto, quando rappre- of his own music. It’s important that the soundtrack also be made of sentava tutte le doti acustiche di un film. Nel tempo le proporzioni silences, noises, special effects and not just music, as it was in the silent sono cambiate molto: negli anni ‘40 la musica ha inondato le co- film era, when it represented all the acoustic qualities of a film. Over lonne sonore, poi siamo tornati ad una misurazione. Il processo è time, the proportions have changed a lot: in the 40s music flooded the molto sofisticato oggi per l’aggiunta dell’elettronica, che ritengo scores, then things became more measured again. The process is very dovrebbe essere usata a parte, perché rappresenta suoni che non sophisticated today with the addition of electronics, which I believe should be used apart, because they represent sounds è possibile ottenere acusticamente, è una funzione that can not be obtained acoustically. It’s another funcsupplementare. Il film più amato da suo padre era Umberto D, ‘The musician tion again. has to dress The film your father loved the most was Umberto D, nonché il primo restaurato dall’associazione da lei fondata. Cosa amava di questo film? E’ lo stesso up a movie, as and it was the first restored by the association you What did he love about this movie? Is this che preferisce anche lei? a tailor would, founded. your favourite too? Per me hanno valore anche tanti altri film come keeping in For me many other films as Shoeshine, Bicycle Thieves or Sciuscià, Ladri di Biciclette o Miracolo a Milano, ma capisco perchè mio padre fosse particolarmente lemind the Miracle in Milan are valuable, but I understand why my was particularly attached to Umberto D. It was gato a Umberto D. E’ il film meno concessivo per il proportions father the film that was the least accessible for the general pubblico facile della platea: parla di vecchiaia, di of his own audience: it speaks of old age, human dignity, very nondignità umana, elementi poco commerciali. Mio pamusic’ commercial things. My father felt the film needed to be dre lo considerava il film da proteggere. Se c’è una protected. If there’s one thing I can say with certainty cosa che posso dire con certezza, è che lui era un grande anticonformista, non stava alle regole, ha sempre cercato di trasgredire it’s that he was a great maverick. He didn’t follow the rules, but always il luogo comune e il comune modo di intendere la vita. Era dalla sought to go beyond the commonplace and the common way of underparte dei deboli: per lui il culto del superuomo era da sfatare, po- standing life. He was on the side of the weak: for him, the cult of the superman was something to debunk. It could only lead to dictatorships. teva portare solo a delle dittature. What are your next projects? Quali sono i prossimi progetti? Da venti anni mi occupo di restaurare il cinema di mio padre, For twenty years I’ve been restoring my father’s films. Now I want to adesso voglio trasferire il fondo dell’associazione alla cineteca di transfer the collection to the Cinematheque Association of Bologna Bologna dove penso che potranno continuare il lavoro meglio di where I think they can continue the job better than I can, and I hope me e con cui spero di restaurare Umberto D. Nel frattempo sto to restore Umberto D with them. Meanwhile, I’m looking for funds to cercando fondi per il restauro de Il giardino dei Finzi Contini. Poi restore The Garden of the Finzi Contini. Then I’ll start all over again. I’d ricomincerò da capo, vorrei pensare ad altri film considerati mino- like to work on films that are considered smaller, like These Children ri come I bambini ci guardano e Il tetto. Continuo a comporre per il and Il tetto. I’m still composing for film and recently I started to write cinema e da poco ho ricominciato a scrivere musica da concerto, concert music again. My work as a composer of absolute music is also performed. sono eseguito anche come compositore di musica assoluta. 80 Capri | The Divine Coast

Vittorio De Sica together with the icon actresses of his film, like Sophia Loren and Gina Lollobrigida. On the left of the page, a portrait of Manuel De Sica, son of Vittorio, composer and author of the book Di figlio in padre (ed. Bompiani)

Capri | The Divine Coast 81

AnarChicPunk Orli asimmetrici tendenti al lungo. Spalle importanti. Trine gotiche. E’il nuovo chaos della couture Asymmetric hems verging on long. Big shoulders. Gothic lace It’s the new couture chaos

Marta Innocenti Ciulli photo Andrea Varani make up and hair Karin Borromeo

Marni Long fur vest over flared dress Bangle Rafida Bijoux Leather bracelets Valentino Ring KD2024 Sandals Marni on the left Louis Vuitton Three-quarter length overcoat with huge shoulders. Mini dress with flared skirt and halter-neck bodice Earring Givenchy Bracelets Riccardo Forconi at Faliero Sarti Shoes Bruno Bordese

Gucci Sheath dress with lace on the bodice and shoulders Earring Givenchy Ring KD2024 Shoes Bruno Bordese

Rochas Three-quarter length skirt with box pleat at front paired with boiled wool jacket Earrings Givenchy Leather bracelets Riccardo Forconi at Faliero Sarti Shoes Bruno Bordese

Viktor & Rolf Fur bolero with 他 length sleeves Pants Lanvin

Valentino Heavy lace sheath dress with ruffle joined to the hem Earring Givenchy Ring KD2024 Shoes Prada

Ermanno Scervino Skirt with asymmetric hem and pleating on the side. Sleeveless corset Scarf Faliero Sarti Bracelets Riccardo Forconi at Faliero Sarti Shoes Bruno Bordese

Bottega Veneta Unfinished jacket with diamond-shaped inlays. Straight skirt Earring Givenchy

Miu Miu Double-breasted jacket with fur collar. Three-quarter length skirt Shoes Miu Miu Scarf Miu Miu 90 Firenze | Tuscany

Chanel Suit in heavy-weight fabric: jacket with big collar, double-length skirt Ring KD2024 Shoes Prada

Christian Dior Double-breasted heavy jacket with four patch pockets Nipple covers Bordelle Ring KD2024 Skirt Lanvin Shoes Prada

Prada Skirt with asymmetric hem, low-cut pullover and vest with shoulder knot Earrings Givenchy Belt Prada Shoes Prada Bag Prada

Villa Verde capri restaurant MenÚ che spazia dalle specialità di mare ai gustosi piatti della tradizione locale, le proposte gastronomiche di Villa Verde esaltano i sapori ed i profumi della cucina mediterranea. La cantina è fornita delle migliori etichette di vini esteri e nazionali e di grandi distillati.

Vico Sella Orta, 6 - CAPRI, NA - Italy - Tel. +39 .081.837.7024 www.villaverde-capri.com

must have bags

2 1

3

Wallet, cell phone, make-up, a book… Have you left anything behind? Don’t worry, your bag-friends have grown up! 6

5

7

8

44 6

Maxi è meglio Maxi is better

by Sabrina Bozzoni 1. Louis Vuitton -via Camerelle, 16a - Capri 2. Gucci - via Camerelle, 25-27 Capri 3. Salvatore Ferragamo - via Vittorio Emanuele, 21-29 - Capri 4. Valentino - via Camerelle, 23 - Capri 5. Hermès - via Camerelle 43 - Capri 6. Tod’s - piazza Umberto I, 8 - Capri 7. Fiore - via Vittorio Emanuele - Capri 8. Ermanno Scervino - via D. Morelli, 19/21 - Napoli Capri | The Divine Coast 95

“Conosci tu il paese dove i limoni fioriscono, nel verde dei fogliami fulgon le arance d’oro? Johann Wolfgang von Goethe

Ristorante Paolino Capri - Via Palazzo a Mare, 2 ph +39 0818376102

must have shoes

3 1

5 8

2

Your ankles are safe with the latest cult-shoes for the winter to come. Choose the loveliest ones and have fun

4

6 10

7 11

9

Arrivano le alte

Here come the long-legged

by Sabrina Bozzoni 1. Ermanno Scervino - via D. Morelli, 19/21 - Napoli 2. Salvatore Ferragamo - € 895 - via Vittorio Emanuele, 21-29 - Capri 3. Marni - www.marni.com 4. Miu Miu - at Della Martina - viale Ariosto, 4/b - Capri 5. Prada - via Roma 2 - Capri 6. Gucci - via Camerelle, 25-27 Capri 7. Fendi - € 936 - via Camarelle, 8/b - Capri 8. Casadei - € 600 - via Camerelle, 55 - Capri 9. Tod’s - piazza Umberto I, 2 - Capri 10. Chanel - www.chanel.com 11. Hermés - € 1.670 - via Camerelle, 43 - Capri Capri | The Divine Coast 97

must have trends

2 1

3

They are going to be your wrists’ best friends. Show them off on coats and pullovers and they will be grateful to you 6

5

7

8

44 6

Bracciali d’inverno Winter bracelets

by Sabrina Bozzoni 1. Louis Vuitton - via Camerelle, 16a - Capri 2. Salvatore Ferragamo - via Vittorio Emanuele, 21-29 - Capri 3. Chanel - www.chanel.com 4. Ermanno Scervino - via D. Morelli, 19/21 - Napoli 5. Gucci - via Camerelle, 25-27 Capri 6. Marni - www.marni.com 7. Emilio Pucci - via Camerelle, 65 - Capri 8. Fendi - via Camerelle, 8/b - Capri Capri | The Divine Coast 99

“Splendida protagonista delle notti capresi�

Taverna Anema e Core - Via Sella Orta 39/e - 80073 Capri - Italia Tel +39 3924742508 +39 0818376464 +39 0818370278 - Info: animaecore.com

must have travel bags

2 1

“Sweetly travelling, slowing down and then speeding up, with the rhythm of life in your heart, gently and softly on the engine” 6 7

3

5 8

44 6

Sì, viaggiare Yes, travelling

by Sabrina Bozzoni 1. Ermanno Scervino - via D. Morelli, 19/21 - Napoli - 2. Gucci - via Camerelle, 25/27 - Capri 3. Louis Vuitton - via Camerelle, 16a - Capri 4. Hermès - from € 3.000 - via Camerelle, 43 - Capri 5. Prada - via Roma 2 - Capri 6. Tod’s - piazza Umberto I, 2 - Capri 7. Zegna -€ 1.295 - via Vittorio Emanuele, 42 - Capri 8. Fendi - € 1.350 - via Camerelle, 8/b - Capri Capri | The Divine Coast 101

fashion jewels

Come il mare a like the sozezoni

by Sabrina B Pietre preziose su anelli che incantano, colorate di quelle profonde acque di cui l’isola è la sola regina Precious stones on magic rings, as deep blue as the sea over which Queen Capri rules

1

5

2

6

3

4

7

8

9

1. Bulgari 2. La Campanina 3. Pomellato 4. Annamaria Cammilli 5. Chopard 6. Damiani 7. Vhernier 8. Desiderio Gioielli 9. Gucci 10. Faraone Mennella 102 Capri | The Divine Coast

fashion what’s jewels cool

10 Capri | The Divine Coast 103 Firenze | Tuscany

divine itineraries

Casa ‘Capri’ Capri houses

text Riccardo Esposito photo courtesy Edizioni La Conchiglia Un nuovo libro di Tito Fiorani ‘L’Isola nell’Isola’ racconta il fenomeno dell’utopia abitativa a Capri The latest book by Tito Fiorani ‘L’Isola nell’Isola’, describes Capri’s house utopia Gran parte delle storie raccontate in questo libro custodiscono, come un cuore segreto e pulsante, un’utopia: un’idea elaborata attraverso un chiaro progetto di vita o una confusa emersione di desideri, un accumulo di frustrazioni; perseguita sulla scia di letture e conoscenze; affermata grazie a precise convinzioni e solide fedi o, semplicimente, per un inconscio anelare. Impossibile indagare l’infinita varietà dei casi umani che spinse tante persone a scegliere l’Isola quale luogo ideale per la concreta attuazione del loro sogno utopico, per pochi giorni o per un’intera esistenza. Queste ‘vite insulari’ sembrano essere, spesso, un semplice autoesilio o un desiderio di perseguire una pervicace marginalità; altre volte appaiono come una sfacciata volontà di esaltare la centralità del proprio ego. Tutti, comunque, erano attratti dall’Isola ma le motivazioni di questa fascinazione, così irresistibile, sono difficili da spiegare e classificare. Ci sono, però, epoche, come i primi decenni del Novecento, durante le quali queste presenze, con il loro rispettivo carico di sogni e progetti, si sono maggiormente concentrate e, a volte, relazionate, creando un clima unico e irripetibile ed un nuovo idioma comune, una sorta di ‘lingua insulare’, utile a superare le diverse culture e nazionalità che affollavano l’Isola. Sulle isole Moro e Campanella individuano società perfette ed inalterabili nei loro meccanismi fuori dal tempo e, sempre sulle isole, fin dall’epoca di Omero l’uomo individua il fantastico ed il monstrum. L’isola è sempre stata limes, ovvero contatto tra forme diverse di realtà: sede di delizie e tormenti, di naufragi e rinascite, di libertà e reclusioni è essa stessa, nella sua essenza fisica, detentrice di contraddizioni non appartenendo più al mondo acquoreo e instabile e non essendo ancora terra, ferma e immobile. 104 Capri | The Divine Coast

Most of the stories told in this book hide a utopia, like a secret and throbbing heart: an idea stemming from a clear life project or a confused surfacing of wishes, a build-up of frustrations; pursued through reading and knowledge; based on firm beliefs and convictions or, simply, on unconscious longing. It is impossible to explore the endless variety of human cases that led so many people to choose the Island as the ideal place for the concrete realization of their utopian dream, whether for a few days or an entire life. These “insular lives” often appear to be a mere self-imposed exile or the wish to pursue obstinate marginality; at times, they even seem to be the shameless attempt to place emphasis on the centrality of one’s ego. These people were, however, all attracted to the Island, but the reasons of such an irresistible attraction are difficult to explain and classify. There was a time, such as the early 1900s, during which these people, with their load of dreams and projects, converged on the island and, at times, established relationships with one another and gave life to a unique atmosphere and a new common idiom, a sort of “insular language” which helped them overcome the different cultures and nationalities between them. Moro and Campanella described the gathering of perfect societies, inalterable in their timeless mechanisms, on islands and, since the age of Homer, mankind has been identifying islands with the “imaginary” and the monstrum. The island has always been limes, that is, the contact between different forms of reality: it is, in its physical essence, the seat of pleasure and torment, of failure

divine itineraries

Above Casa La Capria, below La Petrara Capri | The Divine Coast 105

divine itineraries

1

3

5 106 Capri | The Divine Coast

2

4

6

1. Edwin Cerio’s house in via Tragara, in the center Edwin Cerio 2. Maksim Gor’kij at Villa Blaesus 3. Marchesa Luisa Casati Stampa at Villa San Michele 4. Charles Coleman Caryl (on left) at Villa Narcissus 5. Norman Duglas and Graham Green at Villa Tuoro 6. Alberto Moravaia at Villa Cellese in Anacapri

divine itineraries

From left: Villa Torricella, the cover of the book ‘L’Isola nell’Isola’, Villa Malaparte È l’isola, dunque, elemento in movimento e trasformazio- and renaissance, of freedom and imprisonment, it is ne, di collegamento tra mondo ctonio e sfera celeste, di filled with contradictions, as it does not belong to the difficile catalogazione e, addirittura, di poca probabile in- watery and unstable world anymore, but it is not still dividuazione. and motionless land yet. Quasi tutti i protagonisti di questo libro concepiscono Therefore, the island is an element in motion and of l’isola di Capri come un contenitore ma è la casa la vera ongoing transformation, a link between the chthonian manifestazione epifanica della loro personale utopia, sia world and the celestial sphere, difficult to classify and essa un piccolo appartamento o un vasto edificio, un rifu- even, at times, to identify. gio tra rocce o un vero e proprio castello. Most of the main characters of this book see the Il simbolo fortissimo ed ancestrale del tempio-palazzo si island of Capri as a container, but the house is the concretizza, così, con tutte le sue molteplici valenze, nel true epiphanic manifestation of their personal utopia, luogo che per eccellenza accoglie e coltiva l’idea utopica: whether a small apartment or a big building, a refuge ne scaturisce un legame indissolubile tra l’Isola e queste among the rocks or a veritable castle. dimore, vere e proprie insule, da cercare, realizzare, modifi- Therefore, the ancestral and deeply-rooted symbol care secondo sogni e progetti. of the temple-palace comes true, in all its many Da ciò principia il viaggio in questo vero e meanings, in the place that best welcomes proprio arcipelago di isole, nell’Isola. Cosicand cultivates the utopian idea: the ché se conosciamo dimore come quelle, tra Journey through Island and these houses,- true islands a very special themselves, to be found, built, modified le altre, di Cerio, di Munthe, di Fersen o di Malaparte che ancor oggi manifestano una archipelago according to dreams and projects- are precisa filosofia progettuale, con particolari e in one indissoluble bond. made of islands connected caratteristiche che ci raccontano dei loro arteThat is where the journey through this (all Capri’s archipelago of islands on the Island fici, della loro vita e della loro cultura, altre, pur conservando un’idea di base tuttora indihouses born begins. Some houses, such as Cerio’s, viduabile, presentano forme più o meno eviout of utopian Munthe’s, Fersen’s and Malaparte’s, denti ed accentuate di contaminazione, stratia specific design philosophy and ideas) reflect ficazione e fusione tra stili, gusti e aspettative feature details and characteristics that on the Island “tell about” their creators, their life and propri dei vari proprietari e abitanti. Altre case ci offrono soltanto piccole e sbiadite tracce di culture, while others, though based on a solid, easily lontane presenze, di episodi felici o tragici; altre, ancora, identifiable idea, show clear and noticeable signs esibiscono profondissime alterazioni, insanabili stravolgi- of contamination, stratification and blending of the menti, ricercate violenze. owners’ and residents’ styles, tastes and expectations. Alcune si camuffano sotto altri nomi e altre, infine, non Some houses bear small and faded traces of human sono neanche più individuabili se non attraverso una loca- presence, of happy or tragic events: others feature lità, una strada o un vago ricordo. very deep changes, irremediable distortions, marks of Tutte, in ogni caso, ci parlano, perché questo è quello che studied violence. chi ha realizzato o abitato queste case voleva succedesse: Some are hidden behind different names and others esse, infatti, dialogano ancora con noi di un amore antico are simply referred to by the name of the place or the per questa terra, di passioni e illusioni, di gesti nobili e street on which they are located, or cling to a vague miserie umane, di vite vissute pienamente o di esistenze memory. sprecate. All of them, however, speak to us, because that is Tutte ci raccontano di un’utopia che, inevitabilmente, si è what they were built for, that was the owner’s or scontrata con la disillusione, con la disfatta, la sconfitta o resident’s intention: they describe the age-old love Capri | The Divine Coast 107

divine itineraries

Grace Field’s Canzone del Mare più semplicemente con il disincanto o la semplice e natu- of this land, passions and illusions, noble gestures or rale morte. Molte di queste persone, però, sapevano che human misery, long lives lived to the fullest or, on the le isole nascondono la capacità di accogliere e coltivare contrary, completely wasted. progetti utopici ma anche, ineludibile, quella di generare They all describe a utopia which, inevitably, clashes distopia. with disillusion, defeat, or more simply with Si naviga, comunque, in un arcipelago in gran parte ancora disenchantment or natural death. However, most of inesplorato, che riserva sempre nuove scoperte e appro- these people were aware that islands can welcome fondimenti: a volte si sbarca su di una nuova isola scono- and cultivate utopian visions, as well as, unescapably, sciuta dopo labili accenni, suggerimenti, colgenerate dystopia. legamenti; qualche volta, grazie a insperate Most of this archipelago is still unexplored “mappe”, si arriva a disotterrare veri e propri and the journey through it may lead tesori; sempre, comunque, si riesce a tesseto many new discoveries: sometimes, re una sorta di rete dinamica e in continua a new island is discovered by chance; espansione in cui ogni persona e ogni casa Island utopias sometimes, unhoped-for maps reveal descritte rimandano o interagiscono con al- are often true treasure-troves; in any case, each tre ancora da indagare. hidden behind person and house is related and leads to Bisogna esser consapevoli che questa ricerca other in a sort of dynamic and fastanonymous or each potrebbe non aver mai fine anche perché le changing network. utopie insulari spesso si nascondono dietro unsuspected We must be aware that we may have esistenze, e abitazioni, anonime o insospetta- lives and ventured on an endless journey, because homes bili. insular utopias are often hidden behind Tutti i personaggi che si incontrano in questo libro, si può anonymous or unsuspected lives and homes. esser certi, si sono svegliati una mattina nella loro dimora We can be sure that all the characters told about in sull’Isola, in quella casa, ricordando un fugace sogno not- the book woke up one morning in their house on the turno in cui vi era solo una finestra aperta verso il cielo Island, in that house, recollecting a fugacious dream terso e azzurro di Capri, un cielo senza un tempo, senza un in which a window was open onto Capri’s blue and passato né un futuro. cloudless sky, a timeless sky, with no past nor future. In quel sogno, e solo in quel sogno, l’utopia si realizzava: In that dream, and only in that dream, the utopia non rimaneva altro che quel cielo sereno, una brezza leg- came true: nothing but the clear sky, the light seagera e un frinire di cicale. breeze and the cicadas chirping were left. 108 Capri | The Divine Coast

Above La Pergola di Tragara, in the center Edwin Cerio, below Tempietto at Villa Torricella

divine history

Some pictures of Curzio Malaparte with his dog Febo in Lipari (above) and at Casa Malaparte in Capri (below) 110 Capri | The Divine Coast

divine history

Non ho mai voluto bene a una donna, a un fratello, a un amico, quanto a Febo. Era un cane come me. Era un essere nobile, la più nobile creatura che io abbia mai incontrato nella vita… Aveva il manto colore della luna, roseo e dorato, del colore della luna sul mare…. Era il più caro dei miei fratelli, colui che non tradisce, che non umilia. Il fratello che ama, che aiuta, che capisce, che perdona…” Se non fossi uomo, e non fossi quell’uomo che io sono, vorrei essere un cane. Non già come, come un Cecco Angiolieri, per abbaiare e mordere, ma per assomigliare a Febo. Vorrei essere un cane come lui: di pelo raso, d’un pallido colore lunare, qua e la macchiato di zone rosee, dal ventre magro, dalle cosce snelle e muscolose. La testa vorrei fine e lunga, le orecchie acute, gli occhi azzurri. E poter correre le terre, entrare in selve e fiumi in prati in monti, possedere la natura per altri sensi da quelli, per cui la posseggono gli uomini. Poter inventare il mondo, e tentar, cosi, di correggere gli errori della creazione non dal punto di vista umano, come tentano gli uomini, ma da quello di un cane. Ché vorrei essere cane proprio per tutto ciò che più ha di animale, e più in lui rivela un istinto lontanissimo da quello dell’uomo, una dignità, una libertà, una morale diverse. Prima dell’alba uscire in caccia per boschi e paludi, dietro odori tesi attraverso l’aria come fili invisibili, fiutando le impronte delle ali degli uccelli nel vento acidulo del mattino, e i lievi segni triangolari delle loro zampine rosee nell’azzurro e nel verde sospesi sui prati e sui fiumi. L’odore lontano dei fuochi di ginepri sui monti, il sapore forte del mare.

Febo,cane metafisico febo, metaphysical dog

Testo tratto da Donna come me di Curzio Malaparte - photo cortesy Malaparte Litarary Estate I’ve never loved a woman, a brother, a friend, as much as I loved Phoebus. He was a dog like me. He was a noble being, the noblest creature I have ever met in my life … He had the coat color of the moon, rosed and golden … the color of the moon on the sea .... He was the dearest of my brothers, the one who does not betray, who does not humiliate. The brother who loves, who helps, who understands, who forgives ... “ If I were not a man, and if I were not the man that I am, I would like to be a dog. Not in order to bark and bite like Cecco Angiolieri, but to resemble Febo. I would like to be a dog like him: short haired, pale moon-like colour, stained here and there with rosy spots, a thin venter, and slender and muscled thinghs. I would like my head to be thin and long, the ears pointed, the eyes blue. In order to be able to run over the land, to enter woods, rivers, fields and mountains, to possess nature through other senses than those through which men possess her. To be able to invent the world, and to try, in this way, to correct the errors of creation not from the point of view of humanity, as men do, but from the point of view of a dog. I would like to be a dog just because of his animal side, which reveals in him an instinct that is very distant from man’s; a different dignity, freedom, and morality. To go hunting in woods and marshes before the break of dawn, following smells stretched across the air like invisible threads, smelling the imprint of birds’ wings on the acidulous morning wind, and the slight, triangular prints of their rosy feet in the blue and green that is suspended over the fields and rivers. The distant smell of juniper on the mountains, the strong taste of the sea. Occasionally turning round, enjoying not only panoramas of clouds, mountains, and plains, but panoramas of smells: there not quite the woods, but the smell of Capri | The Divine Coast 111

divine history

E ogni tanto, volgendomi intorno, godermi non già panorami di nuvole, di montagne, di pianure, ma panorami di odori: là non proprio la selva, ma l’odor della selva. Laggiù non la strada, ma l’odor della strada. L’odore dei monti, laggiù, non i monti. L’odor del barrocciaio e del cavallo sulla via polverosa, non il barrocciaio e il cavallo. Mirabile dignità del cane di fronte alla natura: uno stato quasi direi virile, uno stato stoico, e rivela non soltanto la serenità di una ragione aliena da pretesi pittorici e sentimentali, sperimentata ai disinganni delle immagini, ma una suprema saggezza, un alto equilibrio dei sensi, una chiara coscienza del proprio essere, in rapporto all’inquieto mondo, e romantico, della natura. Una natura ricca di odori, non di colori: di suoni, non di immagini. Ed essenziale appunto per la sua armonia senza senza forma. Talché non andrei incontro al pericolo, cui soggiacciono gli uomini, d’esser traditi e corrotti da ciò che essi chiamano bellezza. Che l’erba sussurri, che l’acqua del ruscello scorra limpida tra rive fiorite, che le foglie mormorino nel vento lieto, che gli alberi, i monti e le nuvole sorgano nell’aria trasparente: io non avrei da difendermi dalle magiche arti della natura, dagli inganni delle apparenze che essa di continuo crea e distrugge, né dei sentimenti che essa inspira nell’animo umano. Ma trascorrendo libero in verdi selve, in erbe, in acque felici, obbedirei soltanto all’intima forza animale, e solo conterebbe per me il ritmo del mio sangue, l’elastica prontezza dei muscoli. Degna di nobile invidia è appunto questa libertà del cane di fronte alle lusinghe della natura, questo suo straordinario potere di libera scelta. E quantunque paia che il cane dipenda dall’uomo, ne sia lo schiavo, il suo destino è autonomo, libero e solitario. Dal mio amico Febo, più che dagli uomini, dalla loro cultura, dalla loro vanità, ho imparato che la morale è gratuita , è fine a se stessa, che non si propone neppure di salvare il mondo: ma soltanto di creare sempre nuovi pretesti al proprio disinteresse, al proprio libero gioco. L’incontro fra un uomo e un cane è sempre l’incontro fra due spiriti liberi, fra due forme di dignità, fra due morali disinteressate. Il più gratuito degli incontri. E non v’è momento, nella mia vita, di cui serbi un ricordo altrettanto vivo e puro quanto del mio primo incontro con Febo. [...] the woods. There not the road, but the smell of the road. There the smell of the mountains, but not the mountains. The smell of the carter and the horse on the dustry road, not the carter and the horse. The admirable dignity of the dog in front of nature: an almost virile state, a stoic state, which reveals not only the serenity of a reason that is alien to pictorial and sentimental pretexts, experienced with the disillusion of images, but a supreme wisdom, a high equilibrium of the senses, a clear conscience of its being in relation to the restless and romantic world of nature. A nature rich of smells, not colours; of sounds, not images. And essential precisely because of her formless harmony. In order not to be prey to the danger to which men are subject, to be betrayed and corrupted by what they call beauty. May the grass whisper, may the stream water run limpid between the blooming banks, may the leaves murmur in the soft wind, may the trees, the mountains and the clouds rise in the transparent air: I would not have to defend myself from the magical arts of nature, from the deceit of appearances that she continuously creates and destroys, nor from the feelings that she inspires in the human mind. Freely passing time in green woods, in grasslands, in happy waters, I would only obey the inner animal strength, only the rhythm of my blood would count, the elastic swiftness of the muscles. It is worthy of envy, this freedom of the dog before the lure of nature, this extraordinary power of free will. And even though it might seem that the dog depends on man, that he is his slave, his destiny is autonomous, free and solitary. It is from my friend Febo more than from the culture and the vanity of men that I have learnt that morals are gratuitous, an end in themselves, they do not even propose to save the world: but only to create ever more pretexts for their disinterestedness, for their free play. The encounter between a man and a dog is always the encounter between two free spirits, between two forms of dignity, between two disinterested morals. The most gratuitous of encounters. And there’s no moment, in my life, which I remember as alive and pure as my first encounter with Febo. [...] 112 Capri | The Divine Coast

divine history

Febo followed Malaparte in his wanderings and died of old age in Capri Capri | The Divine Coast 113

divine itineraries

La Capri di Friedrich Krupp Friedrich Krupp’s Capri text Maria Giusy Riccetti

E’ lungo la via Krupp che affiora la Capri da cartolina, la più fotografata It is along the Via Krupp that we can see the picture postcard Capri, the most photographed Capri Il “re dei cannoni”, così fu ribattezzato Friedrich Alfred Krupp, l’industriale tedesco che tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento divenne l’uomo più ricco della Germania dopo aver ricevuto in eredità l’acciaieria di famiglia, in seguito convertita in una grande fabbrica di armamenti. Krupp scoprì Capri nel 1898, non come turista, ma per motivi legati a una lieve depressione. Il suo alloggio a Capri consisteva in una suite di quattro stanze, dalla n. 9 alla n. 12, all’Hotel Quisisana. In effetti, sull’isola, Krupp non ebbe mai una dimora di proprietà e in attesa di costruire quella che doveva essere un’immensa villa, aveva acquistato il vasto terreno situato fra la Certosa di San Giacomo e il Castiglione. Su questo terreno aveva fatto edificare un parco ribattezzato dopo la I Guerra Mondiale giardini di Augusto, nome che ha mantenuto sino ai giorni nostri. I giardini sono tutt’oggi costituiti da una serie di terrazze fiorite che si affacciano da un lato sui faraglioni e dall’altro sulla baia di Marina Piccola. Nell’intento di dare un contributo significativo all’eredità architettonica di Capri, l’industriale aveva acquistato anche la grotta di fra’ Felice ristrutturata in una piccola abitazione di due piani e raggiungibile tramite un ponticello pied-à-terre dove era solito ritrovarsi con alcuni illustri amici. Si racconta che Krupp attraccasse con il suo panfilo, il Majia, a Marina Piccola ma trovava alquanto scomodo raggiungere la sua suite al Quisisana. Talvolta percorreva un piccolo sentiero alquanto pericoloso, che portava dalla Certosa alla Grotta dell’Arsenale e proprio per questo, nel 1900, commissionò all’ingegner Emilio Mayer, per sole 43.000 lire, una strada che da Marina Piccola si inerpicasse fino alla zona della Certosa di San Giacomo e dei Giardini di Augusto. L’industriale, con questa richiesta, apportò un mutamento tangibile all’assetto morfologico dell’isola poiché l’ingegnere tagliò la roccia a vivo e superando un dislivello di circa 114 Capri | The Divine Coast

The “king of the guns” was the nickname given to Friedrich Alfred Krupp, the German industrialist who, in the late nineteenth and early twentieth century, became the richest man in Germany. After inheriting the family steel mill, he converted it into a large arms factory. Krupp discovered Capri in 1898, not as a tourist, but for reasons related to a mild depression. His accommodation on Capri was a suite of four rooms, from no. 9 to no. 12, at the Hotel Quisisana. In fact, Krupp never owned a mansion on the island, and he was waiting to build what was to be an immense villa. He had purchased a large tract of land between the Certosa di San Giacomo and Castiglione. He had a park built on this land and after the First World War, it was renamed the Giardini di Augusto, a name it has kept to this day. The gardens are still a series of flowered terraces that overlook the faraglioni rocks on one side and the bay of Marina Piccola on the other. With the idea of making a significant contribution to the architectural legacy of Capri, the industrialist had also bought the Grotta di Fra’ Felice which was renovated into a small house with two floors and accessible by a bridge. Here he used to meet with some famous friends. The story is that Krupp docked his yacht, the Majia, at Marina Piccola, but that it was very inconvenient for reaching his suite at the Quisisana. Sometimes he walked a narrow and rather dangerous path, leading from the Certosa to the Grotta dell’Arsenale and it was because of this that in 1900, he commissioned the engineer Emilio Mayer, for just 43,000 lira, to design a road from Marina Piccola to the area of Certosa di San Giacomo and the Giardini di Augusto. The industrialist, with this request, brought about a tangible morphological change to the island, since the engineer cut through the rock to bypass an altitude difference of about one

divine itineraries

Ingresso della Grotta di Fra’ Felice The entrance to the Fra Felice Grotto All images are from ‘Krupp a Capri’ Sergio Civita Editore Capri | The Divine Coast 115

divine itineraries

1

3

5 116 Capri | The Divine Coast

2

4 1. The group of Krupp’s friends during one of their gatherings, from left, the barber Adolfo Schiano 2. The Quisisana 3. Federico Alfredo Krupp 4. The Krupp footpath 5. The Maya yacht that Krupp brought to Capri for deep-sea fishing

divine itineraries

cento metri costruì una delle più spettacolari strade del hundred meters, thus building one of the most spectacular mondo. Una serie di tornanti così stretti da sembrare roads in the world, with a series of switchbacks so tight that sovrapposti. La via Krupp, è sicuramente la costruzione they appear to overlap. che più lega il nome dell’industriale tedesco a Capri, una Via Krupp is most certainly the thing that best connects the strada a tornanti arditissimi che si snoda sui pendii molto name of the German industrialist to Capri. It is a road of ripidi e scoscesi situati fra i Giardini di Augusto e la severe switchbacks that winds along the very steep slopes Marina Piccola, una strada che è una vera e propria opera that lie between the Giardini di Augusto and Marina Piccola, d’arte di urbanistica moderna e che costituisce ancora a road that is a true work of art in modern urban planning oggi, dopo un consistente restauro, una and which is still today, after a substantial delle maggiori attrazioni turistiche dell’isola renovation, one of the leading tourist attractions dei faraglioni. Forse non tutti sanno che, of the faraglioni. Perhaps not everyone knows nonostante il suo impegno sociale volto alla The Via Krupp that despite his social commitment aimed at valorizzazione dell’isola, la sua passione per the island, his passion for marine certainly is the enhancing la biologia marina lo portò a collaborare per biology led him to collaborate in some research construction for the Naples Zoological Station. alcune ricerche con la Stazione Zoologica di most closely The islanders soon learned that Krupp had Napoli. Ben presto i capresi scoprirono che Krupp era affetto da piccole manie, come associated with his little quirks, such as not wanting to reveal ad esempio quella di non voler rivelare la identity to strangers and pretending to the German his propria identità con gli estranei e fingersi be without means. Although everyone knew industrialist who he was, Krupp deluded himself with the privo di mezzi. Nonostante tutti sapessero chi fosse, Krupp s’illudeva esattamente del in Capri opposite idea and dreamed of living with the contrario e sognava di vivere con i pescatori fishermen of Capri. He was a controversial and di Capri. Fu dunque un uomo controverso e stravagante, extravagant man, so rich that he could have bought the entire un uomo così ricco che avrebbe potuto comprarsi l’intera island instead of a single cave. isola invece di una sola grotta. Tuttavia, in pochi anni, However, in a few years, Krupp became a sort of “guardian Krupp divenne una sorta di “nume tutelare” di Capri che, angel” for Capri, and despite the scandal that he became nonostante lo scandalo che lo coinvolse e lo costrinse ad involved in and that forced him to leave the island, the abbandonare l’isola, volle conferirgli la cittadinanza. islanders wanted to give him citizenship. Capri | The Divine Coast 117

art interview

Promesse mancate, per fortuna! Broken promises, thankfully! text Francesca Lombardi

Sebastiano Mauri, al Capri Palace a ottobre, si racconta. Sebastiano Mauri, at the Capri Palace in October, talks about his life and art Sarà al Capri Palace a ottobre per il progetto curato da Arianna Rosica, Artists in Residence. Noi abbiamo sentito Sebastiano Mauri da New York, prima del suo arrivo. Abbiamo parlato di arte, di libri e della sua Capri. Sentendoti parlare della tua famiglia emerge un quadro bellissimo. Di una famiglia aperta, progressista. La famiglia che tutti vorrebbero avere. Quanto ha inciso la tua educazione in quello che sei oggi, come uomo e come artista? Direi molto, ma probabilmente è vero per tutti. L’impronta famigliare, il contesto dominante nei primi anni della nostra vita, non può che lasciare un segno. Non è detto però che si finisca per emularla, a volte ci si forma proprio per contrasto. Così come un punk a bestia può provenire da un ambiente restrittivo e convenzionale, una ragazza tutta casa e chiesa può essere il risultato di una famiglia molto liberale. Per quel che mi riguarda, nonostante da piccolo guardassi La famiglia Bradford in TV con una certa esotica fascinazione, sono felice di avere avuto un’infanzia fuori dagli schemi. Gli schemi, in generale, vanno per lo meno guardati con sospetto, mai darli per scontati. Prima di parlare dell’arte, due parole sul successo editoriale del tuo libro. L’ironia fa parte del tuo carattere o è una cosa che si impara strada facendo? Sicuramente fa parte del mio carattere, è un metodo spontaneo per esorcizzare i fantasmi. Ma l’ironia, come ogni cosa, si può affinare. Si può imparare a conoscere i cibi di cui si nutre, gli ambienti in cui prospera, i personaggi che la rendono euforica. L’ironia, per esempio, ama molto i cattivi accostamenti: un nudista e una suora bloccati fianco a fianco su una seggiovia, o una pornostar eletta a pieni voti in parlamento che si rivolge agli onorevoli chiamandoli cicciolini. Quando ti sei liberato della promessa al compagno di banco, la bella macchina e la donna figa che fa girare gli uomini al ristorante? Comunque troppo tardi. Bisognerebbe risolvere il problema alla radice e smettere di fare promesse ai propri compagni di banco. Per me, come credo per la maggior parte delle persone, non è stato un momento preciso, piuttosto un percorso in salita lungo e tortuoso. 118 Capri | The Divine Coast

He will be at the Capri Palace in October for the Artists in Residence project. Sebastiano Mauri spoke with us from New York, before his arrival. We talked about art, books and “his” Capri. Hearing you talk about your family, a beautiful picture emerges of an open, progressive family, the family that everyone would like to have. How did it influence what Sebastian is today, as a man and as an artist? A lot, I would say, but that’s probably true for everyone. The imprint from family, the dominant context in the early years of our lives, inevitably leaves a mark. Not necessarily will you come to emulate it though, sometimes your formation is actually based on conflict. Just as a punk-a-bestia, or “gutter punk” individual can come from a restrictive and conventional environment, a very reserved girl, all hearth and home, can be the result of a very liberal family. As far as I’m concerned, even though as a child I watched “Eight Is Enough”on TV with a certain fascination for the exotic, I’m happy to have had an unconventional childhood. Schemes, in general, should at least be viewed with suspicion, never taken for granted. Before talking about art, a few words about the publishing success of your book. Is irony part of your character or is it something that you learn along the way? Surely it’s part of my character, a spontaneous method for facing one’s demons. But irony, like everything else, can be improved. You can learn about the foods it eats, the environments in which it prospers, the characters that make it euphoric. Irony, for example, loves bad combinations: a famous Italian porn star, called Cicciolina, elected to Italian parliament with flying colours, who addresses the members calling them her cicciolini When did you free yourself from the promise made to your classmate, the nice car and the cool chick who turned men’s heads at the restaurant? Too late, in any case. I should solve the problem at the root and stop making promises to my classmates. For me, as for most people, I think, it was not a specific moment, but rather a long and wind-

On this page, a few works from the Altars series that Mauri will bring to the Capri Palace in October and a portrait of the artist Capri | The Divine Coast 119

art interview

A series of recent works by the artist Forse ancora in atto. Quello che dispiace, a conti fatti, è tutto il tempo ing path uphill. Perhaps still in progress. What I’m sorry about, in passato dedicandosi all’impresa più futile del mondo: lottare the end, is all the time spent devoted to the most futile enterprise contro se stessi, una parte meravigliosa di se stessi poi, quella che in the world: fighting against oneself, against a wonderful part of offre e cerca amore. oneself, the part that offers and searches for love. Quali opere porterai al Capri Palace a ottobre? What works will you bring to the Capri Palace in October? Porterò alcune opere della serie Altars. Sono altarini che I will bring some works from the Altars series. They are small alsovrappongono tradizioni iconografiche molto diverse tra loro, tars that superimpose very different iconographic traditions such come la messicana, l’indiana, o la napoletana, il Made in China as Mexican, Indian, or Neapolitan, “Made in China” and globalized e il serialismo globalizzato. Offrono la propria devozione alle serialism. They offer their devotion to the most diverse gods, withdivinità più diverse, senza alcuna discriminazione, incluse le out any discrimination, including the “homeless” deities, those divinità senzatetto, quelle appartenenti alle cosiddette religioni belonging to the so-called dead religions, stripped of church and morte, spogliate di chiesa e devoti. devotees. Qual è il tuo rapporto con la religione, che entra anche nel tuo What is your relationship with religion, which also comes into linguaggio artistico? your artistic language? Lungo e complesso. A otto anni, per mia volontà, a scuola mi sono Long and complex. When I was eight years old, by esonerato da religione. Per quanto lo desiderassi my choice, at school I was exempted from studying con tutto il mio cuore, non credevo a una parola Religion. As much as I wanted to, with all my heart, di quello che mi veniva detto, mi sentivo preso in I did not believe a word of what I was told, I felt giro. fooled. Poi, a solo undici anni, ho iniziato a fare yoga e Later, when I was just eleven, I started doing yoga “At best, life and through the reading of some Indian texts such attraverso la lettura di alcuni testi indiani, come l’autobiografia di Paramhansa Yogananda, per and artistic as the autobiography of Paramhansa Yogananda, to citarne uno, per lo meno la dimensione spirituale production name one, at least the spiritual dimension began to ha iniziato a far parte del mio immaginario. Col part of my imaginary world. Over time, I stopped advance be tempo, ho smesso di essere così rigido: ora, quando being so rigid: now, when it happens, I let myself hand in hand, believe. mi capita, mi permetto di credere. Il soggiorno di Capri prevede anche degli incontri in constant Your stay in Capri will also include meetings with con gli studenti. Parlerai di vita o di arte? Will you speak about life or art? dialogue” students. Spero di riuscire a parlare di entrambi, anche I hope to talk about both, also because, at best, perché nei migliori dei casi vita e produzione artistica avanzano life and artistic production advance hand in hand, in constant a braccetto, in costante dialogo. Nonostante il tempo sia poco, dialogue. Although time is short, I want to focus on developing a vorrei concentrarmi sullo sviluppare un progetto insieme, più che project together, rather than simply lecturing. I think it will be an semplicemente dar cattedra. Credo sarà un’opportunità sia per opportunity for me, and for them, to learn something. me che per loro di imparare qualcosa. Do you know the island? Your favorite sight? Conosci l’isola?Il tuo scorcio preferito? Before visiting Capri, the most vivid image I had of the island Prima di aver visitato Capri, l’immagine più vivida dell’isola che was that of Villa Malaparte in Godard’s masterpiece, “Contempt.” avevo era quella di Villa Malaparte nel capolavoro di Godard, Since then, if I can set foot on a boat in Capri, I implore whoever Il disprezzo. Da allora, se riesco a mettere piede su una barca a is at the helm to take me to see the villa from the sea, to imagine Capri, supplico chiunque sia al timone di portarmi a vedere la myself on the steps of that viper, Brigitte Bardot, as bored and sexy villa dal mare, per immaginarmi sulla scalinata quella vipera di as only she knows how to be. Brigitte Bardot, annoiata e sexy come sa esserlo solo lei. The song you would want to listen to while looking out over the La canzone che vorresti sentire affacciato a una delle terrazze sea from one of the Riccio’s terraces? del Riccio? “There’s Something Between Us,” by the Daft Punk, but in good There’s something between us, dei Daft Punk, ma in compagnia. company. 120 Capri | The Divine Coast

L’hotel è situato a pochi passi dalla famosa piazzetta di capri e a pochi metri dalla piazzetta Quisisana e da via Camerelle, passaggio obbligato per gli amanti dello shopping e delle piacevoli passeggiate. A pochi minuti si trova la Certosa di San Giacomo e i deliziosi “Giardini di Augusto che sovrastano la famosa Via Krupp che, intarsiata nella roccia, collega alle spiagge di Torre Saracena e Marina Piccola. L’Hotel Sanfelice gode di grande tranquillità per coloro che hanno scelto un soggiorno di completo ”relax”. La zona pedonale assicura una quiete a tutto l’ambiente. Tra i vari servizi di cui dispone l’Hotel Sanfelice per i suoi clienti vi è una splendida piscina, con ampio solarium e idromassaggio circondata da un giardino con piante, limoni e fiori colorati. L’hotel dispone di copertura Wi-Fi gratuita in tutta la struttura, compresi gli spazi esterni (sala colazione, hall, piscina e snack bar piscina). Accesso alla piscina consemtito anche agl ospiti di altri hotel su richiesta.

Via Li Campi 13, 80073 Capri (Na) - Italia - Tel: +39 081 8376122 - Fax: +39 081 8378264 www.hotelsanfelice.com - info@hotelsanfelice.com

cover story

Some works by Peter Demetz on show at Capri’s White Room Art System Gallery 122 Capri | The Divine Coast

art interview

Classico contemporaneo The contemporary classic text Francesca Lombardi

Intervista a Peter Demetz, in mostra a Capri alla White Room Art System Interview with Peter Demetz, on show at Capri’s White Room Art System

“Classica, misurata e insieme moderna, l’opera di Demetz non mostra soggezione rispetto alla ricerca precedente e neppure desiderio di stupire. Con assoluta semplicità governa le sue immagini evidenziando il contrasto tra i volumi delle figure e la superficie piana di un muro che definisce e limita lo spazio…”. Efficace, quasi chirurgico, come solo lui sa essere, così Vittorio Sgarbi descrive Peter Demetz, l’uomo e la sua opera. Noi l’abbiamo incontrato a Capri in occasione della mostra alla White Room Art System, con il suo gallerista, Franco Senesi. Due personalità diverse ma che trovano il loro punto di contatto nell’amore della tradizione, nella ricerca delle radici della cultura locale che riesce superare i propri confini e parlare al mondo. Così come Peter nelle sue sculture in legno di tiglio parte dall’arte di intagliare tipica della sua terra, Ortisei, Franco ricerca “ artisti che riescono a coniugare le esperienze e la cultura locale a un linguaggio internazionale”. Proprio quello che Demetz propone con assoluta semplicità: “ La scelta del legno è da rintracciarsi nella mia formazione – spiega l’artista – ma la peculiarità di usare legno di tiglio è frutto di una ricerca espressiva: così naturale, quasi carnoso, conferisce alle figure che scolpisco quel calore proprio dell’essere umano. I miei bassorilievi hanno parti cosi sottili che riuscirei a ottenere lo stesso risultato solo con il metallo, dovendo rinunciare però al calore di cui parlavo prima” Il suo processo creativo parte da una immagine fotografica? O si tratta di uomini e donne frutto della sua immaginazione? Parto sempre da un’ immagine fotografica, perché voglio cogliere i soggetti che ritraggo nella loro naturale intimità. Il mio ricordo sicuramente idealizzerebbe pose e figure, sarebbe un allontanarsi dal vero. La sua è una umanità composta e silenziosa , ma il suo lavoro non è malinconico. Che messaggio vuol dare a chi guarda?

“Classic, measured and yet modern. Demetz’s artwork is not conditioned by the artist’s previous works nor does it tend to be stupefying. With the utmost simplicity, it underlines the contrast between the figures’ volumes and the plane of wall that delimits the space..” . This is Vittorio Sgarbi’s effective and vivid description of Peter Demetz, the man and his artwork. We met him in Capri on the occasion of his exhibition at the White Room Art System, with the gallery owner, Franco Senesi. Two different personalities who share the love of tradition and local culture that goes beyond its boundaries and speaks to the world. Just like Peter’s lime wood sculptures draw inspiration from the art of carving typical of his hometown, Ortisei, Franco pursues “ artists who are able to express local experiences and culture by using an international language”. The one that Demetz offers with the greatest simplicity: “The use of wood can be traced back to my roots- explains the artist- but the choice of using lime wood is the fruit of artistic research: it is so natural, nearly fleshy, it lends human warmth to my carved figures. My bas-relief works are so thin that I would need to use metal to create them, but I would have to give up the abovementioned warmth”. Does your creative process begin with a photograph? Or do these men and women exist only in your imagination? My creative process always begins with a photograph because I wish to capture my subjects in their most natural privacy. Memories tend to idealize poses and figures, to stretch the truth. Yours is an orderly and silent humanity, but your works are not melancholic. What message are you sending out to the viewer? Capri | The Divine Coast 123

Cosa voglio cogliere è un momento molto intimo, di assoluta I wish to capture a very intimate moment of absolute riflessione e introspezione. In questo non c’è malinconia, reflection and introspection. There is nothing melancholic anzi. Il fatto di non scolpire mai elementi esterni intorno about this, on the contrary. Not having external elements alle figure aiuta il processo d’ identificazione dello spettatore around the figures helps the viewers with the identification e contiene anche un messaggio ulteriore, quasi un invito, a process and sends out another message: it invites them valorizzare la nostra dimensione intima e profonda senza to enhance their most intimate and deepest dimension perdersi nei condizionamenti esterni. Spesso mi chiedo se without being conditioned by the outside world. I often questo messaggio è forse più che altro rivolto a ask myself if I am simply sending out a me stesso… message to myself… L’estrema semplicità e delicatezza con cui Peter The utmost simplicity and tact with which parla del proprio lavoro e della mostra alla White Peter describes his works and the exhibition Room di Capri fa eco alle parole dello stesso “Lime wood at Capri’s White Room echoes the gallery gallerista: “ Quello che mi colpisce in un’opera is so natural, owner’s words: “What strikes me the most d’arte è che ti da modo di fare una riflessione about a work of art is that it allows you to it lends su un aspetto del mondo che non avevi ancora reflect upon an aspect of the world that you valutato” ci racconta alla richiesta di cosa lo human had never considered before” he says when emoziona nell’arte oggi. “ Il mercato dell’arte warmth we ask him what he is moved by in the current contemporanea è però legato troppo alla finanza to my carved art world. “The contemporary art market is – continua – Pur partecipando ai suoi circuiti figures” too closely associated with finance- he goes in maniera attiva, attraverso fiere soprattutto on-. I believe that artwork should be restored internazionali, ritengo che sia necessario che l’opera d’arte to a more central role in the selection process of gallery torni centrale nella ricerca di galleristi e collezionisti, senza owners and art collectors, without underestimating the sottovalutare l’aspetto economico che rimane chiaramente importance of the economic aspect and of the role of importante” international trade shows”. In questo la scelta di Demetz per una delle sue cinque gallerie Demetz’s choice for one of his five galleries- the one in - quella di Capri, a cui forse è più emotivamente legato in Capri he is probably most fond of as it is the place of his quanto luogo della sua infanzia e adolescenza - è una sorta di childhood and teenage years- is a sort of kept promise. promessa mantenuta. Perché l’umanità di Demetz emoziona e Because Demetz’s humanity is touching and speaks to the parla all’anima, come solo l’arte autentica riesce a fare. soul, like only true art can. 124 Capri | The Divine Coast

Peter Demetz and some works on show in Capri. Born in Ortisei, where he currently lives, he trained as a sculptor in Capri

A few sketches by Enrico Prampolini that are part of the exhibition Prampolini. The Capri Sketchbooks 1946 - 1948 curated by Gianluca Riccio 126 Capri | The Divine Coast

art exhibition

Isola Futurista The Futurist Island cconta Una mostra ra ico l futurista Enr il rapporto de Capri Prampolini e of the curated tells n, tio An exhibi urist tween the Fut relationship be Capri d an i Prampolin artist Enrico L’isola futurista come emerge dai pria seconda casa, dove trascorre “taccuini capresi” di Enrico Pram- lunghi periodi di vacanza, sin dalla polini (Modena 1894 - Roma 1956) sua prima visita nel 1919. Ci torna costituisce il primo tassello di un nel 1922, in compagnia di Marinetprogetto pluriennale teso ad inda- ti e di una compagine di artisti e gare proprio sullo strettissimo rap- intellettuali futuristi. L’occasione porto fra questo nutrito gruppo di è offerta dal Convegno del Paesagpittori e il luogo, l’isola di Capri, gio organizzato dall’allora sindaco promosso dall’associazione Il Ro- Edwin Cerio che intendeva così sario e ora presentato in una mo- valorizzare il paesaggio caprese stra curata da Gianallontanando l’isoluca Riccio, aperta la dalle «sdolcinate fino al 18 agosto alla Prampolini rappresentazioni che Certosa di San Gia- was the da mezzo secolo ne como. La mostra si leader of vanno facendo i merconcentra su un nu- the Futurist canti di pittura». E le cleo, finora inedito, opere realizzate da movement di lavori di piccole Prampolini nel corso dimensioni - tre tac- who had the di quella “dolcissima cuini contenenti cir- most lasting estate” – una quaranca 200 disegni - rea- relationship tina tra dipinti, diselizzati da Prampolini with Capri gni e acquerelli – senegli anni immediagnano un suo ritorno tamente successivi alla seconda al mestiere di pittore. guerra mondiale (1946-48). “Ma cosa ci facevano a Capri i Prampolini è stato l‘esponente del futuristi, gli spregiatori del pasmovimento futurista che ha avuto satismo italiano, i nemici dell’imil rapporto più duraturo con l’isola mutabilità monumentale – si nella prima metà degli anni ’50, ar- chiede Gianluca Riccio nella sua rivando a identificarla come luogo dotta presentazione della mostra ideale per la creazione artistica e –, i cantori della velocità e delamatissimo rifugio. Una vera e pro- le macchine? Perché, fin da quel

The futurist island as it emerges from the “Capri sketchbooks” by Enrico Prampolini (Modena 1894 - Rome 1956) is the first step in a long-term project aimed at investigating the very close relationship between this large group of painters and the place, the island of Capri, sponsored by Il Rosario and now showing in an exhibition curated by Gianluca Riccio, open until August 18, at the Certosa di San Giacomo. The exhibition focuses on a hitherto unpublished core of small works - three sketchbooks containing about 200 drawings - done ​​by Prampolini in the years immediately following the Second World War (1946-48). Prampolini was the leader of the Futurist movement that had the most lasting relationship with the island in the first half of the 1950s, coming to identify it as the ideal place for artistic creation and a truly beloved refuge. This was a real home away from home, where he spent long holidays, since his first visit in 1919. He

returned in 1922, in the company of Marinetti and a group of Futurist artists and intellectuals. This opportunity arose through the Landscape Conference organized by the then mayor Edwin Cerio, who wanted to enhance Capri’s landscape by moving away from the “sentimental images that art dealers had been peddling for half a century.” And the works by Prampolini in the course of that “sweet summer” - forty paintings, drawings and watercolours - mark his return to the profession as a painter. “But what were the Futurists doing on Capri? Those despisers of Italian traditionalism, the enemies of monumental immutability”, asks Gianluca Riccio in his scholarly presentation of the exhibition. “Those who sang the praises of speed and machines? Why was it on Capri, from that 1922, that they found, in the stillness of the south, their soul place?” The answer is simple: “Futurism, in this case, marks a parenthesis that is more apparent than Capri | The Divine Coast 127

Enrico Prampolini in Capri 1922, trovarono proprio a Capri, nell’immobilità del sud, un loro luogo dell’anima?” La risposta è semplice: “Il futurismo marca in questa presenza una parentesi più apparente che reale: da quando, nel terzo decennio dell’Ottocento, ebbe inizio la fortuna moderna di Capri, i pittori calati sullo scoglio sono legione ben più numerosa di quella, pur numerosissima, degli scrittori. Questo, con buona pace delle parole d’ordine dell’avanguardia, succede perché Capri è infallibilmente ‘pittoresca’, anche se ti ci rapporti con spirito rivoluzionario”. Un rapporto con l’isola e il suo mondo che per il pittore modenese rimarrà strettissimo anche nei taccuini dell’immediato dopoguerra. La mostra dei tre taccuini che risalgono al 1946-48 presenta circa 200 disegni. “Sono immagini che risaltano la centralità dell’isola - sostiene il curatore Gianluca Riccio - nell’immaginario dell’artista in questi anni cruciali: l’avvicinamento a soluzioni neocubiste condotto attraverso una felice sintesi di ragioni formali ed ele128 Capri | The Divine Coast

menti tipici dell’iconografia e del real: since, in the third decade paesaggio caprese, mostra come of the nineteenth century, the la ricerca dell’artista modenese si modern fortune of Capri besia ormai sganciata dalla retorica gan, the painters who came meccanicista tipica del futurismo to the rock were legion, far di ascendenza marinettiana, e more numerous than the great proceda libera, trovando ispira- number of writers. This, in the zione in una variegata gamma di watchwords of the vanguard, soggetti tratti dihappened berettamente dalla cause Capri is natura e dall’uni- The infallibly ‘picverso caprese”. turesque’, even exhibition Il percorso espothough there sitivo è arricchito of the three is a revolutionda numerosi do- sketchbooks ary spirit in the cumenti d’epoca dating back relationship”. e immagini foto- to the1946This relationgrafiche che testi- 48 period ship with the moniano quella island and its presents fitta rete di artisti, world remained scrittori e intel- about 200 very close to the lettuali che, in- drawings painter from sieme a Prampolini, frequentano Modena in the sketchbooks of Capri tra gli anni Trenta e gli anni the immediate post-war period Cinquanta (Alberto Moravia, Elsa as well. Morante, Palma Bucarelli, Giusep- The exhibition of the three pe Castello, Giuseppe Capogrossi, sketchbooks dating back to the Antonio Corpora, per citarne al- 1946-48 period presents about cuni), facendo dell’isola uno sno- 200 drawings. “They are images do di particolare rilievo nel pano- that highlight the importance rama culturale italiano dell’epoca. of the island”, says the curator

Gianluca Riccio, “for the artist in these crucial years, the approach to neo-cubist solutions conducted through a happy combination of formal reasons and elements typical of Capri’s iconography and landscape, showing how the Modena artist’s research detached itself from the mechanistic rhetoric typical of Marinetti’s type of Futurism, and moved ahead freely, finding inspiration in a diverse range of subjects drawn from the nature and universe of Capri.” The exhibition is enriched by numerous historical documents and photographs that bear witness to the dense network of artists, writers and intellectuals who, along with Prampolini, stayed on Capri between the 1930s and 1950s (Alberto Moravia, Elsa Morante, Palma Bucarelli, Giuseppe Castello, Giuseppe Capogrossi, Antonio Corpora, to name a few), making the island an important cultural hub in Italy at that time.

cover story

Above, Guido Lembo (in the center) cheered by the crowd in the Piazzetta Below, Guido Lembo with his guitar during a concert outside of Capri 130 Capri | The Divine Coast

interview music

Intorno a mezzanotte Around midnight text Teresa Favi

Guido Lembo. Oltre l’Anema e Core, appuntamento che da 20 anni trascina tutti sull’isola Beyond Anema e Core, the event that has been animating the island’s nightlife for twenty years Per le vie di Capri c’è sempre lo stesso fermento intorno a mezzanotte. Around midnight, there is always a certain hustle and bustle about Nei ristoranti i commensali si affrettano col conto, chi è seduto in the streets of Capri. Restaurant customers rush to pay the bill, people piazzetta per un drink lo finisce nervosamente, chi ha cenato in barca seated in the Piazzetta hastily finish their drinks, those who have dined impartisce le ultime disposizioni all’equipaggio prima di salire sul taxi on a boat give the last orders of the day to the crew before jumping che volerà in piazzetta. Si ritroveranno tutti sotto l’Hotel La Palma, in a taxi headed for the Piazzetta. Everyone gathers at La Palma Hotel per non tardare all’appuntamento che da quasi 20 anni trascina tutti for an event that has been animating the island’s nightlife for nearly sull’isola. Le porte si schiudono, le luci si alzano, la musica d’ascolto twenty years. The doors open, the lights go on, as the soft background lascia il passo all’accordo della Tammurriata nera: è il segnale, Guido music gives way to the Tammurriata near: it is the signal, Guido takes è salito sul palco, inizia lo spettacolo più bello dell’isola. Benvenuti the stage and the island’s most entertaining show begins. Ladies and Gentlemen, welcome to Anema e Core. all’Anema e Core. Il prossimo aprile saranno 20 anni che si ripete questo rituale e in This “ritual” will be celebrating its 20th birthday next year, in April, tutto questo tempo la piena del fiume Guido Lembo ha oltrepassato and over all these years, the ebullient Guido Lembo has gone beyond innumerevoli volte le mura della sua Taverna, travolgendo tutto lo the walls of his Taverna numberless times to infect the whole country with the enthusiasm and mirth of his show. stivale con l’entusiasmo e l’allegria del suo spettacolo. Lo incontriamo al Gran Caffè, in piazzetta, suo ritrovo abituale per We meet at the Gran Caffè, in the Piazzetta, his favourite breakfast la colazione e l’aperitivo. Il telefono squilla ripetutamente. E’ conto and aperitivo place. His phone rings non-stop. The countdown of the alla rovescia per l’appuntamento clou dell’anno del Rotary Club Rotary Club Isola di Capri’s chief event of the year has begun: the Isola di Capri: il Galà del Cuore organizzato in collaborazione con Gala of the Heart, organized with the help of Paolo Brosio’s “Olympic l’Associazione “Olimpiadi del Cuore” di Paolo Brosio. Guido sta Games of the Heart” . Guido is going over his speech and he is very definendo i termini del suo intervento ed è visibilmente emozionato. excited. The event took place on June 22nd and was very successful, L’evento si è tenuto il 22 giugno ed è stato un gran successo. Per l’isola for both the island and the organizers. How many times have you left Capri to perform outside of the e per gli organizzatori. island? Quante volte hai lasciato l’isola per una serata fuori? “La passione per la musica da sempre mi trascina in giro per il mondo. “The passion for music has taken me across the world. At the young A soli 16 anni mi esibivo a Londra, poi tappa nelle più importanti age of sixteen, I performed in London and in Europe’s major clubs taverne d’Europa, sempre come musicista, fino a quando non decisi di as a musician and then I settled in Palm Beach for two years. The first fermarmi per due anni a Palm Beach. Le prime feste e il riscontro del parties and the warm audience reception made me realize that music was my life”. pubblico mi fecero capirere che la musica sarebbe stata la mia vita”. Le sue origini però lo riportano di nuovo a Capri dove, a 25 anni, His origins took him back to Capri where, at the age of twenty-five, he apre insieme ai fratelli O’ Guarracino. La sua scalata verso il successo started O’ Guarracino alongside his brothers. His rise to success began diventa inarrestabile, tanto da essere chiamato in molti locali per le and he was invited to perform in many other clubs. At the height of sue esibizioni. Quando la sua fama è ormai all’apice, nel 1994, apre his fame, in 1994, he opened Anema e Core, Capri’s most exclusive da solo Anema e Core che diventerà in pochi anni non solo il locale nightclub frequented by national and international VIP members. più esclusivo di Capri ma anche la meta preferita dei Vip nazionali e “I have performed numberless shows across the country and the world over the first twenty years of Anema e Core’s existence. I remember the internazionali. Chissà quante sono le serate in giro per l’Italia e per il mondo in parties for Luca Cordero di Montezemolo, and Diego della Valle, both in Milan and Capri, Valentino’s party and the two great Dolce and questi 20 anni di Anema e Core... Ricordo le feste di Luca Cordero di Montezemolo, di Diego della Gabbana events.” Valle sia a Milano che a Capri, la festa per Valentino e le due serate Do you have any amusing story to tell? Two years ago, I was in Los Angeles for the Oscar night and I insuperabili di Dolce e Gabbana”. Capri | The Divine Coast 131

From above clockwise, Guido Lembo with Pierluigi Loro Piana, Luciano Pavarotti, Zucchero Fornaciari, Giorgio Armani performed at Ryan Kavanaugh’s place, the great producer of Mama Un aneddoto divertente? “Due anni fa sono stato a Los Angeles in occasione degli Oscar e Mia!. Christian De Sica, Maria Grazia Cucinotta and other friends and abbiamo suonato a casa di Ryan Kavanaugh, il grande produttore di frequent customers of my club in Capri were there too. A young man Mama Mia!. C’erano Christian De Sica, Maria Grazia Cucinotta e altri with a humble look walked up to me. I thought he was the soundman amici che vengono abitualmente a Capri nel mio locale. A un certo and asked him to help me with the mike. I was so excited about being punto si avvicina un ragazzo con l’aspetto molto umile e io pensando there that I had not recognized Michael Bublè. Once we got over the fosse il fonico gli chiedo aiuto per collegare il microfono. Preso embarrassment, we sang together. It was an unforgettable experience. He is a unique person of rare humility. dall’emozione della serata non avevo riconosciuto What about your origins? Michael Bublé. Superato l’imbarazzo abbiamo cantato “I have My father was a fisherman and I never forget it, but insieme. È stato indimenticabile. Una persona unica, performed I have always felt at ease in any house and on all di un’umiltà che è difficile trovare in Italia”. numberless occasions. Le tue origini? The Taverna allowed you to travel the world and “Sono figlio di pescatore e non lo dimentico mai, ma shows across meet unique people. sono entrato nelle case di tutti e sono a mio agio in the country It certainly allowed me to travel the world, but I ogni occasione”. and the world have met unique people in Capri too. I remember La tua Taverna ti ha fatto girare il mondo e incontrare over the first great Luciano Pavarotti. He was standing outside persone uniche? twenty years of the the Quisisana Theatre in Via Camerelle, I fell down “Sicuramente mi ha fatto girare il mondo, ma persone on my knees and began playing for him. I remember uniche le ho incontrate anche a Capri. Ricordo il Anema e Core’s performing on the boat with Roberto Russo for Sarah grande maestro Luciano Pavarotti. Lo vidi fuori dal existence” Teatro Quisisana in via Camerelle, ricordo la musica suonata in barca Ferguson, Duchess of York. What will you never fail to do? con Roberto Russo per Sarah Ferguson”. I will never fail to do something good for those in need. I took part in Cosa non puoi dimenticare? “Di fare qualcosa di buono per chi soffre. A Milano e a Napoli ho events for LILT (Italian Association for the War against Cancer) with partecipato alle serate per la Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Ravasi, a world-famous oncologist, and Mariella Boerci, in Milan and Tumori) con il professor Ravasi, oncologo di fama mondiale, e Mariella Naples. What are your greatest passions? Boerci”. My family and the Napoli football team. My son Gianluigi just gave me Le tue passioni più grandi? “La famiglia e il Napoli. Mio figlio Gianluigi mi ha appena regalato una a granddaughter and my favorite team has been giving me the greatest nipotina e la mia squadra del cuore mi regala da anni grandi emozioni”. emotions for years. 132 Capri | The Divine Coast

LIBRI&ARTe BOOks&ART La Conchiglia Libri&Arte :: Via Camerelle, 18 - 80073 Capri :: Tel +39 081 8376577 :: Fax +39 081 19723718 Via Le Botteghe, 12 - 80073 CAPRI (NA) :: Via G. Orlandi, 205 - 80071 ANACAPRI (NA) :: Via dei Pianellari, 17 - 00186 ROMA www.edizionilaconchiglia.it :: info@laconchigliacapri.it

divine itinerary

Racconti di smalto Enamel stories

text Chicco Coda photo Foto Flash Capri Lungo le strade di Capri i segni dell’antica tradizione artigiana della ceramica The signs of an age-old craft tradition along the streets of Capri Un’antica tradizione artigiana. Nella terra della ceramica la differenza la fa l’arte del decoro. Da sempre. Così capita, inoltrandoci tra i vicoletti di Capri, lontani dal trambusto caotico della piazzetta, che in piena estate ci travolge con i suoi orari e appuntamenti, rendendoci vittime di una frenesia mai così lontana dal concetto di vacanza, di riscoprire le bellezze dell’isola, la cui essenza è contenuta anche in questi manufatti pieni di colore. In qualche caso apposte solo per fornire indicazioni al viandante smarrito, il più delle volte per porgere il benvenuto all’interno delle dimore private, le ceramiche decorative sono una porzione dell’identità caprese. Nelle solitarie passeggiate fuori stagione si percepisce il rallentare dell’isola quasi come se, volendosi far riscoprire, Capri offrisse un pretesto per far cadere l’attenzione su queste piccole opere d’arte, spesso frutto d’inventiva, talvolta suggerimento del committente, in tutti casi capaci di strappare un sorriso o una riflessione. Lungo il percorso che conduce a Villa Jovis, pian piano che ci si allontana dalla piazzetta, la mano dell’uomo non è intervenuta con le ristrutturazioni moderne e si possono ammirare le antiche decorazioni capresi, che ci guidano verso le varie direzioni. Superata la Croce tre ceramiche ci indicano che siamo su via Tiberio, che villa Jovis, la maestosa villa dell’Imperatore, si raggiungerà percorrendo la medesima direzione e che, seguendo lo stesso percorso, si giungerà a Villa Lisys, la dimora storica del rinomato barone Fersen. Proseguendo il cammino diverse diramazioni, che partono dall’arteria principale, conducono nelle zone residenziali del centro storico. In questa magnifica parte dell’isola le indicazioni delle vie le apprendiamo dalle ceramiche decorative, cui spesso un’ulteriore applicazione integra un importante spiegazione, come nel caso di via Vanassina, 134 Capri | The Divine Coast

An age-old craft tradition. In the land of ceramics, the art of decoration is what really makes the difference. And so, while wandering through the narrow streets of Capri, far from the noise and bustle of the Piazzetta which, at the height of the summer season, overwhelms us with its frenzied pace and non-stop action, we happen to rediscover the island’s beauties, whose essence is also expressed in each of these colorful artifacts. In some cases, decorative ceramics serve as a landmark for lost passers-by, but mostly they welcome guests into private homes and are an integral part of Capri’s identity. Out of season, when the island slows down to a quiet pace, one’s attention seems to be naturally drawn to these small works of art which, whether the fruit of the maker’s creativity or made according to the client’s suggestion, always induce a smile or reflection. As we move away from the Piazzetta and go down the road leading to Villa Jovis, where the hand of man has not left its marks through modern restructuring works, we can admire these old Caprese decorations that point us in various directions. Past the Cross, three ceramic signs inform us that we are walking along the Via Tiberio, and that Villa Jovis, the Emperor’s imposing house, as well as Villa Lisys, the historic residence of famous Baron Fersen, are reachable by going the same way. Several forks in the main road lead to the downtown residential areas. In this beautiful part of the island, the ceramic street signs provide the passer-by with further information in addition to the name of the street. Such is the case of the sign of Via Vanassina, which informs us that the street is intended for use

Decorative ceramics are an integral part of Capri’s identity

Bisogna girare l’isola, in tutte le sue direzioni, ma alla fine la curiosità sarà premiata

A volte sono scorci dell’abitazione riprodotti su un’unica ceramica o su un intero mosaico. Altre volte capita di vedere solamente l’indicazione del numero civico

5

6

You will have to travel the length and width of the island , but you will be rewarded in the end

Sometimes, they represent views of the house reproduced on a single piece of ceramic or on a mosaic. Sometimes, they show only the street number or the name of the house

divine itinerary

da non percorrere se non la si abita in quanto “strada only by residents, as it is a “dead end”. senza sbocco, cul de sac, dead end”. In this area, in the place where most of the locals Qui si respira e si vive la Capri di un tempo, appannaggio live, you take in the atmosphere of old-time Capri. degli isolani che la abitano numerosi. Barbone, negozio Barbone, the neighborhood’s greengrocer’s that di frutta, verdura e allo stesso tempo drogheria, serve i caters for the locals and, seldom, for the few tourists residenti e di rado qualche straniero in passeggiata, e taking a walk, has a sign which actually is a mosaic of ha scelto come insegna un mosaico di 15 ceramiche fifteen pieces of decorative ceramic. A luxury for this decorative. Lusso possibile in un angolo dell’isola che corner of the island, which is only a few hundred dista qualche centinaio di metri dalla sua piazza, ma così meters away from the Piazzetta, but very far from the tanto lontano dal mondo che la frequenta. crowd that you usually meet downtown Capri. Le indicazioni di Dentecala e di piazzetta delle Noci The signs for Dentecala and Piazzetta delle Noci sembrano trascurate, cosi come quelle per l’Arco Naturale look uncared for, as well as those for the Natural e per il ristorante Le Grottelle, ma sono i segni del tempo, Arch and Le Grottelle restaurant, but nobody has nessuno ha arrecato volontariamente loro danno, solo le voluntarily damaged them, time has lefts its marks intemperie e il passare degli anni, ma è il loro sapore e and they have the flavor of all things worn out by va bene così. Qui non è concesso lamentarsi perché “La time. Here we are not allowed to complain because pulizia e il silenzio sono indici di civiltà. Rispettiamoli”. “Cleanliness and silence are indicative of politeness. Continuando a girovagare si possono scorgere tantissime Respect them”. decorazioni fuori dalle dimore private. A volte sono scorci As we wander about, we notice many decorations dell’abitazione riprodotti su un’unica ceramica o su un on the facades of private homes. Sometimes, they intero mosaico. Altre volte capita di vedere represent views of the house reproduced solamente l’indicazione del numero civico, o on a single piece of ceramic or on a del nome della casa fuori della quale è apposta In a corner, mosaic. Sometimes, they show only the la ceramica. street number or the name of the house. someone Qualche proprietario con la vena artistica si give a good Some owners with a gift for art have a try cimenta in decorazioni sopra le righe o nelle at sea animals, such as the Sea-horse and advice: riproduzioni di animali marini. È il caso the Octopus that appear on Casa Paturzo, dell’Ippocampo o del Polpo che troneggia fuori “Don’t work owned by the creators of Scialapopolo. da Casa Paturzo, inventori di Scialapopolo. too hard, There are many animal lovers on the Gli amanti degli animali non mancano e il nobody ever island and the nice owner of a Caprese simpatico proprietario di una dimora caprese came out house reminds us how faithful man’s best ci ricorda quanto sia importante la fedeltà del alive from friend is. Another house owner warns us miglior amico dell’uomo. Allo stesso tempo un to “Beware of the dog …and of the owner”, life” altro ci intima di stare “Attenti al cane… e al and I would take the warning seriously for padrone”, ma non c’è da preoccuparsi, è tutt’altro che the owner also says “May God double for you whatever feroce il cane il cui padrone scherzosamente ci dice “Dio you wish on me”. raddoppia a te quello che tu auguri a me”. There are many ceramic decorations on the island Sono tantissime, spesso si notano in giorni diversi. and you might notice them on different days, as Come se fossero quasi influenzate dall’umore di chi le if they were influenced by the viewer’s mood. So, osserva in quel momento. Così capita di non ritrovare you might be unable to find a decoration you had una decorazione notata qualche tempo prima, ma siamo noticed a few days before, but it will surely reappear sicuri che riapparirà ai nostri occhi quando meno ce lo when you least expect it. Immortalizing them is the aspettiamo. Immortalarle è sembrata la scelta migliore, best choice, to look at them again and again and let per riguardarle e fantasticare sulle loro storie, ma tante your imagination wander, but there are many hidden ce ne sono ancora nascoste, pronte per mostrarsi a chi le ones, ready to be revealed to those who are able to saprà apprezzare. acknowledge their value. Bisogna girare l’isola, in tutte le sue direzioni, ma alla You will have to travel the length and width of the fine la curiosità sarà premiata. In un angolo leggiamo island , but you will be rewarded in the end. In a un suggerimento: “Non affaticarti troppo che da questa corner, someone give us a good piece of advice: “ vita non è uscito vivo mai nessuno”. Sorridiamo e Don’t work too hard, nobody ever came out alive from affannosamente proseguiamo il nostro vagabondare tra le life”. We smile and go on wandering through the vie impervie e discontinue di questo meraviglioso scoglio, rough and discontinuous streets of this wonderful perché com’è inciso fuori da Villa Alma in via Tragara “Se island because, as written on Villa Alma in Via la vita è fatta a scale Capri è la vita”. Tragara. “If life is a staircase, Capri is life”. 138 Capri | The Divine Coast

In qualche caso le mattonelle di ceramica decorata sono apposte per fornire indicazioni al viandante, il piÚ delle volte per porgere il benvenuto all’interno delle dimore private Decorative ceramics serve as a landmark for passers-by, but mostly they welcome guests into private homes

Capri | The Divine Coast 139

life style tradition

Figaro... anzi! Barbiere Figaro..or rather, Barber text Mila Montagni

carezza Un’arte che ac ini di il volto uom osi m fa e i un m co es ss re An art that ca th bo of ce the fa en m s ou m fa ordinary and Se la tradizione della barba e della sua cura, nell’antica Roma poteva contare su artisti della lama – i “tonsor” –, ancora oggi nell’isola più dolce del Mediterraneo s’incontrano le botteghe dei loro discendenti. “Ho imparato il mestiere da mio padre, che lavorava il Quisisana e chi arrivava sull’isola passava dalle nostre mani – racconta Pasqualino Esposito, che conta su un negozio dal ’57 -, il Duca di Windsor, Onassis, Niarchos, ma anche attori come De Sica e Rascel o Casiraghi si fermavano, durante il giorno, senza esser disturbati dalla curiosità popolare. Oggi il mondo e il turismo sono diversi, ma questo rimane un bel mestiere: si conoscono le persone e si acquista una confidenza rara con loro”. Più giovane è Franco Niola, la cui bottega risale al 1920 e che l’arte l’ha appresa dal padre “siamo vicini alla piazzetta - spiega - e da sempre siamo barbieri degli isolani e anche se cambiano i modi e i giovani sono più evoluti, il volto dell’uomo rimane lo stesso e curarlo rimane anche un modo per farsi riconoscere dagli altri”. Antonino Bruno per trent’anni, col padre, ha lavorato vicino alla piazzetta, poi ha cambiato sede. “Ho cominciato a 13 anni e da 35 mi occupo di barba e capelli di capresi e turisti – racconta –. I primi sono naturalmente esigenti, mentre quando arrivano i turisti, soprattutto dal Nord Europa, rimangono affascinati anche dal nostro taglio più semplice, abituati come sono a servizi unisex e poco mirati.” Un solo cruccio accomuna questi innamorati del loro mestiere, che nessuno abbia più voglia d’imparare l’antico sapere del “tonsor”. In Roman antiquity, wealthy men used to entrust the care of his beard and hair to “tonsors”(barbers), who were masters in the art of shaving, and still today, in the sweetest island of the Mediterranean Sea, you can happen to see their descendants. “I learnt this job from my father, who had worked at the Quisisana, and everybody who happened to visit Capri used to come to our shop –says Pasqualino Esposito, whose barber shop has been around since 1957 – the Duke of Windsor, Onassis, Niarchos, but also Italian actors De Sica, Rascel or Casiraghi they used to stop here at different times of the day, out of the reach of people’s curious gazes. Today, the world and tourism have changed, but it is still a beautiful job”. Also the younger barber Franco Niola, whose shop was opened in 1920, has learnt his art from his father: “our barber’s is next to the Piazzetta, and it’s that Capri’s inhabitants use to come: even though the fashion styles change and young people are ever more ‘modern’, the art of shaving will always be the same”. Antonino Bruno has worked with his father near to the Piazzetta for 30 years before moving his shop to another area of the island. “I started to work when I was 13, and I have been caring for the beards and hair of Capri’s inhabitants and tourists for 35 years-he says. The first are obviously hard to please, while tourists, especially those from Northern Europe, usually look fascinated even by our simplest hairstyle, since they are used to be offered unisex and impersonal haircuts, in fact”. All these men really love their job, and they all share the same worry: fast nobody seems to really want to study the ancient art of the “tonsors” anymore. 142 Capri | The Divine Coast

The use of the cut-throat razor

cover story

On the top, Antonino Bruno, in his shop in via Longano 2; below Franco Niola, working in via Madonna delle Grazie 4 144 Capri | The Divine Coast

On the top: Pasqualino Esposito in his shop in via Vittorio Emanuele 32 and; below, Bruno again at work Capri | The Divine Coast 145

cover story

Gianfranco Vissani, 62, he palaces side by side with a new adventure the restaurants tradition in Capri 146 Capri | The Divine Coast

interview chef

Armonie di gusto harmonies of taste text Teresa Favi

Uno dei più grandi chef italiani paladino della filosofia del territorio e dei giovani. Gianfranco Vissani One of the greatest Italian chefs champion of the philosophy of the territory and young people Ha aperto i battenti in aprile, a 30 metri dalla famosa piazzetta Umberto I di Capri, con la firma di uno dei più grandi chef italiani, Gianfranco Vissani, in collaborazione con una famiglia caprese doc, quella dei Vertecchi. Parliamo de L’Altro Vissani, ristorante che omaggio alla cucina e ai prodotti del territorio, ma senza l’intenzione di strafare, come spiega lo stesso Vissani che in questa avventura ha coinvolto un team di giovani professionisti a partire da Luca, suo figlio, fino allo chef Gennaro Amitrano che lavora al suo fianco da dieci anni. Qual è infatti la vera filosofia de L’Altro Vissani di Capri? Siamo partiti dall’idea di non sconvolgere le tradizioni e l’identità dell’Isola rispettando l’eccellenza e la fama di chi ci ha preceduti, in alcuni casi, da generazioni come Aurora, solo per fare un esempio. Dunque anche per questo avete scelto arredi discreti e moderni in legno naturale… Certo, Simonetta Michelangeli con l’arredamento ha fatto un ottimo lavoro, senza alzare i toni o scimmiottare una tradizione locale che non è nostra. Così nella cucina che, anche per esiguità di spazio e di ritmi, è più immediata della mia di Baschi (il paese in provincia di Todi, dove ha sede lo storico ristorante di Vissani ndr.) ma segue fitto fitto il mio stile e la mia conoscenza delle materie prime. Discrezione anche di prezzo? Facciamo mangiare a 45/60 euro con una materia prima meravigliosa. Quanti tavoli? Il posto è piccolo, ci sono solo 48 posti a sedere, una piccola cucina, ma in compenso abbiamo un bell’affaccio che guarda il golfo di Napoli. Segni particolari? La sfoglia dei miei Cappelletti alla Caprese, un velo trasparente per accogliere le armonie del ripieno. Seguirà i lavori di persona? Ci sarò durante tutto il mese di agosto.

It opened its doors in April, 30 meters from the famous Piazzetta Umberto I in Capri, with one of the greatest Italian chefs, Gianfranco Vissani, in collaboration with a Capri family par excellence, the Vertecchi family. Let’s talk some more about L’Altro Vissani, the restaurant that pays homage to the local cuisine and products. But they don’t overdo it, as Vissani himself explains. This adventure involves a team of young professionals starting with Luca, his son, up to the chef Gennaro Amitrano who has worked at his side for ten years. What is the real philosophy behind L’Altro Vissani on Capri? We started with the idea of not upsetting the traditions and identity of the island but respecting the excellence and reputation of those who preceded us, in some cases for generations, like Aurora, just as an example. So for this reason too you chose discrete modern furniture in natural wood... Sure. Simonetta Michelangeli did a great job with the decor, without raising the tone or mimicking a local tradition that is not ours. And the cuisine, also because of the space and rhythms, is more immediate than ours in Baschi (the town in the province of Todi, home of the historic Vissani) but very closely follows my style and my knowledge of the basic ingredients. Are the prices also discrete? We can feed you for 45/60 euro with wonderful basic ingredients. How many tables? The place is small, there are only 48 seats, a small kitchen, but at least we have a wonderful view of the Bay of Naples. Outstanding features? The pasta of my Cappelletti alla Caprese, a transparent veil to welcome the harmonies of the filling. Will you be supervising the work in person? I’ll be there the whole month of August. Capri | The Divine Coast 147

divine itineraries

Spirito libero Free Spirit text Teresa Favi

Ad Anacapri la top list dei luoghi più belli dove lasciarsi andare On Anacapri, the top list of the most beautiful places for letting go

Chi sceglie Anacapri ha uno spirito controcorrente. Ama la semplicità di luoghi, la bellezza recondita dei suoi paesaggi come le passeggiate alla Migliera – che regala il belvedere più emozionante dell’isola e la deliziosa trattoria Da Gelsolmina dove si mangia ancora su tavoli di legno e tovaglie a quadri – e all’Eremo di Santa Maria Cetrella, autentico santuario del silenzio. Il prefisso “ana” deriva dal greco, e significa “su”. Anacapri si trova infatti sulla parte più alta dell’isola, più ricca di verde, di luoghi naturalistici e selvaggi, con vedute mozzafiato e straordinarie grotte marine, tra cui la leggendaria Grotta Azzura. Chi ama la natura e adora i fiori deve assolutamente prendere, da Piazza Vittoria, la seggiovia che raggiunge la vetta del Monte Solaro, e da qui inerpicarsi fra sentieri profumati di ginestre, orchidee e gerani selvatici, fino ad arrivare alla chiesetta antica, i Faraglioni ai suoi piedi. Altra variante è l’hiking fino al Passetiello, qua e là reperti archeologici, vigne e ginestre gialle in fiore. La Scala Fenicia, una lunga e ripida scalinata in pietra realizzata dai coloni greci (una rampa di 881 gradini tagliati nella roccia), fungeva da mulattiera e collegava Anacapri con Marina Grande. Per visite guidate ed escursioni naturalistiche alla scoperta dei luoghi più belli della zona il top del momento è l’associazione Kaire Arte. Noi scendiamo intanto a fil di mare dove

Il Riccio, pied dans l’eau, è l’elegante beach club e ristorante stellato (la stella è arrivata proprio quest’anno) che incarna l’anima glamour di Anacapri: di giorno si pranza in pareo e costume da bagno, dal tramonto aperitivo e cene al chiaro di luna con piatti di pesce, frutti di mare e crudo mediterraneo. Accanto i Bagni di Gradola, storica scesa a mare vicino 148 Capri | The Divine Coast

Whoever chooses Anacapri has a spirit that goes against the trends. They love the simplicity of the places, the hidden beauty of its landscapes such as the walks to Migliera – with the most thrilling view on the island, and the delightful trattoria Da Gelsolmina, where you still eat at wooden tables with chequered tablecloths - and the Hermitage of Santa Maria Cetrella, an authentic sanctuary of silence. The prefix “ana” comes from the Greek and means “on”. In fact, Anacapri is on the highest part of the island, with lusher greenery, more natural and wild places, breathtaking views and stunning caves, including the legendary Grotta Azzura. Those who love nature and flowers should definitely take the chair lift from Piazza Vittoria to the summit of Monte Solaro, and from there climb the paths between scented broom, orchids and wild geraniums, up to the old church, with the Faraglioni at its feet. Another variant is hiking up to Passetiello dotted with archaeological finds, vineyards and yellow gorse in bloom. The Scala Fenicia, a long, steep stone staircase built by Greek colonists (a flight of 881 steps cut in the rock), acted as a mule trail and connected Anacapri to Marina Grande. For guided tours and excursions to discover the most beautiful places, the best association at the moment is Kaire Arte. In the meantime we descend along the edge of the sea where Il Riccio, pied dans l’eau, is the elegant beach club and starred restaurant (the star arrived this year), embodying the soul of Anacapri glamour: during the day you can dine in a beach wrap and swimsuit, and at sunset have a cocktail and dinner in the moonlight with cooked and raw Mediterranean fish and shellfish. Next to this are the Bagni di Gradola, a historic descent to the sea near the Blue Grotto, with terraces torn from the rock cliffs and

divine itineraries

Villa San Michele (ph. Massimo Listri) Capri | The Divine Coast 149

divine itineraries

1

3

5 150 Capri | The Divine Coast

2

4

6

1. View from Monte Solaro 2. The entrance to Villa San Michele 3. A narrow street of the center of Anacapri 4. Il Riccio beach club and restaurant 5. Santa Sofia Church 6.Casa Rossa

divine itineraries

Faro di Punta Carena

alla Grotta Azzurra, con terrazze strappate alla roccia, scogli deep water. Another place where you can eat local dishes e fondali profondi, un posto schietto dove si può anche among fishing nets is Il Nettuno, with swimming pools, mangiare, tra reti di pescatori, piatti di memoria locale e il solarium and restaurant. The nicest bathing spots are in Nettuno con piscine, solarium e ristorante. I bagni più belli Punta Carena, one of the most beautiful spots on the island si fanno a Punta Carena, uno degli angoli più suggestivi with sun until sunset. Here there is the Lido del Faro, an dell’isola esposto al sole fino al tramonto. Qui c’è il Lido old style establishment with sunbeds and deck chairs on del Faro lo stabilimento old style con lettini e sdraio tra the rocks, small swimming pool and excellent restaurant gli scogli, piccola piscina e ottimo ristorante under the shade roofs. In the summer months sotto le incannucciate e nei mesi estivi è it is an incomparable setting for a sunset un ineguagliabile scenario per un drink al drink or dinner by candlelight. The Punta tramonto o per cene al lume di candela. Punta Carena and Blue Grotto are connected by the Carena e Grotta Azzurra sono collegate route Percorso dei Fortini, a path that offers dal percorso dei Fortini, un sentiero che Anacapri is on unforgettable views, but rather challenging offre panorami indimenticabili ma piuttosto the highest part during the warm months. On the way to the impegnativo durante i mesi caldi. Sulla strada Blue Grotto you can stop for a few minutes at of the island, della Grotta Azzurra ci si può fermare qualche Damecuta (about half-way) to visit the ruins of with lusher minuto a Damecuta (circa a metà percorso) Villa Damecuta, once the villa of Tiberius, and per visitare le rovine di Villa Damecuta, antica greenery, more walk in the pine forest overlooking the Cala villa di Tiberio, e passeggiare nella pineta che natural and wild del Rio and the Gulf of Naples. As for historic si affaccia sulla Cala del Rio e sul Golfo di places mansions, Anacapri’s identity is now merged Napoli. A proposito di ville storiche, l’identità di Anacapri è with Villa San Michele, the residence museum that once fusa ormai con
 Villa San Michele, la residenza museo che belonged to the Swedish doctor Axel Munthe, with a unique fu del medico svedese Axel Munthe, è un unicum per storia, history, location and architecture. There is a beautiful park, posizione e architettura. Bellissimo il parco, uno dei più one of the most beautiful in Italy. Inside you can visit the belli d’Italia. All’interno si visita la casa museo, si ascoltano house museum, listen to concerts or sit at the café bar Casa concerti o ci si siede al café bar Casa Oliv, inaugurato Oliv, which opened last year in the rooms and terraces lo scorso anno nelle stanze e terrazze abitate negli anni inhabited in the twenties by the Marchesa Casati Stampa. Venti dalla marchesa Casati Stampa. Tra gli indirizzi più One of the most renowned addresses for hospitality is the Capri | The Divine Coast 151

divine itineraries

View from Cetrella

blasonati dedicati all’ospitalità c’è il Capri Palace, con Capri Palace, with starred restaurant, excellent spa, and ristorante stellato, medical spa d’eccellenza, la boutique di a boutique that is a local landmark, Mariorita. This year riferimento locale, Mariorita, che festeggia quest’anno i 60 celebrates 60 years in business and a contemporary art anni di attività e una collezione d’arte contemporanea da collection that would make François Pinault blanch. This far impallidire François Pinaul. Gli fa eco Caesar Augustus is echoed by Caesar Augustus with a spectacular infinity con una spettacolare piscina a sfioro nel blu, dove l’aperitivo pool that goes into the blue, where the aperitif at sunset al tramonto con vista sul golfo è un’emozione. overlooking the Gulf is a thrill. Non lontano, il centro abitato con le sue Not far away is the town with its narrow streets stradine disseminate da studi di pittori, scattered with the studios of painters, potters architetti e ceramisti, di boutique, eleganti All is peace and architects, and boutiques, elegant in nella loro semplicità, immerse in una pace and silence, their simplicity, immersed in an idyllic peace. idilliaca. Secendendo lungo Via Orlandi interrupted only Descending along Via Orlandi on the right you sulla destra ci si imbatte nel singolare from the end will come across the unique outline of the Casa profilo della Casa Rossa, una villa dipinta of August and Rossa, a villa painted in Pompeian red in a in rosso pompeiano realizzata con più stili number of different architectural styles; inside throughout all architettonic, all’interno ci sono anche anche there are also three beautiful Roman statues of September, tre splendide statue romane ritrovate nel found in 1964 and 1974 in the Blue Grotto. In 1964 e nel 1974 nella Grotta Azzurra. Nel by the the centre the byways and roads branch off centro i vicoli e le strade si diramano in tutte Settembrata in all directions, ending now in a wide area, le direzioni, finendo ora in uno slargo, una folk festival then a piazza, then facing the countryside piazzetta, ora si affacciano  sulla campagna degradante a on terraces sloping towards the sea. All is peace, silence, terrazze verso il mare. Tutto è pace, silenzio, interrotto interrupted only by the end of August and throughout all solo da fine agosto e per l’intero mese di settembre della of September, the Settembrata. This is the village festival, Settembrata, festa contadina, nata all’epoca di Filippo born at the time of Filippo Tommaso Marinetti and Edwin Tommaso Marinetti ed Edwin Cerio, per salutare l’estate e Cerio to say farewell to the summer and welcome the dare il benvenuto alla vendemmia, con musica nelle piazze harvest, with music in the piazzas and wine tasting tours e percorsi enogastronomici per le strade del centro, con i through the streets of the centre, with shops and studios negozi e gli studi aperti fino a tardi. open late. 152 Capri | The Divine Coast

MAGNIFLEX TODAY_ParisseDuo_297x420 TR.indd 1

06/04/12 18.02

Above: R642 SportHybrid E0013 Below: R634 SportHybrid E0000 154 Capri | The Divine Coast

yacht interview

Il costruttori di sogni The Dreambuilder text Gianluca Coda

Salvatore Palumbo, armatore con tre cantieri navali nel Mediterraneo, firma autorevole dei super Yacht Columbus Salvatore Palumbo, owner of three shipyards in the Mediterranean area and Super Yacht Columbus builder Nel 1967 Salvatore Palumbo cominciò la propria attività eseguendo, con una piccola azienda, lavori di carpenteria e saldatura. Negli anni '80 cambiò la propria attività principale focalizzandosi sulla riparazione e manutenzione degli scafi. Oggi la Società è specializzata nella riparazione, costruzione, trasformazione, conversione e manutenzione di ogni tipologia di nave presso i suoi tre cantieri navali di Napoli, Messina e Malta, con l'obiettivo di offrire il più ampio e completo servizio ai propri clienti nel cuore del Mediterraneo. A distanza di oltre 45 anni i Cantieri Palumbo, che oggi vedono come presidente Antonio, figlio di Salvatore, rappresentano l’eccellenza nel settore della cantieristica navale. La Società ha raggiunto negli anni le capacità tecniche e organizzative necessarie per soddisfare gli armatori, sia per quanto riguarda la tempistica di esecuzione dei lavori che per l’alta qualità di assistenza, investendo nella professionalità al fine di creare uno staff specializzato ai più alti livelli nel settore. La recente acquisizione del cantiere di Malta, in grado di accogliere navi superiori alle 300mila tonnellate, costituisce un progetto particolarmente ambizioso, che segnerà fortemente il futuro dell'intero Gruppo. Il Cantiere di Malta, per la sua posizione al centro del Mediterraneo, ha infatti grandi potenzialità, in particolare per le navi in rotta dall'Oriente verso l'Atlantico. Dopo aver costruito una solida reputazione sul mercato commerciale, a 45 anni dalla sua fondazione, il Gruppo ha iniziato a cercare nuove aree di espansione spostandosi sul mercato altamente competitivo dei superyacht. Nel 2008 Palumbo ha iniziato la costruzione del suo primo superyacht con il marchio Columbus Yacht, in un nuovo impianto appositamente costruito a Napoli. Nel 2011 al Monaco Yacht Show viene presentato Prima, ed è un successo immediato. Conquista il Green Star Plus Platinum per l’impegno ambientale nella sua costruzione, consegnato a Montecarlo dal principe Alberto II alla presenza del re di Spagna Juan Carlos e sì aggiudica la menzione speciale della giuria della settima edizione del World Superyacht Awards 2012, la rassegna internazionale svoltasi a Istanbul che, come gli Oscar nel cinema, premia le eccellenze nel settore nautico. Prima è stato riconosciuto tra le migliori undici imbarcazioni di lusso al mondo, tra quelle a motore. Nella categoria di-

In 1967, Salvatore Palumbo, started his small carpenter’s and welding business. In the eighties, the primary business focus became the repairing and maintenance of hulls. Today, the company specializes in the repairing, building, conversion and servicing of any kind of vessel at the company’s three shipyards in Naples, Messina and Malta, with the aim of providing customers with the highest and completest level of service in the heart of the Mediterranean area. Over forty-five years later, Palumbo Shipyards is a world-leading company in the shipbuilding industry with Antonio, Salvatore’s son, as the new president at the head of the business. Over the years, the company has gained all the technical and organizational skills needed to meet shipowners’ requests as far as both the works performance timing and the high quality of assistance are concerned, by investing in a highly skilled and qualified staff. The recent take-over of the Malta Shipyard, which can accommodate vessels of over 300,000 tons, is a very ambitious project that will significantly shape the company’s future.The Malta shipyard, due to its strategic position in the heart of the Mediterranean region, has a great potential for development, especially for the ships en route from the Far East to the Atlantic Sea. Forty-five years after its establishment and having built a solid reputation in the shipbuilding industry, the Palumbo Group has begun to expand into the highly-competitive superyacht market. In 2008, Palumbo began building its first superyacht under the ColumbusYacht label at a new, specially-built facility in Naples. Prima was introduced at the Monaco Yacht Show, in 2011, and met with immediate success. In Monte-Carlo, the superyacht was awarded the Green Star Plus Platinum prize, for the commitment to environmental protection put into its construction, by Prince Albert II before the King of Spain Juan Carlos, and it was also given the special prize by the jury of the 7th World Superyacht Awards 2012, the international event held in Istanbul which, just like the Academy Awards in the motion-picture world, is designed to celebrate the world’s best nautical production. Prima now ranks among the world’s top eleven luxury yachts. It was also awarded a prize by the international jury, made up of the world’s most influential shipowners, in the displacement motor yacht Capri | The Divine Coast 155

156 Capri | The Divine Coast

yacht interview

Some views of the interiors of R642 SportHybrid yacht splacement motor yacht of 500gt to 1.299gt, ha ricevuto il prestigioso atte- of 500gt to 1.299gt category, for the best ratio between construction stato della giuria internazionale, composta dai più autorevoli armatori quality, design, comfort and competitive price. Currently, there are di yacht, per il miglior rapporto tra alta qualità di costruzione, design, three superyachts under construction: the 40-meter Sport Hybrid Line, comfort e prezzo competitivo. Al momento, ci sono tre super yacht in and the 55-meter and 65-meter Classic Line yachts, scheduled to be costruzione, il 40 metri Sport Hybrid Line, il 55 metri e il 65 metri Clas- delivered in 2013, 2014 and 2015 respectively. Designed by Sergio sic Line, con consegna prevista rispettivamente nel 2013, 2014 e 2015. Cutolo from Hydro Tec, the 65-meter yacht is the biggest under Progettato da Sergio Cutolo di Hydro Tec il 65 metri è il più grande construction at present. With a body built of steel and aluminum on attualmente in progettazione. Costruito in acciaio e alluminio su una a tested platform, the yacht has a two-engine system that allows for piattaforma collaudata, sarà alimentato da due motori che permettono a maximum continuous speed of 18 knots and a cruising speed of una velocità massima di 18 nodi e una velocità di crociera di 15 nodi 15 knots with a cruising range of 4.200 miles at 12,5 knots. It can con un’autonomia di 4.200 miglia a 12,5 nodi. Ospiterà nelle lussuo- accommodate up to 12 guests in the luxury cabins distributed in the se cabine dislocate sui diversi ponti fino a 12 persone, che saranno various decks and an 18-member crew. The elegant and streamlined coccolate da 18 membri dell’equipaggio. Le linee esterne, eleganti e design blends perfectly with the spacious and airy interiors. The big snelle, si fondono perfettamente con gli interni spaziosi e ariosi. I vo- outdoor space is big enough to accommodate an oversize Jacuzzi pool lumi sono generosi e all’esterno troveranno spazio anche una vasca and an upper deck designed to serve as a helicopter landing pad. idromassaggio oversize e un ponte di coperta che fungerà anche da The yacht’s special features include zero-speed stabilizers, a movie eliporto. Le caratteristiche speciali includeranno stabilizzatori zero theatre and a big SPA with direct access to the beach club. All decks speed, un cinema e un grande centro benessere con accesso diretto al are serviced by elevators. Instead, the 40-meter Columbus Sport Hybrid Line is ready for launch and is based on the Group’s ecobeach club. Tutti i ponti saranno raggiungibili con ascensore. Il Columbus Sport Hybrid Line di 40 metri è invece pronto per il varo sustainable approach to shipbuilding. Hybrid technology allows for excellent fuel economy, it increases the noiselessness ed è stato creato in linea con l’approccio eco-sostethe system in motion and protects the environment nibile che caratterizza la vision del Gruppo. Un tocco There are three of by reducing the emission of pollutants. “The sea di calore è fornito da vivaci dettagli color cuoio e acsuperyachts environment is priceless and we must all respect and ciaio inossidabile lucidato. Tappeti e tessuti pregiati completano la sensazione semplice ed elegante degli under protect it, especially those who, like us, build yachts”. interni. Un ben progettato bar completamente attrezconstruction: This is Giuseppe Palumbo’s philosophy. use of hybrid technology on the Columbus zato si trova all’ingresso del ponte principale. Andanthe 40-meter The yachts has reached the highest level of excellence. At do avanti si trova la zona soggiorno e pranzo per gli Sport Hybrid the core of the system is the Siemens Ecoprop Hybrid otto ospiti con comode poltrone di Moroso posizionate attorno a un tavolo su misura. Line, and the engine, an electric-propulsion system whose benefits lower fuel and energy consumption and Nel salotto, il divano e le poltrone sono disposti in55-meter and include nearly no noise pollution. Owing to the two 2.000-HP torno ad un grande schermo piatto che si trova in un elegante pannello integrato nel soffitto. L’area è incor- 65-meter Classic MTU engines and a hull optimized by Sergio Cutolo niciata da due grandi finestre che offrono una vista Line yachts from Hydro Tec, with the help of Palumbo’s technical department, the yacht achieves a speed of 22 knots, mozzafiato sul mare e illuminano il salone di luce naturale. L’atmosfera leggera è arricchita da due grandi porte scorrevoli while the two 60-kW hybrid engines allow for a cruising range of 5000 miles at 7,5 knots and incredibly low fuel consumption. in vetro per vivere al meglio la sensazione di essere in mare. I rivestimenti sono in legno per creare un ambiente caldo e acco- The wooden paneling creates a warm and welcoming atmosphere. gliente. Il bagno principale è dotato di ben due lavandini ‘lui e lei’ in The master bath comes with twin “his and hers” marble sinks, placed at the two sides of a large and luxurious walk-in shower with glass marmo, disposti ai lati di una grande doccia con pareti in vetro. I colori chiari utilizzati in tutto lo yacht integrano la luce naturale ed i doors. The light colors used on all surfaces blend perfectly with the colori del mare. Sul ponte superiore la rilassante atmosfera è arricchi- natural sunlight and sea colors. On the upper deck, two huge Moroso sofas add to the relaxing atmosphere. ta da due enormi divani di Moroso. Capri | The Divine Coast 157

guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divi

by Francesco Battesimo, Head Concierge Hotel Caruso, Lorenzo Vernacchio and Romana D’ Angiola Head Concierge and Concierge Capri Palace

RESTAURANT CAPRI Al Geranio Viale Matteotti 8, ph. 081.8370616 Immerso nel verde del Parco Augusto, vista mozzafiato propone un’ottima cucina mediterranea ed internazionale. Tra i cult, paccheri allo scoglio, la Calamarata con tartufi di mare, parmigiano e basilico, ravioli alla caprese, il pescato del giorno. Immersed in the lush greenery of Parco Augusto, diners can enjoy a breathtaking view and excellent Mediterranean and international cuisine. Some of its best-loved dishes include Paccheri allo Scoglio seafood pasta and Calamarata tube-pasta topped with sea truffles, parmesan and basil, not to mention Ravioli alla Caprese and the catch of the day. AL GROTTINO Via Longano 27, ph.081.8370584 Ristorante storico di Capri nei pressi della famosa Piazzetta con una suggestiva vetrina che espone verdure di stagione e pesci. Una tradizione di cordialità ed ospitalità che si tramandano nel tempo dal 1937. Ottimi gli scialatielli con fiori di zucchine e gamberetti. Historical Restaurant near the famous Piazzetta with an amazing window that shows fresh vegetables and fish. A tradition of hospitality and courtesy that hand on in the time since 1937. Excellent the fresh pasta with courgette flowers and shrimps. AURORA Via Fuorlovado 18, ph 081.8370181 A due passi dal cuore dello shopping e dalla famosa Piazzetta, ottima cucina in ristorante d’atmosfera, come la Pizza all’acqua come entré e il filetto di pezzogna in crosta di patate con scarola farcita. Two steps from the heart of the shopping centre and the famous Piazzetta, excellent cooking in a characteristic restaurant. Water Pizza as an entrée and filet of “pezzogna” (a type of sea bream) in potato with stuffed chicory, are a speciality. 158 Capri | The Divine Coast

CAPRI’S Via Roma 33, ph 081.8377108 A pochi metri dalla famosa Piazzetta di Capri con vista sul porto di Marina Grande. Da non perdere le linguine fra’ diavolo. Near the famous Capri Piazzetta, a new restaurant with views of the port of Marina Grande. The “linguine fra’ diavolo” a must. DA GIORGIO Via Roma 34, ph 081.8370898 Fantasia e cura in cucina con splendida vista sul porto di Marina Grande. Si consiglia il pesce al sale e la pizza alla caprese. Imagination and careful cooking in this restaurant with splendid views of the port of Marina Grande. Try the fish with salt and “caprese” pizza. DA PAOLINO Via Palazzo a Mare 11, ph 081.8376102 Particolarissimo ristorante con tavoli sotto una fitta limonaia. Ottimo per antipasti e dessert, cucina prettamente campana. Aperto solo a cena. Si consiglia la prenotazione. A very particular restaurant with tables set in a lemon grove. Excellent hors d’oeuvres and desserts. Country cooking. Open only in the evening. Advance booking advisable. E’ Divino Via Sella Orta 10a angolo via Fuorlovado, ph 081.8378364 Un sofisticato angolo di degustazione che si avvale della competenza di Romano, collaudata conoscenza isolana nel campo dell’enogastronomia. Un punto di riferimento della cultura del bere, sempre frequentato da una raffinata clientela. A sophisticated wine tasting bar run by the skilful Romano, a well-known local wine and food connoisseur. A point of reference for wine lovers, always crowded with a refined clientele. EDODE’ Via Camerelle 81, ph 081.8388242 In un ambiente di qualità nel cuore dello shopping caprese. Cucina mediterranea. Eccellenti gli gnocchetti profumati al limone con vongole veraci e broccoletti. Quality restaurant in the central shopping area of Capri. Mediterranean cooking. Excellent “gnocchetti” with lemon, clams and broccoli. FARAGLIONI Via Camerelle 75, ph 081.8370320 Elegante e accogliente con le sue sale interne e le caratteristiche capannelle esterne lungo via Camerelle, dove ci si

sente realmente protagonisti di un film d’altri tempi. Elegant and warm restaurant, with several rooms inside and the typical outdoor huts along Via Camarelle, which make you feel like a movie star of the past. JKITCHEN Via Prov. Marina Grande 225 ph 081.8384001 Il ristorante dello splendido J.K. Place. Proposte creative e sorprendenti legate dal fil rouge della cucina mediterranea, sapientemente elaborate dallo chef Flavio Astarita. The restaurant of the splendid JK Place. Creative and surprising proposals with the fil rouge of Mediterranean dishes, clever elaborations by the chef Flavio Astarita. L’ALTRO VISSANI Via Longano 3, ph. 081.18990575 Nei locali che furono dello storico locale Settanni, uno spazio di grande cucina. Vista sul porto, sushi speciale di elevata qualità realizzato esclusivamente con pescato locale e consegnato direttamente a bordo delle imbarcazioni. Il menu del ristorante e’ intitolato ‘la memoria del gusto’ ed e’ un omaggio ai prodotti del territorio campano e ai sapori del Mediterraneo. In the spaces that were the local historian Settanni, an area of great cuisine. View of the port, sushi special of high quality made exclusively with locally caught and delivered directly on board of the craft. The restaurant’s menu is entitled ‘the memory of taste’ and it is a tribute to the products of Campania and flavors of the Mediterranean. LA CAPANNINA Via Le Botteghe 12, ph 081.8370732 Tra i ristoranti più prestigiosi e caratteristici nel centro di Capri dal 1931. Cucina tipica caprese curata in ogni singolo dettaglio dalla famiglia De Angelis . La specialità tipica sono i calamaretti ripieni. One of the most prestigious and characteristic restaurants in the centre of Capri, opened in 1931 and run by the De Angelis family. Typical Capri cooking. Speciality: stuffed squid. LA COLOMBAIA via Camerelle 2, ph. 081.8370788 Il ristorante ai bordi della piscina del Grand Hotel Quisisana. Cucina tipica di Capri e regionale, dal pesce freschissimo, alle carni alla brace, senza dimenticare la vera pizza napoletana. Aperto a pranzo fino a pomeriggio inoltrato. The restaurant by the pool at the Grand Hotel Quisisana. Typical cuisine of Ca-

pri and regional level, from fresh fish to grilled meats, not to mention the real Neapolitan pizza. Open for lunch until late afternoon. LA FONTELINA Via Faraglioni, ph 081.8370845 In un luogo magico, ai piedi dei Faraglioni, il ristorante dello stabilimento balneare offre una cucina internazionale a base di prodotti locali e pesce preparati a regola d’arte. Aperto solo a pranzo. Si consiglia la prenotazione. Set in magical surroundings at the foot of the Faraglioni, this historic, resort restaurant offers international cooking using local products and perfectly prepared. Only open lunchtimes. Advance booking advisable. LE GROTTELLE Via Arco Naturale, ph 081.8375719 Sosta ideale prima della passeggiata del Pizzolungo, nelle immediate vicinanze dell’Arco Naturale. Accoglie gli ospiti nelle fresche sere d’estate sulla terrazza, con piatti tipici mediterranei, in particolare i ravioli alla caprese. A perfect place to stop before walking along the Pizzolungo, near the Arco Naturale . Guests are welcomed on the terrace in the fresh summer evenings with typical Mediterranean dishes: ravioli “Caprese” a speciality. LO SFIZIO Via Tiberio 7/E, ph 081.8374128 Annalisa e Costanza offrono un menu basato su specialità locali e piatti di pesce. Forno a legna e girarrosto per polli allo spiedo lo rendono un‘ottima alternativa per una serata in compagnia, o per una sosta prima di continuare la passeggiata per il centro storico. Annalisa ad Costanza offer a menu based on local specialties and fish dishes. A wood-burning oven and chicken on the spit make it the ideal place for an informal dinner with friends or a quick stop before taking a downtown stroll. Michel’Angelo Via Sella Orta 10, ph 081.8377220 In un ambiente caldo ed accogliente Michel’Angelo integra un raffinato ristorante con un sofisticato bar dal design minimale, interpretando in chiave moderna la lunga tradizione gastronomica isolana. Set in a warm and welcoming atmosphere, Michel’Angelo is a combination of a refined restaurant and a min-

nean regional identity thought by the great chef Marco Iaccarino. VILLA VERDE Vico Sella Orta 6, ph 081.8377024 Dalla tipica cucina mediterranea con una buona scelta di pizze cotte nel forno a legna, il menu spazia dalle specialità di mare ai gustosi piatti della tradizione locale. In un ambiente friendly , la simpatia di Francolino irrompe contagiosamente. Typical Mediterranean cooking with a good choice of pizzas cooked in a woodburning oven. The menu includes a wide range of seafood and tasty local dishes. Friendly atmosphere and welcoming host. Ziqù Via Prov. Marina Grande 191 ph 081.8376630 E’ la proposta del Villa Marina Capri Hotel&Spa. Il ristorante esalta la purezza dei sapori viaggiando tra sperimentazione e riscoperta delle radici: ogni piatto diventa scultura per lusingare gli occhi e sedurre il palato. Ziqù dispone di un romantico portico per cene a lume di candela. Is the proposal of Villa Marina Capri Hotel&Spa. The restaurant exalts the pureness of tastes among experimentation and discovering of the routes: in order for every dish to become a creation to tempt one’s eyes and seduce one’s palate. Ziqù has a romantic portico for candle lit dinners.

ANACAPRI DA GELSOMINA Via Migliera 72, ph 081.8371499 Ambiente a conduzione familiare e cucina locale. Nella macchia mediterranea a 30 minuti dal centro. Ottimi i ravioli alla caprese ed il pollo al mattone. Family run restaurant with good local cooking. In the midst of the Mederranean maquis, 30 minutes from the centre. Excellent ravioli caprese with chicken. Da Mamma Giovanna Via Chiusarano 6, ph 081.8372057 Immersa nel verde dei suoi alberi di limoni e di ulivo offre ai suoi ospiti piatti tipici capresi abbinati ad una buona scelta di vini campani e nazionali. Situata nella campagna di Anacapri, è facilmente raggiungibile sia a piedi, sia con un servizio di navetta. Annalisa and Costanza serve a menu based on local specialities and fish dishes. The wood-burning oven for pizza and roasting jack make it an

ideal venue for an evening out with friends or for a stop before a walk downtown. IL CUCCIOLO Nuova Trav. Veterino 50, ph 081.8371917 Spettacolare vista sul golfo di Napoli e specialità di mare. Eccellente selezione di antipasti a base di salmone scozzese e, da non perdere, i pennoni con funghi porcini e cozze. Spectacular views of the Gulf of Naples. Seafood specialities. Excellent selection of hors d’oeuvres with salmon from Scotland and, not to be missed, “penne” pasta with porcini mushrooms and mussels. IL RICCIO Via Gradola 4-6, ph 081.8371380 E’ il Ristorante & Beach Club del Capri Palace Hotel, situato a soli pochi passi dall’incantevole Grotta Azzurra. Qui potrete assaporare il meglio della cucina di mare, premiata con una stella dalla guida Michelin 2013. Vasto assortimento di dessert nell’ imperdibile «stanza delle tentazioni»: tra tonalità turchesi e azzurre è qui racchiuso il meglio della pasticceria classica napoletana, l’unico vero peccato sarebbe resistere. Only a few steps from the enchanting Blue Grotto, Il Riccio-awarded with a Michelin star in 2013- offers a unique location overlooking the sea. Seafood cuisine and specialties typically Mediterranean. Wide range of desserts in the inviting “room of temptations”: is here held the best of classic Neapolitan pastry, the only real sin would be to resist. RAGU’ Via Capodimonte 14, ph 081.8371380 Un autentico omaggio ai sapori della tradizione isolana attraverso tipiche ricette locali : una tra tutte, i ravioli capresi. Il Bistrot Ragù offre una cucina genuina e un’incantevole terrazza con vista mare. A true homage to the flavors of Capri’s tradition through local recipes: such as “Ravioli Capresi”. For those who prefer a more casual atmosphere, the Bistro Ragù offers an authentic cuisine and a lovely terrace with sea views. L’OLIVO Via Capodimonte 14, ph 081. 8371380 Il ristorante “L’Olivo”, è l’unico sull’isola di Capri a vantare due Stelle Michelin. L’arte del giovane Chef Andrea Migliaccio e del suo team consiste nel reinterpretare in chiave moderna la

tipica gastronomia locale. La cucina dell’Olivo si distingue per le sue prelibate armonie di sapori , sapientemente accostati, e per l’accurata ricerca estetica. I principi cardine che guidano Andrea sono semplici: innovazione e tradizione, valorizzazione dei classici della cucina del territorio, con un’attenzione estrema nel selezionare i migliori prodotti del Mediterraneo. Led by the Executive Chef Andrea Migliaccio, L’Olivo is the only restaurant in Capri boasting Two Michelin stars. Andrea’s cuisine is based on innovation and tradition, new dishes with an emphasis on Mediterranean flavors and a special attention to the presentation and decoration of each single dish, as an esthetic gift to good taste. LA RONDINELLA Via G. Orlandi 295, ph 081.8371223 Nel centro di Anacapri, tradizionale ristorante locale condotto con passione dalla famiglia Pane da diversi decenni. Da provare le Linguine alla “Ciammurra” con alici fresche. In the centre of Anacapri, a traditional, local, restaurant run by the Pane family. Linguine “Ciammurra” with fresh anchovies are an absolute must. LE ARCATE V.le De Tommaso 24, ph 081.8373325 Ambiente accogliente, menù molto variegato ed ottima selezione di vini. Squisita la pasta fatta in casa in tutte le sue sfumature. Welcoming atmosphere, varied menu and an excellent selection of wines. Exquisite home-made pasta, in all its forms and varieties. LIDO DEL FARO Loc. Faro-Punta Carena ph 081.8371798 Sullo splendido versante meridionale, sul mare di Punta Carena, ambiente confortevole e ricco di atmosfera per occasioni particolari e indimenticabili. Da consigliare totani e patate. On the splendid south side, on the Punta Carena sea, a comfortable and atmospheric restaurant, ideal for special, not-to-be-forgotten occasions. Totani fish and potatoes - a must. MATERITA Via G. Orlandi 140, ph 081.8373375 Pizzeria sempre affollata e ottima cucina mediterranea con una graziosa terrazza fiorita che si affaccia sul sagrato della Chiesa si S. Sofia. Ottimi gli scialatielli con fiori di zucchine e vongole. Very popular Pizzeria with excellent Mediterranean coCapri| The Divine Coast 159

guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divi

imalist-style bar offering local cuisine in a modern version. monzù Via Tragara 57, ph 081.8370844 I Monzù - storpiatura dialettale del francese “Monsieur”- erano i nomi dei grandi cuochi che lavoravano presso le corti delle famiglie aristocratiche napoletane tra il XIII ed il XIX secolo. Lo chef Arcucci propone i piatti storici della cucina tipica tradizionale. “Monzù” dialect mangle of the French “Monsieur” they were the names of the great chefs that worked in the courts of important aristocratic Neapolitan families between the XIII and the XIX century. The chef Arcucci, proposes typical traditional historic dishes. SCIALAPOPOLO Via Gradoni Sopramonte 6/8 ph 081.8379054 Dall’antica tradizione caprese della tarantella e dal famoso bar di via Vittorio Emanuele, chiuso nel 2008 dopo 50 anni di storia, nasce questa trattoria nel cuore del centro storico, in una traversa della famosa via Le Botteghe. This trattoria set in the heart of the historic center, in a side street of the famous Via Botteghe, was born from the ancient Caprese tradition of the tarantella and the renowned bar of Via Vittorio Emanuele, closed down in 2008 after fifty years of activity. TORRE SARACENA Via Marina Piccola, ph 081.8370646 Protetto da una piccola insenatura nella baia di Marina Piccola, il ristorante dell’omonimo stabilimento balneare è uno dei preferiti dagli abitué dell’isola e non. Sulla terrazza di fronte ai faraglioni è possibile assaporare le specialità di mare e i superbi primi cucinati dallo chef Domenico Guarracino. Nestled in a small inlet in the Marina Piccola bay, the restaurant of the bathing establishment having the same name is one of the favorites of Carpi’s habitués. While enjoying the view from the terrace overlooking the Faraglioni, one can taste excellent fish and pasta dishes prepared by chef Domenico Guarracino. TERRAZZA TIBERIO Via Croce 11/14, ph. 081.9787111 All’interno del resort cinque stelle Capri Tiberio Palace Hotel&Spa, il nuovo ristorante propone un menù basato su una forte identità di cucina regionale mediterranea curato dal grande chef Marco Iaccarino. In the five star resort Capri Tiberio Palace Hotel&Spa resort, the new restaurant offers a menu based on a strong Mediterra-

guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divi

oking. A delightful terrace, full of flowers, overlooking the church of S. Sofia . Excellent “scialatielli” (a type of tagliatelli pasta) with courgette flowers and clams. LA TERRAZZA DI LUCULLO Via G.Orlandi 4, ph 081.8373395 E’ il fiore all’occhiello della ristorazione del Caesar Augustus Hotel. Affidato alle sapienti mani dello chef Giuseppe Resta, regnano protagonisti il Mediterraneo e i sapori della Campania. It is the feather in the cap of the Caesar Augustus Hotel. In the hands of the skilled chef Giuseppe Resta, protagonists are the Mediterranean and the tastes of Campania.

AMALFI LA CARAVELLA Via Matteo Camera 12 ph 089.871029 La cucina de La Caravella è basata su prodotti di terra e di mare, orientali e occidentali. Riscopre le vecchie ricette di Amalfi, riproponendole in una versione più fantasiosa, esaltando i sensi e i gusti del territorio. The cuisine of the “La Caravella” is based on Eastern and Western, Sea and Land products, it rediscovers the old recipes of Amalfi, representing them in a more fantastic version, exalting the senses and the tastes of the territory. DA GEMMA Via Frà G. Sasso, 10 ph 089.871345 Nel centro di Amalfi, a pochi passi dal Duomo, questo ristorante è un’opzione eccellente per assaporare le migliori ricette locali e internazionali in un’atmosfera casual. Ottima selezione di vini. In the centre of Amalfi, few steps from the Duomo, this restaurant is an excellent option to taste the best of the local and international recipes in a smart casual atmosphere. Very good wine selection. LIDO AZZURRO L.mare dei Cavalieri 5 ph 089.871384 Questo ristorante, situato sul lungomare di Amalfi, è un luogo perfetto per gustare e scoprire le tipiche ricette locali, sempre più difficili da trovare sulla costa di Amalfi. Lido Azzurro ha raggiunto il suo successo grazie alla generosa ospitalità della famiglia che lo gestisce. This restaurant, located on the sea-side of Amalfi, is a perfect place to taste and discover typical local recipes that are becoming harder to find in other restaurants on the Amalfi Coast. Lido Azzurro has enjoyed its success thanks to the generous hospitality of the family that owns it. 160 Capri | The Divine Coast

ATRANI A PARANZA Via Trav. Dragone 1, ph 089.871840 Chiuso il giovedì. Aperto tutti i giorni dal 15 giugno al 15 settembre. Situato nel piccolo centro, un piccolissimo posto accogliente dove assaggiare solo i più freschi piatti a base di pesce secondo le originali ricette locali. Closed on thursday. Open daily from 15th june untill 15th september. Located in the small centre, a tiny and warm place where to taste only the freshest sea-food dishes according to the original local recipes.

CETARA ACQUA PAZZA C.so Garibaldi 38, ph 089.261606 Situato in uno dei più tipici villaggi di pescatori della costa campana, questo è il luogo ideale per persone che amano una cucina semplice dal forte sapore di mare. Sitauated in one of the most typical fishing villages of the Campanian coast, this is the ideal place for people who love simple cousine of good strong sea flavours. SAN PIETRO Piazza S. Francesco 2, ph 089.261091 Ristorante locale dove assaggiare le ricette della costa e le sue specialità come le linguine alla colatura di alici, tonno fresco e piatti a base di pesce serviti in un’atmosfera classica e elegante. Importante scelta di olii di oliva e vini regionali. Local restaurant where to taste the real strong coastal recipes and specialities as “linguine alla colatura di alici”, fresh tuna and seafood served in an elegant and classic atmosphere.

ISCHIA BRACCONIERE Via Falanga 1 Serrara Fontana ph 081.999436 Specialità coniglio di produzione propria. Situato in montagna, molto rustico e molto ben frequentato, soprattutto in estate, quando l’isola è piena o fa molto caldo. Rabbit is a speciality here, situated in the mountains, very rustic and very popular, above all in the summer when the island is hot and crowded.

DAL PESCATORE P.tta Marina, ph 081.904262 Mondano, frequentato da vip e frequentatori abituali dell’isola. Very worldly, a favorite with VIP and island abitué.

MAIORI CAPO D’ORSO Via D. Taiani, ph 089.877022 Situato su una scogliera, questo luogo è famoso per la splendida vista e la gustosa pasta fatta a mano, come i ravioli con diversi tipi di ripieno, gli Scialatielli, i laccetti e portate di pesce fritto e grigliate miste. Located up on a rock, this place is famous for the beautiful view and the tasteful homemade pasta dishes as ravioli with various fillings, scialatielli, laccetti and fried fish courses and mixed grills. TORRE DEI NORMANNI Via D. Taiani 4, ph 089.877100 Gestito dalla famiglia Proto, in una posizione mozzafiato che si affaccia sul golfo di Salerno, questo ristorante è famoso per le specialità locali preparate esclusivamente con pesce fresco del giorno e pasta fatta a mano accompagnata dalle più importanti etichette di vini. Il pontile di proprietà privata offre la possibilità di arrivare direttamente con la barca. Owned by the Proto Family, in a breathtaking position overlooking the gulf of Salerno, this kitchen is famous for the local specialities prepared only with daily fresh fish and hand-made pasta accompanied with the most important wine labels. The private property dock offers the possibility to arrive at the restaurant by boat.

NERANO AL CANTUCCIO Via Marina del Cantone ph. 081.8081288 Tipica trattoria a conduzione familiare, una buona soluzione per assaporare le ricette mediterranee; pasta e pane fatti a mano. Typical family run trattoria is a good solution to taste the Mediterranean recipes; home-made pasta and bread.

MARIA GRAZIA Via Marina del Cantone ph 081.80811011 In una piccolissima spiaggia, questa trattoria a conduzione familiare serve semplici piatti a base di pesce, gustosi e genuini. Gli spaghetti alle zucchine, un must della costiera, furono inventati dalla proprietaria. In a tiny pebble beach, this family-run trattoria serve simple, genuine and tastefull fish dishes. A must of the coast, gli spaghetti alle zucchine, was invented by the owner. LO SCOGLIO P.zza delle Sirene 15, ph 081.8081026 Specialità di mare servite su una splendida palafitta nella baia di Marina del Cantone. Si possono trovare i ricci di mare crudi. Seafood specialities served on the splendid palafitta in the bay of Marina del Cantone. It is also possible to try raw sea urchins. QUATTRO PASSI Loc Nerano - Via Vespucci, 13/N Massalubrense - ph 081.8082800 Piatti a base di pesce fresco sono preparati ogni giorno grazie al lavoro dei pescatori della Marina del Cantone. Segnalato dalla guida Michelin è il luogo ideale per un’indimenticabile esperienza gastronomica: ricette locali, ampia selezione di formaggi locali e più di 1200 etichette di vini. Fresh sea-food dishes prepared every day according to the work of the fishermen of Marina del Cantone. This Michelin-starred restaurant is the ideal place for an unforgettable gastronomic experience : sumptuous local recipes, large selection of local cheeses and more than 1200 wine labels. TAVERNA DEL CAPITANO P.zza delle sirene 10/11 ph 081.8081028 Uno dei più importanti ristoranti della zona, segnalato dalla guida Michelin, affacciato sul mare, questo ristorante è il luogo ideale per gustare i migliori piatti a base di pesce fresco, con il miglior servizio. Ottima cantina. One of the most important Michelinstarred restaurants of the area, overlooking the sea, this kitchen is the ideal place to enjoy the top of the fresh-fish dishes with the best service.

PAESTUM DA NONNA SCEPPA Via Laura, ph 0828.851064 Vicino ad uno dei più importanti siti ar-

versi tipi di vino che offrono la miglior rassegna del vino italiano. In the centre of Positano it can be found inside an art gallery with old painting of eigtheen century and old fornitures to support an excellent food and with over six hundred different type of wine that give you the best panoramic of the italian wine.

PRAIANO IL PIRATA Via Terramare, ph 089.874377 Con una vista spettacolare sulla costa, questo posto nel mare offre piatti tipici della tradizione locale. Da non perdere il risotto ai frutti di mare. With a spectacular view towards the coast, this place is right on the water and offers the typical dishes of the local tradition.

PROCIDA POSITANO BUCA DI BACCO Via Rampa Teglia 4, ph 089.875699 Sulla spiaggia centrale di Positano, questo luogo è una perfetta combinazione di decorazioni incantevoli, scelta eccellente di cibo e vini vedute spettacolari. Located on the central beach of Positano this place is a perfect combination of charming decor, excellent choice of food and wines and spectacular views. LA CAMBUSA Piazza Vespucci 4, ph 089.875432 Situato sulla spiaggia, questo ristorante è famoso per le varietà di pesce tenute nel ghiaccio proprio all’entrata del ristorante. Piccoli calamari con le acciughe, insalata di polpo e mozzarella fatta in casa sono i pezzi forti. Down to the beach, this reataurant is famous for fish, a huge variety of which languishes on ice just inside the entrance. Baby squid with anchovies, “insalata di polpo” ad homemade mozzarella are highlights. MAX Via dei Mulini 22, ph 089.875056 Nel centro di Positano, una galleria d’arte con antichi, dipinti del diciottesimo secolo e con un arredamento antico supporta un cibo eccellente con oltre seicento di-

CRESCENZO Via Marina Chiaiolella 33, ph 081.8967255 Cucina semplice e con preparazioni al momento che si basa esclusivamente sul pesce, con ricette che partono dalla vecchia scuola della Signora Vincenza fino a arrivare a abbinamenti terra mare, ottenuti da un’attenta analisi effettuata dai cuochi. Simple cooking with dishes prepared there and then with fresh fish and recipes dating back to the old school of Signora Vincenza and now often representing the unity of land and sea. GORGONIA Via Marina Corricella 50, ph 081.8101060 Situato nella Corricella, la marina più antica di Procida, caratteristica e suggestiva, sembra un piccolo presepe che si specchia nel mare. Il ristorante affaccia sul porticciolo seicentesco e offre freschissime specialità di mare. Situated in the Corricella,the oldest marina of Procida, characteristic and suggestive, like a jewel, it is reflected in the sea. The restaurant overlooks the seventeenth century port and offers super fresh seafood specialities.

RAVELLO CARUSO/BELVEDERE Piazza San Giovanni del Toro 2 ph 089.8588801 Il ristorante è rinomato per una serie di servizi per soddisfare ogni occasione. La cucina tradizionale napoletana e piatti tipici regionali sono, ovviamente, la specialità. The restaurant is renowed for a range of dining facilities to suit every occasion Traditional Neapolitan cuisine and regional Italian dishes are, of course, the speciality. CUMPA’ COSIMO Via Roma 44, ph 089.857156 Ristorante a conduzione familiare, a pochi passi dalla cattedrale, offre un cordiale benvenuto in due semplici ma attraenti sale da pranzo. This family-run restaurant a few steps from the cathedral square offers a cordial welcome in two simple but attractive dining rooms. GARDEN Via Boccaccio 4, ph 089.857226 Sulla scogliera, con panorama mozzafiato, questo ristorante offre la miglior cucina regionale in un’atmosfera amichevole. Up on the cliff with breathtaking panorama, this restaurant offers the best of regional cuisine in a friendly atmosphere. IL FLAUTO DI PAN Via Santa Chiara 26, ph 089.857459 Il ristorante dell’Hotel Villa Cimbrone offre ai propri clienti deliziosi piatti preparati con i prodotti genuini dell’orto. The restaurnat of the Hotel Villa Cimbrone offers its clients delicious dishes prepared with genuine products of the vegetable garden. ROSSELLINIS Via San Giovanni del Toro ph 089.818181 Aperto solo a pranzo, con un’ eccellente cucina moderna, questo luogo offre un’importante selezione di vini. Opened only for lunch, with an excellent modern cuisine this place offers an important selection of wines. VILLA MARIA Via S. Chiara 2, ph 089.857255 Raccomandato dalla migliori guide gastronomiche; i piatti sono serviti in sale eleganti e nel suggestivo giardino, ombreggiato da maestosi tigli,

dove lo sguardo è catturato dall’incantevole territorio circostante. Well-recommended by the best gastronomical guides; meals are served in elegant halls or in the suggestive garden, shaded by stately lime trees, where the glances are marvellously captured by the enchanting surrounding landscape.

RECOMMONE CONCA DEL SOGNO Via San Marciano, 9 - Nerano ph 081.8081036 Sulla strada per Nerano, in una bellissima spiaggia privata, questo ristorante casual offre un eccellente menù a base di specialità di pesce accompagnate da grandi etichette di vini locali. On the way to Nerano, in a beautiful private bay, this casual restaurant offers an excellent menu of the best sea-food specialities accompained by great local wine labels.

SANT’ AGATA SUI DUE GOLFI DON ALFONSO Corso Sant’Agata 11/13 ph 081.8780026 Sale e salette bianchissime dove risaltano arredi d’epoca, lampadari in vetro di Murano e maioliche. Alta cucina, cultura, terra, mare, e prodotti deliziosi. The pure whiteness of the halls, which makes the antique furniture stand out, the Murano glass chandeliers, and the hand-painted majolicas. Haute cuisine, culture, land, sea, and delicious produce.

SCALA DA LORENZO Via Fra’ G. Sasso 4, ph 089.858290 Nonostante non sia proprio vicino al mare, questo ristorante è conosciuto per un’eccellente scelta di piatti a base di pesce. A conduzione familiare Despite the location not very close to the sea, this restaurant is well known for excellent choices of fish food. Family run restaurant. Capri| The Divine Coast 161

guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divi

cheologici campani, questo luogo offre abbondanti piatti del Cilento, con un’enfasi sugli ingredienti locali. Close to on of the most important Campanian archelogical sites, this place offers hearty Cilento dishes, with an emphasis on prime local ingredients. LE TRABE Via Capo di Fiume 1 Capaccio (SA), ph 0828.724165 Incantevole complesso del diciannovesimo secolo, situato in un’oasi naturalistica protetta dove si può assaggiare la cucina del territorio, con piatti diversi ogni settimana, realizzati con ambizione e grande cura. La sera è disponibile anche una gustosissima pizza. Enchanting complex of the nineteenth century located in a protected naturalistic oasis where to taste a kitchen of the territory that changes weekly, realized with ambition and great cure. In the evening time also tasteful pizzas are available.

guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divine guide divine guide guide divi

hotel CAPRI

Canasta Via Campo di Teste, 6 ph 081.8370561 fax 081.8376675 www.hotel-canasta.com Capri Tiberio Palace Via Croce, 11-15 Ph. 081.9787111 Fax. 081.8374493 www.capritiberiopalace.it Casa Morgano Via Tragara, 6 ph 081.8370158 fax 081.8370681 www.casamorgano.com Gatto Bianco Via V.Emanuele, 32 ph 081.8370446 fax 081.8378060 www.gattobianco-capri.com Grand Hotel Quisisana Via Camerelle, 2 ph 081.8370788 fax 081.8376080 www.quisisana.com J.K.Place Via Prov. Marina Grande, 225 ph 081.838 4001 fax 081.837 0438 www.jkcapri.com La Certosella Via Tragara, 13/15 ph 081.8370713 fax 081.8376113 www.hotelcertosella.com La Minerva Via Occhio Marino, 8 ph 081.8370374 fax 081.8375221 www.laminervacapri.com La Palma Via V. Emanuele, 39 ph 081.8370133 fax 081.8376966 www.lapalma-capri.com La Residenza Via F.Serena, 22 ph 081.8370833 fax 081.8377564 www.laresidenzacapri.com La Scalinatella Via Tragara, 8 ph 081.8370633 fax 081.8378291 www.scalinatella.com Mamela Via Campo di Teste, 8 ph 081.8375255 fax 081.8378865 www.hotelmamela.com Punta Tragara Via Tragara, 57 ph 081.8370844 fax 081.8377790 162 Capri | The Divine Coast

www.hoteltragara.com Villa Marina Via Provinciale Marina Grande 191 tel 081.8376630 fax 081.8374079, www.villamarinacapri.com

ANACAPRI

Capri Palace Hotel & Spa Via Capodimonte, 14 ph 081.9780111 fax 081.8373191 www.capripalace.com Caesar Augustus Via G.Orlandi, 4 ph 081.8373395 fax 081.8371444 www.caesar-augustus.com

NAPOLI

Chiaja Via Chiaia 216 ph 081.415555 fax 081.422344 www.hotelchiaja.it Excelsior Via Partenope, 48 ph. 081.7640111 fax. 081.7649743 www.excelsior.it Majestic Largo Vasto a Chiaia, 68 ph 081.416500 fax 081.410145 www.majestic.it Romeo Via Cristoforo Colombo 45 ph. 081.0175 fax. 081.0175999 www.romeohotel.it Royal Continental Via Partenope, 38-44 ph 081.2452068 fax 081.7645707 www.royalcontinental.it Micalo’ Riviera di Chiaia, 88 ph 081.7617131 www.micalo.it Grand Hotel Parkers Corso Vittorio Emanuele, 135 ph 081.7612474 fax 081.663527 www.grandhotelparkers.it Grand Hotel Santa Lucia Via Partenope 46 ph 081.7640666 fax 081.7648580 www.grandhotelsantalucia.it Vesuvio Via Partenope, 45 ph. 081.7640044 fax. 081.7644483

www.vesuvio.it Villa Ocsia Via Don Morosino 89 San Giorgio a Cremano (Na) Tel 081.7714033 Fax 081.2141897 www.villaocsia.it

SORRENTO

Cocumella Via Cocumella, 7 ph 081.8782933 fax 081.8783712 www.cocumella.com Grand Hotel Excelsior Vittoria Piazza Tasso, 34 Tel. 081.8071044 fax 081.8771206 www.exvitt.it Hilton Sorrento Palace Via S. Antonio n. 13 ph 081.8784141 fax 081.8783933 www.sorrentopalace.it La Minervetta Via Capo, 25 ph 081.8774455 fax 081.8784601 www.laminervetta.com Grand Hotel La Pace Via Tordara, 1 ph 081.8074775 www.ghlapace.com Parco dei Principi Via Rota, 1 ph 081.7644614 fax 081.7645707 www.grandhotelparcodeiprincipi.net Relais Blu Via Roncato, 60 ph 081.8789552 fax 081.8789304 www.relaisblu.com

POSITANO

Ca’ Pa’ Casa Privata Via Rezzola località Torre Grado ph 089.874078 fax 089.8131119 www.casaprivata.it Le Sirenuse Via C.Colombo, 30 ph 089.875066 fax 089.811798 www.sirenuse.it Hotel Palazzo Murat Via Mulini, 23 ph 089.875177 fax 089.811419 www.palazzomurat.it ll San Pietro di Positano via Laurito, 2

ph 089.875455 fax 089.811449 www.ilsanpietro.it

AMALFI Santa Caterina S.S. Amalfitana, 9 ph 089.871012 fax 089.871351 www.hotelsantacaterina.it

RAVELLO Caruso Piazza San Giovanni del Toro, 2 ph 089.858801 fax 089 858 806 www.hotelcaruso.com Palazzo Sasso Via San Giovanni Del Toro, 28 ph 089.818181 fax 081.858900 www.palazzosasso.com Palumbo Via S. Giovanni del Toro, 16 ph 089.857244 - fax 089.858133 www.hotelpalumbo.it Villa Cimbrone via S.Chiara, 26 ph 089.857459 fax 089.857777 www.villacimbrone.com

ISCHIA Albergo San Montano Via Monte Vico ph 081.994033 fax 081.980242 www.sanmontano.com Mezzatorre Resort&Spa Via Mezzatorre, 23 - Forio D ́Ischia ph 081.986111 fax 081.986015 www.mezzatorre.it Punta Molino Lungomare C. Colombo, 23 ph 081.991544 fax 081.991562 www.puntamolino.it Regina Isabella Piazza Santa Restituta, 1 ph 081.994322 fax 081.900190 www.reginaisabella.it

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K

n.12 winter 2013

h

e

d

i

v

i

n

e

c

o

a

s

Gruppo Editoriale

spedizione in abbonamento postale 45% - art. 2, lettera b - legge 662/96 - filiale di Firenze - contiene IP - euro

t

h

e

d

i

v

i

n

e

c

o

a

s

t

5,00 free copy

t

special anacapri

cover story sophia loren Fashion a/w 2013-14 | Anarchicpunk Art massimo listri | sebastiano mauri diefenbACH anniversary | peter demetz interviews fabrizia sacchi | manuel de sica | guido lembo Itineraries island on the island | ceramic decoration

Special edition for

t


Capri The Divine Coast n. 12