Issuu on Google+

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 3

08/04/2009 14.42.1

the little pink book

Bellezza Piccola guida al make-up e ai trattamenti estetici Valentina Grispo Illustrazioni di Lucio Martis

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 1

08/04/2009 14.42.1

A Massimo, mio faro d’amore. A mia madre, che sa capirmi con un uno sguardo e a mia sorella che mi ascolta e mi é amica

Astræa Editrice s.r.l., via Cavallina 6, 40137 Bologna www.astraeaeditrice.it Copyright © 2009 Astræa Editrice Si ringrazia Peter Pauper Press Inc. per la concessione d’uso del progetto grafico della collana

Printed in Hong Kong 123456 2009   2010   2011 ISBN 978-88-95649-18-4

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 2

08/04/2009 14.42.13

the little pink book

Bellezza

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 3

08/04/2009 14.42.1

Sommario Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 I dieci comandamenti Beauty . . . . . . . . . 10 LA BELLEZZA NEI SECOLI . . . . . . . . . . . . 14 LA CURA DEL VISO . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 The Mask . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 TOTAL BODY . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38 Decolleté antigravità . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Glutei up . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43 Braccia di ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 Gambe toniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48 Sos inestetismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50 A casa come in beauty farm . . . . . . . . . . . 57 Vorrei la pelle nera . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 Body & massage . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64 Bellezza senza età . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 guerra ai peli . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75 La depilazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 A prova di tanga . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81 Cinque consigli per una depilazione perfetta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 4

08/04/2009 14.42.13

MANI E PIEDI IN BELLEZZA . . . . . . . . . . 84 A portata di mano . . . . . . . . . . . . . . . . 85 Ai nostri piedi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90 TESTA A POSTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93 Ricci o lisci? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94 i segreti del MAKE-UP . . . . . . . . . . . 102 Gli strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103 I trucchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106 Il futuro è bio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136 EMOZIONI OLFATTIVE . . . . . . . . . . . . . . 142 Profumo: ieri e oggi . . . . . . . . . . . . . . . 143 Profumare al naturale . . . . . . . . . . . . . 147 Profumo di star . . . . . . . . . . . . . . . . . 149 Della bellezza, l’autostima e tutto il resto . . . . . . . . . . . . . 154

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 5

08/04/2009 14.42.1

Introduzione Se la bellezza fosse davvero negli occhi di chi guarda, sarebbe tutto più facile. E invece, affette da una sorta di dismorfismo cronico, davanti allo specchio sfoderiamo tutta la vena ipercritica di cui Madre Natura ci ha fatto dono e… non ci piacciamo. Mai. Prima di introdurci nel meraviglioso mondo beauty, entrando nel vivo di questo manuale di bellezza à porter, è d’obbligo una premessa: la sindrome della strega di Biancaneve non è figlia dei tempi moderni e l’ossessione per l’aspetto esteriore ha radici ataviche. Non è un caso che la prima beauty farm risalga all’epoca romana, che le donne egizie utilizzassero i primi unguenti anti-age e che Cleopatra e Poppea, al tempo dei sesterzi, dovessero la loro candida pelle ai bagni di bellezza nel latte d’asina. Così anche oggi, un po’ per esigenza, un po’ per mera vanità, noi, con6

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 6

08/04/2009 14.42.13

dannate alla bellezza, impieghiamo la maggior parte della nostra esistenza, dall’adolescenza alla vecchiaia, alla ricerca di cosmetici, trattamenti e rimedi di ultima generazione, che possano migliorare la nostra immagine. Più per piacersi che per piacere agli altri. Poco importa se una schiera di adulatori è pronta a smentirci e rassicurarci, a nulla valgono sondaggi e inchieste che documentano quanto l’uomo sia poco attento alla cellulite e ignori bellamente le nostre defaillance fisiche: siamo noi a dichiarare guerra all’inestetismo, a seguire ciecamente le tendenze del makeup, a sottoporci a massaggi drenanti, pulizie del viso estreme e depilazioni dolorose, mosse dall’innata voglia di perfezione, certe di sapere valorizzare i nostri punti forti ed esorcizzare quelli deboli. A scanso di equivoci, bisogna però partire da un assunto fondamentale: ogni donna, giovane o matura che sia, è un

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 7

7

08/04/2009 14.42.1

universo a sé, con le sue caratteristiche psicologiche e somatiche, con le sue esigenze e i suoi desideri. Impensabile standardizzare i canoni e uniformare lo stile a uno stereotipo: la forma delle sopracciglia, il rossetto più adatto alle labbra e persino la nuance dello smalto, prescindono dai diktat modaioli e dalle tendenze imposte da visagisti e guru d’immagine, e rappresentano la personalità di ciascuna da esprimere in maniera assolutamente individuale. Parafrasando Proust “La donna a cui cerchi di assomigliare non esiste, ma esisti tu e sei bellissima”. Questo Little Pink Book della Bellezza vi permetterà di avere sempre a portata di mano il consiglio utile, la dritta easy o il rimedio della nonna che possa riuscire a valorizzare i nostri aspetti migliori, minimizzare i difetti e sfatare il vecchio adagio per cui chi bella vuole apparire un po’ deve soffrire. Perché la bellezza è soprattutto benessere, per il corpo e per 8

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 8

08/04/2009 14.42.14

la mente. Gustatevi questa guida pratica ed essenziale per imparare a barcamenarvi tra gommage, maschere purificanti, manicure e a non drammatizzare di fronte a un brufolo inopportuno o a una nuova smagliatura. Essere belle è una missione e il trucco c’è, ma non si vede. Sempre che qualcuno non vada a frugare nel nostro straripante beauty case…

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 9

9

08/04/2009 14.42.1

I dieci comandamenti Beauty 1. Non avrai altro coiffeur al di fuori di me. Il parrucchiere perfetto esiste, basta trovarlo. Ma tradirlo con pieghe fugaci dettate dai tempi di un lavoro full-time, lo farà infuriare. Rinunceresti al lavoro delle sue sapienti mani, per il capriccio di un pomeriggio?

2. Non nominare il nome di Shu Uemura invano. Il make-up artist per antonomasia, è lui che ha inventato il rivoluzionario trucco design, concepito come espressione artistica. Truccatore di fiducia di molte star di Hollywood e fondatore della marca di cosmetici che prende il suo nome.

10

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 10

3. Ricordati di rispettare la beauty routine quotidiana: Detersioneesfoliazione-idratazione – queste le parole chiave – e, almeno una volta a

08/04/2009 14.42.15

settimana, prevedi una manicure, una pedicure, un impacco ristrutturante per i capelli e un bagno relax.

4. Onora l’estetista e la visagista. Peli superflui e impurità, con loro hanno le ore contate. Nella tua agenda fitta di impegni, inserisci ogni mese un appuntamento presso il tuo centro di bellezza di fiducia, fa bene al corpo e all’autostima. 5. Non poltrire. L’applicazione costante di creme e cosmetici non basta, l’attività fisica è fondamentale per mantenere un corpo tonico e sodo. E se non hai tempo per andare in palestra, cammina almeno 30 minuti al giorno e usa le scale, anziché l’ascensore.

6. Non ridere dei difetti altrui. Cellulite, brufoli, rughe, smagliature sono inestetismi comuni che affliggono gran parte del genere femminile e che possono manifestarsi senza preavviso. Cosa faresti se fossero un problema tuo?

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 11

11

08/04/2009 14.42.1

7. Non eccedere con il profumo. Primo perché è volgare, e poi perché una ricerca condotta dall’università di Tel Aviv, abbina depressione e profumo. Sembra infatti che questa patologia induca una diminuzione del potere olfattivo; se ne deduce che le donne che si spruzzano troppo profumo potrebbero essere depresse.

8. Non dire falsa testimonianza. Se per caso un’amica ti chiede il segreto della tua pelle di porcellana, non dire che è merito di Madre Natura, rivelale il nome del tuo fondotinta. La condivisione, in ambito beauty, è fondamentale e stai certa che anche lei snocciolerà preziosi segreti di bellezza.

9. Non dimenticare di bere almeno due litri d’acqua al giorno. Non è facile, d’accordo, ma l’effetto diuretico aiuta a combattere la ritenzione idrica, che causa gonfiore, e favorisce la depurazione dell’organismo. E i risultati sono subito visibili. 12

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 12

08/04/2009 14.42.16

10. Non desiderare la bellezza d’altre. Ogni donna è bella a suo modo, ed è qualcosa che prescinde dalla taglia, dal decolleté più o meno prosperoso o dalla lunghezza delle gambe. Volersi bene e valorizzarsi, questo è il comandamento fondamentale.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 13

13

08/04/2009 14.42.1

i segreti del make-up

La bellezza serve alle donne per essere amate dagli uomini. La stupiditĂ  per potere amare gli uomini Coco Chanel

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 102

08/04/2009 14.42.48

Gli strumenti Per addentrarsi nel meraviglioso mondo del make-up e imparare i trucchi per valorizzare i pregi e minimizzare i difetti del proprio viso, è bene conoscere gli attrezzi del mestiere. Pennelli, sfumini, spugnette, ma anche fard, ombretti, blush: non serve essere esperti visagisti per sapersi destreggiare, ma è fondamentale sapere che un buon trucco parte proprio dalla scelta degli strumenti e dei cosmetici giusti, e dalla capacità di saperli usare nel migliore dei modi. Grandi, piccoli, con la punta paffuta o sottilissima, sono gli alleati più preziosi per stendere le polveri, giocando con le sfumature. I migliori sono quelli di martora, ma in commercio si trovano anche di setole di pony, capra e fibre sintetiche. I più grandi sono utili per viso e decolleté, per stendere facilmente terre e fard sempre con movimento ascendente

Pennelli.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 103

103

08/04/2009 14.42.4

e rotatorio. Più piccoli quelli per gli occhi, per sfumare gli ombretti sulla palpebra superiore e alleggerire le ombreggiature, mentre quelli a lingua di gatto calibrano l’intensità del colore. I pennellini da labbra servono invece a stendere il rossetto, partendo dall’interno e restando entro il tratto della matita. Le più diffuse sono in poliuretano schiumato, le migliori sono in lattice. Servono a stendere uniformemente il fondotinta. Si lavano periodicamente con sapone neutro.

Spugne.

Utili per distribuire uniformemente la cipria, un tempo erano realizzati in velluto; oggi sono più comuni (ed economiche) le versioni sintetiche.

Piumini.

Piegaciglia. Quelli del make-up artist Shu Uemura sono un must. Il piegaciglia che all’apparenza è simile a uno strumento di tortura, serve ad accentuare la naturale curvatura delle ciglia. Attenzione però a non esagerare, il rischio è quello di indebolirle o di spezzarle.

104

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 104

08/04/2009 14.42.48

La funzione del pettinino è quella di separare le ciglia che tendono ad attaccarsi tra loro dopo l’applicazione del mascara, ma anche quella di risistemare la forma delle sopracciglia arruffate.

Pettinino.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 105

105

08/04/2009 14.42.4

I trucchi Se il vostro beauty case è provvisto di quanto elencato, la seconda fase è quella dei prodotti. Ciascuna pelle ha le proprie esigenze, per questo la scelta dei trucchi base deve essere attentamente ponderata. Fondotinta

La scelta del fondotinta non è dettata infatti da mode e tendenze, ma esclusivamente dal tipo di pelle. Prima di perdersi tra le innumerevoli proposte che offre il mercato del make-up, è fondamentale un’attenta analisi allo specchio. Il fondotinta fluido è quello più indicato perché regala un effetto trasparente e non appesantisce.

Pelle normale.

Pelle grassa. Per combattere l’effetto lucido il fondotinta più adatto è senza dubbio quel-

106

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 106

08/04/2009 14.42.49

lo compatto in polvere idrosolubile, che dona un effetto coprente senza soffocare la pelle. Ideale un prodotto cremoso che, oltre a rendere omogeneo il make-up, contribuirà a idratare la pelle donando lucentezza. Pelle secca.

Non siamo tutte uguali e per ciascun tipo di carnagione esiste il fondotinta più indicato. In profumeria è importante provare i tester alla luce naturale: l’illuminazione artificiale, specie quella al neon, è cattiva consigliera, poiché altera i pigmenti e ci si potrebbe ritrovare ad acquistare un prodotto troppo diverso dal proprio colore naturale. Ricorda: il fondotinta non deve colorarti, ma ha la funzione principale di uniformare il colorito. Per scegliere il tono più vicino alla propria carnagione è consigliabile stendere una piccola quantità di prodotto sull’interno dell’avambraccio dove la pelle è più simile a quella del viso: se si uniforma al

A ciascuno il suo.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 107

107

08/04/2009 14.42.4

colore della propria pelle, è quella la nuance giusta! Per far risaltare il colorito naturale, le tonalità più adatte variano dal rosa tenue al pesca.

Pelle chiara.

Se hai la fortuna di un colorito abbronzato tutto l’anno, opta per i toni caldi dell’ambra. Pelle scura.

Per mantenere la carnagione mediterranea, scegli un fondotinta mezzo tono più chiaro che regala un effetto naturale e compatto. Pelle olivastra.

La regola principale prima di applicare il fondotinta è l’idratazione del viso con una buona crema fluida. Nell’applicazione del prodotto si possono usare i polpastrelli picchettando il viso, o servirsi di una spugnetta, specialmente per quelli compatti. Il fondotinta deve essere steso partendo dal centro del viso Come applicarlo.

108

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 108

08/04/2009 14.42.50

verso l’esterno e mai viceversa con movimenti rotatori, affinché si distribuisca sulla pelle in modo omogeneo. Per garantire una maggiore tenuta e opacizzare la pelle si può tamponare il viso con una leggera cipria.

Tre errori da evitare Mai esagerare con le quantità, il fondotinta deve essere applicato in piccole dosi. Il rischio è quello di lasciare sbavature su cappotti e candidi colletti di camicie. Quando si stende il fondotinta, mai dimenticare di sfumarlo sul collo per evitare l’inestetico “stacco”. Se non hai avuto il tempo per la ceretta labiale, evita di stendere il fondotinta in quella zona, non faresti che evidenziare la peluria.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 109

109

08/04/2009 14.42.5

Mascara

Di tempo ne è passato dalla creazione del primo mascara e oggi anche il viso stile acqua e sapone, adatto giusto alle teenager, non fa a meno di quel tocco di civetteria frivolo e irresistibile. Basta determinare la propria priorità e optare per quello più adatto: miracolosi prodotti allunganti, rinforzanti e infoltenti, impalpabili microsfere, mix di cere vegetali e speciali resine sono il segreto di ciglia naturalmente curvate e ben separate. Prodotti ad alta tecnologia arricchiti da vitamine dall’effetto curativo le rendono più corpose ed elastiche, mentre quelli waterproof scongiurano il tanto odiato effetto “panda” a fine giornata, sono adatti a chi fa sport e non tradiscono chi è sensibile alle emozioni forti. Queste e molte altre le virtù del mascara, impareggiabile arma di conquista femminile che sullo strategico battito di ciglia ha fondato anni e anni di storia del corteggiamento da parte di ogni donna. 110

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 110

08/04/2009 14.42.50

Le nuance, insegnano i make-up artist, si scelgono in base alle occasioni: il colore perfetto per il giorno è il marrone, mentre per la sera il protagonista è sempre e comunque il nero. I colori più originali come il rosa, il verde smeraldo o il blu elettrico sono invece adatti alle più giovani anticonformiste. Ciglia ben separate e definite aggiungono un tocco di fascino in più e catalizzano l’attenzione sullo sguardo, rendendolo profondo e irresistibile, ma ogni occhio ha esigenze diverse. Ecco qualche consiglio per stendere il mascara in modo strategico, camuffare i piccoli difetti ed esaltare le qualità dei tuoi occhi.

Come lo metto?

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 111

111

08/04/2009 14.42.5

Se i tuoi occhi sono… Applica il mascara a più riprese, poco alla volta, e insisti sulle radici per dare profondità allo sguardo; stendi solo un velo sulle punte. Sporgenti.

Dopo averle pettinate, trucca le ciglia soprattutto all’esterno, curvandole con cura in modo da scoprire completamente l’angolo e rendere l’occhio più allungato. Ravvicinati.

Per avvicinare otticamente occhi troppo distanziati applica il mascara soprattutto sulle ciglia interne. Distanti.

Per dare risalto a occhi infossati e valorizzarli con il make-up, le ciglia devono essere molto piegate e ben truccate. Aiutati con un piegaciglia ed evita di truccare le ciglia inferiori. Infossati.

112

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 112

08/04/2009 14.42.51

Correttore e Copriocchiaie

L’arte del camouflage consiste nel saper minimizzare i difetti: gli alleati principali del maquillage sono prodotti in stick o in crema capaci di coprire ogni sorta di imperfezione, dai brufoletti alle piccole cicatrici. È importante, dopo aver steso una minima quantità di prodotto, opacizzare la parte con un leggero strato di cipria. Se il problema sono le occhiaie, per nasconderle e schiarire le evidenti ombre scure sotto le palpebre, è utile ricorrere a un prodotto dalla nuance arancio che servirà per contrastare il colore bluastro. Scegliete in base alle proprie esigenze: in caso di pelle secca va utilizzato un correttore fluido, in caso di pelle grassa si deve invece ricorrere a un correttore cremoso o in stick. Per un effetto ottimale e duraturo, il correttore deve essere applicato a piccoli tocchi partendo dall’angolo interno dell’occhio, lungo

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 113

113

08/04/2009 14.42.5

Sopracciglia ad arte Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, le sopracciglia ne sono la cornice. Indicano sentimenti e stati d’animo a seconda dell’atteggiamento che assumono, che sia di rabbia, di sorpresa, di paura. E strano a dirsi, anche loro seguono le mode, adattandosi a epoche e stili: sottili e arcuate negli anni Trenta, folte a dismisura negli anni Ottanta. È tuttavia fondamentale intervenire armate di pinzetta, senza alterarne la natura e modificare eccessivamente l’arco. Le sopracciglia più adatte sono sottili e lunghe. Basta separarle alla radice (dove finisce l’attaccatura del naso) e allungarle verso le tempie. Con due dita, solleva la pelle in modo da non sentire dolore e libera la parte superiore della palpebra. Servirà ad “aprire” lo sguardo e a dare all’occhio maggiore espressività. Ricorda: mai toccare la parte superiore!

Viso ovale e allungato.

114

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 114

08/04/2009 14.42.52

Le sopracciglia ad ali di gabbiano sono le più indicate, con l’angolo rialzato e il limite esterno che scende a incorniciare la parte superiore dell’occhio. La forma dovrà risultare più “piena” nella sua parte interna, e più sottile man mano che si avvicina all’esterno. Se le tue sopracciglia non sono abbastanza folte puoi “riempirle” utilizzando una browliner, una matita a punta morbida per disegnare dove serve.

Viso rotondo.

Le sopracciglia folte ammorbidiscono i tratti, purché siano sfoltite e rialzate negli angoli esterni. Pena lo sguardo da cane bastonato che non dona a nessuno. Il momento migliore per modellare le sopracciglia, soprattutto se hai una carnagione molto chiara è di sera, prima di andare a dormire: in questo modo gli eventuali arrossamenti che dovessero comparire andranno via prima del mattino successivo.

Viso quadrato.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 115

115

08/04/2009 14.42.5

la linea dell’occhiaia, evitando di applicare il correttore su tutto il contorno occhi che non farebbe che evidenziare l’inestetismo. Cipria

Il suo compito è principalmente quello di fissare il make-up e donare all’incarnato un effetto omogeneo. Ne esistono in polvere e compatte: hanno il pregio di opacizzare la pelle e garantire una maggior tenuta del make-up, grazie alla presenza di una percentuale cremosa nella composizione. Si applica con un piumino, badando a sfumare l’eccesso con una velina per evitare di ostruire i pori della pelle e per scongiurare l’effetto “mascherone”. Fard e blush

Svolgono entrambi un duplice ruolo: ravvivano il colorito e scolpiscono i lineamenti. Per evitare di imbattersi nell’effet116

RAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 116

08/04/2009 14.42.53

to Heidi dalle rosse gote, è consigliabile applicarlo facendo scivolare di piatto il pennello senza la minima pressione ma con piccoli movimenti rotatori. Per dare profondità si utilizza un colore più scuro dell’incarnato, appoggiando prima la punta del pennello sull’area da intensificare e poi sfumando i contorni con il lato più piatto. Terra

È un prodotto stagionale, compare magicamente nei nostri beautycase in estate e ci accompagna per tutti i mesi caldi: è una polvere colorata che enfatizza l’abbronzatura rendendo l’incarnato dorato senza soffocare la pelle. È bene stenderla partendo dal centro del viso verso l’esterno, senza trascurare collo e decolleté.

ASTRAEA_TLPB_BELLEZZA_step_apostrofo.indd 117

117

08/04/2009 14.42.5


Little Pink Book Bellezza