Issuu on Google+

n.1 OUTDOOR EXPERIENCES SCENARI BORGHI DI PESCASTORI VIGNE ARROCCATE

ITINERARIO DA MONTEROSSO A RIOMAGGIORE 16,5 KM E 1.200 M D+

POST ALLUVIONE

FEBBRAIO  2014  -­‐  DIFFUSIONE  GRATUITA  

LA SITUAZIONE DEI SENTIERI DOPO I DANNI DEL 2011

MADE IN ITALY

CINQUE TERRE FORMATO SKY

ITINERARIO  N.  1     Pubblicato  nel  mese  di  febbraio  2014     Diffusione  Gratuita     Proprietà  le+eraria  riservata       Copyright  ©  2014  Fabio  Menino   Copyright  ©  2014  Fabiomenblog       Tes>  di  Fabio  Menino   Foto  di  Fabio  Menino       www.fabiomenblog.tumblr.com  

OUTDOOR EXPERIENCES

editoriale Questo   primo   numero   di   Outdoor   Experiences,   tra+a   uno   dei   percorsi   italiani   più   apprezza>  dagli  aman>  del  trekking  e  della  corsa  in  natura.  A  dimostrazione  della  >picità   dei   luoghi   che   a+raversa,   dal   1997   le   Cinque   Terre   sono   state   dichiarate   dall’UNESCO   Patrimonio  Mondiale  dell’Umanità.     Purtroppo,   però,   quello   delle   Cinque   Terre   è   anche   uno   dei   territori   maggiormente   colpi>  dalle  calamità  naturali  che  negli  ul>mi  anni  hanno  colpito  il  nostro  paese.   Il   25   o+obre   2011,   infaY,   una   serie   di   temporali   di   forte   intensità   si   accanirono   sulla   costa  ligure  tra  Sestri  Levante  e  La  Spezia.  Le  stazioni  meteorologiche  ufficiali  rivelarono   valori   pluviometrici   eccezionali,   tra   i   400   e   i   500   millimetri   d’acqua   scesi   in   poche   ore.   La   zona   delle   Cinque   Terre   fu   par>colarmente   colpita   con   paesi   isola>,   torren>   esonda>,   abitazioni  allagate  e  strade  interro+e  da  frane  e  smo+amen>.  Anche  la  rete  ferroviaria   Genova-­‐La   Spezia   rimase   bloccata,   tra   Levanto   e   Corniglia,   a   causa   di   una   frana.   Monterosso   al   Mare   e   Vernazza   furono   due   delle   località   più   colpite.   Il   solo   paese   di   Vernazza   fu   sommerso   da   oltre   2   milioni   di   metri   cubi   di   terra   e   altro   materiale   provenien>   da   numerose   frane   e   dal   collasso   del   parcheggio   di   Vernazzola.   La   via   centrale   del   paese   fu   sepolta   da   3,5-­‐4   metri   di   materiale   e   a   monte   della   stazione   ferroviaria  lo  strato  detri>co  sfiorò  i  10  metri.  L’alluvione  causò  anche  13  le  viYme  di  cui   3  erano  abitan>  di  Vernazza.   A  distanza  di  due  anni  da  quei  tragici  faY,  sono  ritornato  alle  Cinque  Terre  percorrendo  il   celebre  “Sen>ero  Azzurro”,  il  n°  2,  da  Monterosso  al  Mare  a  Riomaggiore.  Si  tra+a  di  un   i>nerario  affascinante  che  perme+e  di  scoprire  le  tradizioni  di  cinque  cara+eris>ci  borghi   liguri;   da   quelle   marinare   a   quelle   più   pre+amente   agricole   con   i   >pici   vigne>   e   ulive>   col>va>  sui  terrazzamen>  a  picco  sul  mare  che  nel  corso  del  tempo  ne  hanno  ridisegnato   il   territorio.   Solitamente   frequenta>   dalla   primavera   all’autunno,   negli   ul>mi   anni   i   sen>eri  delle  Cinque  Terre  si  sono  sta>  apprezza>  anche  da  mol>  turis>  stranieri.   Due   traY   del   percorso,   da   Corniglia   a   Manarola   e   da   Manarola   a   Riomaggiore,   sono   ancora   impra>cabili.   Le   rela>ve   varian>,   però,   si   sono   rivelate   una   piacevolissima   sorpresa.   Le   salite   ripide   si   alternano   a   traY   tecnici   e   passaggi   a   fianco   dei   vigne>,   trasformando  l’intero  i>nerario  in  qualcosa  di  paragonabile  a  un  percorso  di  skyrunning.   Nulla   di   impegna>vo   ma   tu+o   molto   divertente   con   panorami   a   dir   poco   incredibili.   In   totale,  sono  circa  16,5  km  per  più  di  1.200  metri  di  dislivello  posi>vo.   Per  tuY  gli  aman>  della  natura  e  delle  tradizioni  o  per  chi  è  alla  ricerca  di  un  percorso   appagante   per   i   propri   allenamen>,   le   Cinque   Terre   possono   quindi   rappresentare   un’interessante  opportunità.  

Fabio Menino

Le Cinque Terre PATRIMONIO MONDIALE UNESCO

LA  SPEZIA  

1

Le   Cinque   Terre   si   sviluppano   per   circa   18   km   sulla   costa   ligure   di   levante,   da   Monterosso   al   Mare  a  Riomaggiore.  Ne  fanno  parte  anche  i  borghi  di  Vernazza,  Corniglia  e  Manarola.  Si  tra+a   di   un   tra+o   di   costa   prevalentemente   rocciosa,   ricca   di   di   baie,   spiagge   e   fondali   profondi,   sovrastata   da   una   catena   di   mon>   che   corrono   paralleli   al   litorale.   In   un   ambiente   morfologicamente   difficile,   ne   sono   ormai   parte   integrante   i   terrazzamen>   col>va>   a   vite   e   a   olivo,   il   cui   contenimento   è   assicurato   da   an>chi   mureY   a   secco.   Le   Cinque   Terre   sono   un   ambiente  in  cui  il  lavoro  secolare  di  generazioni  ha  trasformato  un  territorio  inaccessibile  in  un   paesaggio   di   straordinaria   bellezza.   Contano   anche   un’Area   Marina   Prote+a   e   un   Parco   Nazionale  che  ne  tutelano  l’assoluta  unicità.     Il   Parco   Nazionale   delle   Cinque   Terre,   con   i   suoi   4.300   e'ari,   è   il   Parco   Nazionale   più   piccolo   d’Italia  e  allo  stesso  tempo  il  più  densamente  popolato,  con  5.000  abitan0  suddivisi  nei  cinque   borghi.   Qui   l’uomo   in   più   di   mille   anni   ha   “modificato”   l’ambiente   naturale   sezionando   gli   scoscesi   pendii   delle   colline   per   ricavarne   strisce   di   terra   col>vabili,   i   ciàn,   sorre+e   da   circa   se+emila  chilometri  di  mureY  a  secco,  la  lunghezza  della  Grande  Muraglia  cinese.  Questo  è  il   vero  tra+o  iden>tario  delle  Cinque  Terre,  con  un  paesaggio  a>pico  e  fortemente  antropizzato.     Camminare   alle   Cinque   Terre,   lungo   la   sua   rete   di   sen>eri,   rappresenta   sicuramente   un’esperienza  unica  e  appagante  nel  suo  genere.    

I tratti chiusi LE FRANE SUL PERCORSO

Monterosso   0  km  

Vernazza   3,5  km  

Corniglia   7  km  

Manarola   12,9  km  

Riomaggiore   16,5  km  

Sulla  pagina  ufficiale  del  Parco  Nazionale  delle  Cinque  Terre  (ww.parconazionale5terre.it)  tu+o  il   sen>ero  n°  2  (Sen>ero  Azzurro),  da  Monterosso  a  Riomaggiore,  risulta  essere  ancora  chiuso.   I   primi   due   traY,   da   Monterosso   a   Vernazza   e   da   Vernazza   a   Corniglia   sono   però   interamente   percorribili   e   non   presentano   nessun   >po   di   sbarramento   all’accesso.   Par>colarmente   delicata,   invece,   è   la   situazione   del   tra+o   che   va   da   Corniglia   a   Manarola.   Nella   sua   prima   parte   sono   eviden>  le  opere  di  ricostruzione  effe+uate  (ponte  sospeso)  ma  oltre  la  strada  è  interro+a  da  una   frana  nel  punto  esa+o  in  cui  il  vecchio  sen>ero  è  franato  verso  il  mare  di  circa  10  metri  (Vedi  le   due   foto   di   questa   pagina).   Anche   il   tra+o   da   Manarola   a   Riomaggiore,   la   celebre   “Via   dell’Amore”,  risulta  ancora  chiuso  e  di  fa+o  ne  è  impedito  l’accesso  con  degli  sbarramen>.  

3

I lavori di ripristino PONTI SOSPESI MURI A SECCO

Monterosso   0  km  

Vernazza   3,5  km  

Corniglia   7  km  

Manarola   12,9  km  

Riomaggiore   16,7  km  

I   lavori   di   rifacimento   del   sen>ero   n°   2   (Sen>ero   Azzurro),   sono   già   eviden>   nel   primo   tra+o,   quello   da   Monterosso   a   Vernazza.   Sono   sta>   costrui>   dei   muri   di   protezione   in   pietra   (Foto   in   basso),  rifaY  dei  passaggi  in  prossimità  dei  corsi  d’acqua,  alcuni  muri  a  secco  e  sistemate  molte   staccionate  proteYve  in  legno.  Nel  tra+o  da  Corniglia  a  Manarola,  seppure  ancora  chiuso,  nella   prima   parte   è   già   stato   costruito   un   ponte   sospeso   (Foto   in   alto)   ed   è   presumibile   che   questo   sistema  venga  u>lizzato  anche  nei  traY  successivi  coinvol>  da  frane  di  notevoli  dimensioni.   Per  quanto  riguarda  i  centri  abita>,  non  vi  è  più  traccia  dei  danni  provoca>  dall’alluvione  del  2011   ma   sul   muro   della   chiesa   di   Monterosso   è   ben   visibile   una   pietra   indicante   il   livello   raggiunto   dall’acqua  e  dal  fango.    

4

Monterosso-Vernazza Sentiero: N° 2 Durata: 1:30-2 h Distanza: 3,5 km D+: 190 m D-: 190 m

Monterosso   0  km  

Vernazza   3,5  km  

Corniglia   7  km  

Manarola   12,9  km  

Riomaggiore   16,7  km   Dalla   stazione   di   Monterosso   si   percorre   tu+a   la   strada   lungo   mare   in   direzione   di   La   Spezia.   Superata   la   galleria,   si   con>nua   a   costeggiare   la   spiaggia   fino   a   quando   la   strada   sale   in   direzione   di   un   albergo.   Proseguendo   alla   destra   della   sua   entrata,   dopo   pochi   metri   si   incontrano   le   indicazioni   del  sen>ero  n°  2  che  prende  velocemente  quota  sopra  il  paese  con  una  serie  di  scalinate  in  pietra.  Il   sen>ero   non   presenta   difficoltà   par>colari   e   in   alcuni   pun>   è   stato   a+rezzato   con   apposite   staccionate   in   legno.   Si   supera   la   conca   dell’Acquapendente,   dove   alcune   famiglie   residen>   con>nuano  a  col>vare  ulivi,  vi>,  limoni  e  ortaggi,  poi  la  la  piccola  valle  del  Fosso  Mulinaro,  la  Costa   Linaro   e   infine   si   scende   per   la   Costa   Messorano.   Ampie   le   vedute   sul   litorale   so+ostante   cara+erizzato   da   tre   insenature,   Punta   Corone,   Punta   Molinara   e   Punta   Lina.   Magnifica   la   vista   dall’alto  sull’abitato  di  Vernazza.  

7

Sentiero: N° 2 Durata: 1:30-2 h Distanza: 3,5 km D+: 230 m D-: 130 m

Monterosso   0  km  

Vernazza   3,5  km  

Corniglia   7  km  

Manarola   12,9  km  

Riomaggiore   16,7  km  

Il  sen>ero  n°  2  incomincia  dalla  via  principale  del  paese  e  si  alza  subito  sopra  l’abitato  di  Vernazza   con  ripide  scalinate  in  pietra  fino  ad  arrivare  alla  quota  più  alta  del  Sen>ero  Azzurro,  ai  208  metri   del  borgo  di  Prevo.  Si  a+raversa  quindi  tu+a  la  conca  di  Guvano  raggiungendo  un  sugges>vo  punto   panoramico  a  strapiombo  sull’omonima  spiaggia.  Anche  in  questa  parte  del  percorso  il  sen>ero  è   stato  a  traY  risistemato  e  non  non  presenta  alcun  >po  di  difficoltà.  Nonostante  questo,  è  doveroso   segnalare   che   sulla   case+a   in   legno   di   accesso   al   sen>ero   è   posto   un   cartello   indicante   il   divieto   d’accesso.   Nei   traY   in   cui   la   vegetazione   è   rada,   si   possono   ammirare   vedute   sul   litorale   so+ostante  cara+erizzato  dalla  spiaggia  di  Guvano  posta  tra  Punta  Palma  e  Punta  del  Luogo,  sulle   cui  pendici  sorge  il  paese  di  Cornigli  .  Magnifica  la  vista  finale  dall’alto  sull’abitato  di  Vernazza.    

6

Sentiero: 7a-6d Durata: 2-2:30 h Distanza: 5,9 km D+: 230 m D-: 130 m

Monterosso   0  km  

Vernazza   3,5  km  

Corniglia   7  km  

Manarola   12,9  km  

Riomaggiore   16,7  km  

Il   sen>ero   n°   2,   nel   tra+o   da   Corniglia   a   Manarola,   è   ancora   impra>cabile.   Si   u>lizzano   due   sen>eri   più  al>  che  cos>tuiscono  una  variante  decisamente  più  tecnica  e  panoramica.     Nella   parte   superiore   del   paese   di   Corniglia   si   segue   via   Serra   e   dopo   la   chiesa   del   paese,   proseguendo   in   direzione   di   Manarola,   s’incontra   l’indicazione   dei   sen>eri   7a   e   6d   che   salgono   a   sinistra   verso   la   frazione   di   Volastra   (Fontana   in   loco).   Imboccato   il   6d   nei   pressi   di   Case   Pianca   (evidente  indicazione  verso  destra),  in  direzione  Volastra,  si  passa  a+raverso  campi  col>va>  a  vite   con  panorami  significa>vi  fino  a  raggiungere  l’incrocio  con  il  sen>ero  6.  Da  questo  punto  in  poi  si   scende  verso  il  paese  di  Corniglia.  La  discesa  presenta  traY  tecnici  e  ripidi.  Quella  dei  sen>eri  7°  e   6d  cos>tuisce  sicuramente  una  delle  varian>  più  sugges>ve  dell’i>nerario.

10

Sentiero: 7a-6d Durata: 2-2:30 h Distanza: 5,9 km D+: 230 m D-: 130 m

Monterosso   0  km  

Vernazza   3,5  km  

Corniglia   7  km  

Manarola   12,9  km  

Riomaggiore   16,7  km  

Il  sen>ero  n°  2,  nel  tra+o  da  Manarola  a  Riomaggiore  indicato  come  “Via  dell’Amore”  è  chiuso  al   pubblico.   Individuarene   la   variante   (che   non   sia   la   strada   asfaltata)   non   è   intui>vo   e   non   ha   saputo   darmi  indicazioni  neanche  l’adde+a  all’ufficio  informazioni.  Si  esce  dal  paese  dalla  via  principale  e   dopo  un  cen>naio  di  metri,  in  prossimità  di  una  semi  curva  verso  destra,  si  gira  in  Via  E+ore  Cozzani   (l’indicazione   del   sen>ero   non   si   vede   arrivando,   bisogna   voltarsi   indietro).   Si   arriva   nella   piazza   della  chiesa,  la  si  supera  tu+a  e  si  gira  a  destra  in  una  stradina  (via  Aldo  Rollandi).  Dopo  pochi  metri   si   trova   l’indicazione   del   sen>ero   n°   531   sulla   sinistra   (Costa   corniolo   0.35   e   Riomaggiore   1.00).   A+enzione  perché  questo  sen>ero  non  è  segnato  sulla  mappa  del  Parco.   Variante   molto   interessante   con   tra+o   finale   su   Riomaggiore   cos>tuito   da   una   lunga   scalinata   molto  ripida.  

12

STAZIONI TuY  i  paesi  delle  Cinque  Terre  sono  raggiungibili,  via  mare  con  i  ba+elli  di   FERROVIARIE  linea,  in  auto,  in  treno  e  ovviamente  a  piedi.  Il  loro  collegamento  in     IN TUTTI auto,  però,  risulta  essere  molto  complicato  ed  è  quindi  vivamente     sconsigliato.  La  morfologia  del  territorio,  cara+erizzata  da  alte  colline  a     I PAESI strapiombo  sul  mare,  fa  si  che  le  strade  siano  stre+e  e  ripide  con  molte     curve.  Inoltre  ci  sono  limita>  spazi  per  il  parcheggio  peraltro  sempre  all'esterno    dei  centri  abita>  che  sono  chiusi  al  traffico  privato.   La   soluzione   più   agevole   è   quella   di   spostarsi   a   piedi   e   di   u>lizzare   il   treno   in   caso   di   necessità.  In  ogni  stazione  ferroviaria  delle  Cinque  Terre  si  trovano  gli  uffici  informazione  del   Parco   Nazionale,   dove   richiedere   informazioni   e   pubblicazioni   e   dove   acquistare   la   Cinque   Terre  Card,  una  carta  speciale,  emessa  dall'  ente  Parco,  che  include  diversi  servizi  fra  cui  i   bus  nave+a  la  fruizione  di  aree  e  percorsi  a+rezza>  e  del  sen>ero  azzurro.         Per   raggiungere   Monterosso   e   Vernazza,   l'uscita   autostradale   consigliata   è   "Carrodano"   sulla  A12  Genova-­‐Livorno.  Al  casello  si  seguono  le  indicazioni  per  Levanto.  Al  termine  della   prima   discesa   si   raggiunge   la   ci+adina   di   Levanto,   si   procede   per   il   centro   voltando   a   destra   e   poi   verso   Monterosso   a   sinistra.   Dopo   alcuni   km   di   salita   si   trovano   le   indicazioni   per   Monterosso  poco  dopo  l'uscita  da  un  tunnel.     Corniglia,  Manarola  e  Riomaggiore,  invece,  sono  raggiungibili  in  auto  da  La  Spezia  (14  Km)   con   la   S.S.   n°370   "Litoranea   delle   Cinque   Terre"   dopo   essere   usci>   al   casello   "LA   SPEZIA-­‐ S.STEFANO  MAGRA"  dell'autostrada  A12  Genova-­‐Livorno  o  A15  Parma-­‐La  Spezia.  Dal  casello   si  seguono  le  indicazioni  per  La  Spezia  e  una  volta  in  ci+à  (  5  km  di  superstrada)  si  procede   sul  lungomare  in  direzione  CINQUE  TERRE-­‐Portovenere.  Dopo  l'arsenale  militare  della  Spezia   (di   cui   si   >ene   l'entrata   principale   sulla   a   sinistra)   si   procede   diri+o,   in   salita,   verso   Manarola-­‐Riomaggiore.           Numerose   corse   sulla   linea   Pisa   -­‐   Genova   perme+ono   di   raggiungere   tuY   i   borghi   delle   Cinque   Terre   e   inoltre   diversi   Intercity   fermano   a   Riomaggiore   e   Monterosso.   Frequen>   anche  i  treni  locali  che  partono  dalla  stazione  di  La  Spezia  e  fermano  in  tuY  e  cinque  i  paesi.   Mediamente,  a  seconda  delle  fasce  orarie,  i  treni  transitano  a  distanza  di  40  minu>  massimo   1  ora  uno  dall’altro,  dalle  5:00    del  maYno  fino  quasi  a  mezza  no+e.           In  primavera  e  in  estate  esistono  collegamen>  giornalieri  via  mare  da  La  Spezia,  Lerici,  Porto   Venere  e  Portofino,  con  capolinea  a  Monterosso.  Il  servizio  non  opera  d’inverno  e  riprende   dalla  primavera.  Info:  www.navigazionegolfodeipoe>.it  

14

15

Nei borghi delle Cinque Terre vi sono svariate possibilità per dormire. Oltre ai Bed and Breakfast, sono molto diffusi gli Affittacamere. I prezzi partono dai 30-40 euro a notte fuori stagione fino ad oltre 100 euro a notte nella stagione estiva. Dalla primavera in poi, considerata la presenza di turisti, è opportuno contattare le strutture per prenotare la camera. Affittacamere ACQUAMARINA - Via Molinelli 27 TEL: 338 7073664 ; FAX: 0187 817392 Appartamenti  MADONNA DI SOVIORE - Loc. Soviore TEL: 0187 817385 ; FAX: 0187 817097 Bed and Breakfast  I CORALLI - Via S. Pietro, 17 TEL: +39 0187 897983 - +39 3398690282 ; FAX: +39 0187 897983 Bed and Breakfast  TRETERRAZZI - Via G. Mazzini 1 TEL: 3335292561 Affittacamere EVA'S ROOMS - Via Roma 56 Bed and Breakfast  SOLEMAGIA - Via A. Del Santo 37) TEL: 0187 821170 -338 5671672 Appartamenti  A RUCCA - Località Muro, San Bernardino TEL: 0187-821304 ; FAX: 0187-821304 Affittacamere  TAVERNA DEL CAPITANO - Piazza Guglielmo Marconi 21  TEL: +39 0187812201 ; FAX: +39 0187812201 Affittacamere  VERNAZZAROOMS - Via Del Santo, 9 TEL: 0187 812151-3385814688 ; FAX: 0187 812151 Affittacamere  ERMIRIO NICOLINA - Via San G. Battista 7  TEL: 0187 821193 Affittacamere  VITTORIA ROOMS - Via Roma, 15 TEL: 3389574005 Appartamenti  L'AGAVE - Via Alla Marina 49 TEL: +39 334 3362420 - 0187 736799 ; FAX: +39 0187 736799 Affittacamere DAI FERA’ - Via Alla Marina 39 TEL: 0187 812323 / 328 3666893 Appartamenti  IL CARUGIO DI CORNIGLIA - Via Alla Stazione 19 TEL: +39 3392283803 ; FAX: +390187812293 Affittacamere  PENSIONE RISTORANTE CECIO - Via Serra 58  TEL: 0187 812043 ; FAX: 0187 812138 Appartamenti  APPARTAMENTO STELLA MARINA - Via Fieschi 33 TEL: +39 0187/82626 ; FAX: +39 0187/816234    

AFFITTA CAMERE IN TUTTI I PAESI

Appartamenti  IL CARUGIO - Via Montello, 201 Volastra TEL: 0187 920746 Affittacamere  LA VIGNA DI GIGI - Via Molini 26 TEL: 347 4625260 Bed and Breakfast  DA BARANIN - Via Rollandi 29 TEL: 0187 920595 ; FAX: 0187 762250 Albergo  MARINA PICCOLA - Via Birolli 120 TEL: 0187 762065 ; FAX: 0187 762291 Affittacamere  NI RIA - Via Montello, 335 Volastra TEL: +39 0187 920031 mobile: +39 333 4895098 ; FAX: +39 0187 920031 Appartamenti  DA BARANIN - Via Rollandi 29 TEL: 0187 920595 ; FAX: 0187 762250 Affittacamere  SEA BREEZE - Via Rollandi 124 TEL: 0187 751572 - 3357521331 Bed and Breakfast  IL VIGNETO - Via Pasubio, 64 Volastra TEL: +39 0187-1852727/339-6075552 ; FAX: +39 0187-1852377 Appartamenti  DA PAULIN - Via Discovolo 126 TEL: 0187 920706-334 3894764 Affittacamere  SU PER I COPPI - Via Dei Mulini 21 TEL: +39 3804243956 Affittacamere  CA' DEI LISCI - Via Colombo, 36) TEL: +39-0187.920036 ; FAX: +39 338.8418175 Affittacamere I LIMONI - Via Tracastello 34 TEL: 3496174684 Affittacamere ALLA MARINA - Via San Giacomo 61 TEL: +39 328 0134077 ; FAX: +39 0187 1671140 Affittacamere  ADA - Gramsci, 180 TEL: 0187 920202 - 339 2457351 Bed and Breakfast  IL BOMA - Via Colombo 99 TEL: 0187920395 Bed and Breakfast  CINQUETERRE - Via Colombo 94 TEL: 0187 760073 - 3295336188 ; FAX: 0187 760073 Appartamenti  CASE DI RIO - Via Colombo, 153 TEL: 3338607802 Albergo  LOCANDA DALLA COMPAGNIA - Via Del Santuario 237 TEL: 0187 760050 ; FAX: 0187 920586 Affittacamere EDI DI GIACCIO DOMENICO SNC - Via C.colombo 111 TEL: 0187 920325 ; FAX: 0187 920325 Appartamenti  ADA - Via Colombo, 64 TEL: 0187 920202 - 339 2457351  

16

AFFITTA CAMERE IN TUTTI I PAESI

Pizzeria focacceria IL FRANTOIO - Via Gioberti 1 Tel: 0187 818333 Ristorante IL GAMBERO ROSSO - Piazza Marconi 7 Tel: 0187 812265 fax:  0187 821260 Ristorante CASTAGNETO E VERDUCI  - Via Serra 11 Tel:  0187 812043 Ristorante LA POSADA - Via Alla Stazione 11, 19010 Corniglia (SP) Tel:  0187 821174 Ristorante TRATTORIA DA BILLY Via Rollandi 122, 19010 Manarola (SP) Tel: 0187 920628 Ristorante ARISTIDE Via Discovolo 290, 19010 Manarola (SP) Tel: 0187 920000 Ristorante IL PORTICCIOLO Via Birolli 92, 19010 Manarola (SP) Tel: 0187 920083 fax:  0187 920083 Ristorante MARINA PICCOLA - Via Lo Scalo 16, 19010 Manarola (SP) Tel: 0187 920923 fax:  0187 920966 Ristorante LA LANTERNA Via San Giacomo 46, 19017 Riomaggiore (SP) Tel: 0187 920589 fax:  018724581 Ristorante A PIE' DE MA’ - Via Dell'amore, 19017 Riomaggiore (SP) Tel: 338 2220088 Ristorante CAPPUN MAGRU - Via Piave 128 - Loc Groppo, 19017 Riomaggiore (SP) Tel:  0187 920563 Ristorante CONTROVELACCIO - Via Colombo 237, 19017 Riomaggiore (SP) Tel: 0187 920820-349 8381120 fax:  0187 920185 Ristorante GLI ULIVI - Via Ns.della Salute 114 -Volastra, 19017 Riomaggiore (SP) Tel: 0187 920158 Ristorante IL GROTTINO - Via Colombo 237, 19018 Riomaggiore (SP) Tel:  0187 920938 Ristorante IL SOLE A 180° - Via Litoranea - Bivio Riomaggiore, 19017 Riomaggiore (SP) Tel: 0187 920201 Pizzeria FANTASY - Via Colombo 62, 19017 Riomaggiore (SP) Tel: 0187 920979

17

VINO DELLE CINQUE TERRE E OLIO

copie vendute nel 2013

www.skialper.it  

E poi venne la sera Questa  cena,  con  gli  spagheY  ai  fruY  di  mare,  accompagna>  da  un  bianco  delle  Cinque   Terre   e   gusta>   sbirciando   la   guida   dei   sen>eri,   penso   che   non   me   la   scorderò   tanto   facilmente.  Dopo  una  giornata  di  cammino,  quando  arriva  la  sera  e  mi  siedo  a  tavola  è   sempre   un   momento   tanto   a+eso   quanto   par>colare.   Così   è   stato   quest’estate   sul   sen>ero  del  GTA  e  così  è  stato  questa  sera,  anche  qui  a  Riomaggiore.     Non  ho  voglia  di  tornare  subito  in  camera,  del  resto  sono  solo  passate  da  poco  le  o+o  e   non   riuscirei   ancora   ad   addormentarmi.   Ho   voglia   di   sedermi   sul   molo   e   cercare   di   ascoltare  se  il  mare  ha  qualcosa  da  suggerirmi.   Non  vedo  nulla,  davan>  a  me  c’è  solo  il  buio.  Mi  fa  quasi  paura  perché  sento  le  onde  che   s’infrangono   sugli   scogli   ma   non   riesco   a   capire   quanto   siano   grandi   e   quanto   siano   distan>   da   me.   Il   pensiero   che   parte   di   quest’acqua   possa   arrivare   dalle   mie   amate   montagne   è   sorprendente.   Forse   qualcuna   di   queste   onde   che   sto   ascoltando   è   nata   proprio  da  uno  dei  ghiacciai  sopra  Courmayeur.  Forse,  prima  che  si  trasformasse  in  acqua   salata  l’ho  anche  calpestata  quando  era  ancora  fredda  e  bianca.   Non  è  vero  che  non  mi  piace  il  mare,  lo  adoro.  Direi  che  non  mi  piacciono  i  luoghi  affolla>   ma   questo   vale   anche   per   la   montagna.   Le   Cinque   Terre,   insieme   a   Punta   Chiappa   e   al   Monte  di  Portofino,  sono  alcuni  dei  pos>  che  fanno  costantemente  parte  dei  miei  sogni   ad  occhi  aper>.  Adoro  camminare  per  tu+o  il  giorno  da  solo  e  poi  calarmi  nelle  tradizioni   di   un   luogo   alla   sera.   Ecco   perché   mi   piacciono   molto   le   cinque   terre,   qui   si   respira   un’atmosfera   par>colare   e   camminare   sui   suoi   sen>eri   è   un   auten>co   viaggio   nella   storia.  TuY  quei  pendii  che  ho  a+raversato  oggi,  sapientemente  peYna>  dall’uomo  nel   corso   dei   secoli,   sono   li   solo   per   essere   ammira>.   Quei   mureY   a   secco   perfe+amente   ordina>,   rappresentano   la   tenacia   dell’uomo   e   un   immenso   patrimonio   di   tradizioni   da   custodire   gelosamente.   Questa   sera,   prima   di   ordinare   il   vino,   mi   sono   premurato   di   chiedere   se   provenisse   proprio   da   quelle   vigne.   Volevo   assaporare   tu+o   quello   che   ho   ammirato  con  i  miei  occhi  nel  pomeriggio,  tu+o  quello  che  ho  osservato  a+entamente  al   mio  passo  del  pedone.  Anche  a  tavola  ho  rile+o  a+entamente  quanto  ne  descriveva  la   guida   che   stavo   sfogliando:   “Una   natura   libera,   una   macchia   mediterranea   assolutamente  primaria,  composizione  nella  quale  mille  mosaici  dalle  mille  sfumature  e   vecchie  case  dai  >pici  colori  aggrappate  a  rocce  a  picco  sul  mare  o  posate  su  colline  di   par>colare  e  irta  intensità  giocano  a  toccare  il  cielo  per  portarci  nella  visione  dei  famosi   terrazzamen>,   terra   di   riporto   contenuta   da   muri   faY   di   pietra   a   secco.   An>co   lavoro   dell’uomo   che   si   perde   nella   storia   del   tempo,   un   uomo   abituato   a   convivere   con   i   disagi   del   camminare   per   spostarsi   su   ver>ginose   scogliere   o   ripide   colline   di   cui   ha   dovuto   rubarne  lo  spazio  per  sopravvivere”.   In  questo  inverno  anomalo,  con  il  freddo  ancora  troppo  >mido  per  potersi  impadronire   di   quanto   gli   appar>ene,   il   senso   di   malinconia   che   offre   il   mare   delle   Cinque   Terre   spoglio  di  turis>  è  qualcosa  di  straordinariamente  par>colare.     Penso  che  sia  questo  mio  stato  d’animo,  direi  appagato,  quello  che  mi  sta  raccontando  il   rumore  del  mare  in  questa  splendida  serata  di  fine  gennaio.  Non  lo  conosco  molto  e  non   mi   oserei   mai   affrontarlo   ma   in   questo   momento   lo   sento   comunque   vicino   a   me.   Adesso,  lo  stesso  mare,  mi  fa  anche  meno  paura  di  prima.

n.2

FEBBRAIO  2014  -­‐  DIFFUSIONE  GRATUITA  

OUTDOOR EXPERIENCES

PROSSIMA USCITA

MONTE DI PORTOFINO MADE IN ITALY


N° 1 - Cinque Terre - In formato Sky